User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 32
  1. #1
    vae victis
    Data Registrazione
    23 Sep 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    93,983
    Mentioned
    3822 Post(s)
    Tagged
    140 Thread(s)

    Predefinito Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    . «Il sistema Paese non può non reagire mettendo da parte le contese politiche con una capacità di grande solidarietà e per quel che mi riguarda ho detto che se tutte le regioni fossero in disaccordo io sono disponibile a prendermi per intero i rifiuti di Napoli», ha detto oggi Nichi Vendola,

    Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo io. Fitto riconvoca il tavolo delle Regioni - Il Sole 24 ORE

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Utente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Impero Romano
    Messaggi
    11,945
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    La Puglia è una regione bellissima, un angolo di Paradiso che non sembra Sud, rovinarla per le incompetenze di altri mi pare un crimine contro l'umanità. Ma di sicuro quella di Vendola è solo retorica.
    .

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    4,717
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    Citazione Originariamente Scritto da kingzorc Visualizza Messaggio
    . «Il sistema Paese non può non reagire mettendo da parte le contese politiche con una capacità di grande solidarietà e per quel che mi riguarda ho detto che se tutte le regioni fossero in disaccordo io sono disponibile a prendermi per intero i rifiuti di Napoli», ha detto oggi Nichi Vendola,

    Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo io. Fitto riconvoca il tavolo delle Regioni - Il Sole 24 ORE
    Commento buono: lodevole iniziativa di solidarietà di Vendola.

    Commento cattivo: si vede che punta a cariche nazionali e non più regionali.

  4. #4
    vae victis
    Data Registrazione
    23 Sep 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    93,983
    Mentioned
    3822 Post(s)
    Tagged
    140 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    Citazione Originariamente Scritto da Lucas86 Visualizza Messaggio
    La Puglia è una regione bellissima, un angolo di Paradiso che non sembra Sud, rovinarla per le incompetenze di altri mi pare un crimine contro l'umanità. Ma di sicuro quella di Vendola è solo retorica.
    Berlusconi ci ha insegnato che gli elettori si innamorano dei populisti e Vendola utilizza il solito metodo ovviamente con un linguaggio che possa essere compreso dai "suoi" .

  5. #5
    .... .....
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Nel tempo...
    Messaggi
    29,004
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    8

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    Vabbè..se la prenda sempre che il problema è risolto..
    Bisogna dare all'uomo non ciò che desidera..ma ciò di cui ha bisogno...
    (la via diretta non è la più breve)

  6. #6
    forumistin
    Data Registrazione
    07 Apr 2008
    Località
    tra i primi
    Messaggi
    16,164
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    leggo che anche il molise ha dato la sua disponibilità.

    se si trattasse di un'emergenza, sarebbe naturale che in una nazione ricca e
    civile ci si comporti in questo modo.

    un'emergenza però non può durare per quasi dieci anni. si tratta di normalità ora e non so se prendersene carico dall'esterno sia la soluzione migliore.
    aderisci anche tu al Portiere Fans Club

  7. #7
    **********
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    8,747
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    Eh beh... lui si che è un genio a risolvere i problemi dei rifiuti...
    La Puglia è davvero al top in questo campo!!!
    repapelle: repapelle: repapelle:
    :gluglu:
    :gluglu:
    :gluglu:
    Rifiuti, Vendola
    proroga attività
    discarica Conversano



    BARI - Con un'ordinanza del presidente dellaRegione Puglia, Nichi Vendola, è stato prorogato per altri sei mesi l’esercizio della discarica Lombardi Ecologia, a Conversano, che è al servizio del bacino BA5: lo rende noto Legambiente di Mola di Bari che ha promosso un appello per la chiusura della discarica.

    La chiusura della discarica di Conversano è già stata rinviata altre volte, la penultima delle quali – secondo l'associazione ambientalista – il 30 dicembre 2009 con un provvedimento del dirigente del Servizio Ecologia nella quale tra l’altro si sottolineava che “i conferimenti al III lotto di discarica dovranno terminare entro la data di avvio del nuovo impianto a regime a servizio dell’ATO BA/5 e, comunque, al completamento della sagomatura e, quindi, del raggiungimento delle quote autorizzate”.

    “Ma queste quote – chiede Legambiente – chi le controlla visto che nel 2008 la Lombardi Ecologia ha dichiarato un volume residuo in discarica di 150.000 m3 e da allora sono stati scaricati oltre 300.000 m3 nella discarica?”.

    “Di fatto – conclude l’associazione ambientalista - l'autorizzazione integrata ambientale rilasciata alla Lombardi Ecologia con deliberazione del dirigente del Settore Servizio Ecologia della Regione Puglia n. 599/2009 continua ad essere disattesa e non viene rispettata dal gestore della discarica”.



    30 GIUGNO 2010
    La Gazzetta del Mezzogiorno.it | Rifiuti, Vendola proroga attività discarica Conversano
    Tar Puglia: la discarica di Conversano deve chiudere - ECO dalle CITTA'


    Tar Puglia: la discarica di Conversano deve chiudere


    Giovedì 7 ottobre 2010 è stato accolto il ricorso del Comune di Conversano. Sono state annullate l’ordinanza regionale e quella provinciale che stabilivano rispettivamente la proroga della chiusura e il sopralzo di mezzo metro della discarica di Conversano, sita in contrada Martucci. Nulli, di conseguenza, tutti gli atti di pertinenza emessi dall’Arpa Puglia e dall’Asl di Bari. L’Assessore all’Ecologia della Regione Puglia, Lorenzo Nicastro: “Ci appelleremo al Consiglio di Stato contro questa sentenza e chiederemo la sospensione dell´esecuzione”

    di Giuseppe Miccoli
    sabato 09 ottobre 2010 22:08


    clicca sull'immagine per ingrandire
    La sentenza del Tar Puglia (03536/2010 Reg. Sen.) accoglie dunque i ricorsi proposti dal Comune di Conversano (1166/2010 e 1357/2010 Reg. Ric.), controparte la Regione Puglia e la Provincia di Bari, ree di aver emanato le due ordinanze oggetto del contrasto (la n.1 del 29 giugno 2010 emessa dal Presidente della Regione Puglia e la n.1 del 6 agosto 2010 del Presidente della Provincia di Bari).

    Il 30 dicembre 2009 era stata emanata l’ordinanza n. 80, che posticipava di 180 giorni la chiusura della discarica gestita dalla Lombardi Ecologia s.r.l. (dal 31 dicembre 2009 al 30 giugno 2010), in attesa che fosse pronto il nuovo impianto complesso di Conversano (come tale dotato di una linea di selezione e biostabilizzazione, con annessa discarica di servizio/soccorso) e che entrasse in esercizio l’ampliamento della discarica di Giovinazzo.
    Era intervenuta, poi, con l’ordinanza n. 1 del 29 giugno 2010, la seconda proroga (di altri 180 giorni, dunque fino al 30 dicembre 2010), poiché una sentenza del Consiglio di Stato aveva annullato quella precedente con cui il Tar sanciva la vittoria della Co.Ge.Am., restituendo legittimamente il diritto di gestione alla laziale Co.La.Ri.
    In attesa che le parti addivenissero ad un accordo, inoltre,
    l’ordinanza n.1 del 29 giugno stabiliva che Co.Ge.Am. proseguisse nel suo incarico al fine di scongiurare una situazione di “eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute pubblica”.

    Con l’ordinanza n.1 del 6 agosto 2010, ancora, la Provincia di Bari ha stabilito, per via delle novità giudiziarie sopraggiunte, un sopralzo di mezzo metro, quale attività di rimodellamento dei profili finali per la chiusura.

    Le motivazioni descritte nelle ordinanze, apportate successivamente in sede di Tar dalle parti (Regione e Provincia) per giustificare le decisioni assunte, sono state ritenute insufficienti. I giudici infatti considerano “aberrante “ non utilizzare l’impianto complesso, che “ è ultimato e presumibilmente collaudato”. Dunque occorre mettere in funzione le rimanenti linee, quella riguardante la produzione del combustibile da rifiuti (cdr), nonché l’annessa discarica all’impianto, che funge da servizio/soccorso.

    Il Tar esprime perplessità in merito alle decisioni prese dalle amministrazioni. Insistono i giudici : “Il richiamo ai problemi cagionati dal pronunciamento del Consiglio di Stato non appaiono sufficienti, tenuto conto del fatto che a Giovinazzo é entrato in funzione, da poco tempo, un lotto di ampliamento della discarica esistente che forse poteva servire allo scopo». E ancora: “Se la discarica era già nel luglio 2009 in stato di collasso, é lecito presumere che tale situazione sia divenuta, a distanza di circa un anno, insostenibile”.

    La Regione è poi responsabile, sempre secondo il Tar, di non aver studiato una strategia di riserva. Vengono perciò resi nulli tutti i pareri e gli atti pertinenti alle ordinanze dell’Arpa Puglia e dell’Asl.


    «Qui l´emergenza è di natura giurisdizionale” commenta l´assessore all´Ecologia della Regione Puglia, Lorenzo Nicastro. “Rispetteremo anche questa sentenza, come abbiamo sempre fatto, come è accaduto con la sentenza del Consiglio di Stato, che ha bloccato l´impianto complesso che aveva fatto Co.Ge.Am, e come abbiamo fatto nel 2006, quando lo stesso Tar, che oggi di fatto ci dice che quell´impianto poteva essere avviato, bloccò l´affidamento alla Co.La.Ri.
    Non faremo altri provvedimenti - insiste Nicastro - ma ci appelleremo al Consiglio di Stato contro questa sentenza e chiederemo la sospensione dell´esecuzione».

    In caso avvenga la sospensione dell’ordinanza, i rifiuti verranno portati fuori bacino (ambito territoriale ottimale BA5), con un inevitabile aumento dei costi del trasporto, nonché dello smaltimento dei rifiuti per tonnellata.

    A questo punto torna a proporsi con forza, come unica vera soluzione, la politica “delle tre R”: ridurre i rifiuti quanto più possibile; riusare e/o riutilizzare; differenziare e riciclare tramite la raccolta porta a porta, compresa la quota parte dell’umido.
    Detto in altri termini, togliere i cassonetti dalla strada.
    Rifiuti: male Puglia e Basilicata


    Molte vicende di cronaca richiamano l’attenzione verso la situazione dei rifiuti e del loro smaltimento. Com’è la situazione nelle regioni italiane, in Puglia, in Basilicata? Che cosa è cambiato negli ultimi anni? Il ciclo dei rifiuti è complesso, e presenta soluzioni anche molto diverse da regione a regione. Dei molti aspetti del ciclo dei rifiuti si può centrare l’attenzione su due fenomeni di particolare interesse: da un lato, la quantità di rifiuti che viene smaltita nelle discariche; dall’altro la quantità di rifiuti che viene differenziata. Il primo è un indicatore negativo: più rifiuti vanno a finire in discarica, peggio è; il secondo è, ovviamente, positivo. Vi sono anche altri aspetti, che attengono alle altre tecniche di trattamento, ma discariche e differenziata consentono di farsi una prima idea. Guardiamo i dati al 2008 ( e qualche confronto con anni precedenti), per una panoramica e un confronto completo. In generale, la situazione presenta alcuni segnali di miglioramento, ma il quadro è ancora negativo. Resta piuttosto negativo in Puglia e in Basilicata. Vediamo perché.

    NEGATIVO ANCHE IL DATO ITALIANO - Partiamo dalla quantità di rifiuti, calcolata in chili per abitante, smaltita in discarica. Il dato italiano (280 chili) è alto nell’ambito europeo: la media è intorno a 200, e la Germania lo sta azzerando. Ma le differenze territoriali sono ampie. Il dato è molto migliore al Nord, dove siamo su una media di 155 chili per abitante. Il valore è più del doppio nel Mezzogiorno (337 chili) e ancora più alto nelle regioni del centro. Per di più, confrontando i dati al 2002 con quelli al 2008, il Nord mostra progressi notevoli, con una riduzione molto sensibile, da 251 a 155 chili. Ci sono progressi anche al Sud (si era a circa 400 chili nel 2002) mentre la situazione nelle regioni centrali rimane la stessa.

    Fra le regioni del Sud è discreta la situazione della Basilicata, che ha, nel 2008, 308 chili per abitante smaltiti in discarica. Decisamente peggiore quella della Puglia: con 418 chili per abitante è fra le peggiori regioni italiane, insieme all’Abruzzo, e dopo Liguria, Sicilia e Lazio. Interessante notare che il dato pugliese è peggiore di quello della Campania (353 chili); la Campania però non è direttamente confrontabile anche perché “esporta” grandi quantità di rifiuti verso altre regioni. Purtroppo sia per la Puglia sia per la Basilicata non ci sono miglioramenti rispetto al 2002. Gli andamenti però sono diversi: la Puglia peggiora costantemente fino al 2007 e poi segna un netto miglioramento (ma è ancora ai livelli del 2002, come detto); la Basilicata invece prima migliora e poi torna indietro nel 2007-08.

    All’opposto delle discariche vi è la raccolta differenziata. I dati sulla differenziata sono espressi in percentuale rispetto al totale dei rifiuti urbani. Anche in questo caso vi sono grandissime differenze territoriali. In alcune regioni del Nord la raccolta differenziata copre circa la metà del totale dei rifiuti urbani: così è in Trentino Alto Adige (57%), Veneto (53%), Piemonte (49%). Ma tutte le regioni hanno valori alti, e la media del Nord è del 45%.

    UN ASPETTO INCORAGGIANTE - Intermedia la situazione delle regioni centrali: la media è al 23%, con dati migliori per la Toscana e molto negativi per il Lazio. La percentuale di raccolta differenziata al Sud arriva solo al 14,7% (sempre nel 2008). Anche qui, però, vi sono regioni che fanno decisamente meglio: è il caso in particolare della Sardegna, che arriva al 35%, vicinissima alla media nazionale; ma anche dell’Abruzzo. Il dato per la Puglia è il 10,6%, per la Basilicata il 9,1%; la situazione è peggiore solo in Sicilia e nel Molise. Anche la Calabria ha dati migliori. Rispetto al 2002 ci sono miglioramenti (la Puglia passa dal 7,6% al 10,6%, la Basilicata dal 5% al 9,1%), ma modesti. Nello stesso arco di tempo la Sardegna da 2,8% a 34,7%. Certamente è molto più difficile crescere quando le percentuali sono basse: si tratta di mettere in piedi strumenti e procedure, di diffondere la cultura della raccolta differenziata, di fare cambiare abitudini. I successi, ma anche le difficoltà, registrati nelle iniziative in alcuni quartieri di Bari sono esemplari a riguardo. L’inizio è molto duro; ma se si prosegue con attenzione, i miglioramenti si consolidano nel tempo. Da questo punto di vista il moltiplicarsi delle iniziative in molti comuni di Puglia e Basilicata negli ultimi tempi sono certamente un aspetto positivo. Tuttavia il margine da recuperare è davvero molto ampio; e il cammino percorso sino ad ora complessivamente modesto. È questo uno degli ambiti nel quale, da parte di tutte le amministrazioni coinvolte, è necessario un impegno decisamente maggiore; e soprattutto, nel quale è necessario raggiungere, in un arco di tempo relativamente breve, risultati concreti.



    14 OTTOBRE 2010
    La Gazzetta del Mezzogiorno.it | Rifiuti: male Puglia e Basilicata
    Meglio una cena in mezzo a tanta gnocca che svariate in mezzo a tanti mafiosi

  8. #8
    Utente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Impero Romano
    Messaggi
    11,945
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    Citazione Originariamente Scritto da v!olet Visualizza Messaggio
    leggo che anche il molise ha dato la sua disponibilità.

    se si trattasse di un'emergenza, sarebbe naturale che in una nazione ricca e
    civile ci si comporti in questo modo.

    un'emergenza però non può durare per quasi dieci anni. si tratta di normalità ora e non so se prendersene carico dall'esterno sia la soluzione migliore.
    Anche perché la Campania produce una quantità abnorme di spazzatura, è la seconda regione d'Italia per abitanti, per le altre regioni sarebbe un salasso impossibile (oltre il doppio dei rifiuti di Puglia e Molise messi assieme).

    Tanto ripulire con l'aiuto esterno Napoli è inutile, tempo due mesi e si ritorna in emergenza.
    .

  9. #9
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    14 Jan 2005
    Messaggi
    7,842
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    nichi prova all'Italia che è affidabile al contrario dei puzzoni leghisti iaociao:
    "Il PDL prenderà il 45%"

  10. #10
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    116,656
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.

    In pratica se non ho capito male una efficiente Regione di Sinistra smaltisce i rifiuti di una inefficiente Regione di destra.

    Immaginate un'Italia efficiente e pulita gestita dalla sinistra. Non sarebbe un posto migliore, amici? Cosa aspettate a zompare, il 15 dicembre? IL 15 DICEMBRE E' TARDI, MUOVETEVI VI RESTANO POCHI GIORNI.
    lo rimpiangerete, Renzi, KOGLIONI

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. I rifiuti di Napoli? Tutti in Sicilia
    Di Saviano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-06-11, 02:12
  2. Vendola : "Come prendo per il culo gli studenti "
    Di orpheus nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-12-10, 10:56
  3. Vendola: i rifiuti di Napoli li prendo tutti io.
    Di King Z. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 52
    Ultimo Messaggio: 01-12-10, 14:34
  4. Risposte: 158
    Ultimo Messaggio: 31-12-08, 21:26
  5. I rifiuti di Napoli: tutti in Lombardia
    Di Rotgaudo (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 07-09-08, 21:32

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226