User Tag List

Pagina 1 di 18 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 180
  1. #1
    Sempre Avanti
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Bologna
    Messaggi
    74,329
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MONDO

    SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MONDO
    30 ottobre 2010
    By Web & Books

    Un terremoto devastante sconvolgerà Roma l’11 maggio del 2011? Altri, a macchia di leopardo in tutta la terra tra il 5 e il 6 aprile 2012? Li ha previsti un astronomo e sismologo italiano, Raffaele Bendandi, (nella foto), nato a Faenza il 17 ottobre1893, nel quartiere tradizionalmente denominato ‘Filanda Vecchia’, da un’umile famiglia, che non poté permettergli di proseguire gli studi superiori, morì nella città natale il 3 novembre del 1979. Dopo le scuole elementari, seguì quindi un corso di specializzazione in disegno tecnico e fece l’apprendista da un orologiaio. Ciononostante all’età di 10 anni era già appassionato di astronomia e geofisica, tanto da costruirsi da solo un telescopio e diversi sismografi. In seguito al terremoto di Messina del 28 dicembre 1908, si appassionò allo studio dei terremoti e, grazie ad un lavoro non troppo faticoso di intagliatore del legno, riuscì a dedicarvi parte del suo tempo. Durante la Grande Guerra servì come meccanico in una squadriglia aerea. Bendandi fu quindi un ricercatore autodidatta: nel 1920 entrò a fa parte della Società Sismologica Italiana e negli anni successivi formulò la propria teoria «sismogenica» sulla natura dei terremoti e sulle cause che li determinano. I suoi studi e le sue previsioni, però, non sono accettate dalla comunità scientifica, perché Bendandi fu un autodidatta e non pubblicò mai una esposizione scientifica della sua teoria.Bendandi trasse ispirazione per la sua teoria dalle passeggiate fatte lungo la battigia, mentre era di guardia durante il servizio militare: nel 1919 intuì che la crosta terrestre, così come le maree, è soggetta agli effetti di attrazione gravitazionale della Luna. La sua teoria per la previsione dei terremoti (mai riconosciuta dalla comunità scientifica, anche perché egli non ne volle mai fornire un’esposizione formale) è basata sull’ipotesi che la Luna, gli altri pianeti del sistema solare e lo stesso Sole siano la causa dei movimenti della crosta terrestre che effettivamente si deforma e pulsa con tempi e ritmi dipendenti dalla posizione dei corpi celesti all’interno del sistema solare. Nei suoi studi Bendandi sfruttò anche una profonda grotta nella vallata del Rio Senio dell’Appennino tosco-romagnolo per avere la conferma dell’influsso planetario attraverso un inclinometro. Una sua prima involontaria previsione la fece per il terremoto della Marsica il 13 gennaio 1915, quando si accorse che il 27 ottobre dell’anno precedente aveva lasciato un appunto al riguardo nel suo taccuino.Il 23 novembre 1923 fece registrare ad un notaio di Faenza una sua previsione: il 2 gennaio 1924 si sarebbe verificato un terremoto nelle Marche. Il terremoto effettivamente si verificò a Senigallia e il Corriere della Sera gli dedicò la prima pagina, chiamandolo Colui che prevede i terremoti. La sua fama crebbe anche a livello internazionale. Attraverso la sua teoria tentò di spiegare la catastrofe che potrebbe aver provocato la scomparsa di Atlantide. Egli sostenne che le forze gravitazionali planetarie, sommandosi, avrebbero provocato uno spostamento del polo geografico, con conseguente spostamento del rigonfiamento equatoriale e allagamento di alcune regioni del globo. Bendandi determinò nel 10431 a.C. l’anno in cui si sarebbe verificato questo cataclisma. Un secondo cataclisma di minori proporzioni, effetto del concorso delle forze gravitazionali di un numero minore di pianeti, si sarebbe verificato nell’anno 2687 a.C. e potrebbe corrispondere al Diluvio Universale. Egli stimò che un evento analogo a quello del 10431 a.C. si sarebbe ripetuto nella primavera del 2521 d.C.Nei suoi studi si occupò anche di stelle variabili, del Sole, di pologia, di studi cosmici e atmosferici e della radioattività atmosferica in relazione a scopi atomici. Oltre all’attività di scultore del legno intraprese quella di costruttore di sismografi: riuscì a vendere alcuni dei suoi modelli anche negli Stati Uniti. Nella sua casa-osservatorio si dotò anche di una biblioteca scientifica. Durante il periodo fascista, dapprima fu nominato nel 1927 da Mussolini Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia; successivamente però venne diffidato dal pubblicare ulteriori previsioni sui terremoti in Italia, pena l’esilio. In realtà continuò a farlo, ma su giornali americani. Nel 1928 Bendandi suppose l’esistenza di altri quattro pianeti extra nettuniani[ sulla base dello studio dell’attività sismica, ai quali diede i nomi di Rex, Dux, Roma e Italia. Dopo averlo perfezionato, nel 1931 Bendandi affidò all’Accademia Pontificia il metodo da lui scoperto per interpretare il ciclo undecennale del Sole. In seguito riuscì autofinanziandosi a pubblicare Un principio fondamentale dell’Universo, dove descrisse la sua scoperta Nel 1972 l’astronomo americano Wood e nel 1976 quello inglese Smith approdarono a risultati simili sullo studio delle macchie solari e del ciclo undecennale dell’attività solare, ma non citarono la pubblicazione di Bendandi.Nel 1959 Bendandi sostenne di aver scoperto un nuovo pianeta all’interno del sistema solare tra Mercurio e il Sole, cui diede il nome della sua città natale, Faenza. Ipotesi simili erano già state formulate nel 1859 dal matematico-astronomo Urbain Le Verrier: all’ipotetico pianeta era stato allora dato il nome di Vulcano, ma ad oggi non esiste conferma della sua esistenza.

    Sulla base della sua teoria, Bendandi predisse anche il terremoto del Friuli nel 1976: cercò inutilmente di avvisare le autorità competenti, che lo trattarono come un ciarlatano.Venne trovato morto il 3 novembre 1979 nella sua casa-osservatorio di Faenza.Solo anni dopo, grazie soprattutto all’associazione “La Bendandiana” (di cui è presidente Paola Lagorio), si iniziò a riordinare l’abbondante materiale lasciato da Bendandi, per poter maggiormente comprendere il suo lavoro ed i suoi studi. Attualmente, ricercando tra le sue carte e pubblicazioni, sono state raccolte 103 previsioni, 61 delle quali riguardanti l’Italia, tutte relative a terremoti fino al 1977. Fu eletto membro della Società Sismologica Italiana dell’Accademia Torricelliana di Scienze e Lettere e della Artis Templum. Fu nominato da Giovanni Gronchi Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.Faenza gli ha dedicato una Scuola Media. Ha avuto l’onoreficenza di Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Tra le tante sue previsioni ce n’è una che riguarda la città di Roma che nel 2011 dovrebbe essere scossa da un terremoto di vaste proporzioni e da un altro ancor più catastrofico nel 2012, anno della profezia Maya, con cui fa coincidere. Le profezie del Bendandi si sono sempre rivelate esatte, con poco scarto. Gli scenziati non hanno mai voluto ritenere i suoi lavori degni di nota o affidabili perchè l’area che prendeva in considerazione per il sisma era ritenuta troppo vasta. Ciò non toglie che è sempre riuscito a prevederli e questo non è poco. Spesso la scienza non vuole ritenere validi studi e ricerche che seguono un metodo differente da quello canonico e qui, potrebbe essere che si sbagli. Ci sono molti misteri al mondo che ancora oggi non si sono potuti spiegare con la pura scienza. Durante la sua vita, precisamente nel 1959, Bendandi scoprì anche un nuovo pianeta all’interno del sistema solare tra Mercurio ed il Sole, cui diede il nome della sua città natale, Faenza. Solo successivamente, nel 1972 l’astronomo americano Wood e nel 1976 l’astronomo inglese Smith portarono avanti il metodo elaborato dal Bendandi per la previsione dei movimenti tellurici, andando a migliorarne l’analisi ed i risultati.Anche il terremoto del Friuli nel 1976 fu previsto dalla sua teoria; inutilmente lui cercò di avvisare le autorità competenti, le quali lo trattarono come un ciarlatano. La sua teoria era abbastanza semplice da un punto di vista concettuale: se l’attrazione lunare causa maree e spostamenti sulla Terra, immaginiamoci di cosa può essere capace l’attrazione esercitata dal Sole, congiunto alle posizioni particolari di alcuni pianeti. Queste fortissime attrazioni sarebbero in grado di spostare le masse semiliquide ubicate nelle profondità terrestri.

    SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MONDO | Terni Magazine
    Riaffiorano i ricordi degli anni di passione
    ritorna il vecchio sogno per la rivoluzione.
    Racconti senza fine di gente che ha pagato
    non puoi mollare adesso la lotta a questo stato.
    La rivoluzione è come il vento, la rivoluzione è come il vento.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    18 Sep 2009
    Messaggi
    2,853
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Ne ha parlato Voyager qualche settimana fa. Io di natura sono scettico tuttavia le teorie del Bendandi sull'influenza dell'attrazione gravitazionale lunare sui terremoti, definite sino ad oggi strampalate, sono state rivalutate poco fa dalla comunità scientifica (vedere sito corriere della sera di qualche giorno fa). Ciò fa riflettere.
    Siete una massa di servi.

  3. #3
    Life sucks...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    ...and then you die.
    Messaggi
    55,422
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Bendandi ne ha azzeccate diverse: le basi metodologiche sono però discutibili. Speriamo che su questa si sia sbagliato.


    Tra l'altro, mi risulta che il suo archivio fu razziato da ignoti. Ci sta che questa previsione sia un falso.
    "Bad karma"

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    18 Sep 2009
    Messaggi
    2,853
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Citazione Originariamente Scritto da Rexal Visualizza Messaggio
    Bendandi ne ha azzeccate diverse: le basi metodologiche sono però discutibili. Speriamo che su questa si sia sbagliato.


    Tra l'altro, mi risulta che il suo archivio fu razziato da ignoti. Ci sta che questa previsione sia un falso.
    Comunque, parlando per assurdo, se le Autorità sapessero che la previsione è azzeccata o che comunque ci sono molte probabilità che sia tale, e non evacuano per tale data l'Urbe...beh che dire...assassinio di Stato?
    Siete una massa di servi.

  5. #5
    Life sucks...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    ...and then you die.
    Messaggi
    55,422
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Citazione Originariamente Scritto da Arikel Visualizza Messaggio
    Comunque, parlando per assurdo, se le Autorità sapessero che la previsione è azzeccata o che comunque ci sono molte probabilità che sia tale, e non evacuano per tale data l'Urbe...beh che dire...assassinio di Stato?
    Attriubisci troppe qualità alla parola Autorità. Al 90% ne sanno quanto me e te.
    "Bad karma"

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    18 Sep 2009
    Messaggi
    2,853
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Citazione Originariamente Scritto da Rexal Visualizza Messaggio
    Attriubisci troppe qualità alla parola Autorità. Al 90% ne sanno quanto me e te.
    Infatti c'era il "Se" :giagia:
    Siete una massa di servi.

  7. #7
    Sempre Avanti
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Bologna
    Messaggi
    74,329
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Citazione Originariamente Scritto da Rexal Visualizza Messaggio
    Bendandi ne ha azzeccate diverse: le basi metodologiche sono però discutibili. Speriamo che su questa si sia sbagliato.
    Già, c'è davvero da sperare che sia così. :giagia:
    Riaffiorano i ricordi degli anni di passione
    ritorna il vecchio sogno per la rivoluzione.
    Racconti senza fine di gente che ha pagato
    non puoi mollare adesso la lotta a questo stato.
    La rivoluzione è come il vento, la rivoluzione è come il vento.

  8. #8
    SILVIO INNOCENTE!!!!!!!!!
    Data Registrazione
    25 May 2002
    Messaggi
    18,754
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Citazione Originariamente Scritto da Rexal Visualizza Messaggio
    Bendandi ne ha azzeccate diverse: le basi metodologiche sono però discutibili. Speriamo che su questa si sia sbagliato.
    Speriamo piuttosto che si sia sbagliato nell'epicentro. Magari quache centinaio di km più a sud...

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 May 2006
    Messaggi
    25,862
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Citazione Originariamente Scritto da Rexal Visualizza Messaggio
    Bendandi ne ha azzeccate diverse: le basi metodologiche sono però discutibili. Speriamo che su questa si sia sbagliato.


    Tra l'altro, mi risulta che il suo archivio fu razziato da ignoti. Ci sta che questa previsione sia un falso.
    :giagia::giagia:
    Non ho voglia di uscire l'11 maggio delll'anno prossimo...
    Comunque vorrei dire solo una cosa: sono almeno 50 anni che sento parlare della fine del mondo, da un pirla o da un altro... e stiamo ancora tutti qui a ciucciare dalle tette della povera Gaia...
    Fornero, t'ho vista piagne mentre m’ammazzavi, e me so' commosso... Vorei ricambia’ er favore. Mori, e vengo a piagne ar funerale tuo.

  10. #10
    Banda Müntzer-Epifanio
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    7,806
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MOND

    Citazione Originariamente Scritto da Fenris Visualizza Messaggio
    SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MONDO
    30 ottobre 2010
    By Web & Books

    Un terremoto devastante sconvolgerà Roma l’11 maggio del 2011? Altri, a macchia di leopardo in tutta la terra tra il 5 e il 6 aprile 2012? Li ha previsti un astronomo e sismologo italiano, Raffaele Bendandi, (nella foto), nato a Faenza il 17 ottobre1893, nel quartiere tradizionalmente denominato ‘Filanda Vecchia’, da un’umile famiglia, che non poté permettergli di proseguire gli studi superiori, morì nella città natale il 3 novembre del 1979. Dopo le scuole elementari, seguì quindi un corso di specializzazione in disegno tecnico e fece l’apprendista da un orologiaio. Ciononostante all’età di 10 anni era già appassionato di astronomia e geofisica, tanto da costruirsi da solo un telescopio e diversi sismografi. In seguito al terremoto di Messina del 28 dicembre 1908, si appassionò allo studio dei terremoti e, grazie ad un lavoro non troppo faticoso di intagliatore del legno, riuscì a dedicarvi parte del suo tempo. Durante la Grande Guerra servì come meccanico in una squadriglia aerea. Bendandi fu quindi un ricercatore autodidatta: nel 1920 entrò a fa parte della Società Sismologica Italiana e negli anni successivi formulò la propria teoria «sismogenica» sulla natura dei terremoti e sulle cause che li determinano. I suoi studi e le sue previsioni, però, non sono accettate dalla comunità scientifica, perché Bendandi fu un autodidatta e non pubblicò mai una esposizione scientifica della sua teoria.Bendandi trasse ispirazione per la sua teoria dalle passeggiate fatte lungo la battigia, mentre era di guardia durante il servizio militare: nel 1919 intuì che la crosta terrestre, così come le maree, è soggetta agli effetti di attrazione gravitazionale della Luna. La sua teoria per la previsione dei terremoti (mai riconosciuta dalla comunità scientifica, anche perché egli non ne volle mai fornire un’esposizione formale) è basata sull’ipotesi che la Luna, gli altri pianeti del sistema solare e lo stesso Sole siano la causa dei movimenti della crosta terrestre che effettivamente si deforma e pulsa con tempi e ritmi dipendenti dalla posizione dei corpi celesti all’interno del sistema solare. Nei suoi studi Bendandi sfruttò anche una profonda grotta nella vallata del Rio Senio dell’Appennino tosco-romagnolo per avere la conferma dell’influsso planetario attraverso un inclinometro. Una sua prima involontaria previsione la fece per il terremoto della Marsica il 13 gennaio 1915, quando si accorse che il 27 ottobre dell’anno precedente aveva lasciato un appunto al riguardo nel suo taccuino.Il 23 novembre 1923 fece registrare ad un notaio di Faenza una sua previsione: il 2 gennaio 1924 si sarebbe verificato un terremoto nelle Marche. Il terremoto effettivamente si verificò a Senigallia e il Corriere della Sera gli dedicò la prima pagina, chiamandolo Colui che prevede i terremoti. La sua fama crebbe anche a livello internazionale. Attraverso la sua teoria tentò di spiegare la catastrofe che potrebbe aver provocato la scomparsa di Atlantide. Egli sostenne che le forze gravitazionali planetarie, sommandosi, avrebbero provocato uno spostamento del polo geografico, con conseguente spostamento del rigonfiamento equatoriale e allagamento di alcune regioni del globo. Bendandi determinò nel 10431 a.C. l’anno in cui si sarebbe verificato questo cataclisma. Un secondo cataclisma di minori proporzioni, effetto del concorso delle forze gravitazionali di un numero minore di pianeti, si sarebbe verificato nell’anno 2687 a.C. e potrebbe corrispondere al Diluvio Universale. Egli stimò che un evento analogo a quello del 10431 a.C. si sarebbe ripetuto nella primavera del 2521 d.C.Nei suoi studi si occupò anche di stelle variabili, del Sole, di pologia, di studi cosmici e atmosferici e della radioattività atmosferica in relazione a scopi atomici. Oltre all’attività di scultore del legno intraprese quella di costruttore di sismografi: riuscì a vendere alcuni dei suoi modelli anche negli Stati Uniti. Nella sua casa-osservatorio si dotò anche di una biblioteca scientifica. Durante il periodo fascista, dapprima fu nominato nel 1927 da Mussolini Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia; successivamente però venne diffidato dal pubblicare ulteriori previsioni sui terremoti in Italia, pena l’esilio. In realtà continuò a farlo, ma su giornali americani. Nel 1928 Bendandi suppose l’esistenza di altri quattro pianeti extra nettuniani[ sulla base dello studio dell’attività sismica, ai quali diede i nomi di Rex, Dux, Roma e Italia. Dopo averlo perfezionato, nel 1931 Bendandi affidò all’Accademia Pontificia il metodo da lui scoperto per interpretare il ciclo undecennale del Sole. In seguito riuscì autofinanziandosi a pubblicare Un principio fondamentale dell’Universo, dove descrisse la sua scoperta Nel 1972 l’astronomo americano Wood e nel 1976 quello inglese Smith approdarono a risultati simili sullo studio delle macchie solari e del ciclo undecennale dell’attività solare, ma non citarono la pubblicazione di Bendandi.Nel 1959 Bendandi sostenne di aver scoperto un nuovo pianeta all’interno del sistema solare tra Mercurio e il Sole, cui diede il nome della sua città natale, Faenza. Ipotesi simili erano già state formulate nel 1859 dal matematico-astronomo Urbain Le Verrier: all’ipotetico pianeta era stato allora dato il nome di Vulcano, ma ad oggi non esiste conferma della sua esistenza.

    Sulla base della sua teoria, Bendandi predisse anche il terremoto del Friuli nel 1976: cercò inutilmente di avvisare le autorità competenti, che lo trattarono come un ciarlatano.Venne trovato morto il 3 novembre 1979 nella sua casa-osservatorio di Faenza.Solo anni dopo, grazie soprattutto all’associazione “La Bendandiana” (di cui è presidente Paola Lagorio), si iniziò a riordinare l’abbondante materiale lasciato da Bendandi, per poter maggiormente comprendere il suo lavoro ed i suoi studi. Attualmente, ricercando tra le sue carte e pubblicazioni, sono state raccolte 103 previsioni, 61 delle quali riguardanti l’Italia, tutte relative a terremoti fino al 1977. Fu eletto membro della Società Sismologica Italiana dell’Accademia Torricelliana di Scienze e Lettere e della Artis Templum. Fu nominato da Giovanni Gronchi Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.Faenza gli ha dedicato una Scuola Media. Ha avuto l’onoreficenza di Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Tra le tante sue previsioni ce n’è una che riguarda la città di Roma che nel 2011 dovrebbe essere scossa da un terremoto di vaste proporzioni e da un altro ancor più catastrofico nel 2012, anno della profezia Maya, con cui fa coincidere. Le profezie del Bendandi si sono sempre rivelate esatte, con poco scarto. Gli scenziati non hanno mai voluto ritenere i suoi lavori degni di nota o affidabili perchè l’area che prendeva in considerazione per il sisma era ritenuta troppo vasta. Ciò non toglie che è sempre riuscito a prevederli e questo non è poco. Spesso la scienza non vuole ritenere validi studi e ricerche che seguono un metodo differente da quello canonico e qui, potrebbe essere che si sbagli. Ci sono molti misteri al mondo che ancora oggi non si sono potuti spiegare con la pura scienza. Durante la sua vita, precisamente nel 1959, Bendandi scoprì anche un nuovo pianeta all’interno del sistema solare tra Mercurio ed il Sole, cui diede il nome della sua città natale, Faenza. Solo successivamente, nel 1972 l’astronomo americano Wood e nel 1976 l’astronomo inglese Smith portarono avanti il metodo elaborato dal Bendandi per la previsione dei movimenti tellurici, andando a migliorarne l’analisi ed i risultati.Anche il terremoto del Friuli nel 1976 fu previsto dalla sua teoria; inutilmente lui cercò di avvisare le autorità competenti, le quali lo trattarono come un ciarlatano. La sua teoria era abbastanza semplice da un punto di vista concettuale: se l’attrazione lunare causa maree e spostamenti sulla Terra, immaginiamoci di cosa può essere capace l’attrazione esercitata dal Sole, congiunto alle posizioni particolari di alcuni pianeti. Queste fortissime attrazioni sarebbero in grado di spostare le masse semiliquide ubicate nelle profondità terrestri.

    SISMA DEVASTANTE PREVISTO PER L’11 MAGGIO 2011 A ROMA, NEL 2012 IN TUTTO IL MONDO | Terni Magazine


    Ma che giri internettiani ti sei fatto per finire su Terni magazine?

 

 
Pagina 1 di 18 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Come previsto: Sanremo 2012, Adriano c'è!...
    Di Zorro nel forum Fondoscala
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 19-01-12, 23:10
  2. 11 maggio 2011, Roma: ore 15, nessun terremoto
    Di Furlan nel forum Padania!
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 12-05-11, 15:01
  3. Era tutto previsto...Tribunale Roma annulla 41 bis a boss mafioso
    Di Iron_Man (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 14-01-09, 19:50
  4. Tutto previsto?
    Di -edo- nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-01-08, 18:16
  5. Rcs: era già tutto previsto...
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 24-09-05, 15:09

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226