User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,963
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito La storiografia marxista, risultati e prospettive (1973)

    «Rinascita», a. XXX, n. 10, 9 marzo 1973, pp. 12-13.

    Il colloquio con Rosario Villari, che qui pubblichiamo, apre una serie di conversazioni di Rinascita con gli storici marxisti. Questa nuova inchiesta nasce, prima di tutto, dal desiderio e dalla necessità di informare ampiamente i lettori intorno allo «stato» della ricerca storiografica nel momento in cui si rinnova, specie da parte dei giovani, e non soltanto dentro le università, una domanda nuova di storia; e, in secondo luogo, dal desiderio di aprire in maniera diretta le colonne della rivista del partito alla discussione tra gli storici.
    Qual è in questo momento l’oggetto del dibattito e della ricerca tra gli storici? Quale giudizio ciascuno degli studiosi dà della propria opera, della storiografia marxista uscita dalla guerra di liberazione e, più in generale, della storiografia più giovane? Si può dire che storiografia «comunista» e storiografia marxista coincidano? E ancora: quale rapporto va istituito tra storia economica e storia politica? Quale è stato negli ultimi venticinque anni e quale è oggi il rapporto tra storia contemporanea e storia del movimento operaio, tra storia del partito comunista e storia d’Italia, tra storia del partito e storia del socialismo, tra storia dello Stato unitario italiano e storia del tempo in cui viviamo? A queste e analoghe altre domande, saranno gli stessi storiografi marxisti e comunisti a rispondere su queste colonne. Essi ci diranno se e come il loro lavoro di questi anni ha risposto a quel nuovo bisogno di ricerca storica di cui l’ultima generazione si è fatta portavoce.
    A questo colloquio con Rosario Villari ne seguiranno altri: tra i primi, quelli con Giuliano Procacci, Ernesto Ragionieri, Leonardo Paggi, Franco De Felice, Gastone Manacorda.

    1. Colloquio con Rosario Villari

    Il rapporto con il partito

    Rinascita. A Rosario Villari, ordinario di storia moderna nell’Università di Firenze, poniamo le seguenti domande: qual è il rapporto tra il partito e la storiografia in generale e tra il partito e la storiografia marxista in particolare? C’è stata, in questi anni, da parte del partito, una reale richiesta di analisi storica?

    Villari. Questo rapporto si è instaurato, dopo la caduta del fascismo, sulla base dell’esigenza del partito di collegare l’elaborazione della sua politica con una riflessione «scientifica» sulla società italiana. Il partito mirava non soltanto a chiarire la propria storia interna ma anche e soprattutto a sollecitare un ripensamento del processo generale di sviluppo e dei «caratteri originali» del paese, degli elementi costitutivi della storia nazionale e dei suoi legami col resto del mondo. C’è stata una piena disposizione ad accogliere indicazioni e risultati del lavoro storiografico, ad appagare in modo nuovo, cioè attraverso un rapporto articolato con una cultura in movimento ed in via di rinnovamento, quella sete di conoscenza storica che è stata sempre una caratteristica dei dirigenti e dei militanti del movimento operaio. Mi pare di dover sottolineare il fatto che, anche se un gruppo di giovani studenti marxisti si è orientato, all’inizio degli anni ’50, verso lo studio della storia del movimento operaio, talvolta concepito in modo ristretto e subalterno, la sollecitazione che veniva dal partito, direttamente o indirettamente, era indirizzata verso un impegno più ampio; un impegno ad affrontare da una parte i grandi problemi della vita nazionale, e quindi i modi e i temi anche lontani dalla loro formazione, e dall’altra il rapporto tra cultura storica e orientamenti della coscienza politica collettiva. È superfluo dire che la storiografia offriva un campo particolarmente importante ad un’opera di demistificazione che l’eredità culturale dal fascismo rendeva necessaria. Il partito ha seguito quindi con interesse costruttivo l’attività storiografica, sottolineandone i risultati nuovi e incoraggiando la giusta distinzione tra storiografia e politica immediata e, nello stesso tempo, il legame tra l’indagine storica e la realtà attuale, anche se vi erano alcuni importanti campi di indagine (come, per fare l’esempio maggiore, la storia dell’URSS e della rivoluzione bolscevica) di fronte ai quali questi criteri-guida venivano meno e si oscuravano. Lasciando da parte la funzione e l’opera di Togliatti (che richiederebbero un discorso complesso e approfondito), si può ricordare a questo proposito qualche fatto significativo: il sostegno e l’incoraggiamento dati da Mario Alicata alla fondazione di Studi storici, l’iniziativa presa da Di Vittorio della creazione di un centro di studio della storia sociale delle campagne, il diretto e fondamentale contributi di Emilio Sereni a iniziative che hanno rappresentato momenti importanti del dibattito e della ricerca storica (oltre, s’intende, il suo personale apporto diretto alla storiografia), i convegni e il lavoro organizzativo dell’Istituto Gramsci, ecc. Mi piace ricordare anche la decisione di Cronache meridionali – una rivista politica – di dedicare una parte non piccola del suo spazio e del suo impegno ad un primo tentativo di ricostruzione storica della questione meridionale. Oggi è universalmente riconosciuto che non aveva fondamento l’accusa, fatta con insistenza al partito ed agli storici comunisti in tempi di maccartismo, di voler subordinare la ricerca a ragioni immediatamente politiche. Ben altro e ben più fecondo e positivo è stato, fin dall’inizio, il rapporto tra partito e storiografia. Si può dire che l’attenzione alla cultura storica e la riflessione sulla storia del nostro paese sono state elementi non secondari dell’elaborazione politica della «via italiana al socialismo» ed hanno così contribuito a caratterizzare e distinguere, nel panorama della lotta politica del secondo dopoguerra, un modo di far politica proprio dei comunisti, cioè un modo ricco di implicazioni e di contenuti culturali. È stata anche questa impostazione che, in generale, ha permesso al partito di affrontare positivamente e di superare la crisi che gli avvenimenti del 1956 hanno provocato nel rapporto con gli intellettuali.
    Sulla base di questo scambio fecondo, che non si è verificato soltanto sul terreno della storiografia politica e sociale e che ha avuto come essenziale punto di riferimento l’opera di Gramsci, è stata esercitata una critica efficace degli orientamenti e delle posizioni tradizionali della storiografia, è stata superata, si può dire in maniera definitiva, una visione aulica, tendenziosa e provinciale della formazione dello Stato italiano ed è stata operata una serie di collegamenti con la cultura storica degli altri paesi. In qualche misura – cioè nei limiti in cui il superamento di determinati miti storiografici e metodi di ricostruzione della storia può influire sulla mentalità generale – la storiografia ha contribuito alla formazione ed allo sviluppo della coscienza democratica del paese, ha operato, in modo più ristretto ma forse di più lunga e costante durata, nello stesso senso in cui hanno operato altre e più clamorose manifestazioni della cultura e dell’arte italiana all’indomani della seconda guerra mondiale. Il lavoro si è svolto prevalentemente in due direzioni: da una parte si è realizzato il recupero alla storia, l’inserimento nella visione complessiva della storia nazionale, di settori (la classe operaia, i contadini) che nella visione ufficiale erano rimasti nell’ombra, come semplici oggetti o elementi poco significativi del processo storico. In questo modo si sono poste, tra l’altro, le basi per una giusta valutazione della lotta contro il fascismo e della nascita dello Stato democratico, in quanto si è potuto chiarire nella sua genesi e nel suo profondo significato il ruolo che in quegli avvenimenti decisivi hanno assunto le classi popolari. Tale «recupero» poneva naturalmente una serie di problemi metodologici che sono stati affrontati e risolti soltanto in parte. In generale, le classi popolari sono state studiate soprattutto nelle loro manifestazioni politiche e non come entità collettive, con i loro orientamenti culturali, religiosi, di costume, di mentalità, con determinati rapporti sociali interni e con altre classi ecc. Una corrente di studi in quest’ultima direzione, nel campo della storia contemporanea, si va delineando soltanto da poco, ma al di fuori del gruppo degli studiosi che si occupano del movimento operaio (uno dei temi che sono stati affrontati di recente è il comportamento delle masse popolari durante la grande guerra). Dall’altra parte, si è avviato un riesame critico del giudizio sulla natura della classe dirigente nazionale, sul modo della sua formazione, sui suoi legami politici e ideali, sulle sue tradizioni, e si è promosso uno studio nuovo (che aveva soltanto pochi precedenti nella cultura storica nazionale) delle strutture economiche, dei rapporti tra le classi sociali, dell’organizzazione della cultura e della sua funzione sociale. Anche se, all’inizio, il primo aspetto ha avuto la prevalenza, credo che in definitiva la storiografia marxista abbia dimostrato nel secondo aspetto maggiore incisività, spaziando dalla storia antica a quella dell’età moderna e dell’età contemporanea. C’è stato anche, contemporaneamente, un certo sforzo per allargare la tematica al di là dei confini nazionali; ma questo rimane ancora uno dei punti deboli della storiografia italiana in generale, e anche di quella marxista.
    Oggi, però, la situazione è diversa. Mentre il patrimonio della storiografia marxista rimane valido e si accresce continuamente, l’atteggiamento del partito sembra in una certa misura, di fatto, cambiato. La richiesta di analisi storica, per usare la tua puntuale espressione, si è fatta sentire particolarmente in un determinato settore. Il partito ha avvertito l’esigenza di ripensare soprattutto la sua stessa storia e, in parte, di rivedere i giudizi su se stesso, sulle proprie origini, anche in funzione di esigenze attuali. Ciò è avvenuto anzitutto in funzione di una maggiore disponibilità alla collaborazione con gli altri partiti del movimento operaio e con le forze democratiche e popolari cattoliche ed in funzione di una nuova concezione dell’internazionalismo proletario: questi sviluppi della linea politica del partito hanno imposto, per così dire, un riesame delle tradizioni del socialismo italiano, della scissione di Livorno e via via di tutta la storia del comunismo italiano, hanno sollecitato la scoperta delle sue peculiarità e del suo ruolo specifico nell’ambito della Terza Internazionale. Ma un’altra spinta, forse non meno importante, è venuta anche dalla necessità di difendersi dagli attacchi «a scoppio ritardato» dei gruppi di ultra-sinistra e soprattutto dalla necessità di difendersi dai tentativi di porre sotto il segno dello «stalinismo» una parte troppo grande del passato del partito e dell’attività dei suoi dirigenti dal 1926 al 1953. Ciò ha dato risultati molto positivi, anche se gli studiosi hanno risposto spesso con eccessiva cautela e con troppe preoccupazioni «politiche» a quella domanda. Ha portato, per quanto riguarda specificamente la storia del partito, al definitivo superamento di una visione schematica e ufficiale, all’impostazione di nuovi problemi, ad una visione più concreta del legame tra vicende interne e attività complessive del movimento operaio internazionale. È stato un contributo prezioso non soltanto alla conoscenza che il partito ha di se stesso, ma anche alla conoscenza della storia generale del paese. Credo, tuttavia, che tutto ciò abbia anche un risvolto negativo.
    L’interesse del partito si è come settorializzato; si è perduto o attenuato il gusto per una storiografia che si muova in un ampio arco di tempi e di problemi e che abbia come oggetto la società nel suo complesso, i processi di formazione di lungo respiro della realtà sociale, statale, politica, economica, culturale. Mi pare di poter notare, insomma, un restringimento di interessi nel rapporto tra partito e storiografia e credo che questa sorta di settorializzazione influisca negativamente sulla spinta egemonica della cultura marxista, creando un circuito chiuso (in cui sono coinvolte parzialmente le principali attività organizzative culturali sostenute dal partito e le iniziative culturali delle sezioni e delle federazioni) che dà soltanto l’illusione di uno sviluppo dell’influenza culturale. Bisognerebbe esaminare le ragioni del fenomeno che ritengo di dover segnalare e che per necessità di cose ho descritto in termini schematici: forse esse sono da ricercare in parte nel ritardo con cui i problemi della storia del partito sono stati affrontati criticamente. Ma vi è un altro aspetto sul quale mi pare che si debba richiamare l’attenzione: è il modo in cui si è venuta sviluppando, in generale, l’attuale corrente di interesse per la storia dei partiti e dei movimenti politici contemporanei in Italia. C’è una diffusa tendenza a ricostruire la storia dei partiti e dei loro gruppi dirigenti senza dare sufficiente rilievo al rapporto tra i partiti e la più complessa realtà sociale, politica, economica e culturale nella quale essi si muovono. C’è la tendenza, insomma, ad esaurire il discorso nella ricostruzione della vita interna, delle lotte tra gruppi e correnti; lotte che, astrattamente considerate (o valutate con indebiti e gratuiti accostamenti alle situazioni di oggi) diventano difficilmente comprensibili per il lettore comune, oscurate da una fastidiosa terminologia gergale, analogamente a quanto avviene in un certo settore del dibattito ideologico sul marxismo che non si pone come obiettivo la migliore conoscenza della realtà attuale ma si esaurisce nella diatriba sui «sacri testi». Sono molto diffidente verso una storia dei partiti che non tenga costantemente presente la totalità del processo storico e che non mantenga il necessario equilibrio tra l’analisi della vita interna della varie formazioni politiche e la visione dei problemi che interessano la vita collettiva. Mancando questo equilibrio, diventa incerta la stessa scelta del materiale documentario, e impossibile il giudizio sul significato delle vicende interne dei raggruppamenti politici. Per questa via si può giungere a vere e proprie aberrazioni ed a gravi distorsioni nel giudizio storico. È facile, a questo punto, la sovrapposizione di un criterio ideologico di giudizio, la distorsione dei fatti, la subordinazione dell’indagine a meschine o ingiustificate esigenze immediate. Ciò non è avvenuto soltanto in alcune opere recenti sul fascismo, ma anche in una parte delle opere che sono state dedicate a momenti e figure della storia del movimento operaio.

    Rinascita. Si può parlare, qui in Italia, di una storiografia marxista? C’è stato un reale distacco dalla tradizione idealistica e, quindi, una ricerca della metodologia marxista?

    Villari. Forse si dovrebbe parlare di una storiografia ispirata al marxismo, facendo l’ovvia osservazione preliminare che il segno distintivo di tale ispirazione non è il fatto di avere come oggetto la storia del movimento operaio, del socialismo e del comunismo. Proprio in questo campo di studi, del resto, non c’è un vero e proprio criterio per fare distinzioni di orientamento storiografico che non sia quello dell’appartenenza dei singoli studiosi a determinati raggruppamenti o organizzazioni; tant’è vero che le discussioni di «metodo» che si sono fatte su quei temi hanno avuto prevalentemente come argomento problemi elementari di correttezza di interpretazione, di conoscenza e uso del materiale documentario, di posizioni politiche, ecc. Certo, il fatto che vi sia un così largo interesse per la storia del movimento socialista è indubbiamente un segno del peso decisivo che quel movimento ha nella società contemporanea e quindi anche, indirettamente, del crescente peso del marxismo.
    Qualche volta si è posto un problema: la storiografia marxista italiana è veramente tale o si deve invece parlare di storiografia genericamente democratica? Credo che questo sia un falso problema e che il tentativo di rispondere a questa domanda non sia di molto aiuto per orientarsi nel panorama, del resto non molto intricato, degli orientamenti della storiografia italiana. In Italia si è formata una corrente di studi storici, articolata e complessa, che, distaccandosi dalla tradizione idealistica, ha tratto dallo studio del marxismo, e in ispecie della tradizione italiana del pensiero marxista, dalle esperienze della storiografia marxista di altri paesi e dall’adesione politica del movimento operaio la spinta alla realizzazione del suo impegno di lavoro. Poiché in questo campo anche le intenzioni contano (in quanto esprimono una insoddisfazione per le soluzioni date dalle tradizionali correnti culturali) e poiché si tratta di una corrente cospicua di studiosi, questo solo fatto ha rappresentato una svolta nella nostra cultura; e invano la classe dirigente – che è consapevole dell’importanza di questi fenomeni e sa distinguere tra mode provvisorie e tendenze profonde – si è sforzata di usare i suoi mezzi di pressione per circoscrivere la ribellione. In Italia, d’altra parte, hanno avuto finora debole presa – e su questo punto bisogna dire che ha influito positivamente anche il pensiero crociano – quelle tendenze sociologizzanti e americaneggianti che altrove, e particolarmente in Francia, hanno rappresentato per alcuni studiosi marxisti lo sbocco della crisi subito dopo il 1956. Quanto alla realizzazione delle intenzioni, indubbiamente il cammino si è dimostrato, com’era logico, più difficile e faticoso di quanto si poteva prevedere nel momento del rifiuto e del primo tentativo di superamento delle linee tradizionali. Per alcuni si è trattato, come si è detto, di un cambiamento dell’oggetto dell’indagine, al quale si è accompagnata in misura più o meno grande la coscienza della necessità di affrontare nuovi problemi di metodo; il modo in cui alcuni giovani studiosi «extraparlamentari» si accostano oggi alla storia del movimento operaio fa pensare che il chiarimento del rapporto tra scelta dell’oggetto e mutamento del metodo non è stato sufficiente negli anni scorsi. Comunque, fino a qualche tempo fa, la storiografia marxista si è distinta, rispetto alle altre correnti, per la più aperta tendenza a stabilire collegamenti con altre discipline (originariamente con l’economia, ma poi anche con l’antropologia sociale, la sociologia, la linguistica, ecc.) e nello stesso tempo a respingere la subordinazione della ricerca e della problematica storica ai metodi ed ai problemi propri di quelle altre discipline; si è distinta anche per la pretesa di maggiore organicità nella analisi e nella ricomposizione dei vari elementi del processo storico (economici, politici, culturali) di fronte al settorialismo ed all’empirismo degli studiosi cattolici e di quegli storici che hanno tentato di dare una vernice di «socialità» all’idealismo storiografico. La sforzo di assimilazione della metodologia marxista caratterizza oggi, comunque, una parte importante, che non esiterei a definire la più viva, della storiografia italiana; né ci sono, mi pare, segni rilevanti dell’abbandono di questo orientamento da parte delle nuove generazioni.

    Rinascita. Qual è il rapporto tra la storiografia marxista e la storiografia non marxista?

    Villari. Permettimi di accennare soltanto ad un aspetto della questione, senza entrare nel merito dell’importanza delle diverse correnti e dell’influenza che l’una esercita sull’altra. Una volta accertato il fatto che vi è stata un’influenza del marxismo anche sulle correnti della cultura storica che hanno diverso orientamento e che questa influenza si è esercitata specialmente quando si è trattato di individuare i temi della ricerca e della discussione (tipico, per esempio, il caso della «questione contadina» nel Risorgimento), credo che non si possa sfuggire all’impressione di uno stato di disattenzione reciproca. Questo è forse il segno di una crisi della storiografia italiana, di una diminuzione del suo peso nel quadro complessivo della cultura e di una attenuazione della sua incidenza nell’elaborazione politica. La permanenza di zone di accademismo e di retorica, legate al mancato rinnovamento delle organizzazioni ufficiali (gli istituti storici nazionali, le società di storia patria ecc.), il prevalere del politicismo immediato e del settorialismo, il collasso dell’Università come centro di organizzazione della ricerca, la corruzione sottogovernativa anche in questo campo e infine la penosa inerzia di un organismo come la Società degli storici italiani non potevano non avere effetti mortificanti. Tutto ciò contrasta singolarmente con l’interesse crescente del pubblico e dei giovani per la cultura storica.

    Rinascita. C’è un rinnovato interesse dei giovani per la storia?

    Villari. Mi pare che l’interesse dei giovani per la storia permanga molto vivo ed anzi si sia accentuato rispetto al passato. Mentre prima l’interesse per la storia riguardava determinati gruppi politicamente impegnati ma tendenzialmente specialisti, ora esso tende ad assumere carattere di massa, non solo sotto la forma dell’interesse per l’apprendimento ma soprattutto come partecipazione all’elaborazione. Molti giovani chiedono non soltanto di conoscere ma anche di partecipare alla formulazione del giudizio storico, di partecipare alla ricerca. È un dato molto importante, anche se questo fenomeno non ha trovato condizioni favorevoli, sia dal punto di vista dell’organizzazione della ricerca che da quello dell’orientamento.
    Data la debolezza delle strutture della ricerca l’interesse dei giovani per la storiografia tende a indirizzarsi verso modi ideologizzanti e verso una ristretta sfera di problemi; e noi non facciamo molto per arricchire, approfondire e ampliare l’orizzonte di questo interesse.
    Facciamo un esempio. I giovani, proprio perché sono profondamente immersi nella realtà politica e sociale del nostro tempo, avvertono in maniera più netta l’unità dei problemi che si pongono su scala mondiale e, quindi, sono spinti ad occuparsi della storia degli altri popoli e degli altri paesi. Da questo punto di vista, sia le tradizioni e i limiti della storiografia italiana sia le carenze delle strutture costituiscono per loro un ostacolo quasi insormontabile. Noi non possiamo, in queste condizioni, dare una risposta sufficiente all’esigenza dei giovani di affrontare sotto l’aspetto storico i grandi problemi del mondo contemporaneo in modo autonomo e originale. L’attivismo degli insegnanti, la molteplicità delle iniziative, il numero crescente delle pubblicazioni talvolta o spesso non escludono una sostanziale passività, una mancanza di intervento critico e organizzativo da parte della generazione più matura nei confronti di coloro che si avviano alla ricerca. Anche qui, il nodo principale è, a mio avviso, la riforma dell’Università, la cui mancanza rischia di vanificare anche quella parte di «ricchezza della nazione» che è il grande e diffuso interesse dei giovani per la storia.

    (a cura di Ottavio Cecchi)

    (...)
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

  2. #2
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,963
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: La storiografia marxista, risultati e prospettive (1973)

    2. Colloquio con Gastone Manacorda

    «Rinascita», a. XXX, n, 12, 23 marzo 1973, pp. 12-14.

    Nel numero 10 del 9 marzo scorso Rinascita ha iniziato una serie di colloqui con gli storici marxisti. Dopo il colloquio con Rosario Villari sul rapporto tra storici marxisti e partito, pubblichiamo le risposte di Gastone Manacorda. Nei prossimi numeri pubblicheremo i colloqui con Ernesto Ragionieri, Giuliano Procacci, Leonardo Paggi, Enzo Santarelli e altri.

    Sinistra storiografica e dialettica interna

    Rinascita. A Gastone Manacorda, ordinario di storia contemporanea all’Università di Catania, poniamo alcune domande sulla ricerca storiografica marxista di questi anni. La prima domanda è la seguente: secondo te c’è un eccesso di contemporaneismo nella ricerca storica marxista?

    Manacorda. Io direi che l’eccesso, se c’è, riguarda non soltanto la ricerca storica marxista ma la ricerca storica in generale oggi in Italia. Assistiamo a un vero e proprio boom della storia contemporanea. Certo, questo sviluppo della storia contemporanea ha la sua ragion d’essere, in quanto si è preso coscienza che la storia contemporanea ha caratteri suoi propri che la distinguono dai periodi precedenti e che sono frutto di una rivoluzione, che è quella cominciata due secoli fa in Inghilterra con la rivoluzione industriale e che si è compiuta successivamente in altri paesi, in altri ancora è in corso, in altri deve ancora incominciare. In ragione di questo suo carattere universale l’età contemporanea sembra offrire, più di ogni altra precedente età, la possibilità di una visione unitaria della storia dell’umanità e la possibilità di cogliere il nesso fra struttura e sovrastrutture con una immediatezza forse sconosciuta per altre epoche.
    Detto questo, cioè indicati molto rapidamente quelli che sono i caratteri distintivi del mondo contemporaneo, bisogna aggiungere che ciò non può voler dire in nessun modo che si possa separare il mondo contemporaneo dal mondo precedente, che significherebbe precludersi la possibilità di conoscerne la genesi, trascurare la permanenza del vecchio nel nuovo e la dialettica di conservazione e rinnovamento, di progresso e reazione, cioè la dinamica del processo storico reale. Facciamo un esempio concreto: il movimento operaio è certo un fenomeno tipicamente contemporaneo. Si pensi però a quanta parte ha avuto nella formazione della coscienza politica della classe operaia la questione agraria, e più in generale la comprensione dei modi precapitalistici di produzione che sopravvivono anche in piena contemporaneità. Ancora, le vicende dei popoli coloniali portati rapidamente dalla colonizzazione a contatto col modo capitalistico di produzione e i conflitti in atto nel processo di decolonizzazione, che è processo insieme di ammodernamento, costituiscono indubbiamente uno dei temi centrali della storia contemporanea, ma costituiscono insieme il terreno in cui si vede come la formazione economico-sociale, propria del mondo contemporaneo, viene a contatto con formazioni economico-sociali di un mondo diverso. Quindi, non si capisce il mondo contemporaneo se non si tiene conto di queste altre formazioni economico-sociali.
    Noto invece che c’è una tendenza a fare della storia contemporanea un periodo separato dai periodi precedenti, con criteri cronologici ristretti e con la tendenza a far centro soltanto sul mondo capitalistico, come se la caratteristica dell’età non fosse invece l’incontro fra il mondo capitalistico ed altri mondi. È questo che bisogna superare, e del resto mi pare che ci sia un problema cospicuo, che io additerei quasi come il maggior problema della storia contemporanea, che ci rimanda pure alla necessità di questa visione più complessa. Parlo delle rivoluzioni socialiste. Queste rivoluzioni, attraverso quello che potremo chiamare un capovolgimento della ipotesi di partenza, cioè dell’ipotesi marxista, si sono verificate in paesi arretrati. La conseguenza è stata che esse si sono risolte, e forse esaurite, nell’inventare una via breve per superare l’arretratezza. Il mondo contemporaneo appare diviso, al primo sguardo, tra paesi capitalistici e paesi socialisti, ma forse la distinzione più profonda è la distinzione fra paesi industrializzati, che peraltro dopo la grande depressione del 1929 hanno liquidato il capitalismo liberistico, e in paesi arretrati che hanno fatto dell’ammodernamento per mezzo dell’industrializzazione, il fulcro della loro politica.
    Non mi pare che da parte della storiografia marxista si sia data una sufficiente attenzione a questo tema centrale del mondo contemporaneo, sebbene si tratti di un problema che è al centro della politica dei partiti comunisti dell’occidente, e in particolare è al centro della linea politica generale del PCI. Quando ci si pone il problema della via al socialismo nei paesi di capitalismo sviluppato, si affronta proprio questo nodo. Ed è avvenuto qui, mi sembra, che il problema politico non si sia trasferito a livello di problema storico.

    Rinascita. Da quanto hai detto posso arguire che i problemi della coscienza politica contemporanea si trasferiscono troppo meccanicamente nella storiografia. È vero o no?

    Manacorda. Sì, è vero. Molte volte si chiede allo storico, agli storici (o meglio, se lo chiedono essi stessi) la risposta ad un problema politica senza tradurlo in problema storico. Questo è effetto di una pressione delle esigenze politiche sulla storiografia. Ora, qual è il rapporto corretto fra esperienza politica e coscienza storica? Il rapporto corretto, a mio parere, è quello di una consapevolezza più profonda dei problemi che stanno dietro la politica. L’esempio che facevo dianzi mi pare significativo. Cioè, si tratta di trasferire sulla prospettiva del lungo periodo quello che la politica, l’azione cioè, ci suggerisce di giorno in giorno, ma non di condizionare lo studio della storia alle esigenze immediate della politica. Si dice: ma c’è una domanda politica di opere storiche. C’è, e sarebbe una superficialità credere che anche in questo campo la domanda non influisca in qualche modo sulla produzione. Tuttavia, il momento della storia è il momento delle comprensione, che in una […] dialettica col momento dell’azione non si identifica con esso, ma lo subordina e non vi si subordina. È chiaro che l’azione politica deve andare – per dirla con Gramsci – al di là del proprio naso, cioè deve guardar su una distesa, diciamo così, di problemi storici, sul corso di un interno periodo e adeguare le sue scelte al perseguimento di obiettivi anche lontani. Gramsci dice: «Una necessità a cui collaborare consapevolmente». La necessità è la storia e la collaborazione consapevole è l’azione politica, a patto che abbia il nutrimento di una visione storica.
    Recentemente abbiamo assistito a una esplosione di domanda storica. Questa esplosione è sorta dai movimenti di estrema sinistra che hanno dato vita a una tumultuosa domanda di storia contemporanea e ad una altrettanto tumultuosa produzione che non ha sempre carattere scientifico, anzi il più delle volte non lo ha, ma che tuttavia, a mio parere, è sempre degna della massima attenzione, almeno come documento di interessi vivi e spesso anche come stimolo alla corretta formulazione di problemi storici.

    Rinascita. Hai parlato di un aumento della domanda storica in questi ultimi tempi. A quanto mi risulta c’è stata una forte domanda di ricerca storica da parte dei giovani. Tu insegni all’Università di Catania, hai intorno a te i tuoi allievi, perciò vorrei proporti una domanda che mi viene suggerita immediatamente da quello che hai detto fino a questo momento. C’è un problema di carenza di istituti per la ricerca? Parlo naturalmente dell’università e quindi della necessità di una sua riforma.

    Manacorda. Indubbiamente l’università ha risentito, anche nel campo dell’insegnamento della storia, anzi, forse in questo campo più che in ogni altro, il contraccolpo della contestazione (chiamiamo così, globalmente, questo movimento). Io non esito a dire che questo contraccolpo è stato benefico, come del resto dimostra, a contrario, la corsa alla reazione, cioè il tentativo di soffocare certe esigenze sane che si sono affermate attraverso il movimento studentesco. La reazione dimostra, appunto, che le istituzioni esistenti possono essere utilizzate per frenare il movimento, e oggi siamo in un momento in cui ci dobbiamo battere per portare avanti, in maniera più corretta e più consapevole, il discorso che è stato iniziato dalla contestazione.
    Però, nella situazione attuale dell’università, tenere insieme la dialettica e la ricerca è oggettivamente sempre più difficile. La didattica, sempre più burocratizzata, tende a soffocare la ricerca e quindi offre alla reazione la possibilità di tarpare le ali a quelle esigenze che invece sono fortemente sentite dai giovani, magari in modo tumultuario e disordinato ma pur sempre traducibili in termini di serietà scientifica. Avviene invece che quello che si fa è purtroppo solo frutto di sforzi individuali, mentre tutte le condizioni oggettive della istituzione ostacolano questi sforzi. Ostacolano questi sforzi non solo per le ragioni che ho detto prima, cioè per il peso prevalente dei compiti scientifici, ma soprattutto per la deliberata volontà dei governi che si sono susseguiti in questi anni di non rinnovare le istituzioni universitarie, di non portarle al livello delle esigenze scientifiche odierne.
    Che cosa avviene? Questo non riguarderà solo la storia, ma bisogna pur ricordarlo. Anche a questo proposito avviene che le condizioni giuridiche ed economiche nelle quali ci si trova ad operare tendono a dequalificare il lavoro universitario, a dequalificare il personale universitario e a favorire addirittura la fuga dall’università. Ora è chiaro che spetta proprio forse a chi insegna storia o scienze sociali, per ragioni di formazione professionale, avere coscienza di quanto questo processo si ripercuota gravemente su tutto il livello scientifico con i suoi legami con il mondo della produzione e come tutto questo concorra, in definitiva, a fare del nostro paese un paese sempre più di second’ordine e sempre meno adatto a concorrere su scala internazionale alla formazione di un pensiero scientifico avanzato.
    In questo quadro, evidentemente, non ci si può basare soltanto sulla buona volontà, sullo spirito di sacrificio dei singoli, ma occorre che l’azione politica di lotta per una vera riforma universitaria sia condotta sempre più come un problema politico centrale del paese. Allora ci si può chiedere quale può essere oggi la funzione delle forze politiche progressiste, democratiche, di sinistra all’interno dell’università; più specificamente, ci si può chiedere se queste forze, nel condurre avanti il loro discorso all’interno delle odierne strutture fatiscenti, possano non perdere la battuta e trovarsi pronte a sviluppare nuovi contenuti nel momento in cui esisteranno anche le istituzioni entro le quali questi contenuti possano trovare la loro forma più adatta. Ma ormai i tempi per evitare l’irrimediabile sono molto stretti.

    Rinascita. Quindi oggi non si può parlare di una università che risponda alla richiesta di ricerca che viene soprattutto dai giovani. Da quello che hai detto fino a questo momento viene fuori chiaramente anche un’altra domanda. Tu sei uno storico marxista. Che cos’è stata in questi anni la sinistra storiografica? È stata, secondo te, un fattore di rinnovamento?

    Manacorda. Certamente, in questi ultimi 25 anni è esistita una sinistra storiografica che ha avuto un peso notevole nel rinnovamento degli studi. A questo giudizio positivo, come bilancio generale, bisogna aggiungere però una chiara definizione dei limiti entro cui ha operato questa sinistra. Quando parliamo di sinistra storiografica pensiamo a qualche cosa di composito e questo può essere un bene. Il fatto che vi confluiscano diverse esperienze, diverse formazioni intellettuali, è indubbiamente un fattore di fecondità scientifica. Quello che invece non mi pare sia un elemento positivo è l’assenza di una dialettica interna, la tendenza della sinistra anche nel campo storiografico a frantumarsi in gruppi, a non cercare di convergere verso l’individuazione dei grandi problemi storici, del metodo più scientifico per affrontare questi problemi e soprattutto, vorrei aggiungere, qualche volta a mostrare una carenza di iniziativa.
    Mi sembra che non sempre, da sinistra, sia venuta l’iniziativa nel proporre tematiche moderne. Non sempre dico, qualche volta sì: ma non sempre la sinistra ha dato prova di sensibilità, è stata pronta nell’avvertire la maturazione di problemi storici dall’esperienza politica. Avviene anche, con paradosso solo apparente, che preoccupazioni politiche, legittime nella loro sfera, abbiano qualche volta una funzione frenante. Prendiamo il caso della storia del fascismo.
    Direi che all’indomani della liberazione esistevano ottime premesse politiche perché l’iniziativa della storia del fascismo venisse presa dalle sinistre. C’è stata invece la tendenza a negare il fenomeno fascismo, ad accettare, pur respingendola a parole, la tesi crociana del fascismo come parentesi, con la conseguenza implicita che il fascismo fosse qualcosa di cui non mettesse conto parlare. Cioè, c’è stato un ritardo nell’avvertire il fascismo come problema storico. Il fascismo era stato battuto, era stato sconfitto politicamente, e sembrava che il corollario della sconfitta fosse che il fascismo quasi non era esistito nella storia d’Italia.
    Storici di diversa tendenza invece hanno preso in mano questo problema. Occorre non perdere un’altra volta l’iniziativa. In ogni momento possiamo riproporci un tema storico, in questo caso il tema del fascismo, e portarlo avanti secondo il discorso più aggiornato. È chiaro che oggi, per esempio, l’indagine sul fascismo ha visto accumularsi già una serie di materiali, di ricerche obiettive la cui utilizzazione può avvenire da vari punti di vista, ma che certo non deve essere limitata a vedere le particolarità politiche del fenomeno che sono poi le più evidenti.
    Oggi il fascismo va visto, diciamo, con maggiore distacco; va visto dall’alto, va collocato nella storia d’Italia, va visto come un momento della storia d’Italia, generato dal tessuto sociale italiano e parte integrante del processo di sviluppo capitalistico che va dal raggiungimento dell’unità nazionale a oggi. Non dunque una parentesi, sebbene, da un punto di vista politico-costituzionale, tra la democrazia liberale giolittiana e la democrazia repubblicana, il periodo della dittatura fascista sia chiaramente circoscritto. Ma a livello delle strutture economico-sociali, mi pare sia giunto il momento, come suggeriscono del resto studi recenti, di prendere chiara coscienza che il fascismo ha rappresentato la fase prima di assestamento e poi di potenziamento delle strutture monopolistiche, già apparse nel primo decennio del secolo, e cresciute soprattutto con la prima guerra mondiale. In una prima fase, il fascismo fu la garanzia di crescita pacifica, al riparo cioè dal movimento operaio, di queste strutture. Dopo la crisi del ’29, dopo questo momento fondamentale non solo nella storia d’Italia ma nella storia mondiale, il fascismo diede vita agli organi del capitalismo monopolistico di Stato nelle forme in cui ancora oggi il capitalismo monopolistico di Stato continua a svilupparsi. Insomma, c’è una continuità e una crescita delle strutture economico-sociali che attraversa il periodo fascista. Sebbene inframmezzata da profonde fratture politiche, questa continuità va recuperata per capire il senso della storia d’Italia e quindi per dare alla lotta politica odierna quella consapevolezza più profonda di cui parlavo prima. Il fascismo politico va posto su questo sfondo, perché fra l’altro solo su questo sfondo risaltano chiaramente individuati i suoi caratteri di classe, e si vede come sia sfocata ed impropria l’assimilazione sommaria di fascismo e democrazia borghese, errata storicamente e sterile politicamente, che fu propria degli estremismi di ieri e che riappare negli estremismi di oggi.
    Questa esemplificazione a proposito del fascismo mi serve per ritornare, forse con maggiore chiarezza, al discorso che facevo prima, cioè al rapporto tra la ricerca storica e la coscienza politica. La ricerca storica obiettiva deve alimentare incessantemente la formazione della coscienza politica ma quando si parla di ricerca storica obiettiva si pensa sempre (chi lo sa perché) soltanto agli accertamenti particolari, che sono alla base della ricostruzione storica ma non ne esauriscono i compiti. La ricerca storica deve sempre sollevarsi alle visioni di carattere generale che sono poi quelle da cui nascono i grandi interrogativi, anche politici, ai quali bisogna dare risposta per sapere chi siamo e a quale punto della nostra strada ci troviamo. Solo così lo studio della storia si salda alla coscienza politica che dovrebbe illuminare l’azione. Qualche volta invece si constata a livello politico l’esistenza, quasi, di un timore inconscio della verità, una tendenza a sostituire alla faticosa indagine obiettiva il prodotto sommario di interpretazioni politiche già pronte, che in altri termini significa il credere di sapere già tutto e dimostra la non disponibilità ad accettare nuove conoscenze, frutto di ricerche originali. Questi sono atteggiamenti mentali aprioristici e non scientifici e sono quanto di più lontano possa immaginarsi dall’analisi realistica e differenziata, rispetto ad ogni situazione storica, che è propria del marxismo.

    Rinascita. Affiora dunque un’altra domanda. Secondo te, storiografia comunista e storiografia marxista coincidono?

    Manacorda. Sarebbe, a mio parere, un impoverire l’influenza diffusa del marxismo nella cultura contemporanea e, in particolare, nella storiografia volere stabilire un’identità fra storiografia marxista e storici comunisti. Se si guarda al di là dell’Italia, se si guarda al panorama internazionale degli studi storici, è assai difficile, e sarebbe anche poco producente, volere fissare i confini della storiografia marxista oggi. Là dove non c’è stata la parentesi fascista, là dove si è seguitato a studiare il marxismo e là dove i movimenti politici e sindacali della classe operaia non hanno avuto la «parentesi» che hanno avuto in Italia, porre oggi la questione in questi termini sarebbe impostare le cose in termini provinciali, in termini che non potrebbero anche essere chiaramente percepiti.
    Chi ha esperienza di studi sa che molti dei temi fondamentali del marxismo, del pensiero di Marx in particolare, oggi sono trattati, e non sempre in maniera negativa, da storici che rifiutano il marxismo sul terreno politico. Ripeto, fare oggi del marxismo un monopolio ideologico o, peggio ancora, un terreno di caccia riservata a storici appartenenti alla parte politica marxista, sarebbe non vedere la questione nei suoi termini essenziali. È vero invece che, come diceva Antonio Labriola i problemi della interpretazione storica e i problemi della teoria rivoluzionaria facevano tutt’uno nella mente di Marx e di Engels, e quindi ci si potrebbe legittimamente attendere che in coloro che si reputano discepoli di Marx, questi problemi fossero ancora sentiti come una unità. Certo tendenzialmente lo sono ma viceversa non si può negare, se si vuole parlare in termini critici ed autocritici, che almeno una parte della storia prodotta da storici militanti nel movimento comunista non risponde a questo ideale. In particolare, mi sembra che non si possa negare che in quella parte di questa storiografia che riguarda particolarmente la storia del partito, la storia del movimento operaio, ci sia ancora un eccesso di storiografia meramente politica. Cioè, a me sembra che gli studi sulla storia del movimento operaio non abbiano ancora trovato un punto di incontro con gli studi sulla storia del capitalismo e sulla storia della politica delle classi dirigenti, la quale naturalmente è poi la parte più importante della politica perché è la storia del potere. Mi pare che questo punto d’incontro non sia stato ancora raggiunto, sebbene oggi l’esigenza sia fortemente sentita. Naturalmente, se esiste ancora questa separazione, la storia della lotta di classe, viene ad essere, come dire, mancante della sua base reale.
    Mi pare che questo sia uno dei problemi verso i quali oggi ci si deve rivolgere per superare una storiografia di partito che tende molto spesso, anche per esigenze obiettive della ricerca, ad avere carattere settoriale. Quando parlo di esigenze obiettive della ricerca in questo senso, mi riferisco al fatto che la storia contemporanea è un terreno in assunto generale ancora vergine e viceversa ricchissimo di materiale documentario, e anche più, di materiale interpretativo (quello che viene dalla pubblicistica, dal giornalismo, dai partiti, dai parlamenti). Di qui la necessità di usare questi materiali, ma nello stesso tempo, di demolirli attraverso la critica storica, salvo recuperare dalla demolizione le pietre buone. Ora, questo procedimento necessario, giustifica almeno in parte le esposizioni ampie, particolareggiate, che forse sono entro certi limiti necessarie come operazioni preliminari per superare il passaggio obbligato della contiguità della coscienza dei protagonisti con la coscienza dello storico, a patto però che non si consideri questa fase preliminare dell’accertamento come il vero lavoro storico. Il vero lavoro storico è un lavoro di ricostruzione sintetica, e la ricostruzione avviene sempre nel quadro di una visione generale, frutto anch’essa di ricerca, nella quale le verità particolari vengono inserite. Qualche volta si ha il difetto contrario, cioè se da un lato si hanno storie meramente politiche, dall’altro si tende a superarle passando all’eccesso opposto, cioè all’economicismo. Per la difficoltà di attingere la sintesi storica, specialmente nel quadro della storia vicina si fa strada la tendenza a sostituire la visione sintetica, che è propria dello storico, con l’astrazione che è propria della storia economica. Ora, gli studi recenti sul metodo storico del Capitale di Marx hanno invece messo in evidenza il circolo di concreto-astratto-concreto come metodologia essenziale. Una storiografia che aspiri ad essere storiografia marxista deve misurarsi, oggi, proprio con questi problemi.

    Rinascita. Vorrei ora affrontare il problema del nodo storiografia marxista-storiografia comunista da un’altra angolazione. C’è, secondo te, una omogeneità, una dialettica interna, una capacità di lavoro collettivo e di concentrazione di interessi di studio tra gli storici comunisti oggi?

    Manacorda. Il problema esiste. Direi che c’è uno scarso grado di omogeneità, che c’è una scarsa dialettica interna, che non si è dimostrata una capacità di lavoro collettivo. Quel tanto che c’è di lavoro collettivo esiste nelle forme tradizionali, cioè all’interno delle istituzioni di cui parlavo prima, sotto forma di gruppi, di scuole universitarie, che possono far anche cose egregie ma che non corrispondono alla aspirazione a un lavoro collettivo più ampio, di corrente. C’è stata una certa concentrazione invece intorno a interessi di studio, però con la tendenza spiccata verso i problemi interni e con quelle insufficienze che ho già indicato a proposito della storia del movimento operaio. Nel complesso, se si va a controllare la genesi delle opere storiche che escono dagli storici marxisti, cioè di quello che produce questa corrente storiografica, se corrente è, bisogna dire che si lavora ancora con strumenti tradizionali molto a livello individuale, oppure a livello di gruppo o di scuola, come dicevo prima, e con tendenze a chiusure tematiche. Lo scambio di esperienze, il tentativo di mettere qualcosa in comune nella ricerca, avviene per lo più a livello di circolo delle idee, della circolazione dei prodotti storiografici quando appunto sono già prodotti, cioè sono già il frutto di uno sforzo, di un impegno individuale.
    Tutto questo non significa che, pur con questi limiti evidenti, non ci sia stata una produzione che, vista nel complesso, rappresenta qualche cosa di molto importante nella storiografia italiana degli ultimi trent’anni.
    A questo punto però vorrei dire qualcosa sul discorso che si fa spesso sulle generazioni, che come spunto critico può essere fecondo, e quindi ben venga, ma che però si può prestare ad equivoci se tende a cristallizzarsi. Primo, perché la generazione che è venuta dopo non sarebbe quello che è se non ci fosse stata quella precedente; e, in secondo luogo, perché mi pare che la generazione che cominciò a lavorare subito dopo la caduta del fascismo e sulla spinta dell’antifascismo, mostri, giustamente, oggi, di prestare molta attenzione a quello che fanno, dicono e pensano i giovani. Il problema sarebbe di vedere, non tanto se c’è un contrasto di generazioni, che io non vedo, quanto se c’è una crescita qualitativa del movimento in senso unitario. Ho qualche perplessità a dare una risposta positiva. Ho qualche perplessità, perché le tendenze oggi mi sembrano contrastanti e divergenti. Da una parte, indubbiamente, c’è stato un ritorno al marxismo e c’è un’aspirazione a una storiografia che abbracci tutta la complessità della tematica marxista; dall’altra, se guardo alla produzione concreta, ritrovo ancora un eccesso di storia politica, di storia del partito rispetto ai grandi temi della storia contemporanea. Si è fatta anche un distinzione, che ha la sua ragion d’essere, tra storiografia marxista e storiografia democratica, intrecciate spesso fra loro, ma che indubbiamente rispondono a due concetti profondamente diversi. La guida per distinguere queste due manifestazioni, secondo me, bisognerebbe trovarla nel quadro del problema della via italiana al socialismo, o meglio di tutto quel nesso di problemi che si collegano al passaggio al socialismo nei paesi di capitalismo sviluppato.
    È stato detto che nel periodo antifascista ci furono dei prodotti della storiografia dell’esilio e del carcere che erano più rigorosamente marxisti di quelli che si sono avuti poi, dopo la liberazione. Il problema è di vedere quanto la linea di unità democratica antifascista non abbia portato a un prevalere di una tematica democratica su una tematica propriamente marxista.
    A proposito del marxismo tuttavia non va trascurata la proiezione storiografica della sinistra extraparlamentare, della quale ho già detto che spesso è feconda di indicazioni, di problemi, ma della quale bisogna aggiungere che appare in fase di forte dipendenza da esigenze politiche immediate e quindi molto ideologizzanti, specialmente in senso operaistico. Cioè è una storiografia che riproduce nel complesso ideologie primitive del movimento operaio, e, nell’insieme, mi sembra che soffra di contemporaneismo e di partitismo in maniera ancora più accentuata, e in questo senso potrebbe significare un passo indietro. Ma si tratta probabilmente di un fenomeno legato a contingenze politiche e sulla cui vitalità è difficile pronunciarsi oggi.

    Rinascita. Vorrei farti l’ultima domanda. Qual è ora l’oggetto della tua ricerca?

    Manacorda. Mi sto occupando del periodo crispino in Italia. È un tema che mi affascina già da molti anni e che mi ha indotto ad una lunga ricerca che ormai è arrivata alla fine, e che è stata molto fruttuosa, tanto che l’ipotesi iniziale si è completamente trasformata attraverso i risultati, appunto, della ricerca. Fondamentalmente ho studiato un momento nel quale il potere politico della borghesia si impegna in una profonda trasformazione strutturale, da cui il capitalismo italiano esce completamente rinnovato, con quelle strutture che poi lo renderanno capace di portare avanti lo sviluppo dell’età giolittiana.
    Che cosa avviene nell’ultimo decennio del secolo? Avviene che la crisi che distrugge il sistema portante del capitalismo italiano con il crollo delle grandi banche, induce il potere politico, impersonato da Crispi e da Sonnino, a una ricostruzione del sistema finanziario creditizio, alla creazione di quegli strumenti che poi rappresentano le premesse dello sviluppo successivo. Qualche cosa che potrebbe essere paragonato, con le debite differenze, a quello che avviene dopo la crisi del 1929, perché le crisi capitalistiche inducono la borghesia a rivedere il sistema, a rammodernarlo, a cercare di renderlo più resistente alle crisi.
    Credo di aver scoperto un Crispi non più di maniera, e anche l’episodio della lotta di classe che culminò nei Fasci siciliani, mi è apparso in tutto il suo significato proprio in questo quadro. Nei Fasci siciliani si ebbe una esplosione di lotta di classe non operaia ma contadina. Furono i contadini, e non i braccianti, al centro di quelle lotte: i contadini, sui quali si era scaricato il peso più grave della grande crisi agraria. Cioè la grande crisi agraria aveva inciso sul terreno sociale più gravemente nella parte dove la struttura borghese era più debole, dove c’era ancora una struttura semifeudale. Il tentativo crispino di ammodernamento delle strutture capitalistiche riuscì, e il capitalismo italiano si avviò verso un periodo di sviluppo. È interessante notare, invece, che contemporaneamente i tentativi di riforma agraria fallirono; cioè in questo momento, che è indicato come il momento del decollo, si vede con chiarezza come la palla di piombo del Mezzogiorno rimanga come un peso morto che lo sviluppo del capitalismo deve portarsi dietro con tutte le conseguenze che viviamo ancora oggi.
    Da un punto di vista metodologico, la scelta di un momento in cui l’azione politica si impegna verso la riforma delle strutture, mi ha interessato particolarmente, perché mi pare che qui si ponga nel concreto il problema del rapporto fra politica ed economia nello Stato contemporaneo. In termini generali, la politica ha un ritmo diverso dal movimento delle strutture. Nella distanza storica si tratta di recuperare le interdipendenze e la complementarità fra politica ed economia. Questo è possibile solo se non ci si fa soffocare dalla ricerca di tutte le varianti della lotta politica, che è infinita e che può portare all’indagine particolareggiata ma inconcludente. Il nesso tra politica ed economia risalta, invece, se si colgono i momenti di svolta e di rottura, perché allora è possibile vedere la politica come il momento della presa di coscienza della necessità di certe trasformazioni della struttura e quindi dell’azione rivolta a facilitare o ad operare queste trasformazioni.
    Indubbiamente, questo tipo di problema noi lo viviamo sempre anche come un problema politico: nel momento in cui poniamo problemi di riforma di struttura e della ricerca delle forze politiche capaci di portare avanti una riforma di struttura, noi ci poniamo un problema che è dello stesso tipo di quello che fu messo a fuoco negli ultimi anni del periodo crispino, anche se diverse cono le riforme e diverse le forze.

    (a cura di Ottavio Cecchi)

    (...)
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

  3. #3
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,963
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: La storiografia marxista, risultati e prospettive (1973)

    3. Colloquio con Giuliano Procacci

    «Rinascita», a. XXX, n. 14, 6 aprile 1973, pp. 12-13.

    Continuiamo la pubblicazione dei colloqui con gli storici marxisti iniziatasi sulle colonne di Rinascita il 9 marzo scorso (numero 10). Dopo i colloqui con Rosario Villari sul rapporto tra storiografia e partito e con Gastone Manacorda su sinistra storiografica e dialettica interna, pubblichiamo il colloquio con Giuliano Procacci, docente di storia moderna all’Università di Firenze. Seguiranno i colloqui con Leonardo Paggi, Ernesto Ragionieri, Enzo Santarelli, Franco De Felice, Paolo Spriano e altri.

    È necessario un aggiornamento metodologico e teorico

    Rinascita. A Giuliano Procacci, titolare di una delle cattedre di storia moderna all’Università di Firenze, chiediamo il suo giudizio sul lavoro degli storici marxisti italiani. Gli chiediamo, in primo luogo, se può tracciare un bilancio del lavoro degli storici marxisti italiani dalla Liberazione a oggi.

    Procacci. Penso che per tracciare il bilancio che mi chiedi sia necessario richiamare brevemente il punto di partenza, cioè la situazione della storiografia italiana all’indomani della Liberazione. Mi pare, grosso modo, si possa dire che essa era dominata dalla personalità e dagli indirizzi di Benedetto Croce. Probabilmente il libro più letto, e che più aveva contribuito a formare il punto di vista storico generale, era la sua Storia d’Italia. È evidente, quindi, che coloro che non condividevano i punti di vista e gli orientamenti che erano espressi da queste correnti dominanti si ponessero il problema di misurarsi con essi. Un aiuto molto importante, direi determinante, venne alla generazione che si affacciava allora agli studi storici dalla lettura dei Quaderni del carcere di Gramsci, la quale forniva le chiavi per una visione profondamente diversa del modo con cui si era sviluppata la storia d’Italia.
    Su questa base venne cominciato un lavoro lungo e faticoso che ha occupato una generazione di storici marxisti italiani, e il bilancio mi sembra, nel complesso, molto positivo. È, in una parte notevole grazie a questo lavoro, che oggi possiamo consegnare alla cultura italiana e alle giovani generazioni una visione della storia d’Italia completamente rinnovata e completamente diversa da quella che avevano trovato.

    Rinascita. Hai parlato di Croce, ma il punto di riferimento mi sembra piuttosto lontano. Nel frattempo c’è stato qualche cosa d’altro, di più recente e di più nuovo, sia nella tematica sia nelle metodologia.

    Procacci. Sì, hai ragione, il punto di riferimento, in effetti, è piuttosto lontano. Da qualche tempo a questa parte il panorama degli studi storici in Italia e, soprattutto, fuori d’Italia si è venuto sostanzialmente modificando. Vorrei richiamarmi brevemente alle due correnti che più di tutte le altre hanno contribuito a modificarlo. Mi riferisco in primo luogo a quelle correnti di studio che fanno capo alla rivista francese Les Annales, la cui azione rinnovatrice della cultura storica è stata profonda. All’influenza delle Annales si possono in parte ricondurre quelle correnti storiografiche, specie americane, il cui denominatore comune può essere trovato, a mio giudizio, in una riduzione della storia a storia dello sviluppo, intendendo questo termine così come lo intendono correntemente gli economisti. Queste due correnti costituiscono fatti nuovi che modificano profondamente il quadro del dibattito storico odierno. Si pone perciò agli storici e, in particolare, agli storici marxisti il problema di un aggiornamento che tenga conto delle modificazioni introdotte da queste correnti.

    Rinascita. Hai detto che c’è del nuovo sia nella tematica sia nella metodologia. Vorrei chiederti di precisare in che cosa consiste questa novità.

    Procacci. Ho detto che questi nuovi orientamenti emersi in Francia e in America si possono definire come storiografia dello sviluppo. Vorrei ora precisare che cosa intendo con ciò, scusandomi con i lettori di Rinascita per le semplificazioni e le approssimazioni del mio discorso.
    La visione del processo storico propria del marxismo è una concezione complessa, ma unitaria. E ciò in due sensi principalmente. In primo luogo per ciò che concerne l’approccio metodologico; il marxismo concepisce il processo storico come la risultante dell’interdipendenza e dell’interazione di vari livelli, dello sviluppo delle forze produttive alle modificazioni nei rapporti di produzione sino agli sviluppi della lotta di classe, intesa nel suo senso più largo di lotta sociale, politica, ideale. In secondo luogo per ciò che riguarda il contenuto e la ricostruzione concreta del processo storico: il marxismo ha una visione drammatica della storia umana, che è esattamente il contrario della concezione irenica dello storicismo deteriore. Ciò non gli impedisce tuttavia di concepire la storia come lo sviluppo nel tempo, in un unico tempo, di certe tendenze generali che interessano tutto lo spazio storico da esse investito. Noi guardiamo così alla storia moderna sotto l’angolo della storia delle origini e dello sviluppo del capitalismo e a quella contemporanea sotto l’angolo dello sviluppo dell’imperialismo e della lotta antimperialista. Il celebre capitolo del primo volume del Capitale, sull’accumulazione originaria, e l’Imperialismo di Lenin costituiscono per ogni storico marxista un modello di analisi e di pensiero storico.
    La storiografia dello sviluppo si caratterizza in sostanza per la sua incapacità, malgrado l’uso delle tecniche più raffinate, a ricostruire l’unità del processo storico. La ricostruzione che essa ce ne dà è impoverita e spesso frantumata. Per quanto riguarda l’approccio metodologico, la sua tendenza prevalente è quella, mi sembra, di privilegiare il livello di ciò che noi chiamiamo forze produttive, a concepire cioè il processo storico come una derivazione dei mutamenti che avvengono nella base tecnico-materiale. La «sovrastrutture», per adoperare ancora una volta il nostro linguaggio, appare come un riflesso della struttura e la storia sociale e politica viene spesso ridotta al rango di una storia minore. La storia insomma viene ridotta alla storia dello sviluppo.
    Questa concezione impoverita della storia costituisce il presupposto per un ulteriore processo di frantumazione, che ha per oggetto il contenuto stesso della ricostruzione storica. I ritmi e i tempi dello «sviluppo» sono infatti diversi a seconda delle età e delle varie formazioni sociali. Esistono tempi lunghi e tempi brevi ed esistono di conseguenza paesi sottosviluppati, paesi sviluppati, società affluenti e via dicendo, ognuno dei quali si muove secondo un ritmo proprio. In tal modo il processo storico si frantuma in una serie di sviluppi indipendenti tra loro e di tempi diversi, tra i quali non è possibile alcun collegamento, ma solo una comparazione. Si può dire ad esempio che il tale paese asiatico o africano attraversa la fase di sviluppo che fu attraversata da questo o quel paese europeo un certo numero di secoli fa, prescindendo dal fatto che esso abbia questo o quel tipo di struttura sociale e di classe e dal modo in cui esso si colloca nei confronti dell’imperialismo e della lotta antimperialista. La riduzione della storia a «storia dello sviluppo» non è soltanto connessa, ma è funzionale alla rottura e alla frantumazione della concezione unitaria, nello spazio e nel tempo, propria del marxismo.
    Direi, per riassumere il mio punto di vista, che ci troviamo in presenza di un nuovo tipo di revisionismo economicistico. Ho impiegato il termine «revisionismo» deliberatamente. Mi pare infatti evidente che questo tipo di impostazione storiografica faccia propri singoli apporti e singole elaborazioni del marxismo. Ma è altrettanto evidente che esso lo respinge in quanto concezione unitaria e rivoluzionaria del mondo.

    Rinascita. Quale deve essere, a tuo giudizio, l’atteggiamento della storiografia marxista nei confronti delle tendenze cui ti sei riferito?

    Procacci. Non vorrei che le considerazioni che ho fatto fin qui e che sono, lo ripeto, delle semplificazioni e delle prime approssimazioni, aver dato l’impressione di sottovalutare l’importanza e la consistenza delle correnti storiografiche cui mi sono riferito. In realtà esse sono il frutto di un processo di revisione e di elaborazione culturale assai complesso e assai serio, e che non ha investito soltanto gli studi storici. Si è accennato all’influenza del marxismo, che mi pare indubbia, ma vi sarebbe anche da prendere in considerazione il problema dei rapporti tra certe tendenze storiografiche e lo strutturalismo.
    Se le cose stanno così e se, come credo, ci troviamo di fronte a un interlocutore serio, mi sembra evidente che si ponga innanzitutto agli storici marxisti il compito di un ripensamento e di un aggiornamento metodologico e teorico e, di conseguenza, di una maggiore partecipazione al dibattito generale in corso da anni sui problemi del marxismo. Negli anni passati tale partecipazione è stata assai scarsa, se non addirittura inesistente. Si possono comprendere le ragioni di questa diffidenza verso i problemi metodologici e teorici da parte degli storici, ma ciò non deve a mio avviso impedire loro di riconoscere che si è trattato di un limite e di un errore. Tanto più che in questo confronto gli storici non hanno solo delle cose da imparare, ma anche da insegnare. Detto questo, vorrei però sottolineare con forza che questo processo di ripensamento non deve in alcun modo risolversi in un arroccamento, in una presunta e sfuggente ortodossia, o in una nuova forma di explication des textes, per quanto importanti questi testi possano essere. Tendenze in questo senso, verso ciò che io chiamerei una nuova versione di kautskismo non mancano. Non dobbiamo infatti mai perdere di vista il fatto che le correnti storiografiche cui mi sono riferito si sono affermate e imposte non sulla base delle loro impostazioni generali, ma su quella delle tecniche di ricerca, spesso assai raffinate, che esse hanno elaborato e, soprattutto sulla base degli apporti concreti che esse hanno prodotto, e che sono sostanziosi. Nel confronto con esse la storiografia marxista non può non partire di qui, dal merito, dai fatti.
    Dobbiamo in altre parole rimanere fedeli al metodo di Gramsci nei confronti dei suoi interlocutori, che non erano soltanto Benedetto Croce, ma l’americanismo, il fordismo, Bucharin; un metodo che prende atto di tutte le singole acquisizioni dell’interlocutore, le rispetta, le valuta, per quello che sono, ma che cerca però, partendo da queste acquisizioni singole e distaccate, di ricomporre un quadro generale ispirato a una visione unitaria.

    Rinascita. Tornando ora alla situazione degli studi storici italiani, vorrei chiederti che giudizio tu dai sugli studi concernenti la storia del nostro partito.

    Procacci. Il giudizio che ne do è positivo. Ritengo che il complesso degli studi sviluppatosi in questi ultimi anni debba essere considerato un contributo importante non solo per la conoscenza della storia del nostro partito, ma anche per la storia della società italiana. Ritengo in particolare che l’opera di Paolo Spriano costituisca un risultato importante e un’acquisizione duratura. Non mi sfuggono neppure le conseguenze positive che questa fioritura di studi ha avuto anche sul piano politico nel favorire cioè il processo di avvicinamento delle giovani generazioni al nostro partito.
    Il problema tuttavia, non è soltanto quello di dare un giudizio retrospettivo, ma è anche quello di guardare alle cose in prospettiva. Si tratta di vedere se sia giusto o meno augurarsi che questa corrente di studi si sviluppi ulteriormente.
    A questo punto io divento più prudente e debbo dire che ritengo che sarebbe un errore se questo indirizzo di studi finisse per occupare un’area troppo vasta del nostro impegno nel settore della ricerca storica. Nelle università italiane si sono discusse in questi ultimi anni centinaia di tesi, naturalmente di valore ineguale, su Gramsci, su Bordiga e su argomenti concernenti la storia del PCI. Ritengo che, se questa situazione durasse, essa porterebbe a un restringimento della nostra tematica.
    Ma vorrei esprimere anche una preoccupazione più profonda. Nel suo insieme una tale tendenza può difficilmente sfuggire al rischio di dar luogo in prospettiva a una sorta di «subcultura», intendendo con questo termine una cultura di tipo corporativo, parrocchialistico, di tipo interno, riflesso.

    Rinascita. Quali altri temi pensi invece che dovrebbero costituire oggetto di studio da parte della storiografia marxista?

    Procacci. Prima di rispondere a questa domanda, vorrei premettere che è stato sempre un indirizzo della politica culturale del nostro partito quello di non interferire in nessun modo nelle scelte dei temi di ricerca. Ritengo che questo criterio non possa essere modificato, non solo per ragioni di principio, ma anche perché alla prova dei fatti si è dimostrato il più produttivo. Come marxisti noi non possiamo d’altra parte che augurarci che il ventaglio delle nostre ricerche sia il più ampio possibile.
    Certo la storiografia italiana non può pensare di poter competere su questo terreno con la storiografia di quei paesi che, oltre a possedere una tradizione di «imperialismo culturale», dispongono oggi di mezzi e strumenti di ricerca di cui, grazie alla miopia e grettezza dei nostri governanti, noi non disponiamo. D’altra parte la realtà stessa, la vita stessa ci impone di concentrare la nostra attenzione su alcuni temi maggiori.
    Tra questi temi quello che, a mio giudizio, si impone in maniera più imperiosa è quello dello studio della storia del capitalismo e della società italiana negli ultimi cinquant’anni, dal fascismo a oggi. Noi abbiamo lavorato fino ad oggi sulla base dell’analisi della società italiana contenuta negli scritti di Gramsci. Si tratta certo di un punto di riferimento dal quale non si può prescindere, ma che risale tuttavia a un periodo anteriore a tutta una serie di modificazioni profonde avvenute sia nelle strutture economiche sia nelle strutture politiche italiane. Penso che un dovere degli storici marxisti sia quello di offrire al movimento democratico italiano un’analisi aggiornata, che certamente non sarà facile elaborare.
    Un secondo tema che mi sembra ci sia imposto dagli eventi e dalla storia è quello relativo all’analisi delle società socialiste. Come parte del movimento operaio e del movimento comunista internazionale noi non possiamo sottrarci a questo compito. Come membri del PCI siamo impegnati a dare un supporto di analisi storica seria alle posizioni che il nostro partito ha assunto sulle questioni del movimento operaio internazionale.

    Rinascita. È inevitabile a questo punto chiederti qualche cosa che ti riguarda direttamente: qual è attualmente l’oggetto della tua ricerca?

    Procacci. Da qualche tempo ho iniziato appunto a lavorare sulla storia dell’Unione Sovietica nel periodo di tempo compreso tra la rivoluzione d’ottobre 1917 e il XX Congresso. Si tratta di un periodo molto lungo, perciò è evidente che sarebbe assurdo e velleitario proporsi di esaurirne tutti gli aspetti. Ho ritenuto perciò di dover concentrare la mia ricerca su di un punto che mi sembra però particolarmente importante ai fini di una valutazione generale, e cioè sulle modificazioni che si sono avute in questo periodo nella struttura del partito e, più precisamente, sul modo in cui si è venuto evolvendo, in questo periodo di tempo, il rapporto tra il partito e gli altri organi della società sovietica: soviet, sindacati, apparato statale da una parte e la stessa organizzazione interna del partito dall’altra. È evidente che il problema di fondo, al quale tentano di dare una risposta queste ricerche è quello del carattere e della natura dello stalinismo.
    Questo, grosso modo, l’ambito delle mie ricerche. Per quanto concerne gli orientamenti, mi è difficile entrare nei dettagli. Vorrei dire solo questo. Il punto di partenza obbligato per queste ricerche è la celebre intervista di Palmiro Togliatti a Nuovi Argomenti del 1956. È un testo che io ritengo estremamente importante, estremamente illuminante. Vi sono, in quel testo, anche delle indicazioni di merito. Direi però che nel complesso esso si limita a fornire indicazioni metodologiche sia pure estremamente importanti, ed estremamente corrette, ma non oltrepassa, nell’insieme, quella che definirei una soglia metodologica. Il mio tentativo è quello di partire da questa soglia metodologica e di cercar di entrare nel merito, di vedere in che modo, in che termini concreti queste istituzioni e questo sistema hanno funzionato secondo i princìpi che essi stessi si erano dati.

    (a cura di Ottavio Cecchi)

    (...)
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

  4. #4
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,963
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: La storiografia marxista, risultati e prospettive (1973)

    4. Colloquio con Leonardo Paggi

    «Rinascita», a. XXX, n. 16, 20 aprile 1973, pp. 22-24.

    Continuiamo i colloqui di Rinascita con gli storici marxisti. I precedenti sono stati pubblicati nei numeri 10 (Rosario Villari), 12 (Gastone Manacorda), 14 (Giuliano Procacci). Seguiranno i colloqui con Ernesto Ragionieri, Enzo Santarelli, Franco De Felice, Paolo Spriano e altri.

    Le forze storiche nel modello marxista di sviluppo

    Rinascita. A Leonardo Paggi, incaricato di storia delle dottrine politiche alla facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Modena, chiediamo qual è il peso che la ricerca storica marxista ha avuto, in questo dopoguerra, nella formazione politica e nell’orientamento degli intellettuali italiani. Gli chiediamo inoltre se negli ultimi anni questo peso sia, o non sia, diminuito e infine se oggi vi sia una forte richiesta di ricerca storica da parte dei giovani.

    Paggi. Vorrei cominciare a rispondere ponendo un’altra domanda: in che misura si può parlare, per questo secondo dopoguerra, di una storiografia marxista e in che misura non si possa o si debba, invece, parlare anche di una storiografia comunista; ossia di un indirizzo di ricerca che è caratterizzato oltre che da una impostazione che si richiama nelle grandi linee al marxismo, anche, e in misura non minore, da un complesso di tematiche e di orientamenti che il movimento operaio riesce ad esprimere nella sua linea politica e a proporre alla cultura italiana nel suo complesso. La legittimità di questa distinzione mi sembra scaturisca dalla stessa vicenda culturale degli ultimi due decenni.
    All’indomani della Liberazione, quando il problema della rifondazione dello Stato italiano centralizza l’attenzione di tutti gli intellettuali democratici, sono sul tappeto una serie di interrogativi sulla storia del nostro paese che convergono in un solo punto: come è potuto sorgere il fascismo e come è possibile garantirsi da un suo ritorno. Per certi aspetti sembra quasi che la cultura italiana giunga ora a porsi, su basi di massa – ma in una situazione politica strutturalmente mutata – gli stessi interrogativi che nel 1923-24 cominciano ad affacciarsi in alcuni gruppi ristretti di avanguardie. Direi quasi si realizzi una singolare coincidenza tra le esigenze del movimento operaio di realizzare una vasta mobilitazione ideale e politica attorno ad alcune ipotesi generali sulla fisionomia storica delle nostre classi dirigenti e la difficoltà degli intellettuali italiani di porsi, oltre il problema della cause storiche del fascismo, quello del suo sviluppo, della sua evoluzione, ossia delle modificazioni irreversibili che il paese ha conosciuto nel corso di un ventennio. Nell’ambito di questa immediata convergenza del dibattito politico con la formazione di una rinnovata coscienza civile degli intellettuali italiani la nostra storiografia riesce a conquistare, se non erro, una posizione che definirei strategica, proprio nella misura in cui (al di là del confronto e dei rapporti di forza con la tradizione della storiografia liberale) riesce a porsi come elemento di una formazione generale dell’uomo di cultura, nella indicazione delle arretratezze della storia italiana e delle linee di un loro superamento possibile. Del resto, non può essere dimenticato il ruolo di eccezionale importanza esercitato da Togliatti, che nei suoi scritti e nei suoi discorsi non si limita ad offrire alcuni orientamenti generali alla ricerca storica, ma, direi, ne sostiene attivamente il ruolo complessivo – più di quanto non avvenga per altre discipline – nell’ambito della cultura nazionale.
    Mi sembra che la situazione tenda a mutare proprio quando si comincia a toccare con mano che la borghesia italiana ha preso assai sul serio, a suo modo, la linea dello sviluppo economico gestita dalla classe operaia nella fase della ricostruzione. Proprio agli inizi degli anni sessanta si viene delineando un’altra coincidenza spontanea tra il dibattito dei partiti e gli interrogativi degli intellettuali: il problema che centralizza ora tutta la vita culturale e politica in forma quasi ossessiva, e non priva anche di aspetti pittoreschi, è quello del capitalismo italiano, dei suoi destini, delle sue risorse. La questione dilaga nel dibattito e nella produzione letteraria ed artistica, presiede alla nascita di quel tanto o quel poco di cultura sociologica che c’è nel nostro paese, sollecita fortemente, credo, la ripresa di una interpretazione teorica del marxismo; non si può dire coinvolga in egual misura la ricerca storica nel suo complesso, che stenta a mettere a punto risposte meditate ad un problema urgente. Gli accenni di discussione sul problema del Nord e del Sud, sulla esistenza o meno di un’economia dualistica, ecc., stentano a sopravvivere oltre il 1963-64. Né si può dimenticare che sono due studiosi non marxisti, anzi per aspetti diversi ostili alla tradizione del movimento operaio, il Gerschenkron e il Romeo, che svolgono il ruolo di protagonisti in una discussione che rimane tuttora il punto di riferimento principale sul problema dell’accumulazione in Italia.
    È in questi anni che la nostra storiografia, nello stesso momento in cui si arricchisce di lavori importanti e anzi si consolida seriamente anche sul piano accademico-istituzionale, conosce difficoltà nel riproporsi come uno dei veicoli essenziali dell’orientamento generale degli intellettuali italiani. Basti pensare alle propensioni e alle scelte ideali che le nuove generazioni hanno compiuto a partire dal ’68, in cui la consapevolezza delle linee di continuità della storia del nostro paese è andata seriamente compromessa. Ma più in generale è forse venuto decadendo, in un panorama culturale sempre più mosso e agitato, quella sorta di primato di cui la ricerca storica aveva goduto rispetto ad altre forme di conoscenza della società; indirizzi sociologici e metodologie strutturaliste che contestano fortemente l’asse storicistico della nostra cultura, di cui la ricerca storica era sembrata la precipitazione più naturale; tentativi di risolvere il problema dell’analisi del capitalismo con tematizzazioni puramente filosofiche; ma anche un impegno nuovo e assai significativo della teoria economica a misurarsi con la conoscenza concreta e anche storica del nostro paese, riproponendo per suo conto tutta la tematica tipicamente marxista dello sviluppo.
    Bisogna partire dal riconoscimento di una situazione problematica e «aperta», sia in senso culturale che in senso sociale, per lavorare alla ricomposizione di un programma unitario che reinserisca in una prospettiva critico-formativa la grande richiesta di conoscenza, di informazione storica presente tra i giovani. Al centro credo rimanga il problema del capitalismo italiano: non è certo un caso che esso rimanga sotteso a tutto il primo volume della Storia d’Italia di Einaudi, che pure ripropone una risistemazione istituzionale di tutto il complesso delle nostre conoscenze storiche, a partire dalla caduta dell’Impero romano.

    Rinascita. Si parla molto di questa Storia d’Italia e della sua impostazione. Vuoi precisare il tuo giudizio?

    Paggi. Di questa opera dovremmo forse discutere seriamente per la quantità delle implicazioni culturali e politiche con cui si annuncia già fin da ora. A conferma di quanto dicevo vorrei ricordare, solo sulla base di qualche prima sommaria impressione, la «tipologia economica» di Ruggiero Romano (uno dei curatori dell’opera), dove appunto una interpretazione del capitalismo italiano, che non è priva, credo, di elementi di novità, si intreccia strettamente con l’indicazione di nuovi criteri di periodizzazione della storia d’Italia, più o meno presenti in altre parti del volume. In effetti assumere, come egli fa, la produzione della ricchezza, dei valori d’uso, come indice di un superamento definitivo del capitalismo commerciale fondato sullo scambio non equivalente, significa non tanto porsi contro tutto un indirizzo di studi teso a ritrovare i primi germi di capitalismo italiano nella figura del mercante, ma anche individuare negli anni cinquanta quella vera rottura con certe costanti della storia del paese, che poi sembra costituire la premessa indispensabile di una riflessione storica di così lungo periodo.
    Molte sono le implicazioni di storia generale di questo assunto e molti gli interrogativi che insorgono spontaneamente anche ad un lettore medio. In effetti la critica propria della storiografia marxista circa la ristrettezza della basi del capitalismo italiano, l’indicazione dei sistemi di brutale compressione salariale che hanno caratterizzato l’accumulazione, ecc., sembra talvolta ribaltarsi in una contrapposizione sociologica di miseria e ricchezza, in cui il rapporto capitale-prodotto, capitale-salario non trova mai le forme della sua concretizzazione storica. Per fare un esempio, assunto dallo stesso Romano, le leggi del fascismo volte ad arrestare l’emigrazione dalle campagne possono anche avvalersi di una lunga tradizione feudale, ma guai a non accorgersi che sono anche direttamente finalizzate ad una fase di ristrutturazione e concentrazione del capitalismo italiano, possibile solo attraverso una riduzione coatta della disponibilità della manodopera. Alla fine degli anni cinquanta, con il tentativo di offrire una legittimazione dell’accumulazione primitiva, comparve nella storiografia italiana una tendenza chiaramente apologetica, da cui questa impostazione sembra voler prendere le distanze. Ma, mi domando, indicare nello sviluppo dei consumi come già realizzata l’autocritica del capitalismo italiano non nasconde nuovi pericoli di apologetica?
    Del resto il problema è più generale e investe la struttura stessa di questo primo volume. Sommergere in un blocco di quindici secoli di feudalesimo tutto il problema del modo peculiare in cui si è venuta formando la borghesia italiana e la drammaticità della sua genesi economica e politica, non può risultare una nuova maniera di eludere un discorso critico sul suo presente? Nella presentazione dell’editore, dopo aver invocato Gramsci e Labriola (in un modo che dal punto di vista «filologico» non mi sembra del tutto soddisfacente) a difesa di questa periodizzazione della storia d’Italia, si accolgono poi, in un certo modo, le osservazioni fatte del compagno Emilio Sereni alle note gramsciane sul cosmopolitismo degli intellettuali italiani. Non ho sufficienti competenze specifiche per giudicare se queste note siano conformi allo «stato degli studi». Ma non è poi questa la cosa più importante. Importante è capire come esse non intendano descrivere le tappe di un processo storico che porta alla unificazione politica del paese, ma – per loro stessa ammissione – di verificare l’utilità di un concetto di Stato come equilibrio, ossia congruo rapporto, tra società politica e società civile, sulla scorta del quale focalizzare il discorso sul presente della borghesia italiana.
    Quando si perda di vista questo dato, lo studio della «unificazione artusiana», o il ricorso a più moderne metodologie nella ricerca delle «profondità», delle «lunghe durate», può risultare non meno fuorviante della vecchia storiografia etico-politica. Come marxisti su di un punto non possiamo avere incertezze: la storia rimane per noi storia delle rotture e delle transizioni. Ha scritto Max Adler che una peculiarità della teoria sociale di Marx consiste nell’abbracciare passato, presente e futuro nel cerchio di un’unica necessità logica e che quindi anche la storia del passato può e deve essere conosciuta, senza l’ausilio di finalizzazioni esteriori, come storia del socialismo. Credo che questa affermazione abbia un suo profondo valore di metodo.

    Rinascita. Hai parlato di ricerca storica marxista e di ricerca storica comunista. Vorrei chiederti qual è il rapporto tra gli storici e il partito.

    Paggi. Direi che la natura di tale rapporto scaturisce, in via di principio, da quello che mi sembra essere oggi il compito di una storiografia marxista, ossia l’analisi della formazione economico-sociale, in tutti i suoi livelli, attraverso un rapporto assai più diretto ed esplicito di partecipazione a quello che è il compito prioritario, tipicamente leniniano, di un partito rivoluzionario: la conoscenza della situazione in cui il partito opera e di cui è esso stesso parte. Non intendo con ciò fare un ennesimo invito alla «scienza» (anche se certo non indifferenti sono i problemi intrinseci allo stato attuale della ricerca storica) quanto indicare una linea di tendenza che certo tuttora si scontra con molte difficoltà.
    Vorrei limitarmi a sottolineare la necessità di una acquisizione più consapevole e soprattutto più esplicita delle implicazioni che ha per l’intellettuale l’esistenza di un grande partito di massa, inteso forse troppo a lungo, e troppo semplicisticamente, come una forza esterna destinata a finalizzare politicamente un modo di fare cultura sostanzialmente immutato. Oggi lo stesso sviluppo della crisi della società italiana, fluidificando e rimescolando, almeno sul terreno della cultura, molti dei ruoli tradizionali sociali, mi sembra contribuisca a sollecitare per gli intellettuali comunisti (e non solo comunisti) una visione del partito non tanto come rapporto, ma come un modo, una condizione diversa del lavoro culturale, che, ad esempio, si bruci alle spalle le vecchie discussioni sul nesso politica-cultura e l’assunto che ad esse era implicito: una visione dell’intellettuale come alleato del movimento operaio, se non come cantore delle sue gesta. Per certi aspetti si può forse dire che il processo di responsabilizzazione politica di una parte degli intellettuali italiani si sia accompagnato ad un collaterale processo di «deresponsabilizzazione» culturale, in virtù del quale, pur all’interno di una dinamica politica, intensa come quella che si è affermata in Italia negli ultimi venticinque anni, si è riprodotto un assetto assai tradizionale della cultura italiana, con molte delle sue divisioni del lavoro.

    Rinascita. Se ho ben capito, parli di una divisione di campi. Secondo te, ci sono divisioni di campo, per esempio, tra storici e filosofi? E se ci sono, non ti sembra retaggio di una vecchia cultura di impronta crociana?

    Paggi. Che anche nella cultura marxista si sia riprodotta una certa divisione di campi, sorta sul terreno di orientamenti culturali assai distanti se non avversi, mi sembra difficilmente contestabile. Se in linea di principio siamo tutti d’accordo, almeno credo, che il problema delle forme di conoscenza della società non interessa solo il settore delle «scienze applicate», è anche vero che nella nostra pratica culturale ci imbattiamo ancora in una secca dicotomia tra ricerca teorica e ricerca applicata. Per fare un esempio, nessuno che sia dotato di media cultura pensa più a Smith e a Hegel come al «fondatore» dell’economia politica e al «perfezionatore» della filosofia classica tedesca, ma guarda ad essi come a due diverse forme di intreccio tra produzione di nuovi strumenti logici e di connesse conoscenze determinate sulla realtà del mondo borghese. Ma la verità elementare che ogni forma di cultura si lascia commisurare dal suo grado di conoscenza della società in cui opera trova tuttora seri ostacoli a divenire operante nella nostra pratica scientifica.
    In questo senso sono d’accordo con chi negli ultimi anni ha particolarmente sottolineato il problema di una mancata, o non sufficiente, resa di conti con il crocianesimo; fermo restando, è evidente, che quando si parla di crocianesimo non si intende la sistemazione filosofica di Croce (rapidamente bruciata con la riconnessione della cultura italiana con quella europea), ma una precisa proposta di assetto della cultura e, insieme, una visione dell’intellettuale e del suo ruolo nella società. Ciò su cui bisogna riflettere è l’eredità di Croce in quanto «organizzatore» della cultura italiana.
    In effetti lo sforzo crociano di rivitalizzare la vecchia filosofia, facendone apparentemente la metodologia della storia, non ha significato solo silurare il processo di confluenza tra ricerca teorica e sviluppo delle scienze sociali, allora in corso in tutta la cultura europea, ma anche salvaguardare e ripristinare attraverso le distinzioni, che rappresentano anche una gerarchia, quella figura tradizionale di intellettuale che lo stesso sviluppo del capitalismo e delle grandi lotte sociali pone dovunque in questione, dando luogo a tutta una problematica sullo stato dell’intellettuale, che non è poi tanto diversa da quella attuale. Ma è questo il clima generale – forse non è inutile ricordarlo per l’oggi – in cui si aprono al marxismo quelle grandi possibilità di successo che conosciamo. Forse i distinti crociani sono sopravvissuti nel modo in cui gli intellettuali italiani hanno continuato a porsi dinanzi al loro specifico settore di intervento, mai in fondo messo seriamente in questione, dal di dentro, da quei grandi processi sociali e politici cui pure hanno intensamente partecipato.

    Rinascita. A questo punto vorrei chiederti che cos’è, secondo te, l’intellettuale. Il tema è importante: se ne parla da anni, e sono stati scritti libri interi sulla figura dell’intellettuale, sulla sua funzione e sul suo ruolo, sulla sua autoanalisi e sulla sua autodistruzione.

    Paggi. Non sono molto informato sullo svolgimento di questa tematica, ma potrei risponderti, intuitivamente, con una battuta, dicendo che c’è a mio avviso una premessa da fare, prima di qualsiasi definizione in positivo della questione: che l’intellettuale accetti senza mistificazioni, ma anche senza pose declamatorie, la sua natura di «uomo senza qualità», ossia che accetti, e anzi ponga al centro della propria riflessione, con gli strumenti che gli sono propri, le ragioni della impossibilità di giungere ad una forma reale di autoidentificazione culturale, sociale e politica, in quanto intellettuale, ossia in quanto cultore di una determinata materia. Ciò che di più significativo e liberatorio è venuto fuori anche dalla cultura italiana di questo secolo passa in sostanza attraverso l’accettazione di questa realtà.
    Non vorrei sembrare blasfemo, ma se si vuole capire la figura di Gramsci e, in primo luogo, ciò che è più importante, il suo modo di pensare, bisogna prendere atto che la determinazione di una scelta politica della intensità e della ampiezza di pensiero che ha in Gramsci, si accompagna, sul piano intellettuale, alla accettazione di sé come uomo senza qualità. Questo credo debba oggi significare per noi – parafrasando una nota affermazione gramsciana – che non si milita nel partito della classe operaia come filosofi, come storici, come letterati, ecc., che hanno contratto un «impegno politico» ma come intellettuali che hanno sperimentato nel loro specifico l’impossibilità di interpretare il mondo sulla scorta di strumenti e ottiche determinate. In questo senso tutto il complesso delle questioni relative alla crisi dell’intellettuale trova una precisa, e forse puntuale, rispondenza sul piano teorico, nel modo nuovo in cui tendono oggi a rapportarsi le diverse forme di conoscenza e di espressione.

    Rinascita. Una domanda scaturisce direttamente da quello che hai detto fino a questo momento: è necessario un rinnovamento dei metodi di ricerca?

    Paggi. Ho l’impressione che ci sia una certa tendenza a far scaturire il problema dei metodi da una generica e non meglio precisata richiesta di aggiornamento; ossia che l’esigenza di includere nella ricerca storica alcuni aspetti della vita sociale prima trascurati (soprattutto nella nostra tradizione) porti a sfumare molto l’attenzione su tutto il complesso delle relative implicazioni teoriche e culturali. Credo che la nostra storiografia, nel momento stesso in cui partecipa e anzi sollecita il recupero degli scarti che indubbiamente esistono rispetto alla esperienza europea e americana, debba simultaneamente farsi carico di aprire la discussione su questo retroterra culturale. Per esemplificare, che l’indirizzo statistico-quantitativo largamente presente nel mondo anglosassone sia il precipitato storiografico di una più generale tendenza improntata dal neopositivismo logico, o che la larga gamma di metodi di analisi operante nella storiografia francese prenda le mosse da una visione della interdipendenza dei fattori sociali di netta ispirazione durkheimiana, non sono dati trascurabili, su cui si possa chiudere gli occhi. In altri termini, il problema dei metodi non è qualcosa che si esaurisca nell’orto concluso della discipline storiche, ma trascina inevitabilmente con sé quello del modo in cui un certo assetto culturale realizza l’analisi storica e sociale del proprio tempo.
    Quando, in nome dei metodi, si sviluppa in Germania l’attacco alla scuola storica, è la possibilità, è il modo stesso della conoscenza del mondo storico-sociale che viene messo in discussione. La stessa nozione di synthèse, ancora così operante nella storiografia francese, si definisce nel corso di una discussione che investe tutto lo stato delle scienze sociali. Del resto la storia del marxismo offre, sia pure in alcuni settori «minoritari» (rispetto alla soluzione dominante del materialismo storico, che autorizza anche in campo storiografico tutte le riduzioni e le utilizzazioni parziali) qualche spunto, non privo tuttora di interesse sul piano del metodo, circa la posizione di questo problema. Penso al modo estremamente complesso con cui si declina in Labriola il concetto di filosofia della storia, sempre più in stretto riferimento con problemi di metodologia storica; ma anche al modo in cui un certo austro-marxismo recepisce e riformula, nella interpretazione di Marx come teorico della scienza sociale, alcune suggestioni più significative del neokantismo.
    Ma una storiografia marxista, oltre che fissare chiaramente le implicazioni teoriche (e, se si vuole, anche i condizionamenti ideologici) dei «metodi», non può dimenticare, credo, nemmeno di indicare senza incertezze la finalizzazione degli strumenti di ricerca al suo oggetto più peculiare, l’analisi della formazione economico-sociale. Qui il problema mi sembra ancora quello che si apre per il marxismo, sul terreno politico, alla fine del secolo scorso (e che ancora non sembra avere trovato soluzione) quando per la prima volta si comincia a discutere della congruenza dell’analisi teorica di Marx con gli sviluppi concreti di una società capitalistica avanzata. In questo senso non è probabilmente sufficiente continuare ad assumere gli studi giovanili di Lenin sul capitalismo russo come modello, poiché se in essi ritroviamo la categoria fondamentale dell’analisi storico-sociale marxista, la situazione arretrata in cui opera consente a Lenin di arrestarsi ad un livello di astrazione che prescinde ancora dal ruolo delle forze storiche organizzate: lo Stato, i partiti, le ideologie, ecc. A ben guardare, l’interesse degli studi di Gerschenkron sull’accumulazione primitiva derivano dall’aver affrontato, in una chiave che si potrebbe definire anche revisionistica, un problema tipico del marxismo.
    Inserire le forze storiche nel modello marxista di sviluppo, mi sembra sia oggi il momento chiave della storiografia marxista. Così, se ci vogliamo riproporre in sede storiografica quella che fu definita la «specificità» del fascismo, non credo sia sufficiente rifarsi alla categoria di capitale finanziario o di capitale monopolistico di Stato. Occorre riaffrontare tutta la questione del nodo in cui lo sviluppo del capitalismo italiano si è intrecciato con una certa dislocazione delle forze sociali e delle rispettive espressioni politiche.

    Rinascita. Il discorso sul metodo richiama necessariamente al discorso sui temi. Vorrei domandarti quali sono oggi, secondo te, i temi principali della ricerca degli storici marxisti.

    Paggi. Credo che le maggiori urgenze nascano sul terreno della storia dell’Italia contemporanea. Ma non si tratta certo di teorizzare delle priorità, quanto di richiamare invece quella che a me pare una semplice situazione di fatto. Indubbiamente è legittima la preoccupazione di un’eccessiva contemporaneizzazione della nostra ricerca – con tutti i rischi di una compressione della sua espansività culturale. Ma che, ad esempio, in Polonia uno storico marxista possa più facilmente che in Italia studiare il modo di produzione feudale deriva da una serie di motivi evidenti, su cui non occorre insistere molto. In questo ambito, dunque, molto ristretto, solo qualche considerazione su due temi forse abbastanza esemplificativi: la storia del movimento operaio e il problema del fascismo.
    Circa il primo punto si discute oggi se non si faccia troppo storia di noi stessi e troppo poca storia dell’avversario. In linea di principio mi sembra che la risposta possa essere, come tale, una sola: inutile, e impossibile guardare alla storia delle classi subalterne senza aver prima conosciuto la situazione che ad esse hanno fatto, volta a volta, le classi dirigenti. Ma il problema è forse in realtà più complesso. Quello che a me sembra oggi pregiudiziale è una critica esplicita della nozione stessa di «movimento operaio», intesa, ovviamente, non come denominazione tematica, ma come categoria storiografica. A questo proposito già nel ’52, in uno scritto pubblicato postumo, Delio Cantimori parlava di residui di «anarchismo e sindacalismo economicistico». Questo abbandono della prospettiva di storia nazionale è forse il risultato di un atteggiamento culturale più complessivo che risente molto di una situazione politica di arroccamento e di difesa: il movimento operaio si fa la sua cultura, opposta e simmetrica a quella dell’avversario, esibendo i documenti della propria esistenza.
    Probabilmente pesa assai, anche se in modo del tutto discreto, il clima culturale creato dallo stalinismo, che se sul piano politico vuole raccogliere la bandiera della borghesia, su quello ideologico recinta la classe operaia con un cordone sanitario. Certo è che questa categoria di «movimento operaio» risulta oggi, nonostante le sue dichiarazioni di fedeltà, come uno dei momenti più fortemente antigramsciani della nostra presenza culturale. Quando ancora dopo il ’56 si fanno sulla sua scorta saggi di storia del marxismo, essa è di fatto intesa come storia della ideologia di classi subalterne: la riconsiderazione del modo in cui Kautsky ha garantito l’autonomia (la scissione) ideale e politica della classe operaia finisce per mettere del tutto in ombra quel nesso tra marxismo e cultura europea che costituisce uno degli assi portanti dei Quaderni e del rapporto intellettuali-partito.
    Del resto siamo recentemente passati dalla storia del movimento operaio alla storia del partito politico, con un mutamento tematico che implica un complesso di analisi non più comprimibili nelle vecchie dimensioni. Quando si dice partito politico si dice infatti di un elemento che è per definizione Stato e società civile, economia e politica, organizzazione e insieme il complesso del blocco sociale sottostante. Sotto questo profilo, anzi, la storia dell’Italia contemporanea può essere intesa anche come una storia dei partiti politici. La rifondazione dello Stato repubblicano da parte dei grandi partiti di massa, ricostituitisi fulmineamente dopo un ventennio di regime totalitario, è veramente un punto di arrivo di un secolo di storia.
    Proprio se si tiene presente lo stato di disgregazione sociale in cui versa il paese al momento della sua unificazione politica è possibile comprendere come in Italia i partiti appaiono non solo come modo di essere dell’opinione pubblica (è il caso anglosassone di società civili fortemente omogenee), ma come la forma in cui si esprime la tendenza all’unità delle grandi correnti sociali, i tramiti attraverso cui la società civile aggrega le sue «forze elementari», secondo un doppio processo per cui le masse subalterne realizzano il superamento del loro sovversivismo e le classi dirigenti si danno un’unità interna sempre maggiore che è anche sempre più marcata capacità di mediazione politica verso l’esterno. Sotto questo profilo fare storia del PCI significa fare storia di una parte imprescindibile di questa società.
    Circa il secondo punto che ho ricordato, credo sia oggi indispensabile una attenta rassegna critica delle diverse analisi del fascismo, non sempre tra di loro congruenti, che si sono accumulate nel tempo. Proprio perché del fascismo abbiamo sempre parlato, di esso abbiamo parlato, volta a volta, anche in modi diversi, che andrebbero forse inventariati. In questo senso il saggio di Emilio Sereni apparso su Critica marxista potrebbe essere l’inizio di una discussione molto feconda.
    In effetti non credo sia utile nascondersi tutte le proiezioni sul nostro presente, tutte le implicazioni concernenti la nostra battaglia politica di oggi che sono connesse al riesame del problema fascismo. E non intendo riferirmi alla congiuntura neofascista, ma ad un aspetto assai più organico del fenomeno che mi sembra costituisca il punto di riferimento naturale di ogni indagine parziale. Alludo al fatto che con il fascismo la borghesia italiana raggiunge per la prima volta una sua unità organica nello stesso momento in cui riesce ad inquadrare stabilmente in forma subalterna ampi settori di masse popolari. È con il fascismo che le classi dirigenti innestano una mediazione politica che è capace di registrare e articolare la somma dei loro interessi economico-corporativi, garantendo loro simultaneamente una base di massa. Il fenomeno appare tanto più complesso quando si consideri la natura dello sviluppo capitalistico italiano che esclude pregiudizialmente tutta la problematica della integrazione.
    Non voglio qui addentrarmi in questa tematica, ma è certo che con il fascismo non è più possibile eludere la connessione tra la qualità del nostro sviluppo economico e le forme diverse di organizzazione di massa delle classi subalterne. La novità e il pregio peculiare del recente saggio di Mario G Rossi su Movimento cattolico e capitalismo finanziario consiste proprio nella proposta di questa connessione, che ha, a mio avviso, un significato strategico per tutta la storia dell’Italia contemporanea, fino ai giorni nostri.

    Rinascita. A questo punto la domanda conclusiva mi sembra una sola. Abbiamo parlato della necessità di rinnovamento dei metodi di ricerca e della tematica. Tu hai al tuo attivo un lavoro approfondito e molto apprezzato su Gramsci e il partito. Considerando il tuo lavoro passato e quanto ora mi hai detto, vorrei che mi dicessi qual è oggi l’oggetto della tua ricerca.

    Paggi. Nell’ambito di una più ampia ricerca collettiva sul revisionismo, sto fissando qualche prima conclusione sul problema del partito, con lo scopo di individuare anche sul «fronte occidentale» (ossia nel dibattito della socialdemocrazia europea) qualche referente storico e teorico del Che fare? La finalità più generale di questo lavoro sta nello sforzo di tentare almeno quegli approfondimenti più indispensabili per valutare e comprendere appieno tutta la originalità e la carica di rottura implicite in quella formula dell’intellettuale collettivo che è al centro del pensiero di Gramsci negli anni 1923-26. Ma – se pure è lecito cercare un significato non solo strettamente personale nel proprio lavoro – vorrei aggiungere che una storiografia marxista, che voglia oggi riconquistare tutta la sua capacità di presa sui processi reali in corso, non può sottrarsi al compito di rivedere seriamente molte delle forme di coscienza stratificatesi nel movimento operaio (e che continuano spesso ad agire oltre la loro morte apparente) attraverso le quali esso ha pensato il suo duro impatto (e dunque i suoi rapporti) con questa società.
    Se questo è vero ne deriva anche che è all’ordine del giorno una mole vasta di problemi urgenti, tale da sollecitare un riflessione sul nostro modo di lavorare. Intendo riferirmi ai limiti sempre più evidenti della capacità di incidenza culturale di una somma di iniziative puramente individuali e alla necessità che al momento della ricerca personale si affianchi con maggiore evidenza quello dell’organizzazione della discussione e del confronto. Credo che se riusciremo a definire con maggiore chiarezza le linee di un nostro campo culturale e teorico potremo continuare con più forza e convinzione quella tradizione di confronto aperto con tutte le tendenze culturali che ha caratterizzato la storia del marxismo italiano.

    (a cura di Ottavio Cecchi)

    (...)
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

  5. #5
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,963
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: La storiografia marxista, risultati e prospettive (1973)

    5. Colloquio con Ernesto Ragionieri

    «Rinascita», n. 18, 4 maggio 1973, pp. 24-26.

    I precedenti colloqui di Rinascita con gli storici marxisti sono stati pubblicati nei numeri 10 (Rosario Villari), 12 (Gastone Manacorda), 14 (Giuliano Procacci), 16 (Leonardo Paggi). Al colloquio con Ernesto Ragionieri seguiranno i colloqui con Enzo Santarelli, Franco De Felice, Paolo Spriano ed altri.

    La battaglia delle idee e l’organizzazione della ricerca storica

    Rinascita. A Ernesto Ragionieri, titolare della cattedra di Storia del Risorgimento all’Università di Firenze, poniamo queste domande: qual è oggi lo stato della ricerca storica in Italia? E quale peso ha la presenza della ricerca storia marxista?

    Ragionieri. Il primo punto che mi sembra interessante toccare è quello relativo al ruolo della storia oggi, nella formazione generale, culturale e politica, anche in rapporto all’importanza che ha avuto in periodi precedenti. Varie volte, di fronte allo sviluppo assai impetuoso che l’interesse per la storia ha registrato in Italia dopo la seconda guerra mondiale e la Resistenza, è stata ricordata una previsione di Gobetti secondo la quale una generazione di storici avrebbe sepolto il fascismo. E senza dubbio conoscere e giudicare la storia d’Italia – la formazione dell’unità d’Italia e la natura dello Stato unitario, la crisi dello Stato liberale e l’avvento al potere del fascismo – ha costituito una pietra di paragone insostituibile nella formazione della coscienza politica del paese in questo secondo dopoguerra, oltre che oggetto di ricerca critica, segnando il punto, non so se più alto, certo di maggiore espansione del rapporto tra interesse storico e formazione politica, che costituiva già da tempo uno dei connotati culturali della tradizione italiana.
    L’interrogativo circa l’operante prolungarsi sino ad oggi di questo rapporto è problema che coinvolgerebbe una ricognizione culturale e politica assai vasta, che un giorno dovrà essere fatta. Vorrei intanto fissare assai schematicamente le due seguenti affermazioni:
    a) nell’ultimo trentennio si è operata una rottura nella conoscenza della storia d’Italia così come era stata tramandata dalle classi dominanti e dalla stessa dialettica interna alle classi dominanti. Questa rottura non è stata mai rimarginata, nonostante i ripetuti tentativi di «riassorbimento» esplicati con notevole fervore a proposito di tutti i nodi decisivi della storia nazionale, e su tutta l’area di diffusione della cultura storica, dalla ricerca scientifica alla grande divulgazione, in tutti i momenti che hanno segnato una più forte aggregazione degli intellettuali nella vita della Repubblica italiana;
    b) ragione prima, struttura portante e insieme garanzia permanente dell’ampiezza, della profondità e della continuità di questa rottura è stata la presenza nella storia dell’Italia contemporanea di un movimento operaio che si è ripresentato come una grande forza politica e ideale, ricco di suggestioni intellettuali profonde e pienamente consapevole del rapporto tra passato e presente. A dirla in breve, l’affermazione che all’inizio degli anni ’50 poteva avere un carattere prevalentemente programmatico – al di fuori del marxismo, senza fare i conti con Gramsci non si fa in Italia opera seria di cultura storica – è oggi un dato di fatto largamente acquisito dal quale bisogna in ogni caso partire.

    Rinascita. Dunque si può parlare di un peso importante della ricerca storica marxista. Ma vorrei farti subito una seconda domanda: oggi si può parlare di una crisi? Di quale natura?

    Ragionieri. È, oggi, credo, constatazione comune che la storiografia italiana è scossa da una crisi profonda, che è in parte riflesso di una crisi più generale che investe tutto il sapere storico europeo, ma che da noi assume connotati particolari e per certi versi ancora più marcati. L’elemento forse più caratteristico della situazione italiana consiste a mio parere nel fatto che ad un indiscutibile ammodernamento della ricerca storiografica non ha corrisposto un adeguato rinnovamento degli istituti e della riorganizzazione della ricerca, che alla appropriazione di nuove tecniche e anche a un certo allargamento del campo dell’indagine storica non si è accompagnata una riflessione critica corrispondente, e così via. Di qui gli squilibri e le insufficienze che lo stato di vero e proprio collasso nel quale è piombata l’Università italiana – in fondo l’unica istituzione di base della ricerca nel campo delle scienze sociali in Italia – rendono ancora più visibili. Credo non sarebbe difficile dimostrare come in ogni settore della storiografia italiana questa situazione abbia finito col generare contraddizioni profonde, a partire da quella per la quale si è determinato il venir meno della prevalenza della «corporazione» degli storici accademicamente intesa senza per altro evitare il pericolo del risorgere di tendenze localistiche nella formazione e nell’attività dei centri di ricerca storica, dei quali gli elementi ideali e politici hanno costituito soltanto una delle componenti. Ma è questo un discorso assai complesso che non è possibile sviluppare completamente qui.
    In questa sede vorrei toccare, più semplicemente e molto in breve, alcuni punti che concernono il modo col quale la storiografia marxista è stata coinvolta in questa crisi più generale della storiografia italiana. Metterei in primo piano l’attenuarsi del rapporto con la tradizione nazionale, proprio perché l’origine fortemente politica della storiografia marxista in Italia rende questo aspetto particolarmente significativo, e gravido di conseguenze. Faccio un solo esempio: negli ultimi due anni sono caduti tre centenari che si riferiscono a uomini e ad opere che hanno avuto un’importanza decisiva nella formazione dell’Italia moderna: la morte di Giuseppe Mazzini, la pubblicazione della Storia delle letteratura italiana di Francesco De Sanctis, la morte di Alessandro Manzoni. Ebbene, chi se n’è accorto leggendo la nostra stampa, specializzata e meno? Eppure è un nostro compagno, e di grande valore, Franco Della Peruta, che è oggi il maggiore studioso di Mazzini e del movimento mazziniano e che ha avuto una parte di primissimo piano in tutti i congressi storici di carattere specialistico che sono stati organizzati per ricordare colui che resta il primo capo di un partito democratico che abbia avuto l’Italia. Né importerà ricordare che cosa abbia rappresentato la Storia della letteratura italiana di Francesco De Sanctis per dimostrare l’importanza che avrebbe potuto assumere un rinnovato confronto, magari meno mitizzante di quello compiuto in anni precedenti, con una storia della letteratura che è anche storia d’Italia. Un discorso diverso – ma per tanti aspetti anche analogo – potrebbe essere fatto per Manzoni. Sarebbe però assai negativo se non sapessimo riconoscere in Manzoni una componente della cultura italiana risorgimentale e della coscienza del moderatismo italiano che si è prolungata nel tempo improntando di sé la conformazione ideale di larghi settori della società italiana.
    Ho introdotto questo motivo del rapporto con la tradizione politica e intellettuale nazionale perché consente di prendere in considerazione il piano, che ritengo essenziale, della presenza complessiva di un orientamento marxista nella storiografia italiana. Il discorso sulla specifica produzione storiografica dovrebbe essere necessariamente assai più articolato e complesso, e approderebbe probabilmente a conclusioni più positive. C’è stata nel corso degli anni l’apertura di un ventaglio di interessi da parte degli storici marxisti che ha recato contributi positivi di notevole importanza e che ha sollecitato in più direzioni lo sviluppo degli studi. Però a me pare che sarebbe solo limitatamente marxista e assai moderatamente gramsciano considerare la nostra attività sotto l’esclusivo profilo della produzione storiografica.
    Il marxismo e Gramsci in quanto elemento originale all’interno del marxismo stesso introducono nella tradizione culturale italiana in primo luogo l’indicazione di un costume e di una collocazione diversa degli intellettuali. I quali, in tanto risultano «mediatori del consenso» in quanto collocano la loro produzione di conoscenza lungo un asse di rinnovamento dell’organizzazione culturale promuovendo e sollecitando interessi e, insieme, dibattendone gli esiti e controllandone gli sviluppi. Mi pare di avvertire una carenza complessiva del nostro intervento critico in quella che si chiamava la «battaglia delle idee», probabilmente originata anche da un motivato ripensamento critico rispetto ai toni e alle forme in cui essa veniva forse combattuta con troppo immediato agonismo, anche se non soltanto da noi, in un’età non lontana segnata dalla militarizzazione della cultura. Gli effetti di questo distacco hanno però portato a un difetto di informazione e di chiarezza, ad una scarsa circolazione delle idee: che non è propriamente l’obiettivo che quel ripensamento critico si riproponeva di conseguire.
    Insomma, se dovessi esprimere un giudizio sintetico sulla influenza del marxismo come è venuto concretamente delineandosi in Italia, nella cultura storica italiana, non potrei che fare riferimento ad elementi di contraddizione: la situazione è, nel suo complesso, insieme assai migliore e assai peggiore di quanto non siamo portati a credere da una somma di bilanci settoriali. Permettimi, anche in questo caso, di fare un esempio traendolo da un’importante opera recente che la nostra stampa non ha ancora fatto oggetto della considerazione attenta che merita: I caratteri originali, primo volume della Storia d’Italia della casa editrice Einaudi. Si tratta senza dubbio di un volume disuguale, come accade quasi sempre nelle opere dovute alla collaborazione di autori diversi, ma di grande interesse in quanto ripropone in termini di storiografia moderna quello che un tempo si chiamava il problema dell’«unità della storia d’Italia», verificandolo attraverso tutta una serie di spaccati tracciati attraverso i secoli. Senza che, mi pare, sia occorsa tra redattori e collaboratori una intensa al riguardo, ne è scaturito un panorama della storia d’Italia sostanzialmente incentrato intorno al rapporto città-campagna. Ciò emerge con chiarezza non solo da quegli scritti ai quali per l’oggetto che trattano, per la tradizione di studi alla quale si ricollegano o anche per l’esplicita ispirazione dei loro autori è per così dire più congeniale, ma anche da altri che per vari motivi sembrerebbero meno preparati ad accoglierlo: non solo, per limitarmi a qualche esempio, in «Agricoltura e mondo rurale» di Emilio Sereni o in «Lacerazioni e contrasti» di Corrado Vivanti ma anche nel saggio sull’arte di Giulio Carlo Argan e di Maurizio Fagiolo e in quello sulla lingua italiana di Alfredo Stussi. Ebbene, il problema del rapporto tra città e campagna nella storia d’Italia, certo non ignoto alla storiografia e al pensiero economico e politico italiano tra ‘700 e ‘800, è stato riproposto con grande energia alla cultura italiana contemporanea dai Quaderni del carcere di Gramsci ed è qui che probabilmente va ricercata la radice di una irradiazione che fa oggi avvertire la sua funzione unificatrice anche al di là dei settori di ricerca coltivati da studiosi che si rifanno esplicitamente al marxismo. Credo che se, per esempio, assumessimo questo caso come punto di riferimento, non soltanto osserveremmo una notevole sproporzione tra l’influenza delle posizioni alle quali ci rifacciamo e alla nostra capacità di critica, di intervento e di programmazione degli studi, ma anche trarremmo indicazioni concrete e importanti nel senso dello sviluppo del nostro lavoro.

    Rinascita. Mi sembra che a questo punto il discorso cada anche sulla storia del partito. Secondo te, ci si è occupati troppo, come a volte si vorrebbe, della storia del Partito comunista italiano oppure no?

    Ragionieri. L’angolo visuale dal quale formulare una risposta a questo interrogativo mi sembra debba essere duplice. In primo luogo, è necessario tenere fermo il punto molto importante che la «domanda» di storia del Partito comunista italiano è stata ben lontana dall’essere una esigenza di carattere puramente interno. Nelle sue diverse, molteplici e anche contrastanti componenti tale domanda è complessivamente scaturita dalla esigenza di approfondire la conoscenza (anzi, per essere più precisi, di avviare la conoscenza sulla base di un’effettiva ricerca storica) di una delle componenti fondamentali tanto dell’Italia contemporanea quanto del movimento operaio internazionale: ciò che non definirei propriamente una esigenza ristretta, limitata o, come si disse in una discussione di quasi venti anni fa svoltasi intorno alla rivista Movimento operaio, con termini che mi pare si tenda a riprodurre un po’ meccanicamente, «corporativi». Al contrario, ritengo senz’altro positivo l’affermarsi di questi interessi nel corso degli ultimi anni in quanto tentativo della cultura storica e politica italiana, considerata nel suo complesso, di corrispondere ad una conoscenza del presente, e quindi di assolvere ad un compito progressivo. D’altra parte, se un certo numero di storici comunisti non si fosse posto su questa strada e non avesse cercato di corrispondere alla domanda di conoscenza che ne scaturiva, non soltanto il panorama di questi studi sarebbe assai meno avanzato ma soprattutto non si sarebbe venuto costituendo, proprio su questo terreno, uno dei più significativi elementi di collegamento, dico di collegamento e non di identità, con una nuova generazione di studiosi che, in un momento grave di crisi anche culturale della società italiana, si sono venuti formando e orientando attraverso il punto di riferimento di un passaggio politico che nella cultura storica italiana sembra essere pressoché obbligatorio.
    Né si può riconoscere, in linea di principio, che l’oggetto della ricerca ne determini aprioristicamente il livello. Si potrebbe fare un elenco abbastanza lungo di «storie universali» per le quali l’attributo di «parrocchiali» non sarebbe fuori luogo, come pure sarebbe possibile indicare tendenze e momenti della storia della storiografia nei quali lo sforzo di «modernizzare» rapporti sociali e istituzioni politiche, propri di altre epoche, indusse ad appiattimento e a riduzioni conoscitive che sono nella memoria di tutti. Il discorso è, quindi, necessariamente di merito. Ora, da questo punto di vista, non c’è dubbio che il settorialismo che – come ho richiamato poco fa – insidia a mio parere tutta la ricerca storica italiana si è fatto sentire anche in questa prima fase degli studi di storia del Partito comunista italiano. Spriano, Paggi, io stesso, in alcuni articoli di carattere per così dire programmatico col quale abbiamo accompagnato lo svolgimento delle ricerche che andavamo via via sviluppando in questo campo abbiamo messo in evidenza una dialettica di posizioni abbastanza varia e, al tempo stesso, abbiamo formulato enunciazioni forse più ambiziose dei risultati che siamo riusciti a conseguire nei rispettivi lavori. Come in tutte le storie al loro inizio, elementi interni, di carattere istituzionale o relativi alla ricostruzione della «linea politica», hanno fatto sentire il loro peso. Da quanto è stato sinora pubblicato e da ricerche che sono in corso di completamento mi pare tuttavia che si possano identificare almeno due aspetti assai precisi attraverso i quali la storia del Partito comunista italiana si salda strettamente con la storia della società italiana: per un verso il rapporto della formazione del «gruppo dirigente» con la crisi della cultura italiana ed europea ed il significato che questo particolare rapporto assume, nell’immediato e in prospettiva anche per la collocazione internazionale del comunismo italiano, per l’altro, la composizione sociale e la struttura politica del Partito comunista italiano, in quanto formazione politica nuova del movimento operaio italiano che al tempo stesso ne provoca una dislocazione profondamente innovatrice nella società nazionale. E non è un caso – mi devi consentire di aggiungere – che è proprio su questi punti che si rilevano le differenziazioni più significative tanto all’interno quanto all’esterno del partito.
    Resta, purtroppo, il fatto che gli studi di storia del partito, comunque li si voglia giudicare, costituiscono uno dei pochi settori a proposito dei quali si possa trarre un bilancio complessivo di attività da parte degli studiosi marxisti italiani negli ultimi anni. C’è stato in questo periodo un restringimento dell’arco di interessi della cultura storica italiana, con netto privilegiamento della storia contemporanea, del quale la nostra stessa attività è stata parte integrante. Anche in questo caso, però, gli studi e le ricerche di storia del partito non hanno costituito un elemento di restrizione ulteriore. Anzi. È nel corso di queste ricerche, in fondo, che sono venute alla luce le Lezioni sul fascismo che Togliatti tenne alla scuola leninista di Mosca nel 1935. Non mi pare che siano state degnate neppure di una recensione: e qui torniamo nuovamente alla limitata capacità critica, di dibattito e di intervento, che la nostra stampa ha in comune con buona parte della stampa italiana, accecata dall’industria culturale quando ad essa non asservita. Ma, ad appena tre anni dalla loro pubblicazione, non vedo apparire studio importante sulla storia d’Italia nel periodo fascista che non tenga conto e non discuta col contenuto di queste «lezioni». Tutto lo studio sul fascismo come regime reazionario di massa in funzione di una dittatura di classe, particolarmente nelle articolazioni interne del blocco di potere che con il fascismo assunse la direzione dello Stato italiano, è stato riproposto dalla pubblicazione di questo testo. Sarà stata anche la coincidenza della sua pubblicazione con importanti congiunture della vita politica nazionale, è tuttavia un fatto che proprio la conoscenza di questa parte di un corso dedicato agli «avversari» ha contribuito a fare avvertire la necessità dello studio e della conoscenza approfondita, e oggettiva, non propagandistica, dei caratteri del nuovo blocco di potere che oggi governa l’Italia e dei suoi rapporti di novità e di continuità col regime fascista.

    Rinascita. Quindi tu vedi necessario e nient’affatto «parrocchiale» questo fiorire di studi intorno al Partito comunista italiano. Vorrei chiederti qual è ora l’oggetto della tua ricerca.

    Ragionieri. Ecco una domanda che permette di mettere veramente il dito nella piaga, in rapporto anche ai problemi autocriticamente toccati nelle risposte precedenti. Il fatto è che per vari motivi ciascuno di noi è costretto ad attendere a troppi e a troppo diversi lavori ed anche di qui ne consegue una deficienza di coordinamento nell’azione e nell’intervento complessivi. Ma voglio attenermi alla domanda da te posta. Il resto risulterà, eventualmente, da sé.
    È ormai pronto e uscirà nei prossimi mesi il terzo volume delle opere di Palmiro Togliatti, che abbraccia gli anni 1929-35. Come i volumi precedenti, anche questo raccoglierà scritti pubblicati da Togliatti sulla stampa del Partito comunista italiano e dell’Internazionale comunista, e per usare una distinzione da lui fatta esplicitamente durante una discussione politica del 1929, scritti firmati e scritti anonimi, i primi per dare un contributo personale alla discussione politica, i secondi per rappresentare il punto di vista ufficiale del partito; infine discorsi e interventi nelle istanze dirigenti del partito italiano e del Komintern. Nel corso della ricerca svolta presso l’archivio del Partito comunista italiano e nell’archivio dell’Internazionale comunista sono venuti alla luce anche tutta una serie di carteggi politici, i quali, insieme al ritrovamento dei testi originali di alcuni interventi togliattiani molto famosi (penso in primo luogo al rapporto tenuto al VII Congresso dell’Internazionale comunista), consentono di ricostruire un altro buon tratto della biografia politica di Palmiro Togliatti. Si tratta, come sai, di anni particolarmente complessi nella storia del partito italiano e del movimento comunista internazionale: sono gli anni che vedono il consolidamento del regime fascista in Italia e la sua estensione in Germania e in Europa, le premesse della seconda guerra mondiale e la piena affermazione del potere personale e del mito di Stalin. Quanto basta, insomma, per mettere alla prova lo schema di biografia, insieme intellettuale e politica, che ho posto alla base delle introduzioni premesse ai singoli volumi. A mio parere, esso ne esce sostanzialmente riconfermato nella sua validità di massima, come quello che meglio di ogni altro consente di non rinunciare alla comprensione di alcune delle forme delle quali si alimentò la partecipazione di Togliatti alla direzione del Partito comunista italiano e del movimento comunista internazionale, dalla intelligenza critica alla disciplina, e all’intreccio che ne derivò particolarmente negli anni che sono documentati da questo volume.
    Ma si tratta di un lavoro per questa parte ormai concluso. Né è il caso di accennare qui ai problemi che si pongono per il proseguimento di quest’opera.
    Sto ora attendendo alla parte che mi è stata affidata della Storia d’Italia promossa dall’editore Einaudi concernente la storia sociale e politica d’Italia dalla fondazione dello Stato unitario sino ad oggi. I motivi d’interesse della partecipazione ad un’opera sull’importanza della quale ho già cercato di richiamare l’attenzione sono parecchi. In primo luogo, riconsiderare la nostra storia unitaria in una prospettiva inconsueta qual è quella suggerita dall’impianto di questa Storia d’Italia permette di vedere sotto una luce un po’ diversa da quella spesso d’impronta strettamente politica o di corto periodo momenti e aspetti di un processo storico ormai più che secolare. Mi riferisco alla natura dello Stato italiano e alla formazione e alla trasformazione delle sue classi dirigenti. La collocazione internazionale dell’Italia e quindi la politica estera seguita in tempi successivi di questo secolo di storia unitaria cominciano ad apparirmi alla luce di criteri diversi di continuità e di rottura rispetto a quelli nei quali li avevo considerati fino ad oggi studiandoli separatamente. Mi si presenta, insomma, la necessità di fare i conti con una prospettiva per così dire «risorgimentale» della storia dell’Italia unita, quale ci era stata spesso dettata per adesione o per contrapposizione dalla mediazione intellettuale e politica con la quale determinati problemi ci erano pervenuti. Non ti nascondo, inoltre, che la mia preoccupazione maggiore consiste nel trovare la prospettiva giusta relativa alla storia di quest’ultimo trentennio, che rappresenta ormai una fase abbastanza compatta anche se non definitivamente conclusa della nostra storia unitaria. Voglio dirtelo francamente: non ho tanto problemi di imparzialità quanto di intelligenza storica, nel senso che sono arrivato alla convinzione che, senza la comprensione dei mutamenti intervenuti in Italia nell’ultimo trentennio, non è più possibile oggi rappresentare in tutte le alternative, e le scelte che si sono successivamente presentate, il processo storico nazionale dall’unità al fascismo. C’è da fare i conti, inoltre, in un’opera d’insieme come questa, con lo stato degli studi che si presenta come estremamente disuguale, il che ci riporta al discorso generale che facevamo poco fa sulla crisi della storiografia italiana e sulle sue strutturali disuguaglianze di sviluppo. Mi limito, anche qui, ad una solo esempio: quanti storici italiani hanno approfondito nell’ultimo quarto di secolo anche un solo punto della politica estera italiana da un punto di vista che non fosse soltanto di storia diplomatica? Le eccezioni non arrivano neppure al numero delle dita di una mano. Ed è lacuna gravissima che si fa avvertire in maniera assai pesante per una riconsiderazione complessiva della storia dell’Italia unita. Ci sono tuttavia dei punti alti e nuovi che la ricerca ha raggiunto in questi ultimi anni e dei quali appena pochi lustri fa non si sospettava quasi l’esistenza neppure nella forma più dimessa delle storie speciali: penso in primo luogo alla storia delle istituzioni e dell’amministrazione, ma più in generale a tutta l’attenzione che oggi si dedica ai rapporti tra i vari elementi del blocco di potere e al suo funzionamento complessivo. Mi considererò già fortunato non dico se saprò portare tutta l’esposizione al livello di questi punti nuovi e più alti quanto se saprò misurare e fare misurare quanto ancora manchi per arrivarvi.
    Se per altro non dovesse apparire troppo ambizioso, vorrei soggiungere che considero questi pure assai impegnativi lavori di ricerca e di elaborazione storica soltanto come una parte della mia attività. Voglio dire che considero parte integrante della mia attività di storico e di intellettuale comunista il mio lavoro di insegnante. Diciamo pure che questa mia affermazione non manca di una certa polemica. La crisi dell’Università italiana, la situazione di collasso e di disgregazione in cui la politica imprevidente o dissennata dei governi clericali ha cacciato tutte le facoltà, in primo luogo quelle umanistiche, è stata vissuta da una gran parte dei professori universitari italiani, compresi molti che si dichiarano politicamente di sinistra, con uno stato d’animo di passività nel quale era difficile discernere gli elementi di rassegnazione o di cinismo consueti in tanta parte dell’accademia italiana. Non condivido tale stato d’animo e non sono mai riuscito a comprendere perché la constatazione del delinearsi di alcune caratteristiche di ciò che si chiama l’Università di massa dovrebbe comportare l’accettazione senza resistenze della espulsione della ricerca dalla Università o, peggio ancora, fumose teorizzazioni il cui succo si risolve nella estensione all’Università dei metodi della scuola attiva, giustamente a suo tempo scherniti da Lucio Mastronardi nel Maestro di Vigevano. C’è certo una precisa tendenza in questo senso e ci sono forze ben identificate che puntano in questa direzione. Ma non vedo proprio il motivo per il quale noi dovremmo accettare le prime e farci complici delle seconde. Ora, a me pare che compiti particolarmente gravosi ma anche di grande interesse spettino a quanti di noi operano in questo campo nell’Università. Direi anzi che noi ci troviamo in una situazione potenzialmente avvantaggiata rispetto ad altri settori dell’istruzione superiore. Voglio dire che il processo di scolarizzazione di massa che si verifica oggi nell’Università italiana non è necessariamente portatore di una dequalificazione culturale a senso unico. Esso si accompagna, anzi, per la sua stessa natura a esperienze di pratica sociale che possono essere tutt’altro che irrilevanti per la formazione di una nuova coscienza storiografica. Né mi riferisco soltanto al polarizzarsi dell’interesse dei giovani verso temi di storia contemporanea in generale, e verso la storia del movimento operaio e del socialismo in particolare: ciò che non considererei unicamente e di per sé come fatto positivo. Penso anche, e piuttosto, alla maggiore capacità, che una intelligente partecipazione a queste esperienze di pratica sociale fornisce, di avvicinare processi storici complessi e insieme di cominciare a padroneggiare le tecniche storiografiche relative. Potrei portare numerosi esempi tratti dalla mia personale esperienza di insegnante, i quali potrebbero dimostrare come siamo oggi di fronte a potenzialità ancora ieri inimmaginabili proprio in quanto non automaticamente legate a forme tradizionali, cioè esclusivamente interne all’Università, di trasmissione o riproduzione del sapere. Cercare di rendere operanti queste potenzialità ha per condizione, però, partire dalla consapevolezza costante e profonda non solo di contrastare una tendenza alla dequalificazione dell’Università attraverso l’emarginazione da essa della ricerca che ha presieduto alla politica dei governi democristiani, ma anche di fare opera seriamente innovatrice. Ritengo che sarebbe nostro compito elaborare e cercare di realizzare anche su questo piano un programma di rinnovamento e di risanamento nazionale raccogliendo intorno ad esso le forze idealmente diverse, ma né indifferenti né esigue, che ad esso possano essere interessate; ciò che, in realtà, sinora non si è dato neppure nel senso molto elementare di indicare che questo comporta una lotta a fondo contro le manifestazioni di irrazionalismo che tendono ad estendersi nella cultura italiana contemporanea e che si esprimono ben oltre la negazione della storia, talvolta con argomenti tratti dalla storia stessa, che è propria di taluni gruppi extraparlamentari. Non c’è ormai molto tempo da perdere per dare vita ad una azione animata da questo programma ed è giunto il momento che le nostre riviste si aprano ad un dibattito che ne faciliti la enucleazione.

    (a cura di Ottavio Cecchi)

    (...)
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

 

 

Discussioni Simili

  1. Fra storiografia e politica (1980)
    Di Frescobaldi nel forum Repubblicani
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-06-20, 14:04
  2. La storiografia del movimento repubblicano in Italia
    Di Frescobaldi nel forum Repubblicani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-10-16, 09:50
  3. DESTRA-FIAMMA risultati elettorali e prospettive politiche
    Di Roberto Jonghi nel forum Lombardia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-10-08, 10:57
  4. DESTRA-FIAMMA risultati elettorali e prospettive politiche
    Di Roberto Jonghi nel forum Destra Radicale
    Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 16-06-08, 13:13
  5. Risultati e prospettive Ryanair a Parma
    Di Priklopil nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-11-06, 23:59

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •