User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,252
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le reazioni della colonia al bavaglio proposto da Pacifici-Repubblica

    Che tristezza. Fino a che ci sarà possibile, come Comunità Antagonista Padana dell'Università Cattolica, lavoreremo e studieremo per la libera ricerca storica.

    Luca

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Jun 2009
    Messaggi
    200
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le reazioni della colonia al bavaglio proposto da Pacifici-Repubblica

    La Lega cosa ha detto? D'accordo anche loro?

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,267
    Mentioned
    98 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le reazioni della colonia al bavaglio proposto da Pacifici-Repubblica

    Citazione Originariamente Scritto da kalashnikov47 Visualizza Messaggio
    La Lega cosa ha detto? D'accordo anche loro?
    Parla del burqua ...........
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  5. #5
    k21
    k21 è offline
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    10 Jan 2010
    Messaggi
    9,884
    Inserzioni Blog
    10
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le reazioni della colonia al bavaglio proposto da Pacifici-Repubblica

    però chi parla di lobby ebraica e di complotti ebraici chiaramente è uno squilibrato paranoico senza alcuna prova a sostegno delle sue tesi.

  6. #6
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    52,872
    Mentioned
    70 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le reazioni della colonia al bavaglio proposto da Pacifici-Repubblica

    È notte fonda.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  7. #7

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    4,053
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Question Rif: Le reazioni della colonia al bavaglio proposto da Pacifici-Repubblica

    Le solite reazioni che ci si poteva aspettare, nulla di nuovo sotto il sole: la conferma ulteriore di chi davvero comanda in Italia manipolando il parlamento e controllando i mass-media...
    Se per caso avete ancora dubbi in proposito, per chiarirveli del tutto leggetevi questo mio dettagliato 3d:

    MASS-MEDIA ZOG-CONTROLLATI ovunque!! - Stormfront



    Citazione Originariamente Scritto da k21 Visualizza Messaggio
    però chi parla di lobby ebraica e di complotti ebraici chiaramente è uno squilibrato paranoico senza alcuna prova a sostegno delle sue tesi.

    Sei ironico, suppongo, ho indovinato?



    Vi riporto anche qui questi miei post scritti oggi e nei giorni scorsi, da leggere se vi interessano:



    http://forum.politicainrete.net/dest...ml#post1554049
    Se fosse approvata la legge liberticida anti-revisionismo olocaustico lo Zog italiano getterebbe finalmente via la sua maschera di ipocrisia, rivelandosi per quel sistema cripto-totalitario che è in realtà...Forse sarebbe la cosa migliore, da un certo punto di vista...Pensateci...
    Sarà brutto da dire, ma ogni causa per vincere ha bisogno di martiri e prigionieri politici che finiscono in galera; quindi proprio l'incarcerazione di diversi revisionisti (che avviene già puntualmente in altri paesi d'Europa) porta ulteriore fama e pubblicità alla causa del revisionismo olocaustico...
    I più acuti ed astuti esponenti della comunità ebraica, dei mass-media e del dogma olocaustico l'hanno capito che trasformando i revisionisti in perseguitati si rafforza la loro causa: ecco perchè alcuni di loro (pur egualmente liberticidi nell'animo, soltanto più ipocriti) si sono pronunciati contro Pacifici e la sua proposta...
    Anti-revisionisti "estremisti" e "moderati" (sia ebrei che gentili) sono d'accordo su tutto nell'essenziale (cioé nel bisogno di diffamare e "demonizzare" i revisionisti descrivendoli come "pazzi fanatici antisemiti" e come "pseudostorici"), solo hanno diverse strategie in mente: i secondi sono più subdoli proprio in virtù della loro maggiore acutezza d'analisi...
    Ecco perchè forse dal nostro punto di vista, affinchè il dubbio sull'olocausto si diffonda un po' di più nelle menti pur tanto rimbecillite ed indottrinate delle masse italiane, è anzi preferibile che vinca la linea integralista e liberticida palesemente anti-revisionista pure in Italia...Questo è chiaro...


    Negazionismo, una legge per punirlo - Page 6 - Stormfront
    Libertà di confronto storico, libertà di espressione e libertà di insegnamento dovrebbe esserci in una società davvero libera e liberale...
    Professori universitari come Claudio Moffa (di Rifondazione Comunista, quindi non un "pericoloso neonazista"), Antonio Caracciolo (del Pdl, quindi non un "pericoloso neonazista), ecc. hanno tutto il diritto di proporre ai loro studenti anche le posizioni revisioniste sull'olocausto, perchè del resto non prendono una netta posizione ideologica, ma fanno vedere l'altra faccia della medaglia confrontando le diverse ipotesi e posizioni storiche.
    Lo stesso prof. Franco Damiani di Mestre, accusato ingiustamente di indottrinare con il c.d. negazionismo, in realtà si limitava a parlarne agli studenti senza indottrinarli, provava a farli ragionare senza dogmi e paraocchi ideologici e per questo venne aggredito verbalmente dai mass-media, dalla comunità ebraica locale, da una parte dei genitori degli studenti e dai suoi stessi colleghi.
    Non si tratta di dire agli studenti "guardate che l'olocausto è solo una grande menzogna" (questo sarebbe in effetti sbagliato, anche se a titolo personale un prof. può pensarlo), ma di invitarli a leggere un po' anche gli storici revisionisti oltre a quelli ufficiali, per confrontarne le posizioni e per completezza di conoscenza storica.
    Quindi è una battaglia di libertà a favore del libero confronto accademico, contro chi vuole fare il lavaggio agli studenti con la fede indiscussa nel fantaolocausto imposta per legge.
    Riguardo a questo 3d proporrei di cambiare il titolo così:
    Legge liberticida contro il revisionismo olocaustico anche in Italia?
    Propongo - se i moderatori e gli altri utenti sono d'accordo - di ribattezzare questa discussione dandogli tale titolo, con il punto interrogativo, perché quello attuale è orribile mentre questo da me ipotizzato è più preciso ed attira meglio l’attenzione…
    Non è accettabile che noi stessi parliamo, utilizzando la stessa terminologia polemica-demonizzatrice inventata dai burattinai e dai carnefici del sistema inquisitorio vigente, di “negazionismo”…Anche perché con tale termine si può intendere qualunque cosa, come chi nega le foibe, chi nega lo sterminio degli Armeni ad opera dei Turchi, ecc. (posizione in teoria legittime anche queste, se sostenute da prove, e non certo da punire per legge) anche se lo si utilizza per definizione riferendosi a chi “nega la shoah”.
    “Negazionisti” sono coloro che negano l’evidenza, quindi casomai dovremmo definire così quelli che dicono “non è vero che larga parte dei mass-media in Italia, in Europa e negli Usa sono in mano agli ebrei” o “non esiste alcun tipo di potere ebraico in occidente”…
    Personalmente comunque forse auspicherei che la legge contro revisionismo olocaustico venisse approvata, così si giungerebbe ad un punto di rottura finendola con le ipocrisie retoriche sulla libertà di espressione; finalmente i nostri governanti si mostrerebbero per quello che sono, cioè dei liberticidi.
    Sarebbe un modo indiretto per rafforzare l’opposizione al sistema: più opprimi i tuoi nemici, più li rendi compatti.
    Con che faccia tosta potranno poi risultare credibili quando predicano il diritto al pluralismo e alla diversità di idee?!
    Va bene che le masse italiane sono composte da idioti creduloni, inclusi tanti presunti intelligentoni alternativi della stampa, disposti a bersi qualsiasi cosa in base alle pseudo-giustificazioni morali fornite dai burattinai, però quando è troppo è troppo ed anche un cieco si dovrebbe accorgere di questa ulteriore deriva liberticida (oltre alla Legge Mancino/Modigliani)…
    Ecco perché diversi ebrei stessi – come Roberto Della Seta, David Bidussa, Sergio Luzzatto e Giancarlo Lehrer - criticano l’ebreo integralista liberticida Pacifici, ed assumono una posizione moderata avendo compreso che non possono permettersi di alzare troppo la cresta con la loro megalomania perché rischierebbero di far riesplodere l’antiebraismo (insomma forse lo fanno per pura convenienza ideologica e non certo per convinzione etica liberale)…Il Vaticano stesso ha assunto ufficialmente questa posizione, identica a quella degli ebrei moderati, come pure diversi storici ufficiali che pur contrastano le posizioni del revisionismo olocaustico…
    Notate che nessuno osa dire che i revisionisti dell’olocausto potrebbero aver ragione su qualcosa e che ci vuole un confronto aperto e serio (senza censure) per stabilire la verità storica (in Germania forse lo dice il solo Ernst Nolte, che ha avuto il coraggio di ammettere in “Controversie” che gli studi di Carlo Mattogno sono molto ben accurati); dicono anzi che gli storici revisionisti sono dei “falsificatori della storia”, aggiungendo che però questo non è un motivo sufficiente per perseguitarli penalmente (anche per non trasformarli in “martiri”…infatti questa è la giustificazione addotta da parecchi storici ufficiali e la causa che ha portato alla bocciatura della medesima proposta anti-revisionista fatta nel 2007 dalla comunità ebraica)…
    Insomma ci sono 2 categorie sia di burattinai che di burattini del sistema (sia ebrei che non-ebrei, senza troppa differenza):
    1)Quelli “estremisti” e stolti che – da coerenti eredi ideologici del giacobinismo e del boscevismo, nonché del nazifascismo per quanto si dicano contrari ad esso - esigono di mettere a tacere e perseguitare tutti i dissidenti e gli eretici con leggi liberticide esplicite.
    2)Quelli “moderati” ed astuti che se ne fregano ugualmente della libertà di espressione altrui, però capiscono che le leggi liberticide esplicite sono controproducenti per il sistema vigente stesso e quindi preferiscono mantenere l’illusione che ci sia libertà di critica.
    Chi dobbiamo preferire? Da un certo punto di vista meglio i primi, perché con la loro prepotenza gettano la maschera liberale e si mostrano per quei tiranni nell’animo quali sono…Affinchè si giunga ad una ribellione reale contro lo ZOG italiano, esso deve aumentare la repressione, affinchè anche la protesta dei suoi oppositori venga intensificata.
    Per giunta, se “la casta” politica italiana/europea (formata da paria arricchiti, non certo da gente di nobile sangue!!) sente la necessità di reprimere sempre di più, è un buon segno: significa che hanno paura e che i loro “nervi” stanno per cedere.
    Chi è veramente potente non sente il bisogno di ricorrere ad una continua repressione palese e vistosa: la dittatura stessa è un segnale che mostra l’intrinseca debolezza di un sistema politico.
    Vedremo perciò, con la massima curiosità, se alla fine si farà quanto promesso e se politici e magistrati oseranno denunciare e processare alcune migliaia di italiani che non credono al fantaolocausto…
    Ecco comunque altre posizioni pro o contro la proposta di inserire una nuova e precisa legge liberticida contro il revisionismo olocaustico anche in Italia…
    Inizio segnalando ancora questo ottimo sito creato per battersi a favore della libertà di espressione su internet:




    Web Nostrum - Per il Diritto alla Libertà Responsabile d'Informazione, Cronaca ed Espressione in Rete


    WEB NOSTRUM: LORO COMBATTONO ANCHE PER LA TUA LIBERTA' D'OPINIONE - SOSTIENILI!
    http://forum.politicainrete.net/soci...ostienili.html

    Campane a morto per la liberta’ di pensiero? - Web Nostrum
    " IL TERRORE AVANZA: CAMPANE A MORTO PER LA LIBERTA’ DI PENSIERO?
    di Antonio Caracciolo
    In Germania – e lo stesso orrore si chiede ora per l’Italia – non si riescono a trovare le statistiche delle persone che dal 1994 ad oggi sono state penalmente perseguite per reati di opinione, connesse a vicende storiche della Seconda guerra mondiale. L’ultimo caso che mi era stato comunicato, per telefono, riguardava un padre di famiglia con due figli a carico, al quale sono stati inflitti 9 mesi di carcere senza condizionale, per la sola colpa di aver passato un libro ad un amico. L’autore di quel libro, a sua volta, sta scontando otto anni di carcere. Il padre di famiglia in questione, per giunta, disse al giudice che lui quel libro non lo condivideva neppure, ma riteneva che la libertà di pensiero dovesse essere riconosciuta ad ogni persona, in rispetto della Dichiarazione universale dei Diritti dell’Uomo che, proprio nella libertà di pensiero, riconosce il più umano e il più fondamentale dei diritti dell’uomo.
    Malgrado mie ripetute richieste di dati ufficiali, non ho potuto avere smentite alla mia stima di probabili 200.000 persone che nella sola Germania, dal 1994 ad oggi, sono state penalmente perseguite con pene variabili fino ad otto anni di carcere. Sembra che il governo tedesco non voglia intenzionalmente far conoscere questi dati. Del resto, se dobbiamo credere a Noam Chomsky, i governi non hanno nessuna remora a ridurre in una condizione carceraria milioni e milioni di loro concittadini, ritenuti potenziali oppositori: altro che Iran! Se poi in Iraq possono contarsi oltre un milione di vittime in conseguenza di una guerra dichiarata e condotta sulla base di una forzatura propagandistica, ormai acclarata, come possiamo dubitare che un simile trattamento non abbia a essere rivolto contro i propri concittadini?
    In queste minuti, mentre scrivo, una stessa “follia” percorre tutti gli schieramenti politici. In questi anni, in cui ho condiviso la “rivoluzione” di internet mi sono permesso di sostenere il sacrosanto principio della libertà di pensiero. Intendiamoci… Può benissimo darsi che fra qualche mese nessuno di noi potrà più aprire bocca, se non per dire: sissignore! Sperando che la legge che viene annunciata non abbia effetto retroattivo, possiamo già da adesso comprare l’attrezzatura per la pesca e per tutti quegli hobbies che non comportino esercizio della libertà di pensiero e di espressione. Costoro contano sull’efficacia di una stessa frottola ripetuta coralmente un milione di volte, in contrapposizione ad una realtà visibile e tangibile che, purtroppo, può esser detta solo una volta.
    Una resistenza, se ve ne sarà una, potrà venire solo dal seno della società civile. Da questa classe politica, purtroppo, se ho ben capito… non vi è assolutamente più nulla da sperare. Chi avrebbe avuto il compito di difendere la costituzione vigente, si è già dichiarato disponibile per trovare il modo di aggirarla. A mio avviso, se confermata negli atti annunciati, potrebbe essere questa una crisi di legittimità irreversibile. Nessuno di noi potrà dire più apertamente quel che pensa e dovrà abituarsi all’idea di essere spiato dalla mattina alla sera e di essere in balìa di ogni possibile delatore? Ognuno dovrà mantenersi circospetto in ogni luogo pubblico e dovrà guardarsi bene dallo sbilanciarsi di fronte ad estranei? Questa è l’Italia di fine 2010?
    Antonio Caracciolo
    Fonte: Civium Libertas: Il Terrore che avanza: campane a morto per la libertà di pensiero? "




    Miei post precedenti di qualche giorno fa:



    http://forum.politicainrete.net/dest...ml#post1547104
    Mass Media e giornalisti disinformatori agenti del Giudaismo in Italia!!!! - Page 11 - Giovani.it - Forum

    Ecco comunque la mia lunga analisi completa sulla proposta liberticida dell'ebreo Pacifici con conseguente appoggio dei mass-media e dei politici d'Italia, la potete leggere tutta qui:

    Negazionismo, una legge per punirlo - Sì unanime alla proposta di Pacifici - Page 4 - Stormfront
    Negazionismo, una legge per punirlo - Page 4 - Stormfront
    Revisionismo olocaustico è la definizione corretta, non certo nega-zionismo, che è solo un termine volgare adoperato dai mass-media ebraici od ebraizzati (cfr. mio 3d in rilievo su SF-I: MASS-MEDIA ZOG-CONTROLLATI ovunque!! ) per stigmatizzare le posizioni di coloro che osano mettere in dubbio la cripto-religione integralista e fanatica holohoaxiana…
    Revisionismo olocaustico significa soltanto operazione di ristabilimento della possibile verità storica dopo interi decenni di lavaggio del cervello e fandonie propagandistiche spacciate per dati di fatto.
    Dubitare dell’olocausto non significa odiare gli ebrei nè istigare a chissà cosa contro di loro, vuol dire semplicemente esigere che venga fatta finalmente luce su quelle vicende storiche al di là delle ideologie e degli interessi in gioco; casomai poi, a dirla tutta, la propaganda martellante di odio l’hanno subita i tedeschi in particolare e gli europei in generale, accusati di complicità in uno sterminio che non aveva mai avuto luogo, e per questo sarebbero loro a dover ricevere delle scuse ufficiali.
    Non c’è nulla di più infame dell’essere accusati di un qualcosa di atroce e terribile che non hai commesso in realtà.
    Chi sono quindi i veri diffusori di ideologie di odio razziale?! Coloro che mirano a ristabilire la verità storica, cioè i revisionisti, oppure coloro che controllano il sistema continuando a mentire spudoratamente e a falsificare la storia additando come presunti colpevoli di crimini inespiabili degli innocenti?!
    Io non sono un neonazista nè un negazionista, perchè non nego nulla per moda o per il becero gusto di negare; semplicemente non credo al cosiddetto olocausto che avrebbero subito 6 milioni ebrei ad opera del Terzo Reich hitleriano durante la seconda guerra mondiale, non credo in un sistematico progetto di annientamento di un intero popolo; voglio essere libero di dubitare e di dirlo in pubblico senza che nessuno mi imponga per legge di doverci credere a tutti i costi per non finire in galera, come se fossi un criminale colpevole di chissà quale grave delitto solo perchè ho posizioni diverse da quelle ufficiali…
    Personalmente ho iniziato un po’ a dubitare della $hoah a fine anni ’90, ma più che altro trovavo esagerate le cifre perchè per il resto mi bevevo più o meno i dogmi del regime alleato-sionista non avendo mai avuto modo di leggere od ascoltare una alternativa spiegazione dei fatti (a scuola ed in tv mi dovevo sorbire, come tutti, solo le testimonianze di parte dei cosiddetti sopravvissuti di origine ebraica oppure partigiani, per altri testimoni non c’era alcuno spazio, non avevano diritto di parola); è dal 2000, cioè esattamente 10 anni fa, che ho iniziato a leggere libri ed articoli di autori revisionisti e mi sono convinto che (nel 99% delle probabilità) quel preteso sterminio era soltanto una colossale menzogna storica prodotta da una ideologia di odio e di rancore ebraico verso i popoli europei, accusati ingiustamente di ogni fantasiosa nefandezza senza che ci fosse alcuna prova.
    Ormai purtroppo viviamo in una olocau$teocrazia, ossia una teocrazia olocau$tica in confronto alla quale quella islamica appare come una sorta di idilliaco sistema politico pluralistico e liberale…
    L’Italia si appresta a ridursi ad una totale colonia olocau$tica come Austria, Germania, Francia e Belgio: in questi paesi, i più liberticidi d’Europa, è infatti già reato mettere pubblicamente in dubbio la fantomatica $hoah. In Portogallo e Spagna pare venga punita la negazione di qualsiasi genocidio (vero o presunto che sia, in primis però sempre quello ebraico). Norme liberticide anti-revisioniste sono state introdotte anche nella legislazione di Svezia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lituania, Polonia, Romania, Australia e Nuova Zelanda.
    In genere è prevista come pena la reclusione, che in alcuni Paesi può arrivare perfino a dieci anni (più di quanto a volte rischiano stupratori ed assassini), rendersi conto!! Come mai tutto questo accanimento intollerante e settario contro chi dubita della versione ufficiale della storia imposta dai sacerdoti olocaustici e dai vari guardiani del dogma olocaustico? La domanda sorge spontanea…
    Il motivo è presto detto: il mondo bianco deve essere tenuto al guinzaglio con la menzogna dell'olocau$to ebraico affinchè i popoli che lo compongono siano perennemente avvelenati dal senso di colpa in seguito alla falsa ed ignobile accusa di aver permesso un mai esistito $terminio di un preteso popolo eletto (che in realtà nessuno ha mai votato, non c’è stata alcuna elezione democratica, ah,ah!!).
    Ecco qui il “libero mondo occidentale” fondato sulla “libera ricerca storica”, sul “libero confronto di idee” e sul “pluralismo dell’informazione” eh…
    L'antiebraismo perciò è soltanto una legittima reazione all’arroganza suprematista e liberticida degli ebrei estremisti che mirano (inclusi quelli che recitano la parte dei falsi moderati), con l’utilizzo di sotterfugi di ogni tipo, ad asservire l’Europa e la razza bianca nel mondo.
    Il falso mito dell'olocausto è un’arma di controllo delle menti e delle coscienze troppo importante per gli ebrei internazionale e per gli interessi dello stato di israele, che è nato grazie ad esso e ai risarcimenti economici estorti alla Germania: esso non verrà mai lasciato cadere nel dimenticatoio, almeno finchè il potere ebraico resisterà nel mondo bianco imponendo la sua supremazia indiscussa.
    La propaganda menzognera olocaustica, insieme a quella terzomondista ed egualitaria, ha di fatto annichilito l’orgoglio razziale dei bianchi colpevolizzandoli e diffondendo fra di essi il virus dell’etno-masochismo; imbonendo i loro cervelli con le prediche filo-ebraiche ed anti-razziste (o meglio: razziste verso i bianchi, con questi ultimi che sono giunti a disprezzare se stessi per le vere o presunte ingiustizie commesse dai propri avi) ha frenanato così le spinte identitarie e bloccato lo spirito di reazione per interi decenni.
    Inoltre la storiella dell’olocausto è utile anche alle classi dirigenti ebraiche per compattare il popolo ebraico perché la credenza di essere stati vittime dei cattivi tedeschi nazisti rafforza l'identità ebraica, che a volte vacilla sotto la spinta della secolarizzazione che ha in parte contagiato anche israele e le comunità ebraiche sparse nel mondo; molti ebrei si sentono tali soprattutto perchè i loro nonni sono stati olocaustizzati, come hanno ammesso diversi scrittori ebrei nei loro libri e lo stesso ebreo Judt su L’Internazionale.
    In sostanza, le oligarchie ebraiche (ma anche le classi politiche autoctone nostrane, perché fa comodo avere un popolo servilmente gregario che ti vota e che tu puoi raggirare facilmente) hanno la necessità di tenere in piedi la menzogna olocaustica, perché essa garantisce loro la posizione di supremazia sui popoli europei.
    Ecco perché sentono l’urgente bisogno di attuare una durissima repressione verso chi si ribella alla menzogna olocaustica e vuole gridare la verità.
    Il punto fondamentale è che esistono tre possibili metodi (anche se spesso sono stati usati insieme o alternativamente un po’ tutti) per neutralizzare e mettere a tacere gli “eretici negazionisti”:
    1) Denunciarli, metterli fuori legge, minacciarli, incarcerarli o nei casi estremi aggredirli (o persino eliminarli…come è accaduto al francese François Duprat, assassinato con un attentato di matrice ebraica 32 anni fa) fisicamente.
    In Germania, Austria, Belgio e Francia lo si fa, ma non in Italia dove non c’è ancora una precisa legge che punisce il fatto di dubitare dell’olocausto (anche se c’è la Legge Mancino/Modigliani che lo può includere come “reato ideologico” di “istigazione all’odio razziale e/o religioso”), infatti la vogliono aggiungere ora…I casi di revisionisti denunciati, licenziati da lavoro, arrestati, incarcerati ed aggrediti fisicamente (come Robert Faurrison almeno una decina di volte) sono numerosi in tutti i paesi citati (fra i tanti condannati ed incarcerati famosi: David Irving, Vincent Reynouard, Pedro Varela, Ernst Zuendel, Juergen Graf, Fredrick Töben, Horst Mahler, Silvia Stolz, ecc.) e non mancano neppure in Italia sia pure in misura minore (licenziamento del prof. Franco Damiani, poi reintegrato, minacce a Claudio Moffa e ad altri)…
    Questa è una strategia immediata, aperta e brutale mirata ad annichilire direttamente ogni opposizione in maniera palese; la controindicazione è che così si rischia di trasformarli in martiri e la cosa è controproducente poiché poi la popolazione si chiederà il motivo di tanto accanimento nei loro confronti, giungendo magari a provare simpatia verso i perseguitati dal sistema politico-giudiziario vigente.
    2) Ignorarli del tutto con una sorta di congiura del silenzio in modo che la popolazione non sappia neppure dell’esistenza di teorie storiche alternative. Nessuna pubblicità fatta alle loro teorie. Forse la migliore scelta per i tiranni al potere.
    3) Oppure, in alternativa, parlarne apertamente per criminalizzarli facendoli passare per estremisti, fanatici o pazzi: questa strategia è più sottile e subdola della numero 1, di fatto molto più efficace perchè gli si toglie credibilità agli occhi dell'opinione pubblica che viene manovrata a piacere dagli ideologi di regime. Però, al tempo stesso, finisce per pubblicizzare le teorie che pur attacca con tanta foga agonistica e con tanta ipocrisia.
    L'opzione numero 2 è stata utilizzata in Italia per decenni, poi da un quasi un decennio si è passati massicciamente alla numero 3 (mentre la numero 1 la si applica da tempo nei paesi sopra menzionati); evidentemente si sono resi conto che non bastava più per arginare il revisionismo olocaustico, che si è diffuso negli ultimi anni soprattutto grazie ad internet, pur essendo bandito completamente dai mass-media ufficiali.
    Gli oligarchi al potere hanno per prima cosa provato a non nominare neppure i revisionisti, poi hanno cercato di annichilire i revisionisti con una becera campagna diffamatoria grazie al controllo dei mass-media e alla propaganda fatta nelle scuole e nelle università; ma, purtroppo per loro, c’è internet che non è stato ancora asservito, malgrado la censura e l’oscuramento di alcuni siti, e quindi resta un’oasi di libertà di espressione in un mondo liberticida. Da qui la necessità dell’opzione numero 1 in aggiunta, la più ovvia e brutale che va dritta al sodo eliminando gli oppositori senza mezze misure…Questa via c’è già da tempo in Germania, Austria, Belgio e Francia ma non ancora in Italia (anche se la Legge Mancino/Modigliani non è da meno)…
    Grazie ad internet infatti le posizioni e le ricerche storiche dei revisionisti trovano sempre più visibilità nei forum, nei blog e nei siti vari e possono essere lette da un vasto numero di persone che prima non sapevano neppure che esistessero dato che i libri di questi storici sono banditi rigorosamente dalle librerie ufficiali…
    Ecco perché adesso pure in Italia sentono il bisogno di ricorrere pure alla soluzione numero 1, ovviamente senza rinunciare alla numero 3; cercheranno di mediare fra le due…Sia propaganda mediatica criminalizzatrice che ricorso a leggi liberticide per punire chi osa dissentire e dubitare.
    Forse questa legge Liberticida (per dirla alla PdL), Antidemocratica (per dirla alla PD) ed Incostituzionale (per dirla alla IdV) è proprio una specie di “Prova Fedeltà” che gli “eletti” esigono dai loro burattini “gentili”…Vedi a seguire i miei altri commenti sulla questione…Purtroppo i peggiori fanatici liberticidi anti-revisionisti sono spesso non-ebrei, mentre qualche onesto ebreo c’è…
    Paradossalmente, l’unica voce un po’ fuori dal coro, a favore della libertà di espressione e contro la persecuzione dei c.d. negazionisti, è quella di due ebrei…
    Fra le poche eccezioni ragionevoli, in questo clima inquisitorio, c’è questo valido articolo su “Il Sole 24 ore” dello storico ebreo Sergio Luzzatto (che, rendendosi intelligentemente conto che punire per legge chi nega l’olocausto può rivelarsi anche un boomerang per gli ebrei, dice in pratica le stesse cose dello storico Sergio Romano…solo che Romano è davvero liberale):


    Shoah vera o falsa? Non si decide per legge - Il Sole 24 ORE
    Shoah vera o falsa? Non si decide per legge - Il Sole 24 ORE
    “17 ottobre 2010 Shoah vera o falsa? Non si decide per legge di Sergio Luzzatto”


    Questo Luzzatto si schiera contro la legge liberticida non tanto perché magari creda davvero nel valore della libertà di espressione per tutti, ma semplicemente perché ha capito che il metodo numero 1 è dannoso per gli stessi ebrei perché trasforma i revisionisti in martiri e finisce per fare loro indirettamente una grande pubblicità…
    Inoltre c’è un altro ebreo che critica la proposta di Pacifici, tale Lehner (che usa una terminologia colorita e fantasiosa, ma che ha espresso un concetto giusto):


    HTTP://LAPROVINCIAPAVESE.GELOCAL.IT/.../16:29/3855638
    HTTP://WWW.BLITZQUOTIDIANO.IT/HOME.P...;%20ANTISEMITA
    “SHOAH: LEHNER, LEGGE SU NEGAZIONISMO E' ANTISEMITA"


    Quindi in questo caso rendo onore all’ebreo Luzzatto e all’ebreo Lehner (malgrado sia mia convinzione che questi 2 abbiamo aderito a questa posizione per pragmatismo e non perché siano davvero liberali), mentre dico ai politicanti italiani non-ebrei sostenitori della lobby olocaustica che mi fanno tutti schifo senza alcuna distinzione.

    Purtroppo i politicanti italiani di vertice sono tutti d’accordo con l’infame ebreo liberticida Pacifici…
    Intanto il quotidiano “La Repubblica” di proprietà del truffatore ebreo Carlo De Benedetti, attraverso il solito mentitore ed inquisitore Marco Pasqua sedicente esperto di $hoah, ha lanciato il via alla “caccia” continuando ad inveire contro il nostro forum di “Stormfront Italia” (definendolo “neonazista” quando invece è solo pro-razza bianca, perfettamente legale dato che non incita allo sterminio di nessuno né alla violenza contro i non-bianchi…Inoltre Black e Duke stavano nel KKK, riformato e non-violento, da giovani cioè oltre 30 anni fa!! Quando in Italia vari “democratici moderati di sinistra” di oggi che danno lezioni di “civiltà e pluralismo” attraverso i giornali simpatizzavano per il terrorismo delle “Brigate Rosse” apertamente…) e contro il “negazionismo via internet” (che associa tout court, in maniera vergognosamente distorta, all’estrema destra nostalgica di regimi totalitari e all’antisemitismo, mentre invece ci sono storici revisionisti sull’olocausto di ogni tendenza politica ed origine, come Faurisson e Claudio Moffa che è un moderato di sinistra, e perfino alcuni benemeriti ebrei dotati della necessaria onestà intellettuale):



    http://fascinazione.blogspot.com/201...-guadagna.html
    http://andreacarancini.blogspot.com/...del-south.html
    "La Shoah? Una fandonia, un complotto" viaggio nel negazionismo via internet - Repubblica.it
    http://www.repubblica.it/cronaca/201...92/?ref=HREA-1
    “(…) Il forum neonazista Stormfront, nella sua versione italiana, ospita spesso interventi in difesa dei negazionisti, con attacchi agli esponenti delle comunità ebraiche italiane e a quei politici che si battono per la difesa della verità storica. Sito registrato in America, espone in homepage una croce celtica e la scritta, in inglese, "orgoglio bianco mondiale". Il suo fondatore, Don Black, è un ex leader del Ku Klux Klan. Alcuni thread sono dedicati al tema della Shoah, definita "una fandonia" oppure "un complotto ebreo", ma anche "la colonna portante di un castello di menzogne, una colonna di cartapesta, che può e deve essere abbattuta". I commentatori abituali, che arrivano anche a negare la veridicità dei fatti narrati da Anna Frank nel suo diario ("i fatti da lei narrati non sono una prova del piano di sterminio"), sono protagonisti di insulti contro "i truffatori ebrei" ma anche contro i media controllati, a loro dire, dalla lobby ebraica. Su questo forum circolavano, nel 2008, le canzoni dei 99 Fosse, il gruppo che irrideva la Shoah, ridicolizzando il tema dei morti nei campi di concentramento con parodie di canzoni famose. (…).”
    http://www.finanzaonline.com/forum/a...-internet.html
    La Shoah? Una fandonia, un complotto articolo di di Marco Pasqua
    http://olo-dogma.myblog.it/archive/2...a295a97aa.html
    La Shoah? Un falso ecco la galassia dei siti vergogna
    http://ricerca.repubblica.it/repubbl...-galassia.html



    La comunità ebraica ha per giunta deciso di ribadire in maniera netta e definitiva chi comanda davvero in Italia: Riccardo Pacifici ha infatti fatto un appello a tutti i partiti politici affinchè venga subito approvata in parlamento una nuova legge liberticida che stabilisca che sia reato ideologico mettere in dubbio l’olocausto (lo stesso giudeo di Roma aveva già proposto una cosa del genere in precedenza nel 2007 ma alla fine non fu approvata per poco, adesso ci riprova e state a vedere che riuscirà ad averla vinta, l’infame censore delle verità scomode!)…Ovviamente eccitatissime e febbrilmente gioiose le reazioni dei servi gentili di ogni schieramento parlamentare (dal “Pdl” alla “Italia dei Valori” e al “Pd”): quando il potere ebraico ordina bisogna eseguire senza fiatare per non essere accusati di “complicità morale con gli antisemiti”, i padroni “eletti” (da chi?! Non certo da noi!!) dal naso adunco pretendono che gli “eretici negazionisti” vengano messi a tecere e puniti perchè (da “liberali doc” quali sono) su questo non transigono!!
    Alemanno, Polverini, Fini, Berlusconi, Schifani, Gasparri, Di Pietro, Rutelli, Veltroni, Fassino, ecc. sono tutti d’accordo al 100% (essendo servi al 100% dei giudei) col giudeo Pacifici:

    Negazionismo, una legge per punirlo - Sì unanime alla proposta di Pacifici
    Negazionismo, una legge per punirlo - Stormfront


    Notate che “l'Italia dei Valori” di Pietro ed il centro-sinistra si lamentano sempre della “censura berlusconiana” mentre Berlusconi e soci della “censura comunista”, ma poi entrambi gli schieramenti composti da ipocriti integrali (che cianciano sempre di “deriva dittatoriale” a sproposito, accusandosi a vicenda per recitare il gioco delle parti) promuovono allegramente la censura “fascio-bolscevica” (in salsa ebraica) ed auspicano la repressione liberticida nei confronti del “negazionismo”!!
    Sostenere che l’Italia – da “destra” a “sinistra” - è sottomessa al potere ebraico è una esagerazione da “paranoici complottisti antisemiti”, eh?!
    Chissà come mai allora – sarà forse un caso?! - tutti i politicanti italiani da Fini a Schifani e Polverini del Pdl fino a Di Pietro della c.d “Italia dei Valori” (quali?! Leccare il fondoschiena ai giudei?!) e a Piero Fassino (Pd) con l’intero centro-sinistra (con in testa il quotidiano “La Repubblica”) ha subito appoggiato con servile entusiasmo la proposta-imposta liberticida del giudeo Riccardo Pacifici e della sua cricca etnica massonica nemica della libertà di espressione e di ricerca storica…
    Siamo praticamente alla nuova inquisizione ebraica, con i libri all'indice e gli eretici processati (i c.d. antisemiti)…
    In realtà dovrebbero essere appunto gli storici a dover stabilire quello che è avvenuto oppure no, non i politici o gli ideologi di regime: se gli storici revisionisti mostrano prove che smantellano completamente quello che ci è stato raccontato, allora i libri di storia vanno riscritti e chi ha mentito alla popolazione deve essere svergognato e punito per tutti gli inganni che hanno tenuto in piedi. Lo studio della storia è revisionismo perchè gli storici indagano il passato per scoprire la verità su quello che è accaduto: quelli che vogliono imporre dei dogmi e decidere cosa gli storici possono indagare e cosa no, non sono diversi dagli Inquisitori di secoli fa che perseguitavano gli eretici.
    Gli storici di regime, i sionisti e i loro servi non dibatteranno mai a volto scoperto e in un libero confronto sul presunto olocausto e ciò perchè non possono opporre argomenti storicio-scientifici concreti, segno che hanno qualcosa da nascondere e soprattutto paura che la verità reale venga finalmente alla luce; allora, per mettere a tacere coloro che la diffondono, ricorrono alle minacce, alle aggressioni fisiche e alle azioni penali della magistratura per punire gli ‘eretici negazionisti’.
    Negazionisti sono in realtà coloro che negano l’esistenza e la consistenza effettiva del potere ebraico in Italia, in tutta Europa e soprattutto negli Usa…E tutti questi attacchi minacciosi contro chi osa denunciare le menzogne dei mass-media e dissentire dalla versione alleata ed ebraico-sionista della seconda guerra mondiale ne sono l’ennesimo lampante esempio.
    Ovviamente mettere in dubbio l’olocausto significa togliere legittimità morale allo stato di israele, edificato col pretesto ideologico di questa colossale menzogna storica, ecco il motivo per cui è vietato dubitare…
    La cosa assurda è che i vili censori di oggi sono ipocriti – a differenza di quelli di un tempo, che almeno erano onesti – dato che si reputano “liberali” e “tolleranti” pur essendo dei fanatici totalitari negatori della libertà di ricerca…


    La stampa italiana, asservita come al solito agli interessi dell’ebraismo internazionale e del sionismo, inoltre continua la sua propaganda di odio proprio contro professori coraggiosi come Claudio Moffa ed Antonio Carraciolo, colpevoli appunto di mettere in dubbio il c.d. olocausto e a rischio licenziamento a causa delle pressioni dei soliti noti:

    La lobby sionista in Italia si è mossa per licenziare il professore anti-Olocausto
    http://italian.irib.ir/analisi/comme...anti-olocausto

    Claudio Moffa è professore ordinario di Storia delle Relazioni Internazionali, Università di Teramo Coordinatore del Master Enrico Mattei in Vicino e Medio Oriente; Antonio Carraciolo è invece ricercatore all’Università La Sapienza di Roma. Il sito del prof. Claudio Moffa:


    http://www.claudiomoffa.it/
    http://www.viaroma100.net/notizia.php?id=23229&type=3
    “Sabato 9 Ottobre 2010 183
    REPUBBLICA CONTRO CLAUDIO MOFFA E CONTRO LA LIBERTÀ DI RICERCA STORICA
    Arianna Editrice riporta un articolo di Gianluca Freda che polemizza, nel suo blog BLOGGHETE, con la stampa filosionista, cioè la quasi totalità della stampa e dell'informazione televisiva italiana, con in testa però il gruppo Repubblica. Il gruppo Repubblica è la vera quinta colonna del potere sionista mondiale in Italia e non si smentisce mai. Stavolta Repubblica ha preso di mira un altro accademico, il professor Moffa, cosiccome, ca. un anno fa, si scagliò contro il prof. Caracciolo per lo stesso motivo: la pretesa e presunta verità sull'olocausto. Ma ormai la ricerca di verità storica è un fiume in piena e chi cerca di opporsi, a suon di dollari e di euro, finirà comunque travolto.”


    Costoro difendono il diritto alla libertà di ricerca storica contro i dogmi ideologici imposti dal sistema, ed ecco che vengono bollati come “negazionisti” dai vari “amici di israele” che si annidano nella società italiana sotto controllo ebraico-sionista.
    Come detto, su “La Repubblica” il solito Marco Pasqua (ebreo lui stesso? Il cognome è sospetto) – che ha scritto vari articoli contro il nostro forum di “Stormfront” – si occupa del “negazionismo” gettando fango sui “negazionisti” che osano dubitare e parlare pubblicamente dei loro dubbi (dubitare su certe questioni è ormai un “reato”)…
    Da ricordare anche il caso vergognoso dell’avvocatessa tedesca Sylvia Stolz in Germania:


    1000 giorno di detenzione di Sylvia Stolz
    http://www.stormfront.org/forum/t748137/
    http://www.giustiziagiusta.info/inde...tent&task=view
    http://www.centrostudilaruna.it/hugi...-sylvia-stolz/
    http://olo-dogma.myblog.it/archive/2...via-stolz.html
    http://olo-dogma.myblog.it/archive/2...via-stolz.html



    Emblematico anche il caso della persecuzione di Simon Sheppard e Stephen Whittle (gli “Heretical Two” del sito heretical.com):

    “domenica 21 febbraio 2010”
    "Tales of the Holohoax" e le vignette anti-islamiche della Danimarca
    http://andreacarancini.blogspot.com/...ette-anti.html

    Per non parlare di François Duprat, addirittura assassinato 32 anni fa da una milizia ebraica rimasta impunita:

    http://www.noreporter.org/index.php?...orte&Itemid=19

    Anche in Italia, che già se la passa male pur non essendoci ancora una precisa legge anti-revisionista (appunto i casi di Moffa, Caracciolo e del coraggioso prof. Franco Damiani di Mestre un decennio fa che venne sospeso per aver osato parlare ai suoi studenti anche delle teorie revisioniste sull’olocausto), adesso si rischierà di giungere ad una situazione inquisitoria del genere…
    In ogni caso mi fa piacere questa notizia: una volta approvata tale legge infame negatrice della libertà voluta dai giudei e messo il bavaglio agli oppositori, sempre più persone inizieranno a dubitare dell’olocausto (perché una presunta verità storica che debba essere imposta per legge e considerata come un dogma indiscutibile esattamente come accade nelle teocrazie più oppressive, evidentemente non è tanto veritiera…) ad aprire gli occhi su chi comanda davvero in Italia!!
    Gli ebrei si credono e vengono ritenuti tanto intelligenti – mentre in realtà sono più che altro astuti e subdoli, trattandosi di illustri teatranti e dei grandi maestri della menzogna – ma poi la loro spavalda arroganza li instupidisce a tal punto che non si rendono conto del fatto che l’approvazione del decreto legge anti-revisionista si rivelerà, almeno a lungo andare, per loro stessi assai controproducente!!
    Questa ulteriore legge liberticida si rivelerà infatti un boomerang contro gli stessi ebrei che ci hanno fatto il brainwashing per decenni attraverso i media da loro controllati e l’antiebraismo aumenterà a dismisura in Italia, ne sono convinto!! L’antiebraismo è stato sopito per decenni, ma presto tornerà a risvegliarsi e a dilagare più rabbioso ed estremo che mai in seguito all’aumentare della repressione liberticida: il potere ebraico non potrà durare per sempre, è crollato anche l’Impero romano, e c’è la concreta possibilità che la menzogna dell’olocausto prima o poi diventi realtà!!
    Gli ebrei non si accorgono che la loro ripugnante megalomania e la loro brama liberticida li mette a rischio di essere travolti da un’ondata stavolta davvero brutale e terribile di anti-ebraismo: cari signori circoncisi con la stella di david iniziate a comprenderlo per il vostro bene, vi consiglio di riuscirci dato che vorrei evitarvi un vero olocausto, in virtù della mia gentilezza da galantuomo ve lo dico col cuore!!
    Come qualcuno ha già fatto notare, quando si fanno delle leggi repressive liberticide per mettere al bando un'idea ritenuta pericolosa - come da sempre accade nelle dittature totalitarie tipo il giacobinismo, il bolscevismo, il fascismo ed il nazismo, includendovi pure l’odierna tirannia del sistema ebraico internazionale, ancora più vergognosa in quanto ipocrita e subdolamente mascherata da democrazia liberale - quell'idea finirà probabilmente per vincere…


    14 Words! - Holuxar
    Ultima modifica di Holuxar; 19-10-10 alle 21:29
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,267
    Mentioned
    98 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le reazioni della colonia al bavaglio proposto da Pacifici-Repubblica

    Citazione Originariamente Scritto da k21 Visualizza Messaggio
    però chi parla di lobby ebraica e di complotti ebraici chiaramente è uno squilibrato paranoico senza alcuna prova a sostegno delle sue tesi.
    Saran dei pericolosi esagitati ...
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,267
    Mentioned
    98 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le reazioni della colonia al bavaglio proposto da Pacifici-Repubblica

    Citazione Originariamente Scritto da Holuxar Visualizza Messaggio

    Vi riporto anche qui questi miei post scritti oggi e nei giorni scorsi, da leggere se vi interessano:


    Son sempre fonte di notizie interessanti, io ne prendo nota spesso :giagia: .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 09-11-12, 18:24
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27-11-11, 02:05
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-01-10, 15:34
  4. Berlusconi proposto per il Nobel della Pace...
    Di kalashnikov47 nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-08-02, 16:41
  5. Le reazioni della CdL di L'Aquila
    Di nel forum Abruzzo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-07-02, 14:02

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226