User Tag List

Pagina 42 di 42 PrimaPrima ... 324142
Risultati da 411 a 418 di 418
  1. #411
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Oct 2015
    Messaggi
    27,441
     Likes dati
    7,513
     Like avuti
    21,811
    Mentioned
    132 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Dalla Polonia una sfida al cuore del potere di Bruxelles

    Citazione Originariamente Scritto da Mauam Visualizza Messaggio
    Intanto la Polonia deve far fronte alla quarta ondata del Covid19, 15.516 casi e 250 morti in un giorno...
    da quel punto di vista nell ue c'è ben di peggio vedi baltici, romania e bulgaria
    in europa c'è chi paga e chi prende....


    http://www.europarl.europa.eu/news/i...i-stati-membri

  2. #412
    emiro omofobo meridionale
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Località
    radio jolla
    Messaggi
    21,572
     Likes dati
    15,092
     Like avuti
    10,178
    Mentioned
    1579 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Dalla Polonia una sfida al cuore del potere di Bruxelles

    Citazione Originariamente Scritto da Halfshadow Visualizza Messaggio
    Come se invece con l'europeismo il liberismo funzionasse. XD
    né io né @Kavalerists siamo europeisti, il liberismo è sempre un male da combattere, e la Polonia è uno stato liberista

  3. #413
    ___La Causa del Popolo___
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Sovranità politica, indipendenza economica, giustizia sociale
    Messaggi
    35,088
     Likes dati
    42,548
     Like avuti
    25,179
    Mentioned
    662 Post(s)
    Tagged
    141 Thread(s)

    Predefinito Re: Dalla Polonia una sfida al cuore del potere di Bruxelles

    Citazione Originariamente Scritto da Halfshadow Visualizza Messaggio
    Come se invece con l'europeismo il liberismo funzionasse. XD
    Liberismo ed europeismo sono intrecciati, come quei biscotti che si inzuppano per fare colazione, ma siccome sono due grossi stronzi anche se li inzuppi, che sia latte o rum, come direbbe @don Peppe non diventano mai babà, e sempre stronzi restano. E continuano sempre a puzzare di merda.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  4. #414
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Nov 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    44,740
     Likes dati
    2,718
     Like avuti
    7,668
    Mentioned
    1023 Post(s)
    Tagged
    10 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    8

    Predefinito Re: Dalla Polonia una sfida al cuore del potere di Bruxelles

    Citazione Originariamente Scritto da Halfshadow Visualizza Messaggio
    Avanti POLXIT ed HUNXIT!
    speriamo, e se non dovessero farlo loro, speriamo nell'EXPELL-POL-AND-HUNG
    Siamo nati tutti ignoranti, ma bisogna lavorare sodo per restare stupidi (Benjamin Franklin).
    Il branco Off Limits: Leviathan, Bilbo, Black Sheep

  5. #415
    Forumista storico
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    30,156
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,896
    Mentioned
    190 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Dalla Polonia una sfida al cuore del potere di Bruxelles

    Gli Stati membri dell'UE sono i "padroni dei trattati"
    Di cosa tratta realmente la controversia tra gli organi dell'UE e la Polonia
    dal dott. iur. Marianne Wüthrich

    Il 19 ottobre, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha tenuto un discorso di alto profilo davanti al Parlamento europeo a Strasburgo, da un lato sul concetto di Stato di diritto e sul rapporto tra il diritto dell'UE e le costituzioni nazionali degli Stati membri afferma invece di Mateusz Morawiecki la domanda che brucia sotto le unghie di molti europei dell'UE: dove stai rotolando le mele? Con la sua dichiarazione ha voluto spiegare ai parlamentari Ue e alla Commissione Ue la sentenza pesantemente attaccata della Corte costituzionale polacca del 7 ottobre e fare appello al pubblico sulla possibilità di un'Ue di Stati membri sovrani. Chiunque conosca la decisione del tribunale e abbia sentito il parere del Primo Ministro polacco (con traduzione simultanea in tedesco),si stropicciò gli occhi con stupore per le reazioni non correlate dei politici e dei media. Alcuni degli ascoltatori non hanno nemmeno ascoltato?

    La legislazione polacca è nel mirino dei "guardiani dei valori" dell'UE

    Da quando il PIS ( Partito per il diritto e la giustizia ) “nazional-conservatore” ha ottenuto la maggioranza dei voti e quindi anche la maggioranza dei seggi in parlamento in Polonia, la Commissione UE e la Corte di Giustizia Europea (CGCE) sono più volte intervenute nella struttura statale polacca. Con una cosiddetta procedura per lo stato di diritto, le istituzioni dell'UE si sono attivate contro le modifiche legislative nel settore della magistratura, in particolare dal 2017. Senza trattare in dettaglio il contenuto di queste leggi, va notato qui: Tutte le revisioni legislative sono decise dal parlamento legittimamente eletto. Anche altrove il fatto che la maggioranza parlamentare approvi spesso le bozze del governo non è insolito.

    - 5 novembre 2019 - Decisione della Corte di giustizia: Parti di una legge sui tribunali ordinari modificata dal parlamento polacco sono "non compatibili con il diritto dell'Unione": vale a dire l'abbassamento dell'età pensionabile per i giudici e la competenza del ministro della Giustizia polacco a estendere la durata del mandato dei giudici (Messa in pericolo "l'indipendenza dei tribunali polacchi"), nonché diverse età di pensionamento per i giudici maschi (65 anni) e femmine (60 anni) ("discriminazione basata sul sesso"). Nota: noi donne svizzere siamo fortunate a non aver concluso un accordo quadro con Bruxelles, perché anche l'attuale età AVS più bassa delle donne è una «discriminazione basata sul sesso».
    - Aprile 2020 - Decisione della Corte di giustizia: la Camera disciplinare polacca, competente per i procedimenti disciplinari contro i giudici, mette in pericolo "l'indipendenza della magistratura". Nell'agosto 2021, la Corte suprema polacca ha sospeso temporaneamente la camera disciplinare su pressione dell'UE.

    Conclusione: La principale accusa dei “guardiani dei valori” occidentali è che la politica o il partito PIS, eletto dal popolo ma impopolare a Bruxelles, influenzi i tribunali. In realtà, i leader dell'UE sono probabilmente infastiditi da qualcosa di completamente diverso: la Polonia e altri stati dell'Europa orientale insistono nel determinare la propria struttura statale e i propri valori culturali.
    Tra l'altro, il pacchetto più stretto in Europa tra esecutivo e magistratura è senza dubbio il duo Commissione Ue e Corte di giustizia europea, che - quasi sempre - lavorano abilmente l'uno per l'altro.

    Corte costituzionale polacca: la Costituzione rimane la legge suprema della Repubblica di Polonia

    In considerazione dell'ingerenza della Corte di giustizia europea nel diritto polacco, la decisione della Corte costituzionale polacca del 7 ottobre è di facile comprensione.
    Dalla sentenza della Corte costituzionale polacca: La Corte di giustizia europea si è intromessa nella procedura di nomina dei giudici secondo la costituzione polacca verificando e criticando la “legalità della procedura di nomina dei giudici […]” in Polonia (sentenza del Tribunale costituzionale, sezione 2, lettera a). Questo è incompatibile con la costituzione polacca. Attraverso la sua interpretazione estensiva di vari articoli del Trattato sull'Unione Europea (TUE), la Corte di Giustizia Europea aveva autorizzato gli organi dell'UE ad “agire al di fuori dei limiti dei poteri conferiti dalla Repubblica di Polonia nei trattati” (Sezione 1 lit un).
    L'Unione europea, secondo la Corte costituzionale polacca, è stata "fondata da Stati sovrani con pari diritti" che hanno trasferito all'UE solo alcuni poteri. La costituzione del singolo Stato - in questo caso la Polonia - rimane “la legge suprema della Repubblica di Polonia” (sezione 1 lett b). Altrimenti “la Repubblica di Polonia non può funzionare come Stato sovrano e democratico” (Sezione 1, lettera c). Chi può obiettare che uno Stato, anche come membro dell'UE, rimanga sovrano e democratico e voglia rispettare la sua costituzione?

    Protesta contro il potere assoluto della Corte di giustizia e della Commissione europea

    Ogni lettore di giornali conosce la tempesta che si è scatenata sui media occidentali dopo questa sentenza. In quale altro modo dovrebbero difendersi la Polonia o l'Ungheria o un altro Stato membro dell'UE quando la Corte di giustizia europea, in collaborazione con la Commissione europea, conferisce all'Unione sempre più poteri che vanno oltre il contenuto dei trattati dell'UE? Chi non riuscirà a sprintare sarà messo sotto pressione e punito, come ha dimostrato a Strasburgo il 19 ottobre la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, ancor prima che il primo ministro polacco avesse voce in capitolo.
    "Non possiamo e non permetteremo che i nostri valori comuni vengano messi a repentaglio", ha dichiarato con grande pathos. La sentenza di Varsavia è “una sfida immediata all'unità dell'ordinamento giuridico europeo”. E ha subito elencato le misure punitive che vuole avviare contro la Polonia: un'altra procedura d'infrazione e, soprattutto, l'applicazione del meccanismo dello stato di diritto.
    Il Consiglio dell'UE ha recentemente ampliato la procedura per lo stato di diritto in conformità con l'articolo 7 del trattato UE in modo che Bruxelles possa sospendere o ridurre i pagamenti ai singoli Stati membri se "violano lo stato di diritto". Affinché gli Stati membri non possano proteggersi a vicenda da questo vero martello (chi può permettersi di rinunciare ai milioni e miliardi di Bruxelles?), il principio dell'unanimità nel meccanismo dello stato di diritto è stato ribaltato.
    Von der Leyen ha messo a dura prova il governo polacco a Strasburgo minacciando di tagliare contributi di questo tipo. Il 27 ottobre la Corte di giustizia europea ha accolto il ricorso della Commissione: una multa di un milione di euro al giorno per il “danno grave e irreparabile” che la Polonia sta infliggendo all'ordinamento giuridico dell'Ue. Inoltre, da settembre è stato mezzo milione di euro al giorno perché la Polonia non ha rinunciato all'estrazione della lignite; Già nel 2017 la Corte di giustizia ha imposto una multa giornaliera di 100.000 euro per deforestazione in una riserva naturale. Come ho detto: il pacchetto tra la Commissione UE (esecutivo) e la Corte di giustizia europea (giustizia) funziona perfettamente: puoi persino interferire con l'approvvigionamento energetico interno e il diritto forestale dei singoli stati.
    Non c'è da stupirsi che il premier polacco si sia poi difeso - con parole chiare contro il ricatto e l'eccedenza delle competenze da parte degli organi dell'Ue: "Non è così che procedono le democrazie!" Ma ha anche teso la mano per percorrere la strada futura come stati sovrani con uguali diritti (vedi riquadro sotto).
    Com'è noto, non vi è ricorso legale contro le sentenze della Corte di giustizia. In qualità di massima autorità, determina quale legge e quali valori dovrebbero essere applicati nella "comunità di valori" dell'UE. Ciò conferma la saggezza del Consiglio federale svizzero di interrompere i negoziati sull'accordo quadro con Bruxelles: noi svizzeri amanti della libertà e il nostro diritto determinato dal popolo altrimenti saremmo stati gravemente danneggiati!

    Dal discorso del Primo Ministro polacco

    Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki non si è lasciato scoraggiare dal frastuono dopo il verdetto del giudice della Corte costituzionale polacca, ma si è recato nella fossa dei leoni, ovvero al Parlamento Ue a Strasburgo. Ecco alcuni stralci sorprendenti del suo intervento.

    - Le regole del gioco devono essere uguali per tutti
    «La politica deve basarsi sui principi. Il principio più importante che noi in Polonia sottoscriviamo e che costituisce la base dell'Unione europea è il principio della democrazia. Per questo non possiamo tacere quando il nostro Paese viene attaccato in modo ingiusto e di parte, anche in questa stanza. […]
    È inaccettabile estendere i poteri e agire sul fatto compiuto. È inaccettabile imporre le proprie decisioni ad altri senza una base legale. È tanto più inaccettabile usare il linguaggio del ricatto finanziario per questo scopo, parlare di sanzioni o usare parole ancora più estese contro alcuni Stati membri. […] Non è così che funzionano le democrazie”.

    - L'Unione europea non è uno Stato
    «Il diritto dell'Unione prevale sul diritto nazionale […] in conformità ai trattati e nelle materie di competenza che sono state assegnate all'Unione. Questo principio si applica in tutti i paesi dell'UE. Tuttavia, la costituzione rimane la legge suprema. Se le istituzioni create dai trattati eccedono i loro poteri, gli Stati membri devono disporre di strumenti per rispondere".

    - Il principio del primato del diritto dell'Unione non deve minare la costituzione nazionale
    I passeri fischiano dai tetti: molte altre corti costituzionali dei paesi dell'UE hanno protestato contro il potere assoluto della Corte di giustizia europea. In questo senso, il capo del governo polacco cita decisioni del Consiglio costituzionale francese, della Corte suprema danese e della Corte costituzionale federale tedesca e nomina altri Stati con decisioni giudiziarie simili. Ad esempio: "La costituzione vieta il trasferimento di poteri in una misura che porterebbe a (uno stato) non essere visto come uno stato sovrano e democratico". Tutte queste corti costituzionali nazionali hanno una cosa in comune, secondo Mateusz Morawiecki: Insistono sul loro «diritto di controllare che il diritto dell'Unione sia applicato nei limiti di quanto gli è stato affidato».

    - Pluralismo costituzionale e decisione per il cammino futuro dell'UE
    «Pluralismo costituzionale significa che c'è spazio per un dialogo tra noi, i nostri Paesi e gli ordinamenti giuridici. Questo dialogo avviene anche attraverso decisioni giudiziarie. In quale altro modo i tribunali dovrebbero comunicare se non attraverso le loro decisioni? Tuttavia, non può esserci consenso a dare istruzioni e ordini agli Stati. Non è questo il punto dell'Unione europea. Abbiamo molto in comune, vogliamo sempre avere di più in comune, ma ci sono anche differenze tra di noi. Se vogliamo lavorare insieme dobbiamo accettare che ci siano queste differenze, dobbiamo accettarle, dobbiamo rispettarci a vicenda".
    «L'Unione non si romperà perché i nostri sistemi giuridici sono diversi. […] Oggi possiamo assumere due posizioni: o accettiamo tutti i tentativi extralegali e non contrattuali di restringere la sovranità dei paesi europei, Polonia compresa, attraverso l'espansione strisciante delle competenze di istituzioni come la Corte di giustizia europea […], o possiamo dire: 'No, carissimi' - se volete fare dell'Europa un superstato senza nazioni, allora dovete prima ottenere il consenso di tutti i paesi e le società europee».

    - La Polonia rispetta i trattati con l'UE nel quadro della sua costituzione
    «Lo ripeto ancora una volta: la legge suprema della Repubblica di Polonia è la costituzione. […] Va sottolineato, tuttavia, che la corte polacca, anche nella sua più recente sentenza, non ha mai dichiarato che le disposizioni del Trattato dell'Unione fossero del tutto incompatibili con la costituzione polacca».

    - Chiara base giuridica invece di reinterpretazione creativa
    «Il fenomeno del deficit democratico si discute da anni. E quel deficit è solo peggiorato. Tuttavia, mai prima d'ora è stato più visibile che negli ultimi anni. Sempre più spesso, le decisioni basate sull'attivismo giudiziario vengono prese a porte chiuse [...]. E sempre più spesso ciò avviene senza una base chiara nei contratti, ma attraverso la loro rilettura creativa. E senza alcun vero controllo. […] Oggi questo processo è così avanzato che dobbiamo dire: basta. Le competenze dell'Unione europea hanno i loro limiti. Non bisogna più tacere quando vengono superati".

    - Un'Europa che lotta per la giustizia, la solidarietà e le pari opportunità
    «Cari parlamentari. Voglio un'Europa forte e grande. Voglio un'Europa che si batta per la giustizia, la solidarietà e le pari opportunità. Un'Europa che sappia resistere ai governi autoritari. Un'Europa che privilegia le soluzioni economiche più recenti. Un'Europa che rispetti la cultura e le tradizioni da cui è nata. Un'Europa che riconosce le sfide del futuro e lavora alle migliori soluzioni per il mondo intero. Questo è un grande compito per noi. Per tutti noi, cari amici. Solo così i cittadini europei potranno trarre speranza per un futuro migliore. Troverai la volontà interiore di agire e la volontà di combattere. È un compito difficile. Ma affrontiamolo. Affrontiamolo insieme. Lunga vita alla PoloniaViva l'Unione Europea degli Stati sovrani, viva l'Europa, il posto più grande del mondo! Grazie mille."
    https://www.zeit-fragen.ch/archiv/20...vertraege.html
    (originale in tedesco, traduuzione di google e mia)

  6. #416
    anti bufale
    Data Registrazione
    12 Jan 2011
    Messaggi
    44,686
     Likes dati
    52,486
     Like avuti
    27,381
    Mentioned
    162 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: Dalla Polonia una sfida al cuore del potere di Bruxelles

    Citazione Originariamente Scritto da cireno Visualizza Messaggio
    speriamo, e se non dovessero farlo loro, speriamo nell'EXPELL-POL-AND-HUNG
    E poi finalmente italexit, che porterà il ripristino della democrazia e della libertà

  7. #417
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Nov 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    44,740
     Likes dati
    2,718
     Like avuti
    7,668
    Mentioned
    1023 Post(s)
    Tagged
    10 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    8

    Predefinito Re: Dalla Polonia una sfida al cuore del potere di Bruxelles

    Citazione Originariamente Scritto da Leviathan Visualizza Messaggio
    E poi finalmente italexit, che porterà il ripristino della democrazia e della libertà



    CI vedi male: mettiti gli occhiali
    Siamo nati tutti ignoranti, ma bisogna lavorare sodo per restare stupidi (Benjamin Franklin).
    Il branco Off Limits: Leviathan, Bilbo, Black Sheep

  8. #418
    anti bufale
    Data Registrazione
    12 Jan 2011
    Messaggi
    44,686
     Likes dati
    52,486
     Like avuti
    27,381
    Mentioned
    162 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: Dalla Polonia una sfida al cuore del potere di Bruxelles

    Citazione Originariamente Scritto da cireno Visualizza Messaggio



    CI vedi male: mettiti gli occhiali
    Ci vedo benissimo
    Tu provi con il laser per gli occhi, magari capisci la trappola euronazista !!!

 

 
Pagina 42 di 42 PrimaPrima ... 324142

Discussioni Simili

  1. Armi e paramilitari, Mosca sfida gli Usa nel cuore dell’Africa
    Di monorazziale nel forum Politica Estera
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 03-04-19, 20:27
  2. Immigrazione e sicurezza: la Polonia adesso sfida l'Ue
    Di jethrotull nel forum Politica Europea
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 01-04-17, 22:52
  3. La Polonia da uno schiaffo a Bruxelles: non vuole più l’euro
    Di Bisentium nel forum Politica Europea
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 19-03-13, 13:29
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-03-13, 22:46
  5. La Polonia Vuole Almeno Il Cuore Del Papa
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 06-04-05, 12:11

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •