User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'esodo dei consiglieri ebrei dalla Casa Bianca di Obama non è un buon presagio

    L'esodo dei consiglieri ebrei dalla Casa Bianca di Obama non è un buon presagio



    Se molte persone, comprensibilmente disgustate a morte nel vedere gli interessi ebraici appropriarsi voracemente dei più alti centri di potere in America e nel mondo, hanno senza dubbio salutato con gioia l’annunciata dipartita di Rahm Israel Emmanuel dalla posizione di Capo dello Staff della Casa Bianca, vi è tuttavia motivo di guardare a questo recente sviluppo con una certa dose di apprensione, piuttosto che con sollievo.
    Nominato Capo dello Staff di Obama immediatamente dopo le elezioni, Emmanuel (che è figlio di un terrorista dell’Irgun e ha prestato il suo unico servizio militare a favore di Israele, cioè per una nazione straniera) è diventato in effetti gli occhi e le orecchie di una potenza straniera ostile, votata a distruggere l’America utilizzando una serie di guerre devastanti e foriere di bancarotta per raggiungere tale obiettivo. Per questo motivo, il suo insediamento in una posizione così delicata rappresenta la più efficiente operazione di spionaggio/sorveglianza nei confronti di un presidente in carica mai attuata nella storia, dove Emmanuel svolge la funzione di una vera e propria “spugna” per la raccolta di informazioni, mentre siede a pochi centimetri di distanza dal presidente in ogni momento della giornata. Si può star certi che, grazie a tali prerogative, non vi sia stato sbadiglio, colpo di tosse o schiarita di gola del capo dell’esecutivo che non sia pervenuta al quartier generale del Mossad al termine di ogni giornata. L’unico possibile paragone con una situazione in cui Israele è stato così intimamente a conoscenza degli affari personali interni alla Casa Bianca è quello con la presidenza di Lyndon B. Johnson, posto sotto la sorveglianza della spia sionista Matilda Krim, e qualche decennio più tardi il periodo in cui una simpatica fanciulla ebrea di nome Monica Lewinsky divenne “assistente personale” di William Jefferson Clinton.
    Perciò, il fatto che Israele rinunci così volentieri ad una fonte di informazioni interne inestimabile come Emmanuel non può che indicare che grandi progetti bollono in pentola e che, come l’America ha imparato fin troppo bene in oltre mezzo secolo di velenose relazioni con questa Industria dell’Omicidio, nessuno di questi progetti sia da ritenersi positivo.
    Ciò che rende ancor più inquietante questo recente sviluppo è il fatto che Emmanuel non è l’unico VIP degli interessi sionisti organizzati a saltare giù dal carro. Poco dopo l’annuncio di Emmanuel, il mondo politico è stato colpito dalla notizia – arrivata a pochi giorni dalla precedente – che anche i colleghi di Emmanuel, cioè David Axelrod (consigliere di Obama per la politica) e Larry Summers (capo consigliere per l’economia), avevano annunciato le proprie dimissioni. Il fatto che questi annunci abbiano avuto luogo a così breve distanza l’uno dall’altro, suggerisce che tra gli attori della commedia vi sia stato non solo del coordinamento, ma anche la sua sinistra gemella, la collusione. Va anche considerato che sia Axelrod che Summers, sebbene collocati in posizioni non così vantaggiose per Israele quanto quella di Emmanuel, erano/sono comunque importanti postazioni d’ascolto per conoscere i programmi della Casa Bianca di Obama e che pertanto la loro dipartita rappresenta anch’essa una grave perdita per Israele in termini di personale dell’intelligence.
    Si aggiunga a ciò la vistosa assenza di Israele durante il discorso di Obama all’Assemblea Generale dell’ONU nella terza settimana di settembre – un evento letteralmente senza precedenti – e il messaggio fatto pervenire ad Obama, abbastanza forte da poter essere udito anche da un sordo a un concerto dei Led Zeppelin, potrà essere riassunto in questi termini:
    “Noi, il Popolo Ebraico, le giriamo le spalle, signor Presidente, e ce ne andiamo via”.
    Ora, viste le tormentose trattative che Obama ha dovuto sopportare negli ultimi 2 anni a causa di Israele e delle sue pretese sugli insediamenti e considerato l’incessante piagnisteo con cui Israele chiama alla guerra contro l’Iran, non vi è dubbio che il presidente dovrebbe accogliere con letizia questi eventi, per la pace e la quiete mentale che questa “girata di spalle” finalmente gli garantisce; se solo si trattasse di eventi incidentali e privi di ripercussioni.
    Purtroppo, come ben sanno tutti coloro che hanno approfondito tale argomento, quando si parla di Israele, degli interessi e delle politiche di potere ebraiche, non esiste nulla che possa dirsi “privo di ripercussioni”. Si può presumere che, per un popolo il cui motto è “mai dimenticare” e che insiste nell’avere l’ultima parola in qualunque discussione, questa “girata di spalle” e questa “congiura del silenzio” dirette verso la presidenza Obama rappresentino in realtà una dichiarazione, formulata nel dialetto specifico del gangsterese e accuratamente studiata per evitare ogni chiarezza, laddove la chiarezza rappresenta un handicap. Ciò a cui puntano gli interessi di parte responsabili per questo esodo è una sottigliezza espressiva che tuttavia sa rendersi istantaneamente comprensibile, come una testa di cavallo mozzata sotto le lenzuola o un pesce morto avvolto in un giubbotto antiproiettile.
    Nella migliore delle ipotesi, questo esodo dalla Casa Bianca di Obama indica che gli stessi interessi ebraici che vedevano in Obama il “proprio uomo” stanno ora progettando di aprire le ante dell’armadio (rimaste strategicamente chiuse fino ad oggi) per mostrare all’opinione pubblica mondiale il già predisposto diluvio di imbarazzanti (e forse incriminanti) scheletri che esso contiene, a poche settimane di distanza dalle elezioni congressuali di medio termine. Così come Bill Clinton fu costretto al compromesso a seguito dello tsunami di imbarazzanti pettegolezzi mediatici relativi alla sua tresca con la summenzionata dipendente israeliana Monica Lewinsky (diffusi allo scopo di spingerlo a piegarsi alle richieste d’Israele), anche Obama potrebbe vedersi costretto a rinunciare ai suoi progetti quando Israele lo metterà sotto pressione per tentare di ottenere la sua resa riguardo la questione degli insediamenti e della guerra contro l’Iran.
    Ma nella peggiore delle ipotesi – che non possiamo escludere neanche per un minuto, conoscendo l’inclinazione di Israele alla violenza in tutte le sue forme, concrete e teoriche – ciò che le suddette defezioni potrebbero suggerire è che gli stessi interessi ebraici che in oltre mezzo secolo si sono resi responsabili di una miriade di attacchi “false flag”, assassinii ed atti di terrorismo contro gli Stati Uniti, potrebbero stare progettando qualcosa di decisamente più drammatico di un semplice “character assassination”.
    Il primo e più grave pericolo sulla lista sarebbe la possibile demolizione controllata dell’economia americana, in un momento in cui il paese della libertà e patria dei coraggiosi si trova con l’acqua alla gola e costretto in un polmone d’acciaio finanziario dopo il crollo della metà di settembre 2008, di cui gli esperti di Washington e New York tutto conoscono ma nulla discutono.
    Peggio ancora, potrebbe essere in dirittura d’arrivo un altro attacco terroristico contro l’America o perfino un assassinio presidenziale.
    Gli spettatori attenti di questo moderno dramma malavitoso che ha per protagonista Israele, ricorderanno che durante i giorni del declino della presidenza di George Bush, quest’ultimo, in visita in Israele, fu prontamente avvicinato da alcuni rabbini strettamente legati a Netanyahu e ad altri elementi ultra-violenti della destra israeliana, che gli presentarono una lista di richieste. I comandamenti, definiti nel loro complesso come ‘Megillat Bush’, erano scritti su una pergamena speciale creata appositamente perché sembrasse vergata di proprio pugno da un assatanato profeta dell’Antico Testamento. Redatto con il tipico tono arrogante, aggressivo, reclamatorio, minaccioso, detestabile e condiscendente, universalmente noto per essere parte della fisionomia dello stato ebraico come pasta e pomodoro lo sono della cucina italiana, il decreto così recitava:
    “A George Bush... che viene a Gerusalemme, capitale eterna del nostro paese, gioia della terra tutta...
    ...se desideri sinceramente la pace e aspiri ad essere annoverato tra le fila dei veri giusti, noi ti affidiamo il compito di dichiarare al mondo quanto segue:
    ‘Io, George Bush, dichiaro che la Terra di Israele è stata assegnata di diritto alla nazione d’Israele dal Creatore del mondo, che Egli la donò al Suo popolo d’Israele, il popolo eterno. Pertanto invito tutte le nazioni a salvare se stesse da una fine certa e a riconoscere che questa terra è di diritto eredità esclusiva del popolo d’Israele. Colui che nega questa verità, metterà a rischio tutta la vita sulla terra. ’
    Il proclama, richiamandosi a simili minacce di morte e distruzione che Mosè aveva lanciato qualche anno prima per fare pressione sul Faraone, proseguiva affermando:
    ‘O, che Dio te ne guardi, se dovessi scegliere la seconda opzione... di fornire il tuo volontario contributo alla distruzione... Tu sei di certo a conoscenza di ciò che il Dio d’Israele ha fatto all’Egitto e a tutti i nemici d’Israele da tempo immemorabile. Pensi forse di poter sfuggire alla lotta contro Iran, Pakistan, Arabia Saudita, Siria, Egitto e Libano, offrendo in sacrificio gli ebrei che vengono sterminati ogni giorno dai loro nemici? Ricordati di Abramo, nostro progenitore, che affrontò i quattro re più potenti del mondo per liberare suo nipote dalla prigionia. Noi non dimentichiamo le azioni dei nostri patriarchi, il cui esempio ci guida attraverso tutte le generazioni...
    ...Comprendi bene questo: Dio ha ordinato che il ruolo di tutte le nazioni del mondo è quello di rendere più forte la nazione d’Israele. Pertanto è tuo compito dichiarare: “Io, George Bush, Comandante in Capo degli eserciti degli Stati Uniti d’America, darò ordine alle mie truppe di proteggere i diritti divini della nazione d’Israele e di rimuovere ogni minaccia di fronte ad essa”. Hai di fronte una scelta: puoi meritarti la vita eterna o essere destinato all’eterno disonore. Il tuo destino e quello di tutti coloro che ti accompagnano è in bilico insieme al destino della nostra terra...’
    Immediatamente dopo a Bush venne presentata una lista di richieste e pochi mesi dopo, a metà di settembre del 2008, nell’arco di sole due ore, 550 milioni di dollari evaporarono dai mercati finanziari degli Stati Uniti. Secondo la testimonianza resa al Congresso dal direttore della Federal Reserve, Ben Bernanke, e dall’allora Segretario del Tesoro, Paulson, se costoro non si fossero tempestivamente mobilitati per bloccare i mercati finanziari, gli Stati Uniti si sarebbero ritrovati in totale bancarotta entro le 14.00 di quello stesso giorno.
    Che si trattasse di un attacco finanziario coordinato contro l’economia statunitense (il cui probabile fine ultimo era quello di poter essere attribuito a terroristi islamici – sicuramente iraniani – come pretesto per lanciare un attacco militare contro quella nazione) non è solo un’avventata e congetturale teoria del complotto. La ripetizione di quell’evento è una concreta possibilità, considerato che il predominio dell’influenza sionista all’interno del settore finanziario dell’economia americana è qualcosa di più che una folle teoria.
    In ogni caso, tenendo conto degli scandali finanziari scoppiati su Bernie Madoff, Lloyd Blankfein e il resto della banda, congiuntamente con i sondaggi d’opinione secondo i quali l’antico spettro che tende ad associare gli ebrei con l’avidità e il denaro sta nuovamente ballonzolando su e giù come un cadavere occultato troppo frettolosamente nelle acque del pensiero americano, si può ipotizzare che gli interessi sionisti non intendano arrivare fino a questo.
    E’ dunque più probabile che gli stessi interessi sionisti che già sbavano di fronte alla possibilità di una nuova guerra in Medio Oriente contro l’Iran, possano ricorrere a misure ancor più disperate pur di mettere in moto il grande meccanismo, qualcosa di più vicino a ciò che avvenne nel 1963 a Dallas all’allora presidente JFK.
    Che vi siano indizi che puntano in tale direzione è fuor di dubbio. Storie diffuse dai media e provenienti da Israele, Europa e Stati Uniti presentano l’odore inconfondibile di minacce alla vita del presidente a causa della sua ostinazione sulla questione degli insediamenti e della sua riluttanza ad allargare il coinvolgimento USA in un conflitto già disastroso nella regione. In Israele si sono tenute proteste clamorose e piene di rabbia, a volte proprio davanti alla residenza di Netanyahu, in cui la folla bruciava immagini di Obama, definito “il nuovo Faraone”. In altri commenti, attribuiti a personaggi di alto livello del governo israeliano, Obama viene definito un “discendente degli schiavi”, incapace di stare al suo posto e bisognoso di una dura lezione. Non passa settimana senza che Netanyahu parli in termini apocalittici di ciò che potrebbe accadere se l’America non si rimboccherà le maniche e non farà mettere in marcia i suoi soldati.
    La domanda è: Israele si spingerebbe davvero fino al punto di far assassinare un presidente americano pur di ottenere certi vantaggi politici? Secondo l’ex agente del Mossad Victor Ostrovsky una domanda del genere è assai ingenua, come spiega nel suo libro The other side of deception, in cui rivela come Israele progettasse di far assassinare il presidente George H. W. Bush alla conferenza per la pace di Madrid dell’ottobre 1991, per poi incolpare dell’omicidio gli estremisti arabi.
    “Poiché il Mossad aveva il controllo su tutte le misure di sicurezza, non sarebbe stato un problema far avvicinare i killer al presidente Bush e poi mettere in scena l’assassinio. Nella confusione che sarebbe seguita, gli uomini del Mossad avrebbero ucciso gli “esecutori”, segnando un’ennesima vittoria per il Mossad. Con gli assassini morti, sarebbe stato difficile capire dove si erano verificate le “falle” nella sicurezza e allo stesso tempo diversi paesi che partecipavano alla conferenza, come ad esempio la Siria, sarebbero stati considerati fiancheggiatori dei terroristi”.
    Altri indizi su come potrebbe aver luogo questa operazione vengono forniti in un articolo pubblicato sul New York Times, intitolato “Il presidente apostata” e scritto dal suprematista israeliano Edward Luttwak, in cui si legge:
    “In quanto figlio di padre musulmano, il senatore Obama è nato musulmano ed è soggetto alla legge musulmana così come è universalmente riconosciuto. Non fa alcuna differenza che, come il senatore Obama ha scritto, suo padre avesse rinunciato alla propria religione. Allo stesso modo, secondo la legge musulmana fondata sul Corano, la professione del cristianesimo da parte di sua madre è irrilevante. Certo, come molti americani ben sanno, il senatore Obama non è musulmano. Ha scelto di diventare un cristiano e ha spiegato in diversi scritti, in modo molto convincente, come sia pervenuto a questa scelta e quanto importante la fede cristiana sia per lui. La sua conversione resta tuttavia un crimine agli occhi dei musulmani; è “irtidad” o “ridda”, solitamente tradotta dall’arabo come “apostasia”, ma con valenze di ribellione e tradimento. Si tratta infatti del peggior crimine che un musulmano possa commettere, peggiore dell’omicidio. Con poche eccezioni, i giuristi di tutte le scuole sunnite e sciite prescrivono la pena di morte per tutti i maschi adulti che abbandonano la fede per ragioni che non siano di forza maggiore; la punizione consigliata è la decapitazione per mano di un religioso. Poiché è improbabile che un qualsiasi governo avalli un processo contro il presidente Obama, può essere importante citare un altro aspetto della legge musulmana: essa vieta la punizione per qualsiasi musulmano che uccida un apostata e vieta di fatto ogni interferenza con tale omicidio. Come minimo, questa considerazione renderebbe assai complicata la progettazione delle misure di sicurezza durante le visite di stato del presidente Obama nei paesi musulmani, poiché il fatto stesso di proteggerlo sarebbe considerato peccaminoso da parte degli agenti della sicurezza islamici”.
    In altre parole, il messaggio che Israele sta cercando di comunicare al presidente è che se esce dal seminato, verrà ucciso e la colpa verrà data ad “estremisti islamici” infuriati per l’apostasia di Obama.
    Per convincere Obama che Israele fa sul serio e che è fin troppo capace di bypassare qualunque misura di sicurezza predisposta a tutela dell’uomo più potente del mondo, facendo arrivare qualcuno ad un pelo di distanza da lui e dalla sua famiglia, il 24 novembre 2009, in un exploit che meritò i titoli di testa dei giornali e fece discutere la nazione per settimane, Tareq Salahi (descritto come un palestinese nato in Israele) mandò a monte una cena di stato alla Casa Bianca organizzata in onore del Primo Ministro dell’India, riuscendo ad avvicinarsi al presidente e al suo ospite abbastanza da scattare loro delle foto e poi metterle su Facebook. Per fare questo, Salahi aveva dovuto passare attraverso 2 controlli di sicurezza dei Servizi Segreti, in ciascuno dei quali era richiesto che il suo nome fosse sulla lista degli invitati (non era in nessuna delle due) e che esibisse un documento d’identificazione. La falla nella sicurezza fu così grave che diede luogo ad un’indagine da parte del Congresso e ad un’altra da parte della magistratura, che vide coinvolte tutte le agenzie federali incaricate di provvedere alla sicurezza personale del presidente.
    Che sia possibile o no dimostrare che si sia trattato di un’operazione israeliana, il fatto è che tutti i media d’America posseduti/diretti da ebrei diedero alla vicenda il massimo spazio, consegnando ad Obama il messaggio: “Nessuno è intoccabile, signor presidente”. E’ impossibile non notare la similitudine tra questo avvenimento e l’assassinio di Robert F. Kennedy da parte di Sirhan Sirhan, anch’egli palestinese nato in Israele, il 5 giugno 1968, per ragioni riguardanti la politica in Medio Oriente; una similitudine sottile quanto la testa di cavallo sotto le lenzuola nel film Il Padrino.
    Tutta la commedia dell’esodo dei poteri ebraici dalla Casa Bianca di Obama fa pensare alle celebri storie diffuse subito dopo l’11 settembre, quando tra i morti di quella giornata si contarono pochissimi israeliani. Nel caso dell’11/9, il mondo scoprì in seguito che gli israeliani erano stati avvisati di non venire al lavoro attraverso il sistema di messaggeria Odigo, con sede in Israele; mentre in questo caso, il mondo viene messo sull’avviso prima dell’evento pianificato. Israele e i suoi sostenitori ovviamente non vogliono che i loro uomini si trovino “lì” nella Casa Bianca quando per la bomba a tempo che è stata lì predisposta, quale che essa sia, verrà il momento di esplodere.
    Di una cosa possiamo stare certi: per individui come Emmanuel, Axelrod e Summers, abbandonare posizioni così prestigiose ed importanti, non solo per loro, ma per il prosieguo delle fortune della “casa dolce casa” israeliana, è come allontanarsi da una valigia piena di denaro, larga un metro e alta altrettanto, appena ritrovata sulla strada; e così facendo rinunciare a tutto il potere, il privilegio e il prestigio che un tale ritrovamento poteva garantire. Oltre alla perdita personale, c’è anche il “peso della storia” da tenere in considerazione. In questo momento, Israele ha bisogno del maggior numero di occhi e orecchie che sia possibile all’interno della Casa Bianca, poiché è in gioco la sua stessa sopravvivenza. Tenendo presenti i modelli biblici di Giuseppe e Esther, che si arrampicarono strisciando fino alle più alte posizioni di potere nei rispettivi tempi e rispettivi luoghi, il fatto che ben 3 topi piuttosto grossi abbandonino la nave di stato in questo momento cruciale della storia, può solo significare che tramite mezzi che non ci è dato conoscere essi sappiano che un siluro si sta avvicinando all’imbarcazione e che essa affonderà presto.
    dal sito The Ugly Truth
    traduzione di Gianluca Fred



    L'esodo dei consiglieri ebrei dalla Casa Bianca di Obama non è un buon presagio, Mark Glenn
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'esodo dei consiglieri ebrei dalla Casa Bianca di Obama non è un buon presagio

    E' possibile che la nave stia per affondare economicamente e che i "fidi alleati" scappino per non essere associati al collasso degli USA.

    Nonostante stia dimostrando di essere un mediocre presidente, il Mulatto potrebbe trovarsi a fare da capro espiatorio di colpe altrui.
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

  3. #3
    100% sardu -2000€/annu
    Data Registrazione
    30 Jan 2010
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'esodo dei consiglieri ebrei dalla Casa Bianca di Obama non è un buon presagio

    Se c'è una cosa che odio più dell'antisemitismo, è il sionismo da invasati oltranzisti.
    Peggio dei nazisti, peggio persino degli integralisti islamici.

    Brutta bestia l'integralismo in ogni religione.
    Ferrara era comunista poi il comunismo è morto, allora è diventato Craxiano e Craxi è morto, poi è diventato Berlusconiano. PORTA SFIGA
    (brunik - 25/09/2011)

 

 

Discussioni Simili

  1. Usa:dopo Obama A Casa Bianca Un Nero Guida Repubblicani
    Di Wallace81 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-09, 06:37
  2. Obama: Stampa Israele; Emanuel, 'nostro Uomo A Casa Bianca'
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 13-11-08, 11:59
  3. i consiglieri di Obama preparano la guerra all'Iran
    Di pietroancona nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 12-11-08, 11:02
  4. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 17-10-06, 16:26
  5. Continua l'esodo dei topolini dalla nave della Casa
    Di brunik nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-04-04, 23:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226