User Tag List

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 22

Discussione: Van Gogh

  1. #11
    Cancellato/a
    Data Registrazione
    28 Jul 2010
    Messaggi
    46,537
     Likes dati
    16,535
     Like avuti
    29,716
    Mentioned
    1578 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Van Gogh

    Citazione Originariamente Scritto da Blue Visualizza Messaggio
    Non vorrei dover andare in Sierra Leone per provare la sindrome di Stendhal almeno una volta nella vita...
    Comunque, non è chiara la ragione per cui si manifesta in certi individui e in altri no, se non che - alla vista di una un'opera d'arte o di architettura - nel cervello si attivano determinati meccanismi neurobiologici che la provocano.
    Adesso la Sierra Leone è un posto tranquillo... anche se resta sempre un paese di merda.

  2. #12
    Color d'oriental zaffiro
    Data Registrazione
    05 Oct 2004
    Messaggi
    4,629
     Likes dati
    1,576
     Like avuti
    1,866
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Van Gogh

    A piedi, da Cuesmes a Courrières: Vincent van Gogh in cerca di un frammento di infinito

    Partì nel marzo 1880 da un piccolo paese belga della Vallonia per andare nel dipartimento del Passo di Calais in Francia. A ventisette anni aveva già vissuto un’infinità di vite. Agli occhi di molti appariva già come un terreno inaridito. Andava a cercare un pittore che riteneva un maestro. Non ebbe il coraggio di incontrarlo, ma riuscì a trovare molto altro.

    di Federico Pace*


    Era marzo. Faceva freddo, era ancora inverno, ma all’aria aperta, era certo, avrebbe trovato un po' di ristoro. Vincent van Gogh aveva ventisette anni e viveva, quasi da rifugiato, a Cuesmes, nella periferia di Mons, nel Borinage, la regione della Vallonia, in Belgio. Stava in una piccola casa al numero 3 di Rue du Pavillon. Decise di mettersi in viaggio per andare a incontrare il pittore Jules Breton. L'artista francese, allora più che cinquantenne, abitava a Courrières, un piccolo villaggio nel Pas-de-Calais, in Francia. Vincent lo ammirava così tanto che nelle lettere al fratello lo indicava quasi sempre tra i grandi. Lo aveva conosciuto a Parigi cinque anni prima, nel maggio del 1875. Al fratello, quando Vincent gli raccontò di quell'incontro che fu per lui un vero e proprio evento, descrisse il meraviglioso dipinto che aveva visto alla mostra dedicata a Camille Corot, La fête de la Saint-Jean, l'opera di Breton in cui delle ragazze ballano in un pomeriggio d’estate...




    Jules Breton, La fête de la Saint-Jean, 1875,
    Filadelfia, Museo dei Belle Arti


    Quell’inverno Vincent non aveva più scritto al fratello, nessuno sapeva più niente di lui. Durante l'estate del 1879 aveva chiesto dei colori ad acqua a Hermanus Gijsbertus Tersteeg, il responsabile della galleria della casa d'arte Goupil dove Vincent aveva lavorato insieme a Theo quando, più giovane, vi era entrato con grande entusiasmo per fare pratica. Poi, dopo quella lettera, niente più.

    In tasca aveva solo dieci franchi. Attraverso quel viaggio voleva uscire dalla gabbia che si stava costruendo da solo. Prese prima un treno. Poi cominciò a camminare. I dieci franchi servirono a poco. Presto finì tutto quello che aveva. Certo, l'intenzione era di andare a Courrières. Andare a trovare Jules Breton. Ma era partito anche per cercare un po' di lavoro. Qualsiasi tipo di lavoro. Non passò per le strade, ma preferì attraversare i campi. Il viaggio, in quel primo tratto, fu anche cammino e spossatezza. "Per tutta una settimana", raccontò al fratello, "ho dovuto macinare strada con molta fatica".

    I luoghi che attraversò fanno parte del parco naturale dello Scarpe-Escaut. Un luogo dove chiunque va a piedi. Le valli alluvionali. I campi agricoli. I corpi maestosi delle mucche. I silenzi. Quello di Vincent non era un andare dritto, ma un avvicinarsi lento, zigzagante. Altrove avrebbe scritto che non bisogna avere fretta, neanche in pittura, perche non si può fare subito quello che si vuole, perché "si progredisce a poco a poco". Quel suo modo di procedere, però, quell'avvicinarsi, era come se allo stesso tempo lo allontanasse dalla meta che si era prefissato. Con sé aveva portato dei disegni che diede via per qualche crosta di pane. Più si approssimava a Courrières, piu si allontanava da Breton. Qualche volta trovava un po' di riparo. Una notte si fermò a dormire in una carrozza abbandonata, un'altra si accontentò di un mucchio di fascine, un'altra ancora dormì in un pagliaio.

    Si avvicinava sempre meno ai centri abitati, alle case. Trascorse le ultime notti in piena campagna. Di giorno camminava senza sosta e ormai quasi senza destinazione. Cominciava a osservare, a vedere, quello che ammirava dei quadri di Breton. Ciò che lo affascinava delle sue opere prendeva vita davanti ai suoi occhi. Ogni cosa gli chiedeva attenzione e compassione. I pagliai, la gleba bruna, la terra di marna che aveva quasi il colore del caffè, le chiazze biancastre di roccia sedimentaria che sbucavano tra la terra. Ne rimase stupito, lui che era abituato a terreni molto più scuri. Era questo che colpiva il pittore: ciò che gli altri non riuscivano a vedere.

    All'aria aperta prese a osservare la luce, alla ricerca disperata di un frammento d'infinito. Fu affascinato dalle fattorie e dai capannoni che conservavano il "tetto di stoppie muschiose". Rimase qualche ora a fissare le figure dei contadini, dei vangatori e dei legnaioli. Smise quasi di camminare. Era già arrivato, senza ancora saperlo. Il villaggio dei tessitori. Guardò i garzoni che guidavano i carri, seguì incantato "le figurine di donna con la cuffia bianca". All'aria aperta cercava la luce. Trovava i colori, quei colori che rapiscono e catturano, che rendono febbrile e viva la tela dei suoi quadri, più ancora della natura stessa. A ventisette anni aveva già vissuto un'infinità di vite. Agli occhi di molti appariva già come un terreno inaridito. Lui cercava di fuggire dalle scelte compiute che, come una rete, lo avevano intrappolato. Aveva sempre inseguito un frammento d'infinito.

    I piccoli borghi. Saint-Amand-les-Eaux, Millonfosse, Sars-et-Rosières. Anche il cielo appariva diverso, molto piu limpido di quello "fumoso e carico di brume" che lo assediava nel Borinage. In alto, con lo sguardo, inseguì il movimento degli stormi di corvi. Cominciava a sedimentarsi già molto di quello che sarebbe germinato negli anni a venire. Il filtro del suo cuore. L'esaltazione di ciò che vedeva, le figure che cominciavano a definirsi, a prendere un posto nella mente. Dopo quel lungo camminare e quegli svelamenti, quando si avvicinò allo studio di Jules Breton, Vincent non ebbe il coraggio di fare l'ultimo passo. Non riuscì a trovare lo slancio, il desiderio, la curiosità di bussare e lasciare che il volto di quell'uomo, di sua moglie o di una delle figlie, lo accogliesse con un saluto.

    Così Vincent decise di tornare indietro verso Cuesmes. Ma prima di rientrare, attraversando i campi e rimettendo in moto il cuore, lo sguardo e la curiosità, notò un ritratto di Jules Breton nella vetrina di un fotografo. Lo sguardo fiero, il volto forte. Quanto orgoglio c'era in quell'uomo ormai così famoso e acclamato. Quanta differenza con il proprio volto, con il proprio sguardo. Si fermò in una piccola chiesa e al buio scovò una copia di un Tiziano. Allora cominciò il rientro. Nonostante tutto. Ancora a piedi, ancora qualche riparo di fortuna. La malinconia del giovane pittore che avrebbe avuto solo altri dieci anni per fare tutto quello che gli rimaneva da fare e che non immaginava neppure quanto poco, e quanto in fondo molto, sarebbero stati quei dieci anni. In quel viaggio aveva trovato la miseria. Ma proprio in quella miseria van Gogh, solitario e geniale, ritrovò la forza, quel frammento d'infinito che gli fece scrivere al fratello: "Nonostante tutto ritornerò ancora a galla, riprenderò la matita che ho abbandonato nel mio grande scoraggiamento, mi rimetterò a disegnare".


    (*Federico Pace è autore del libro Controvento, storie e viaggi che cambiano la vita, Einaudi)



    Fonte

  3. #13
    Cancellato/a
    Data Registrazione
    28 Jul 2010
    Messaggi
    46,537
     Likes dati
    16,535
     Like avuti
    29,716
    Mentioned
    1578 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Van Gogh

    @Blue sono a pranzo in una bettola (finalmente seduto con le gambe sotto ad un tavolo) che ho trovato per caso... e chi trovo appeso al muro??? il mio vecchio amico... una piacevolissima sorpresa.... buon appetito.







  4. #14
    Color d'oriental zaffiro
    Data Registrazione
    05 Oct 2004
    Messaggi
    4,629
     Likes dati
    1,576
     Like avuti
    1,866
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Van Gogh

    Questo non è un caso, Triangolo... è un vero e proprio messaggio in codice!

  5. #15
    Cancellato/a
    Data Registrazione
    28 Jul 2010
    Messaggi
    46,537
     Likes dati
    16,535
     Like avuti
    29,716
    Mentioned
    1578 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Van Gogh

    Citazione Originariamente Scritto da Blue Visualizza Messaggio
    Questo non è un caso, Triangolo... è un vero e proprio messaggio in codice!
    ....che non ho decifrato... ma rivedere il mio vecchio amico mi ha messo di buon umore.

  6. #16
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Aug 2013
    Messaggi
    51,079
     Likes dati
    80
     Like avuti
    13,883
    Mentioned
    408 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Van Gogh

    la sindrome di Stendhal: ho avuto la fortuna di provarla due volte.
    la prima davanti al teatro greco di Siracusa, visto in circostanze particolarmente favorevoli; la seconda davanti al Cristo di Velazquez al Prado.

  7. #17
    Color d'oriental zaffiro
    Data Registrazione
    05 Oct 2004
    Messaggi
    4,629
     Likes dati
    1,576
     Like avuti
    1,866
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Van Gogh

    Citazione Originariamente Scritto da standing bull Visualizza Messaggio
    la sindrome di Stendhal: ho avuto la fortuna di provarla due volte.
    la prima davanti al teatro greco di Siracusa, visto in circostanze particolarmente favorevoli; la seconda davanti al Cristo di Velazquez al Prado.
    Anche tu... fortunello!
    Parlando del museo del Prado, mi hai fatto venire in mente che una volta credo di esserci andata vicino... non al Prado, ma al provare la sindrome di Stendhal. All'inizio degli anni Ottanta ho passato un Natale in Spagna e sono andata al Prado. Il generalissimo era morto da pochi anni (nel 1975) e la Guernica di Picasso era appena tornata in patria, per cui l'avevano esposta al Prado per festeggiarne il rientro.

    All'epoca ero totalmente digiuna di arte, né sapevo nulla di questo quadro e della sua storia; quindi, prima di andarlo a vedere mi sono letta un po' di cose al riguardo. E quando me lo sono trovato davanti - enorme, imponente, drammatico - ne sono rimasta abbastanza sconvolta. Ho cominciato a sudare, ricordo, e sono stata davanti a quel quadro per almeno mezz'ora, a bocca aperta, guardandolo pezzetto per pezzetto. Mai nessun'altra opera d'arte mi ha fatto un effetto simile.

  8. #18
    Demiurgo di Neologismi
    Data Registrazione
    19 Aug 2012
    Località
    Nebulosa Montetorsolo di Sopra
    Messaggi
    651
     Likes dati
    1,107
     Like avuti
    209
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Van Gogh

    in una bettola a Chivasso, oltre la sindrome di Stendhal, mi è venuta la gastrite


  9. #19
    adulto e mezzo VACCINATO
    Data Registrazione
    25 Nov 2019
    Messaggi
    4,994
     Likes dati
    5
     Like avuti
    2,169
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Van Gogh

    Citazione Originariamente Scritto da zipgong Visualizza Messaggio
    in una bettola a Chivasso, oltre la sindrome di Stendhal, mi è venuta la gastrite

    Il mitico Teomondo Scrofalo, per veri intenditori!

  10. #20
    https://www.pcosta.net
    Data Registrazione
    29 Dec 2011
    Messaggi
    9,093
     Likes dati
    4
     Like avuti
    6,479
    Mentioned
    791 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    18

    Predefinito Re: Van Gogh

    Diamo a Cesare quel che è di Cesare, ovvero a Giuseppe quello che è di Giuseppe.
    Per cui, ecco la vera storia del "Bevitore", falsamente attribuito a Teomondo Scrofalo nella mitica "Asta tosta" di Ezio Greggio a Drive In.


    Giuseppe De Curtis. (1840- dopo il 1916)
    Nacque a Napoli il 2 febbraio 1840, qualche anno prima di Van Gogh e un anno dopo Cézanne, autore di un più fortunato "Bevitore".
    Come loro fu pittore autodidatta.
    Sul Comanducci ("Pittori Italiani dell'800") leggiamo "Decorò nel palazzo Pavoncelli e in quello Vonwiller, nella sede delle Poste e Telegrafi (Palazzo Gravina) e nella Nuova Università di Napoli. Con quadretti di fiori e di frutta frequentemente partecipò alle mostre della Promotrice napoletana «Salvator Rosa» e a Firenze nel 1896 1897. Si rammenta un suo grande quadro ad olio dipinto su ardesia, intitolato "Dalla primavera all'inverno". Fu professore onorario dell'Accademia della sua città".

    Oltre al "Bevitore" dipinse altri soggetti "pittoreschi" napoletani come questo pescivendolo:


    o questa "Contadinella":


    Molto noti anche i suoi due figli, Giambattista - pittore e musicista - ed Ernesto, autore di famose canzoni napoletane, una per tutte la notissima "Torna a Surriento".
    Questo mix di Napoli, pizza e mandolino spiega assai bene perché i soggetti di Giuseppe De Curtis trovarono enorme fortuna a Napoli e il "Bevitore" fu riprodotto in innumerevoli oleografie, appeso in tutte le pizzerie, prima di Napoli e poi del mondo: fino agli anni '80 del '900, quando la derisione televisiva di Teomondo Scrofalo costrinse i gestori a nasconderlo in cantina, rimanendo appeso ormai solo nei locali dei fan di Drive in e nelle bettole di Chivasso.
    Ovviamente al gusto attuale, "Il Bevitore" costituisce appunto lo stereotipato cliché del "quadro da pizzeria" e non sorprende che sia stato scelto da Ezio Greggio per l'ovvio effetto comico della "crosta" venduta all'asta a caro prezzo.
    Forse sarebbe successa la stessa cosa col "Bevitore" di Paul Cézanne, se fosse nato a Napoli?


    Oppure, se il suo padre non fosse emigrato in Francia da Cesena a Aix-en-Provence, non avrebbe ben potuto arredare le piadinerie romagnole e subire la medesima "teomondizzazione"?.

 

 
Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Submission di Teo Van Gogh
    Di halexandra nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-04-05, 10:57
  2. van Gogh, Ferrara e...
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-11-04, 16:08
  3. Van Gogh
    Di lobosinistro nel forum Arte
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 08-11-02, 20:58
  4. Pienone per Van Gogh
    Di Nebbia nel forum Arte
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12-08-02, 01:16

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •