tutti a blaterare di parità e di paternalismo imperante, ma se parità dev'essere allora bisogna rivedere il gioco degli scacchi, che sono femministi e inculcano negli uomini la convinzione di essere inferiori alle donne.

Basta!!!!
Gli scacchi sono un simbolo di regresso e dell'oppressione contro il maschile: aboliamoli!!!!

Oppure revisionamoli dalle fondamenta!!! Ne va della nostra libertààààà!!!!

D'ora in poi dovrà essere la regina a subire tutti gli scacchi, mentre il Re dovrà diventare il pezzo più potente della scacchiera!!!!!

Sapete perché al Re gli fanno muovere un passetto alla volta? Perché vogliono istillare un senso di inferiorità nelle menti degli uomini!!!!! E' questo il significato!!!! Invece la regina può muoversi in lungo e in largo, in diagonale e in verticale, come a dire che alle donne tutto è permesso.

Ricordo quando da piccolo alle partite di scacchi temevo con terrore i movimenti di questa tiranna, mentre il Re poveraccio era il pezzo più debole, che occorreva difendere perché sennò per colpa sua si perdevano le partite.
Sempre sotto scacco, mai capace di un'azione d'attacco, sempre a subire, mentre la Donna all'opposto era sempre aggressiva come una guerriera amazzone, sempre schierata sull'offensiva.

E' evidente che il gioco degli scacchi è tutto un piano diabbolico per plasmare le menti. Quindi è venuto il momento di dire Basta per riaffermare la parità dei diritti.