User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    Vi faccio un copia-incolla di una parte di un articolo di Romano Bracalini sull'Opinione di oggi..sempre da tener presente e diffonedere, sperando in un giusto cambiamento....

    Quote:
    I 952 parlamentari italiani sono i più numerosi in Europa. Gli Stati Uniti con una popolazione quattro volte maggiore ne hanno 535.Tutto in Italia è in eccesso, a cominciare dal personale delle ferrovie (almeno funzionassero!), delle poste, dei ministeri. Più deputati d’ogni altra democrazia, più alti stipendi a confronto dei più rigorosi sistemi vigenti altrove. Così l’idea di Berlusconi di ridurre la quota dei deputati a 300 e i senatori a 150, dimezzandone il numero, non solo consentirebbe di risparmiare cento milioni l’anno ma adeguerebbe la vita pubblica a uno stile di maggiore sobrietà e correttezza. E invece no, non perché la proposta sia insostenibile ma perché a farla è stato il nemico pubblico numero uno di “lor signori”; e tutto ciò che egli dice e fa nasconde un disegno eversivo che va combattuto non appena lo palesa. In un secolo e mezzo di vita unitaria la burocrazia, questo mostro tentacolare, s’è dilatata a dismisura senza migliorare l’efficienza. Nel 1890 i dipendenti pubblici in Italia erano 20.000 sufficienti ad amministrare un paese di 30 milioni di abitanti. Oggi su una popolazione di 60 milioni di abitati, i burocrati,che secondo i parametri del 1890 non dovrebbero superare le 40.000 unità, sono diventati la bellezza di 4 milioni e mezzo. Raccontava Carlo Dossi, scrittore lombardo e segretario particolare di Francesco Crispi, che i ministeri danesi stavano tutti in un unico palazzo, anzi in un unico corridoio. In Svizzera nessun si accorge del governo: “on est prié de fermer doucement les portes”, sta scritto nei pochi e piccoli uffici elvetici. Da noi invece scialacquio di burocrazia e di affari inutili. Si può fare qualche raffronto tra i nostri ministeri e i ministeri inglesi. Persino i mobili esprimono i due sistemi. Semplice, severo, massiccio il mobilio del “Board of trade”; fastoso, di cattivo gusto, ingannatore quello del nostro ministero delle Finanze. Il ministro Brunetta dovrebbe armarsi di una roncola. La riduzione dei parlamentari è una misura che anche la sinistra aveva ritenuto utile; ma solo se la faceva lei e non l’ha fatta: così vorrebbe impedire che la facesse Berlusconi per non lasciargli anche quest’ultimo successo. L’onorevole Finocchiaro, vestale patetica, con gravità sicula, ha parlato di “atto inaudito”. Perché inaudito? La Finocchiaro dovrebbe farsi un giro in Europa. Forse anche il palazzo dei Normanni, sede della Regione Sicilia, a Palermo, le sembrerebbe leggermente pletorico con la caterva dei dipendenti che sono quattro volte quelli della Regione Lombardia. C’è qualcosa di marcio in Italia. Ma andatelo a dire alla grande stampa asservita!
    Unquote

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,717
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    Citazione Originariamente Scritto da luigina Visualizza Messaggio
    C’è qualcosa di marcio in Italia. Ma andatelo a dire alla grande stampa asservita!
    Unquote
    qualcosa di marcio? facciamo prima a dire tutto

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    187
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    Hey, calma con l'entusiasmo. In linea di principio, ridurre il numero di parlamentari e' doveroso, anche se forse non la cosa piu' importante (riorganizzare il parlamento su base regionale o macroregionale sarebbe forse piu' significativo). Ma NON A QUALUNQUE CONDIZIONE. Sappiamo benissimo che papi non fa niente che non sia calcolato a suo interesse. Se papi vuole passare da 600 a 300 deputati, ho il forte sospetto che lo faccia per rafforzare il suo disegno bipartitico... lasciando ancora meno spazio di rappresentanza a chiunque non raggiunga il 10% e raddoppiando i costi necessari per competere. Perche' al papi, le voci di minoranza non sono mai piaciute.

    Quando ci sara' un progetto concreto su COME avverra' il dimezzamento dei parlamentari e come saranno organizzati i collegi, allora potremo commentare.

    Nel frattempo, se si vuole risparmiare sulle spese, si risparmierebbe molto di piu' semplicemente tagliando i vari benefici, portaborse, uffici, assistenti, rimborsi spese, alloggi gratis, viaggi gratis ecc di cui godono i parlamentari esistenti. Se papi facesse questo, allora crederei nella sua buona fede anche per le altre riforme.

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,016
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Hey, calma con l'entusiasmo. In linea di principio, ridurre il numero di parlamentari e' doveroso, anche se forse non la cosa piu' importante (riorganizzare il parlamento su base regionale o macroregionale sarebbe forse piu' significativo). Ma NON A QUALUNQUE CONDIZIONE. Sappiamo benissimo che papi non fa niente che non sia calcolato a suo interesse. Se papi vuole passare da 600 a 300 deputati, ho il forte sospetto che lo faccia per rafforzare il suo disegno bipartitico... lasciando ancora meno spazio di rappresentanza a chiunque non raggiunga il 10% e raddoppiando i costi necessari per competere. Perche' al papi, le voci di minoranza non sono mai piaciute.

    Quando ci sara' un progetto concreto su COME avverra' il dimezzamento dei parlamentari e come saranno organizzati i collegi, allora potremo commentare.

    Nel frattempo, se si vuole risparmiare sulle spese, si risparmierebbe molto di piu' semplicemente tagliando i vari benefici, portaborse, uffici, assistenti, rimborsi spese, alloggi gratis, viaggi gratis ecc di cui godono i parlamentari esistenti. Se papi facesse questo, allora crederei nella sua buona fede anche per le altre riforme.
    Sono d'accordo.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    369
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    la situazione parassitaria italiota deriva dal fatto di aver perso la guerra e dal fatto di avere avuto il partito comunista più forte; mi spiego:
    l'america aveva necessità di usare la "portaerei del Mediterraneo" (la penisola italiana) nel modo più calmo possibile senza inconvenienti rivoluzionari, trattenendola nell'orbita NATO, piuttosto che vedersela sfuggire vero il Patto di Varsavia.
    Così fu messa a punto una strategia di "rammollimento" verso i potenziali guerrieri rivoluzionari comunisti incazzati.
    Fu concertato di assumere tutti in posti inutili e parassitari, assicurando quel benessere minimo che evitasse la rivoluzione prevedibile.
    Il costo dell'operazione fu a carico dell'america e dei boiardi locali che preferirono spendere qualcosina in più anzichè rischiare di perdere una penisola strategica.
    Dopo la caduta del muro (1989) ma anche prima con l'avveto dei sottomarini atomici e dei missili "polars", l'Italia aveva perso molto della propria valenza strategica.
    Oggi il ruolo strategico di base avanzata verso il medio oriente è stato assunto dal Kossovo.
    All'america non interessa più l'italia che è stata "dismessa" (salvo piccoli ritagli come Aviano o Livorno). Dunque l'italia è stata abbandonata nella situazione in cui si è ridotta.
    60 milioni di abitanti, 30 milioni di parassiti, 5 milioni di clandestini.
    L'unica soluzione per imbrigliare e dominare una ituazione che potrebbe diventare ora incandescente per l'Europa è quella di "anestetizzare" tutta la penisola con la droga più libera che si può. E questo è ciò che avviene oggi.
    Tutto ciò che si dice o non si dice a livello politico, partitico e parlamentare segue questo disegno perverso di distruggere almeno la metà della popolazione, sostituendola (come faceva Stalin) con altre popolazioni più dominabili e ricattabili (extracomunitari clandestini)
    I progetti politici belli o brutti che noi sentiamo in TV sono tutti indirizzati a "dar polvere" ala gente comune per confonderal e lasciarla vegetare nei propri paradisi tossicodipendenti.
    Questa tecnica è sotto gli occhi di tutti, ma nessuno prende una qualsiasi e pur minima iniziativa per irdare orgoglio e dignità alla parte sana della penisola.
    salucc

  6. #6
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,016
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    La situazione de''italia dipende dal fatto di essere italia. Così come l'hanno voluta i suoi ideatori e costruttori: gli inglesi.
    Non può essere diversamente. Pena la sua dissoluzione.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  7. #7
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    Citazione Originariamente Scritto da luigina Visualizza Messaggio
    Vi faccio un copia-incolla di una parte di un articolo di Romano Bracalini sull'Opinione di oggi..sempre da tener presente e diffonedere, sperando in un giusto cambiamento....

    Quote:
    I 952 parlamentari italiani sono i più numerosi in Europa. Gli Stati Uniti con una popolazione quattro volte maggiore ne hanno 535.Tutto in Italia è in eccesso, a cominciare dal personale delle ferrovie (almeno funzionassero!), delle poste, dei ministeri. Più deputati d’ogni altra democrazia, più alti stipendi a confronto dei più rigorosi sistemi vigenti altrove. Così l’idea di Berlusconi di ridurre la quota dei deputati a 300 e i senatori a 150, dimezzandone il numero, non solo consentirebbe di risparmiare cento milioni l’anno ma adeguerebbe la vita pubblica a uno stile di maggiore sobrietà e correttezza. E invece no, non perché la proposta sia insostenibile ma perché a farla è stato il nemico pubblico numero uno di “lor signori”; e tutto ciò che egli dice e fa nasconde un disegno eversivo che va combattuto non appena lo palesa. In un secolo e mezzo di vita unitaria la burocrazia, questo mostro tentacolare, s’è dilatata a dismisura senza migliorare l’efficienza. Nel 1890 i dipendenti pubblici in Italia erano 20.000 sufficienti ad amministrare un paese di 30 milioni di abitanti. Oggi su una popolazione di 60 milioni di abitati, i burocrati,che secondo i parametri del 1890 non dovrebbero superare le 40.000 unità, sono diventati la bellezza di 4 milioni e mezzo. Raccontava Carlo Dossi, scrittore lombardo e segretario particolare di Francesco Crispi, che i ministeri danesi stavano tutti in un unico palazzo, anzi in un unico corridoio. In Svizzera nessun si accorge del governo: “on est prié de fermer doucement les portes”, sta scritto nei pochi e piccoli uffici elvetici. Da noi invece scialacquio di burocrazia e di affari inutili. Si può fare qualche raffronto tra i nostri ministeri e i ministeri inglesi. Persino i mobili esprimono i due sistemi. Semplice, severo, massiccio il mobilio del “Board of trade”; fastoso, di cattivo gusto, ingannatore quello del nostro ministero delle Finanze. Il ministro Brunetta dovrebbe armarsi di una roncola. La riduzione dei parlamentari è una misura che anche la sinistra aveva ritenuto utile; ma solo se la faceva lei e non l’ha fatta: così vorrebbe impedire che la facesse Berlusconi per non lasciargli anche quest’ultimo successo. L’onorevole Finocchiaro, vestale patetica, con gravità sicula, ha parlato di “atto inaudito”. Perché inaudito? La Finocchiaro dovrebbe farsi un giro in Europa. Forse anche il palazzo dei Normanni, sede della Regione Sicilia, a Palermo, le sembrerebbe leggermente pletorico con la caterva dei dipendenti che sono quattro volte quelli della Regione Lombardia. C’è qualcosa di marcio in Italia. Ma andatelo a dire alla grande stampa asservita!
    Unquote
    Chiedo all' autrice di voler gentilmente integrare il link all' articolo. Grazie

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Hey, calma con l'entusiasmo. In linea di principio, ridurre il numero di parlamentari e' doveroso, anche se forse non la cosa piu' importante (riorganizzare il parlamento su base regionale o macroregionale sarebbe forse piu' significativo). Ma NON A QUALUNQUE CONDIZIONE. Sappiamo benissimo che papi non fa niente che non sia calcolato a suo interesse. Se papi vuole passare da 600 a 300 deputati, ho il forte sospetto che lo faccia per rafforzare il suo disegno bipartitico... lasciando ancora meno spazio di rappresentanza a chiunque non raggiunga il 10% e raddoppiando i costi necessari per competere. Perche' al papi, le voci di minoranza non sono mai piaciute.

    Quando ci sara' un progetto concreto su COME avverra' il dimezzamento dei parlamentari e come saranno organizzati i collegi, allora potremo commentare.

    Nel frattempo, se si vuole risparmiare sulle spese, si risparmierebbe molto di piu' semplicemente tagliando i vari benefici, portaborse, uffici, assistenti, rimborsi spese, alloggi gratis, viaggi gratis ecc di cui godono i parlamentari esistenti. Se papi facesse questo, allora crederei nella sua buona fede anche per le altre riforme.
    D'accordo al 100%, abituale lucida analisi di aussie....diffidare dei liberal-mondialisti...
    LOMBARDIA LIBERA IN LIBERA EUROPA

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    "mi si consenta" un poco di ironia (o no??)

    LOMBARDIA LIBERA IN LIBERA EUROPA

  10. #10
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: "Se vi pare un paese normale" di Romano Bracalini

    Sappiamo tutti perchè ci sono quasi cinque milioni di dipendenti statali,ci sono per arginare il marasma meridiunalo che altrimenti travolgerebbe tutto il paese,e mostrerebbe l'Italia per quello che è,un terzo Europa due terzi medioriente,

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226