Articolo sul Servizio civile presente sul mensile Free Press:

C’è una frontiera invisibile. E’ una cordicella sospesa nel vuoto, sulla quale quotidianamente si muovono in equilibrio precario migliaia di giovani. E’ un confine labile, separa situazioni tanto vicine quanto antipodiche: da un lato il precariato, l’instabilità, la mancanza di prospettive, lo sfruttamento; dall’altro l’arricchimento professionale e umano, la flessibilità, l’opportunità di aiutare il prossimo. Varcata questa frontiera, il volontariato si trasforma in lavoro e il lavoro in sfruttamento. Attualmente, in Italia, per 30000 ragazzi e ragazze di età compresa fra i 18 e i 28 anni, questo confine si chiama Servizio Civile. Dal 2001, con l’abolizione della leva obbligatoria, è diventato volontario...
L'articolo completo su Free Press - Blog:
Il confine ambiguo tra volontariato e lavoro mal retribuito « Perugiafreepress’s Blog