User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    18,908
     Likes dati
    1,610
     Like avuti
    7,573
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Ripensamenti sul globalismo. In USA. In Italia no.

    https://www.maurizioblondet.it/ripen...-in-italia-no/


    Ripensamenti sul globalismo. In USA. In Italia no.


    Maurizio Blondet 16 Maggio 2021


    Un articolo interessante su Zero Hedge

    Dagli anni ’70, il libero commercio internazionale è stato continuamente promosso dai leader dei paesi sviluppati e dagli agenti economici.

    Sono stati proposti diversi quadri teorici per spiegare i vantaggi di un ambiente di libero scambio, dal concetto di vantaggi assoluti di Adam Smith alle teorie più recenti basate sulle imprese.

    Tuttavia, la realtà è molto più sfumata, soprattutto dopo l’ingresso della Cina nell’OMC nel 2001, e sorgono interrogativi sulla sostenibilità del modello attuale.

    Lo sviluppo dell’attività di libero scambio potrebbe essere considerato un trionfo a intellettuale per il capitalismo occidentale; eppure tale tendenza ha paradossalmente indebolito diversi paesi in Europa e in America.

    Il primo effetto collaterale del globalismo economico in Occidente è stato la riduzione della industria manifatturiera in diverse economie come gli Stati Uniti, con conseguenti problemi di disoccupazione permanente.

    Ma, ben al di là delle conseguenze sociali, sociali, l’autore canadese Vaclav Smil ha affermato che un declino della produzione industriale in un paese è strutturalmente un male, in quanto riduce la capacità di un paese di innovare a lungo termine.

    La seconda ragione per essere scettici sul commercio internazionale è la moltiplicazione degli squilibri strutturali nell’economia globale, con avanzi e disavanzi insostenibili ovunque. Un’economia che mostra un crescente deficit commerciale sta diventando più povera rispetto alle economie estere, portando alla fine a una crisi finanziaria e / o sociale.

    Per capirlo, è necessario immaginare un paese la cui valuta è sostenuta da qualcosa di tangibile (ad esempio l’oro). In quel caso, un deficit significa che il paese deve metalli al resto del mondo.

    Naturalmente, i deficit delle partite correnti possono essere compensati dagli afflussi finanziari, ma poiché in economia non c’è il pasto gratuito, ciò non dovrebbe essere visto come una soluzione a lungo termine.

    Ultimo ma non meno importante, l’aumento del commercio globale e la specializzazione dei paesi hanno portato a un sistema pieno di attriti e altamente vulnerabile agli shock (indipendentemente dalle loro dimensioni). Questo è stato ben documentato e spiegato dalla ricerca in sistemi complessi, inclusa l’econofisica (vedi

    È la complessità stupida). Si potrebbe immaginare un disastro naturale locale che interrompa la catena di approvvigionamento dell’industria automobilistica globale (ad es. Terremoto e tsunami in Giappone nel 2011), un piccolo incidente marittimo che blocca gran parte del commercio marittimo (ad es. economia per diversi mesi (es. pandemia COVID-19).

    In altre parole, un problema che colpisce le fabbriche locali in alcune regioni dell’Asia o gli impianti minerari in Cile ha un impatto sulla maggior parte delle economie del mondo. In altre parole, più i paesi sono specializzati in termini di produzione economica, più dipendono dalla produzione estera e più saranno vulnerabili a eventi lontani.


    Il “cigno nero” della guerra commerciale

    Inoltre: cosa succederebbe se le tensioni USA-Cina continuassero a salire e se l’economia globale si dividesse gradualmente in due mercati diversi?

    L’America è diventata più protezionista dall’elezione di Trump nel 2016, la Cina ha chiarito che implementerà una politica economica “Made in China for China” per i prossimi anni (e anche decenni) poiché l’indipendenza economica è diventata uno degli obiettivi principali di Xi Jinping.

    Non so quanto gli agenti economici occidentali siano preparati per un simile scenario, poiché la maggior parte delle persone scommette sempre sul ritorno alla normalità.

    Ma le conseguenze di un cambiamento strutturale nell’attività commerciale globale potrebbero essere significative per il resto del mondo, soprattutto per gli importatori netti che dipendono troppo dai produttori esteri per i materiali o i componenti tecnologici chiave.

    Si sostiene che il mondo sta diventando sempre più interconnesso e che è probabile che una rete economica globale sia irreversibile, e continui ad espandersi a lungo termine. Questo può essere vero “a lungo termine”, ma potrebbe essere smentito durante le nostre vite.

    Da questo punto di vista, si possono trarre lezioni interessanti dal declino dell’Impero Romano d’Occidente.

    La caduta di Roma

    Studiando il periodo di transizione dall’Impero Romano al Medioevo (detto tarda antichità), l’archeologo britannico Bryan Ward-Perkins ha spiegato che “la caduta di Roma” è stata un brutale declino durante il V e il VI secolo.

    Prima del V secolo, una rete commerciale ampia e complessa era emersa nell’impero occidentale, portando a una forte attività economica nella maggior parte delle province e un alto livello di tecnologia rispetto al Medioevo.

    Ad esempio, regioni specializzate nella produzione di armi per le legioni, altre su alcuni tipi di ceramiche, stoviglie e tegole ecc. Il popolo dell’Inghilterra sotto controllo romano cominciò ad usare letegole per i tetti; materiale che veniva portato dalle navi romane di rifornimento delle legioni, come zavorra

    Ward-Perkins ha osservato che dopo decenni di cosiddette “invasioni dei barbari”, l’attività economica ha mostrato gravissimi segni di declino nell’Impero: crollo di manufatti come ceramiche o materiali da costruzione “di fascia alta” (tegole), costringendo la polazione locale a tornare ad abitare in case coi tetti di paglia ad esempio.

    Semplicemente, i britannici rimasti senza romani, le tegole non le sapevano fabbricare… Le ossa dei defunti britannici mostrano dovunque segni di denutrizione e malattie prima rare. Persino i bovini diminuirono di statura, segno che vivevano di stenti. Inoltre, gli scavi archeologici mostrano che l’uso delle monete metalliche è diminuito in modo significativo durante quel periodo.

    Poiché ogni regione divenne dipendente dalle altre, le basi economiche dell’Impero d’Occidente divennero vulnerabili a qualsiasi evento dirompente. E questo è quello che è successo per due secoli. Mentre nello stesso periodo l’Impero bizantino stava vivendo una relativa pace e boom economico, come dimostrano i ritrovamenti archeologici.

    Poiché l’economia dell’Occidente è stata colpita da diversi shock, l’Impero Romano è rimasto intrappolato in un circolo vizioso, il che significa che le guerre e le sconfitte hanno portato a un’attività di approvvigionamento più debole in alcune regioni, con conseguenti problemi economici ovunque, problemi di budget, meno trasferimenti alle legioni , disordini sociali, e quindi ulteriori sconfitte militari, e così via.

    L’esempio dell’Impero Romano d’Occidente è eclatante, poiché il suo crollo ha portato anche a un grave declino in termini di tecnologia. Quindi, la domanda è se sia un proxy rilevante per l’attuale impero capitalista occidentale.

    Nessuno lo sa per certo, ma come scrisse Ward-Perkins nel 2005: “I romani prima della caduta erano certi, come lo siamo noi oggi, che il loro mondo sarebbe continuato per sempre sostanzialmente invariato. Avevano torto. Saremmo saggi a non ripetere il loro compiacimento “.

    Sono argomenti che chi è critico del globalismo conosce, quasi banali. Ma il punto è che la globalizzazione cominci ad essere criticata, da “veri credenti” nel capitalismo globale, in USA e Gran Bretagna.

    Ciò che lascia bene sperare è che questi pensieri non vengono censurati dai “veri credenti”; al contrario di quel che avviene in Italia, dove il dibattito è prigioniero dei tabù che la sinistra ha alzato, veri reticolati da lager mentale, contro qualunque argomento: criticare l’Europa?

    È tabù, e il critico va punito. Obiettare se Draghi e le sue misure? “Se Salvini non vuole le riforme, esca dal governo”. E’ vietato discutere, vietato dibattere. Il risultato è la paralisi delle idee, l’arretramento e – temo – la guerra (in)civile: il PD la vuole, perché sente minacciato il suo potere dalle idee. Altrui. Di Salvini, il che è tutto dire.

  2. #2
    Thread Terminator
    Data Registrazione
    05 Jan 2021
    Località
    Finitore di thread
    Messaggi
    765
     Likes dati
    1,219
     Like avuti
    285
    Mentioned
    29 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ripensamenti sul globalismo. In USA. In Italia no.

    per essere resiliente devi avere sul territorio piccole produzioni di tuttii beni, da usare come punto di partenza nel caso in cui viene a mancare la fonte di importazione nel giro di qualche anno. Senza tecnologia e anche una rete minima di aziende si fa fatica a costruire da 0 in pochi anni
    Citami se vuoi risposta @osservatore90

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    18,908
     Likes dati
    1,610
     Like avuti
    7,573
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ripensamenti sul globalismo. In USA. In Italia no.

    Citazione Originariamente Scritto da osservatore90 Visualizza Messaggio

    per essere resiliente devi avere sul territorio piccole produzioni di tuttii beni, da usare come punto di partenza nel caso in cui viene a mancare la fonte di importazione nel giro di qualche anno. Senza tecnologia e anche una rete minima di aziende si fa fatica a costruire da 0 in pochi anni

    avevamo tutto ciò che serviva in loco, ma ci hanno detto che era meglio disseminare impianti, tecnologie e know how in tutto il mondo, e avremo avuto dei grandi vantaggi.

  4. #4
    Presidente uscente di POL
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Località
    Genova, Italy
    Messaggi
    30,698
     Likes dati
    4,500
     Like avuti
    7,204
    Mentioned
    155 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ripensamenti sul globalismo. In USA. In Italia no.

    COTECHINO CON LENTICCHIE

    Cotechino con lenticchie: la tradizione da tempo immemore ha voluto che questo binomio praticamente inscindibile ci accompagnasse a San Silvestro, proprio quando si lascia “il vecchio per il nuovo”, il passato per il futuro, in una tra le notti più lunghe che ci siano.

    Ma quanto dobbiamo tornare indietro per raccontare la storia di questo piatto? Già nell’antica Roma, infatti, si pensava che consumare lenticchie (considerate simbolo di abbondanza) l’ultimo giorno dell’anno avrebbe portato fortuna e prosperità: perciò, si era soliti regalare un portamonete in cuoio, la scarsella, pieno di questi legumi con la speranza che si potessero trasformere in preziose monete d’oro.

    Ecco, mi sono lasciata prendere da questi affascinanti aneddoti e in un attimo l’occhio cade sull’orologio: il conto alla rovescia è già iniziato e ormai manca davvero poco allo scoccare della mezzanotte! Tutti pronti? Il mio augurio per questo giorno speciale è che tu possa trascorrere un capodanno ricco di felicità, tra calici alzati, sogni nel cassetto, risate e auguri a volontà!

    Cotechino con lenticchie nel piatto fumanti appena preparate

    PREPARAZIONE: 150 min COTTURA: 30 min. DIFFICOLTA‘: facile. COSTO: economico.
    COTECHINO CON LENTICCHIE: INGREDIENTI PER 4 PERSONE
    PER IL COTECHINO
    Cotechino fresco da 500 g 1
    sedano 1 costa
    cipolla ½
    carota 1
    bacche di ginepro 4
    alloro 1 foglia

    PER LE LENTICCHIE
    lenticchie secche 250 g
    bicarbonato ¼ di cucchiaino
    sedano 1 costa
    cipolla 1/2
    carota 1
    pomodorini 100 g
    rosmarino 1 rametto
    olio extravergine di oliva 50 ml
    alloro 1 foglia
    salvia 2 foglie
    aglio 1 spicchio
    brodo vegetale 500 ml
    sale q.b.
    pepe a piacere


    Mettiamo qualcosa di utile dentro l'ennesimo thread delle troiate di Blondet
    "La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile" (Corrado Alvaro)

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    18,908
     Likes dati
    1,610
     Like avuti
    7,573
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ripensamenti sul globalismo. In USA. In Italia no.

    Citazione Originariamente Scritto da Seyen Visualizza Messaggio

    COTECHINO CON LENTICCHIE


    Mettiamo qualcosa di utile dentro l'ennesimo thread delle troiate di Blondet

    ottima ricetta, per una replica adeguata agli articoli di blondet, che nel caso, non è suo, ma ripreso da zero hedge.

    girala anche a loro, che se la meritano.

 

 

Discussioni Simili

  1. Comunicato - Ripensamenti
    Di _Riccardo_ nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 09-07-09, 21:34
  2. C'e' Sempre Tempo Per I Ripensamenti................
    Di Watanaka60 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 15-03-08, 10:30
  3. Napolitano:decisione presa, senza ripensamenti
    Di otto grunf (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-12-07, 21:24
  4. Bulimia Da Ripensamenti.
    Di Aurora86 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 11-04-07, 08:42
  5. Dall'anti globalismo al neo globalismo
    Di Rodolfo (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-01-03, 15:27

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •