User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito «Umberto Bossi è un filo-terroni»

    BERGAMO (13 ottobre) - «Bergamo nazione, tutto il resto meridione». La scritta in vernice verde sembra un faro lungo la strada che porta a Dalmine. Un pugno nello stomaco, sintesi di luoghi comuni sul bergamasco chiuso a chi viene da fuori. Ma si respira un’aria rilassata nell’accogliente masseria gialla, dove la piccola insegna in legno è sempre quella di quindici anni fa: «Trattoria il Carroccio».


    Franco Colleoni, che fu storico segretario provinciale della Lega bergamasca e consigliere comunale a Dalmine, è a suo agio tra clienti e commensali. Gli anni passano, Colleoni è sempre titolare del suo ristorante, pezzo di storia della Lega nord: alle pareti, i manifesti che annunciano la secessione e la nascita della nazione padana. Qui, in una famosa notte del 1996, Umberto Bossi brindò all’exploit della Lega in provincia di Bergamo: 8 parlamentari e il 44,3 per cento dei consensi.

    L'inchiesta del Mattino/ L'ala dura padana «Umberto Bossi è un filo-terroni» - Il Mattino

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Umberto Bossi è un filo-terroni»

    Il Sud visto da Nord
    Operai leghisti figli di meridionali

    TORINO (12 ottobre) - «Caproide. Sì, proprio così l’ha chiamato: caproide». Michelina Codella, radiologa ospedaliera con genitori di Calitri, elenca i suoi esempi di atteggiamenti anti-meridionali. Nella Torino, città del nord dalla più alta concentrazione di gente del sud emigrata negli ultimi cinquant’anni, i cartelli «non si fitta ai terroni» sono un ricordo. Ma certe prevenzioni restano, conferma Michelina.

    E cita quel termine dispregiativo che ha sentito gettare in faccia ad un collega calabrese. Poi spiega: «La verità è che tutti si dicono non prevenuti. Poi, se a sbagliare sul lavoro, come può capitare a tutti, è uno originario del sud, escono fuori certe definizioni».

    Torino città delle celebrazioni per i 150 anni di unità nazionale, ma anche capoluogo di una regione che ha eletto presidente il leghista Roberto Cota. Se è vero che, tra i piemontesi, ci sono quasi un milione di elettori con origini meridionali, il calcolo è presto fatto: nelle percentuali tra il quindici e il venti per cento di voti alla Lega ci sono anche molte schede segnate da calabresi, campani o siciliani.

    Basta spostarsi a Mirafiori, per rendersene conto. Giuseppe è un operaio Fiat dalle origini calabresi. Ha votato Lega, lui è «padano»: nato a Torino da padre di Riace e mamma di Reggio. Vive a Santena, a sud di Torino, il paese dalla più alta concentrazione di famiglie di origine calabrese. Ha le idee chiare: «Non credo che la Lega sia anti-meridionale. Piuttosto, quando torno giù a trovare dei parenti, mi chiedo ma come fanno a vivere qui. L’idea del posto fisso, di un santo che li aiuti. E noi, qui, a buttare il sangue in fabbrica».

    Il successo della Lega in Piemonte pesca nell’anti-meridionalismo di ritorno: i figli degli emigrati che si rivoltano contro i padri, calpestando radici e identità. E poi c’è la crisi economica. Stefano Esposito, famiglia di origini napoletane ma nato come tutti i suoi fratelli a Torino, è un deputato del Partito democratico torinese e, con impegno, segue decine di vertenze di lavoro in Piemonte.

    La sua analisi è impietosa: «La Lega ha una sede nella zona difficile di San Salvario, noi del Pd nel centro elegante. È tutta qui la lettura sui consensi leghisti: loro vivono, come si dice, sul marciapiede cavalcando stati d’animo e paure in periodi di crisi economica». Centomila lavoratori in cassa integrazione, l’otto per cento di disoccupati in più nell’ultimo anno: è il Piemonte oggi. Chiudono le aziende e si frantuma la cultura operaia, cemento ideologico dei consensi a sinistra.

    «Con chi devo prendermela - dice Giorgio Esposito, che lavora in un’azienda di Biella in cassa integrazione - Ero piccolo quando mio padre venne qui da Acerra. Oggi rischio il lavoro e loro, giù, ingrassano alle nostre spalle. A noi nessun aiuto, a loro soldi e leggi straordinarie. Siamo forse figli di nessuno?».

    Sergio Chiamparino è il sindaco di Torino giunto al termine del suo secondo mandato. Da uomo pragmatico, ha le sue spiegazioni: «Questa è una città che ha accolto tutti in tanti anni. Oggi sembra vivere una transizione, anche culturale. Il primo choc fu negli anni Novanta, quando la Lega conquistò Novi Ligure e cominciò a insediarsi nel Biellese. Persino Cossato, piccole Comune dalla tradizione di sinistra che ha radici nella resistenza, di recente ha preferito la Lega. Chiudono le aziende a Biella, a Ivrea - sottolinea Chiamparino - vengono meno le idee-forza ideologiche della sinistra. La Lega ne ha cavalcate altre, tutte fondate sulle paure».

    Nella sede istituzionale di via Poggio, il manifesto con i volti dell’ex governatore campano Bassolino e del sindaco di Napoli Iervolino è accompagnato dalla scritta «RIFIUTIamoli tutti». I politici e l’idea del sud visti da qui: spazzatura e demagogia. Giorgia Rapello, sei anni fa ventottenne consigliere comunale di Castiglione torinese, riceve gente che schiuma rabbia contro gli immigrati. Il segretario-deputato Stefano Allasia non c’è, ma nella sezione si raccolgono i dati recenti degli iscritti alla Lega torinese: quattromila sostenitori e mille militanti.

    C’è prevenzione anti-meridionale, nella città dove la riapertura del museo Lombroso, con il cranio del contadino meridionale «predisposto» a fare il brigante, fece scattare a maggio una marcia di protesta con quattrocento persone venute dal Sud? Qui, nelle battute, o nei discorsi, si capisce che lo stereotipo del meridionale è un misto diviso tra il Pulcinella, il camorrista e il furbo. Uno stereotipo cavalcato con intelligente ironia da Piero Chiambretti nelle sue due pizzerie a Torino dove, tra decine di manifesti kitsch, si avverte che «solo qui si mangia l’unica pizza verace autorizzata dai napoletani».

    I terroni al nord folgorati dal verbo leghista? Tra le province di Asti, Biella, Vercelli, Verbania, Novara e Verbania, le percentuali della Lega sfiorano il venti per cento. Dice Costanza Castellano, origini pugliesi, da anni residente in provincia di Alessandria: «I miei fratelli votano convinti per la Lega. Non capisco cosa c’entri la nostra identità con i leghisti. Ma quando parlo di creare qui un Partito del sud - conclude - mi ridono in faccia quasi a compatirmi».

    L’inchiesta/ Il Sud visto da Nord Operai leghisti figli di meridionali - Il Mattino

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Oct 2010
    Messaggi
    12
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Umberto Bossi è un filo-terroni»

    Chi ha scritto l'articolo ha dimenticato una cosa fondamentale: il tessuto industriale del nord senza dazi sui prodotti stranieri e senza aiuti di stato è destinato a scomparire. Piagnucolare come fanno questi ex-terroni e neopadani serve a poco.
    Ultima modifica di Leecher; 13-10-10 alle 11:40

  4. #4
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Umberto Bossi è un filo-terroni»

    l'unico aiuto concreto che può venire dallo stato è quello di levarsi definitivamente dai coglioni ed e trovarsi qualcosa di onesto da fare
    Se vedòm!

  5. #5
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,692
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Umberto Bossi è un filo-terroni»

    Citazione Originariamente Scritto da Gatto rognoso Visualizza Messaggio
    l'unico aiuto concreto che può venire dallo stato è quello di levarsi definitivamente dai coglioni ed e trovarsi qualcosa di onesto da fare
    G R A N D E E E E E E E

 

 

Discussioni Simili

  1. «A rovinare Bossi sono stati i terroni»
    Di grangibus nel forum Padania!
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 24-04-12, 23:09
  2. A Umberto Bossi
    Di ZEUS nel forum Hdemia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-11-08, 12:03
  3. Sandro Fontana( UDC):L'alleanza Bossi-terroni è l'unica novità
    Di padus996 (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-03-06, 21:50
  4. Come sta Umberto Bossi?
    Di grilloparlante nel forum Padania!
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 10-06-05, 11:28
  5. Bossi Umberto
    Di grande roberto nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 13-06-04, 00:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226