Dice l'Inno Orfico a Fortuna
Qui, Fortuna: ti invoco con preghiere, buona regolatrice,
mite, protettrice delle strade, per i beni felici,
Artemide che guidi, di gran nome, nata
dal sangue di Eubuleo, che hai gloria imbattibile,
sepolcrale, sempre in movimento, cantata dagli uomini.
In te infatti la vita dei mortali è sempre varia:
perché agli uni prepari abbondanza molto ricca di beni,
agli altri cattiva povertà agitando collera nell'animo.
Ma, dea, ti supplico di venire benevola alla vita,
piena di ricchezze per i beni felici."
bruciare incenso...
Tyche con la statua del giovane Pluto e della cornucopia, Museo Archeologico di Istanbul.