User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Sep 2010
    Località
    Ovunque
    Messaggi
    9,402
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 28 Maggio 1943 - Livorno sotto il fuoco americano

    28 MAGGIO 1943: LIVORNO SOTTO IL FUOCO AMERICANO

    “UNA DELLE PRIME CITTA’ BARBARAMENTE COLPITE”




    A distanza di 65 anni da questa macabra ricorrenza, credo sia giusto e opportuno riportare alla luce uno dei più grandi e primi - in senso cronologico - crimini “contro l’umanità” che la “barbara mano” degli Alleati compì sul nostro Paese, e soprattutto su tutto il popolo italiano, dopo l’invasione della Patria. Vogliamo ricordare questo in primo luogo per rispetto verso i nostri martiri, e verso tutti i caduti italiani nella guerra del “sangue contro l’oro”; ed anche per rinfrescare ancora una volta la memoria ai tanti “intellettualoidi” dell’antifascismo militante ( molto numerosi a Livorno) che continuano a plaudire senza coscienza storica e morale ai “liberatori”/ occupanti anglo-americani, nonché a quegli italiani, che a suo tempo giustificavano queste stragi , di fatto affiancandole - attraverso la martellante propaganda antiitaliana di Radio Londra voce dei collaborazionisti italiani - con l’occupazione imperialista dell’Italia. Chi vuol capire intenda.



    E' il 28 maggio 1943 e per la prima volta, da quando è iniziato il secondo conflitto mondiale, la città di Livorno subisce un bombardamento aereo “ALLA CIECA” da parte degli alleati. Tutto inizia alle undici del mattino, quando la popolazione, abituata al coprifuoco con quell'attesa angosciosa di un evento che prima o poi avrebbe conosciuto, ma che non si aspettava certo in pieno giorno, si dà da fare in quelle che sono diventate ormai le attività quotidiane di guerra contro un duro e potente invasore. Improvvisamente l'urlo contemporaneo e terrificante delle sirene di allarme sconvolge la vita dei livornesi, che presi dal terrore si affrettano a ripararsi nei rifugi . E' l'attacco che da troppo tempo si aspettavano; e che senz’altro la cinica freddezza degli Alleati non glielo avrebbero risparmiato.

    Quante volte avevano sentito passare sulle loro teste i rumori assordanti delle fortezze volanti che ritornavano dalle loro incursioni e quante volte avevano ringraziato Dio per essere di nuovo scampati ad una tragedia. Adesso era la loro volta.

    Quel giorno però Livorno toccò con mano il suo primo bombardamento a tappeto, ovvero come lo chiamavano gli inglesi, "area bombing". L'effetto di questa drammatica tattica di attacco aereo era teso a paralizzare i servizi essenziali della città e con essi le sue industrie.

    A tale proposito già Churchill, durante il primo attacco inglese a Foggia, che era costato 22.000 vittime, ebbe a dire che l'aveva "coventrizzata". Quella fatidica mattina del 28 maggio 1943 la “coventrizzazione” toccò a Livorno. Venticinque minuti dopo che erano suonate le sirene, Livorno venne sommersa dal ferro e dal fuoco. Il primo lancio di bombe sconquassò la città. I tetti, le mura e gli edifici interi saltarono in aria e le macerie ricadendo ovunque causavano ulteriori danni e vittime. Da Borgo Cappuccini agli Scali D'Azeglio, via Roma, via Maggi, Viale Italia, allora Regina Margherita, via de Larderel, via S. Carlo, via Venezia; ovunque c'era la distruzione, il fuoco, il fumo ed i morti non si riusciva a contarli da tanti che erano.

    Se lo ricorda ancora con lucidità Piera Fiorentini, classe 1919, che allora abitava in un palazzo di cinque piani vicino alla Fortezza vecchia. "Ogni volta che suonava la sirena - racconta -, terrorizzati scendevamo in cantina. Portavo con me i due figli piccoli, che all'epoca avevano rispettivamente 2 e 4 anni. La fretta era tanta e tale che spesso dovevamo scappare mezzi nudi, senza avere neanche il tempo di vestirci , questo fu quando Livorno fu colpita dal bombardamento più violento. Fummo costretti a scappare a Montenero - prosegue - e a dormire sotto le logge del santuario. Erano tempi difficili e la fame si faceva sentire. A un certo punto fummo portati in una fattoria a Castel Fiorentino. Là dovevamo elemosinare la verdura e il pane dai contadini, ma spesso eravamo costretti a rubarla durante la notte. A volte abbiamo dovuto mangiare le bucce dei baccelli perchè non avevamo niente". Piera, che parla anche dei difficili giorni "della ricostruzione", quando la città era in ginocchio e per rialzare interi palazzi ci vollero sacrifici disumani, ha ancora in mente il rumore che facevano i bombardieri che squarciavano l'aria prima di lanciare le bombe sulla città; ha tuttora in mente la vera realtà di chi furono i “cari” “liberatori”. "Ancora oggi - spiega - quando sento passare un aereo a bassa quota ho un tuffo al cuore". Alla fine del primo bombardamento che colpì la città si disse che i civili caduti erano poche centinaia, ma a parte questo dato opinabile non si contarono i marinai né i lavoratori del porto. I dati ufficiali (sicuramente inferiori alla triste realtà) parlano di circa 500 morti e 600 feriti, soltanto nella prima incursione. Al primo attacco seguirono, a distanza di pochi minuti l'uno dall'altro, altri bombardamenti. Fu l'inizio dell'inferno. Successivamente Livorno venne di nuovo attaccata il 28 giugno 1943 alle 10,50 circa e poi a ripetersi, senza pietà per tanta miseria umana, circa altre cento volte.

    Dai ricordi appresi di allora, emerge la raccapricciante morte dei cittadini nel rifugio degli Scali D'Azeglio, dove una bomba, centrandolo in pieno, causò l'abbassamento della massicciata stradale, schiacciando tutti quei poveretti, tanto che i soccorritori dei giorni seguenti dovettero seppellirli senza poterli contare. Dopo Il primo bombardamento Livorno venne gradualmente abbandonata dai suoi abitanti, si creò una zona nera (interdetta) che comprendeva praticamente tutto il centro a partire da piazza Cavour. Di quei tempi oggi restano solo alcune foto. Sono il simbolo della guerra, della distruzione, e del dolore. Di un'epoca archiviata, che però nessuno dovrà mai dimenticare.

    NOI MAI DIMENTICHEREMO LE BARBARIE DEI NOSTRI INVASORI!

    GIACOMO CIARCIA.




    Coloro che vorranno aderire potranno inserire il loro nome in coda alla lista unitamente alla città di residenza e al proprio

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,354
    Mentioned
    135 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: 28 Maggio 1943 - Livorno sotto il fuoco americano

    Questi se non fanno terra bruciata non son contenti , ricordarselo sempre, mai soppravalutarli in senso positivo .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    2,579
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 28 Maggio 1943 - Livorno sotto il fuoco americano

    ottimo giacomo direttamente dal raggruppamento etrusco




    In toscana ci sono tantissime lapidi che menzionano le vittime dei bombardamenti del 1943 1944 senza specificare che erano bombe americane.

    come questa che è enorme e va aperta a lato ma merita vederla...




    ***

 

 

Discussioni Simili

  1. 23 maggio 1943:mi riportate questo provvedimento?
    Di Barese nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 10-08-08, 14:42
  2. il fuoco sotto la cenere
    Di Princ.Citeriore (POL) nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-09-06, 01:22
  3. Livorno, 17enne muore sotto il bus per salutare i tifosi
    Di Gianmario nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-11-02, 23:36
  4. Ecco i soldati irakeni che bruceranno nei bunker sotto il fuoco americano!
    Di Attenzioneimbelli nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-11-02, 19:59
  5. Ecco i soldati irakeni che bruceranno nei bunker sotto il fuoco americano!
    Di Attenzioneimbelli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 28-10-02, 18:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226