User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Chi voteresti nel 2014?

Partecipanti
14. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Partito Democratico della Sinistra

    1 7.14%
  • La Gente della Libertà

    3 21.43%
  • Forza Sud

    0 0%
  • Partito Popolare del Nord

    1 7.14%
  • Fronte della Nazione

    2 14.29%
  • Futuro e Libertà

    1 7.14%
  • Patto per l'Italia

    0 0%
  • Riformisti Italiani

    0 0%
  • La Sinistra

    2 14.29%
  • Italia dei Valori

    0 0%
  • Giustizia e Legalità

    0 0%
  • Federazione della Sinistra

    0 0%
  • Movimento per la Padania

    1 7.14%
  • non voto/scheda bianca/scheda nulla

    3 21.43%
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito 15 dicembre: the day after

    E' il giorno del giudizio per Silvio Berlusconi, il 14 dicembre 2010. Dalla mattina si respira un'aria di fine regime e così è.

    Alle 16.00 la Corte Costituzionale annuncia l'illegittimità del legittimo impedimento. Tempo che la notizia si diffonda in Parlamento, alle 19 il governo crolla con 316 voti di sfiducia, 3 astenuti e 298 favorevoli. Contemporaneamente il governo è sul filo del rasoio anche al Senato, dove raccoglie appena 156 voti a favore, 153 contrari e ben due astenuti, a causa delle assenze dei pisaniani.

    Berlusconi parla chiaramente di ribaltone, mentre Napolitano attende le sue dimissioni, obbligate, che giungono dopo ben sei giorni, il 20 dicembre. Napolitano decide però di sospendere i lavori per Natale.

    Intanto il centro sinistra organizza le primarie per il candidato premier, fissandole al 24 gennaio.

    Passato Natale, Napolitano da un mandato esplorativo a Fini che trova una maggioraza alternativa per un governo di scopo guidato da Draghi. Questi accetta ma viene battuto per un solo voto al Senato, a causa di alcune assenze tra i banchi del gruppo misto.

    Le opposizioni tuonano contro Berlusconi accusandolo di aver corrotto alcuni senatori, intanto la magistratura decide di aprire un'inchiesta contro ignoti.

    Con uno scenario così precario, Napolitano scioglie entrambe le Camere e fissa il voto per il 27 marzo. Nel mentre, però, il ribaltone c'era stato nel cda Rai dove era stato cacciato Minzolini dal TG1 ed era stato messo Paolo Mieli mentre al Tg2 andò Flavia Perina, nota finiana ex direttrice del Secolo d'Italia.

    La campagna elettorale, vide da un lato una sfrenata campagna mediatica del Pdl, dall'altro una risposta altrettanto risonante di Futuro e Libertà finanziata da società vicine a Montezemolo, che pubblicizzavano ovunque il nuovo partito.

    Le primarie di gennaio vedono un testa a testa di Vendola e Chiamparino, dove quest'ultimo ottiene il 46% contro il 45% dell'avversario. Vendola, con grande sportività, riconosce la piena legittimità dello sfidante.

    Intanto, mentre alla Camera UDC (con gli esponenti dell'API al suo interno) e FLI decidono di presentarsi in coalizione ma singolarmente, al Senato fanno fronte comune costituendo il cartello unico dell' "Unione per l'Italia".

    Giunge il momento delle elezioni e si delinea uno stato di caos politico, con l'assegnazione del premio di maggioranza alla camera al centro sinistra e al senato finisce con 130 senatori della sinistra, 110 del centro destra e 75 del terzo polo.

    I dati ufficiali sono: PD al 25,6%, SEL al 6,9% e IdV al 7,5% per un totale del 40%. Il Pdl si attesta al 26,3%, seguito dalla Lega all'11,2% e dalla Destra all'1,3% per un totale del 38,8%.
    Il terzo polo totalizza un 15,1% con FLI al 7,1%, l'UDC e l'API al 6,8% e l'Mpa al 1,2%.
    Sorprendentemente Grillo sfiora la soglia di sbarramento attestandosi al 3,6%, mentre la Federazione della Sinistra si tiene al 2%.

    Il PD decide di aprire a una larga coalizione con il terzo polo, proprio mentre Berlusconi proclama brogli annunciando una manifestazione dove avrebbe portato in piazza 10 milioni di italiani. La manifestazione risultò un flop e parte del Pdl andò dissociandosi.

    A fine aprile, intanto, finalmente venne raggiunto l'accordo di governo tra PD - UdC - FLI con l'appoggio esterno dell'Italia dei Valori, che però si era scissa tra la corrente dipietrista e quella demagistrana, più vicina a Grillo.

    Il nuovo governo, alla cui guida si pose il centrista Bruno Tabacci, come primo atto presentò la riforma costituzionale con la quale venne introdotta la sfiducia costruttiva, vennero differenziati i compiti di Camera e Senato, e ridotto il numero dei parlamentari rispettivamente da 630 a 470 e da 315 a 160. A seguito della riforma costituzionale, approvata con ampia maggioranza, il governo mutò la legge elettorale introducendo un sistema proporzionale, eliminando le liste bloccate, ponendo la soglia di sbarramento al 5% per la Camera e al 10% per il Senato e assegnando un premio di maggioranza alla coalizione che avrebbe superato il 45% dei suffragi.

    Con l'approvazione dei bilanci e della legge finanziaria del 2011 si optò per un riassetto dei conti, con tagli mirati alla spesa pubblica che avrebbero ridotto il deficit drasticamente, accompagnati da atti simbolici, come la riduzione del 30% delle indennità parlamentari e la vendita delle auto blu.

    La fiducia nel governo crebbe esponenzialmente, superando il 50%. Intanto, con l'avvento del 2012 si decise di imprimere un atto di innovazione con la liberalizzazione delle professioni e dei trasporti, provvedimenti che ottennero una grande risonanza, essendo riforme organiche e strutturali.

    Intanto, il mondo politico viene scosso dalla sentenza di primo grado sul processo di corruzione contro Berlusconi dell'avvocato David Mills. La magistratura sentenziò l'interdizione perpetua dai pubblici uffici di Berlusconi che, persa ormai la sua forza politica e con le aziende sull'orlo del fallimento, decise di vendere tutto e andare ad Antigua.

    Il Parlamento approvò una legge, il decreto sui mass media, con il quale si stabilì che nessun esponente politico avrebbe più potuto controllare indirettamente o direttamente i mezzi di comunicazione e che nessuna società poteva controllare più di due canali. Allo stesso tempo, RAI 2 e RAI 4 vennero messe in vendita e il CdA sarebbe stato nominato da libere elezioni tra tutti i dipendenti dell'azienda, ponendo fine al controllo dei partiti sull'azienda.

    [...]

    2013
    Dopo l'elezione di Gianfranco Fini alla presidenza della Repubblica, l'area centrista andò allargandosi, espandendosi sia a destra che a sinistra. Tabacci, che aveva svolto un ottimo lavoro riconosciuto da tutti, sentendo esaurita la spinta propulsiva della grande coalizione, rassegnò le dimissioni facendo andare il paese al voto nella primavera del 2014.

    Si presentavano alle urne le seguenti coalizioni

    DESTRA UNITARIA
    Candidato premier: Mara Carfagna



    Sostenuta dal partito di ex pidiellini La Gente della Libertà, di ispirazione conservatrice liberale all'italiana, guidato da Michela Vittoria Brambilla; da Forza Sud, il partito del sud per eccellenza, forte in Campania e Sicilia guidato dalla stessa Carfagna e dal Fronte della Nazione, il partito neofascista dove erano confluiti tutti gli ex AN che non erano andati con Fini, insieme alla Destra di Storace, attualmente guidato da La Russa e dalla Santanchè.
    Nella eterogenea coalizione, sono confluiti anche gli ex leghisti Maroni, Calderoli e i seguaci, fondando il Partito Popolare del Nord

    I MODERATI
    Candidato premier: Enrico Letta




    Sostenuto dal Patto per l'Italia, una formazione centrista dove sono confluiti UDC, i pisaniani del Pdl, i lettiani del PD e gli autonomisti di Lombardo e da Futuro e Libertà di Italo Bocchino. La coalizione è per un'Italia liberale, centrista, europeista e filo americana, tollerante verso gli immigrati e favorevole a un welfare leggero.

    CENTRO SINISTRA
    candidato premier: Giuseppe Civati




    Area socialdemocratica dove è confluita la sinistra italiana nella sua quasi totalità. Per quieto vivere, il Partito Democratico, che ha perso tutta l'area lettiana, ha deciso di porre fine anche alla diatriba interna dalemian veltroniana separandosi. Tuttavia, cambiando nome e tornando a sinistra, il Partito Democratico della Sinistra, ha acquisito maggiori consensi rispetto al morente predecessore. Nella coalizione ci sono anche i veltroniani, che hanno fondato un partito a sé, Riformisti Italiani, dove sono confluite personalità come Fioroni e Realacci, e che si ispirano al Partito Democratico statunitense. Poi ci sono i vendoliani, che da SEL sono divenuti La Sinistra, molto simile a SEL, mentre è rimasta l'Italia dei Valori che però ha subito la scissione di De Magistris, unitosi a Grillo e Travaglio.

    ALTRI PARTITI

    Dalla scissione traumatica della Lega, oltre al PPN è nato il Movimento per la Padania, rimasto isolato e unico erede dell'indipendentismo padeno.
    Si è poi formata l'ala giustizialista guidata da De Magistris e Travaglio, appoggiata dai movimenti di Grillo, che ha preso il nome di Giustizia e Legalità, di cui è simpatizzante anche Fabio Granata, uscito dalla politica.
    A sinistra del PDS c'è anche la storica e sempre extra parlamentare Federezione delle Sinistre, nella quale, oltre agli ex comunisti italiani e ai rifondaroli, sono confluiti anche i seguaci di Ferrando.
    L'uomo è nato libero ma ovunque è in catene

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    73,938
    Mentioned
    585 Post(s)
    Tagged
    60 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    Bello scenario. Complimenti.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  3. #3
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    Futuro e Libertà. E Fini presidente!

    Citazione Originariamente Scritto da occidentale Visualizza Messaggio
    Bello scenario. Complimenti.
    Bah,i miei sono migliori hefico:
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

  4. #4
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    Citazione Originariamente Scritto da occidentale Visualizza Messaggio
    Bello scenario. Complimenti.
    ti ringrazio!
    L'uomo è nato libero ma ovunque è in catene

  5. #5
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    Citazione Originariamente Scritto da Tipo Destro Visualizza Messaggio
    Futuro e Libertà. E Fini presidente!



    Bah,i miei sono migliori hefico:
    Suvvia, sono ancora un dilettante! :giagia: E poi che vuoi di più, ti ho messo Fini presidente della Repubblica, sappi che per me non è stato facile! iango:
    L'uomo è nato libero ma ovunque è in catene

  6. #6
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    Citazione Originariamente Scritto da Francpolitik Visualizza Messaggio
    E poi che vuoi di più, ti ho messo Fini presidente della Repubblica, sappi che per me non è stato facile! iango:
    :sofico:
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

  7. #7
    Signore di Trieste
    Data Registrazione
    10 Oct 2007
    Località
    trst - triest
    Messaggi
    12,711
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    partito trenta81?

  8. #8
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    Ma proprio Civati ? iango:

    voto PDS però ovviamente
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  9. #9
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    Citazione Originariamente Scritto da SteDiessino Visualizza Messaggio
    Ma proprio Civati ? iango:

    voto PDS però ovviamente
    nel 2014 pensavo potesse essersi rinnovata la classe dirigente, Bersani comincia a farsi vecchiotto :sofico:
    L'uomo è nato libero ma ovunque è in catene

  10. #10
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: 15 dicembre: the day after

    Voto allo sfascio! Fronte della Nazione, e magari qualche bombetta qui e là.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 14-12-08, 08:37
  2. Il popolo del 2 dicembre c'è. Ma c'è bisogno di un altro 2 dicembre?
    Di FalcoConservatore nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 20-09-07, 01:18
  3. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 04-01-07, 13:05
  4. [Memoria di Lotta] 19 Dicembre 2000-19 Dicembre 2006.
    Di 22Ottobre nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-12-06, 00:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226