User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'operazione era una modalità mascherata per finanziare il partito

    Mezzo miliardo dalla Lega per il villaggio Skipper Nuove rivelazioni sull'affare in Croazia

    PADOVA. È l'aprile 2001 e l'operazione immobiliare per la costruzione del villaggio-vacanze Skipper in Croazia è già in bilico. Ecco perché 560 milioni di lire arrivano d'improvviso dal conto corrente acceso dalla Lega Nord presso il Banco di Napoli di Montecitorio. Ma il salvataggio non funziona. Una verità svelata ieri davanti ai giudici del tribunale di Padova dal commercialista Carlo Pampaloni, il consulente del pubblico ministero Paolo Luca, titolare dell'inchiesta sul crac della società promotrice del fallimentare investimento che ha portato sul banco degli imputati l'architetto veneziano, leghista fin dalla prima ora, Enrico Cavaliere, ex presidente del Consiglio regionale del Veneto chiamato a rispondere di bancarotta per distrazione (un ammanco di 1 miliardo e 875 mila lire) e documentale con l'aggravante del danno di rilevante gravità, commesse in qualità di componente del consiglio di amministrazione di Ceit. Due reati che hanno convinto il pm a sollecitare una condanna a 3 anni.

    Ironia della sorte: l'istituto di credito cui si appoggiava il Carroccio - ha rammentato sempre la pubblica accusa - è nato proprio durante il Regno Borbonico delle Due Sicilie: è suo tramite che la somma di matrice leghista aveva rimpinguato i bilanci Ceit (la società con sede a Montegrotto fallita l'1 aprile 2004), benché figurasse come un prestito personale del partito al tesoriere Balocchi (per anni sottosegretario), non più a processo perché è morto il 15 febbraio scorso. Il danaro fu girato alla società friulana Euroservice e, da questa, venne trasferito a Ceit. Così quel mezzo miliardo di vecchie lire nella contabilità della Lega Nord è stato registrato come un prestito a Balocchi (quasi interamente restituito nel 2006), in quella di Euroservice risultava una somma incassata dal partito di Bossi e dirottata a Ceit, mentre nei bilanci di quest'ultima la somma era contabilizzata come un versamento ricevuto dal tesoriere.



    «L'operazione era una modalità mascherata per finanziare il partito - ha rilevato il pm Luca - In quel periodo la Lega era in difficoltà a causa delle perdite della sua emittente televisiva e del giornale "La Padania"... Quest'iniziativa avrebbe consentito di disporre di liquidità e di realizzare un gran guadagno». Sulla carta era in gioco un intervento faraonico e davvero redditizio: 2300 appartamenti affacciati sul Golfo di Pirano, 200 posti barca, 4.800 metri quadrati di superfici commerciali per un totale di 220 miliardi di lire di costi e di 129 miliardi di utili. In realtà a finire nei guai è stato l'intero consiglio di amministrazione Ceit, formato da alcuni imprenditori padovani (usciti di scena con il patteggiamento) ma anche dall'architetto-leghista Cavaliere.

    Da subito l'affare si mette male. Nel 1998 sono comprati i terreni dalla famiglia Oblak intestati alla società Kemco (fino al 2006 gli stranieri non potevano acquistare beni immobiliari in Croazia). E gli Oblak appaiono spregiudicati: si fanno pagare pure l'esposizione finanziaria con Hypo Alpe Adria Bank di Zagabria e di Klagenfurt, salvo poi cercare di mettere le mani sul villaggio Skipper, insieme all'istituto di credito, quando i rapporti tra il senatur Bossi e l'allora Governatore della Carinzia Haider non sono più idilliaci. Intanto Cavaliere & co. gestiscono in maniera spudorata i bilanci Ceit che ha aperto una sottoscrizione per vendere le sue quote e incassare contante. Quote cedute al prezzo di 40 milioni di lire in cambio della titolarità di due appartamenti nel villaggio. In capo a ogni socio, però, sono contabilizzate appena 100 mila lire; 19.900.000 sono registrati come finanziamento: nessuna traccia degli altri 20 milioni. Il pm ha ricordato l'interrogatorio di uno degli imprenditori-promotori: c'erano soldi «in nero» impiegati per pagare tangenti in Croazia.

    Eppure tra i soci Ceit spiccavano la moglie di Bossi, Manuela Maroni, l'ex ministro Pagliarini, oltre a tutti i parlamentari invitati - anzi, costretti - a sponsorizzare l'operazione targata Carroccio, come ha raccontato in aula l'ex onorevole veronese Luca Bagliani nell'aprile scorso. Il 4 febbraio 2011 la parola alla difesa, l'avvocato Giorgio Chinellato. Poi la sentenza.

    La moglie di Umberto Bossi e il partito coinvolti in una mega truffa miliardaria ! Ultimi aggiornamenti da padova!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,561
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'operazione era una modalità mascherata per finanziare il partito

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Mezzo miliardo dalla Lega per il villaggio Skipper Nuove rivelazioni sull'affare in Croazia

    PADOVA. È l'aprile 2001 e l'operazione immobiliare per la costruzione del villaggio-vacanze Skipper in Croazia è già in bilico. Ecco perché 560 milioni di lire arrivano d'improvviso dal conto corrente acceso dalla Lega Nord presso il Banco di Napoli di Montecitorio. Ma il salvataggio non funziona. Una verità svelata ieri davanti ai giudici del tribunale di Padova dal commercialista Carlo Pampaloni, il consulente del pubblico ministero Paolo Luca, titolare dell'inchiesta sul crac della società promotrice del fallimentare investimento che ha portato sul banco degli imputati l'architetto veneziano, leghista fin dalla prima ora, Enrico Cavaliere, ex presidente del Consiglio regionale del Veneto chiamato a rispondere di bancarotta per distrazione (un ammanco di 1 miliardo e 875 mila lire) e documentale con l'aggravante del danno di rilevante gravità, commesse in qualità di componente del consiglio di amministrazione di Ceit. Due reati che hanno convinto il pm a sollecitare una condanna a 3 anni.

    Ironia della sorte: l'istituto di credito cui si appoggiava il Carroccio - ha rammentato sempre la pubblica accusa - è nato proprio durante il Regno Borbonico delle Due Sicilie: è suo tramite che la somma di matrice leghista aveva rimpinguato i bilanci Ceit (la società con sede a Montegrotto fallita l'1 aprile 2004), benché figurasse come un prestito personale del partito al tesoriere Balocchi (per anni sottosegretario), non più a processo perché è morto il 15 febbraio scorso. Il danaro fu girato alla società friulana Euroservice e, da questa, venne trasferito a Ceit. Così quel mezzo miliardo di vecchie lire nella contabilità della Lega Nord è stato registrato come un prestito a Balocchi (quasi interamente restituito nel 2006), in quella di Euroservice risultava una somma incassata dal partito di Bossi e dirottata a Ceit, mentre nei bilanci di quest'ultima la somma era contabilizzata come un versamento ricevuto dal tesoriere.



    «L'operazione era una modalità mascherata per finanziare il partito - ha rilevato il pm Luca - In quel periodo la Lega era in difficoltà a causa delle perdite della sua emittente televisiva e del giornale "La Padania"... Quest'iniziativa avrebbe consentito di disporre di liquidità e di realizzare un gran guadagno». Sulla carta era in gioco un intervento faraonico e davvero redditizio: 2300 appartamenti affacciati sul Golfo di Pirano, 200 posti barca, 4.800 metri quadrati di superfici commerciali per un totale di 220 miliardi di lire di costi e di 129 miliardi di utili. In realtà a finire nei guai è stato l'intero consiglio di amministrazione Ceit, formato da alcuni imprenditori padovani (usciti di scena con il patteggiamento) ma anche dall'architetto-leghista Cavaliere.

    Da subito l'affare si mette male. Nel 1998 sono comprati i terreni dalla famiglia Oblak intestati alla società Kemco (fino al 2006 gli stranieri non potevano acquistare beni immobiliari in Croazia). E gli Oblak appaiono spregiudicati: si fanno pagare pure l'esposizione finanziaria con Hypo Alpe Adria Bank di Zagabria e di Klagenfurt, salvo poi cercare di mettere le mani sul villaggio Skipper, insieme all'istituto di credito, quando i rapporti tra il senatur Bossi e l'allora Governatore della Carinzia Haider non sono più idilliaci. Intanto Cavaliere & co. gestiscono in maniera spudorata i bilanci Ceit che ha aperto una sottoscrizione per vendere le sue quote e incassare contante. Quote cedute al prezzo di 40 milioni di lire in cambio della titolarità di due appartamenti nel villaggio. In capo a ogni socio, però, sono contabilizzate appena 100 mila lire; 19.900.000 sono registrati come finanziamento: nessuna traccia degli altri 20 milioni. Il pm ha ricordato l'interrogatorio di uno degli imprenditori-promotori: c'erano soldi «in nero» impiegati per pagare tangenti in Croazia.

    Eppure tra i soci Ceit spiccavano la moglie di Bossi, Manuela Maroni, l'ex ministro Pagliarini, oltre a tutti i parlamentari invitati - anzi, costretti - a sponsorizzare l'operazione targata Carroccio, come ha raccontato in aula l'ex onorevole veronese Luca Bagliani nell'aprile scorso. Il 4 febbraio 2011 la parola alla difesa, l'avvocato Giorgio Chinellato. Poi la sentenza.

    La moglie di Umberto Bossi e il partito coinvolti in una mega truffa miliardaria ! Ultimi aggiornamenti da padova!
    Leganord: il partito dei Balocchi.

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'operazione era una modalità mascherata per finanziare il partito

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Leganord: il partito dei Balocchi.
    E dei Brigandì.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,561
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'operazione era una modalità mascherata per finanziare il partito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    E dei Brigandì.
    Allora diciamo: Leganodde, il partito dei Brigandi e dei Balogghi (senza accento il primo e alla extra il secondo...)

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'operazione era una modalità mascherata per finanziare il partito

    Questo villaggio che fu una delle cause della frattura lega ed Haider.

    Poi Haider però si credeva un furbo e voleva candidarsi alle europee in italia.
    Non aveva capito che cosa è la politica.
    O si taglia o il caos

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,561
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'operazione era una modalità mascherata per finanziare il partito

    Citazione Originariamente Scritto da jotsecondo Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Questo villaggio che fu una delle cause della frattura lega ed Haider.

    Poi Haider però si credeva un furbo e voleva candidarsi alle europee in italia.
    Non aveva capito che cosa è la politica.
    Adesso l'avrà capito di certo.
    Come molti altri.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226