User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 35
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    Ebbene sì, sono un traditore

    di Massimo Fini

    Ebbene sì, sono un traditore, Massimo Fini

    Antonio Di Pietro ha dichiarato: “Chi è control’Unità d’Italia è un traditore”. Io sono un traditore. L’Italia migliore e più vitale è stata quella preunitaria. L’Italia dei Comuni, delle Repubbliche Marinare, dei Granducati. L’Italia-laboratorio dove, con l’affermarsi, a Firenze e nel piacentino, di una forte classe di mercanti (che oggi si chiamano imprenditori) ha avuto inizio laModernità. L’Italia della grande letteratura, Dante, Petrarca, Cavalcanti, Boccaccio, poi il Tasso e l’Ariosto su su fino a Foscolo, Manzoni, Leopardi. L’Italia della grande arte, Piero della Francesca, Paolo Uccello, Leonardo, Michelangelo, Raffaello, Botticelli, Caravaggio, Tiziano, Tiepolo. L’Italia delle cattedrali, delle chiese, delle pievi, dei borghi e del suo straordinario paesaggio (oggi ampiamente e unitariamente sconciato) che sono poi i motivi per cui i turisti stranieri vengono ancora da noi.

    L’Italia unitaria, dal punto di vista culturale, ha avuto ancora un buon periodo ai primi del Novecento, con le avanguardie, la grande stagione delle riviste, La Voce, La Ronda, La Cerba, il Leonardo e durante il fascismo, dove fummo primi in un settore modernissimo quale il design industriale. Sul secondo dopoguerra, cinema e qualche eccezione a parte, è meglio stendere un velo pietoso.

    Politicamente l’Italia unita ha fatto due guerre. Una l’ha vinta cambiando alleato, nell’altra ha sbagliato alleato e l’ha persa nel più ignominioso dei modi spaccando, in questo caso sì, il Paese in due. Piazzale Loreto resta, simbolicamente e concretamente, una vergogna indelebile. Nel dopoguerra, a parte l’euforia della ricostruzione (è facile essere felici quando si è salvata la pelle), è stato un disastro, soprattutto a partire dalla fine degli anni Sessanta. Siamo l’unico Paese al mondo ad avere quattro mafie (quella propriamente detta, la camorra, la ‘ndrangheta, la Sacra Corona Unita), ai primissimi posti per la corruzione, svuotati di ogni contenuto che non sia materiale e di ogni valore che non sia il Dio Quattrino. Che cosa dovremmo celebrare, presidente Napolitano?

    Lo Stato nazionale, come ogni costruzione umana, non è eterno. Ha avuto la sua funzione in un determinato periodo storico. Nacque, in Europa, per motivi di difesa ed economici perché l’infinità di dazi danneggiava quel libero mercato che proprio allora stava prendendo piede. Ma oggi, in Europa, nessuno Stato nazionale è così grande e forte da poter assicurare da solo la propria difesa, né così piccolo e coeso da poter dare risposta alle esigenze identitarie che, in epoca di globalizzazione, si fanno sempre più impellenti. In quanto al commercio non solo non ci sono più dazi ma, in Europa, nemmeno confini.

    Quando l’Europa sarà politicamente unita, gli Stati nazionali perderanno ogni ragion d’essere. I suoi punti di riferimento periferici non saranno più gli Stati, ma le “macroregioni”, cioè aree geografiche economicamente, socialmente, culturalmente e climaticamente coese, che potranno anche superare gli attuali confini nazionali (non si vede perché non dovrebbero unirsi, per esempio, la Savoia e la Valle d’Aosta, il Tirolo con l’Alto Adige e il Trentino, la Riviera di Ponente con la Costa azzurra e la Provenza). Quelli che andiamo quindi gloriosamente a celebrare sono i 150 anni di un’istituzione morente.

    12/01/2011
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,646
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    Lo Stato nazionale, come ogni costruzione umana, non è eterno. Ha avuto la sua funzione in un determinato periodo storico. Nacque, in Europa, per motivi di difesa ed economici perché l’infinità di dazi danneggiava quel libero mercato che proprio allora stava prendendo piede. Ma oggi, in Europa, nessuno Stato nazionale è così grande e forte da poter assicurare da solo la propria difesa, né così piccolo e coeso da poter dare risposta alle esigenze identitarie che, in epoca di globalizzazione, si fanno sempre più impellenti. In quanto al commercio non solo non ci sono più dazi ma, in Europa, nemmeno confini.

    Quando l’Europa sarà politicamente unita, gli Stati nazionali perderanno ogni ragion d’essere. I suoi punti di riferimento periferici non saranno più gli Stati, ma le “macroregioni”, cioè aree geografiche economicamente, socialmente, culturalmente e climaticamente coese, che potranno anche superare gli attuali confini nazionali (non si vede perché non dovrebbero unirsi, per esempio, la Savoia e la Valle d’Aosta, il Tirolo con l’Alto Adige e il Trentino, la Riviera di Ponente con la Costa azzurra e la Provenza). Quelli che andiamo quindi gloriosamente a celebrare sono i 150 anni di un’istituzione morente.

    12/01/2011

    SANTE PAROLE

    quoto tutto

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Dec 2009
    Messaggi
    373
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    Ebbene sì, sono un traditore

    di Massimo Fini

    Ebbene sì, sono un traditore, Massimo Fini

    Antonio Di Pietro ha dichiarato: “Chi è control’Unità d’Italia è un traditore”. Io sono un traditore. L’Italia migliore e più vitale è stata quella preunitaria.
    [ ... ]
    Quando l’Europa sarà politicamente unita, gli Stati nazionali perderanno ogni ragion d’essere. I suoi punti di riferimento periferici non saranno più gli Stati, ma le “macroregioni”, cioè aree geografiche economicamente, socialmente, culturalmente e climaticamente coese, che potranno anche superare gli attuali confini nazionali
    (non si vede perché non dovrebbero unirsi, per esempio,

    la Savoia e la Valle d’Aosta,
    il Tirolo con l’Alto Adige e il Trentino,
    la Riviera di Ponente con la Costa azzurra e la Provenza).

    Quelli che andiamo quindi gloriosamente a celebrare
    sono i 150 anni di un’istituzione morente.

    12/01/2011
    .
    beh, ALPEADRIA, la Padania Orientale, già fa le prove ad Est, kon Karinzia, Slovenia, Kroazia ...

    .
    Unione Konfederale Cisalpina

  4. #4
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    L'Europa unita e' una chimera ancora piu' pericolosa dell'Italia unita.
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 Jan 2011
    Messaggi
    121
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    Antonio Di Pietro ha dichiarato: “Chi è control’Unità d’Italia è un traditore”
    Un traditore è qualcuno che rompe un patto che aveva sottoscritto volontariamente.
    Chi rompe con la comunità in cui è nato e cresciuto è un rinnegato.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    massimo fini dà per scontato che l'europa diventi buona.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,171
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    Fini è un semplice incapace che ha svenduto per un piatto di lenticchie la sua patria ed il suo popolo (al quale sostiene a voce di credere e di voler difendere) ai poteri forti del popolo eletto che lo hanno sponsorizzato, sbagliando pure cavallo sul quale puntare pur nella pochezza del panorama politico italiano.
    Un eterno traditore.
    Ora, come è abituato da sempre a fare, cerca con le parole, consensi con specchietti per allodole.
    L'Europa sarà unita, se lo sarà mai, solo sotto la bandiera cinese, alla quale le varie classi politiche ci stanno svendendo con le loro attuali politiche economiche da crisi sempre più gravi.
    Ultima modifica di ventunsettembre; 11-02-11 alle 20:04

  8. #8
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    Citazione Originariamente Scritto da Terrone Visualizza Messaggio
    Un traditore è qualcuno che rompe un patto che aveva sottoscritto volontariamente.
    Chi rompe con la comunità in cui è nato e cresciuto è un rinnegato.
    Allora per l'italia non ci sono problemi, nessuno ha sottoscritto patti, e il sud è lontano come la Danimarca e non è la mia comunità.



  9. #9
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    26 Feb 2010
    Località
    lille
    Messaggi
    7,957
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    Citazione Originariamente Scritto da Italiano Visualizza Messaggio
    L'Europa unita e' una chimera ancora piu' pericolosa dell'Italia unita.
    piu che altro si da x scontato un europa che dia spazio alle macroregioni...
    secondo me ce il rischio che da uno stato centralista si passi ad un europa centralista...

  10. #10
    Bannato/a
    Data Registrazione
    29 Apr 2010
    Messaggi
    1,351
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ebbene sì, sono un traditore - di Massimo Fini

    massimo (non gianfranco) fini è un intellettualoide che gioca a fare il controcorrente.

    se cadono gli stati nazione, con loro cade la sovranità, ci saranno solo macroregioni impotenti/irrilevanti prese singolarmente alla deriva all'interno di un unico contenitore, che non sarà però uno stato sovrano ma un ente tecnico della globalizzazione

    senza nazione e senza sovranità si viene trascinati tutti più facilmente nel fiume della mondializzazione
    Ultima modifica di Ungeheuer; 11-02-11 alle 20:53

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Inciucio: Fini e D'Alema a cena insieme. Gianfry: "Non sono un traditore"
    Di Francesco Lomazzo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-02-14, 01:03
  2. Fini traditore, Casini traditore, Buscetta traditore, alfano traditore.
    Di fiume sand creek nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 09-10-13, 22:36
  3. Gli intellettuali sono più corrotti dei politici di Massimo Fini
    Di Dark Knight nel forum Tradizione Europea
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-10-12, 18:58
  4. Ebbene sì, sono un traditore!
    Di Erlembaldo nel forum Lega
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16-02-11, 20:44
  5. Risposte: 137
    Ultimo Messaggio: 23-04-10, 10:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226