User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    Brandelli d'Italia

    Bracalini Romano

    Brandelli d'Italia , libro di Bracalini Romano su laFeltrinelli.it 9788849827804

    L'Italia si appresta a celebrare il suo centocinquantesimo anniversario nella più grave crisi d'identità di tutta la sua storia unitaria. La forma unitaria del paese non è mai apparsa così fragile come in questi mesi in cui vecchi e nuovi campanilismi riaccendono antiche polemiche. La divisione appare ormai inevitabile in un'Europa non più basata sui vecchi modelli degli stati nazione ma suddivisa in aree economiche omogenee. Il fragile tessuto unitario rivela i brandelli malamente cuciti in cui era diviso il paese all'indomani dell'Unità quando i piemontesi non volevano diventare "italiani", i lombardi volevano stare per conto loro, come i toscani; i romani aspettavano con tutti i comodi di essere liberati e il Sud ingaggiò una sanguinosa guerra di secessione. Questo libro di Romano Bracalini dà vita a una ricostruzione straordinaria piena di spunti di riflessione e non priva di elementi di forte polemica che non mancheranno di far discutere.

    Editore Rubbettino
    Data uscita 10/11/2010
    Pagine 288
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    Il Nord? Da solo funzionava molto meglio

    Nel nuovo libro di Romano Bracalini i dati e le cifre che dimostrano quanto l’unità del Paese penalizzò le aree più ricche, senza peraltro premiare il Sud. A dispetto delle tesi «meridionaliste»



    Il Nord? Da solo funzionava molto meglio - Cultura - ilGiornale.it del 05-11-2010

    L’unità si era compiuta senza una precisa nozione del passato e una vera coscienza del presente. Giustino Fortunato diceva che nessuno immaginava che mezza Italia, poco difforme dalla Turchia, ad essa così prossima, sarebbe stata come un vaso di terracotta accanto a uno di ferro. Aggiungeva che l’altra mezza Italia, «dalla Toscana in su, benché divisa da opposte costituzioni, dalla repubblica democratica di Firenze alla potente oligarchia di Venezia, al principato assoluto del Piemonte, dai mille floridi comuni, alle cento splendide Signorie, serba intatto il carattere sociale di un Paese essenzialmente omogeneo, la cui connessione si fonda sull’autonomia del Municipio. Al contrario l’Italia meridionale dal Lazio e dagli Abruzzi in giù, attraverso tutte le età, con qualsivoglia forma di governo, soggetta o no allo straniero, rimane immota, come un solo corpo intorno a un centro solo, ora Benevento, ora Napoli, e sempre organizzata feudalmente, anche quando il feudo, politicamente e giuridicamente, tende a sparire».

    Costantino Nigra nella sua relazione a Cavour, il 20 maggio 1861, aveva messo il dito nella piaga: «Si può dire con tutta verità che ogni ramo di pubblica amministrazione fosse infetto dalla più schifosa corruzione. Libertà nessuna, né a privati, né ai municipi. Piene le carceri e le galere dei più onesti cittadini, commisti ai rei dei più infami delitti. Gli impiegati in numero dieci volte maggiore del bisogno. Gli alti impiegati largamente pagati, insufficientissimi gli stipendi degli altri. Ammessi agli stipendi governativi ragazzi appena nati, così che contavano gli anni di servizio dalla primissima infanzia. Nelle carceri, nell’esercito, nelle amministrazioni, in tutti i luoghi pubblici esercitata la camorra, il brigantaggio nelle province, il latrocinio dappertutto».

    La tesi di taluni storici e economisti che la mancata unificazione abbia rallentato lo sviluppo del Paese non regge: i numeri dimostrano esattamente il contrario. Nei primi decenni dell’Ottocento, rispetto ai Paesi europei più progrediti, l’Italia del Centro-Nord era al quinto posto per reddito pro-capite dopo l’Inghilterra, i Paesi Bassi, l’Austria e il Belgio. A Firenze erano sorte le prime banche e istituti di credito. L’Italia del Centro-Nord era più o meno allo stesso livello di Danimarca, Francia, Germania, Svezia. Ma nel 1870, ossia nove anni dopo l’unità, l’Italia settentrionale, dal quinto posto, era scivolata all’ottavo posto dietro la Francia, la Danimarca e la Germania per effetto del rallentamento dovuto all’aggancio del Mezzogiorno.

    Secondo uno studio accreditato, nel 1811 il 90% della popolazione del regno di Napoli era classificata «povera e indigente, ai livelli minimi di sussistenza». Non c’era borghesia moderna, la società era divisa come nel Medio Evo in nobili, latifondisti e plebe analfabeta. Non strade, non porti, sui fiumi spesso in piena non vi sono ponti, non utilizzo delle poche acque del regno. L’unificazione aveva messo in contatto le due parti della penisola nel modo più traumatico e artificiale. Si impose subito una scelta di vita. Rosario Romeo scrive che «la subalternità del Sud fu la condizione dello sviluppo del Nord». Fortunato aggiunge che senza l’unità il Mezzogiorno sarebbe diventato un Paese balcanico. Era naturale che le grandi opere pubbliche (strade, ferrovie, porti) dovevano essere fatte laddove lo sviluppo industriale le rendeva più urgenti e necessarie.

    Francesco Saverio Nitti, come altri meridionalisti, ma lui più di tutti, tentava di accreditare la leggenda di un Sud ricco, prospero e felice, finché non erano arrivati i piemontesi a depredarlo. Ma Giustino Fortunato lo smentiva. Le leggi scoraggiavano ogni attività economica che non fosse di carattere militare. Il lavoro non aveva distinzione di decoro. Capitali e risparmi giacevano improduttivi. Scrive l’economista liberale piemontese Luigi Einaudi che «nel regno delle Due Sicilie le opere pubbliche si facevano solo se lo consentivano le spese ordinarie di bilancio, e in ogni caso bisognava far credere che esse fossero dovute alla generosità del sovrano».

    Nel 1839 era stata solennemente inaugurata la ferrovia Napoli-Portici, di 33 chilometri. Era la prima in Italia e la pubblicistica meridionale ne ha fatto un vanto eccessivo senza dire che per lungo tempo rimase l’unica. Inoltre non si diceva che era stata interamente costruita da una società francese e che le prime due locomotive erano state importate dall’Inghilterra. Le carrozze erano prive di servizi igienici e di sedili, si viaggiava in piedi; quando il treno sostava nelle stazioni i viaggiatori prendevano d’assalto le latrine. Il servizio veniva sospeso nei giorni festivi e durante la settimana santa. Le terze classi rimasero senza sedili fino al 1860. Al momento dell’unità le ferrovie napoletane non superavano il centinaio di chilometri e oltre Vietri non andavano. Nel Nord Italia erano in esercizio 1757 chilometri di ferrovie, di cui 803 in Piemonte, 202 in Lombardia, 298 nel Veneto.

    Venerdì 05 novembre 2010
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,971
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    ♪ Brandeellii d'italiaa
    l'italiaa s'è roottaa ♪
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    Dai, su, giuristi internazionali, politici internazionali, studiosi del diritto dei popoli, economisti internazionali, gente amante e cosciente della propria terra, storia,comportamento e identità...uniamoci..BRANDELLI di ciò che non è mai esistito..VIA::VIA:::VIA::VIA!iango:[I][I]studiamo cosa si deve FARE!

  6. #6
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,717
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    distribuire nelle scuole, please

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,051
    Mentioned
    64 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    ♪ Brandeellii d'italiaa
    l'italiaa s'è roottaa ♪
    Speriamo negli incentivi per la rottamazione .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  8. #8
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,472
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    ♪ Brandeellii d'italiaa
    l'italiaa s'è roottaa ♪
    e l'elmo di Scipio
    sta sotto la potta

  9. #9
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,971
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    e l'elmo di Scipio
    sta sotto la potta
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  10. #10
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,717
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Brandelli d'Italia - di Romano Bracalini

    come si fa ad avere questo libro e quello di Facco su bossi ???

    dal loro sito se capìs nagòtt

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226