User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Final Yuga ◒ ◐ ◑ ◓
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    occidente putrescente
    Messaggi
    4,663
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Vittorio Emanuele di Savoia Aosta, Conte di Torino



    Secondogenito di Amedeo I, Re di Spagna, capostipite del ramo Savoia-Aosta, Vittorio Emanuele è meno famoso rispetto al primogenito Emanuele Filiberto, Duca delle Puglie, comandante dell'invitta III Armata ed eroe del Carso ed al terzogenito Luigi Amedeo, Duca degli Abruzzi ed esploratore del Polo.

    Ma nel 1897 il nostro gentiluomo salvò l'onore d'Italia. Capitò infatti in seguito alla drammatica sconfitta di Adua, dove 120.000 etiopi batterono 16.000 italiani, che il Principe francese Henri Philippe Marie d'Orléans, un avventuriero e viaggiatore d'Africa di stanza in Etiopia, incominciò a scrivere articoli ingiuriosi, ingenerosi e denigratori del fante italiano indirizzati a Le Figaro, in cui sbeffeggiava apertamente il valore dei soldati italiani e degli ufficiali caduti prigionieri, con quell'albagia, arroganza e aria sprezzante tipica della sorella latina quando parla degli Italiani, secondo quella "animadversion que l'Italie suscite chez les Francais", francesi che tanto avevano fatto per sabotare le nostre imprese coloniali. La cosa ebbe vasta eco in Italia e in Europa e finì in una vertenza cavalleresca con cui il Conte di Torino sfidò a duello il Principe Henri.

    Inizialmente si profilò uno scambio di 4 palle di pistola e nel caso di un nulla di fatto un assalto alla spada, che sarebbe avvenuto con guanto d'armi. Interdetta la camicia di seta (i francesi opposero il problema della possibilità per un colpo di scivolare su tale materiale, nonostante tale opinione incontrasse la perplessità degli italiani) e libero l'uso di qualsiasi altra camicia inamidata o meno.

    Alla fine ci si accordò sull'uso della spada quale arma del duello, dato che gli italiani ritenevano i duelli alla pistola degni di mariti traditi, non di principi di sangue reale.

    Il combattimento iniziò poco dopo le 5 di mattina del 15 agosto e durò 25 minuti divisi in 5 riprese alternativamente dirette dal conte Leontieff ed il conte Avogadro.

    Al primo scambio, l'Orléans viene sfiorato alla parte destra del petto da un rapido affondo; senza neppure attendere il parere dei medici, i testimoni determinano la prosecuzione dello scontro.

    Il secondo scambio si interrompe per un corpo a corpo nel quale i contendenti arrivano a cozzare le cocce delle spade l'una sull'altra.

    Alla terza ripresa il conte di Torino viene leggermente ferito al dorso della mano destra. I testimoni francesi chiedono la fine dello scontro in maniera insistente (una ferita a testa; così da dividere responsabilità e onore). Ma il principe sabaudo si oppone fermamente a tale visione e pretende di continuare.

    La quarta ripresa viene interrotta per lo spezzarsi della lama della spada di Enrico d'Orléans dopo un corpo a corpo.

    La quinta ripresa vede infine il principe francese cadere, subito dopo l'ennesimo tentativo di corpo a corpo, sotto un rapido e micidiale parata e risposta del conte di Torino, il quale va a conficcare la propria arma nella parte destra dell'addome avversario. I medici di entrambe le parti giudicano la ferita sufficientemente grave da porre in stato di manifesta inferiorità "Monseigneur" tanto da far chiedere ad entrambe i secondi francesi il termine dell'incontro.

    Mentre riceveva le prime cure, Enrico volle mettersi seduto a tutti i costi e, rivolgendosi a Vittorio Emanuele, lo chiamò a sé chiedendogli "permettez-moi Monseigneur de vous serrer la main?". Vittorio Emanuele gliela strinse con misurato garbo e fierezza.

    Entrambe le parti tornarono quindi a Parigi, città nella quale il principe Enrico resterà infermo alcune settimane a causa della ferita e dalla quale il conte di Torino ripartì il giorno stesso per l'Italia, salendo sul treno in partenza da Parigi alle 2 del pomeriggio.

    L'accoglienza per il principe sabaudo a Torino sarà trionfale. Sua Maestà Re Umberto I lo accoglie dicendo: "Voglio essere il primo a felicitarti con tutto il cuore dell'esempio da te dato e del successo riportato".

    Giosuè Carducci: "Mi permetta V.A.R. di salutare commosso e plaudente il valoroso campione dell'esercito e vindice del nome italiano, ora e sempre".

    Il sig. Nicolini, padre di un caduto ad Adua: "Ringraziando S.A. a nome del figlio caduto ad Adua".
    «Puoi togliere il selvaggio dalla foresta, ma non puoi togliere la foresta dal selvaggio.»
    Paolo Sizzi

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vittorio Emanuele di Savoia Aosta, Conte di Torino

    Il Conte di Torino é una grandissima figura di patriota e di italiano.

    Durante la Prima Guerra Mondiale, sono celebri le sue disperate e continue cariche di cavalleria sulle linee nemiche.
    Un grande soldato cui va tutto il plauso d'Italia.
    Ultima modifica di Gilbert; 31-10-10 alle 11:53
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

  3. #3
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vittorio Emanuele di Savoia Aosta, Conte di Torino

    Molto cavvalleresco,ma avrei preferito vincere ad Adua :giagia:

    Citazione Originariamente Scritto da Schwerpunkt Visualizza Messaggio
    Una certa somiglianza con VEIII c'è...
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

  4. #4
    Cancellato
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    Africa Orientale Italiana
    Messaggi
    8,885
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vittorio Emanuele di Savoia Aosta, Conte di Torino


    Altra figura di nobile condottiero è quella del Duca Amedeo di Savoia-Aosta, l'eroe dell'Amba Alagi e Vicerè dell'Africa Orientale Italiana.
    Ultima modifica di Lucio Vero; 12-01-11 alle 16:44

 

 

Discussioni Simili

  1. Vittorio Emanuele di Savoia...
    Di Perdu nel forum Fondoscala
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-11-11, 14:22
  2. 12 - SM il Re Vittorio Emanuele III di Savoia
    Di Conterio nel forum Monarchia
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 30-01-08, 12:54
  3. Arrestato Vittorio Emanuele di Savoia
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 73
    Ultimo Messaggio: 23-06-06, 13:28
  4. Liberato Vittorio Emanuele Di Savoia
    Di agaragar nel forum Fondoscala
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 20-06-06, 14:01
  5. Arrestato Vittorio Emanuele di Savoia
    Di Fuori_schema nel forum Fondoscala
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 17-06-06, 14:44

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226