User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Chi voteresti?

Partecipanti
26. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Partito Democratico della Sinistra

    7 26.92%
  • Unione dei Riformisti

    1 3.85%
  • Movimenti Italiani Marxisti

    3 11.54%
  • Popolari Italiani

    4 15.38%
  • Unione dei Liberali

    4 15.38%
  • Fronte Nazionale

    7 26.92%
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 25

Discussione: L'Italia dopo il golpe

  1. #1
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito L'Italia dopo il golpe

    2011 E' il 28 gennaio e la commissione bicamerale per il federalismo, nonostante le modifiche fatte dalla Lega in cambio del voto favorevole, respinge per un solo voto di scarto il decreto sul federalismo municipale. E' guerra totale: Bossi annuncia l'intenzione di andare in piazze imbracciando i fucili e intanto Berlusconi tenta di tener buono l'avversario divenendo anch'esso paladino del federalismo.

    Ma la Lega, pur rimanendo fedele al Cavaliere, decide di staccare la spina al governo. Berlusconi, controvoglia, rassegna le dimissioni il 1° febbraio al Capo dello Stato, che, preso atto della situazione politica instabile e incerta, tenta di formare un governo di transizione che porti il paese alle elezioni a maggio. Nonostante tutto, Lega e Pdl si mostrano compatti e alla fine, il 10 febbraio Napolitano è costretto a sciogliere le Camere e a indire le elezioni per il 27 e il 28 marzo.

    La campagna elettorale, praticamente già partita, non da il tempo al PD e al centro sinistra di organizzare le primarie, così, in comune accordo sebbene con poca convinzione, durante la notte tra l'11 e il 12 febbraio Nichi Vendola, Pierluigi Bersani e Antonio Di Pietro si accordano nel candidare a premier il segretario del Partito Democratico.

    La campagna elettorale è tra le più dure al mondo e i partiti utilizzano tutti i mezzi a propria disposizione anche se Berlusconi scende in campo con una massiccio supporto mediatico. Ogni casa è raggiunta da volantini e opuscoli di tutti gli schieramenti.

    E' il 28 marzo, quando alle 15.00 escono i primi exit poll. Per SKY pare in vantaggio il centro sinistra di un punto e mezzo percentuale mentre per la RAI è avanti il centro destra con mezzo punto percentuale.

    E' un'ennesima lunghissima notte di spogli, riconteggi, colpi di scena. Fatto sta che i risultati ufficiali vengono pubblicati alle 11.22 del 29, con un ritardo mai visto.

    Il centro destra aveva superato il centro sinistra per 11.234 voti, dei quali una quantità enorme erano contestati. Lo scenario è simile a quello del 2006 tuttavia a parti invertite.

    In tutta Roma si radunarono migliaia di elettori del centro sinistra mentre il primo atto ufficiale fu una nota di Palazzo Chigi, soddisfatta per l'esito elettorale.

    Il Quirinale non lasciò alcun commento certo fu che, sebbene il premio di maggioranza alla Camera andasse nuovamente a Berlusconi per pochi voti, il Senato era nel caos più totale con 131 senatori andati all'opposizione, 136 alla maggioranza e ben 48 al Terzo Polo.

    I risultati vedevano il Pdl fortemente indebolito al 27,2%, la Lega Nord esplosa al 13,6% e La Destra allo 0,9%. Il Partito Democratico si era arrestato al 26,1% mentre SEL di Vendola era balzato all'8,3% con Di Pietro al 7,2%. Il Terzo Polo, grande delusione, aveva visto Futuro e Libertà fermarsi al 4,5% mentre il Partito della Nazione andava al 7,1%. Per il resto i grillini ottenevano un buon risultato al 3,2% mentre la Sinistra radicale rimaneva inchiodata all'1%.

    Con un'affluenza al 73,8% e un malcontento generale, la Corte di Cassazione, nel silenzio del Quirinale, tardò a far uscire i risultati elettorali.

    Il 2 aprile, dopo quattro giorni dalle elezioni, Silvio Berlusconi comparve in televisione a reti unificate accusando l'opposizione di aver imbrogliato le elezioni e che il margine di vittoria sarebbe stato ben superiore a quello risultato.

    Fu il caos, decine di migliaia di persone si riversarono nelle strade in tutta Italia chiedendo la testa del dittatore, Roma fu invasa da gente comune che chiedeva la fine del berlusconismo e il riconteggio dei voti.

    Il 4 aprile Berlusconi decretò con massima urgenza lo stato di assedio della Capitale, avocandosi il comando delle Forze Armate. Il Presidente della Repubblica si rifiutò di firmare il decreto, e nella notte fu arrestato da un gruppo di militari che rispondevano agli ordini diretti del ministero della Difesa.

    Il Paese piombò nel caos, violentissimi scontri infuocarono le principali città italiane il giorno dopo il decreto mentre la comunità internazionale gridava al golpe insieme alle opposizioni, completamente compattatesi.

    Dopo una giornata sanguinosa, le truppe lealiste rispondenti agli ordini di alcuni generali fedeli al Presidente della Repubblica, liberarono Napolitano che diede ordine di arresto immediato contro Berlusconi. L'esercito, riportato all'ordine con molta fatica, perquisì tutte le case di Berlusconi non trovando il golpista che intanto era scappato in una località sconosciuta.

    Nel Nord Italia, alcune centinaia di leghisti armati avevano occupato la prefettura di Milano dichiarando la Repubblica Padana il 7 aprile 2011. Napolitano, intanto, formò in fretta un governo d'emergenza guidato dal Governatore della Banca d'Italia Mario Draghi.

    Questi inviò immediatamente l'esercito nelle città del Nord Italia occupate dalle forze leghiste, intanto ampliatesi, riuscendo a riconquistare prima Verona, poi Bergamo per raggiungere infine la vittoria a Milano.

    La famiglia Bossi era intanto fuggita negli Emirati Arabi, mentre degli ex dirigenti leghisti furono tratti in arresto Roberto Calderoli, Marco Reguzzoni, Mario Borghezio e Flavio Tosi.

    Una maxi inchiesta venne aperta dalle procure di Roma e di Milano per attività sovversive contro il sistema repubblicano, e vennero incarcerati molti prefetti, questori, poliziotti, carabinieri, avvocati, magistrati, politici, tra i quali tutti provenienti dal Pdl e dalla Lega Nord.

    Martedì 12 aprile, alle ore 12.00 in diretta nazionale, il Presidente della Repubblica parlò alla Nazione spiegando quanto successo e augurandosi una maggiore unità.

    Le opposizioni, accordandosi con i pochi esponenti del centro destra innocenti e inconsapevoli, tra i quali c'era stranamente Giulio Tremonti, raggiunsero l'accordo di modificare il sistema elettorale per tornare ad un proporzionale puro con i voti di preferenza.

    In cambio il governo Draghi sarebbe continuato sino alla primavera del 2012 per sanare i conti pubblici e dare il tempo alla destra di riorganizzarsi. L'esecutivo, con manovre drastiche di taglio alla spesa pubblica, alle spese dei parlamentari e ai loro privilegi, riuscì a far rientrare a pieno titolo il paese in Europa, mentre si riorganizzava la politica.

    Con le elezioni del 2012 si aprì una vera e propria legislatura costituente, nella quale la maggioranza di sinistra si offrì aperta al dialogo e impostò un nuovo sistema istituzionale, basato su una capacità ampia di spesa e di riscossione per i comuni e per le regioni, mentre venivano abolite le province e creato un Parlamento snello con la Camera dei Deputati composta da 470 rappresentanti eletti con un sistema uninominale a doppio turno e un Senato di 100 seggi, 5 per ogni regione, esclusa la Valle d'Aosta con un solo seggio e i distretti di Roma e Milano, rispettivamente con due seggi ciascuna.

    La figura del Presidente della Repubblica rimase garante dell'unità nazionale mentre gli venne tolta la possibilità di sciogliere le Camere, possibilità per la quale sarebbero stati preposti gli stessi deputati e senatori, che avrebbero potuto decidere di auto sciogliersi. Il primo ministro venne istituzionalizzato rendendolo unico responsabile della linea politica del governo ed espressione del primo partito.

    In questi due anni costituenti, obiettivo primario della politica economica fu la riduzione del debito pubblico, che venne mantenuto sotto controllo raggiungendo il 110% sul PIL e il deficit scese al di sotto del 3%.

    In queste condizioni si affrontarono i partiti politici nel 2014.

    Partito Democratico della Sinistra
    Ideologia: socialismo democratico
    Economia: ripristino e potenziamento del welfare state, sviluppo di una green economy e lotta agli evasori, no al nucleare
    Immigrazione: per un controllo non troppo rigido dell'immigrazione, vista come una risorsa
    Temi etici: sì a testamento biologico, coppie di fatto e ricerca scientifica, no velato ai matrimoni omosessuali

    Unione dell'Italia Riformista
    Ideologia: progressismo
    Economia: libero mercato e investimenti sulla ricerca sono i temi centrali, favorevole allo sviluppo sia delle fonti alternative sia del nucleare
    Immigrazione: regolamentazione dei fenomeni migratori e investimenti nei paesi d'origine
    Temi etici: sì al testamento biologico, coppie di fatto o matrimoni omosessuali e sì alla ricerca scientifica


    Movimenti Italiani per il Marxismo

    Ideologia: Marxismo, neocomunismo
    Economia: collettivizzazione dell'economia, statalizzazione delle grandi industrie del paese, sviluppo di un vero sistema economista con lo stato come centro
    Immigrazione: limitare il fenomeno, appoggio ai lavoratori italiani e a quelli stranieri regolari ma no alle frontiere aperte perché gli immigrati tolgono posti di lavoro agli italiani
    Temi etici: disposti a votare tutte le leggi anticlericali

    Popolari Italiani
    Ideologia: cristianesimo democratico, conservatorismo
    Economia: applicazione di politiche a favore delle famiglie, redistribuzione del reddito solo per le giovani coppie e le famiglie numerose, detrazioni fiscali alle famiglie numerose e alle imprese
    Immigrazione: regolazione dei flussi e regolarizzazione secondo precisi parametri
    Temi etici: contrari a tutte le leggi che vadano contro il parere della Chiesa

    Unione Liberale
    Ideologia: liberalismo, liberismo, laicismo
    Economia: liberalizzazioni a tappeto, riduzione della pressione fiscale generale, meno stato nell'economia
    Immigrazione: chi lavora è ben accetto chi delinque fuori
    Temi etici: sì a coppie di fatto, testamento biologico e nessun limite alla ricerca scientifica

    Fronte Nazionale
    Ideologia: neo fascismo, nazionalismo, destra sociale
    Economia: forte protezionismo a difesa dell'economia nazionale, sviluppo di un'economia sempre più corporativa, aiuti agli italiani meno abbienti, crescita della spesa per la difesa
    Immigrazione: Chiusura immediata delle frontiere
    Temi etici: no secco a ciò che lede la Santa Sede

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    è una visione drammatica quella che hai postato
    comunque ero indeciso tra i riformisti e i popolari
    alla fine ho deciso di scegliere i riformisti

  3. #3
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    Indeciso fra riformisti e liberali...dico liberali,poi un bel governo fra Popolari e Liberali (magari con l'appoggio esterno dei Riformisti,chissà hefico.
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

  4. #4
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,670
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    Tutti servi della banca.
    Comunque Fronte Nazionale, sperando che lasci perdere il protezionismo.

  5. #5
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    PDS, a malincuore visto il nome
    ***Bratstvo i jedinstvo***
    Socialismo Gollista

  6. #6
    globalista
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    pallido punto blu
    Messaggi
    21,037
    Mentioned
    609 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    Movimenti Italiani per il Marxismo

  7. #7
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    Citazione Originariamente Scritto da Manfr Visualizza Messaggio
    PDS, a malincuore visto il nome
    immaginavo

  8. #8
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    PDS ovviamente,scenario molto ben fatto.
    Però credo che una forza federalista più "moderata" rispetto alla Lega sarebbe rimasta
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  9. #9
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,670
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    No no è bello così, spazzarli via tutti.

  10. #10
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia dopo il golpe

    Fronte Nazionale nelle urne, e bieco terrorismo stragista fuori.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Le relazioni diplomatiche dell'Honduras dopo il golpe
    Di Sandinista nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-02-10, 23:10
  2. Le relazioni diplomatiche dell'Honduras dopo il golpe
    Di Sandinista nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-02-10, 18:28
  3. troppe guerre dopo il golpe dei pope in russia
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-03-06, 21:10
  4. ANALISI / la Francia dopo il tentato golpe del Mossad
    Di cariddeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 18-11-05, 11:38
  5. ANALISI / la Francia dopo il tentato golpe del Mossad
    Di cariddeo nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 18-11-05, 01:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226