User Tag List

Pagina 2 di 4 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 40
  1. #11
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    11

    E gli uomini hanno istruzioni sufficienti per conoscere il bene dal male. E la legge è data agli uomini. Ma la legge non giustifica alcuno nella carne; ovvero, secondo la legge, gli uomini sono esclusi dalla presenza di Dio. Sì, essi sono espulsi in virtù della legge temporale, come pure, secondo la legge spirituale, essi vengon meno a tutto ciò che è buono e diventano miserabili per sempre. Perciò il riscatto viene nel Santo Messia e per suo mezzo, perché egli è pieno di grazia e di verità. Ecco, egli si offre in sacrificio per il peccato, per adempiere ai fini della legge, per tutti coloro che hanno un cuore spezzato ed uno spirito contrito, e per nessun altro è possibile adempiere ai fini della legge. Quanto dunque è importante il far conoscere queste cose agli abitanti della terra, perché essi sappiano che nessuna carne potrà dimorare alla presenza di Dio, se non per i meriti e la misericordia e la grazia del Santo Messia, che dà la sua vita secondo la carne e la riprende col potere dello Spirito, affinché faccia intervenire la risurrezione dei morti, essendo lui il primo a risuscitare. Perciò egli è la primizia di Dio, inquantoché egli intercederà per tutti i figlioli degli uomini e coloro che credono in lui saranno salvati. Ed inquantoché egli intercede per tutti, tutti gli uomini vengono a Dio; per questo essi si tengono alla sua presenza, per essere giudicati da lui secondo la verità e la santità che sono in lui. A tal fine serve la legge che il Santissimo ha data, cioè la sofferenza del castigo, il quale castigo prescritto sta in contrasto colla felicità, anch'essa prescritta per adempiere ai fini dell’espiazione. Perché è necessario che ogni cosa abbia il suo contrasto. Se ciò non fosse, mio primogenito nel deserto, non vi potrebbe essere né giustizia né malvagità, né santità né miseria, né il bene né il male. Perciò ogni cosa va composta di varie parti, perché se fosse d’un sol corpo, rimarrebbe come morto e non avrebbe né vita né morte, né corruzione né incorruttibilità, né felicità né miseria, né sensibilità né insensibilità. Tutto, dunque, sarebbe stato creato invano e la sua creazione non avrebbe alcuno scopo, ma ciò distruggerebbe la saggezza di Dio, i suoi intenti eterni, come pure la potenza, la misericordia e la giustizia di Dio. E se dite che non vi è legge, direte anche che non v’è peccato. E se dite che non v’è peccato, direte pure che non vi è giustizia. E se non v’è giustizia non v’è neppure felicità. E se non v’è giustizia né felicità, non vi è né castigo né miseria. E se codeste cose non esistono, Dio non esiste. E se non v’è Dio, non esistiamo né noi né la terra, giacché non vi sarebbe potuta essere alcuna creazione né di cose che agiscono né di cose che subiscono, per cui ogni cosa sarebbe svanita nel nulla. (2-13)

    Perciò i tuoi discendenti scriveranno e i discendenti di Giuda scriveranno, e ciò che sarà stato scritto dal frutto dei tuoi lombi, come quello che sarà stato scritto dai discendenti di Giuda, verranno ad unirsi per confondere le false dottrine e per appianare le contese e stabilire la pace fra i tuoi discendenti e condurli alla conoscenza dei loro padri negli ultimi giorni e alla conoscenza delle mie alleanze, dice il Signore. (3:12)

    Ed ecco, essi vollero ch’io fossi loro re. Ma io, Nefi, avrei desiderato che non avessero alcun re; nondimeno feci per essi quanto era in mio potere. Ed ecco furono adempiute le parole del Signore per i miei fratelli, che egli aveva dette loro, che io sarei divenuto loro governatore ed istruttore. Infatti ero stato loro governatore e loro insegnante, secondo i comandamenti del Signore, fino al tempo in cui essi attentarono alla mia vita. Come pure furono adempiute le parole del Signore, ch’egli mi disse: - Allorché essi non vorranno prestar ascolto alle tue parole, essi saranno esclusi dalla presenza del Signore. - Ed infatti essi lo furono. Ed egli fece cadere su loro la maledizione, sì anzi, una dolorosa maledizione per la loro iniquità. Poiché essi avevano indurito i loro cuori contro di lui, al punto da diventar come pietra; ed allora da bianchi che erano e bellissimi e ben fatti, il Signore Iddio fece venir su di loro una carnagione scura per non esser più oggetto di seduzione al mio popolo. (5:18-21)

    Ed a causa della maledizione che fu su di loro, essi divennero un popolo indolente, pieno di malvagità e d’astuzia, e cacciarono nel deserto gli animali da preda. (5:24)

  2. #12
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    12

    Parole di Giacobbe, fratello di Nefi, rivolte da lui al popolo di Nefi: Ed ora io, Giacobbe, vorrei parlarvi un poco di queste parole. Poiché sappiate che il Signore mi ha mostrato che quelli che erano a Gerusalemme, donde venimmo, sono stati uccisi o trascinati via prigionieri. Ciononostante, il Signore mi ha mostrato che vi ritorneranno. E mi ha pure mostrato che il Signore Iddio, il Santissimo d’Israele, si manifesterà loro nella carne; e dopo che si sarà manifestato, essi lo flagelleranno e lo crocifiggeranno, secondo le parole dell’angelo che mi parlò. E dopo ch’essi avranno indurito il loro cuore e irrigidito il loro collo contro il Santissimo d’Israele, ecco, i giudizi del Santissimo d’Israele cadranno su di loro. E verrà il giorno in cui saranno colpiti ed afflitti. Pertanto, dopo essere stati cacciati di qua e di là, poiché così disse l’angelo, molti avranno sofferenze nella carne, ma per le preghiere dei fedeli non saranno lasciati perire; essi saranno dispersi e battuti ed odiati, però il Signore sarà loro misericordioso, cosicché quando verranno a conoscenza del loro redentore, essi saranno di nuovo riuniti nella loro terra ereditaria. E benedetti saranno i Gentili, di cui ha scritto il profeta, poiché sappiate che se essi si pentiranno e non combatteranno contro Sion e non si uniranno a quella chiesa grande e abominevole, essi saranno salvati. Poiché il Signore Iddio adempirà le alleanze che ha fatte coi suoi figlioli, per tal ragione il profeta si è così espresso. Ma coloro che combattono contro Sion ed il popolo dell’alleanza del Signore, dovranno leccar loro la polvere dei piedi, ed il popolo del Signore non sarà confuso. Poiché coloro che sperano nel Signore sono il popolo del Signore, perché attendono ancora la venuta del Messia. Ed ecco, secondo le parole del profeta, il Messia si manifesterà di nuovo, una seconda volta, per ristabilirli; e si rivelerà loro in potenza e grande gloria, fino alla distruzione dei loro nemici, quando verrà il giorno in cui essi crederanno in lui; ed egli non farà perire nessuno di quelli che credono in lui. E chi non crederà in lui sarà sterminato, col fuoco o con la tempesta, o coi terremoti e colle stragi, e con le pestilenze e con le carestie. E sapranno allora che il Signore è Dio, il Santissimo d’Israele. (6:1, 8-15)

    Il Signore Iddio mi ha dato la lingua del saggio, affinché io sappia parlarti opportunamente, o casato d’Israele. Quando siete stanchi, egli veglia da un mattino all’altro. Egli schiude le mie orecchie perch’io possa intendere come il dotto. Il Signore Iddio ha aperto le mie orecchie ed io non sono stato ribelle, non mi son tratto indietro. Io ho porto la mia schiena ai percotitori e le mie gote a coloro che strappavano i capelli. Io non ho nascosto il mio viso dalla vergogna né dallo sputo. Perché il Signore Iddio mi aiuterà, per cui io non sarò confuso; perciò ho reso il mio viso come una roccia e so che non sarò svergognato. Il Signore è vicino e mi giustifica. Chi contenderà con me? Presentiamoci pure ambedue insieme; chi è il mio avversario? Che si avvicini ed io lo colpirò con la forza della mia bocca. Poiché il Signore Iddio mi aiuterà. E tutti coloro che mi condannano, ecco, saranno logorati tutti come un abito e le tignole li divoreranno. Chi fra di voi teme il Signore, chi obbedisce alla voce del suo servitore, benché cammini nelle tenebre senz’aver luce (1)? Ecco, voi tutti che accendete il fuoco, che vi circondate di scintille che avete acceso (2)! Questo vi è venuto dalla mia mano – voi giacerete in tormento. (7:4-11)

    Note:

    1. Temere Dio e obbedirgli nonostante le persecuzioni alle quali si è sottoposti è un grande merito. Le tenebre esteriori rappresentano l'inferno.
    2. Forse si riferisce al godimento dei beni terreni in contrapposizione all'inferno che devono sopportare i giusti.

    Questi due figli sono venuti a te e saranno addolorati per te, per la tua desolazione e distruzione, per la fame e la spada; e per chi potrò confortarti? I tuoi figli sono venuti meno, salvo questi due; essi giacciono in capo d’ogni strada come un bue selvatico preso nella rete, essi sono pieni dell’indignazione del Signore, il castigo del tuo Dio. (8:19, 20)

    Sì, io so che voi sapete che egli si mostrerà nel corpo a quelli di Gerusalemme, donde venimmo; perché è d’uopo che ciò avvenga fra loro; perché conviene al grande Creatore di lasciarsi egli stesso assoggettare agli uomini nella carne e che muoia per tutti, perché tutti gli uomini possano assoggettarglisi. Poiché, come la morte è venuta a tutti gli uomini, per adempiere il piano misericordioso del grande Creatore è necessario altresì che vi sia una potenza di risurrezione, e la risurrezione è d’uopo che venga a causa della caduta, e la caduta venne dalla trasgressione; e per esser caduto in fallo, l’uomo venne espulso dalla presenza del Signore. Pertanto è d’uopo che vi sia una espiazione infinita, e senza questa espiazione infinita questa corruzione non potrebbe rivestire l’incorruttibilità. Ed allora il primo giudizio che colpì l’uomo sarebbe durato in eterno. Se ciò fosse, la nostra carne dovrebbe giacere per marcire e disfarsi nel seno della terra, senza mai più risorgere. Oh la saggezza di Dio, la sua misericordia e la sua grazia! Poiché sappiate che se la carne non risuscitasse più, i nostri spiriti dovrebbero divenire soggetti a quell’angelo che cadde dal cospetto dell’eterno Iddio e divenne il diavolo, per non risorgere mai più. E i nostri spiriti dovrebbero divenire come lui e noi diverremmo diavoli, angeli del diavolo, esclusi dalla presenza del nostro Dio e destinati a rimanere col padre della menzogna, miserabili come lui; sì, come quell’essere che ingannò i nostri primi genitori, che si trasforma quasi come un angelo di luce e spinge i figlioli degli uomini a unioni segrete, all’omicidio e a ogni sorta di opere segrete e tenebrose. (9-9)

  3. #13
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    13

    Ragion per cui noi avremo una perfetta conoscenza di tutte le nostre colpe, della nostra impurità e della nostra nudità (1); ed i giusti avranno una perfetta conoscenza della loro felicità e della loro giustizia, essendo rivestiti di purezza, sì anzi di una veste di giustizia. Ed accadrà allora che quando tutti gli uomini saranno passati da questa prima morte alla vita (2), essendo divenuti immortali, essi dovranno comparire davanti al seggio di giustizia del Santissimo d’Israele, ed allora viene il giudizio e gli uomini debbono essere giudicati secondo il sacro giudizio di Dio. E certamente, come vive il Signore, poiché il Signore Iddio l’ha dichiarato e la sua parola è eterna, inalienabile, i giusti resteranno giusti e gl’impuri resteranno impuri (3); perciò gl’impuri sono il diavolo e i suoi angeli; e se ne andranno nel fuoco perenne preparato per loro; ed il loro tormento è come uno stagno di fuoco e di zolfo, le cui fiamme sfavillano in eterno. (9:14-16)

    Ecco perché egli ha dato una legge; e dove non vi è legge, non vi è punizione (4); e là dove non c’è punizione, non c’è condanna; e là dove non c’è condanna, la misericordia del Santissimo d’Israele può reclamarli per via dell’espiazione, poiché è per la sua potenza che vengono liberati. Poiché l’espiazione soddisfa le esigenze della sua giustizia su tutti quelli a cui non è stata data legge, per cui essi sono liberati da quell’orribile mostro, la morte e l’inferno, il diavolo e lo stagno di fuoco e di zolfo, che è tormento senza fine; ed essi sono ricondotti a quel Dio che ha dato loro l’alito, il quale Iddio è il Santissimo d’Israele. Ma guai a colui al quale la legge è stata data, sì, che ha tutti i comandamenti di Dio, come noi, e che li trasgredisce, e che spreca i giorni della sua prova, perché il suo stato è terribile. Oh l’astuto piano del maligno! Oh vanità e fragilità e follia degli uomini! Quando sono dotti, si credono saggi e non danno ascolto ai consigli di Dio, poiché li trascurano, credendo di conoscere ogni cosa da sé, ed invece la loro saggezza è follia e non profitta loro affatto. E periranno. Ma è una buona cosa essere dotti per coloro che seguono i consigli divini. Ma guai ai ricchi, che son ricchi delle cose del mondo. Perché a causa delle loro ricchezze essi disprezzano i poveri e perseguitano i miti, ed i loro cuori sono tutti nei loro tesori, per cui il loro tesoro è il loro dio. Ed ecco, il loro tesoro sarà annientato insieme con loro. E guai ai sordi che non vogliono intendere, poiché periranno. Guai ai ciechi che non vogliono vedere, poich’essi pure periranno. Guai agl’incirconcisi di cuore, poiché la conoscenza delle loro iniquità li colpirà nell’ultimo giorno. Guai ai mentitori, poiché saranno precipitati in inferno. Guai agli omicidi, che uccidono con premeditazione, poiché morranno. Guai a coloro che commettono atti di lussuria, poiché saranno precipitati in inferno. Sì, guai a coloro che adorano idoli, poiché il demonio di tutti i demoni se ne delizia. Ed infine, guai a tutti coloro che muoiono nei loro peccati, poich’essi ritorneranno a Dio, vedranno la sua presenza e rimarranno nei loro peccati. Oh miei amati fratelli, ricordatevi che è terribile trasgredire contro quel Dio santo e che è pure terribile soccombere alle tentazioni del maligno. Ricordatevi che lo spirito carnale è morte e quello spirituale è vita eterna. Oh miei diletti fratelli, date ascolto alle mie parole. Ricordate la grandezza del Santissimo d’Israele. Non dite che vi ho parlato duramente, poiché se lo dite, oltraggiate la verità; poiché io ho pronunciato le parole del vostro Creatore. So che le parole di verità sono dure per gl’impuri, ma i giusti non le temono, poich’essi amano la verità e non ne sono scossi. Perciò, miei diletti fratelli, venite al Signore, il Santissimo. Rammentatevi che le sue vie sono giuste. Sappiate che la via è stretta per l’uomo, ma si stende diritta innanzi a lui, e la guardia della porta è il Santissimo d’Israele; non tiene alcun servitore; e non vi è altra strada, se non attraverso la porta, poiché non lo si può ingannare, dato che il suo nome è Signore Iddio. E a chiunque batte, egli aprirà; ed i saggi, i dotti, i ricchi e coloro che sono gonfi d’orgoglio per il loro sapere, la loro saggezza e le loro ricchezze, sì, egli li disprezza; e a meno ch’essi non gettino via queste cose e si considerino folli dinanzi a Dio e si abbassino nella più profonda umiltà, egli non aprirà loro. Ma ciò che è dei saggi e dei prudenti sarà loro celato per sempre; sì, intendo quella felicità che è preparata per i santi. (9:25-43)

    *Venite, fratelli miei, chiunque ha sete, venite alle acque; e chi non ha denaro compri e mangi; sì, venite a comprare vino e latte senza denaro e senza prezzo. Ordunque, non spendete denaro per ciò che non ha alcun valore e non lavorate per ciò che non può soddisfare. Siate diligenti ad ascoltarmi e rammentate le parole che vi son dette; e venite al Santissimo d’Israele e prendete a sazietà di ciò che non deperisce né può corrompersi, e che la vostra anima si diletti di tale abbondanza. (90-51)

    Note:

    1. Le colpe non si possono nascondere in eterno: i colpevoli saranno nudi, senza difesa.
    2. Quando tutti gli uomini saranno passati almeno una volta attraverso la morte del corpo materiale.
    3. Nel Corano (17:74): E chi sarà stato cieco [alla verità] in questa [vita], sarà cieco [anche] nella futura e sarà [ancora] più sviato dalla via [retta].
    4. Si parla delle leggi date agli uomini attraverso i testi sacri delle religioni. Coloro che non appartengono a nessuna religione sono senza legge. Costoro, però, come tutti, hanno una legge scolpita nel cuore che dovrebbe impedire loro di far del male al prossimo senza giusto motivo. I senza legge che seguono la legge del cuore, ma non compiono i riti cari ai sacerdoti di tutte le religioni, si salveranno. I senza legge che compiono crimini saranno condannati.

  4. #14
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    14

    Come dunque vi dissi, è opportuno che il Cristo – poiché la scorsa notte l’angelo mi disse che tale sarebbe il suo nome – venga fra gli Ebrei, fra coloro che costituiscono la parte più malvagia dell’umanità; ed essi lo crocifiggeranno, poiché così ha stabilito il nostro Dio, e non v’è alcun’altra nazione sulla terra che crocifiggerebbe il suo Dio. Poiché, se miracoli così possenti fossero operati fra altre nazioni, esse si pentirebbero e riconoscerebbero ch’egli è il loro Dio. Ma a causa delle congiure di sacerdoti e delle loro iniquità, quelli di Gerusalemme s’irrigidiranno contro di lui, finché sia crocifisso. Pertanto, a causa delle loro iniquità, le distruzioni, le carestie, le pestilenze e le stragi cadranno su di loro; e quelli che non saranno distrutti, saranno dispersi fra tutte le nazioni. Ma ecco, così dice il Signore Iddio: quando verrà il giorno in cui essi crederanno in me, che io sono il Cristo, allora io ho stabilito coi loro padri ch’essi saranno ristorati nella carne, sulla terra, nei loro paesi ereditari. Ed allora essi saranno condotti in patria dalla loro lunga dispersione, dalle isole del mare e dai quattro canti della terra; e le nazioni dei Gentili saranno grandi ai miei occhi, dice Iddio, perché li ricondurranno alle loro terre ereditarie. Sì, i re dei Gentili saranno i loro balii e le loro regine diverranno le loro nutrici; perciò le promesse del Signore ai Gentili sono grandi, poich’egli l’ha detto, e chi può contraddirlo? Ma ecco, questa terra, disse Iddio, sarà una tua terra ereditaria e i Gentili vi saranno benedetti. E questa terra sarà una terra di libertà per i Gentili e non vi sarà alcun re in questo paese fra i Gentili. Ed io fortificherò questa terra contro tutte le altre nazioni. E chiunque combatte contro Sion perirà, dice Iddio. (10-13)

    Perciò chiunque combatte contro Sion, sia Ebreo, sia Gentile, sia schiavo, sia libero, sia maschio, sia femmina, perirà poiché sono essi che fanno parte della prostituta di tutta la terra; poiché chi non è per me è contro di me, dice il nostro Dio. (10:16)

    Pertanto io consacrerò questa terra alla tua progenie ed a coloro che saranno contati con essa per sempre, come loro terra ereditaria; poiché è una terra di gran valore, mi dice Iddio, superiore a tutte le altre terre; e però io voglio che tutti gli uomini che vi abitano mi adorino, dice Iddio. Ed ora, miei amati fratelli, vedendo che il nostro Dio misericordioso ci ha dato una sì grande conoscenza di queste cose, rammentiamoci di lui e abbandoniamo i nostri peccati; e non perdiamo coraggio, perché non siamo respinti, pur essendo cacciati dalla nostra terra ereditaria, ma siamo stati condotti a una terra migliore, poiché il Signore ci ha tracciata una via sul mare ed ora siamo su di un’isola del mare. Ma grandi sono le promesse del Signore per quelli che sono sulle isole del mare; e parlandosi di isole, ce ne devono essere altre, ed esse pure sono abitate da nostri fratelli. Giacché, infatti, il Signore Iddio ne ha condotti via di tanto in tanto dal popolo d’Israele, secondo la sua volontà e il suo piacere. Ed ora sappiate che il Signore si ricorda di tutti coloro che sono stati condotti via, dunque pure di noi. (10:19-22)

  5. #15
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    15

    Ed accadrà che gli sguardi alteri dell’uomo saranno umiliati e l’orgoglio ne sarà abbassato, e solo il Signore sarà esaltato in quel giorno. Poiché il giorno del Signore degli eserciti viene presto su tutte le nazioni, sì, su ognuna di esse; sì, sul superbo e l’altero, e su tutti quelli che si credono elevati, ed essi saranno abbassati. (12:11, 12)

    Ed inoltre, dice il Signore: poiché le figlie di Sion sono altere e camminano a collo ritto ed occhi provocanti, dondolandosi nel loro andare e facendo tintinnare i loro piedi, il Signore allora coprirà di scabbia il sommo del capo delle figlie di Sion ed egli ne scoprirà le parti nascoste. In quel giorno il Signore spoglierà la presunzione dei loro ornamenti tintinnanti e le acconciature, e le bende rotonde come la luna; le catene, i braccialetti e le sciarpe; i berretti, gli ornamenti delle gambe, i turbanti, le scatolette di profumo, gli orecchini; gli anelli ed i monili da naso; i corredi di vesti cangianti, i mantelli, i soggoli (fasce a largo nastro fatte passare sotto il mento), le spille a riccioli; gli specchi, la biancheria fine, i nastri ed i veli. Ed accadrà che invece di dolce olezzo, vi sarà puzzo; ed invece di cintura, una squarciatura; ed invece di belle acconciature, calvizie; ed invece di larghe fasce, un cinto di sacchi; e arsura invece di bellezza. I tuoi uomini cadranno per la spada ed i tuoi prodi in guerra. E le sue porte si lamenteranno e faranno cordoglio; ed essa sarà desolata e giacerà per terra. Ed in quel giorno sette donne afferreranno un sol uomo e diranno: - Mangeremo il nostro pane e ci vestiremo noi stesse, soltanto lascia che siamo chiamate col tuo nome, per toglierci il nostro vituperio (cfr. il Libro di Isaia anche per le citazioni successive). - (Da 13:16 a14:1)

    Guai a coloro che chiamano il male bene e il bene male, che in luogo di luce mettono tenebre ed in luogo di tenebre luce, che pongono l’amaro per il dolce ed il dolce per l’amaro! (15:20)

    Santifica il Signore degli eserciti, lui stesso, e fa che sia lui il tuo timore, abbi paura di lui solo. Ed egli sarà il tuo santuario: ma una pietra d’inciampo ed una roccia di scandalo a entrambi i casati d’Israele, una trappola per gli abitanti di Gerusalemme. E molti di loro inciamperanno e cadranno e saranno spezzati e intrappolati e presi. (18:13-15)

    Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una gran luce; su coloro che dimorano nella terra dell’ombra della morte è brillata la luce. Tu hai moltiplicato la nazione e aumentato la sua gioia; essi gioiscono dinanzi a te al tempo della mietitura e come gli uomini gioiscono nel dividersi il bottino. Tu, infatti, hai spezzato il giogo del loro fardello, il bastone che cadeva sulle loro spalle, la verga dell’oppressore. Poiché ogni battaglia di guerrieri è nel tumulto e la confusione e le vesti intrise di sangue, ma questa sarà col fuoco e colle fiamme. Poiché un fanciullo ci è nato, un figlio ci è stato dato e l’imperio sarà sulle sue spalle, e sarà chiamato Ammirabile, Consigliere, Iddio forte, Padre dell’eternità, Principe della pace. All’accrescimento di dominio e di pace non vi è fine, sul trono di Davide e sul suo regno per ordinarlo e stabilirlo con giudizio e giustizia, d’ora innanzi e in eterno. Lo zelo del Signore degli eserciti compirà questo. (19:2-7)

  6. #16
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    16

    Ed avverrà in quel giorno che il rimanente d’Israele e i superstiti del casato di Giacobbe non si appoggeranno più su colui che li avrà battuti, ma si appoggeranno sul Signore, il Santissimo d’Israele, in verità. (20:20)

    E dal tronco d’Isaì spunterà un rampollo e un ramoscello crescerà dalle sue radici. E lo spirito del Signore riposerà su di lui, spirito di saggezza e d’intendimento, spirito di consiglio e di forza, spirito di conoscenza e di timor di Dio. E lo renderà di rapido intendimento nel timore del Signore; e non giudicherà secondo la vista dei suoi occhi né rimprovererà secondo l’udito delle sue orecchie. Ma con rettitudine egli giudicherà il povero e rimprovererà equamente i miti della terra; e colpirà la terra con la verga della sua bocca, e con l’alito delle sue labbra farà perire i malvagi. E la giustizia sarà la cintura dei suoi lombi e la fedeltà la cintura dei suoi reni. Ed il lupo dimorerà con l’agnello, e il leopardo giacerà presso il capretto, ed il vitello, il leoncino ed il bue grasso staranno insieme; ed il fanciulletto li condurrà. E la mucca e l’orso pascoleranno, i loro piccoli si coricheranno insieme; ed il leone mangerà la paglia come il bue. Ed il bimbo in fasce giocherà sul buco dell’aspide, ed il bimbo svezzato metterà la sua mano nel covo del basilisco. Non vi sarà danno né guasto su tutta la mia santa montagna, poiché la terra sarà piena della conoscenza del Signore, come le acque ricoprono il mare. Ed in quel giorno vi sarà una radice di Isaì che sarà stabilita come un’insegna per i popoli; i Gentili la cercheranno ed il suo riposo sarà tutto gloria. (21:1-10)

    Ed il Signore farà completamente scomparire la lingua del mare egiziano e scuoterà la sua mano sopra il fiume, nella forza del suo spirito, e colpirà i suoi sette rami, e farà sì che gli uomini lo traversino a secco. E vi sarà una strada maestra per il rimanente del suo popolo, che sarà rimasto dell’Assiria, come fu per Israele il giorno in cui uscì fuori dalla terra d’Egitto. (21:15, 16)

    Poiché il Signore avrà misericordia di Giacobbe ed eleggerà ancora Israele e lo ristabilirà nel suo proprio paese; e gli stranieri si uniranno a lui ed essi si assoceranno al casato di Giacobbe. Ed i popoli li prenderanno e li condurranno nella loro patria, sì, da lungi, fin dalle estremità della terra; ed essi ritorneranno alle loro terre promesse. E la casa d’Israele li possederà nella terra del Signore per servi e per serve; e coloro dei quali erano prigionieri saranno fatti prigionieri; e signoreggeranno sui loro oppressori. Ed accadrà in quel giorno che il Signore ti darà riposo, togliendoti ogni tristezza, ogni timore e il duro servaggio che tu dovesti subire. Ed in quel giorno tu pronuncerai questo proverbio contro il re di Babilonia e dirai: - Come! L’oppressore non esiste più, la città dorata è annientata. -
    Il Signore ha spezzato il bastone dei malvagi, gli scettri dei tiranni. Colui che colpiva la gente nella sua ira, di colpi ininterrotti, colui che tiranneggiava le nazioni con furore è perseguitato e nessuno si oppone. La terra intera è in pace ed è tranquilla, vi si odono canti di allegrezza. Sì, gli abeti gioiscono, come pure i cedri del Libano, e dicono: - Dacché tu sei abbattuto, nessun taglialegna è venuto contro di noi. -
    L’inferno si è scosso nelle sue viscere al tuo arrivo per venirti incontro, ha risvegliato i morti per te, anzi tutti i capi della terra; ha fatto levare dai loro troni tutti i re delle nazioni. Tutti si leveranno per parlare e dirti: - Tu pure sei divenuto debole come noi? Sei tu pure divenuto simile a noi? -
    La tua pompa è scesa nel sepolcro, non si ode più il suono delle tue arpe; i vermi sono il tuo giaciglio ed i vermi ti ricoprono. Oh come sei caduto dal cielo, o Lucifero, figlio del mattino! Eccoti abbattuto a terra, tu che indebolivi le nazioni! Tu hai detto infatti in cuor tuo: - Io ascenderò al cielo, eleverò il mio trono al di sopra delle stelle di Dio, io siederò sul monte della radunanza dalle parti del settentrione. Io salirò al di sopra delle nuvole eccelse, sarò simile all’Altissimo. -
    Eppure tu sarai gettato in inferno, dalla parte della voragine. Coloro che ti vedranno, ti fisseranno e ti esamineranno, e diranno: - E’ questo l’essere che faceva tremar la terra, che scuoteva i reami? E che riduceva il mondo in deserto e ne devastava le città, e non apriva le porte ai prigionieri? -
    Tutti i re delle nazioni, sì, tutti riposano in gloria, ognuno nella propria dimora. Ma tu sei gettato fuori dalla tua tomba come un ramo abominevole, come i resti di coloro che son trucidati, trafitti con la spada, che si abbattono fra le pietre del pozzo, come un cadavere calpestato. Tu non avrai sepoltura insieme a loro, perché hai devastato il tuo paese e fatto morire il tuo popolo; la progenie dei malvagi non avrà rinomanza in perpetuo. Preparate la strage ai suoi figli per l’iniquità dei loro padri, perché non si elevino, né posseggano la terra e non riempiano di città la superficie della terra. Poiché io mi leverò contro di essi, dice il Signore degli eserciti, e cancellerò il nome, i figli, i nipoti ed il rimanente di Babilonia, così dice il Signore. E la ridurrò in possesso alle civette e in paludi, e la spazzerò con la scopa di distruzione, dice il Signore degli eserciti. Il Signore degli eserciti l’ha giurato dicendo: - Sicuramente, come ho pensato così accadrà; e come ho decretato così sarà compiuto: condurrò gli Assiri nel mio paese e li calpesterò sulle mie montagne, così voi sarete liberati dal loro giogo, così cadrà dalle vostre spalle il loro fardello. -
    Questo è il decreto che è stabilito sulla terra intera, questa è la mano che è stesa su tutte le nazioni. Poiché il Signore degli eserciti l’ha decretato, e chi l’annullerà? E la sua mano è stesa, e chi la respingerà? L’anno della morte del re Achaz fu dato questo oracolo. Non gioire, terra di Palestina, perché si è spezzata la verga di colui che ti colpiva; poiché dalle radici del serpente uscirà un basilisco, il cui frutto sarà un serpente volante assai feroce. E i primogeniti del povero si nutriranno ed i bisognosi si riposeranno senza timore; io ucciderò la tua radice con la fame ed egli farà perire il tuo rimanente. Urla, o porta; grida, o città; e tu, terra di Palestina, sarai disciolta; verrà infatti un fumo da settentrione e nessuno sarà più solo al tempo prefisso. Che risponderanno allora i messaggeri delle nazioni? Che il Signore ha fondato Sion e che i poveri del suo popolo vi riporranno la loro fiducia. (24)

  7. #17
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    17

    Ora io, Nefi, dirò alcune parole in merito a ciò che è scritto, che è tratto dalle profezie d’Isaia. Come una generazione di Giudei è stata distrutta a causa dell’iniquità, così essi sono stati decimati di generazione in generazione secondo le loro iniquità; e nessuno di loro è stato mai distrutto senza che i profeti del Signore l’avessero preavvertito. Ecco perchè è stato loro parlato della distruzione che sarebbe sopravvenuta loro, immediatamente dopo la partenza di mio padre da Gerusalemme; ciononostante essi indurirono i loro cuori; e secondo la mia profezia, essi sono stati distrutti, a parte quelli che sono stati condotti prigionieri in Babilonia. E dico questo per lo spirito che è in me. E nonostante essi siano stati deportati, ritorneranno di nuovo e possiederanno la terra di Gerusalemme; dunque saranno di nuovo ristabiliti sulla loro terra ereditaria. Ma avranno delle guerre e rumori di guerre; e allorché verrà il giorno in cui il Figlio unigenito del Padre, sì, anzi il Padre del cielo e della terra si manifesterà loro nella carne, ecco essi lo rigetteranno, a causa delle loro iniquità, della durezza dei loro cuori e della rigidità dei loro colli. Ecco, essi lo crocifiggeranno; e dopo essere stato tre giorni nel sepolcro, risusciterà dai morti, con la guarigione nelle sue ali; e tutti coloro che crederanno nel suo nome saranno salvati nel regno di Dio. Pertanto la mia anima si delizia di profetizzare in merito a lui, poiché ho veduto il suo giorno, ed il mio cuore rende gloria al suo santo nome. Ed accadrà che dopo la risurrezione del Messia, e dopo essersi egli manifestato al suo popolo, a quanti vorranno credere nel suo nome, ecco Gerusalemme sarà nuovamente distrutta; guai infatti a coloro che combattono contro Iddio ed il popolo della sua chiesa. Perciò gli Ebrei saranno dispersi fra tutte le nazioni; sì, ed anche Babilonia sarà distrutta, per cui gli Ebrei saranno dispersi fra altre nazioni. E dopo essere stati dispersi, e dopo che il Signore Iddio li avrà flagellati per mano d’altre nazioni, per lo spazio di molte generazioni, sì anzi, di generazione in generazione finché siano persuasi a credere in Cristo, il Figlio di Dio, e nell’espiazione, che è infinita per tutto il genere umano, e allorché verrà quel giorno in cui crederanno in Cristo ed adoreranno il Padre in nome suo, con cuori puri e mani nette, e che non attenderanno più un altro Messia, allora verrà il giorno in cui sarà necessario ch’essi credano a tali cose. Ed il Signore stenderà di nuovo la sua mano per la seconda volta, per ristorare il suo popolo dal suo stato di dispersione e di caduta. Perciò egli inizierà un’opera meravigliosa ed un prodigio fra i figlioli degli uomini. Egli farà dunque giungere loro le sue parole, parole che li giudicheranno all’ultimo giorno, poiché saranno date loro con lo scopo di convincerli del vero Messia che fu da loro rigettato e per convincerli che non hanno più bisogno di attendere la venuta d’un Messia, poiché non ve ne sarà alcuno, a meno che non sia un falso Messia che ingannerebbe il popolo; poiché non vi é che un Messia predetto dai profeti, e quel Messia è colui che sarà stato rigettato dai Giudei. Infatti, secondo le parole dei profeti, il Messia viene seicento anni dopo la partenza di mio padre da Gerusalemme; e secondo le parole dei profeti e le parole dell’angelo di Dio, il suo nome sarà Gesù Cristo, il Figlio di Dio. Ed ora, fratelli miei, io ho parlato chiaramente, in modo che non possiate errare. E come vive il Signore Iddio che condusse Israele fuori dalla terra d’Egitto e dette a Mosè il potere di guarire le nazioni dai morsi dei serpenti velenosi, se volessero gettare i loro sguardi verso il serpente ch’egli suscitò dinanzi a loro, e gli dette pure il potere di colpire la roccia per farne uscire dell’acqua; sì, in verità io vi dico che come queste cose sono vere e come il Signore Iddio vive, non vi è alcun altro nome dato sotto i cieli se non questo Gesù Cristo, di cui ho parlato, dal quale l’uomo possa essere salvato. Perciò il Signore Iddio mi ha promesso che queste cose che io scrivo saranno tenute e preservate, e trasmesse ai miei discendenti di generazione in generazione, perché possa adempiersi la promessa fatta a Giuseppe, che la sua stirpe non perirebbe mai, finché sussisterà la terra. (25:1, 9-21) (Discorso fatto tra il 559 e il 545 a.C.)

    Per tal ragione noi parliamo della legge, affinché i nostri figli conoscano la nullità della legge e ch’essi, sapendo che la legge è morta, possano anticipare quella vita che è in Cristo e conoscere il fine cui obbedisce la legge. Ed affinché, dopo che la legge sarà compiuta in Cristo, essi non abbiano a indurire i loro cuori contro di lui quando la legge dovrà essere abolita. (25:27) (Discorso fatto tra il 559 e il 545 a.C.)

  8. #18
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    18

    Ed i Gentili si elevano nell’orgoglio dei loro occhi ed hanno inciampato per la grandezza della loro pietra d’inciampo. Al punto ch’essi si sono create molte chiese; con tutto ciò, essi passano sotto silenzio la potenza ed i miracoli di Dio e predicano la loro propria saggezza e la loro propria scienza, per poter ottenere guadagni ed opprimere i poveri. E molte chiese sono state fondate, il che provoca gelosie e rivalità e malafede. E vi sono pure combinazioni segrete, proprio come ai tempi antichi, secondo le combinazioni del diavolo, poiché egli ne è il fondatore; sì, egli sta alla base degli omicidi e delle opere tenebrose; ed egli li mena per il collo con una corda tenue, finché li incatena per sempre con corde forti. Sappiate infatti, miei diletti fratelli, che il Signore Iddio non opera affatto nell’oscurità. Egli non fa nulla che non sia il bene del mondo; poiché egli ama il mondo al punto d’immolare la sua vita, per poter attirare a sé tutti gli uomini. Perciò egli non ordina a nessuno di non prender parte alla sua salvezza. O grida egli forse a chicchessia: - Allontanati da me? - No, vi dico, ma egli dice invece: - Venite a me, voi tutti, fin dalle estremità della terra, venite a comprare latte e miele senza denaro e senza prezzo (1). - Ha egli forse ordinato a qualcuno di allontanarsi dalle sinagoghe o dalle chiese? Ecco, io vi dico: No (2). Ha egli forse ordinato a qualcuno di non prender parte alla sua salvezza? Ecco, io vi dico: No, ma l’ha data liberamente a tutti gli uomini ed ha ordinato al suo popolo di persuadere tutti gli uomini a pentirsi. Ha forse il Signore ordinato a qualcuno di privarsi della sua bontà? Ecco, io vi dico: No, ma tutti gli uomini godono dello stesso privilegio, gli uni come gli altri, ed a nessuno è fatto divieto.
    Egli ordina che non vi siano frodi sacerdotali, poiché queste consistono in uomini che predicano e si posano a luce del mondo per procurarsi guadagno e lodi del mondo, ma non cercano la prosperità di Sion. (26:20-29) (Discorso fatto tra il 559 e il 545 a.C.)

    Note

    1. La conoscenza che viene data gratuitamente ha un valore inestimabile, per questo viene detto senza prezzo. La conoscenza è nutrimento per l’anima, come fosse latte e miele per il corpo.
    2. In realtà oggi è stato dato quest’ordine perché i capi religiosi insistono ad insegnare le loro false dottrine, impedendo ai credenti di adeguarsi alle nuove norme che porterebbero molti benefici all’intera umanità.

  9. #19
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    19

    Ed ancora, il Signore Iddio ha ordinato che gli uomini non uccidano; ch’essi non rubino; ch’essi non mentano; ch’essi non pronuncino il nome del Signore Iddio loro invano; ch’essi non abbiano invidia; ch’essi non abbiano malizia; che non contendano gli uni con gli altri; che non commettano atti di lussuria; e che non facciano nessuna di queste cose, poiché chiunque le commetterà, perirà. Nessuna infatti di queste cattive azioni viene dal Signore, poiché egli fa ciò che è buono tra i figlioli degli uomini e nulla egli fa che non sia chiaro ai figlioli degli uomini; e li invita tutti a venire a lui ed a partecipare alla sua bontà; e non rifiuta nessuno che venga a lui, che sia bianco o nero, schiavo o libero, maschio o femmina; e si rammenta dei pagani; e tutti sono simili dinanzi a Dio, Ebrei e Gentili. Ma ecco, negli ultimi tempi, o nei tempi dei Gentili, sì, tutte le nazioni dei Gentili ed anche gli Ebrei, sia su questa terra che su altre terre, sì, su tutte le contrade della terra, saranno ebbre d’iniquità e di ogni sorta di abominazioni. E quando verrà quel giorno, essi saranno visitati dal Signore degli eserciti coi tuoni ed i terremoti, con gran fracasso, con uragani e con tempeste, e con la fiamma di un fuoco divorante. E tutte le nazioni che combattono contro Sion e che la opprimono saranno come la visione d’un sogno notturno; sì, come un uomo affamato che sogna di mangiare ed ecco si risveglia e la sua anima è vuota; o come un uomo assetato che sogna di bere ed ecco si risveglia, e vien meno e la sua anima ha sete; sì, così sarà la moltitudine delle nazioni che combattono contro il Monte di Sion. Ecco, voi tutti che commettete l’iniquità, fermatevi e siate stupefatti, poiché voi griderete ed urlerete; sì, sarete ebbri, ma non di vino, vacillerete, ma non per bevande forti. Ecco, il Signore ha versato su di voi uno spirito di sonno profondo. Infatti voi avete chiusi i vostri occhi ed avete rigettati i profeti, ed egli ha bendato i vostri governatori ed i veggenti a causa della vostra iniquità. Ed accadrà che il Signore Iddio vi farà pervenire le parole d’un libro, e saranno le parole di coloro che sono morti. Ed il libro sarà sigillato e nel libro vi sarà una rivelazione di Dio, dal principio alla fine del mondo. Perciò, a causa delle parti sigillate, gli scritti che sono sigillati non saranno svelati nei giorni della malvagità e delle abominazioni del popolo. Pertanto il libro sarà loro tenuto celato. Ma il libro sarà affidato a un uomo ed egli svelerà le parole del libro, parole che vengono da quelli che dormono nella polvere, ed egli confiderà queste parole a un altro uomo. Ma non svelerà le parole che sono sigillate né pubblicherà il libro. Poiché il libro sarà sigillato dal potere divino e la rivelazione ivi sigillata sarà tenuta nascosta nel libro fino al tempo che è noto al Signore, allorché potrà apparire; sappiate infatti che tutte le cose vi sono rivelate, dalla fondazione del mondo alla sua fine. E viene il giorno in cui le parole sigillate del libro saranno lette sui tetti delle case; e saranno lette per il potere di Cristo; ed ogni cosa sarà rivelata ai figlioli degli uomini, ciò che è stato e ciò che sarà fra gli uomini fino alla fine del mondo. Ma il giorno in cui il libro sarà affidato all’uomo di cui ho parlato, esso sarà celato agli occhi del mondo, di modo che niuno lo vedrà se non tre testimoni, che lo vedranno per potere di Dio, oltre a colui a cui il libro sarà confidato; ed essi testimonieranno della verità del libro e delle cose contenutevi. E nessun altro lo vedrà, salvo un numero ristretto, secondo la volontà di Dio, destinato a render testimonianza della sua parola ai figlioli degli uomini; poiché il Signore Iddio ha detto che le parole dei fedeli avrebbero parlato come se venissero dai morti. Così dunque il Signore Iddio farà sì che vengano alla luce le parole del libro; e stabilirà la sua parola per mezzo di altrettanti testimoni quando gli parrà opportuno; e guai a colui che rigetta la parola di Dio! Ma ecco accadrà che il Signore dirà a colui, cui confiderà il libro: - Prendi queste parole che non sono sigillate e dalle a un altro, perché costui possa mostrarle agli eruditi e chieder loro: ‘Leggete, ve ne prego.’ E gli eruditi diranno: ‘Portaci il libro e ne leggeremo le parole.’ Ed ora essi avranno detto questo per la gloria del mondo e al fine di ottener guadagno e non per la gloria di Dio. E l’uomo risponderà: ‘Non posso portarvi il libro perchè è sigillato.’ Dirà allora l’erudito: ‘Non posso leggerlo.’ - Pertanto il Signore Iddio affiderà di nuovo il libro e le parole del libro a colui che non è istruito; e quest’ultimo dirà: - Non sono istruito. - Allora il Signore Iddio gli risponderà: - Gli eruditi non leggeranno queste parole, perchè le hanno respinte, ed io posso fare la mia propria opera, perciò tu leggerai le parole che ti darò. Non toccare le cose che son sigillate, poiché le farò venire alla luce nel tempo da me prefisso; voglio infatti mostrare ai figlioli degli uomini che sono in grado di fare la mia propria opera. Allorché dunque tu avrai letto le parole che ti ordinerò ed ottenuto i testimoni che ti ho promessi, allora tu sigillerai di nuovo il libro e lo celerai per me, affinché io possa preservare le parole che tu non hai lette, finché io riterrò utile nella mia saggezza di rivelare tutte le cose ai figlioli degli uomini. Ecco, io sono Dio, e sono un Dio di miracoli e mostrerò al mondo che io sono lo stesso ieri, oggi e in eterno; ed io non opero fra i figlioli degli uomini, se non in misura della loro fede. - (Da 262 a 27:23)

  10. #20
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Jan 2021
    Messaggi
    183
     Likes dati
    7
     Like avuti
    51
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Approfondimento del "Libro di Mormon".

    20

    E di nuovo accadrà che il Signore parlerà così a colui che leggerà le parole che gli saranno state confidate: - Dal momento che questo popolo si avvicina a me con la sua bocca e mi onora con le labbra, ma ha distolto ben lungi da me il suo cuore, e che il suo timore di me è insegnato con precetti umani, io procederò dunque ad un’opera meravigliosa fra questo popolo, sì, un’opera meravigliosa ed un prodigio, poiché la saggezza dei loro saggi e dei loro sapienti perirà, e l’intendimento dei loro prudenti sarà oscurato. E guai a coloro che cercano di tener profondamente celato al Signore il loro pensiero! E le loro opere sono nelle tenebre e dicono: ‘Chi ci vede e chi ci conosce?' E dicono pure: ‘Di sicuro il vostro mettere ogni cosa sottosopra sarà stimato come l’argilla del vasaio.’ Ma ecco, io mostrerò loro, dice il Signore degli eserciti, che conosco tutte le loro opere. Dirà infatti la creatura di colui che la fece: ‘Egli non mi ha fatto?’ O la cosa creata di colui che la creò: ‘Egli non ha intendimento?’ Ma ecco, dice il Signore degli eserciti, io mostrerò ai figlioli degli uomini che ancora un brevissimo tempo ed il Libano sarà mutato in un campo fertile ed il campo fertile sarà valutato come una foresta. Ed in quel giorno i sordi intenderanno le parole del libro e gli occhi dei ciechi vedranno la luce e non più oscurità e tenebre. Ed i miti si moltiplicheranno e la loro allegrezza sarà nel Signore, ed i poveri si rallegreranno nel Santissimo d’Israele. Poiché sicuramente, come il Signore vive, essi vedranno che il terribile è annientato, lo schernitore è consumato, e tutti coloro che vegliano per l’iniquità sono eliminati. E quelli pure che fanno di un uomo un offensore per una parola e tendono una trappola a colui che rimprovera sulla porta, e respingono il giusto per un nonnulla. - Perciò così dice il Signore, che riscattò Abramo, in merito al casato di Giacobbe: - Ora Giacobbe non si vergognerà e il suo volto non impallidirà più. Ma quando vedrà i suoi figli, l’opera delle mie mani, in mezzo a lui, essi santificheranno il mio nome, santificheranno il Santo di Giacobbe e avran timore del Dio d’Israele. E coloro che erravano in ispirito verranno all’intendimento e coloro che mormoravano impareranno la dottrina. -
    Ed ora, fratelli miei, ecco io vi ho parlato secondo quanto lo Spirito mi ha costretto a dirvi, per cui so che tutto ciò accadrà certamente. Le cose che saranno scritte nel libro saranno di gran valore per i figlioli degli uomini e specialmente per i nostri discendenti, che sono un residuo del casato d’Israele. Avverrà infatti in quei giorni che le chiese che saranno state fondate, e non per il Signore, diranno l’una all’altra: - Ecco, io sono la chiesa del Signore -; e le altre: - Io, io sono del Signore -; così dirà ognuno di quelli che avranno fondato una chiesa, e non per il Signore. E si disputeranno gli uni cogli altri ed i loro sacerdoti saranno in conflitto gli uni con gli altri, ed insegneranno con il loro sapere e negheranno lo Spirito santo, che dà potere d’esprimersi. E negheranno la potenza di Dio, del Santissimo d’Israele; e dicono al popolo: - Ascoltateci ed udite i nostri precetti, poiché oggi non vi è Dio, dato che il Signore e redentore ha compiuto la sua opera ed ha dato il suo potere agli uomini. Ecco, ascoltate i nostri precetti; se alcuno dirà che un miracolo è stato operato dalla mano del Signore, non credetegli, poiché oggi egli non è un Dio di miracoli, ha già compiuto la sua opera. - Sì, e molti diranno: - Mangiate, bevete e datevi alla gioia, poiché domani morremo e tutto andrà bene per noi. - E ve ne saranno pure molti che diranno: - Mangiate, bevete e siate allegri, però temete Dio; egli ci giustificherà se commettiamo qualche piccolo peccato; sì, mentite un po’, approfittate delle parole di qualcuno, scavate un fosso per il vostro prossimo; non vi è alcun male in ciò; e fate tutte queste cose, perché domani morremo; e se accade che siamo colpevoli, Iddio ci castigherà un po’, ma alla fine noi saremo salvati nel regno di Dio. - Sì, e ve ne saranno molti che insegneranno cose di questo genere, dottrine false, vane e folli, e saranno gonfi d’orgoglio, e cercheranno di celare profondamente i loro pensieri al Signore; e le loro opere saranno nelle tenebre. Ed il sangue dei santi griderà dalla terra contro di loro. Sì, tutti si sono sviati, si sono tutti corrotti. A causa dell’orgoglio, dei falsi istruttori e delle false dottrine le loro chiese si sono corrotte ed esaltate; gli uomini sono pieni d’orgoglio. Essi derubano i poveri a prò dei loro ricchi santuari, spogliano i poveri per le loro vesti sontuose e perseguitano i miti ed i poveri, che sono veramente tali, essendo gonfi d’orgoglio. Vanno con il collo rigido ed il capo eretto, sì, e per l’orgoglio, la malvagità, le abominazioni e le fornicazioni si sono tutti sviati, salvo un piccolo numero, che sono gli umili seguaci di Cristo; ciononostante questi sono condotti in modo da errare ben sovente, essendo istruiti con precetti umani. O saggi, o eruditi, o ricchi, che siete riempiti d’orgoglio nei vostri cuori, e voi tutti che predicate false dottrine, e voi fornicatori, e voi che pervertite il retto cammino del Signore, guai, guai, guai a voi, dice il Signore Iddio Onnipotente, poiché sarete precipitati in inferno! Guai a coloro che respingono il giusto per un nonnulla e che resistono a tutto ciò che è buono e dicono che sono cose senza valore! Poiché viene il giorno in cui il Signore Iddio visiterà prontamente gli abitanti della terra ed in quel giorno, allorché saranno pienamente maturi in iniquità, essi periranno. Ma, ecco, se gli abitanti della terra si pentiranno della loro malvagità e delle loro abominazioni, non saranno distrutti, dice il Signore degli eserciti. Ma, in verità, quella grande ed abominevole chiesa, la prostituta di tutta la terra, dovrà crollare e la sua caduta sarà necessariamente grande. Poiché il regno del diavolo ne sarà scosso e coloro che vi appartengono dovranno essere spronati al pentimento, altrimenti il diavolo li imprigionerà con le sue catene eterne ed essi saranno aizzati all’ira e periranno. Sappiate infatti che in quel giorno egli imperverserà nei cuori dei figlioli degli uomini e li spingerà alla rivolta rabbiosa contro ciò che è buono. E ne pacificherà degli altri, trascinandoli e cullandoli in una sicurezza carnale, cosicché diranno: - Tutto va bene in Sion, sì, Sion è prospera, tutto è bene. - E così il diavolo inganna le loro anime e li conduce dolcemente giù in inferno. Ed ecco, altri egli ne lusingherà, dicendo loro che l’inferno non esiste, e dirà loro: - Io non sono il diavolo, poiché ciò non esiste. - Così egli sussurra al loro orecchio, finché potrà stringerli con le sue tremende catene, dalle quali non è possibile liberarsi. Sì, essi saranno presi dalla morte e dall’inferno; e la morte, l’inferno, il diavolo e tutti quelli che ne sono stati presi dovranno tenersi dinanzi al trono di Dio ed essere giudicati secondo le loro opere; quindi dovranno andarsene nel luogo preparato per loro, che è un lago di fuoco e di zolfo, un tormento senza fine. Perciò guai a colui che è a suo agio in Sion! Guai a colui che grida: - Tutto va bene! - Guai a colui che dà ascolto ai precetti umani e nega il potere di Dio e il dono dello Spirito santo. Sì, guai a colui che dice: - Abbiamo già ricevuto, non abbiamo bisogno d’altro! - Ed infine, guai a tutti coloro che tremano e sono infuriati contro la verità divina! Colui infatti che è fondato sulla roccia riceve la verità con contentezza, ma colui che ha fondamenta di sabbia, trema, temendo di cadere. (Da 27:24 a 28:28) (Discorso fatto tra il 559 e il 545 a.C.)

 

 
Pagina 2 di 4 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. A cosa servono le "trasmissioni di approfondimento " ?
    Di Watson nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-06-14, 12:14
  2. Leggereste il libro di Mormon per una o piu' gnocche?
    Di Segesto II nel forum Fondoscala
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 26-06-12, 15:41
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-11-10, 10:34
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-04-07, 19:51
  5. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 05-04-05, 14:06

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •