User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    A 50 km dal confine si scioglie la gente nell’acido

    Da una decina di anni, a Milano, l’immigrazione dall’ Italia del Sud ha i ripreso i ritmi degli anni Sessanta. I risultati si vedono. La mafia, che prima non osava comportarsi come a Napoli e a Palermo, ormai si sente a casa. E agisce di conseguenza. Altro che paura dell’Islam: abbiamo le belve umane a due passi dal confine. E, grazie ai Bilaterali e a Schengen, ci aspetta un futuro radioso.

    Un tempo, la mafia, la camorra e la n’drangheta presenti nel Nord Italia badavano a non esagerare. Anche se alcuni loro esponenti erano sparsi ovunque, grazie a quella genialata del “soggiorno obbligato” (lo Stato imponeva ad alcuni mafiosi di vivere in Padania, col risultato che i criminali potevano intessere i loro traffici senza macinarsi centinaia di chilometri), stavano attenti a non farsi notare troppo.

    Se cercavano di imporre il “pizzo” a un lombardo, il lombardo chiamava la polizia. Se, a Milano, un immigrato entrava in un ristorante, non gli si serviva il limoncello, ma l’amaro Braulio, e si potevano sentire accenti e parlate - espressioni dirette di una mentalità mitteleuropea - che non lo facevano sentire a casa.

    Provate ad andarci adesso, in un locale pubblico di Milano. È tutto un “minchia” “Salvatore!”, “aho”, “ci vediamo al centro”, "iamme iamme" E i mafiosi hanno cominciato a sentirsi a casa.

    I milanesi, che un tempo si comportavano come l’amministrazione austriaca aveva insegnato ci si debba comportare in un Paese civile, ora sono italiani a tutto tondo, di quelli che passano col rosso, parcheggiano in terza fila, cercano di fregare quelli meno furbi di loro. E hanno cominciato a non vedere, non sentire e non parlare. Anche loro. Meglio farsi gli affari propri. Come in Sicilia, appunto.

    Il risultato è che la criminalità organizzata di stampo mafioso presente in padania si è infiltrata da anni, e pesantemente, nel mondo degli affari, degli appalti, delle costruzioni, controlla intere aree, è in grado di influenzare le scelte di alcune amministrazioni locali. Succede così, quando un popolo tradisce se stesso.

    L’apice, gli ex-lombardi, lo hanno raggiunto in questi giorni. Nella loro Terra, la n’drangheta è stata nelle condizioni di poter rapire una “collaboratrice di giustizia”. L’ha torturata per farsi dire cosa aveva rivelato ai magistrati. L’ha uccisa con un colpo di pistola. E l’ha sciolta nell’acido nelle campagne intorno a Monza.

    Le mafie, insomma, hanno trasferito al Nord non solo i loro sporchi affari. Ma anche i loro metodi e la loro mentalità. Basti pensare alla “strage di Rozzano di alcuni anni fa (quattro morti e alcuni feriti). Rozzano, già, un altro comune dell’hinterland milanese dove la pressione dell’immigrazione dall’Italia del Sud ha fatto più danni che Al Quaida.

    Veniamo a noi.

    Questa gente vive e opera poco lontano dal nostro confine. Fa avanti e indietro come gli pare. Del resto le nuove norme internazionali sulla libera circolazione sono state un regalo coi fiocchi per certi gentiluomini. Anzi. Come hanno dimostrato le inchieste condotte alcuni anni fa dalla magistratura ticinese, ci sono famiglie di mafiosi italiani che fanno il bello e il cattivo tempo, anche da noi

    Vogliamo parlare di Lamone e dei “Mesoracca boys”.? Non per niente, questi bell’imbusti hanno esercitato – parole della magistratura ticinese – il controllo del territorio (unico caso in Svizzera) proprio perché si sentivano a casa loro.

    Vogliamo parlare degli arresti di due mafiosi, eseguiti nel Luganese poche settimane fa?

    Sarà bene che la classe politica e gli imprenditori vigilino con attenzione. Molta attenzione. Del resto, l’allarme n’drangheta è apparso pochi mesi fa pure sui giornali ticinesi e confederati. Poi non se n’è saputo più nulla.

    Vogliamo aspettare che si sciolga la gente nell’acido anche in riva al Ceresio?

    A 50 km dal confine si scioglie la gente nell

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    acquenere
    Data Registrazione
    17 Oct 2010
    Località
    Ragnarok
    Messaggi
    18,069
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    Milano è persa. Lo penso già da qualche tempo.

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,701
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    ineccepibile

  4. #4
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,868
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    ma è vero che mediamente in svizzera gli italiani sono odiati? specialmente in ticino?
    La verità produce effetti anche quando non può essere pronunciata.

    L. von Mises

    SILENDO LIBERTATEM SERVO

  5. #5
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    Citazione Originariamente Scritto da Wolf Visualizza Messaggio
    A 50 km dal confine si scioglie la gente nell’acido

    Da una decina di anni, a Milano, l’immigrazione dall’ Italia del Sud ha i ripreso i ritmi degli anni Sessanta. I risultati si vedono. La mafia, che prima non osava comportarsi come a Napoli e a Palermo, ormai si sente a casa. E agisce di conseguenza. Altro che paura dell’Islam: abbiamo le belve umane a due passi dal confine. E, grazie ai Bilaterali e a Schengen, ci aspetta un futuro radioso.

    Un tempo, la mafia, la camorra e la n’drangheta presenti nel Nord Italia badavano a non esagerare. Anche se alcuni loro esponenti erano sparsi ovunque, grazie a quella genialata del “soggiorno obbligato” (lo Stato imponeva ad alcuni mafiosi di vivere in Padania, col risultato che i criminali potevano intessere i loro traffici senza macinarsi centinaia di chilometri), stavano attenti a non farsi notare troppo.

    Se cercavano di imporre il “pizzo” a un lombardo, il lombardo chiamava la polizia. Se, a Milano, un immigrato entrava in un ristorante, non gli si serviva il limoncello, ma l’amaro Braulio, e si potevano sentire accenti e parlate - espressioni dirette di una mentalità mitteleuropea - che non lo facevano sentire a casa.

    Provate ad andarci adesso, in un locale pubblico di Milano. È tutto un “minchia” “Salvatore!”, “aho”, “ci vediamo al centro”, "iamme iamme" E i mafiosi hanno cominciato a sentirsi a casa.

    I milanesi, che un tempo si comportavano come l’amministrazione austriaca aveva insegnato ci si debba comportare in un Paese civile, ora sono italiani a tutto tondo, di quelli che passano col rosso, parcheggiano in terza fila, cercano di fregare quelli meno furbi di loro. E hanno cominciato a non vedere, non sentire e non parlare. Anche loro. Meglio farsi gli affari propri. Come in Sicilia, appunto.

    Il risultato è che la criminalità organizzata di stampo mafioso presente in padania si è infiltrata da anni, e pesantemente, nel mondo degli affari, degli appalti, delle costruzioni, controlla intere aree, è in grado di influenzare le scelte di alcune amministrazioni locali. Succede così, quando un popolo tradisce se stesso.

    L’apice, gli ex-lombardi, lo hanno raggiunto in questi giorni. Nella loro Terra, la n’drangheta è stata nelle condizioni di poter rapire una “collaboratrice di giustizia”. L’ha torturata per farsi dire cosa aveva rivelato ai magistrati. L’ha uccisa con un colpo di pistola. E l’ha sciolta nell’acido nelle campagne intorno a Monza.

    Le mafie, insomma, hanno trasferito al Nord non solo i loro sporchi affari. Ma anche i loro metodi e la loro mentalità. Basti pensare alla “strage di Rozzano di alcuni anni fa (quattro morti e alcuni feriti). Rozzano, già, un altro comune dell’hinterland milanese dove la pressione dell’immigrazione dall’Italia del Sud ha fatto più danni che Al Quaida.

    Veniamo a noi.

    Questa gente vive e opera poco lontano dal nostro confine. Fa avanti e indietro come gli pare. Del resto le nuove norme internazionali sulla libera circolazione sono state un regalo coi fiocchi per certi gentiluomini. Anzi. Come hanno dimostrato le inchieste condotte alcuni anni fa dalla magistratura ticinese, ci sono famiglie di mafiosi italiani che fanno il bello e il cattivo tempo, anche da noi

    Vogliamo parlare di Lamone e dei “Mesoracca boys”.? Non per niente, questi bell’imbusti hanno esercitato – parole della magistratura ticinese – il controllo del territorio (unico caso in Svizzera) proprio perché si sentivano a casa loro.

    Vogliamo parlare degli arresti di due mafiosi, eseguiti nel Luganese poche settimane fa?

    Sarà bene che la classe politica e gli imprenditori vigilino con attenzione. Molta attenzione. Del resto, l’allarme n’drangheta è apparso pochi mesi fa pure sui giornali ticinesi e confederati. Poi non se n’è saputo più nulla.

    Vogliamo aspettare che si sciolga la gente nell’acido anche in riva al Ceresio?

    A 50 km dal confine si scioglie la gente nell
    totalmente d'accordo.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  6. #6
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,701
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    ma è vero che mediamente in svizzera gli italiani sono odiati? specialmente in ticino?
    in Canton Ticino se capiscono che sei Lombardo o parli in Lombardo (Insubre) ti aprono anche le porte del paradiso
    se vai invece a fare il tamarro itagliano fracassone ti rispediscono indietro a calci nel sedere
    Ultima modifica di sciadurel; 23-10-10 alle 08:44

  7. #7
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    ma è vero che mediamente in svizzera gli italiani sono odiati? specialmente in ticino?
    Anche da noi in Lombardia gli itagliani sono detestati dai più. E per itagliani intendo i chiagne e futte.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  8. #8
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,701
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    Anche da noi in Lombardia gli itagliani sono detestati dai più. E per itagliani intendo i chiagne e futte.
    vero

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    Anche da noi in Lombardia gli itagliani sono detestati dai più. E per itagliani intendo i chiagne e futte.
    Quoto, peccato che nessuna associazione, partitello o piccolo media dica queste cose alla nostra gente in balia della disinformazione italiana.

  10. #10
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,868
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Solo in CH dicono la verità sulla mafia italiana in Lombardia

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    Anche da noi in Lombardia gli itagliani sono detestati dai più. E per itagliani intendo i chiagne e futte.
    ecco,anche questo volevo sapere.
    se un siculo e un veneto vengono mediamente considerati la stessa cosa.
    mi pare di no quindi a quanto dici.
    La verità produce effetti anche quando non può essere pronunciata.

    L. von Mises

    SILENDO LIBERTATEM SERVO

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-10-06, 19:27
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-10-05, 08:59
  3. La verita' sulla presenza italiana a Nassyria
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-05-05, 10:00
  4. SAGGIO SULLA MAFIA SEMANTICA ITALIANA 8 - Che fare?
    Di Österreicher nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-05-03, 13:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226