User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    58,053
     Likes dati
    197,086
     Like avuti
    24,475
    Mentioned
    1101 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Esercito statunitense: Macchina arrugginita, vera tigre o tigre di carta?

    ESERCITO STATUNITENSE: MACCHINA ARRUGGINITA, VERA TIGRE O TIGRE DI CARTA?
    "Nel 1946, tre anni prima della vittoria della Rivoluzione, Mao Zedong - a Yan'an - affermò che ogni reazionario è una tigre di carta:
    "Ho affermato che ogni reazionario ritenuto potente non è che una tigre di carta, [...] Adolf Hitler non era forse una tigre di carta? Adolf Hitler non è forse stato abbattuto? Ho anche affermato che lo Zar di Russia fosse una tigre di carta, ed è stato abbattuto, così come l'Imperatore in Cina e l'imperialismo giapponese. Sono stati tutti abbattuti. L'imperialismo statunitense non è ancora stato abbattuto, e - inoltre - possiede la bomba atomica, ma a mio avviso anch'esso è una tigre di carta e verrà abbattuto"
    A più di settant'anni da questa definizione, gli Stati Uniti - contrariamente al militarismo giapponese, al nazionalismo del Kuomintang e all'Impero Russo - sono ancora in piedi, ma l'ululato che lanciano contro la Cina e contro altri paesi è uno "sfogo selvaggio" o un "lamento prima del crepuscolo"?
    Quando gli Stati Uniti sono entrati nella fase del monopolio finanziario, hanno accelerato la promozione di un'economia completamente distaccata dalla produzione industriale, e anche l'Industria Militare ne ha risentito.
    Un forte esercito è basato su una forte industria militare. Le capacità industriali, applicate alla Scienza Militare, sono fattori materiali che determinano l'esito di una guerra, oltre all'innovazione tecnico-scientifica.
    Spinti dalla natura parassitaria del capitale monopolistico finanziario, gli Stati Uniti - che altro non perseguono se non la ricerca di un sempre maggior profitto - hanno accelerato il processo di de-industrializzazione in favore di un'economia finanziaria e "virtuale".
    L'industria americana, compresa quella militare, ne ha risentito e oggi, ad esempio, la produzione di acciaio negli USA è inferiore ad un decimo di quella cinese e gli Stati Uniti altro non possono fare altro se non aspettare che la Cina superi gli Stati Uniti in ogni settore dell'economia di produzione.
    Dal punto di vista dell'industria militare, la forza degli Stati Uniti, un tempo abbagliante, si è sbiadita.
    Negli ultimi decenni, in tutto il mondo, vi è stata una grande competizione nel settore dell'innovazione tecnico-scientifica in ambito militare. L'Esercito Statunitense tende ad auto-stimarsi, a sovrastimare le proprie capacità e ignora il fatto che le sue armi e il suo equipaggiamento stanno invecchiando di giorno in giorno.
    Oggi le navi da guerra degli Stati Uniti sono visibili in tutto il mondo, ma non tutti sanno che la maggior parte di esse sono state prodotte 30/40 anni fa, pertanto sono vecchie, tecnologicamente superate e militarmente impotenti.
    I due incrociatori che hanno attraversato lo Stretto di Taiwan per mostrare la "forza" degli USA sono in servizio dagli anni '80, e sono stati inclusi nell'elenco delle dismissioni. Nel campo dell'alta tecnologia e ingegneria, l'ex monopolio degli Stati Uniti è in forte declino.
    La USS Gerald Ford, costata più di 14 miliardi di dollari, è stata annunciata per il servizio nel 2017, ma non è stata ancora in grado di formare l'efficacia del combattimento ed è stata ridicolizzata dagli esperti di ingegneria come un progetto incompiuto.
    Il "Defense News", USA, ha riferito alla fine di luglio che vi erano difetti di fabbricazione in tutti gli F-35A.
    l Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti prevede, entro il 2023, di eliminare 33 caccia stealth F22 e di eliminare tutti gli F22 entro il 2022, poiché sono vecchi e decrepiti.
    In tutti i campi della tecnologia e dell'ingegneria militare, nel settore dell'elettromagnetismo, del laser e dell'ingegneria aerospaziale, gli Stati Uniti hanno sempre meno voce, mentre la Cina è leader nei settori dell'innovazione.
    "Gli Stati Uniti, pur avendo allungato i tentacoli in tutto il globo, e pur avendo posizionato basi militari ovunque, sono incapaci di rispondere in maniera efficace ad una crisi, e la lotta contro l'epidemia ne è un esempio.
    La lotta contro un'epidemia è equivalente ad un esercizio quasi-bellico, che mette alla prova la capacità di un paese di organizzare, mobilitare e comandare le risorse per affrontare la crisi. Gli Stati Uniti, in questo campo, hanno pienamente fallito.
    Durante gli anni di lotta globale contro la pandemia, la Cina è stata messa alla prova nei campi dell'organizzazione delle risorse, della mobilitazione, del potere decisionale e di comando, della coesione nazionale. La Cina, in maniera sincronizzata e ordinata, ha attuato politiche precise e risolute per risolvere il problema. La "guerra" contro l'epidemia ha dimostrato le capacità organizzative della Cina.
    Al contrario, gli Stati Uniti si sono comportati in maniera pretenziosa e disorganizzata, si sono fatti prendere dal panico e i fallimenti nei vari settori dell'organizzazione, della mobilitazione delle risorsa e del sistema sanitario hanno dimostrato le fallacie statunitensi. Quasi 100 milioni di persone sono state infettate e sono morte più di un milione di persone, la peggiore statistica a livello mondiale, per la "prima super-potenza.
    "L'Occidente ha una propria visione della Guerra, così come l'Oriente ne ha una propria, legata alla millenaria saggezza bellica orientale. Sia l'Arte della Guerra di Sun Tzu che la Teoria della Guerra Popolare di Mao Zedong sono armi che possiamo utilizzare per sconfiggere ogni nemico, anche quello più ostinato.
    Un importante analista statunitense ha affermato che gli Stati Uniti non temono la modernizzazione in campo militare della Cina, ma sono arsi vivi dal terrore di un Esercito Popolare di Liberazione saldamente legato al Pensiero di Mao Zedong.
    Il Presidente Mao Zedong ha guidato il Partito Comunista e la Cina alla vittoria contro il militarismo giapponese e il nazionalismo del Kuomintang, così come ha aiutato Corea e Vietnam a sconfiggere gli imperialisti statunitensi.
    Dopo l'11 settembre, gli Stati Uniti hanno dichiarato una guerra al terrorismo e hanno inviato una marea di truppe in Medio Oriente. Nelle vaste aree montuose dell'Afghanistan, i soldati statunitensi sono stati sconfitti dalle strategie dei talebani, e dopo vent'anni sono fuggiti dal paese.
    Una zona montuosa fa tremare i soldati statunitensi, e se in futuro oseranno generare onde nell'Oceano Pacifico, allora le onde giganti li colpiranno e l'Oceano Pacifico sarà il loro eterno luogo di riposo.
    Il Popolo, e soltanto il Popolo, è il fattore decisivo nell'esito di una guerra. Nella Storia, tutti coloro che si sono separati dal popolo hanno avuto una tragica fine. I fascisti italiani e tedeschi e il militarismo giapponese non fanno eccezione.
    Gli Stati Uniti sono un paese in recessione economica, un paese in cui le persone di colore vengono soffocate, un paese dove l'odio ideologico è elevato a religione, un paese che affronta una seria crisi di secessione e un paese dove "gruppi d'interesse" combattono tra di loro per raggiungere profitti maggiori. È impossibile per un paese ingannare per sempre suoi cittadini e spingerli a sacrificare le loro vite per pochi oligarchi finanziari e falchi di guerra.
    Se gli oligarchi finanziari cercano di usare le guerre straniere per deviare le contraddizioni interne, prima o poi il risultato sarà che o una guerra provoca la rivoluzione, o una rivoluzione li rovescia e ferma la guerra.
    Il Presidente Mao Zedong ha dichiarato: "sostanzialmente, in una prospettiva a lungo termine e da un punto di vista strategico, dobbiamo considerare l'imperialismo e tutti i reazionari che lo perseguono come tigri di carta" - la realtà ha dimostrato la verità dell'affermazione del Presidente Mao Zedong
    Peng Guangqian, Generale dell'Esercito Popolare di Liberazione e Stratega presso l'Accademia delle Scienze Militari
    http://www.wyzxwk.com/Article/guoji/2022/09/462570.html
    Una Cina, una Yugoslavia, una Russia, una Corea, una Palestina, un'Irlanda. E zero USA

  2. #2
    Lo spirito del '22
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    46,857
     Likes dati
    185,302
     Like avuti
    42,203
    Mentioned
    951 Post(s)
    Tagged
    52 Thread(s)

    Predefinito Re: Esercito statunitense: Macchina arrugginita, vera tigre o tigre di carta?

    Hitler era tanto una tigre di carta che ci vollero gli eserciti riuniti dell'intero pianeta per fermarlo.

    Sugli USA, armi molto alla moda con lucette e roba tecno, efficienza delle spese da barzelletta (lo sapevate che al modico prezzo di cinquantaseimila miliardi di lire potete ottenere ben tre navi che non funzionano?), materiale umano ai minimi di sempre, disposti a giocare sporchissimo come sempre.

    Al momento, Ping Pong lo vedo ancora in svantaggio, ma non di troppo.
    Calcisticamente parlando, tre a due per gli yankee.

    Tra vent'anni ne riparliamo.
    Hitler or Hell.

 

 

Discussioni Simili

  1. La tigre di carta del sedeplenismo: Brunero Gherardini
    Di Guelfo Nero nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 26-10-14, 09:36
  2. cavalcare la tigre
    Di buran nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-10-10, 04:11
  3. Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 21-04-10, 21:26
  4. La Donna Tigre
    Di Nebbia nel forum Arte
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-10-04, 10:26
  5. x Uomo Tigre
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-12-03, 15:53

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •