User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    71,202
    Mentioned
    1232 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Paolo Robotti (1901-1982) il cognato "sfortunato" di Togliatti

    Nato in provincia di Alessandria da una famiglia operaia, si trasferì coi genitori a Torino nel 1913 dove, al termine del periodo scolastico, svolse lo stesso mestiere del padre. A sedici anni si iscrisse al PSI venendo nominato segretario del comitato regionale della Federazione Giovanile Socialista; sempre nel 1917 fu assunto alle Officine ferroviarie, ma venne licenziato pochi mesi dopo per aver partecipato ad uno sciopero generale e trovò lavoro presso la Camera del Lavoro.

    Arruolato nell'esercito nel 1920 e stanziato prima a Merano e poi in Libia, aderì poco dopo al Partito Comunista d'Italia e venne condannato a otto mesi di carcere per propaganda comunista tra i commilitoni. Uscito di galera, sfuggì fortunosamente alla strage di Torino e ricostruì la sezione del partito di Gramsci nel capoluogo piemontese; tuttavia, sentitosi in pericolo di vita e colpito da un mandato di cattura, si recò in esilio volontario in Francia nel 1923 insieme alla moglie Elena Montagnana (sorella di Rita e cognata, così come Robotti stesso, di Palmiro Togliatti).

    Mentre si trovava a Lione venne contattato da una cooperativa sovietica che gli offrì un posto di lavoro a Genova: sentendosi sufficientemente protetto dal nuovo mestiere, tornò in Italia nel 1925 ma venne lo stesso arrestato e condannato a due anni di carcere per attività sovversiva e rinchiuso nel carcere di Marassi. Nel 1928 andò in Svizzera, poi si recò a Parigi e successivamente in Belgio dove lavorò come giornalista per una testata legata al Partito Comunista Belga, Il Riscatto; ritornò in Francia nel 1930 e dopo un altro periodo in galera, sempre per reati ideologici, emigrò in Unione Sovietica.

    A Mosca venne nominato presidente della sezione italiana e poi di quella internazionale del Club degli emigrati politici di Mosca, lavorò come operaio in un'officina e nel 1933 prese la cittadinanza sovietica ma nel 1938 fu arrestato improvvisamente dai sovietici e rinchiuso nel carcere della Lubianka (fino al 1941, quando fu “riabilitato” e lavorò in fabbrica, organizzando il trasferimento di uomini e macchinari in Siberia). Il 9 marzo, alle tre di notte, suonarono alla porta della casa in cui stava con la moglie, entrarono un ufficiale sovietico e un soldato armato, esibendo un mandato di arresto e perquisizione. Lo portarono alla Lubianka, non gli fecero imboccare le scale per salire negli uffici, ma quelle che portavano nei sotterranei. Entrò in una cella, già piena. A mezzogiorno fu chiamato, si aspettava un interrogatorio, invece fu fatto salire su un furgone già stipato di altri arrestati: tutti “compagni” come lui, tutti sbalorditi. Scoprì che cos’era la “troika”: composta dai cekisti (Ceka, la polizia politica che poi divenne il Kgb), doveva giudicare sommariamente i delitti di controrivoluzione.

    Nella camerata gli “inquilini” erano soprattutto sovietici ma c’erano anche molti ungheresi, coreani, cinesi, lettoni, tedeschi, bulgari, iugoslavi. Eravamo tutti –ha ricordato Robotti- incriminati in base all’art.58 (reato di propaganda controrivoluzionaria). E decise di respingere tutte le accuse, facendo resistenza, pur sapendo che il dichiararsi comunista poteva costituire una aggravante. Poi venne il gulag, per i lavori forzati. Norilsk era il gulag: a 320 km a nord del circolo polare artico. I prigionieri dovevano estrarre il nichel: dai 20-30mila dei primi anni divennero 100-140mila dopo il 1950. Turni di lavoro di 12 ore anche nella bufera, con soli 10 minuti di pausa per scaldarsi le mani. Se non venivano rispettati i ritmi di produzione e le quote fissate dai capi, scattava la fucilazione, e la media era di 30 esecuzioni al giorno. Di notte, per la fame, Robotti ricorda che si alzava per acchiappare i topi della baracca, e cucinarli di nascosto in un barattolo.

    Alla fine della guerra il Norisk Nichel è diventato un maxicomplesso minerario-siderurgico che ha detenuto per anni il primato assoluto della produzione di nichel nel mondo, senza contare il 58% del rame estratto in Russia, l’80% del cobalto, il 100% del platino. Era, ed è tutt’ora, il Klondike della Siberia, e non è mai mancata la mano d’opera. Anche se alle donne si consigliava di andare a partorire altrove, se volevano bimbi sani. E il vicesindaco Natalia Lylina, una bella ed elegante signora, alcuni anni fa ha spiegato a un famoso giornalista (Ettore Mo, del Corriere della Sera) che tra gli ergastolani di Stalin c’erano artisti, scrittori, musicisti, architetti, ed evidentemente “ hanno inoculato in noi questo germe culturale. Così oggi in città abbiamo teatri, scuole di danza, auditorium, scuole di musica”. Proprio dove morirono più di 2 milioni di deportati.

    Paolo Robotti riuscì a rientrare in Italia nel 1947, perché aveva partecipato alla difesa di Mosca durante l’invasione nazista. Nonostante tutto, rimase comunista, “ma italiano”, diceva
    dove ricevette vari incarichi dal Partito Comunista Italiano: tra il luglio del 1948 ed il novembre del 1949 fu vicesegretario regionale del PCI insieme a Girolamo Li Causi, nel 1950 divenne viceresponsabile della commissione centrale stampa e propaganda diretta da Gian Carlo Pajetta, nel 1955 venne nominato viceresponsabile della sezione esteri del PCI e nel 1956 fu incluso nella commissione preparatoria del nuovo progetto di statuto del partito, in vista dell'VIII Congresso.

    Dopo la morte del cognato Togliatti (1964), si dedicò più alla scrittura che all'attività politica, pubblicato vari articoli su L'Unità e Rinascita e scrivendo tre libri, in gran parte autobiografici: La prova (1965, sull'esperienza in Unione Sovietica), Il gigante ha cinquant'anni (1973, sulla storia dell'URSS) e Scelto dalla vita (1980, sui principali avvenimenti della sua esistenza)


    https://www.remocontro.it/2016/05/14...paolo-robotti/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    71,202
    Mentioned
    1232 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: Paolo Robotti (1901-1982) il cognato "sfortunato" di Togliatti

    interessante questo improvviso attacco di paranoia di Stalin nel 1937-1938 durante il quale milioni di persone finirono in galera, in internamento in Siberia e in alcuni casi finirono fucilati dopo avere dovuto firmare dichiarazioni di deviazonismo trotzkista

    chi ne usci' vivo come il cognato di Togliatti Robotti, rimase nel mondo comunista perchè anche senza dirlo apertamente, per loro Stalin sbagliava ed era un paranoico ed esisteva un comunismo italiano che era tutt'altra cosa e che non dipendeva dai rigidissimi piani quinquennali staliniani

    Togliatti non poté o non volle aiutare suo cognato dal gulag che comunque per fortuna salvo' la pelle e fini' graziato grazie allo scoppio della guerra in cui divenne utile nel trasferimento delle fabbriche dalla Russia occidentale alla Siberia

    comunque uno spezzato di storia interessante che sto studiando in questo momento con diverse letture

    Robotti potè rientrare in Italia nel 1947 e fu molto fortunato rispetto a molti altri

 

 

Discussioni Simili

  1. Bobbio: "Non basta il governo degli onesti" (1981)
    Di Frescobaldi nel forum Repubblicani, Socialdemocratici, Progressisti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-08-18, 22:49
  2. Paolo Robotti - La prova
    Di miro- nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09-04-14, 20:55
  3. Monti :"gli italiani...un popolo sfortunato...."
    Di cyclismo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-07-12, 14:12
  4. "Niente parassiti in Futuro e Libertà"... ma Fini pensa a suo cognato?
    Di 100% Antikomunista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-10-10, 18:53
  5. Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 18-08-10, 00:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226