User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    24,615
     Likes dati
    1,075
     Like avuti
    2,843
    Mentioned
    368 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Guerra Israele-Gaza: cosa diciamo

    Alcuni sostengono che il conflitto arabo-israeliano in Medio Oriente non ci sarebbe stato se lo Stato di Israele non fosse mai stato fondato. Ma è stato fondato ed esiste. E la stessa cosa si potrebbe dire delle innumerevoli situazioni di conflitto che accadono oggi nel mondo. Dobbiamo quindi guardare alla situazione così com’è e, se lo facciamo, scopriremo che, come in altri conflitti simili, la causa di fondo non è l’eterna inimicizia tra due gruppi – ebrei e arabi – ma una lotta tra diverse fazioni capitaliste, attraverso rispettivi governi, sul territorio, sulle risorse e sulle rotte strategiche.

    A Gaza, l’organizzazione Hamas, anti-israeliana e antisemita, è salita al potere attraverso le elezioni del 2007 con l’obiettivo dichiarato di “innalzare la bandiera di Allah su ogni centimetro della Palestina”. Ma quella fu la fine di ogni forma di democrazia là e, durante il loro mandato, hanno represso numerose proteste contro di loro da parte dei rivali, espellendo i loro funzionari per assicurarsi che non ci sarebbe mai stato un altro turno di elezioni e uccidendo dozzine di loro stessi cittadini, molti dei quali civili. Durante quel periodo la popolazione di Gaza è precipitata sempre più nella povertà con, ad esempio, una disoccupazione del 40%, con i suoi leader che si sono arricchiti assistiti da sostenitori di altri paesi arabi e hanno potuto godere di accordi immobiliari multimilionari, ville di lusso e carburante del mercato nero dall'Egitto.

    Anche la continua oppressione da parte di Israele (un paese in cui tra l’altro il 22% delle sue famiglie vive in povertà) è stata ovviamente un fattore significativo, poiché il suo governo ha cercato di facilitare l’arricchimento della propria classe capitalista appropriandosi della terra e mantenendo uno stretto coperchio sulla protesta. Ora il coperchio è stato tolto, e nel modo più orribile.

    Non ci sono scuse per gli orrori scatenati da Hamas su persone innocenti né per la feroce ritorsione di Israele, che uccide migliaia di persone, priva una terra di cibo, acqua ed elettricità e minaccia di radere al suolo le sue infrastrutture, indipendentemente da ciò che potrebbe accadere agli abitanti nel breve e nel lungo periodo. Naturalmente il governo israeliano sosterrà fino in fondo la propria classe capitalista – dopotutto questo è il suo ruolo.

    E fa tutto parte di un copione, che vediamo messo in scena più e più volte mentre i governi che rappresentano le loro classi capitaliste non riescono a risolvere i conflitti con la diplomazia e ricorrono a una violenza orribile. Possiamo solo ripetere la stessa cosa che abbiamo sempre detto quando ciò è accaduto – che i lavoratori (in questo caso quelli arabi e israeliani) non hanno interesse a combattersi tra loro ma hanno un interesse comune ad unirsi con altri lavoratori per abolire il capitalismo e instaurare il socialismo.

    (Traduzione da Socialist Standard – novembre 2023)
    "Se non stai attento, i giornali ti faranno odiare gli oppressi e amare le persone che opprimono." Malcolm X
    "Tanti di loro sono così assuefatti, così dipendenti dal sistema, che combatterebbero per difenderlo." The Matrix
    Cos'è il Socialismo

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Jul 2012
    Messaggi
    3,569
     Likes dati
    540
     Like avuti
    886
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Guerra Israele-Gaza: cosa diciamo

    Al momento ritengo utile seguire da vicino l'evolversi delle proteste in tutto il mondo contro il confiltto israelo-palestinese (se di conflitto si può parlare e non di genocidio del popolo palestinese).
    Da più parti, soprattutto tramite campagne social in particolare su TikTok (ND azienda cinese e quindi non controllata dagli USA), stanno prendendo piede importanti campagne di boicottaggio delle principali multinazionali che sostengono Israele (McDonald's, CocaCola, Disney per citarne alcune fra le tante), come credo non sia mai avvenuto negli ultimi 40/50 anni. Non dico che questo porterà ad una rivoluzione nell'immediato, ma di certo i gruppi di potere mondiale sono in allerta e stanno reagendo con le loro armi (vedi in Italia le recenti offerte scontatissime da MCDonald's che hanno l'evidente obiettivo di ridare slancio alla popolarità del marchio tra le masse, per quanto in Italia non ce ne sia tutto questo bisogno visto che siamo un popolo di pecoroni).
    Vediamo come si evolverà questo movimento globale, ma sembra che qualcosa sia cambiato rispetto a qualche anno fa.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-11-14, 00:06
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-07-14, 19:37
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 21-01-10, 13:33
  4. Israele, nessuna violazione durante guerra a Gaza
    Di testadiprazzo nel forum Politica Estera
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 27-04-09, 06:00
  5. Israele dichiara guerra a Gaza.
    Di normanno nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-09-07, 15:45

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
[Rilevato AdBlock]

Per accedere ai contenuti di questo Forum con AdBlock attivato
devi registrarti gratuitamente ed eseguire il login al Forum.

Per registrarti, disattiva temporaneamente l'AdBlock e dopo aver
fatto il login potrai riattivarlo senza problemi.

Se non ti interessa registrarti, puoi sempre accedere ai contenuti disattivando AdBlock per questo sito