User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Feb 2014
    Messaggi
    6,237
     Likes dati
    811
     Like avuti
    604
    Mentioned
    67 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Che succede se la Russia decide di “vedere il bluff” degli USA?

    Di CptHook Su 21 Apr 2021 5,667

    Se la Russia “vede il bluff” di Washington sull’Ucraina agli Stati Uniti restano poche opzioni


    Ted Galen Carpenter – Antiwar.com – 19 aprile 2021



    Le crescenti tensioni tra la Russia e l’Ucraina stanno producendo un’ondata di spacconate da parte dell’amministrazione Biden, così come da parte dei “falchetti” dei think tank di Washington. L’amministrazione continua ad assicurare al governo dell’Ucraina che gli Stati Uniti e la NATO spalleggeranno Kiev nel suo confronto con i separatisti sostenuti dalla Russia nella regione orientale del Donbass e con la Russia stessa. Un comunicato stampa della Casa Bianca del 2 aprile ha confermato che, in una telefonata al presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Biden “ha ribadito il deciso sostegno degli Stati Uniti alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina di fronte alla continua aggressione della Russia nel Donbass e in Crimea“. Altri funzionari di alto livello dell’amministrazione, tra cui il Segretario alla Difesa Lloyd Austin e il Segretario di Stato Antony Blinken hanno fatto lo stesso.

    In superficie, i russofobi americani sembrano quasi avere voglia di una resa dei conti militare con Mosca. Le relazioni bilaterali complessive sono ulteriormente peggiorate il 15 aprile, quando l’amministrazione ha imposto una serie di sanzioni aggiuntive alle imprese ed al governo russi per una serie di presunti misfatti, tra cui la [pretesa] interferenza nelle elezioni americane del 2020, il maltrattamento di Alexei Navalny e altri dissidenti interni, e il comportamento aggressivo verso i paesi vicini. Usando una logica e un linguaggio simile a un ragazzo di scuola media che sperimenta un aumento di testosterone e contempla di sfidare un rivale del parco giochi, l’ammiraglio James Stavridis, ex comandante delle forze della NATO, ha affermato in un editoriale che Putin stava puntando all’espansione territoriale a spese dell’Ucraina, e che Biden deve “fare il muso duro”.

    Esperti credibili, tuttavia, dubitano che gli Stati Uniti andrebbero effettivamente in guerra contro la Russia per difendere l’Ucraina. Lo studioso del Quincy Institute, Anatol Lieven, afferma categoricamente che gli Stati Uniti “non hanno alcuna intenzione di combattere la Russia” e dovrebbero, quindi, smettere di armare l’Ucraina e incoraggiare la posizione sempre più bellicosa di Kiev contro il suo vicino più grande e molto più potente. Si spera che Lieven abbia ragione e che, anche se scoppiassero combattimenti tra la Russia e l’Ucraina, la sanità mentale prevarrebbe e i leader statunitensi non lancerebbero una guerra che comporta il rischio intrinseco di un olocausto nucleare.

    Una precedente amministrazione statunitense aveva incoraggiato uno dei vicini della Russia a “fare il figo” e mostrare i muscoli militarmente, solo per abbandonare quel cliente quando sono scoppiati i combattimenti reali. George W. Bush ha portato il presidente della Georgia, Mikheil Saakashvili, a credere che il suo paese fosse un prezioso alleato degli Stati Uniti e che gli Stati Uniti e la NATO sarebbero venuti in soccorso della Georgia se si fosse trovata coinvolta in un conflitto armato con la Russia. Saakashvili aveva tutte le ragioni per pensare di avere il sostegno incrollabile di Washington. L’amministrazione Bush aveva fornito milioni di dollari in armi a Tbilisi, addestrato le truppe georgiane e aveva fatto pressioni attive sulla NATO per accettare la Georgia come nuovo membro.

    Ma quando un Saakashvili troppo sicuro di sé ha cercato di riprendere il controllo su una regione secessionista e ha ucciso le truppe russe di pace di stanza laggiù, Mosca ha lanciato una controffensiva che ha presto sbaragliato le unità georgiane. Nonostante le precedenti indicazioni di sostegno di Washington, le forze USA e NATO si sono prudentemente ritirate. La Georgia ha dovuto firmare un umiliante accordo per porre fine ai combattimenti.

    Washington potrebbe trovarsi ad affrontare una situazione simile se l’Ucraina, confidando nel sostegno degli Stati Uniti e della NATO, dovesse stupidamente cercare di strappare la Crimea alla Russia o lanciare una nuova offensiva contro i separatisti filorussi nel Donbass. Avendo impegnato così pubblicamente il prestigio degli Stati Uniti nel sostenere Kiev, per Washington sarebbe più difficile abbandonare l’Ucraina di quanto lo sia stato per l’amministrazione Bush abbandonare la Georgia al suo destino. I soliti noti insisterebbero che gli Stati Uniti non potrebbero ritirarsi senza subire un danno irreparabile alla loro “credibilità” come superpotenza. Eppure anche funzionari ragionevolmente prudenti probabilmente riconoscerebbero che un intervento militare USA-NATO contro le forze russe potrebbe rivelarsi decisamente troppo pericoloso.

    Date queste pressioni contrastanti, la risposta più probabile degli Stati Uniti sarebbe quella di colpire militarmente un simbolo del potere e dell’influenza russa, ma che non comporti un confronto militare diretto con Mosca. La situazione ricorda le opzioni che i leader statunitensi vagliavano durante la Guerra Fredda se l’Unione Sovietica avesse assorbito l’enclave occidentale a Berlino Ovest. L’aspettativa più comune era che Washington si sarebbe astenuta da un confronto nucleare in Europa, ma si sarebbe vendicata eliminando l’alleato di Mosca nell’emisfero occidentale, Cuba.

    Una simile risposta “occhio per occhio” è forse ancora più probabile oggi, se l’attuale confronto con la Russia culminerà in combattimenti tra le forze russe e ucraine. Tuttavia, la lista degli obiettivi possibili per una ritorsione da parte degli Stati Uniti non è lunga. Tornare a colpire la Serbia, come l’amministrazione di Bill Clinton fece con entusiasmo negli anni ’90, sarebbe inutile. Anche se Belgrado mantiene stretti legami con Mosca, il paese è democratico e cerca anche di essere ammesso nell’Unione Europea. Anche gli alleati dei media più sicofanti dell’amministrazione Biden avrebbero difficoltà a ritrarre la Serbia di oggi come un’odiosa dittatura o una minaccia alla pace regionale.

    La Siria sarebbe un candidato molto più credibile, ma lanciare una grande offensiva per spodestare Bashar al-Assad sarebbe rischioso quasi quanto attaccare le forze russe in Ucraina. Mosca ha una base navale di importanza cruciale in Siria, e migliaia di militari russi operano in quel paese. Il pericolo di uno scontro tra le forze statunitensi e russe, innescando così una guerra su larga scala, sembrerebbe altamente probabile.

    Cuba rimane un possibile obiettivo, ma ne esiste uno più facile per una ostentata “guerra di liberazione” statunitense, che costituirebbe anche un’umiliazione geopolitica per la Russia: il Venezuela. L’amministrazione di Donald Trump non ha fatto mistero di volere che il regime di estrema sinistra di Nicolas Maduro venga abbattuto. Non solo l’amministrazione ha fornito sostegno diplomatico e finanziario al leader dell’opposizione Juan Guaido, ma ha chiesto alla Russia di smettere di sostenere il governo di Maduro. Mosca ha certamente sostenuto ampiamente Maduro, e non è esagerato dire che il Venezuela è uno stato cliente del Cremlino. Durante gli anni di Trump, gli Stati Uniti e la Russia hanno condotto una vera e propria lotta per procura riguardo al Venezuela.

    Nonostante le aspettative diffuse che Biden avrebbe perseguito un approccio più conciliante, l’amministrazione ha continuato la politica di Trump. Washington riconosce ancora Guaido come presidente legittimo del Venezuela, e la Casa Bianca continua la “dichiarazione di emergenza” di Trump che definisce il Venezuela una minaccia alla sicurezza nazionale.

    Nonostante il sostegno economico e politico esistente, qualsiasi intervento militare russo a favore del Venezuela sarebbe altamente improbabile, e i leader statunitensi sarebbero fiduciosi della continua moderazione di Mosca, indipendentemente dalle azioni di Washington. Anche l’opposizione interna ad una guerra di cambio di regime potrebbe essere contenuta senza troppi problemi, anche se alcuni degli alleati progressisti del presidente non ne sarebbero certamente felici. L’amministrazione (insieme con le sue legioni di alleati nei media) farebbe passare l’intervento come necessario sia per rimuovere una dittatura brutalmente repressiva che per prevenire una minaccia russa alla sicurezza nel “cortile di casa” dell’America.

    Una guerra di cambio di regime contro il Venezuela è precisamente il tipo di risposta “occhio per occhio” che i mandarini della politica estera statunitense, umiliati ma ancora arrabbiati e aggressivi, potrebbero scegliere per salvare un po’ di prestigio se la Russia dovesse “vedere il bluff” di Washington sulla difesa dell’Ucraina. C’è, naturalmente, un modo molto più facile per i falchi da poltrona e i bombardieri da laptop dell’America di evitare il pericolo di una tale umiliazione. Ma questo approccio richiederebbe loro di smettere i fare i gradassi e di “agitare le sciabole nei foderi”, e non sembrano inclini a scegliere un approccio tanto elementare quanto prudente.



    Ted Galen Carpenter, senior fellow in studi di sicurezza al Cato Institute, è autore di 12 libri e più di 900 articoli sugli affari internazionali.

    Link: https://original.antiwar.com/Ted_Galen_Carpenter/2021/04/18/symbolic-retaliation-why-the-us-likely-would-attack-a-kremlin-client-state-in-response-to-a-russian-ukrainian-war/

    Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Feb 2014
    Messaggi
    6,237
     Likes dati
    811
     Like avuti
    604
    Mentioned
    67 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Che succede se la Russia decide di “vedere il bluff” degli USA?

    Sull’Ucraina Putin non sta bluffando



    Ray McGovern – Antiwar.com 22 aprile 2021



    Il duro avvertimento del presidente russo Vladimir Putin stamattina di non superare quella che ha chiamato la “linea rossa” della Russia deve essere preso sul serio. Tanto più che la Russia sta aumentando la sua capacità militare per rispondere a qualsiasi provocazione dalle teste calde in Ucraina e da quelli che, a Washington, dicono loro che possono dare un cazzotto sul naso alla Russia e scampare alle ritorsioni.

    Putin ha fatto una premessa alle sue osservazioni insolitamente taglienti dicendo che la Russia vuole “buone relazioni … anche, tra l’altro, con quelli con cui non siamo andati d’accordo ultimamente, per usare un eufemismo. Non vogliamo davvero bruciare i ponti“. In un chiaro sforzo per mettere in guardia i provocatori non solo a Kiev, ma anche a Washington e in altre capitali della NATO, Putin ha aggiunto questo avvertimento:

    “Ma se qualcuno scambia le nostre buone intenzioni per indifferenza o debolezza e intende bruciare o addirittura far saltare questi ponti, dovrebbe sapere che la risposta della Russia sarà asimmetrica, rapida e dura. Quelli che stanno dietro le provocazioni che minacciano gli interessi fondamentali della nostra sicurezza si pentiranno di quello che hanno fatto in un modo in cui non si sono mai dovuti pentire prima.

    Allo stesso tempo, voglio solo mettere in chiaro che abbiamo abbastanza pazienza, responsabilità, professionalità, fiducia in noi stessi e certezza nella nostra causa, così come il buon senso, quando si prende una decisione di qualsiasi tipo. Ma spero che nessuno pensi di superare la “linea rossa” nei confronti della Russia. Saremo noi stessi a determinare in ogni caso specifico dove sarà tracciata.”



    La Russia vuole la guerra?

    Una settimana fa, nel suo briefing annuale sulle minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, la comunità di intelligence è stata insolitamente franca su come la Russia vede le minacce alla sua sicurezza:

    “Riteniamo che la Russia non voglia un conflitto diretto con le forze statunitensi. I funzionari russi credono da tempo che gli Stati Uniti stiano conducendo le proprie “campagne d’influenza” per minare la Russia, indebolire il presidente Vladimir Putin e installare regimi favorevoli all’Occidente negli stati dell’ex Unione Sovietica e altrove. La Russia cerca un accordo con gli Stati Uniti sulla reciproca non interferenza negli affari interni di entrambi i paesi e sul riconoscimento da parte degli Stati Uniti della rivendicata sfera d’influenza della Russia su gran parte dell’ex Unione Sovietica.”

    Un tale candore non si vedeva da quando la DIA (Defense Intelligence Agency) scriveva, nella sua “Strategia per la Sicurezza Nazionale – dicembre 2015”:

    “Il Cremlino è convinto che gli Stati Uniti stiano gettando le basi per un cambio di regime in Russia, una convinzione ulteriormente rafforzata dagli eventi in Ucraina. Mosca vede gli Stati Uniti come il motore critico dietro la crisi in Ucraina e ritiene che il rovesciamento dell’ex presidente ucraino Yanukovych sia l’ultima mossa in un modello consolidato di sforzi di cambio di regime orchestrati dagli Stati Uniti.”

    Strategia per la sicurezza nazionale- dicembre 2015 – Tenente Generale Vincent Stewart, direttore DIA



    Gli Stati Uniti vogliono la guerra?

    Sarebbe interessante leggere la valutazione della controparte russa sulle minacce che devono affrontare. Ecco la mia idea su come gli analisti dell’intelligence russa potrebbero metterla:

    “Valutare se gli Stati Uniti vogliono la guerra è particolarmente difficile, nella misura in cui non abbiamo una chiara comprensione di chi sta prendendo le decsioni sotto Biden. Chiama il presidente Putin “assassino”, impone nuove sanzioni, e praticamente nello stesso attimo lo invita a un summit. Sappiamo quanto facilmente le decisioni approvate dai presidenti degli Stati Uniti possono essere ribaltate da potenti forze nominalmente subordinate al presidente. Un pericolo particolare può essere visto nella nomina da parte di Biden della protetta di Dick Cheney, Victoria Nuland, a numero tre del Dipartimento di Stato. L’allora assistente del Segretario di Stato Nuland è stata scoperta, in una conversazione registrata pubblicata su YouTube il 4 febbraio 2014, a tramare l’eventuale colpo di stato a Kiev e a scegliere il nuovo primo ministro due settimane e mezzo prima del colpo vero e proprio (22 febbraio).”

    “Nuland verrà probabilmente confermata presto, e le teste calde in Ucraina potrebbero facilmente interpretare questo come se desse loro carta bianca per inviare più truppe, armate ora con armi offensive fornite dagli Stati Uniti, contro le forze anti-golpe di Donetsk e Luhansk. Nuland e altri falchi potrebbero anche accogliere con soddisfazione il tipo di reazione militare russa che possono dipingere come “aggressione”, come hanno fatto dopo il colpo di stato del febbraio 2014. Come prima, giudicherebbero le conseguenze – non importa quanto sanguinose – come un netto vantaggio per Washington. Peggio ancora, sembrano ignari della probabilità di un’escalation”.



    Basta solo una “scintilla

    Richiamando l’attenzione sul gran numero di truppe russe vicino all’Ucraina, il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha avvertito lunedì che sarà sufficiente semplicemente “una scintilla” per innescare un confronto, e che “una scintilla può scattare qui o lì”. Su questo ha ragione.

    È bastata semplicemente una scintilla dalla pistola brandita da Gavrilo Princip per assassinare l’arciduca Ferdinando d’Austria il 28 giugno 1914, per portare alla prima guerra mondiale, e poi alla seconda. I politici e i generali statunitensi farebbero bene a leggere “The Guns of August” di Barbara Tuchman.

    La storia del 19° secolo è stata insegnata nelle scuole della Ivy League frequentate da Nuland, Blinken, e dal consigliere per la sicurezza nazionale Sullivan – per non parlare del nouveau riche, provocatore straordinario George Stephanopoulos? Se è così, le lezioni di quella storia sembrano essere state offuscate da una visione miope e superata degli Stati Uniti come onnipotenti – una visione che ha superato da tempo la sua data di scadenza, in particolar modo alla luce del crescente avvicinamento tra Russia e Cina.

    A mio parere, è probabile che ci sia un aumento di rumor di sciabole cinesi nel Mar Cinese Meridionale e nello Stretto di Taiwan, se la Russia decide che deve essere coinvolta in uno scontro militare in Europa.

    Un pericolo primario è che Biden, come il presidente Lyndon Johnson prima di lui, possa soffrire del tipo di complesso di inferiorità nei confronti dell’élite dei “migliori e più brillanti” (quelli che ci hanno portato in Vietnam) che lo indurrà a pensare, erroneamente, che sappiano cosa stanno facendo. Tra i principali consiglieri di Biden, solo il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha avuto qualche esperienza di guerra. E questa mancanza, naturalmente, è tipica della maggior parte degli americani. Al contrario, milioni di russi ancora ricordano un membro della propria famiglia tra i 26 milioni di morti della Seconda Guerra Mondiale. Questo fa un’enorme differenza – in particolare quando si ha a che fare con quello che gli alti funzionari russi chiamano il regime neo-nazista installato a Kiev sette anni fa.



    Link: https://original.antiwar.com/mcgovern/2021/04/21/putin-isnt-bluffing-on-ukraine/



    Ray McGovern ha prestato servizio come ufficiale di fanteria addetto ai servizi di intelligence. Successivamente ha lavorato per 27 anni come analista della CIA, fino a diventare Capo del dipartimento di Politica estera sovietica e redattore/informatore del Rapporto giornaliero per il presidente. È co-fondatore di Veteran Intelligence Professionals for Sanity (VIPS).

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 13-05-19, 17:10
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-04-08, 10:40
  3. Ora voglio proprio vedere cosa succede
    Di hurricanes nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-06-07, 11:45
  4. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 15-01-05, 15:46
  5. La posto sia qui che nella DR, per vedere cosa succede.
    Di Akhenaton nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-01-05, 20:56

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •