User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Navigare necesse est
    Data Registrazione
    10 Nov 2009
    Località
    All the world
    Messaggi
    12,573
     Likes dati
    3,007
     Like avuti
    3,092
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Smile Massimo D'Alema , quando essere comunista facendo il capitalista

    Una volta si diceva : "Compagno tu fatichi ed io magno " ... sarebbe il caso di dirlo ancora oggi.


    Ora comunista è un insulto per gli ex comunisti

    di Paolo Bracalini

    L'Unità difende il lìder Massimo beccato in vacanza a Saint Moritz tentando di rimuovere il passato. A costo di rinnegare le radici del Pci. Dalla barca alle scarpe di lusso: l'ex leader Ds ha sempre fatto il borghese snob


    Ma che fantastica neve stamattina, compagno Kulisciov, qui nel soviet di Saint Moritz, noto rifugio operaistico ancora più accogliente degli Urali. La classe operaia non è andata in paradiso ma la classe politica cresciuta a Togliatti e vini sfusi nelle sezioni Pci, per lo meno, è andata in montagna. A questo punto, tra una serpentina su La Punt e un piatto di cervo e polenta in baita, dargli dei comunisti è puro anacronismo. Peggio, un’offesa terribile. Comunisti a noi?, pare chiedersi indignata L’Unità fondata da Gramsci ma rifondata da Brunello Cucinelli, re del cachemire. «D’Alema in vacanza, il premier insulta» riporta l’ex foglio comunista rivisto dalla sciantosa Concita De Gregorio, area Pd corrente Msc, «Mai stati comunisti». L’insulto è appunto l’aver dato del «comunista» a Massimo D’Alema, un epiteto intollerabile per uno che a nove anni era iscritto all’Associazione pionieri (le falangi giovanili del Pci), a quattordici alla Fgci, di cui diventa poi segretario, primo scalino di una carriera luminosa tutta interna all’apparato del Pci, poi Pds, poi Ds, poi Pd. Nella grande rimozione freudiana che coinvolge una generazione, non si può mai nominare il rimosso, il passato cancellato dai nuovi traguardi borghesi raggiunti dagli ex compagni, la barca a vela, le scarpe fatte a mano, l’attico in zona chic, gli amici banchieri, le bottiglie di Moët & Chandon che abbondano - vedi foto - sul veliero del «mezzo Stalin» (uno dei tanti soprannomi guadagnati dalla portentosa antipatia di D’Alema).

    Sotto la trapunta in pura piuma d’oca e dietro la passeggiata agnelliana tra gli shop vipposi dell’Engadina, c’è sempre (o no?) il D’Alema che anni fa confessava alla Stampa di essere «uno dei pochi nel mio partito che ha le sue personali radici nella vicenda comunista. Per me il rapporto con l’Unione sovietica - spiegava Spezzaferro, altro soprannome - è stato qualcosa di importante, sono andato in Urss e nei Paesi sovietici più di venti volte», perché «c’è un’identità comunista che sopravvive al crollo del movimento comunista». Conclusione di allora: «Non ci penso proprio a togliere il ritratto di Togliatti da dietro la scrivania». Che sia stato sostituito da un ritratto di Reto Mathis, chef pluristellato de La Marmite, il rifugio dei gourmet di passaggio a Saint Moritz?

    Comunque sia, mai dare del comunista ad un ex comunista, L’Unità reagisce male. È capace di additare quei brutti comunisti di Vladimir Putin, Aleksandr Lukasenko e Nazarbayev, «i “veri” comunisti che piacciono a Berlusconi», sempre utilizzando l’aggettivo come infamante dispregiativo. Anche se, peraltro, Vladimir Vladimirovic Putin era membro del Pcus e giovane agente del Kgb proprio negli anni in cui il giovane D’Alema visitava gonfio di venerazione i campeggi modello della Siberia, più o meno quando il temibile comunistaccio di Lukašenko era direttore della sovhoz, la grande «fattoria» dello Stato sovietico, ammirato da Togliatti e altri padri intellettuali dello «svizzero» D’Alema.

    Trovare bizzarro che un uomo cresciuto nel culto del collettivismo sovietico calchi le stese piste da sci che Gianni Agnelli raggiungeva in elicottero (mentre poi si abbraccia la Fiom contro il padrone Marchionne), o stupirsi alquanto dei gusti snob dell’ex premier già comunista quanto a imbarcazioni e vacanze in alto mare lontano dal popolino in stuoia e ombrellone («Oggi non riesco nemmeno a concepire una vacanza che non sia in barca», disse una volta), non è riflesso da vecchi rincitrulliti («Mia nonna diceva “fa il comunista e va a sciare”», chiosa invece con la puzza sotto il naso la Concita) ma la domanda centrale sulla crisi che sta affondando gli eredi del Pci, non a caso seriamente minacciati dal più berlusconiano di loro, Nichi Vendola. «Ma se vanno a Saint Moritz anche loro, che fine hanno fatto i comunisti?» si chiede Alfonso Signorini, interpretando così nel cazzeggio televisivo un vero dramma storico. È del resto dalle pagine pettegole di Chi, come già aveva intuito Gad Lerner, che si cataloga nel modo più scientifico la politica e che la si decifra tramite le immagini, come pure nelle abbuffate ultracafonal immortalate da Dagospia. Il dramma posto dal «Vespa del nuovo decennio» (come la direttora dell’Unità chiama Signorini, per sfotterlo, senza accorgersi di dire una verità) si riassume plasticamente nell’immagine sconcertante di D’Alema in Engadina, l’ex pupillo di Natta che lì sembra un semplice cumenda in vacanza, con la Jaguar al calduccio in garage e la camera riconfermata di anno in anno all’Hotel della Posta. Problema: ma se dandogli del «comunista» L’Unità si offende, se gli si dà del borghese snob Concita che fa?



    Ora comunista è un insulto per gli ex comunisti - Interni - ilGiornale.it del 07-01-2011
    la giustizia dei Robespierre ancora una volta ha collocato il nostro Paese tra il Ruanda ed il Burundi

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Jan 2010
    Messaggi
    29,276
     Likes dati
    947
     Like avuti
    4,912
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Massimo D'Alema , quando essere comunista facendo il capitalista

    Citazione Originariamente Scritto da orpheus Visualizza Messaggio
    Una volta si diceva : "Compagno tu fatichi ed io magno " ... sarebbe il caso di dirlo ancora oggi.


    Ora comunista è un insulto per gli ex comunisti

    di Paolo Bracalini

    L'Unità difende il lìder Massimo beccato in vacanza a Saint Moritz tentando di rimuovere il passato. A costo di rinnegare le radici del Pci. Dalla barca alle scarpe di lusso: l'ex leader Ds ha sempre fatto il borghese snob


    Ma che fantastica neve stamattina, compagno Kulisciov, qui nel soviet di Saint Moritz, noto rifugio operaistico ancora più accogliente degli Urali. La classe operaia non è andata in paradiso ma la classe politica cresciuta a Togliatti e vini sfusi nelle sezioni Pci, per lo meno, è andata in montagna. A questo punto, tra una serpentina su La Punt e un piatto di cervo e polenta in baita, dargli dei comunisti è puro anacronismo. Peggio, un’offesa terribile. Comunisti a noi?, pare chiedersi indignata L’Unità fondata da Gramsci ma rifondata da Brunello Cucinelli, re del cachemire. «D’Alema in vacanza, il premier insulta» riporta l’ex foglio comunista rivisto dalla sciantosa Concita De Gregorio, area Pd corrente Msc, «Mai stati comunisti». L’insulto è appunto l’aver dato del «comunista» a Massimo D’Alema, un epiteto intollerabile per uno che a nove anni era iscritto all’Associazione pionieri (le falangi giovanili del Pci), a quattordici alla Fgci, di cui diventa poi segretario, primo scalino di una carriera luminosa tutta interna all’apparato del Pci, poi Pds, poi Ds, poi Pd. Nella grande rimozione freudiana che coinvolge una generazione, non si può mai nominare il rimosso, il passato cancellato dai nuovi traguardi borghesi raggiunti dagli ex compagni, la barca a vela, le scarpe fatte a mano, l’attico in zona chic, gli amici banchieri, le bottiglie di Moët & Chandon che abbondano - vedi foto - sul veliero del «mezzo Stalin» (uno dei tanti soprannomi guadagnati dalla portentosa antipatia di D’Alema).

    Sotto la trapunta in pura piuma d’oca e dietro la passeggiata agnelliana tra gli shop vipposi dell’Engadina, c’è sempre (o no?) il D’Alema che anni fa confessava alla Stampa di essere «uno dei pochi nel mio partito che ha le sue personali radici nella vicenda comunista. Per me il rapporto con l’Unione sovietica - spiegava Spezzaferro, altro soprannome - è stato qualcosa di importante, sono andato in Urss e nei Paesi sovietici più di venti volte», perché «c’è un’identità comunista che sopravvive al crollo del movimento comunista». Conclusione di allora: «Non ci penso proprio a togliere il ritratto di Togliatti da dietro la scrivania». Che sia stato sostituito da un ritratto di Reto Mathis, chef pluristellato de La Marmite, il rifugio dei gourmet di passaggio a Saint Moritz?

    Comunque sia, mai dare del comunista ad un ex comunista, L’Unità reagisce male. È capace di additare quei brutti comunisti di Vladimir Putin, Aleksandr Lukasenko e Nazarbayev, «i “veri” comunisti che piacciono a Berlusconi», sempre utilizzando l’aggettivo come infamante dispregiativo. Anche se, peraltro, Vladimir Vladimirovic Putin era membro del Pcus e giovane agente del Kgb proprio negli anni in cui il giovane D’Alema visitava gonfio di venerazione i campeggi modello della Siberia, più o meno quando il temibile comunistaccio di Lukašenko era direttore della sovhoz, la grande «fattoria» dello Stato sovietico, ammirato da Togliatti e altri padri intellettuali dello «svizzero» D’Alema.

    Trovare bizzarro che un uomo cresciuto nel culto del collettivismo sovietico calchi le stese piste da sci che Gianni Agnelli raggiungeva in elicottero (mentre poi si abbraccia la Fiom contro il padrone Marchionne), o stupirsi alquanto dei gusti snob dell’ex premier già comunista quanto a imbarcazioni e vacanze in alto mare lontano dal popolino in stuoia e ombrellone («Oggi non riesco nemmeno a concepire una vacanza che non sia in barca», disse una volta), non è riflesso da vecchi rincitrulliti («Mia nonna diceva “fa il comunista e va a sciare”», chiosa invece con la puzza sotto il naso la Concita) ma la domanda centrale sulla crisi che sta affondando gli eredi del Pci, non a caso seriamente minacciati dal più berlusconiano di loro, Nichi Vendola. «Ma se vanno a Saint Moritz anche loro, che fine hanno fatto i comunisti?» si chiede Alfonso Signorini, interpretando così nel cazzeggio televisivo un vero dramma storico. È del resto dalle pagine pettegole di Chi, come già aveva intuito Gad Lerner, che si cataloga nel modo più scientifico la politica e che la si decifra tramite le immagini, come pure nelle abbuffate ultracafonal immortalate da Dagospia. Il dramma posto dal «Vespa del nuovo decennio» (come la direttora dell’Unità chiama Signorini, per sfotterlo, senza accorgersi di dire una verità) si riassume plasticamente nell’immagine sconcertante di D’Alema in Engadina, l’ex pupillo di Natta che lì sembra un semplice cumenda in vacanza, con la Jaguar al calduccio in garage e la camera riconfermata di anno in anno all’Hotel della Posta. Problema: ma se dandogli del «comunista» L’Unità si offende, se gli si dà del borghese snob Concita che fa?



    Ora comunista è un insulto per gli ex comunisti - Interni - ilGiornale.it del 07-01-2011
    Pure fascista per certi ex é un insulto: ora si va in giro con cravatta rossa e colla befana.

  3. #3
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    96,944
     Likes dati
    19,794
     Like avuti
    34,234
    Mentioned
    1077 Post(s)
    Tagged
    63 Thread(s)

    Predefinito Rif: Massimo D'Alema , quando essere comunista facendo il capitalista

    Citazione Originariamente Scritto da brunik Visualizza Messaggio
    questo forum è dedicato alle tematiche del PDL non a D'Alema.

    VERGOGNA, UNA VOLTA ESSERE FASCISTI SIGNIFICAVA AVERE UN PROPRIO ORGOGLIO PERSONALE
    Ma senti da che pulpito....repapelle:repapelle:
    "Io nacqui a debellar tre mali estremi: / tirannide, sofismi, ipocrisia"


    IL DISPUTATOR CORTESE

    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    6,415
     Likes dati
    102
     Like avuti
    148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Massimo D'Alema , quando essere comunista facendo il capitalista

    Ma quante volte ve lo devo ripetere, mei cari ascoltatori ?

    D'Alema era sì il figlio di un funzionario PCI, ma il buon papaà lo aveva mandato a studiare al Liceo D'Oria, sezione E : insomma il liceo della buona borghesia laica ( i cattolici andavano agli istituti tenuti dai gesuiti, barnabiti, Fratelli delle scuole cristiane, ecc.) genovese. E nella sezione E c'erano anche degli ottimi professori...

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Jan 2010
    Messaggi
    29,276
     Likes dati
    947
     Like avuti
    4,912
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Massimo D'Alema , quando essere comunista facendo il capitalista

    Citazione Originariamente Scritto da DanielGi. Visualizza Messaggio
    Ma quante volte ve lo devo ripetere, mei cari ascoltatori ?

    D'Alema era sì il figlio di un funzionario PCI, ma il buon papaà lo aveva mandato a studiare al Liceo D'Oria, sezione E : insomma il liceo della buona borghesia laica ( i cattolici andavano agli istituti tenuti dai gesuiti, barnabiti, Fratelli delle scuole cristiane, ecc.) genovese. E nella sezione E c'erano anche degli ottimi professori...
    Se non erro da quella fucina uscirono fabrizio de andré, villaggio ed altri illustri genovesi.
    Pensare che se fosse andato al nautico, un po più in là, ora potrebbe essere un capitano akab e non un capitano di grande yacth ma di piccolo cabotaggio.

    Quindici uomini, quindici uomini, sulla cassa del morto ed una bottiglia di rhum

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    6,415
     Likes dati
    102
     Like avuti
    148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Massimo D'Alema , quando essere comunista facendo il capitalista

    sbagli : De Andrè andava al liceo Colombo (quello dove si faceva meno fatica, ovvero si ottenevano più facilmente le promozioni...)

    Di Villaggio, non so. Bisogna pensare che i Villaggio erano due - gemelli - Pietro e Paolo. Il Pietro divenne professore di scienza delle costruzioni ad ingegneria... mica male, no ?

  7. #7
    Agisci senza paura
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    583
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Massimo D'Alema , quando essere comunista facendo il capitalista

    E la chiamano politica.......ormai la politica è morta!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-03-11, 21:42
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-03-11, 15:11
  3. Quando, un giudice puo' essere definito comunista???
    Di alexeievic nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 21-12-08, 01:30
  4. Gesù: Più Capitalista o Comunista?
    Di Eyes Only (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 100
    Ultimo Messaggio: 22-05-07, 12:03
  5. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 05-02-05, 00:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •