User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    SMF
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    123,590
     Likes dati
    19,025
     Like avuti
    27,587
    Mentioned
    703 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito "Perché mezza Italia e forse più non è antifascista" di M. Veneziani

    Perché mezza Italia e forse più non è antifascista


    Ma finitela con questa caccia al fascista, al saluto romano, al busto del duce, al cimelio dell’epoca, alla mezza frase nostalgica e al gesto cameratesco. Si capisce lontano un miglio la malafede della caccia al fascismo ripresa con le ultime inchieste: serve a colpire e inguaiare la Meloni e il suo partito. E ancora più subdoli e cretini sono i finti consigli alla suddetta: diventa antifascista, fai come Fini. Che infatti finì nel nulla, bocciato dagli elettori, scomparso senza gloria. Un’esortazione al suicidio per ottenere post mortem la patente democratica e la riabilitazione in memoria.

    Ponetevi piuttosto un problema molto più serio e molto più attuale: perché mezza Italia e forse più non si riconosce nell’antifascismo, non si definisce antifascista, anzi nutre riserve e rigetto? E’ una domanda seria da porsi, dopo che il fascismo fu sconfitto, abbattuto e vituperato, dopo che furono appesi i corpi dei capi, dopo che fu vietata ogni apologia, dopo che sono passati quasi ottant’anni tra tonnellate di condanne, paginate infinite, manifestazioni antifasciste, divieti, lavaggi del cervello a scuola e in tv, perché c’è ancora mezza Italia che non vuole definirsi antifascista? Quella maggioranza non è antifascista ma non è affatto fascista, se non in una piccola percentuale residua, se non amatoriale; gran parte di loro non si riconoscono affatto nel fascismo, lo reputano improponibile, superato. Per loro è assurdo già solo porsi la domanda. Ripudiano violenza, razzismo, guerra e dittatura. Semmai una larga fetta di loro ritiene che si debba giudicare il fascismo nei suoi lati negativi e positivi, senza demonizzazioni; neanche il comunismo fu male assoluto. Molti di loro vorrebbero un giudizio storico più equilibrato, più onesto, più veritiero.

    Il vero problema che evitate di vedere non è la persistenza presunta del fascismo nella società italiana ma l’ampiezza dell’area di opinione che non vuol definirsi antifascista e non si riconosce nell’antifascismo. Avete provato almeno una volta a porvi la domanda, senza aggirare le risposte con moduli prestampati e retorica celebrativa? Noi ce la siamo posta e non da oggi. E la riassumiamo così.

    Tanti italiani non si definiscono antifascisti perché a loro sembra grottesco usare una definizione che aveva un senso nel ’45, all’età dei loro nonni, quando invece vivono coi pronipoti del terzo millennio. Non si definiscono antifascisti perché a molti di loro sembrerebbe monca, carente una definizione del genere perché così escluderebbero o addirittura assolverebbero altre forme di dittatura, di totalitarismo e di dispotismo, a partire dal comunismo.

    Tanti italiani non si definiscono antifascisti perché è ben vivo il ricordo delle bandiere rosse che monopolizzavano l’antifascismo, dei cortei militanti col pugno chiuso e più recentemente dei movimenti antifà e dei nuovi partigiani a scoppio ritardato. Sanno che l’antifascismo fu l’alibi per i compromessi storici, le aperture e l’egemonia comunista e si tengono alla larga.

    Tanti italiani non si definiscono antifascisti, come invece viene loro prescritto, perché non credono al bianco e al nero, hanno conosciuto per vie traverse e quasi clandestine le storie che non si vogliono far sapere, e che riguardano sia il regime, sia i suoi avversari, sia la guerra partigiana e non vogliono schierarsi conoscendo crimini e misfatti di quel tempo e di quei versanti.

    Senza andare lontano, anzi restando in casa, molti italiani ricordano loro padre, loro nonno fascista e hanno di lui una memoria e un giudizio molto diversi rispetto al mostro dipinto dalla vulgata antifascista. E ricordano cosa raccontava. Tanti italiani non si riconoscono nell’antifascismo perché non ci stanno a considerare i loro famigliari in camicia nera come dei criminali, sanno che non è vero, non è giusto; e poi, sono i loro cari.

    Tanti italiani non si definiscono antifascisti perché reputano balorda, divisiva e riduttiva la rappresentazione storica che ne deriva, con tutta la storia e l’identità del Paese ridotta alla distinzione manichea tra fascisti-antifascisti. Preferiscono attenersi alla realtà e diffidano dell’ideologia.

    Tanti italiani non si definiscono antifascisti perché non sono di sinistra e non vogliono avallare il loro gioco politico, non vogliono farsi strumentalizzare, capiscono che serve solo per arrecare danni e vantaggi alla politica presente.

    Il nostalgismo fascista oggi non ha valenza politica in Italia ma solo emotiva, sentimentale, simbolica, araldica, al più cameratesca; fa parte del modernariato. Mentre il rifiuto dell’antifascismo, quello sì, ha una precisa valenza e ricaduta politica, è un chiaro messaggio politico su cui dovreste riflettere.

    Aggiungo che fanno bene quei tanti italiani a non cascare nel gioco di pretendere un’abiura davvero insensata e anacronistica. Allontanando dalla politica l’uso improprio del fascismo, si può invece rivendicare il diritto a un diverso giudizio storico sul passato e sul fascismo, fondato sulla realtà e sul lavoro degli storici seri. È sacrosanto tentare di ricucire la storia d’Italia nelle sue scissioni più dolorose e cogliere il filo unitario che la percorre, anche nelle lacerazioni. Non certo per vellicare propositi revanscisti che sarebbero come minimo falsi e ridicoli; sia fascisti che antifascisti. Non si rimpiange un ventennio dopo un ottantennio, c’è un limite matematico e logico, oltre che di buon senso.

    Infine, se credete davvero che la storia d’Italia debba cominciare e finire con l’antifascismo, elevato a religione civile, obbligo di leva, e perno costituzionale, chiedetevi perché mezza Italia non si riconosce in questo schema. Se dopo tanti decenni di rieducazione, repressione, propaganda e religione civile, mezza Italia e forse più non si riconosce nell’antifascismo, il problema non è della Meloni ma è vostro, di voi antifascisti in servizio permanente effettivo e dell’esempio che avete dato. Diciamolo: avete fallito.

    MV, La Verità (10 ottobre 2021)

    https://www.marcelloveneziani.com/ar...-antifascista/
    Credere - Pregare - Obbedire - Vincere

    "Maledetto l'uomo che confida nell'uomo" (Ger 17, 5).

  2. #2
    ___La Causa del Popolo___
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Sovranità politica, indipendenza economica, giustizia sociale
    Messaggi
    35,098
     Likes dati
    42,570
     Like avuti
    25,182
    Mentioned
    665 Post(s)
    Tagged
    141 Thread(s)

    Predefinito Re: "Perché mezza Italia e forse più non è antifascista" di M. Veneziani

    Tanti italiani non si definiscono antifascisti perchè molti democratici/antifascisti, specie quelli che abbiamo al governo oggi, in fatto di autoritarismo, repressione, e discriminazione sono molto peggiori, perchè si nascondono pure dietro una schifosa maschera di ipocrisia liberale e democratica, e molte persone questo lo percepiscono e ne traggono le dovute conseguenze.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  3. #3
    Il meno nazista di tutti
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    45,341
     Likes dati
    180,132
     Like avuti
    41,525
    Mentioned
    870 Post(s)
    Tagged
    52 Thread(s)

    Predefinito Re: "Perché mezza Italia e forse più non è antifascista" di M. Veneziani

    L'antifascismo è stato ammazzato da CONTEDVCE e Draghibot, diciamola tutta.
    Hitler or Hell.

    Dai monti ai piani, / un grido risale:
    "Governo d'infami / e DRAGHI MAIALE!"

  4. #4
    ⨁👌 Odio il cristianesimo
    Data Registrazione
    02 Jun 2014
    Località
    Landa anti-democratica ⨁👌.
    Messaggi
    8,793
     Likes dati
    2,856
     Like avuti
    6,584
    Mentioned
    164 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: "Perché mezza Italia e forse più non è antifascista" di M. Veneziani

    Paradossalmente la religione civile antifascista, che non aveva un senso nel 1945 (visto che molti furono fascisti o chiusero gli occhi) per fare alla fine quello che già il fascismo voleva fare, ossia unificare in un "fascio", ora ha ancora meno senso - ma gli antifascisti continuano a non capirlo!
    Ed è a nostro vantaggio.

    L'unica via è, perciò, appoggiare ogni piccola bagatella che sembri fascista a questi scemi. Anche l'ubriaco che fa il saluto romano allo stadio.
    Dobbiamo urlare che sì, è fascista. Creare divisione. Nessuna unità.
    La schiavitù rientra nell'essenza di una cultura: qui sta la fonte della rabbia nutrita dai comunisti, dai socialisti e anche dai loro più smorti discendenti, la razza pallida dei "liberali", contro l'antichità classica (Nietzsche, Lo Stato Greco).

  5. #5
    Semplificare!
    Data Registrazione
    18 Dec 2010
    Località
    Italia Bella e Forte
    Messaggi
    16,458
     Likes dati
    18,563
     Like avuti
    12,800
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: "Perché mezza Italia e forse più non è antifascista" di M. Veneziani

    La gran parte degli italiani è fondamentalmente menefreghista, individualista e profondamente materialista.
    Si, avrà fallito l'anti-fascismo, ma ha fallito anche il fascismo e diciamo pure anche il comunismo, che, con approcci e contenuti diversi, cercarono di creare una struttura sociale comunitaria.

    Su tutte queste esperienze umane ha vinto il centro, sì, il centro commerciale al sabato pomeriggio.
    Cristo è un ****** e pregare lui è come pregare la *****.
    Hai cattivo gusto. Peggio per te!


    (Pestis nigra)

  6. #6
    Nazbol-Ciucé
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    4,029
     Likes dati
    421
     Like avuti
    2,454
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: "Perché mezza Italia e forse più non è antifascista" di M. Veneziani

    Citazione Originariamente Scritto da FRUGALE Visualizza Messaggio
    La gran parte degli italiani è fondamentalmente menefreghista, individualista e profondamente materialista.
    Si, avrà fallito l'anti-fascismo, ma ha fallito anche il fascismo e diciamo pure anche il comunismo, che, con approcci e contenuti diversi, cercarono di creare una struttura sociale comunitaria.

    Su tutte queste esperienze umane ha vinto il centro, sì, il centro commerciale al sabato pomeriggio.
    E' una questione non soltanto italiana, l'ultimo uomo è come lo descrivi in ogni parte d'Occidente.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    4,488
     Likes dati
    61
     Like avuti
    448
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: "Perché mezza Italia e forse più non è antifascista" di M. Veneziani

    Solito articolo demenziale del povero Marcellino.dopo settant'anni di mistificazione ,anche il 90% di coloro che vanno a Predappio sono in realtà antifascisti,in quanto seguono l idea di Fascismo propagandata da voltagabbana e traditori.

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    26 Aug 2015
    Località
    Basso Seprio, Insubria, Lombardia, Italia
    Messaggi
    748
     Likes dati
    872
     Like avuti
    562
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: "Perché mezza Italia e forse più non è antifascista" di M. Veneziani

    Citazione Originariamente Scritto da Kavalerists Visualizza Messaggio
    Tanti italiani non si definiscono antifascisti perchè molti democratici/antifascisti, specie quelli che abbiamo al governo oggi, in fatto di autoritarismo, repressione, e discriminazione sono molto peggiori, perchè si nascondono pure dietro una schifosa maschera di ipocrisia liberale e democratica, e molte persone questo lo percepiscono e ne traggono le dovute conseguenze.
    Condivido in pieno.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 27-06-20, 20:13
  2. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 13-06-19, 21:53
  3. Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 26-01-13, 18:12
  4. Risposte: 114
    Ultimo Messaggio: 22-03-10, 11:21
  5. "Picchiato perchè scooterista antifascista"
    Di Wallace81 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 30-09-08, 00:01

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •