User Tag List

Pagina 804 di 817 PrimaPrima ... 304704754794803804805814 ... UltimaUltima
Risultati da 8,031 a 8,040 di 8164
Like Tree170Likes

Discussione: La guerra delle monete

  1. #8031
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    20,559
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La guerra delle monete

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    https://www.rischiocalcolato.it/2017...nanziario.html

    Bitcoin Sempre meno Moneta di Scambio, Sempre più (e Solo) asset Finanziario
    Non credo che qualcuno ai piani alti non lo avesse previsto , sono tutte ruote che girano per concentrare i soldi nelle mani di pochi ... i soliti innominabili .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #8032
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La guerra delle monete

    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #8033
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    6,269
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La guerra delle monete

    PERCHE' DICO NO A CHI VUOLE ABOLIRE IL CONTANTE
    di Alessandro Montanari
    Chi controlla il denaro può controllare il mondo
    Henry Kissinger
    Vorrei sbagliarmi ma temo che le elite che governano la globalizzazione intendano sottoporre l'umanità ad un nuovo pericoloso salto nel buio, mettendo fine all'era millenaria della moneta materiale. Un processo di progressiva smaterializzazione del denaro, in effetti, è già avviato da tempo, ma quello che forse non sapete è che in alcuni Paesi-pilota è ormai prossimo al completamento.
    Lo scorso novembre, ad esempio, la Svezia ha comunicato al mondo di aver ridotto le compravendite in contanti a meno del 2 per cento delle transazioni complessive. Sotto la spinta delle campagne governative, la gran parte dei negozianti ha infatti scelto di accettare in via esclusiva il pagamento elettronico, determinando così la sostanziale scomparsa di banconote e monete. Non solo. L'euforia futurista degli svedesi è tale che le ferrovie pubbliche hanno potuto persino introdurre - senza alcuno scandalo e purtroppo con buon successo - un nuovo inquientante metodo per acquistare biglietti e abbonamenti: l'impianto di un bancomat in formato microchip nella mano dei passeggeri.
    Io non credo, come sostiene qualcuno, che la Svezia sia un caso particolare, ovvero che gli svedesi si siano spinti così in là solo in virtù della loro spiccata attitudine tecnologica. Credo al contrario che la Svezia, proprio per questa caratteristica della sua popolazione, sia stata scelta come Paese-laboratorio di una rivoluzione da presentare ed estendere al resto del mondo.
    L'abolizione del denaro contante, infatti, è esplicitamente sostenuta dal Fondo Monetario Internazionale che ha suggerito un vademecum di misure legislative all'attenzione dei governi di tutto il pianeta, raccogliendo subito il consenso della Commissione Europa che tuttavia, nello scorso luglio, ha dovuto constatare la drastica ostilità al progetto del 95 per cento dei cittadini europei. Ecco perché è così importante creare esempi “positivi” ed ecco perché alcuni Stati - oltre alla Svezia, Danimarca, Stati Uniti, e Australia – si stanno dando veri e propri crono-programmi per raggiungere l'obiettivo nell'arco, non di decenni, ma di qualche anno.
    Per scardinare un'abitudine tanto radicata nell'umanità quale quella di maneggiare il denaro, non può certo bastare l'imposizione legislativa. Resta infatti indispensabile ottenere il consenso, o quantomeno la passiva indifferenza, di un'opinione pubblica che oggi, tuttavia, è facilmente irretita da tutto ciò che le vien presentato come moderno. Come se “moderno”, nel vocabolario di questo tecno-mondo globale, fosse sempre e comunque sinonimo di “migliore”.
    Il caso italiano, da questo punto di vista, appare illuminante. Chi sostiene attivamente l'archiviazione del contante – perlopiù la stampa d'ispirazione mondialista, attraverso la penna di alcuni personaggi d'indubbia autorevolezza presso i cittadini – lo fa con una logica semplicistica che della scomparsa fisica dei soldi descrive solo i possibili vantaggi, trascurando accuratamente di immaginarne i molteplici, e direi più che probabili, effetti collaterali.
    Ci viene ad esempio spiegato che impedire la circolazione della cartamoneta ridurrà l'evasione fiscale, determinerà la fine di spaccio e prostituzione e renderà assai meno macchinosa, sebbene totalmente tracciabile, la nostra vita di consumatori. Smettendo di maneggiare banconote, insomma, ci trasformeremmo sic et simpliciter in un piccolo paradiso terrestre, abitato da cittadini progrediti, redenti da ogni vizio ed irreprensibili.
    Trovo questa narrazione gravemente parziale e lacunosa. Anche perché la smaterializzazione del denaro, a mio modo di vedere, finirà soprattutto per trasferire la potestà effettiva sul denaro da chi lo possiede a chi lo custodisce.
    Prima di arrivare a questa mia personale e drastica conclusione, credo però che sia il caso di rimettere un po' d'ordine nei ragionamenti altrui.
    Ritengo profondamente fuorviante, ad esempio, ricondurre il fenomeno dell'evasione e del riciclaggio alla sola irrintracciabilità del denaro contante. Chi propaganda questa vulgata difetta di senso delle proporzioni allo stesso modo di chi imputa gli ammanchi erariali ai baristi che non battono scontrino e agli idraulici che non emettono fattura. Non dispongo di dati, ma forse anche voi, come me, avete la vaga sensazione che i danni inferti al nostro erario dall'evasione delle tazzine di caffé e delle riparazioni di tubi siano di scala decisamente inferiore ai danni complessivamente inflitti alla nostra economia dagli squali della finanza derivata e dai furbetti dei trasferimenti contabili. Bene. Questa economia elettronica non si nutre di banconote, ma di voraci algoritmi del tutto indipendenti da ogni riferimento tangibile, e dubito che la scomparsa della cartamoneta potrà ridurre in alcun modo il suo potenziale distruttivo. Al contrario, semmai, aumenterà la dipendenza del reale dal virtuale.
    Sarebbe inoltre il caso di ammettere - e alcuni giudici coraggiosi, in Italia, l'hanno già riconosciuto - che l'evasione non è tutta di natura criminale, ma che c'è anche un'evasione di sopravvivenza, commessa a scopo, oserei dire, umanitario: per non licenziare i propri dipendenti, per sfamare la famiglia o per pagare forniture indispensabili a tirare avanti l'azienda.
    Quanto al problema del riciclaggio, poi, temo che la malavita organizzata abbia già realizzato che un complice nell'ambiente della tecno-finanza sia più utile di cento spalloni.
    Un altro aspetto che i sostenitori della smaterializzazione del contante non denunciano - oltre a quello, forse dato ormai per inevitabile, dell'asfissiante pedinamento dei nostri comportamenti - riguarda l'increscioso strapotere che ne deriverebbero le banche, le quali, come i signori della globalizzazione sanno bene, non godono oggi di grande fiducia popolare.
    Immaginiamoci una situazione divenuta, a noi italiani, abbastanza familiare. Supponiamo che abbiate il conto in un istituto che sta precipitando in borsa o sul quale Bankitalia abbia avviato accertamenti o la magistratura ordinaria abbia disposto un'inchiesta. Essendo in vigore il bail in, dovreste preoccuparvi di poter perdere i vostri risparmi e sarebbe vostro sacrosanto diritto ritirare, precauzionalmente, tutto il vostro patrimonio. Già oggi, con il tetto ai prelievi, questa operazione non vi sarebbe possibile oltre il limite, ridicolo, di mille euro al giorno e 5mila euro al mese, ma domani, una volta abolito per legge il contante, prelevare sarà letteralmente impossibile. Dunque non avreste altra scelta che spostare quel denaro da un istituto all'altro, nell'irragionevole speranza che l'istituto prescelto non abbia alcuna interdipendenza con la banca dalla quale desideravate fuggire.
    I vostri soldi, come già detto, non saranno più solo vostri, ma saranno anche di chi li custodisce e, se permettete, dubito che sollevare le banche dal rischio della corsa agli sportelli le indurrà ad una minore spregiudicatezza finanziaria.
    Vorrei poi che mi faceste la personale cortesia di non abboccare alla favoletta di chi racconta che l'informatizzazione del denaro è il metodo di custodia più sicuro perché, a conti fatti, non appare molto più sicuro del materasso. Il denaro virtuale, infatti, vi espone a numerosissimi pericoli di sottrazioni indebite, che vanno dall'applicazione di costi occulti all'infiltrazione telematica, tralasciando qui l'eventualità – che sbagliereste a considerare remota giacché contemplata in tutti gli scenari di pubblica sicurezza - di un black-out vasto o prolungato che sarebbe in grado, in comunità senza contanti, di paralizzare completamente ogni attività umana.
    Temo infine che, bombardati da valutazioni di ordine pratico, si corra il rischio di sottovalutare le gravi implicazioni psico-pedagogiche che la smaterializzazione del denaro avrebbe, in particolare, sulle nuove generazioni.
    Sono stato bambino negli anni '80 e ricordo perfettamente che venivamo educati a maneggiare il denaro. Genitori e nonni ci concedevano piccole mance da amministrare oculatamente, per poi provare l'ebbrezza di acquistare, da soli, ciò che più desideravamo. Ricordo ancora il momento in cui, dopo estenuanti settimane di attesa, consegnai al negoziante una cinquantina di banconote da 500 lire per ricevere in cambio un meraviglioso pallone di basket, marca Spalding, che a quel punto non era più solo un gioco, ma anche la mia prima esperienza autonoma di gestione finanziaria. Ricordo peraltro che alle elementari, in perfetta armonia con gli insegnamenti familiari allora in voga, le insegnanti ci fecero costruire un salvadanaio di cartone, a forma di casa, invitandoci ad usarlo come gli adulti facevano uso della banca, ovvero depositandovi, quando potevamo, una moneta da cento lire.
    Quello sarà forse stato un mondo piccolo e provinciale, ne convengo, ma attraverso quell'esperienza materiale del denaro noi bambini imparavamo a risparmiare, a non spendere più di quanto era possibile spendere ed anche, forse, a selezionare i desideri.
    Privare i bambini di questa esperienza tattile, visiva e dunque concreta del denaro rischia di avere effetti secondari dirompenti. Se il denaro esiste solo come astrazione, il processo educativo alla spesa responsabile e al risparmio viene automaticamente a cadere, soppiantato dalla libertà ingannevole di questa contabilità neo-liberistica del debito/credito per cui chiunque può ottenere immediatamente tutto ciò che vuole – senza nemmeno provare il gusto di desiderarlo – semplicemente diminuendo l'entità dei propri crediti o aumentando l'entità dei propri debiti. Nella scuola di oggi, peraltro, non ci sono case di cartone e gli scolari, guarda caso, vengono valutati proprio così: attribuendo debiti e crediti.
    Non ho fatto studi di pedagogia, ma credo che questo sistema non potrà che trasformare i bambini in consumatori precoci e compulsivi ed i consumatori compulsivi in cittadini sottomessi. Perché chi contrae un debito ha l'onere di ripagarlo, chi deve ripagare un debito necessita di denaro e chi ha bisogno di denaro deve lavorare per guadagnarselo. Ed io ho il sospetto, che confina ormai con la certezza, che quel lavoratore non riuscirà a dire un solo no. E nessuno mi toglierà dalla testa che un salvadanaio di cartone, a forma di casa, gli avrebbe garantito un futuro migliore. Più solido, consapevole e dignitoso.
    PERCHE' DICO NO A CHI VUOLE ABOLIRE IL CONTANTE | L'interesse nazionale

  4. #8034
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  5. #8035
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La guerra delle monete

    Nel nuovo anno la borsa "Shanghai International Energy Exchange" lancerà i futures di greggio quotati in yuan. Il debutto di questo nuovo strumento avrà pesanti conseguenze geopolitiche e finanziarie, scrivono gli analisti.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  6. #8036
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    41,921
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La guerra delle monete

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  7. #8037
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    21,284
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: La guerra delle monete

    Alle 16.45 è stata superata per la prima volta dal 2015 la soglia dell'1.18 CHF per 1 euro (1.1802).

  8. #8038
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    6,269
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: La guerra delle monete

    L’oro statunitense è invendibile
    Secondo Ronan Manly, esperto di lingotti del BullionStar di Singapore, gli Stati Uniti non permettono a nessuno di esaminare le proprie riserve auree. Anche se il Tesoro USA avesse i miliardi che dichiara di avere, questo oro non è vendibile.
    Il governo degli Stati Uniti afferma di detenere 8133,5 tonnellate di metallo dorato nelle riserve ufficiali. Il cinquantotto percento si troverebbe a Fort Knox, nel Kentucky, il 20 percento a West Point, a New York, il 16 percento a Denver Mint in Colorado e il 5 percento presso la Federal Reserve di New York.
    “L’intera faccenda delle riserve auree degli Stati Uniti è opaca e segreta. Queste riserve non sono mai state oggetto di una completa revisione indipendente, e i loro guardiani della Zecca e della FED di New York non lasceranno che nessuno entri nei caveau per vederli e contarli”, diceva Manly a RT.
    In ogni caso, secondo l’esperto, anche se il Tesoro statunitense è stato accusato molte volte di possedere molto meno oro di quanto sostiene, c’è un altro motivo: l’oro statunitense è di scarsa qualità. “Anche i dettagli forniti sulle presunte riserve auree degli Stati Uniti mostrano che la maggior parte dei lingotti ha poco oro e il loro peso non soddisfa le specifiche del lingotto d’oro standard ‘di buona lega’”, aggiungeva. “Ecco perché, anche se gli Stati Uniti avessero la quantità di oro che affermano di avere, la maggior parte è invendibile sul mercato internazionale e può essere utilizzata solo nel commercio con altre banche centrali che vogliano scambiare lingotti d’oro di buona qualità con quelli di qualità inferiore e dal peso insolito degli Stati Uniti“, aggiungeva.
    Se è vero che le riserve auree degli Stati Uniti sono inferiori a quanto affermato, si riconfigurerebbe completamente l’economia globale, predice Manly. Ciò non influenzerebbe direttamente il dollaro USA, né comporterebbe un cambio immediato nell’uso del dollaro USA nel commercio internazionale, ma le conseguenze sarebbero considerevoli. “In primo luogo, la prova che le riserve auree degli Stati Uniti sono inferiori a quelle dichiarate aumenterebbe la pressione per un controllo indipendente completo di tutte le riserve auree degli Stati Uniti. Punterebbe anche sulle riserve auree di altri importanti blocchi commerciali, come eurozona, Cina e Russia, e aprirebbe il dibattito sul ruolo dell’oro nel sistema monetario internazionale. Qualcosa che il governo degli Stati Uniti cerca sempre di evitare“, dice l’esperto. “Poi dovremmo spostare l’attenzione verso i detentori internazionali di dollari USA prima dell’agosto 1971, quando Nixon chiuse il mercato commerciale dell’oro perché in fin dei conti quei dollari fluttuanti per le liquidazioni, detenuti all’epoca dalle banche centrali estere, sono ancora tecnicamente convertibili in oro al prezzo ufficiale dell’epoca“, aggiungeva. E per di più, se l’oro detenuto dal Tesoro degli Stati Uniti è denaturato, si avrà ulteriore pressione sulle altre banche centrali il cui oro si trova negli Stati Uniti.
    Un serio controllo delle riserve auree degli Stati Uniti dovrebbe includere la pesatura di tutti i lingotti, la verifica del loro contenuto in oro e pubblicazione del peso totale; la verifica dovrebbe essere effettuata da un revisore completamente indipendente. Secondo Manly, Washington non lo permetterà mai.
    https://aurorasito.wordpress.com/201...e-invendibile/

  9. #8039
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    41,921
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: La guerra delle monete

    Citazione Originariamente Scritto da Erlembaldo Visualizza Messaggio
    L’oro statunitense è invendibile
    Secondo Ronan Manly, esperto di lingotti del BullionStar di Singapore, gli Stati Uniti non permettono a nessuno di esaminare le proprie riserve auree. Anche se il Tesoro USA avesse i miliardi che dichiara di avere, questo oro non è vendibile.
    Il governo degli Stati Uniti afferma di detenere 8133,5 tonnellate di metallo dorato nelle riserve ufficiali. Il cinquantotto percento si troverebbe a Fort Knox, nel Kentucky, il 20 percento a West Point, a New York, il 16 percento a Denver Mint in Colorado e il 5 percento presso la Federal Reserve di New York.
    “L’intera faccenda delle riserve auree degli Stati Uniti è opaca e segreta. Queste riserve non sono mai state oggetto di una completa revisione indipendente, e i loro guardiani della Zecca e della FED di New York non lasceranno che nessuno entri nei caveau per vederli e contarli”, diceva Manly a RT.
    In ogni caso, secondo l’esperto, anche se il Tesoro statunitense è stato accusato molte volte di possedere molto meno oro di quanto sostiene, c’è un altro motivo: l’oro statunitense è di scarsa qualità. “Anche i dettagli forniti sulle presunte riserve auree degli Stati Uniti mostrano che la maggior parte dei lingotti ha poco oro e il loro peso non soddisfa le specifiche del lingotto d’oro standard ‘di buona lega’”, aggiungeva. “Ecco perché, anche se gli Stati Uniti avessero la quantità di oro che affermano di avere, la maggior parte è invendibile sul mercato internazionale e può essere utilizzata solo nel commercio con altre banche centrali che vogliano scambiare lingotti d’oro di buona qualità con quelli di qualità inferiore e dal peso insolito degli Stati Uniti“, aggiungeva.
    Se è vero che le riserve auree degli Stati Uniti sono inferiori a quanto affermato, si riconfigurerebbe completamente l’economia globale, predice Manly. Ciò non influenzerebbe direttamente il dollaro USA, né comporterebbe un cambio immediato nell’uso del dollaro USA nel commercio internazionale, ma le conseguenze sarebbero considerevoli. “In primo luogo, la prova che le riserve auree degli Stati Uniti sono inferiori a quelle dichiarate aumenterebbe la pressione per un controllo indipendente completo di tutte le riserve auree degli Stati Uniti. Punterebbe anche sulle riserve auree di altri importanti blocchi commerciali, come eurozona, Cina e Russia, e aprirebbe il dibattito sul ruolo dell’oro nel sistema monetario internazionale. Qualcosa che il governo degli Stati Uniti cerca sempre di evitare“, dice l’esperto. “Poi dovremmo spostare l’attenzione verso i detentori internazionali di dollari USA prima dell’agosto 1971, quando Nixon chiuse il mercato commerciale dell’oro perché in fin dei conti quei dollari fluttuanti per le liquidazioni, detenuti all’epoca dalle banche centrali estere, sono ancora tecnicamente convertibili in oro al prezzo ufficiale dell’epoca“, aggiungeva. E per di più, se l’oro detenuto dal Tesoro degli Stati Uniti è denaturato, si avrà ulteriore pressione sulle altre banche centrali il cui oro si trova negli Stati Uniti.
    Un serio controllo delle riserve auree degli Stati Uniti dovrebbe includere la pesatura di tutti i lingotti, la verifica del loro contenuto in oro e pubblicazione del peso totale; la verifica dovrebbe essere effettuata da un revisore completamente indipendente. Secondo Manly, Washington non lo permetterà mai.
    https://aurorasito.wordpress.com/201...e-invendibile/
    Tutto tungsteno placcato?
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  10. #8040
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La guerra delle monete

    https://www.rischiocalcolato.it/2018...a-dollaro.html

    IL BITCOIN HA FATTO GIOCO AL “SISTEMA” DOLLARO.

    Di Maurizio Blondet , il 18 gennaio 2018


    Spero che, con le menti degli entusiasti diventate un po’ più fredde, si possa correggere qualche idea senza essere subissati da insulti di gente con la bava alla bocca che urla: cretino, non sai di cosa parli! Non conosci i misteri gloriosi del blockchain, quindi sei vecchio! La moneta digitale sostituirà quella degli Stati, che è moneta fiat creata dal nulla! Saremo liberi!

    Adesso cominciamo distinguere fra la moneta “fiat” emessa dal sistema attuale e la natura “fiat” del Bitcoin. Oggi, vige la “Moneta-credito”: il 98 per cento della creazione monetaria è creato dalle banche indebitando il prossimo: le famiglie, noi e voi, le imprese, gli Stati. Quando la BCE crea moneta, si fa’ dare dagli Stati i loro Buoni del Tesoro, che danno interessi. Quando la banca privata fa un mutuo al lavoratore, indebita il lavoratore, che comincia a pagare gli interessi fin dal primo momento.

    Spero che ormai sia noto ai lettori che la banca sta creando denaro dal nulla; quello che dà al lavoratore, non è denaro che ha in cassa, sotto forma di depositi del risparmiatori; è una mera scrittura contabile. Ma quel denaro “vuoto” viene riempito dagli interessi che paga il debitore, i milioni di debitori, Stati compresi.

    Dunque, la moneta “fiat” del sistema attuale, benché basata sul trucco (“La banca lucra gli interessi su tutto il denaro che crea dal nulla”, Enciclopedia Britannica), è pur sempre “appoggiata” a un valore reale: gli interessi che l’intero mondo produttivo paga, ossia in ultima analisi il Lavoro (come si dice: il denaro “comanda” lavoro) che produce beni veri, cibo, meccanismi, farmaci…. E moneta “fiat” nel senso che l’euro o il dollaro non hanno il loro attivo dentro di sé, ma lo ricevono dai debitori, che possono anche diventare insolventi.

    La sola moneta che ha il suo attivo dentro di sé, è l’arcaico oro. L’argento. O le materie prime non deperibili.

    Il Bitcoin non è una moneta “fiat” nello stesso senso. E’ un po’ più “fiat” delle monete attuali a corso legale, perché non c’è nessun debitore che sta pagando gli interessi al mondo digitale. Il valore del Bitcoin (e altre valute digitali) non è appoggiato a nulla di reale. Il suo valore aumenta solo in funzione della domanda e dell’offerta, ossia sul “desiderio” di arricchirsi e sulla manipolazione del desiderio.

    Lo so che – come urlano i veri credenti – la offerta del Bitcoin è limitata in modo inerente, oltre un tanto non se ne potranno “estrarre” di più, mentre la “domanda”, il desiderio, è senza limiti. So che ciò fa aumentare il prezzo del Bitcoin. Un mese fa, grandi esperti ritenevano possibile che raggiungesse i 30 mila dollari. Non lo escludo nemmeno adesso.

    Voglio solo far notare che, essendo il volume delle transazioni scarso, è facile – per chi ha i mezzi – manipolare i corsi intervenendo sul mercato digitale per acquisti e vendite. Chi ha i mezzi? Per esempio quelli che detengono miliardi di denaro sporco da riciclare. Ma anche degli Stati. O i loro servizi.

    Qualcuno ha scritto che il Bitcoin è “una psy-op della CIA”. Personalmente, penso che non lo sia stato subito, da principio. Ha cominciato ad interessare “la Cia” (o la Fed, e la BCE), ritengo, dal 2016 – l’anno in cui i creatori di moneta-credito hanno capito che “stampare” non bastava più. Che gli “stimoli” creati dalle banche centrali inondando le banche di denaro a tasso zero (però sempre a prestito) non avevano gli effetti attesi, ossia la “crescita”, ma accentuavano i fenomeni che lo “stimolo” si presumeva dovesse curare.


    Oro (giallo) e Bitcoin (blu).
    Per esempio: le banche, i grandi tycoons, gli arricchiti della scena mediatica come Zuckerberg e Bezos, il gigantesco sistema degli speculatori, s’indebitano a tasso zero dalla banca centrale e come lo usano? Per comprare le azioni proprie. Una spesa del tutto improduttiva, che ha un vantaggio per loro: fa aumentare il prezzo delle azioni, e quindi il “valore” delle ricchezze che questi detengono.

    La splendida crescita di Wall Street è avvenuta così, con denaro a credito a tasso zero fornito ai ricchi dalle banche centrali. Una bolla. Per la Federal Reserve, niente di male: perché “il rialzo del 25% della Borsa americana compensa parzialmente il deprezzamento del 15% del dollaro” – che rimane una valuta desiderabile nonostante il deprezzamento, perché se l’hai ricevuto a tasso zero e l’hai investito a Wall Street, hai pur sempre un ritorno sui tuoi “investimenti” del 10 per cento – che è il livello del rendimento ottenuto in Europa dagli speculatori in euro, che si è apprezzato.

    Per non far rivalutare l’oro , convergere la domanda sulle cripto
    Il punto è se la bolla finanziaria di Wall Street scoppia, o se la Fed deve cessare di gonfiarla, riducendo il suo “quantitative easing”. Perché a questo punto, alla speculazione diventa chiaro che le conviene indebitarsi (a tasso basso) non più per comprare azioni, bensì ORO. La sostanza reale, limitata in quantità,che ha il suo attivo dentro di sé. Ciò farebbe rialzare alle stelle i corsi dell’oro, oggi manipolati al ribasso, e sarebbe la campana a morto per il sistema di moneta-credito su cui si basa il trucco bancario fondamentale, il prestare denaro che non ha.

    E qui,secondo me, il Sistema ha cominciato a interessarsi al Bitcoin. Si tratta di deviare i miliardi di denaro creato dal nulla non verso l’oro, ma verso un altro oggetto di desiderio, brillante ma meno pericoloso per loro. Da quel momento un simpatico esperimento per il divertimento intelligente di esperti digitali, ha cominciato ad aumentare di prezzo – in modo prodigioso, incredibile. In un mondo finanziario assetato di rendimenti e capital gains, una tentazione irresistibile per chi ha miliardi di dollari – ma presi a prestito, che dovrà restituire alla FED (in teoria).

    Come hanno fatto? Ritengo – perché sia chiaro, sto facendo un’ipotesi – che si debba puntare l’occhio sul fatto che, ad un certo momento, qualcuno ha cominciato ad acquistare Bitcoin dando in cambio dollari o euro o yuan o yen. Ossia denaro “reale” per una moneta che fino al quel momento si scambiavano sul web degli appassionati, per gioco. Dico “reale” la moneta fiat che però puoi usare per comprare l’auto, una vacanza alle Maldive, un appartamento.

    Chi c’è dietro a questi misteriosi “Exchange” che, senza esitare, ti cambiano (o ti cambiavano) la tua frazione di Bitcoin in un bel pacchetto di euro? La malavita, rispondono alcuni. “La Cia” è una possibile risposta che comprende la prima. La gente piena di desiderio non ha più pensato di indebitarsi per comprare oro, ma Bitcoin – ed ha fatto soldi “reali”, pure.

    Per cifre relativamente piccole. Chi poniamo aveva “guadagnato” un milione in Bitcoin, non se lo è fatto cambiare integralmente. Lo “Exchange” gli ha fatto una carta ricaricabile con 20 mila euro. O anche un bonifico da 100 mila con cui ha comprato un SUV. Ma il grosso, il detentore di bitcoin se lo è tenuto, anche perché aumenta, e lui ogni giorno diventa più ricco (sul web). E’ però sempre nelle grinfie del credito frazionale, perché se tutti i detentori andassero a cambiare i loro Bitcoin e pretendessero i 15 mila dollari del loro “valore” di vertice, si vedrebbe che gli Exchange non hanno i soldi. E il valore calerebbe tragicamente.
    La Bitcoin Bank ha smesso di cambiare le cripto-valute in dollari

    La Metropolitan Bank, che è Morgan Stanley.
    Infatti. Il 15 gennaio scorso, una banca quotata a Wall Street, “la Metropolitan Bank Holding Corp (NYSE:MCB), una delle più dinamiche degli Stati Uniti, detta “The Bitcoin Bank” perché fino ad oggi utilizzata dalle società specializzate nelle cripto-monete e dalle società d’investimento per realizzare operazioni di trasferimenti e depositi, “ha cessato immediatamente tutti i trasferimenti internazionali coinvolgenti cripto-valute”. Così, di punto in bianco. E non solo: “Non si sa quel che succederà dei Bitcoin che i clienti hanno nei loro portafogli … I fondi degli investitori non saranno restituiti”.

    https://coin24.fr/2018/01/16/metropo...ypto-monnaies/

    Magari è per questo che il valore dei Bitcoin è così brutalmente crollato. E la Banca si tiene pure i soldi dei clienti, anche quelli “fiat” ma “reali”. E’ illegale? Eccome no. Ma provate a chiamare la polizia, a rivolgervi a un tribunale per farvi restituire i soldi. Da vostri conti digitali che lo Stato non conosce, in una moneta che lo Stato non riconosce. Era il gran vantaggio delle cripto valute, poter fare a meno dello Stato, liberarsi dalle pastoie fiscal-burocratiche della sovranità. Adesso si vede che il Bitcoin è fuori anche dagli apparati che impongono, bene o male, la giustizia. Il Bitcoin è fuori dalla legalità.

    Ma è stata prosciugata la liquidità creata dal nulla a credito, che minacciava – abbandonata la Borsa – di investirsi in valori reali, come l’oro. “La CIA” ha sventato il vero pericolo per il sistema del credito frazionale, dove “la banca lucra gli interessi dal denaro che crea dal nulla”. Adesso, vedremo cos’altro si inventeranno per ritardare il collasso della pseudo-moneta. Ossia del sistema “basato su piramidi di debiti accumulati l’uno sull’altro in equilibrio instabile”, come diceva il Nobel Maurice Allais. Dove basta che uno cessi di pagare gli interessi sul suo debito ormai impagabile, per far crollare tutto.



    (Per questo rimando a un paio di articoli:

    https://www.maurizioblondet.it/per-i...biamo-uscirne/

    Il capitale «volatile»)

    e soprattutto al mio Schiavi delle Banche (Effedieffe) capitolo 22. )

    la Svizzera voterà per la Moneta Piena
    Allais, come già il grande Irving Fisher contro la Depressione 1929-39, proponeva la “Moneta Piena”. Ossia: togliere alle banche il potere di creare moneta dal nulla indebitandoci – obbligarle a non prestare nemmeno un soldo in più dei depositi che hanno in cassa e “restituire allo Stato, e allo stato soltanto, il potere di creare moneta”.

    Naturalmente questo non piace né al Sistema, né ai credenti nel Bitcoin, che sono anti-Stato.

    In Svizzera un referendum popolare che vieti alle banche private di creare denaro si dovrà tenere nel 2018.

    INIZIATIVA MONETA INTERA SVIZZERA: HOME -

    Non si sa ancora la data. La Banca centrale elvetica ha già messo in guardia i ciittadini con i soliti argomenti storicamente usati contro la Moneta Piena. Ma uno mi sembra più fondato: “La Svizzera avrebbe un sistema finanziario non dimostrato che sarebbe fondamentalmente diverso da quelli di tutti gli altri paesi”, ha detto il presidente della banca centrale Thomas Jordan. La Svizzera non è abbastanza grande e potente per sottrarsi al Sistema globale, che la punirebbe spietatamente per aver rivelato il Trucco Fondamentale. Aspettiamo la Cina con lo yuan convertibile in oro.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 20-01-13, 21:31
  2. Usa, boom delle monete locali con cui non si specula
    Di Legionario nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-02-12, 19:49
  3. UN ITALIA A DUE MONETE
    Di matteomourinho nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 12-12-11, 01:59
  4. Collezionate monete?
    Di Strangolatore di Dresda nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-09-09, 20:05
  5. Nuove facce statali delle monete
    Di ART nel forum Politica Europea
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 14-01-08, 21:35

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225