User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    136,159
     Likes dati
    22,080
     Like avuti
    45,164
    Mentioned
    2185 Post(s)
    Tagged
    67 Thread(s)

    Predefinito Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione di s

    Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione di stronzi
    Più che lo psicologo scolastico, sarebbe utile un corso per diventare genitori: il caso delle mamme inette che hanno lasciato i figli a casa per emarginare il compagno con bisogni speciali

    di Carla Gatto
    27 Nov 2023 | 19:01

    Il lavoro di un articolista di giornale è quello di osservare, approfondire, fare le dovute considerazioni e, tra una bozza e l’altra, portare all’attenzione dei lettori il prodotto finito, ovvero l’articolo. Il caso che sto per presentarvi mi ha portato a una profonda analisi introspettiva che, da empatica e ansiogena quale sono, significa riflettere sulle cose che mi circondano il doppio, forse il triplo, ma anche il quadruplo rispetto alla media. Questa mia introspezione mi ha, in un certo senso, cucito la bocca in questi giorni di atroci violenze, dal conflitto estero che sta martoriando la Striscia di Gaza alla cronaca nazionale, come l’omicidio di Giulia Cecchettin, fino agli episodi nostrani, ad esempio il bambino abbandonato a scuola dai compagni a Cosenza.


    Sono stata zitta non perché non avevo qualcosa da dire ma perché avevo bisogna di capire se il mio punto di vista valesse la pena di essere manifestato in una situazione così delicata. Soprattutto dopo la giornata del 25 Novembre, nella Giornata in cui si lotta contro la violenza sulle donne, ho deciso di dedicarmi alla cronaca locale dello jonio cosentino, ai comunicati stampa dei vari eventi e, in generale, di notizie che fossero imparziali. Ma, oggi. le mani scorrono da sole sulla tastiera del PC e ho capito che, seppure piccola, la mia voce può fare la differenza. Ma non perché io mi erga ad eroina in grado di sconfiggere i mali del mondo, piuttosto la mia è una voce abbastanza scomoda che vuole esprimersi senza indorare la pillola.

    E vista la lunga premessa, è giusto che io sia diretta: siamo una manica di stronzi. E ora andate pure a scomodare Shakespeare, Proust, Freud o chi vi pare. Andate pure a cliccare su aforismi.net per cercare la frase sulla compassione, sulla donna che va protetta, sui civili che muoiono e sui bambini che vengono emarginati. Scrivete pure quello che più vi aggrada, come sto facendo io. Ma la verità è una e una sola: siamo stronzi e basta.

    E io sono pure una stronza stanca, se permettete, perché se sento ancora parlare di patriarcato, maschilismo e di bambini che devono essere educati all’affettività mi viene francamente il vomito.

    Per i deboli di stomaco, direi che la lettura può anche concludersi qui perché ci andrò giù pesante: tanto gli insulti di chi mi addita come “subumana”, “senza cervello” e simili li ho già ricevuti. E non mi hanno scalfito. Anzi, pensate un po’, sono qui ad immolarmi come Giovanna D’Arco pronta a bruciare all’inferno per quello che scrivo. Ma non perdiamoci troppo in chiacchiere, vi devo spiegare perché siamo degli stronzi. La risposta è facile, tutto deriva dall’Io. No, non quello che intendeva Nietzsche, ma dal nostro smisurato egocentrismo narcisistico in cui stiamo crescendo queste nuove generazioni che, purtroppo, pensano di poter fare il cazzo che gli pare.

    E se gli uomini uccidono le donne e viceversa, se i bambini emarginano gli altri perché “sono ritardati”, non serve l’educazione all’affettività, ma una bella manata di rovescio quella che, forse, oggi manca. E visto che sto bruciando come un’eretica impalata, esprimo senza mezzi termini ciò che penso dei genitori che hanno realizzato un vero e proprio ammutinamento nei confronti del piccolo di 8 anni di Cosenza, lasciato solo in classe perché “è diverso”: siete degli inetti. E non cominciate con questa manfrina che i vostri pargoli perfetti (me li immagino come putti con i riccioli d’oro e paffuti, anzi no, ora si mangia bio e vegano) si distraggono durante le lezioni e non riescono a socializzare con un bambino con bisogni speciali.

    Ne avessero viste la metà delle cose che sono accadute nella mia classe, quando un bambino si è mangiato la colla stick e un altro si è fatto la pipì addosso e ha deciso di togliersi i pantaloni perché era bagnato. Certo, non giustifico la maleducazione, ma stiamo parlando di 7enni, ora trentenni, che vivono e campano ognuno secondo le proprie possibilità. Nessuno di noi ha nemmeno lontanamente pensato di emarginare questi compagni e quelli che non stavano fermi e muti al banco. Ognuno di noi ha accettato la diversità dell’altro e, insieme, abbiamo fatto squadra: dove non arrivava uno, cominciava l’altro.

    E voi invece, che fate? Vi immagino, mammine pancine, chattare nel gruppo segreto di WhatsApp che decidete, la sera prima, il vostro piano malefico, dove Gianperluigi, Kevyn, Sophia e Genoveffa resteranno a casa con una finta febbre per non stare vicino al compagno di 8 anni. Siete voi, lo so: quelle che si lamentavano del Covid, poi della Dad, poi del rientro con la mascherina, poi i tamponi che deformavano il naso dei vostri putti, poi il riscaldamento che non è posizionato esattamente a 24.9 gradi celsius (che manco sapete chi è sto Celsius), poi i giochi Montessori che non sono di legno di frasso ma di compensato e, infine, l’ora di yoga che apre i chakra dei vostri figli per sentirsi meglio.

    E la scuola, quella vera, quando la fate? E non intendo le materie, quelle sono compito dei docenti, ma la scuola ai vostri figli. Se da piccola fossi andata da mia madre a dire che non volevo stare vicino al mio compagno di banco, invece di correre a mandare un vocale su WhatsApp proclamando “lo stato di guerra”, mi avrebbe fatto volare dal balcone (e abitavo al terzo piano). Ben venga, quindi, la figura dello psicologo scolastico, ma prima di tutto serve ai genitori: serve a voi che, consapevolmente o meno, avete messo al mondo dei figli e li fate crescere “nella bambagia”, sotto la campana di vetro senza farli scontrare con la realtà, inculcandogli in testa pensieri stupidi che li faranno diventare, nel giro di poco tempo, stronzi come voi.

    L’educazione, si dice, parta dalla famiglia. Nel vostro caso, invece, l’educazione non sapete neanche dove sta di casa. Continuate pure a permettere a questi bambini di emarginare chi non è un putto come loro: per quanto mi riguarda, fate solo il bene del bambino che viene lasciato solo. Non ha bisogno di voi, non ha bisogno della vostra cattiveria e dei vostri giudizi. Il concetto, alla fine, è semplice ma ve lo spiego utilizzando uno degli aforismi che tanto vi piace pubblicare sugli stati WhatsApp: “ti diranno che non è tempo per te, che è tutto sbagliato e non puoi più fiorire. Tu ignorali e splendi”.
    "Io nacqui a debellar tre mali estremi: / tirannide, sofismi, ipocrisia"


    IL DISPUTATOR CORTESE

    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.

  2. #2
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    136,159
     Likes dati
    22,080
     Like avuti
    45,164
    Mentioned
    2185 Post(s)
    Tagged
    67 Thread(s)

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    https://www.strettoweb.com/2023/11/m...ronzi/1632209/
    Patriarcato un paio di ciufoli.
    Qua certune preparano un disastro anche peggiore.
    IMHO.
    "Io nacqui a debellar tre mali estremi: / tirannide, sofismi, ipocrisia"


    IL DISPUTATOR CORTESE

    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.

  3. #3
    ik manèbimus òptime
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    70,496
     Likes dati
    29,690
     Like avuti
    29,105
    Mentioned
    643 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    Altro che una generazione di stronzi... viene fuori
    La moderazione è una virtù solo per quelle persone che pensano di avere un'alternativa.”
    HENRY KISSINGER
    @Scomunista Reloaded più incazzoso di prima!!

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    26 Nov 2018
    Messaggi
    2,010
     Likes dati
    0
     Like avuti
    542
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    Citazione Originariamente Scritto da occidentale Visualizza Messaggio
    https://www.strettoweb.com/2023/11/m...ronzi/1632209/
    Patriarcato un paio di ciufoli.
    Qua certune preparano un disastro anche peggiore.
    IMHO.
    Queste cose succedevano anche 50 anni fa, solo che allora una buona parte di insegnanti erano ancora in grado di esercitare la propria autorità.
    Le istitituzioni hanno completamente abbandonato il ruolo di educazione delle giovani generazioni e vorrebbero imputarlo interamente alla famiglia che oggi avrebbe ben altri problemi da gestire, in primis l'arrivare a fine mese.

  5. #5
    Vecchia Guardia
    Data Registrazione
    21 Mar 2022
    Messaggi
    18,914
     Likes dati
    719
     Like avuti
    2,297
    Mentioned
    586 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    Non si può attribuire tutta alle madri, la colpa dei padri che non sanno fare i padri.
    Puoi rispondermi solo se mi tagghi, grazie.

    Utenti non taggabili: the fool, pippo palla e pertica, Querion, Scipione

  6. #6
    Vecchia Guardia
    Data Registrazione
    21 Mar 2022
    Messaggi
    18,914
     Likes dati
    719
     Like avuti
    2,297
    Mentioned
    586 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    Citazione Originariamente Scritto da occidentale Visualizza Messaggio
    E se gli uomini uccidono le donne e viceversa, se i bambini emarginano gli altri perché “sono ritardati”, non serve l’educazione all’affettività, ma una bella manata di rovescio quella che, forse, oggi manca.
    Non si può allevare alla non-violenza usando la violenza: è impossibile.

    Se prima educavano meglio di oggi, sicuramente era al netto della violenza.

    Cioè un buon padre di una volta che magari dava qualche scappellotto, se non li avesse dati sarebbe stato ancora migliore.
    Puoi rispondermi solo se mi tagghi, grazie.

    Utenti non taggabili: the fool, pippo palla e pertica, Querion, Scipione

  7. #7
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    136,159
     Likes dati
    22,080
     Like avuti
    45,164
    Mentioned
    2185 Post(s)
    Tagged
    67 Thread(s)

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    Citazione Originariamente Scritto da Narel Jarvi Visualizza Messaggio
    Non si può allevare alla non-violenza usando la violenza: è impossibile.

    Se prima educavano meglio di oggi, sicuramente era al netto della violenza.

    Cioè un buon padre di una volta che magari dava qualche scappellotto, se non li avesse dati sarebbe stato ancora migliore.
    Personalmente da mio padre ho ricevuto un solo schiaffo, per quel che mi ricordo.

    Non che sia stato un gran padre, ma mi ha trasmesso l'idea che le donne non si toccano, punto.
    Per dire....
    "Io nacqui a debellar tre mali estremi: / tirannide, sofismi, ipocrisia"


    IL DISPUTATOR CORTESE

    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.

  8. #8
    duca di rivoli
    Data Registrazione
    27 May 2009
    Località
    LOMBARDIA - Alpi
    Messaggi
    30,660
     Likes dati
    2,911
     Like avuti
    8,710
    Mentioned
    404 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    i bambini sono sempre stati stronzi.
    emarginano i deboli o i diversi, fanno comunella per colpire il bersaglio ecc.ecc.

    il problema è che oggi i genitori danno corda agli istinti naturali, mentre una volta semplicemente dicevano di andare a scuola e non rompere i coglioni (a loro) con gli eventuali problemi con un altro bambino.

    quindi l'articolo mi convince a metà, perchè la scrittrice dice che ai suoi tempi (tipo 23 anni fa, non 223) si faceva squadra per accettarsi. ma dove ha vissuto se sono proprio le bambine a essere vipere in maniera che noi maschietti neanche concepiamo?

  9. #9
    custode dalle orsoline
    Data Registrazione
    05 Jan 2022
    Località
    convittore
    Messaggi
    12,673
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1,170
    Mentioned
    218 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    Citazione Originariamente Scritto da massena Visualizza Messaggio
    i bambini sono sempre stati stronzi.
    emarginano i deboli o i diversi, fanno comunella per colpire il bersaglio ecc.ecc.

    il problema è che oggi i genitori danno corda agli istinti naturali, mentre una volta semplicemente dicevano di andare a scuola e non rompere i coglioni (a loro) con gli eventuali problemi con un altro bambino.

    quindi l'articolo mi convince a metà, perchè la scrittrice dice che ai suoi tempi (tipo 23 anni fa, non 223) si faceva squadra per accettarsi. ma dove ha vissuto se sono proprio le bambine a essere vipere in maniera che noi maschietti neanche concepiamo?
    vero. non si faceva squadra manco per niente, né 23 anni fa né prima. al massimo si faceva squadra quando la classe vicina arrivava con intenzioni aggressive, allora sì che si menava tutti assieme.
    I'm still standing after all this time

  10. #10
    duca di rivoli
    Data Registrazione
    27 May 2009
    Località
    LOMBARDIA - Alpi
    Messaggi
    30,660
     Likes dati
    2,911
     Like avuti
    8,710
    Mentioned
    404 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Di mamme pancine e di bambini nelle campane di vetro: come nasce una generazione

    Citazione Originariamente Scritto da pippo palla e pertica Visualizza Messaggio
    vero. non si faceva squadra manco per niente, né 23 anni fa né prima. al massimo si faceva squadra quando la classe vicina arrivava con intenzioni aggressive, allora sì che si menava tutti assieme.
    a me questi articoli che dicono "ai miei tempi" hanno scassato le palle.
    poi la tizia è trentenne, mica mia nonna che ha fatto le scuole negli anni 20 del 900 e i maestri erano rispettati.
    hai notato che questi "duri" che combattono le deriva debosciata dicono "maestrine con la penna rossa" per denigrare gli insegnanti?
    ecco, una roba del genere, secondo me non sanno neanche di cosa stanno parlando.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Cosa ne pensi delle mamme pancine?
    Di 22gradi nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 05-09-19, 17:26
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-12-17, 04:47
  3. No alle scorie del nord nelle discariche campane!
    Di vonmeckel nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 28-06-08, 10:50
  4. Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 31-05-08, 23:01
  5. Ecco cosa vogliono scaricare nelle discariche campane
    Di vonmeckel nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 26-05-08, 23:33

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
[Rilevato AdBlock]

Per accedere ai contenuti di questo Forum con AdBlock attivato
devi registrarti gratuitamente ed eseguire il login al Forum.

Per registrarti, disattiva temporaneamente l'AdBlock e dopo aver
fatto il login potrai riattivarlo senza problemi.

Se non ti interessa registrarti, puoi sempre accedere ai contenuti disattivando AdBlock per questo sito