User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    463
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Karl Marx,un contemporaneo.

    Karl Marx, un contemporaneo
    di Vladimiro Giacchè
    Ironie della storia. Mentre in Germania viene festeggiato il 20° anniversario della fine della Repubblica Democratica Tedesca, si assiste ovunque a un grande risveglio di interesse nei confronti di quello che ne fu (inconsapevolmente) il filosofo ufficiale: Karl Marx. Soltanto in Italia da giugno ad oggi sono uscite due biografie: la traduzione del testo di Francis Wheen (Karl Marx. Una vita, Isbn edizioni, p. 400) e il volume di Nicolao Merker Karl Marx. Vita e opere (Laterza, pp. 261). Se il primo testo è avvincente, il secondo riesce a fare il miracolo: ossia a darci una panoramica completa della vita di Marx e delle linee di fondo del suo pensiero.

    Merker inizia ricordando che “il pensiero di Marx sta nei suoi scritti”. Non si tratta di una banalità, ma di una doverosa cautela, visto l’uso a dir poco disinvolto che spesso si è fatto del pensiero di Marx. I testi di Marx vanno letti e collocati nel loro contesto storico. Ma non per farne altrettanti “classici” da tenere sullo scaffale, bensì per capire cosa ci possono dire sull’oggi. Questo utilizzo è possibile in quanto la struttura economica della società in cui viviamo è ancora quella descritta da Marx. Anzi, per certi aspetti il mondo attuale è più vicino ai testi marxiani di quanto lo fosse la realtà dei suoi tempi: basti pensare alla “globalizzazione”, ossia alla creazione di un mercato mondiale.


    Merker nella sua ricostruzione del pensiero di Marx non ha timore di andare controcorrente. Come quando denuncia “l’infatuazione per i Grundrisse che alcuni decenni addietro regnò nella letteratura su Marx”, insistendo invece sulla centralità del Capitale (tanto del primo libro, pubblicato da Marx nel 1867, quanto dei manoscritti che dopo la sua morte Engels pubblicò come secondo e terzo libro del Capitale nel 1885 e nel 1894). E soprattutto quando afferma l’importanza della “teoria del valore e del plusvalore”, che a suo giudizio “spiega tanto la dinamica del particolare modo di produzione capitalistico quanto gli elementi generali di ogni sistema produttivo”. La forza-lavoro umana, osserva Merker, “fornisce sempre con il suo pluslavoro un valore economico maggiore di quanto essa costa”; è infatti l’unica merce che possiede la caratteristica di creare nuovo valore (cosa di cui non è capace neppure la macchina più sofisticata,
    che se non viene messa in opera dal lavoro umano non soltanto non crea nuovo valore, ma perde anche quello che possedeva). La peculiarità del sistema capitalistico consiste nel fatto che “i risultati del pluslavoro - cioè il plusprodotto e il corrispettivo plusvalore – non sono proprietà del soggetto che lavora. Questo carattere del capitalismo non viene modificato dal numero dei ‘colletti bianchi’ che sostituiscono le ‘tute blu’. Conserva il connotato che la proprietà e gestione dei mezzi di produzione non è proprietà e gestione sociale”.

    Proprio da questo Marx fa derivare le crisi: esse sono infatti – ci spiega Merker – “conseguenza dell’antitesi, nell’economia di mercato, tra la produzione moderna a carattere sociale e l’appropriazione privata del profitto”. In questo modo ci viene offerta una chiave di lettura anche della crisi odierna molto diversa da quelle correnti. “A un certo punto il mercato non assorbe più tutte le merci che vengono offerte. Mancano gli acquirenti perché il sistema è caduto in un circolo vizioso: non appena le merci invendute affollano i magazzini, il capitalista riduce la produzione chiudendo fabbriche e licenziando operai, sicché a causa del diminuito potere d’acquisto dei consumatori la montagna dei beni invenduti continua a crescere e la crisi si avvita su se stessa. Alla fine il sistema la risolve soltanto a costo di enormi distruzioni di mezzi di produzione e di prodotti. Fabbriche smantellate, lavoratori disoccupati, beni di consumo
    al macero e una crescente concentrazione di capitali perché i capitalisti deboli, rovinati, escono dal mercato: sono questi i fenomeni che accompagnano le crisi periodiche”. Le crisi sorgono insomma, come ci ricorda lo stesso Marx, perché nel sistema capitalistico “l’estensione o la riduzione della produzione non viene decisa in base al rapporto tra la produzione e i bisogni sociali, i bisogni di un’umanità socialmente sviluppata, ma …in base al profitto e al rapporto tra questo profitto e il capitale impiegato”.

    Secondo questo punto di vista, a differenza di quanto ci è stato ripetuto in questi anni, le crisi non rappresentano un incidente di percorso o una sciagurata eccezione all’interno di un sistema che per sua natura sarebbe in equilibrio, ma sono necessarie per correggere – attraverso la distruzione di forze produttive su larga scala – i profondi squilibri che inevitabilmente caratterizzano l’“anarchia della produzione”capitalistica.

    Nelle ultime pagine del suo libro Merker si chiede quindi se quel “contrasto tra la produzione sociale-collettiva del plusvalore e l’utilizzazione privatistica di esso” sia ineliminabile nella società umana. E osserva che “quest’istanza teorico-pratica, certamente non scaduta, viene dal Marx del Capitale, e attende risposte che funzionino nella prassi socio-politica”.

    La più grande sfida dei nostri tempi è precisamente questa.

    su il Fatto Quotidiano del 15/10/2010

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    463
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Karl Marx,un contemporaneo.

    Resistenze.org - sito di controinformazione del C.C.D.P. - Via Reggio 14 - Torino - popoli resistenti - germania - 10-10-10 - n. 335


    da Avante, organo del PCP- Jornal «Avante!» - Opinião - O assalto ao Leste
    Traduzione dal portoghese per Resistenze.org - sito di controinformazione del C.C.D.P. - Via Reggio 14 - Torino a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

    Assalto all'Est

    di Rui Paz

    ottobre 2010

    Il capitale monopolista ed i suoi servi hanno celebrato lo scorso 3 ottobre il 20° anniversario della liquidazione del primo Stato socialista tedesco e la restaurazione del capitalismo nella ex DDR. La distruzione della struttura economica socialista e il saccheggio della ricchezza appartenente a tutto il popolo della Repubblica Democratica Tedesca, vengono solitamente presentati, da parte di una oligarchia finanziaria sfruttatrice e parassitaria, in possesso di fortune colossali, proprietaria di banche e grandi imprese e gruppi economici, come una "rivoluzione".

    Ma le celebrazioni del 2010 sono state turbate dalla rivelazione dei documenti della "Corte dei Conti Federale", inaccessibili fino ad ora, i quali dimostrano che il declino dell'economia tedesco-orientale, a partire dal 1990, non è da imputare al socialismo, come il capitale ha costantemente propagandato per due decenni, ma all'assalto al settore bancario dello Stato da parte delle banche occidentali. Deutsche Bank e Dresdner Bank sono stati le principali beneficiarie di tale atto di rapina.

    Questi 20 anni di '"unificazione" che i banchieri, i multi-milionari e la classe politica servitrice del capitalismo celebrano, si sono trasformati per una parte importante dei lavoratori e del popolo tedesco in un calvario di disoccupazione e povertà, di liquidazione dei diritti sociali e lavorativi, di regressione antidemocratica e assenza di speranza per una vita migliore. La fine del socialismo nella RDT e la restaurazione capitalista hanno trascinato tutta la Germania in una situazione per cui il potere non eletto e incontrollabile del grande capitale prevale sulla volontà politica generale. Le banche e i monopoli privati, come Siemens, Allianz o Mercedes, senza alcuna legittimazione democratica decidono il destino di milioni di famiglie.

    Nel 2003, la percentuale della popolazione che viveva al di sotto della soglia di povertà, nella parte occidentale era del 13%, in quella orientale era salita al 17,7%. Mentre nelle fabbriche occidentali solo il 70% dei lavoratori ha ancora un contratto di lavoro a tempo indeterminato (impensabile fino al 1990), ad oriente la situazione è ancora più drammatica con il 45,5% diviso tra lavoro precario e lavoro nero. È giunto il tempo di rivelare che dietro la cosiddetta "unificazione" della Germania si nasconde un attacco reale ai beni e alla ricchezza della ex DDR e un processo di regresso sociale senza precedenti nella storia d'Europa dal 1945.


    --------------------------------------------------------------------------------


    da: http://civilizacionsocialista.blogsp...el-primer.html
    Traduzione dallo spagnolo per Resistenze.org - sito di controinformazione del C.C.D.P. - Via Reggio 14 - Torino a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

    I vent'anni della distruzione del primo Stato tedesco di operai e contadini

    07/10/10

    Foto [1] [2]

    Il 3 ottobre 1990 l'imperialismo tedesco proclamò euforicamente la "riunificazione" tedesca. In realtà essa fu la criminale distruzione controrivoluzionaria della gloriosa Repubblica Democratica Tedesca (DDR) e la sua annessione forzata da parte dei monopoli tedeschi. Dopo la capitolazione e la sconfitta della direzione del Partito di Unità Socialista (SED), della STASI antifascista e dell'Esercito Popolare Nazionale (NVA), 30 mila voraci burocrati tedesco-orientali si scatenarono per assicurarsi il controllo di tutte le leve di economia, amministrazione, educazione, giustizia e società della DDR.

    Dall'ottobre 1990 al dicembre 1994, il 75% dell'economia dello Stato socialista più avanzato ed industrializzato fu distrutto. Il 90% dell'impiego industriale liquidato. L'85% delle imprese della DDR furono prese dal capitale imperialista tedesco, il 9% dal capitale di Francia, Svizzera, Austria, Regno Unito ed Olanda e solo un 6% rimase in mani tedesco-orientali.
    Diritti sociali elementari come la piena occupazione, la previdenza sociale completa, lo sport e cultura gratuiti, l'accesso alla casa, l'istruzione universale gratuita e di alto livello, ed altri ancora, furono eliminati per sempre.

    Viva la gloriosa Repubblica Democratica Tedesca!!!
    Viva il suo immortale contributo alla Pace e al Socialismo!!!



    --------------------------------------------------------------------------------

  3. #3
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    9,066
    Mentioned
    29 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Karl Marx,un contemporaneo.

    Citazione Originariamente Scritto da danko Visualizza Messaggio
    Nelle ultime pagine del suo libro Merker si chiede quindi se quel “contrasto tra la produzione sociale-collettiva del plusvalore e l’utilizzazione privatistica di esso” sia ineliminabile nella società umana. E osserva che “quest’istanza teorico-pratica, certamente non scaduta, viene dal Marx del Capitale, e attende risposte che funzionino nella prassi socio-politica”.

    La più grande sfida dei nostri tempi è precisamente questa.
    Quoto.
    Bisogna urgentemente dichiarare le risorse naturali e artificiali del pianeta l’eredità comune di tutta l’Umanità per poterle impiegare democraticamente nell’interesse di tutti.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/

 

 

Discussioni Simili

  1. Il vero volto di Karl Marx.
    Di Ceslom nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 01-08-13, 14:00
  2. trieste e karl marx
    Di trenta81 nel forum Storia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-05-10, 09:40
  3. Karl Marx Platz
    Di Outis nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-12-08, 20:39
  4. Il camerata Karl Marx...
    Di Stan Ruinas nel forum Destra Radicale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 16-12-07, 19:45
  5. Karl marx: zur judenfrage
    Di Terraeamore nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-10-07, 21:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226