User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27
  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,036
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Uno strano articolo di Ostellino

    LA CRISI NON È SOLO POLITICA

    Le istituzioni da difendere

    Le orchestre di bordo suonano tutte, incessantemente, le stesse canzoni: «Escort», «Noemi», «Ruby». Fra i passeggeri, c'è chi balla senza sosta, assordato dalla musica; ma il numero di quelli che restano seduti, e non desiderano altro che il viaggio finisca, aumenta. Il comandante gira fra i tavoli, corteggiando le signore; gli altri ufficiali canticchiano le parole delle canzoni, non curandosi della rotta. La nave procede sempre più lenta. Inesorabilmente, si avvicina all'iceberg. Fra poco ci sarà l'urto e la nave affonderà.
    Si fa qualche illusione chi, nel mondo della politica e dei media, pensa che il crepuscolo di Berlusconi, le divisioni nel Popolo della libertà, le ambizioni di Fini di dar vita a una nuova rappresentanza della borghesia produttiva, la prospettiva di alternanza di governo, si concreteranno, in un modo o nell'altro, secondo le diverse aspettative; si chiuderà, con la «fase di transizione», la crisi del sistema politico e tutto si aggiusterà. O con un governo di transizione, o con nuove elezioni, o con la prosecuzione della legislatura fino al suo termine naturale. No. La crisi del sistema politico è la sindrome di una crisi istituzionale analoga a quella che pose termine alla Quarta repubblica francese. Manca la causa scatenante (l'Algeria), manca l'uomo che vi mise rimedio (de Gaulle).
    La Lega già dice che, di fronte alla nascita di un governo di transizione, scenderebbero in piazza milioni di cittadini. Non è uno slogan. È la previsione di un accadimento possibile. L'esplosione della «questione settentrionale», la protesta dell'Italia produttiva contro il parassitismo regionale e corporativo, il concretarsi della crescente inquietudine, prodromo della secessione, del Nord. Nuove elezioni lascerebbero le cose come stanno, perché, da colmare, è la carenza di «una certa idea dell'Italia» di tutta la classe dirigente, non il vuoto di decisione politica e la pur legittima esigenza di alternativa di governo. La prosecuzione della legislatura altro non sarebbe, per le stesse ragioni, che il protrarsi dell'agonia.
    Lo spettro della crisi istituzionale - che metterebbe in pericolo l'architettura democratica - già aleggia. Minaccia di concretarsi se, in Parlamento e nei media, non si incomincerà, da subito, a pensare al Paese, e ai suoi problemi. Non si tratta (solo) di chiudere la parodia di quella guerra di liberazione che è il conflitto fra «usurpatori» berlusconiani e «resistenti» antiberlusconiani; e che della crisi della politica è l'effetto, non la causa. Ma di affrontare - da destra e da sinistra - il problema delle riforme, ancorché ciascuno con i mezzi che gli sono propri, che producano la necessaria modernizzazione dello Stato e una maggiore autonomia della società civile. Chiedere al mondo della politica, e a quello intellettuale, di farsene carico non è né moralismo, né fuga nell'utopia. La moralizzazione della sfera pubblica non è affare dei carabinieri - che già si occupano di quella privata - ma della politica. L'utopia di cui si sente la necessità sono l'empirismo e il pragmatismo politici. Pensare al Paese, e ai suoi problemi, non è più (e solo) un imperativo morale. È diventata una condizione di sopravvivenza civile.

    Piero Ostellino
    10 novembre 2010

    Le istituzioni da difendere - Corriere della Sera
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,963
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    si l' articolo e' interessante perche rivela un dibattito interno ad una certa parte della elite " padana" ( che io disprezzo profondamente ) e che e' padrona del giornale di ostellino .

    IN mezzo a questi nostri " superiori " si sta diffondendo l' inquietudine che la " festa" sia finita e che il sistema in cui loro si sono ben pasciuti non reggera' a lungo...

    ma non ci facciamo fregare dalle auliche parole di ostellino, non c' e nessuna " coscienza civica" in questa loro preoccupazione ma solo la presa d'atto che il gioco che LORO hanno voluto sta finendo anche per LORO .

    Se questi TRADITORI avessero veramente voluto, avrebbero potuto prendere atto VENTANNI FA dei problemi che la lega aveva portato in superficie ..
    ...Sono anni infatti che io dico che la lega non e' ne un problema ne una soluzione ma un SINTOMO di un grave problema e uno STIMOLO ad una soluzione .

    Soluzione che VENTANNI FA si poteva benissimo trovare e che avrebbe salvato anche i LORO sistema "italia"... :giagia:

    Ma per i " bubboni" che la lega stava evidenziando questa pessima "elite" ha preferito l' uso di " gesso e panni caldi " .

    Niente "ferri " quando il " paziente italia" era ancora abbastanza forte da superare l' operazione ... e ora a che servono queste tardive " preoccupazioni" di questi pessimi " medici" ?...

    Si caro ostellino i TUOI " capitani " hanno voluto " mantenere la rotta " ... ma al contrario di come ti illudi tu nell ' Iceberg ci abbiamo gia sbattuto !

    quindi il Titanic italia affondera' e a noi sventurati passeggeri ( e a che prezzo..ncav resta solo di sperare che ciio' avvenga il piu tardi possibile ...
    .. per goderci almeno gli ultimi " balli " ...:giagia:
    vulgus vult decipi

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,036
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    Citazione Originariamente Scritto da larth Visualizza Messaggio
    si l' articolo e' interessante perche rivela un dibattito interno ad una certa parte della elite " padana" ( che io disprezzo profondamente ) e che e' padrona del giornale di ostellino .

    IN mezzo a questi nostri " superiori " si sta diffondendo l' inquietudine che la " festa" sia finita e che il sistema in cui loro si sono ben pasciuti non reggera' a lungo...

    ma non ci facciamo fregare dalle auliche parole di ostellino, non c' e nessuna " coscienza civica" in questa loro preoccupazione ma solo la presa d'atto che il gioco che LORO hanno voluto sta finendo anche per LORO .

    Se questi TRADITORI avessero veramente voluto, avrebbero potuto prendere atto VENTANNI FA dei problemi che la lega aveva portato in superficie ..
    ...Sono anni infatti che io dico che la lega non e' ne un problema ne una soluzione ma un SINTOMO di un grave problema e uno STIMOLO ad una soluzione .

    Soluzione che VENTANNI FA si poteva benissimo trovare e che avrebbe salvato anche i LORO sistema "italia"... :giagia:

    Ma per i " bubboni" che la lega stava evidenziando questa pessima "elite" ha preferito l' uso di " gesso e panni caldi " .

    Niente "ferri " quando il " paziente italia" era ancora abbastanza forte da superare l' operazione ... e ora a che servono queste tardive " preoccupazioni" di questi pessimi " medici" ?...

    Si caro ostellino i TUOI " capitani " hanno voluto " mantenere la rotta " ... ma al contrario di come ti illudi tu nell ' Iceberg ci abbiamo gia sbattuto !

    quindi il Titanic italia affondera' e a noi sventurati passeggeri ( e a che prezzo..ncav resta solo di sperare che ciio' avvenga il piu tardi possibile ...
    .. per goderci almeno gli ultimi " balli " ...:giagia:
    Mi tocca quotarti. Come sempre più spesso accade.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,516
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    Citazione Originariamente Scritto da larth Visualizza Messaggio
    si l' articolo e' interessante perche rivela un dibattito interno ad una certa parte della elite " padana" ( che io disprezzo profondamente ) e che e' padrona del giornale di ostellino .

    IN mezzo a questi nostri " superiori " si sta diffondendo l' inquietudine che la " festa" sia finita e che il sistema in cui loro si sono ben pasciuti non reggera' a lungo...

    ma non ci facciamo fregare dalle auliche parole di ostellino, non c' e nessuna " coscienza civica" in questa loro preoccupazione ma solo la presa d'atto che il gioco che LORO hanno voluto sta finendo anche per LORO .

    Se questi TRADITORI avessero veramente voluto, avrebbero potuto prendere atto VENTANNI FA dei problemi che la lega aveva portato in superficie ..
    ...Sono anni infatti che io dico che la lega non e' ne un problema ne una soluzione ma un SINTOMO di un grave problema e uno STIMOLO ad una soluzione .

    Soluzione che VENTANNI FA si poteva benissimo trovare e che avrebbe salvato anche i LORO sistema "italia"... :giagia:

    Ma per i " bubboni" che la lega stava evidenziando questa pessima "elite" ha preferito l' uso di " gesso e panni caldi " .

    Niente "ferri " quando il " paziente italia" era ancora abbastanza forte da superare l' operazione ... e ora a che servono queste tardive " preoccupazioni" di questi pessimi " medici" ?...

    Si caro ostellino i TUOI " capitani " hanno voluto " mantenere la rotta " ... ma al contrario di come ti illudi tu nell ' Iceberg ci abbiamo gia sbattuto !

    quindi il Titanic italia affondera' e a noi sventurati passeggeri ( e a che prezzo..ncav resta solo di sperare che ciio' avvenga il piu tardi possibile ...
    .. per goderci almeno gli ultimi " balli " ...:giagia:
    Mi hai anticipato, esprimendo i miei identici pensieri.
    Ho già scritto in altra discussione che abbiamo raggiunto e superato il punto di non ritorno.
    Questo figlio del sistema nel suo articolo osa ancora proporre qualche indicazione di cosa occorrerebbe.
    Tutti sogni, tutte illusioni.
    Nessuno di chi dovrebbe è in grado, prima di tutto per incapacità propria, di risolvere alcunchè, nè ve ne è l'interesse.
    A mio avviso non è più il tempo, per tutti noi, di criticare la Lega o quant'altri, ma di pensare a trovare soluzioni per pararci il culo per quanto possibile da ciò che sta per accadere e pensare a cosa fare DOPO l'affondamento.
    Occorre essere pronti!

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    23 Jun 2010
    Località
    Venetia
    Messaggi
    244
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    E' strano si!
    Ultima modifica di Piani eterni; 10-11-10 alle 18:16
    Tzimbar-earde

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,163
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    Larth ha ragione.
    La festa è finita,
    voglio ben vedere dove troveranno
    i fondi per pagare gli stipendi
    di 5 milioni di statali e altrettanti pensionati.
    Ai soloni newyorkesizzati di Via Solferino
    suggerisco di confrontare l'industria automobilistica
    italiana e quella tedesca, erano partite alla pari o quasi,
    nel dopoguerra, con 4/5 marchi ciascuna...

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,060
    Mentioned
    67 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    A mio avviso non è più il tempo, per tutti noi, di criticare la Lega o quant'altri, ma di pensare a trovare soluzioni per pararci il culo per quanto possibile da ciò che sta per accadere e pensare a cosa fare DOPO l'affondamento.
    Occorre essere pronti!
    Farsi questo potrebbe aiutare .

    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    23 Jun 2010
    Località
    Venetia
    Messaggi
    244
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Farsi questo potrebbe aiutare .

    Ce l'ho già, e poi cosa ancora?
    Tzimbar-earde

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,963
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    Citazione Originariamente Scritto da Piani eterni Visualizza Messaggio
    Ce l'ho già, e poi cosa ancora?
    e' argomento complesso e molto velleiario ..
    Ho un amico che abita su di un monte, ha un po di bosco 100 olivi un bell' orto , un frutteto , 15 alveari.. e poi il fotovoltaico il fototermico , l' impianto di riscaldamento a legna ,il forno , un frantoio , un torrente una profonda cantina scavata nella pietra (un rifugio atomico non guasta mai ..) , con sorgente interna e piena di tutto , compresi kili di vitamine..e altri integratori alimentari ..

    eppure , DA SOLO nemmeno lui reggerebbe un anno .. siamo tutti troppo " malati di civilta' " :giagia:
    vulgus vult decipi

  10. #10
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Uno strano articolo di Ostellino

    Citazione Originariamente Scritto da Piani eterni Visualizza Messaggio
    Ce l'ho già, e poi cosa ancora?
    Tanto cibo in scatola per resistere i primi mesi di anarchia e di assalti ai supermercati.

    Trasferirsi in un paese di montagna, abbastanza vicino a un grande centro per poter lavorare da pendolare ma abbastanza fuori mano per essere evitato dall'anarchia che si diffonderà in pianura dopo il crollo.

    Chiedere questo per proteggere la tua casa e quello che hai prima che con il crollo ne blocchino la concessione.

    Documentarsi su cosa è avvenuto in Argentina e nei paesi ex-comunisti con il collasso di quelle economie.

    Documentarsi su come vive la classe media in america-latina o nei balcani e come si protegge: quando la situazione si stabilizzerà permanentemente su un livello molto più basso di benessere medio, ogni individuo che avrà conservato uno stipendio o un piccolo reddito da attività in proprio, sarà parte della classe media ed un bersaglio per chi non avrà più nulla e pochi scrupoli su come rimediare.
    Ultima modifica di Italiano; 11-11-10 alle 19:56
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226