User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Chi voteresti?

Partecipanti
34. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Partito degli Ottimati

    3 8.82%
  • Partito dei Popolari

    4 11.76%
  • Lega di Spartaco

    3 8.82%
  • Partito Gracchiano della Plebe

    7 20.59%
  • Κόμμα Πανελλήνιο (Partito Panellenico)

    2 5.88%
  • ייִדיש ליגע (Lega Ebraica)

    3 8.82%
  • Partito dell'Alleanza Celtica

    1 2.94%
  • Il Sole e l'Aquila

    11 32.35%
Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 88
  1. #1
    Basileus ton Romaion
    Data Registrazione
    28 Mar 2006
    Località
    Neà Ròmi
    Messaggi
    17,931
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Elezioni nell'Impero Romano 2010

    116 d.C.: contrariamente a quanto avvenuto nella realtà, Traiano ottiene una vittoria risolutiva sui Parti espugnando Hatra. La Partia diventa vassalla dell'Impero. Traiano non si ammala, e rivolge le sue attenzione ai Germani: le ripetute vittorie sul Reno ed il Danubio creano una serie di stati-vassalli di Roma sul confine.

    III Sec. d.C.: la maggiore solidità militare dell'Impero evita la crisi del III secolo. Le successioni si risolvono a volte con colpi di stato, ma nulla di paragonabile alla crisi che avvenne nella realtà.

    298 d.C.: Diocleziano ottiene una vittoria totale sui Persiani, ponendo finalmente fine ai problemi sul fronte orientale. Le province di Assiria e Mesopotamia vengono rinforzate e rese definitivamente parte dell'Impero.
    Il Vallo di Diocleziano si estende dalla costa del Belgio fino al Golfo Persico, passando per il Reno, il Danubio, il Caucaso ed il Tigri.

    305 d.C.: la riforma politica di Diocleziano è diversa dalla Tetrarchia che venne creata nella realtà. Con la "Constitutio de imperii Dioclezianii" (Costituzione dell'Impero di Diocleziano) l'Impero viene riorganizzato in maniera funzionale ed efficiente.

    326 d.C.: Fondata costantinopoli, ma la capitale resta a Roma.

    380 d.C.: Teodosio approva l'editto di Tessalonica, rendendo il Cristianesimo la religione ufficiale di stato.

    Nel corso del V secolo si assiste alle invasioni Barbariche: la parte Occidentale dell'Impero soffre ma non collassa, sebbene la capitale si sposti a Costantinopoli per questioni di sicurezza.

    Inizia la cosiddetta "Era degli Imperatori Greci"

    In questo periodo l'Impero resiste ad Occidente ma subisce ad Occidente.

    Giustiniano riesce però a riconquistare nel 565 tutti i territori dell'Occidente (inclusa la Britannia, la Gallia, l'Elvezia, la Spagna, le due Germanie "romane", la Pannonia, l'Illiria, la Dacia, l'Africa del nord).

    L'Egìra di Maometto porta ad un nuovo periodo di Guerre: dal 632 fino al 753 l'Impero Romano soffre la pressione araba.

    L'Impero è nella sua crisi maggiore: ad Occidente i potenti Franchi hanno invaso le due Germanie e dilagano nelle Gallie capitanati da Carlo Magno, mentre ad Oriente gli Arabi sono padroni dell'Egitto e della Palestina, nonchè della Siria e delle province mesopotamiche.

    Ma ecco che nuovamente nel momento del bisogno l'Impero risorge: un lontano erede di Traiano si proclama suo erede ed ascende al trono con il nome di Traiano II°: sconfigge ripetutamente gli arabi riconquistando tutte le province perdute e ricacciando il Califfo nella penisola araba ed in Persia.

    Poi si rivolge ad occidente e sconfigge Carlo Magno ad Aquisgrana riconquistando le province occidentali.

    Traiano II° viene accolto a Roma come il Salvatore della Cristianità: dato il suo enorme prestigio, e il non essere un Imperatore bizantino-greco legato al clero di costantinopoli, il giorno di Natale dell'800 d.C. viene incoronato dal Vescovo di Roma Imperatore dei Romani e Patriarca Supremo.

    Traiano II° impone una versione Cesaropapista: l'Imperatore diventa anche il capo supremo della Chiesa. Ciò causa rivolte ad Oriente, in particolare fra i monaci e il Patriarcato di Costantinopoli: in una guerra civile sanguinosa ha la meglio assediando ed espugnando Costantinopoli.

    Roma torna ad essere la capitale unica ed universale dell'Impero, sotto la guida dell'Imperatore-Papa che organizza l'Impero sfruttando il potere della Chiesa: ogni provincia viene sottoposta ad un unico magistrato, da lui nominato, chiamato Duca-Vescovo.

    Riforma anche la successione imperiale: il concilio di tutti i Duca-Vescovi forma il Conclave Imperiale il cui compito è eleggere il successore dell'Imperatore e di Cristo sulla terra.

    I successivi secoli proseguono con guerre e schermaglie: i Normanni vengono combattuti in tre guerre, ma poi vengono assimilati nell'Impero.

    La guerra con gli Arabi è lunga e sfiancante ma poco cambia sul confine.

    Nel 1451 la prima nave Romana circumnaviga l'Africa. Dieci anni dopo la prima nave Romana arriva in India, altri cinque anni e la Cina è raggiunta.

    Nel 1492 Cristoforo Colombo scopre le Americhe, che vengono conquistate dall'Aquila Romana.

    Nel 1511 nelle province germaniche, galliche e britanniche comincia a nascere un movimento di reazione contro la corruzione raggiunta dalla Chiesa e dallo Stato Romano.

    Questi movimenti portano a molte rivolte, e alcuni Duchi-Vescovi si convertono alla nuova fede.

    E' Guerra!

    Dopo 100 anni di scontri, tregue ed altro (con un "Imperatore del Nord" ed un "Imperatore del Sud") il Concilio di Aquisgrana del 1613 riconosce alcuni cambiamenti nella dottrina della Chiesa, correggendo la simonia ed altro, ma imponendo una nuova stretta ideologica (inquisizione). Nuovamente i "Greci" si ribellano, e questa volta l'intera parte orientale dell'Impero si solleva chiamandosi sotto la Croce della Vera Fede Ortodossa contro gli Eretici Romani.

    La guerra fra Occidente ed Oriente dura trent'anni e si conclude nel 1648 con la pace di Atene, dove l'erede maschio della famiglia imperiale occidentale sposa l'erede femmina della famiglia imperiale orientale, ed un concilio riconosce la libertà delle singole chiese di organizzarsi autonomamente secondo i loro riti a patto di riconoscere l'autorità suprema dell'Imperatore-Papa.

    La crisi religiosa porta una nuova ventata di critica allo stato teocratico Romano e la crescita di un ceto Mercantile (sotto l'egida delle compagnie delle indie orientali e delle indie occidentali).

    Nel 1756 una rivolta contro il teocratico ed autoritario Imperatore Arcadio VIII° porta l'Impero sull'orlo della catastrofe: attaccato a nord dai principi Tedeschi e ad Oriente dagli Islamici rischia di collassare.

    Arcadio VIII° viene deposto, e proclamata la Res Publica Romana: Arcadio viene decapitato, così come suo figlio il Principe Giustino e la moglie Onoria.

    I Consoli della Repubblica chiamano alle armi il popolo e i nemici sono respinti. Nel mentre però le Colonie Americane del Nord e del Sud proclamano l'Indipendenza costituendo le "Repubbliche Unite delle Americhe", un enorme stato Federale che va dall'Alaska alla Terra del Fuoco.

    La Repubblica non regge la perdita delle colonie, è di nuovo guerra civile.

    Ma ecco che come sempre dal nulla emerge un salvatore dell'Impero: Napoleone Bonaparte, un giovane Stratega della Corsica, marcia su Roma e conquista il potere proclamandosi "Protettore della Repubblica".

    Sconfitti nuovamente i nemici esterni, Napoleone si autoproclama imperatore dando inizio alla Dinastia dei Bonaparte.

    Napoleone riforma l'impero, mantenendo le riforme laiche della Repubblica ma firmando anche un concordato con la Chiesa: il capo della Chiesa rimane l'Imperatore, ma solo nominalmente (come in Inghilterra oggi). L'Arcivescovo di Roma diventa il capo, de facto, della Chiesa.

    Inoltre riforma (con il codice napoleonico ed una costituzione) lo Stato, rendendolo "moderno" nel senso più ampio del termine.

    Nel corso del XIX secolo la Dinastia dei Bonaparte si espande in Africa e Asia, per compensare le perdite nelle americhe: Australia, India, Africa, Indocina, Indonesia tutte divengono colonie romane.

    Nel 1912 però l'Imperatore Napoleone V° decide di muovere guerra ai vicini stati della Germania. Immediatamente l'Ungheria e la Russia attaccano l'Impero. La Guerra si trascina per cinque anni e si conclude con un nulla di fatto, se non una crisi economica nell'Impero.

    Le rivolte operaie del 1920-22 portano ad una svolta autoritaria nell'Impero: i militari prendono il potere sfruttando di poter manipolare il giovane Imperatore Napoleone VI° di appena quattro anni.

    Il governo decennale della Giunta punta su di un forte riarmo, per vendicare la mancata vittoria contro Tedeschi, Russi ed Ungheresi.

    La Guerra del 1933-1939 combattuta a fianco del Giappone contro Cina, Russia, Germania, Unione Araba e Repubbliche Unite delle Americhe ed Ungheria si risolve con una disfatta del Giappone ed una sconfitta dell'Impero.

    La Giunta viene abbattuta, e sale al potere un governo provvisorio formato da alcuni esponenti dei partiti "Democratici".

    In cambio di garanzie di Pace e al rinunciare a tutte le colonie, l'Impero mantiene i suoi confini.

    La situazione del mondo dopo il 1940 è la seguente:

    L'Impero Romano occupa i territori che aveva fin dai tempi di Traiano, con l'aggiunta della Scozia e dell'Irlanda. Si estende da Lisbona fino al Kuwait, e da Edimburgo fino ai confini dell'Etiopia.

    Le Repubbliche Unite delle Americhe occupano l'intero continente americano, buona parte delle isole del Pacifico, la Groenlandia e l'Islanda.

    Il Principato di Russia occupa i territori grosso modo dell'Ex-Urss.

    La Repubblica di Germanai occupa i territori dell'attuale germania meno quelli in mano all'Impero Romano (sul confine franco-belga-olandese-svizzero-austriaco).

    Il Regno d'Ungheria occupa buona parte dell'Europa fra tedeschi e russi.

    Il resto dei paesi del mondo ha più o meno i confini attuali.

    Dopo il 1940 viene fondato l'ONU a Nuova Roma (capitale delle Repubbliche Americane) e vi è un esplosione di ricchezza e progresso.

    L'Impero rimane la seconda potenza economica e militare del mondo, subito dopo le Repubbliche Unite Americane.

    Dopo il 1940 la democrazia prende piede: il giovane Napoleone VI° si dimostra un buon sovrano costituzionale.

    L'Impero diventa una monarchia parlamentare costituzionale, e col tempo anche federale.

    Nel 2010 Napoleone VI° ha 92 anni e da 88 siede sul Trono, e ha perso il suo unico erede, il Principe Eraclio. Per questo l'erede diretto è il giovane Principe Flavio, figlio di Eraclio, di ventisette anni. Quando salirà al trono adotterà il nome di Napoleone VII°. Nonostante tutto però il vecchio Imperatore è ancora vivo e vegeto e punta dichiaratamente a raggiungere i 100 anni di età.

    Si tengono le elezioni per il rinnovo della Camera dei Rappresentanti e del Senato Imperiale.

    A breve con i partiti.
    Questa è l'Italia del futuro: un Paese di musichette mentre fuori c'è la Morte

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Basileus ton Romaion
    Data Registrazione
    28 Mar 2006
    Località
    Neà Ròmi
    Messaggi
    17,931
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    Partito degli Ottimati

    Partito di tendenze conservatrici, che si rifà all'antico partito patrizio degli Optimates. Cristiano conservatore ma laico, liberale ma non liberista, si pone come filo-Americano e filo-Europeo.

    Partito dei Popolari

    Partito di tendenza progressista, che si rifà all'antico partito patrizio dei Populares. Laico ma non laicista, socialista ma liberale, è anch'esso filo-americano e filo-europeo.

    Lega di Spartaco

    Partito di tendenza comunista, che si rifà al famoso schiavo che sfidò l'Impero. E' per la Repubblica e l'isolamento totale dell'Impero dalle altre potenze imperialiste, favorendo un'alleanza con l'unica altra potenza comunista del mondo, il Giappone ( :sofico: ).

    Partito Gracchiano della Plebe

    Partito socialista-socialdemocratico, tradizionalmente alleato dei Populares. E' membro dell'Internazionale Gracchiana, a cui fanno riferimento tutti i partiti gracchiani (socialisti :sofico: ) del Mondo.

    Κόμμα Πανελλήνιο (Partito Panellenico)

    Partito che si rifà alla tradizione greco-ortodossa, è un partito conservatore. Non è alleato degli Ottimati dato che non condivide lo stesso spirito "nazionale", dato che volentieri staccherebbe la parte greca dell'Impero.

    ייִדיש ליגע (Lega Ebraica)

    Senza Hitler, i Progrom e tutto il resto gli Ebrei sono una minoranza molto grossa dell'Impero: oltre 20 milioni su di una popolazione totale di 325.000.000. La diaspora non è mai finita, anche se un buon numero è tornato a vivere nella Provincia di Galilea.

    La lega ebraica è tradizionalmente alleata del Csx, dato che si ispira al socialismo-kibbutziano di Hertz e altri.

    Partito dell'Alleanza Celtica

    Il Partito è popolarissimo nel nord dell'Impero, dove i popoli "celtici" vogliono staccarsi dagli inefficenti e "terroni" abitanti delle province mediterranee.

    Il Sole e l'Aquila

    Partito Monarchico-Reazionario di estrema destra. Il Principe Flavio non teme di mostrarsi con questo partito, che ha guadagnato voti grazie alla nuova svolta anti-immigrati ed anti-islam che ha soppiantato la poco "accattivante" storica battaglia autocratica del partito.
    Questa è l'Italia del futuro: un Paese di musichette mentre fuori c'è la Morte

  3. #3
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,670
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    Mi piace molto il programma della Lega di Spartaco, ma il dovere richiede Sole e Acciaio.

  4. #4
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    117,254
    Mentioned
    494 Post(s)
    Tagged
    22 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    Il Sole e l'Aquila

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Apr 2010
    Messaggi
    4,027
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    Lega di Spartaco, ci sono dubbi? I leghisti in questa terra alternativa sono i buoni :sofico:

  6. #6
    Giolittiano
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    8,405
    Mentioned
    19 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    arruolo qualche legione e prendo il potere dichiarando che gli auguri mi hanno nominato Augusto
    VOTA ALLE ELEZIONI DI POL QUI
    VOTA LISTA REPUBBLICANA


  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Feb 2008
    Messaggi
    20,160
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    Partito Gracchiano della Plebe
    Dannato Barone Rosso.

  8. #8
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    Il Sole e l'Aquila, palesemente.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  9. #9
    Cicciolino
    Data Registrazione
    01 Jan 2011
    Messaggi
    10
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    Vi è un errore fondamentale: se la storia fosse andata effettivamente così, oggi il Giappone si chiamerebbe Cipango.

  10. #10
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni nell'Impero Romano 2010

    Ottimate moderato. Cicerone sei sempre uno di noi!

    Citazione Originariamente Scritto da John Galt Visualizza Messaggio
    Nel 1492 Cristoforo Colombo scopre le Americhe, che vengono conquistate dall'Aquila Romana.
    Avevo letto di uno studente liceale che,mentre faceva una ricerca di storia,si era imbattuto in una ucronia simile (con l'Impero Romano che conquista l'America) e durante un'interrogazione aveva detto che è per questo che si chiama America Latina.
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

 

 
Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 29-01-11, 14:33
  2. Chi voteresti nell'Impero Romano?
    Di John Galt nel forum FantaTermometro
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 05-11-07, 11:33
  3. Elezioni nell'Impero Romano
    Di Danny nel forum FantaTermometro
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 11-02-07, 21:14
  4. [OT]Elezioni nell'Impero Romano
    Di Syntax error System nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-01-07, 23:19
  5. Elezioni nell'Impero Romano
    Di Danny nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 14-01-07, 23:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226