User Tag List

Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 45
Risultati da 41 a 50 di 50
  1. #41
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Jul 2012
    Messaggi
    3,309
     Likes dati
    389
     Like avuti
    562
    Mentioned
    131 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    49

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Giò Visualizza Messaggio
    Però @TommasoMa oltre i bisogni fisiologici più terra terra il bisogno più impellente per l'uomo è scoprire il senso alla propria esistenza. Un senso che difficilmente potrà mai trovare se sarà escluso da quei nessi organici che la vera natura dell'uomo impone.
    L'ho sempre detto, l'uomo è un animale sociale e simbolico, cioè non può sottrarsi alla ricerca o meglio al dono di senso. Donare senso a quel che si fa. Legittimare il proprio operato. Inquadrare la propria esistenza in un insieme più ampio. Animale metafisico che a volte cede alla tentazione dell'ipostasi, col credere che il proprio costrutto di senso è dotato per sé di una qualità extra-umana. Questo è successo per esempio nel capitalismo, dove alcune istituzioni specifiche a questo sono per cosi dire uscite dal raggio della coscienza. Che si abbia necessità, per esempio, di presentarsi su un mercato del lavoro per accedere all'enorme produzione di ricchezza è una anomalia che non è identificata come tale dalla stragrande maggioranza dei nostri contemporanei.

    Quando io parlo della specie ne parlo sempre come affine alla "vera natura dell'uomo". La specie è il luogo dove questo realizza il suo essere sociale, la specie nega l'atomismo, schiaccia l'utilitarismo, la specie mette il fuoco sotto le acque gelide dell'interesse e con il bollore muoiono i batteri dello scambismo. In questo quadro rallegrante non è detto che la famiglia debba essere 1+1, un uomo e una donna. La famiglia potrebbe estendersi alle generazioni, ai cugini, pronipoti, fino a raggiungere il perimetro di una piccola comunità. Con il sedimento temporale e geografico si potrebbe avere un tale intreccio di parentele che ormai la questione si presenterebbe in modo del tutto diverso da come lo intendiamo oggi.

    Si pensi per esempio all'Islanda. Su quell'isola sono (erano) apparentati. Non fosse per un economia moderna, cioè dove il processo di lavoro è frammentato (fine dell'attività riproduttiva su base comunitaria tipo la pesca, con scambio di servizi, ecc), ci sarebbe una coagulazione d'intento notevole, a tal punto che oggi ancora ci si scorge una mentalità ostile ad ogni tentativo individuale di smarcarsi dal gruppo (legge di Jante). In queste condizioni il limite tra privato e pubblico si annebbia, l'economia di casa diventa un problema di tutti mentre il problema pubblico diventa oggetto di iniziativa privata. Un pò il contrario succede nell'Italia individualista, con la famiglia anteposta al bene pubblico.

    Vedo dunque che i presupposti per pensare la questione familiare, dalla quale si deve desumere in secondo tempo la questione dell'educazione, sono condivisi tra di noi. Ma Giò si accontenta di conservare il conservabile, implicitamente affermando che tale politica - il conservatorismo sociale - è possibile, mentre io dico che tutto decide il moto cieco ed inarrestabile dell'accumulazione infinita. L'alternativa non sarà tra la famiglia "tradizionale" (che in realtà sarebbe quella comunitaria di millenni di anni fa e non quella nucleare di cui parla Giò) e la parodia omosessualistica, ma tra la specie o la distruzione della specie.
    Tutti gli impiegati del mondo hanno immaginato queste cose e le hanno sconfessate e adesso sono gli impiegati.
    Pavese

  2. #42
    Il Sogno Di Una Cosa
    Data Registrazione
    22 Jul 2010
    Messaggi
    60,412
     Likes dati
    666
     Like avuti
    13,490
    Mentioned
    706 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Tommaso Visualizza Messaggio
    L'ho sempre detto, l'uomo è un animale sociale e simbolico, cioè non può sottrarsi alla ricerca o meglio al dono di senso. Donare senso a quel che si fa. Legittimare il proprio operato. Inquadrare la propria esistenza in un insieme più ampio. Animale metafisico che a volte cede alla tentazione dell'ipostasi, col credere che il proprio costrutto di senso è dotato per sé di una qualità extra-umana. Questo è successo per esempio nel capitalismo, dove alcune istituzioni specifiche a questo sono per cosi dire uscite dal raggio della coscienza. Che si abbia necessità, per esempio, di presentarsi su un mercato del lavoro per accedere all'enorme produzione di ricchezza è una anomalia che non è identificata come tale dalla stragrande maggioranza dei nostri contemporanei.
    la produzione di ricchezza è enorme precisamente perché i criceti vengono fatti correre sulla ruota, nelle società non capitaliste non si produce tutta questa ricchezza

  3. #43
    SMF
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    130,780
     Likes dati
    20,342
     Like avuti
    31,171
    Mentioned
    920 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Tommaso Visualizza Messaggio
    L'ho sempre detto, l'uomo è un animale sociale e simbolico, cioè non può sottrarsi alla ricerca o meglio al dono di senso. Donare senso a quel che si fa. Legittimare il proprio operato. Inquadrare la propria esistenza in un insieme più ampio. Animale metafisico che a volte cede alla tentazione dell'ipostasi, col credere che il proprio costrutto di senso è dotato per sé di una qualità extra-umana. Questo è successo per esempio nel capitalismo, dove alcune istituzioni specifiche a questo sono per cosi dire uscite dal raggio della coscienza. Che si abbia necessità, per esempio, di presentarsi su un mercato del lavoro per accedere all'enorme produzione di ricchezza è una anomalia che non è identificata come tale dalla stragrande maggioranza dei nostri contemporanei.

    Quando io parlo della specie ne parlo sempre come affine alla "vera natura dell'uomo". La specie è il luogo dove questo realizza il suo essere sociale, la specie nega l'atomismo, schiaccia l'utilitarismo, la specie mette il fuoco sotto le acque gelide dell'interesse e con il bollore muoiono i batteri dello scambismo. In questo quadro rallegrante non è detto che la famiglia debba essere 1+1, un uomo e una donna. La famiglia potrebbe estendersi alle generazioni, ai cugini, pronipoti, fino a raggiungere il perimetro di una piccola comunità. Con il sedimento temporale e geografico si potrebbe avere un tale intreccio di parentele che ormai la questione si presenterebbe in modo del tutto diverso da come lo intendiamo oggi.

    Si pensi per esempio all'Islanda. Su quell'isola sono (erano) apparentati. Non fosse per un economia moderna, cioè dove il processo di lavoro è frammentato (fine dell'attività riproduttiva su base comunitaria tipo la pesca, con scambio di servizi, ecc), ci sarebbe una coagulazione d'intento notevole, a tal punto che oggi ancora ci si scorge una mentalità ostile ad ogni tentativo individuale di smarcarsi dal gruppo (legge di Jante). In queste condizioni il limite tra privato e pubblico si annebbia, l'economia di casa diventa un problema di tutti mentre il problema pubblico diventa oggetto di iniziativa privata. Un pò il contrario succede nell'Italia individualista, con la famiglia anteposta al bene pubblico.

    Vedo dunque che i presupposti per pensare la questione familiare, dalla quale si deve desumere in secondo tempo la questione dell'educazione, sono condivisi tra di noi. Ma Giò si accontenta di conservare il conservabile, implicitamente affermando che tale politica - il conservatorismo sociale - è possibile, mentre io dico che tutto decide il moto cieco ed inarrestabile dell'accumulazione infinita. L'alternativa non sarà tra la famiglia "tradizionale" (che in realtà sarebbe quella comunitaria di millenni di anni fa e non quella nucleare di cui parla Giò) e la parodia omosessualistica, ma tra la specie o la distruzione della specie.
    Sarebbe contraddittorio da parte mia difendere la famiglia tradizionale ed al tempo stesso volere la distruzione di quel suo piccolo residuo, che è la famiglia nucleare. Peraltro, dobbiamo intenderci: la famiglia patriarcale e reticolare ha sempre avuto come base l'unione fra uomo e donna nel matrimonio. Cioè quello che tu definisci 1+1. Senza 1+1, non si può arrivare 100, per intenderci. Tu invece sembri dire che, siccome non c'è più 100, allora deve sparire 1+1 perché così si realizza l'unità della specie. Non funziona così: la socialità umana infatti si attua e si sviluppa per cerchi concentrici. Ed il primo cerchio resta la famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna con relativa prole. Qualsiasi cosa di diverso da ciò è innaturale e "tradisce" la specie. Buttare via il bambino con l'acqua sporca sarebbe illogico: significherebbe non migliorare, ma peggiorare la situazione. Ovviamente ciò che ci divide è un presupposto fondamentale: tu credi che ci sia questo moto cieco ed inarrestabile, una dialettica storica immanente alla quale non ci si può sottrarre, io no.
    Credere - Pregare - Obbedire - Vincere

    "Maledetto l'uomo che confida nell'uomo" (Ger 17, 5).

  4. #44
    Forumista
    Data Registrazione
    19 Jun 2022
    Messaggi
    357
     Likes dati
    13
     Like avuti
    78
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Giò Visualizza Messaggio
    Affermazione idiota ed errata al tempo stesso.
    Dipende quali sono i 'fini' cui si vuole pervenire.

  5. #45
    Nazbol-Ciucé
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    4,195
     Likes dati
    439
     Like avuti
    2,544
    Mentioned
    54 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Giò Visualizza Messaggio
    Sarebbe contraddittorio da parte mia difendere la famiglia tradizionale ed al tempo stesso volere la distruzione di quel suo piccolo residuo, che è la famiglia nucleare. Peraltro, dobbiamo intenderci: la famiglia patriarcale e reticolare ha sempre avuto come base l'unione fra uomo e donna nel matrimonio. Cioè quello che tu definisci 1+1. Senza 1+1, non si può arrivare 100, per intenderci. Tu invece sembri dire che, siccome non c'è più 100, allora deve sparire 1+1 perché così si realizza l'unità della specie. Non funziona così: la socialità umana infatti si attua e si sviluppa per cerchi concentrici. Ed il primo cerchio resta la famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna con relativa prole. Qualsiasi cosa di diverso da ciò è innaturale e "tradisce" la specie. Buttare via il bambino con l'acqua sporca sarebbe illogico: significherebbe non migliorare, ma peggiorare la situazione. Ovviamente ciò che ci divide è un presupposto fondamentale: tu credi che ci sia questo moto cieco ed inarrestabile, una dialettica storica immanente alla quale non ci si può sottrarre, io no.
    Circola da diverso tempo l'immagine di una pubblicazione scientifica, una heat map che rappresenta il decrescere dell'importanza data dai soggetti investigati a determinate cose con il decrescere del calore rappresentato colorimetricamente, dal rosso caldo all'azzurro freddo. Senza grosse sorprese, i conservatori vedono il rosso virare ai colori più freddi mano a mano che ci si allontana da questa concentricità naturale: famiglia, poi parenti, poi amici, poi comunità, poi nazione ecc. Che i progressisti non abbiano questa distribuzione valoriale non stupisce nessuno, ma ricordo con sbalordimento che il colore rosso dei liberal sondati era enormemente sovrappresentato su "minerali e piante", cioè sui cerchi più esterni. Non ho mai letto l'articolo perché l'ho sempre trovato dietro paywall, ma è inutile dire che una infinita quantità di persone sia salita sul carrozzone memetico dell'immagine decontestualizzata: il liberal-progressista è a tal punto un errore biologico, un mutante disgenico, che preferisce il quarzo e l'argilla ai suoi genitori.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  6. #46
    SMF
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    130,780
     Likes dati
    20,342
     Like avuti
    31,171
    Mentioned
    920 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Draigo Visualizza Messaggio
    Circola da diverso tempo l'immagine di una pubblicazione scientifica, una heat map che rappresenta il decrescere dell'importanza data dai soggetti investigati a determinate cose con il decrescere del calore rappresentato colorimetricamente, dal rosso caldo all'azzurro freddo. Senza grosse sorprese, i conservatori vedono il rosso virare ai colori più freddi mano a mano che ci si allontana da questa concentricità naturale: famiglia, poi parenti, poi amici, poi comunità, poi nazione ecc. Che i progressisti non abbiano questa distribuzione valoriale non stupisce nessuno, ma ricordo con sbalordimento che il colore rosso dei liberal sondati era enormemente sovrappresentato su "minerali e piante", cioè sui cerchi più esterni. Non ho mai letto l'articolo perché l'ho sempre trovato dietro paywall, ma è inutile dire che una infinita quantità di persone sia salita sul carrozzone memetico dell'immagine decontestualizzata: il liberal-progressista è a tal punto un errore biologico, un mutante disgenico, che preferisce il quarzo e l'argilla ai suoi genitori.
    Per quanto sia consapevole che i comportamenti abbiano una base genetica, una cosa simile tenderei più a vederla come una distorsione dello spirito che come un errore biologico. Però il succo è quello: parliamo di individui umani snaturati che non obbediscono più al loro stesso essere.
    Credere - Pregare - Obbedire - Vincere

    "Maledetto l'uomo che confida nell'uomo" (Ger 17, 5).

  7. #47
    Il Sogno Di Una Cosa
    Data Registrazione
    22 Jul 2010
    Messaggi
    60,412
     Likes dati
    666
     Like avuti
    13,490
    Mentioned
    706 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Draigo Visualizza Messaggio
    Circola da diverso tempo l'immagine di una pubblicazione scientifica, una heat map che rappresenta il decrescere dell'importanza data dai soggetti investigati a determinate cose con il decrescere del calore rappresentato colorimetricamente, dal rosso caldo all'azzurro freddo. Senza grosse sorprese, i conservatori vedono il rosso virare ai colori più freddi mano a mano che ci si allontana da questa concentricità naturale: famiglia, poi parenti, poi amici, poi comunità, poi nazione ecc. Che i progressisti non abbiano questa distribuzione valoriale non stupisce nessuno, ma ricordo con sbalordimento che il colore rosso dei liberal sondati era enormemente sovrappresentato su "minerali e piante", cioè sui cerchi più esterni. Non ho mai letto l'articolo perché l'ho sempre trovato dietro paywall, ma è inutile dire che una infinita quantità di persone sia salita sul carrozzone memetico dell'immagine decontestualizzata: il liberal-progressista è a tal punto un errore biologico, un mutante disgenico, che preferisce il quarzo e l'argilla ai suoi genitori.
    per caso è questa? Heatmaps indicating highest moral allocation by ideology

    il paper completo è qui https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6763434/

  8. #48
    Il Sogno Di Una Cosa
    Data Registrazione
    22 Jul 2010
    Messaggi
    60,412
     Likes dati
    666
     Like avuti
    13,490
    Mentioned
    706 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Draigo Visualizza Messaggio
    Circola da diverso tempo l'immagine di una pubblicazione scientifica, una heat map che rappresenta il decrescere dell'importanza data dai soggetti investigati a determinate cose con il decrescere del calore rappresentato colorimetricamente, dal rosso caldo all'azzurro freddo. Senza grosse sorprese, i conservatori vedono il rosso virare ai colori più freddi mano a mano che ci si allontana da questa concentricità naturale: famiglia, poi parenti, poi amici, poi comunità, poi nazione ecc. Che i progressisti non abbiano questa distribuzione valoriale non stupisce nessuno, ma ricordo con sbalordimento che il colore rosso dei liberal sondati era enormemente sovrappresentato su "minerali e piante", cioè sui cerchi più esterni. Non ho mai letto l'articolo perché l'ho sempre trovato dietro paywall, ma è inutile dire che una infinita quantità di persone sia salita sul carrozzone memetico dell'immagine decontestualizzata: il liberal-progressista è a tal punto un errore biologico, un mutante disgenico, che preferisce il quarzo e l'argilla ai suoi genitori.
    confronta anche Deleuze al minuto 19:40



    è una definizione che senza nessuna ambiguità mi fa sentire di destra estrema

  9. #49
    Nazbol-Ciucé
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    4,195
     Likes dati
    439
     Like avuti
    2,544
    Mentioned
    54 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Troll Visualizza Messaggio
    Eccolo, allora lo leggerò sicuramente quando avrò tempo

    Citazione Originariamente Scritto da Troll Visualizza Messaggio
    confronta anche Deleuze al minuto 19:40



    è una definizione che senza nessuna ambiguità mi fa sentire di destra estrema
    Che raffinatezza certi mutanti

    Citazione Originariamente Scritto da Giò Visualizza Messaggio
    Per quanto sia consapevole che i comportamenti abbiano una base genetica, una cosa simile tenderei più a vederla come una distorsione dello spirito che come un errore biologico. Però il succo è quello: parliamo di individui umani snaturati che non obbediscono più al loro stesso essere.
    indubbiamente
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  10. #50
    Lo spirito del '22
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    47,210
     Likes dati
    186,579
     Like avuti
    42,442
    Mentioned
    968 Post(s)
    Tagged
    52 Thread(s)

    Predefinito Re: Critica a Maurizio Lattanzio

    Citazione Originariamente Scritto da Draigo Visualizza Messaggio
    il liberal-progressista è a tal punto un errore biologico, un mutante disgenico, che preferisce il quarzo e l'argilla ai suoi genitori.
    'na manica de teste de quarzo, in pratica.

    O, come si dice nel Meridione, ricchio'!
    Hitler or Hell.

 

 
Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 45

Discussioni Simili

  1. Parla Maurizio Lattanzio
    Di Nicolas Eymerich nel forum Destra Radicale
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 20-05-13, 11:43
  2. Maurizio Lattanzio
    Di nicolas eymeric nel forum Destra Radicale
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 26-01-09, 17:55
  3. Maurizio Lattanzio : che fine ha fatto...?
    Di zanardi nel forum Destra Radicale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 06-11-08, 12:12
  4. Maurizio Lattanzio...
    Di Cagliari Nord nel forum Destra Radicale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 09-02-08, 01:58
  5. Il Grande Guascone - Maurizio Lattanzio
    Di OLTRE LA MORTE nel forum Destra Radicale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 16-10-07, 00:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •