User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Siciliano
    Data Registrazione
    08 Oct 2010
    Località
    Palermo... nel bene o nel male...
    Messaggi
    177
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il tricolore costituzionale rivoluzionario del 1848 - Ecco quale 'unità' in Sicilia

    Oggi ricorre il 163° anniversario dello scoppio della rivoluzione indipendentista siciliana del 1848 che ha reso la Sicilia uno Stato indipendente per poco più di un anno. Dalla Costituzione Siciliana redatta in quel periodo, nulla lascia pensare ad una volontà di unificazione improbabile con altri Stati della Penisola italiana, già legittimi ed esistenti da secoli, con una propria storia ed una propria particolarià socio-economica.
    Bando ai romanticismi, dunque (che solitamente non dovrebbero interessare studiosi e ricercatori seri), cosa ha realmente generato l'unità d'Italia? Garibaldi che con una calzamaglia blu e un mantello rosso ha emanato i propri raggi fotonici sulla Sicilia e l'ha fatta propria (come vorrebbero farci credere Napolitano, le istituzioni in genere e l'informazione e la formazione italiane)? O ben altre dinamiche ed interessi..?

    Di seguito, un sottoparagrafo tratto dalla mia tesi di laurea specialistica in Antropologia Culturale ed Etnologia.

    Il tricolore costituzionale rivoluzionario del 1848

    I colori verde, bianco e rosso entrano nella storia siciliana insieme agli ideali rivoluzionari che hanno già avuto fortuna in Francia alla fine del XVIII secolo. «Nell'Italia del 1796, attraversata dalle vittoriose armate napoleoniche, le numerose repubbliche di ispirazione giacobina che avevano soppiantato gli antichi Stati assoluti [adottano] quasi tutte, con varianti di colore, bandiere caratterizzate da tre fasce di uguali dimensioni, chiaramente ispirate al modello francese del 1790» e simboleggianti i tre capisaldi rivoluzionari di Libertà, Uguaglianza e Fraternità, oltre a costituire uno dei simboli adoperati dalla massoneria francese e, con la sostituzione del colore verde, anche cispadana e antipapalina .
    I valori costituzionali portati dal Tricolore, dunque, si diffondono e tendono a radicarsi anche tra gli Stati italiani e in Sicilia: proprio nell’Isola, il 12 gennaio 1848, a Palermo, ha inizio quella rivoluzione che viene istituzionalmente riconosciuta come la prima del ‘Risorgimento italiano’, di cui le fonti parlano come di ‘natura popolare’, data la divulgazione di manifesti e volantini di avviso già tre giorni prima dell’inizio degli atti rivoluzionari veri e propri . Dopo Palermo, la prima ad insorgere fu Agrigento; seguirono poi Trapani, Catania e Caltanissetta, e dovunque si sparse sangue per la resistenza che gl'insorti trovarono nelle truppe regie borboniche. Elpidio Micciarelli, avvocato, scrive nel marzo di quell’anno: «Per la insurrezione siciliana il regno napolitano ebbe ai 29 Gennaio la costituzione, ebbela il Piemonte l’8 Febbraio, il Toscano Granducato il 17 Febbraio e il 14 Marzo lo Stato del Papa» , per cui è indubbio che la rivoluzione isolana del ’48 sia riuscita a scuotere l’intera situazione politica italiana. Ottenuta la ritirata delle milizie regolari, il governo rivoluzionario siciliano vede salire al vertice politico Ruggero Settimo, «nato da’ principi di Fitalia in Palermo», il quale porge la Corona di Sicilia al principe Alberto Amedeo di Savoia che, rifiutando l’offerta, sarebbe salito al trono con il titolo di Alberto Amedeo I di Sicilia .
    L’obiettivo rivoluzionario di questo anno è senza dubbio l’indipendenza politica siciliana dal regno dei Borbone di Napoli: il nuovo governo, che vede vacante la carica regia ma che può contare su Settimo come Presidente del Regno, non disdegna l’idea «di una possibile adesione futura della Sicilia a un’auspicata Lega Italica; e questa era un’idea sulla quale, in verità, già nel 1835, come ricorda [...] Michele Amari nella prefazione del 1886 alla ‘Guerra del Vespro’ e anche il Gentile in quella sua infelice opera intitolata ‘Il tramonto della cultura siciliana’, l’attento e sagace genio di Domenico Scinà aveva espresso il suo giudizio negativo e premonitore, definendola ‘l’isterìa italica’. L’idea però [...] era anch’essa funzionale alla difesa degl’interessi storici dei Siciliani». In questi anni di fronte comune degli Stati italiani nel pretendere l’entrata in vigore di una costituzione, «l’ipotesi di un patto federativo [...] non [può] essere scartata secondo ragione, e questo [è] il motivo più intrinseco e pratico per cui [comincia] ad essere condivisa sia da monarchici che da repubblicani, democratici, moderati e conservatori. Infatti il 20 gennaio 1848 [...] lo stesso comitato generale dell’insurrezione [esprime] il voto [...] di voler associare il destino della Nazione in un vincolo federativo perenne con gli altri Stati italiani», pur restando ferma la piena indipendenza siciliana, come conferma l’Art. 2 della Costituzione Siciliana del 1848: «La Sicilia sarà sempre Stato indipendente. Il Re dei siciliani non potrà regnare o governare su verun altro paese. Ciò avvenendo sarà decaduto ‘ipso facto’. La sola accettazione di un altro principato o governo lo farà anche incorrere ‘ipso facto’ nella decadenza». Viene dunque confermata la tradizione statuale siciliana – iniziata con i Normanni e ribadita con la guerra del Vespro – e in nome del costituzionalismo e della solidarietà con gli altri Stati italiani il governo siciliano adotta come bandiera il Tricolore, al cui interno, al centro della banda bianca, viene posta ancora una volta il triskelés siciliano. Lo stesso fanno gli altri Stati che riescono ad ottenere la carta costituzionale, inserendo nel drappo tricolore il relativo simbolo territoriale – come per il Leone di San Marco per la Repubblica Veneta, lo stemma dei Borbone per Napoli o il simbolo granducale per la Toscana.
    L’illusione di una più duratura indipendenza siciliana svanisce quando le truppe borboniche riescono con la forza a riprendere il controllo della Sicilia, appena sedici mesi dopo la ricostituzione del Regno di Sicilia, ovvero il 15 maggio 1849.

    BIBLIOGRAFIA:

    Micciarelli E., "Ruggero Settimo e la Sicilia", Edizioni 'Italia', 1848, Palermo

    Orlando D., "Commentario storico sulla Costituzione Siciliana", Stamperia e Libreria di Antonio Muratori, 1848, Palermo

    Perez F., "Funerali di Ruggero Settimo", a cura del Municipio di Palermo, 1863, Palermo

    Turco N., "L'essenza della Questione Siciliana. Storia e diritto 1812-1983", CSSSS, 1983, Catania

    LE RIVOLUZIONI - INIZIA LA SICILIA - ANNO 1848

    Il tricolore

    http://it.wikipedia.org/wiki/Rivoluz...liana_del_1848

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Settimo

    Ultima modifica di Laurentius AnthroposLogos; 12-01-11 alle 01:15

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anti-occidentale
    Data Registrazione
    31 Dec 2010
    Località
    محور المقاومة
    Messaggi
    5,229
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il tricolore costituzionale rivoluzionario del 1848 - Ecco quale 'unità' in Sici

    Gli storiografi di regime marciano su quanto fuorviante possa essere osservare tale bandiera ai giorni nostri.
    In verità, come tu giustamente scrivi, essa non era altro che una bandiera rivoluzionaria, liberale e massonica. Non rappresentava certamente una non meglio definita "nazione italiana".
    Il suo utilizzo posteriore come bandiera "nazionale" italiana è invece da ricondurre ad una mancanza di fondo: la mancanza di una vera e storica identità nazionale, appunto.
    Credo sia abbastanza ironico, oggi, vedere come taluni italiani ridicolizzano i leghisti e le loro idee sulla "Padania"; insomma, non doveva essere diverso, 150 anni fa, con gli unionisti.
    Ultima modifica di Spirdu; 12-01-11 alle 20:21
    Le rose sono rosse,
    le violette sono blu,
    Israele è un'entità imperialista illegale

  3. #3
    Siciliano
    Data Registrazione
    08 Oct 2010
    Località
    Palermo... nel bene o nel male...
    Messaggi
    177
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il tricolore costituzionale rivoluzionario del 1848 - Ecco quale 'unità' in Sici

    Citazione Originariamente Scritto da Spirdu Visualizza Messaggio
    Gli storiografi di regime marciano su quanto fuorviante possa essere osservare tale bandiera ai giorni nostri.
    In verità, come tu giustamente scrivi, essa non era altro che una bandiera rivoluzionaria, liberale e massonica. Non rappresentava certamente una non meglio definita "nazione italiana".
    Il suo utilizzo posteriore come bandiera "nazionale" italiana è invece da ricondurre ad una mancanza di fondo: la mancanza di una vera e storica identità nazionale, appunto.
    Credo sia abbastanza ironico, oggi, vedere come taluni italiani ridicolizzano i leghisti e le loro idee sulla "Padania"; insomma, non doveva essere diverso, 150 anni fa, con gli unionisti.
    Probabile... eppure quelli sono giunti al loro scopo. Magari ci arrivassero anche i leghisti... accussì si lèvan'i ravanzi...

 

 

Discussioni Simili

  1. I Moti del 1848 in Sicilia
    Di x_alfo_x nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 11-10-10, 20:33
  2. Quale riforma costituzionale
    Di guidulli nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 11-04-07, 20:46
  3. In Sicilia la Fiamma Tricolore non va...
    Di toaster nel forum Destra Radicale
    Risposte: 57
    Ultimo Messaggio: 03-06-06, 17:55
  4. Fiamma Tricolore: Programma per Roma. Rivoluzionario
    Di ardimentoso nel forum Destra Radicale
    Risposte: 97
    Ultimo Messaggio: 28-05-06, 21:03
  5. Fiamma Tricolore: programma per Roma. Rivoluzionario
    Di ardimentoso nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 21-05-06, 17:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226