User Tag List

Pagina 658 di 658 PrimaPrima ... 158558608648657658
Risultati da 6,571 a 6,579 di 6579

Discussione: Geopolitica

  1. #6571
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    41,274
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,925
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Geopolitica

    mercoledì 10 aprile 2024
    La sindrome Masada di Netanyahu e il rapporto Onu di Francesca Albanese



    Situata in cima a un picco roccioso affacciato sul Mar Morto, la fortezza romana di Masada fu occupata dalla setta ebraica dei Sicarii. Le legioni romane la assediarono nel 73 d.C. e costruirono un'enorme rampa per consentirne l'accesso. Ma quando entrarono, i Sicarii si erano suicidati collettivamente, ponendo fine alla guerra ebraico-romana. Oggi è tra queste rovine che gli ufficiali dei carri armati, dei paracadutisti e dell’aeronautica israeliana vengono a pronunciare il loro giuramento: “No, la catena non si spezza sulla vetta ispirata. Masada non cadrà mai più! ".

    di Alfredo Jalife-Rahme
    Il massacro di 33.000 civili palestinesi da parte del gabinetto di guerra di Benjamin Netanyahu, poi il suo rifiuto di adottare le misure ordinate dalla Corte internazionale di giustizia, e infine il suo rifiuto di conformarsi alle richieste della risoluzione 2728 del Consiglio di sicurezza ricordano la sindrome di Masada. Questo estremismo fanatico emerge più dalla psichiatria che dalla politica.

    Èmolto improbabile che il Primo Ministro Khazariano Netanyahu, ora con le spalle al muro, rispetterà la risoluzione per un cessate il fuoco immediato a Gaza [ 1 ] .

    Netanyahu si barrica dietro la sindrome di Masada e sfrutta il clamore del 90% della popolazione israeliana per chiedere lo sterminio di Hamas, a prescindere dai "danni collaterali" (sic), il che si traduce in un'apocalisse palestinese, completamente contraria a tutti e tre i principi della normativa internazionale. diritto umanitario: discernimento, proporzionalità e precauzione [ 2 ] .

    Tre anni dopo la caduta di Gerusalemme, nel 70 d.C., Masada fu l'ultimo bastione dove soccombette la setta estremista dei Sicarii (da cui deriva la designazione dei sicari come “sicaires”), cioè gli zeloti della Giudea, assediata dalle truppe di L'imperatore Tito.

    Netanyahu, primo ministro cazaro di origine polacca, che non ha nulla a che vedere con i veri ebrei semiti, rimette in pratica la sindrome di Masada millenovecentocinquantacinque e un anno dopo, in risposta al clamore travolgente dell'universalità umanista della coscienza dei popoli e degli Stati .

    Che sorprendente somiglianza tra i fanatici del 73 d.C. e i loro emuli neocolonialisti Ben Gvir, Ministro della Sicurezza (sic), e Smotrich, Ministro delle Finanze di Netanyahu!

    La sindrome di Masada ha colpito il gabinetto di Netanyahu quando il suo cancelliere Israel Katz, ignorando la risoluzione 2728 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha dichiarato che "lo Stato di Israele non cessa il fuoco". Distruggeremo Hamas e continueremo a combattere finché tutti gli ostaggi non saranno rimpatriati” [ 3 ] .

    La Corte Internazionale di Giustizia, finora inefficace, dopo quasi sei mesi di genocidio dantesco, ha ordinato a Israele di facilitare urgentemente (sic) l’ingresso degli aiuti umanitari (sic) nella Striscia di Gaza [ 4 ] , bloccata da cielo, mare e terra, dove la guerra alimentare infuria con carestia, sete e malattie.

    Secondo il Times , vicino alla monarchia globalista britannica e ad Israele, il blocco degli aiuti umanitari (sic) a Gaza è un grave errore strategico di Israele, perché è già percepito dall'opinione mondiale come una volontà di affamare deliberatamente i palestinesi assediati.



    La relatrice speciale Francesca Albanese ha aperto una polemica con il presidente francese Emmanuel Macron a seguito della commemorazione da parte di quest'ultimo delle vittime del 7 ottobre, che ha presentato come “la più grande strage antisemita del nostro secolo”. Poi gli ha ricordato che non erano morti “a causa del loro giudaismo, ma in reazione all'oppressione di Israele”. Il Ministero degli Affari Esteri francese ha condannato l'osservazione del relatore speciale. Ha poi affermato che affermare che la morte delle vittime sia dovuta all'antisemitismo “oscura la loro vera causa”.

    All'unisono, Francesca Albanese, relatrice delle Nazioni Unite sui diritti umani nei territori palestinesi occupati, nel suo rapporto, Anatomia del genocidio , accusa Israele e "chiede agli Stati di rispettare i loro obblighi e di imporre un embargo sulle armi. E sanzioni contro Israele (...) Quando l'intento genocida è così visibile, così ostentato come lo è a Gaza, non possiamo chiudere un occhio; Di fronte al genocidio, abbiamo il dovere di prevenirlo e punirlo” [ 5 ] .

    Elijah J. Magnier dichiara che "Israele si sta preparando per una reazione internazionale su Gaza oltre il campo di battaglia" [ 6 ] con uno tsunami di cause legali che ricordano le preoccupanti conclusioni della Commissione Goldstone, anche per conto delle Nazioni Unite, che ha indagato sulle atrocità di Israele, tra cui crimini di guerra, durante la precedente guerra di Gaza, 15 anni fa . [ 7 ]

    Anatomia di un genocidio , di Francesca Albanese, ritiene che Israele abbia commesso tre atti specifici (ai sensi della Carta delle Nazioni Unite) di genocidio: uccidere membri del gruppo preso di mira, causando loro gravi danni mentali e fisici e creare intenzionalmente le condizioni per la distruzione del gruppo, oltre alla massiccia distruzione delle infrastrutture di Gaza, compresi ospedali e terreni agricoli, con l'arresto e la presunta tortura di migliaia (sic) di uomini e ragazzi palestinesi.

    Francesca Albanese vede la situazione attuale come un’escalation del lungo processo di colonizzazione e cancellazione (sic), una nuova Nakba in corso, in riferimento all’espulsione di massa dei palestinesi in seguito alla creazione di Israele nel 1948.

    Elijah J. Magnier riferisce che Israele ha respinto categoricamente i risultati del distruttivo Rapporto di Francesca Albanese definendoli un "osceno capovolgimento (sic) della realtà". Sindrome di Masada classica!

    https://sadefenza.blogspot.com/2024/...-e-il.html?m=1
    Ultima modifica di Eridano; 10-04-24 alle 12:01

  2. #6572
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    41,274
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,925
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Geopolitica

    Il pericolo di una guerra mondiale è reale?
    di Serge Marchand , Thierry Meyssan

    Una guerra atomica è possibile. La pace mondiale dipende dall’abilità degli Stati Uniti, sotto ricatto dei “nazionalisti integralisti” ucraini e i “sionisti revisionisti”. Se Washington non fornirà loro le armi per massacrare i russi e i palestinesi di Gaza non esiteranno a scatenare l’Armageddon.

    RETE VOLTAIRE | PARIGI (FRANCIA) | 9 APRILE 2024



    Nel Libro dei giudici Sansone è un ebreo consacrato a Dio. Ha fatto voto di non tagliarsi mai i capelli ed è dotato di forza prodigiosa. Ma Dalila, sua amante, gli taglia le trecce durante il sonno, privandolo dell’aiuto di Dio e della sua straordinaria forza. Viene fatto prigioniero dai filistei che gli cavano gli occhi e lo gettano in prigione a Gaza. Durante un sacrificio al loro dio, i filistei mettono Sansone, i cui capelli hanno cominciato a ricrescere, tra due colonne del palazzo. A mani nude Sansone le divarica e fa crollare il palazzo: si suicida per uccidere alcune migliaia di filistei.

    Le guerre in Ucraina e a Gaza hanno suggerito a molti responsabili politici di primo piano il paragone tra l’attuale periodo e gli anni Trenta del secolo scorso, inducendoli a evocare la possibilità di una guerra mondiale. Sono timori fondati o semplice retorica per spaventarci?

    Per rispondere alla domanda riassumeremo fatti che il pubblico ignora, ma che sono noti agli specialisti. Lo faremo con distacco, correndo il rischio di sembrare insensibili a questi orrori.

    Innanzitutto distinguiamo tra il conflitto in Europa orientale e quello in Medio Oriente. Hanno solo due punti in comune:
    – Non rappresentano una posta significativa in sé, ma una sconfitta dell’Occidente, già battuto in Siria, segnerebbe la fine dell’egemonia occidentale sul mondo.
    – Sono entrambi alimentati da un’ideologia fascista, quella dei “nazionalisti integralisti” ucraini di Dmytro Dontsov [1] e quella dei “sionisti revisionisti” israeliani di Vladimir Ze’ev Jabotinsky [2]; due gruppi alleati dal 1917, ma entrati in clandestinità durante la guerra fredda, quindi sconosciuti al grande pubblico.

    Per contro, tra i due conflitti esiste un’importante differenza:
    – Sul campo di battaglia combattono con la stessa furia, ma i “nazionalisti integralisti” sacrificano i propri connazionali (in Ucraina sono rimasti pochissimi uomini validi di meno di trent’anni), i “sionisti revisionisti” sacrificano invece persone loro estranee: i civili arabi.
    Queste guerre rischiano di generalizzarsi?

    Questo è l’obiettivo di entrambi i gruppi: i “nazionalisti integralisti” attaccano in continuazione la Russia all’interno del suo territorio e in Sudan; i “sionisti revisionisti” bombardano il Libano, la Siria e l’Iran (o meglio il territorio iraniano in Siria, dato che il consolato iraniano a Damasco è zona extra-territoriale). Ma nessuno reagisce: né la Russia né l’Egitto né gli Emirati nel primo caso; né lo Hezbollah né l’esercito arabo siriano né i Guardiani della rivoluzione nel secondo.

    Tutti, Russia compresa, preferiscono incassare e accettare i propri morti per evitare una reazione brutale dell’“Occidente collettivo” che porterebbe a una guerra mondiale.

    Se la guerra si generalizzasse non sarebbe una guerra semplicemente convenzionale, sarebbe guerra nucleare.

    Si conosce la potenza convenzionale di ciascuna delle parti, ma se ne ignora la reale potenza nucleare. Si sa che gli Stati Uniti hanno usato bombe nucleari strategiche durante la seconda guerra mondiale e che la Russia sostiene di possedere missili nucleari ipersonici, con i quali nessun’altra potenza può competere. Tuttavia alcuni esperti occidentali mettono in dubbio la realtà di questi prodigiosi progressi tecnici.
    Dunque quale strategia delle potenze nucleari si delinea sullo sfondo?

    Oltre ai cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza, anche India, Pakistan, Corea del Nord e Israele posseggono bombe atomiche strategiche. Tutti, a eccezione di Israele, le concepiscono come mezzi di dissuasione.
    I media occidentali considerano l’Iran una potenza nucleare, sebbene Russia e Cina smentiscano ufficialmente.
    Durante la guerra dello Yemen, l’Arabia Saudita ha acquistato bombe nucleari tattiche da Israele e le ha usate. Sembra però che non ne possieda in permanenza e non abbia le competenze tecniche per fabbricarle.

    Solo la Russia svolge regolarmente esercitazioni di guerra nucleare. Durante quella dello scorso ottobre, i militari russi hanno ipotizzato di perdere un terzo della popolazione in poche ore, poi hanno simulato la loro riscossa uscendone vincitori.

    In sostanza, tutte le potenze nucleari non vogliono colpire per prime, perché questo comporterebbe senza dubbio la loro distruzione. Tutte tranne Israele, che invece sembra aver sposato la “dottrina Sansone” («Morte a Sansone e a tutti i filistei»). Sarebbe quindi l’unica potenza disposta al sacrificio ultimo, il «Crepuscolo degli Dei» caro ai nazisti.

    Due saggi critici sono stati dedicati all’atomo militare israeliano: The Samson Option: Israel’s Nuclear Arsenal and American Foreign Policy di Seymour M. Hersh (Random House, 1991) e Israel and the Bomb di Avner Cohen (Columbia University Press, 1998, tradotto in francese dalle edizioni Demi-Lune) [3].

    Israele non ha mai concepito l’atomo militare come forma di dissuasione classica, ma come garanzia che non esiterà a suicidarsi per uccidere i propri nemici piuttosto che essere sconfitto. È il complesso di Masada [4]. Un modo di pensare in linea con la “Direttiva Hannibal”: le FDI devono uccidere i propri soldati pur d’impedire vengano fatti prigionieri dal nemico [5].

    Durante la guerra dei Sei Giorni, il primo ministro israeliano, l’ucraino Levi Eshkol, ordinò di preparare una delle due bombe possedute all’epoca da Israele per farla esplodere non lontano da una base militare egiziana sul monte Sinai. Il piano non venne messo in atto perché Israele uscì rapidamente vittorioso da quella guerra convenzionale. Se la bomba fosse stata fatta esplodere avrebbe ucciso non solo molti egiziani, ma anche molti israeliani [6].

    Durante la Guerra di Ottobre 1973, chiamata in Occidente Guerra del Kippur, il ministro della Difesa, l’israeliano di origine ucraina Moshe Dayan, e la prima ministra, l’ucraina Golda Meyer, ipotizzarono di usare 13 bombe atomiche [7].



    Le rivelazioni di Mordechai Vanunu in prima pagina del Sunday Times.

    Nel 1986 un tecnico nucleare della centrale di Dimona, il marocchino Mordechai Vanunu, rivelò il programma nucleare militare segreto di Israele al Sunday Times [8]. Fu sequestrato dal Mossad a Roma, per ordine del primo ministro israeliano, nonché padre della bomba atomica, il bielorusso Shimon Peres. Vanunu fu giudicato a porte chiuse e condannato a 18 anni di prigione; ne trascorse 11 in isolamento totale. Fu condannato a 6 mesi di carcere supplementari per aver osato rilasciare un’intervista a Réseau Voltaire.

    Nel 2009 Martin Van Creveld, il più importante stratega israeliano, dichiarava: «Possediamo parecchie centinaia di ogive e missili atomici e possiamo colpire obiettivi in ogni direzione, anche Roma. La maggior parte delle capitali europee sono obiettivi potenziali della nostra aeronautica militare (…) I palestinesi devono essere tutti espulsi. Le persone che lottano per questo attendono solo l’arrivo della persona giusta al momento giusto. Due anni fa, solo il 7 o l’8% degli israeliani era del parere che sarebbe stata la soluzione migliore; due mesi fa lo pensava il 33%; secondo un sondaggio Gallup, la percentuale è ora del 44%».

    È quindi ragionevole pensare che nessuna potenza nucleare, tranne Israele, oserà compiere l’irreparabile.

    È esattamente quello che il 5 novembre scorso lasciò intendere il ministro del Patrimonio, Amichai Eliyahu (Otzma Yehudit/Forza ebraica) intervenendo a Radio Kol. A proposito dell’uso dell’arma atomica su Gaza dichiarò che «a Gaza non ci sono non-combattenti» e che questo territorio non merita aiuti umanitari. «A Gaza non c’è persona che non sia implicata [nella guerra contro Israele]». Affermazioni che suscitarono l’indignazione in Occidente. Solo Mosca si meravigliò che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica non intervenisse [9].

    È molto probabile che tutto questo spieghi perché Washington a continui ad armare Israele e al tempo stesso reclami un cessate-il-fuoco immediato: se gli Stati Uniti smettessero di fornire armi a Israele per massacrare i palestinesi di Gaza, Tel-Aviv potrebbe ricorrere all’arma nucleare, colpendo le popolazioni della regione, compresi gli israeliani.

    In Ucraina i “nazionalisti integralisti” avevano pianificato di ricattare gli Stati Uniti con il medesimo mezzo: la minaccia nucleare o, in alternativa, quella delle armi biologiche [10]. Nel 1994 l’Ucraina, che aveva ereditato un grande quantitativo di bombe sovietiche, firmò il Memorandum di Budapest. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Russia le offrirono garanzie d’integrità territoriale in cambio del trasferimento di tutte le armi nucleari in Russia e della firma del Trattato di non-proliferazione delle armi nucleari (TNP). Tuttavia, dopo il rovesciamento nel 2014 del presidente eletto Viktor Yanukovich (EuroMaidan), i “nazionalisti integralisti” cominciarono a lavorare per la ri-nuclearizzazione del Paese, indispensabile nei loro piani per cancellare la Russia dalla faccia della terra.

    Il 19 febbraio 2022, durante la Conferenza annuale sulla sicurezza di Monaco, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky annunciò che avrebbe rimesso in discussione il Memorandum di Budapest per riarmare il Paese sul piano nucleare. Cinque giorni dopo la Russia lanciò l’operazione speciale contro il governo di Kiev per far applicare la risoluzione 2202. Mosca si pose come obiettivo assolutamente prioritario mettere le mani sulle riserve segrete e illegali dell’Ucraina di uranio arricchito. Dopo otto giorni di combattimenti l’esercito russo occupò la centrale nucleare civile di Zaporizia.



    Laurence Norman, inviato speciale del Wall Street Journal al forum di Davos sul nucleare iraniani, ha riportato su Twitter la dichiarazione di Rafael Grossi sul nucleare ucraino, ma non ha pubblicato articoli sull’argomento. L’informazione è stata confermata, sempre su Twitter, anche da un giornalista del New York Times.

    Secondo l’argentino Rafael Grossi, direttore dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, che tre mesi dopo, il 25 maggio 2022, interveniva al Forum di Davos, l’Ucraina aveva segretamente depositato a Zaporizia 30 tonnellate di plutonio e 40 tonnellate di uranio. Queste scorte valevano, a prezzo di mercato, almeno 150 miliardi di dollari. Il presidente russo, Vladimir Putin, dichiarava: «La sola cosa che manca [all’Ucraina] è un sistema di arricchimento dell’uranio. È un problema tecnico non insuperabile per l’Ucraina». Ma l’esercito russo aveva ormai prelevato dalla centrale gran parte di queste scorte. Attorno alla centrale i combattimenti tuttavia continuarono per mesi. Se i “nazionalisti integralisti” le avessero avute ancora a disposizione, avrebbero fatto quello che oggi fanno i “sionisti revisionisti”: avrebbero preteso più armi e, in caso di rifiuto, avrebbero minacciato di usare l’arma nucleare, ossia lanciare l’Armageddon.

    Ritorniamo ai campi di battaglia di oggi. Cosa osserviamo? In Ucraina e in Palestina gli Occidentali continuano a fornire un impressionante arsenale di armi ai “nazionalisti integralisti” e, in misura minore, ai “sionisti revisionisti”, senza tuttavia avere alcuna ragionevole speranza di far arretrare i russi, né di massacrare la totalità degli abitanti di Gaza. Al peggio otterranno lo svuotamento degli arsenali degli alleati, il sacrificio della totalità degli ucraini in età di combattere, nonché l’isolamento diplomatico dello Stato-canaglia d’Israele.
    Del resto, Moshe Dayan diceva: «Israele deve essere come un cane rabbioso, troppo pericoloso per essere controllato».

    Immaginiamo che queste conseguenze, apparentemente catastrofiche, siano in realtà il loro scopo.

    Il mondo si dividerebbe in due, come durante la guerra fredda, con la differenza che Israele sarebbe diventato infrequentabile. In Occidente gli anglosassoni la farebbero comunque da padroni, tanto più che sarebbero gli unici a possedere armi, dal momento che gli alleati avrebbero dato fondo alle loro in Ucraina. Israele, isolato come alla fine degli anni Settanta e gli inizi degli anni Ottanta quando era riconosciuto solo dal regime di apartheid del Sudafrica, continuerebbe a svolgere la missione inizialmente affidatagli: mobilitare al servizio dell’Impero la diaspora ebraica, spaventata da una possibile nuova ondata antisemita.

    Questa tetra visione è la sola che possa permettere agli anglosassoni di non affondare e di disporre ancora di vassalli, sebbene la loro potenza ne uscirebbe molto sminuita rispetto all’epoca del “mondo globale”. È per questa ragione che si sono cacciati nell’inestricabile situazione odierna. I “nazionalisti integralisti” e i “sionisti revisionisti” li ricattano, ma gli anglosassoni vogliono manipolarli per dividere il mondo in due e preservare quel che possono della loro supremazia.

    Serge Marchand
    Thierry Meyssan
    Traduzione
    Rachele Marmetti

    https://www.voltairenet.org/article220703.html
    Da riportare assolutamente.
    La verità sulla guerra in Ucraina e sulla centrale di Zaporizhia

    Scusate se mi ripeto, non vorrei che il cambio pagina lasciasse perso questo articolo che è fondamentale per capire. Finalmente.
    Ultima modifica di Eridano; 10-04-24 alle 11:57

  3. #6573
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    68,868
     Likes dati
    2,763
     Like avuti
    9,890
    Mentioned
    139 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Geopolitica

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #6574
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    41,274
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,925
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Geopolitica

    LE TRUPPE DELLA NATO SONO ARRIVATE A LEOPOLI E KIEV
    10 APRILE 2024
    6COMMENTI
    CONFLITTO IN UCRAINA

    https://www.controinformazione.info/...eopoli-e-kiev/
    Ipocrisia occidentale.
    Ultima modifica di Eridano; 10-04-24 alle 15:52

  5. #6575
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    41,274
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,925
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Geopolitica

    ISRAELE NEL PANICO: L’ACCORDO STRATEGICO TRA RUSSIA E IRAN È PRONTO
    10 APRILE 2024
    0COMMENTI
    IRAN RUSSIA ALLEANZE

    https://www.controinformazione.info/...iran-e-pronto/
    Ultima modifica di Eridano; 10-04-24 alle 15:52

  6. #6576
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    68,868
     Likes dati
    2,763
     Like avuti
    9,890
    Mentioned
    139 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Geopolitica

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  7. #6577
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    68,868
     Likes dati
    2,763
     Like avuti
    9,890
    Mentioned
    139 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Geopolitica

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  8. #6578
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    41,274
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,925
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  9. #6579
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    41,274
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,925
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

 

 
Pagina 658 di 658 PrimaPrima ... 158558608648657658

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
[Rilevato AdBlock]

Per accedere ai contenuti di questo Forum con AdBlock attivato
devi registrarti gratuitamente ed eseguire il login al Forum.

Per registrarti, disattiva temporaneamente l'AdBlock e dopo aver
fatto il login potrai riattivarlo senza problemi.

Se non ti interessa registrarti, puoi sempre accedere ai contenuti disattivando AdBlock per questo sito