User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Forumista junior
    Data Registrazione
    07 Dec 2011
    Messaggi
    75
     Likes dati
    1
     Like avuti
    4
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Quale è il vero motivo per cui l'omosessualità non deve essere discriminata?

    La domanda può sonare provocatoria. Ed in realtà vuole essere tale, in quanto vorrei catturare la Vostra attenzione su un vizio di carattere logico ed argomentativo che, a mio avviso, la società commette quando si discute di orientamenti sessuali.
    Premetto, a scanso di equivoci, di essere contrario ad ogni discriminazione per ragioni di orientamento sessuale e di ritenere che l'omosessualità e le relazioni omosessuali debbano godere della consueta libertà, ossia negli stessi limiti di quelle etero, e che tale diritto soggettivo si radichi sulla giustizia naturale.
    Tuttavia, mi chiedo perché, con notevole insistenza, gli omosessuali fondano il loro (giusto ed inviolabile) diritto al rispetto della loro personalità sulla circostanza che questa inclinazione, a seguito di un mutamento di opinioni da parte degli esperti, è stata depennata dall'elenco dei disturbi psichiatrici dalla comunità scientifica internazionale e, alla data del 17 maggio 1990, è stata qualificata dall'O.M.S. come normale e naturale espressione della sessualità umana. Il 17 maggio 1990, poi, è diventata la giornata mondiale contro l'omofobia, a testimonianza che, nella logica delle associazioni LGBT, la depatologizzazione dell'omosessualità rappresenta la condizione per poter liberamente esprimere tale tendenza e che, di converso, la convinzione che questa tendenza costituisca un devianza della personalità giustifica la discriminazione.
    Il ragionamento mi sembra illogico e, paradossalmente, foriero di ulteriori discriminazioni.
    Infatti, la ragione per cui l'omosessualità non deve essere repressa o discriminativa risiede semplicemente nella circostanza che essa, sia se espressa individualmente, sia se tradotta in un rapporto di coppia, non fa del male a nessuno e consente all'individuo di vivere un aspetto della propria personalità. Il fatto che, poi, sia anche una condizione sana non dovrebbe rilevare in alcun modo.
    Anzi, se, per assurda ipotesi, l'omosessualità fosse davvero una situazione di disagio, la discriminazione degli omosessuali sarebbe ancora più odiosa perché andrebbe a colpire dei soggetti fragili.
    Intendo affermare, in buona sostanza, che tra le tante discriminazioni, tutte odiose, quella contro i malati è la più vile ed odiosa. Conseguentemente, trovo singolare ed incomprensibile che gli omosessuali rifiutino (giustamente) le discriminazioni assumendo che il loro orientamento sessuale è sano (il che è senz'altro vero, ma non è certo il motivo per cui gli omosessuali hanno diritto di essere liberi, trovando tale libertà un limite nel solo rispetto del prossimo).
    Allo stesso tempo, mi sorprende davvero che, anche oggi, si stigmatizzino alcuni comportamenti sessuali per il fatto di essere considerati dei disturbi da parte della scienza psichiatrica. Al contrario, la persona disturbata dovrebbe essere oggetto di maggior rispetto e tutela, al pari di un debole, oltre a non dover essere discriminata e repressa. Poi, se la condotta patologica degenera in illeciti o in comportamenti incivili va certamente sanzionata, ma non certo perché espressione di una malattia, ma soltanto perché lesiva di terzi (e, in questo contesto, la malattia potrebbe rappresentare, tutt'al più, un'attenuante).
    In definitiva, non mi capacito della ragione per cui i disturbi sessuali catalogati nel DSM (a differenza di tutti gli altri disturbi) siano percepiti come ragione di stigmatizzazione etica ad opera della società, piuttosto che come motivo di sostegno a chi ne soffre, sostegno che, ovviamente, può comprendere la cura, ma, del pari, anche a rimanere così come si è e a poter vivere liberamente la propria condizione, anche mostrando la propria anomalia psichiatrica.
    Tornando alla tematica degli omosessuali, se, prima del 1990, l'omosessualità fosse stata inclusa nell'elenco dei disturbi psichiatrici per ragioni esclusivamente scientifiche (ossia insensibili a valutazioni di carattere morale) e con l'unico scopo di aiutare le persone omosessuali a vivere meglio, le associazioni omosessuali non avrebbero avuto alcun interesse ad esercitare una pressione sulla comunità scientifica per ottenere la cancellazione della loro tendenza dall'elenco dei disturbi, anzi avrebbero avuto interesse a far sì che rimanesse tale per poter ricevere dalla società il supporto di cui hanno diritto tutte le persone malate (impregiudicata la libertà di essere o di diventare gay).
    Se così non è stato significa che la psichiatria non agiva e non agisce tuttora nell'interesse esclusivo della persona, ma per uniformare la persona agli schemi sociali, così opprimendola ulteriormente.
    Il che mi sembra un'aberrazione di principio.

  2. #2
    Liberale classico
    Data Registrazione
    16 Mar 2021
    Messaggi
    1,408
     Likes dati
    87
     Like avuti
    74
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Quale è il vero motivo per cui l'omosessualità non deve essere discriminata?

    Citazione Originariamente Scritto da vipera86 Visualizza Messaggio
    La domanda può sonare provocatoria. Ed in realtà vuole essere tale, in quanto vorrei catturare la Vostra attenzione su un vizio di carattere logico ed argomentativo che, a mio avviso, la società commette quando si discute di orientamenti sessuali.
    Premetto, a scanso di equivoci, di essere contrario ad ogni discriminazione per ragioni di orientamento sessuale e di ritenere che l'omosessualità e le relazioni omosessuali debbano godere della consueta libertà, ossia negli stessi limiti di quelle etero, e che tale diritto soggettivo si radichi sulla giustizia naturale.
    Tuttavia, mi chiedo perché, con notevole insistenza, gli omosessuali fondano il loro (giusto ed inviolabile) diritto al rispetto della loro personalità sulla circostanza che questa inclinazione, a seguito di un mutamento di opinioni da parte degli esperti, è stata depennata dall'elenco dei disturbi psichiatrici dalla comunità scientifica internazionale e, alla data del 17 maggio 1990, è stata qualificata dall'O.M.S. come normale e naturale espressione della sessualità umana. Il 17 maggio 1990, poi, è diventata la giornata mondiale contro l'omofobia, a testimonianza che, nella logica delle associazioni LGBT, la depatologizzazione dell'omosessualità rappresenta la condizione per poter liberamente esprimere tale tendenza e che, di converso, la convinzione che questa tendenza costituisca un devianza della personalità giustifica la discriminazione.
    Il ragionamento mi sembra illogico e, paradossalmente, foriero di ulteriori discriminazioni.
    Infatti, la ragione per cui l'omosessualità non deve essere repressa o discriminativa risiede semplicemente nella circostanza che essa, sia se espressa individualmente, sia se tradotta in un rapporto di coppia, non fa del male a nessuno e consente all'individuo di vivere un aspetto della propria personalità. Il fatto che, poi, sia anche una condizione sana non dovrebbe rilevare in alcun modo.
    Anzi, se, per assurda ipotesi, l'omosessualità fosse davvero una situazione di disagio, la discriminazione degli omosessuali sarebbe ancora più odiosa perché andrebbe a colpire dei soggetti fragili.
    Intendo affermare, in buona sostanza, che tra le tante discriminazioni, tutte odiose, quella contro i malati è la più vile ed odiosa. Conseguentemente, trovo singolare ed incomprensibile che gli omosessuali rifiutino (giustamente) le discriminazioni assumendo che il loro orientamento sessuale è sano (il che è senz'altro vero, ma non è certo il motivo per cui gli omosessuali hanno diritto di essere liberi, trovando tale libertà un limite nel solo rispetto del prossimo).
    Allo stesso tempo, mi sorprende davvero che, anche oggi, si stigmatizzino alcuni comportamenti sessuali per il fatto di essere considerati dei disturbi da parte della scienza psichiatrica. Al contrario, la persona disturbata dovrebbe essere oggetto di maggior rispetto e tutela, al pari di un debole, oltre a non dover essere discriminata e repressa. Poi, se la condotta patologica degenera in illeciti o in comportamenti incivili va certamente sanzionata, ma non certo perché espressione di una malattia, ma soltanto perché lesiva di terzi (e, in questo contesto, la malattia potrebbe rappresentare, tutt'al più, un'attenuante).
    In definitiva, non mi capacito della ragione per cui i disturbi sessuali catalogati nel DSM (a differenza di tutti gli altri disturbi) siano percepiti come ragione di stigmatizzazione etica ad opera della società, piuttosto che come motivo di sostegno a chi ne soffre, sostegno che, ovviamente, può comprendere la cura, ma, del pari, anche a rimanere così come si è e a poter vivere liberamente la propria condizione, anche mostrando la propria anomalia psichiatrica.
    Tornando alla tematica degli omosessuali, se, prima del 1990, l'omosessualità fosse stata inclusa nell'elenco dei disturbi psichiatrici per ragioni esclusivamente scientifiche (ossia insensibili a valutazioni di carattere morale) e con l'unico scopo di aiutare le persone omosessuali a vivere meglio, le associazioni omosessuali non avrebbero avuto alcun interesse ad esercitare una pressione sulla comunità scientifica per ottenere la cancellazione della loro tendenza dall'elenco dei disturbi, anzi avrebbero avuto interesse a far sì che rimanesse tale per poter ricevere dalla società il supporto di cui hanno diritto tutte le persone malate (impregiudicata la libertà di essere o di diventare gay).
    Se così non è stato significa che la psichiatria non agiva e non agisce tuttora nell'interesse esclusivo della persona, ma per uniformare la persona agli schemi sociali, così opprimendola ulteriormente.
    Il che mi sembra un'aberrazione di principio.
    Sono d'accordo, ma infatti sono temi separati: la non discriminazione degli omosessuali è un tema etico, mentre la discussione se sia o meno una malattia è un tema scientifico, nel senso che con la scienza si smonta la fondatezza del concetto stesso di "malattia psicologica".

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    27 Apr 2009
    Messaggi
    23,880
     Likes dati
    15,756
     Like avuti
    7,063
    Mentioned
    908 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Quale è il vero motivo per cui l'omosessualità non deve essere discriminata?

    Mi pare un bel ragionamento, approfondito e argomentato.

    C’è da dire, però, che un conto è la diagnosi fatta dalla comunità scientifica, un conto la reazione che tale diagnosi genera nella gente comune.

    Quando vennero diagnosticati i primi casi di AIDS tra personaggi famosi, alla fine degli anni 80 accaddero scene di puro delirio. Un attore fu costretto a prenotare un volo solo per lui, visto che i passeggeri, saputo che lui, l’attore malato sarebbe salito a bordo, si erano messi a bloccare l’entrata del gate.

    Quello che voglio dire è che non è detto che l’inserimento dell’omosessualità tra le patologie psichiatriche avesse di per se intento discriminatorio.

    Il discorso è diverso: prendi un individuo che è stato sempre etichettato come “deviato” è tenuto ai margini della vita sociale e privato della dignità umana. Una “diagnosi” che sancisce una patologia non può che essere presa da certa gente invasata e violenta come conferma della fondatezza del loro comportamento e confermarli nel loro proposito.

  4. #4
    ἀναρχία
    Data Registrazione
    07 Jun 2019
    Località
    Pianeta Terra
    Messaggi
    14,894
     Likes dati
    4,750
     Like avuti
    3,523
    Mentioned
    241 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    7

    Predefinito Re: Quale è il vero motivo per cui l'omosessualità non deve essere discriminata?

    L'omosessualità non può essere in alcun modo considerata una patologia.
    L'orientamento sessuale è questione di gusti.
    Nessuno scienziato arriverebbe mai a considerare che chi preferisce il gelato al pistacchio rispetto a quello al mirtillo è affetto da una patologia alimentare
    OGNI GERARCHIA È UN INVITO ALLA RIVOLUZIONE

    La malattia è il Covid, il virus è il capitalismo.

    D'ogni legge nemico, e di ogni fede

  5. #5
    תִּֿרְצָח אֱלוֹהִים המלחמ
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Europeo - Pianeta Terra
    Messaggi
    13,380
     Likes dati
    1,128
     Like avuti
    1,455
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    195

    Predefinito Re: Quale è il vero motivo per cui l'omosessualità non deve essere discriminata?

    Ma la scienza cambia opinione a seconda del periodo storico, della società, e dell'ordinamento politico.

    Un tempo l'omosessualità era considerata una malattia dagli psiconazisti, condizionata da quello che dice la Bibbia in merito.
    Il sapere è rivoluzione, l'ignoranza è schiavitù

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 02-02-21, 23:42
  2. Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 13-10-18, 19:11
  3. Quale deve essere l'anima di AN?
    Di impegnosociale nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 13-12-07, 21:12
  4. Quale deve essere l'anima di AN?
    Di impegnosociale nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13-12-07, 12:23
  5. Scoperto il vero motivo per cui non vogliono essere rimossi
    Di brunik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 26-06-07, 17:38

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •