PDA

Visualizza Versione Completa : Ho lasciato giurisprudenza per scienze della comunicazione



Strapaesano
28-08-10, 08:57
Ho lasciato giurisprudenza per scienze della comunicazione, che ne pensate? In famiglia non hanno preso bene la mia scelta di cambiare facoltà, e tutti mi dicono che una volta conseguita la laurea in SdC sarò un disoccupato/stagista a vita...

PS: C'è fra di voi qualche laureato in scienze della comunicazione?

Regina di Coppe
28-08-10, 10:23
La laurea di questi tempi non garantisce un posto di lavoro economicamente decente, perciò penso che faresti meglio a cercarti un impiego e poi, per hobby, studiare quello che vuoi.

Morfeo
28-08-10, 11:00
in realtà neanche giurisprudenza telo garantisce visto la marea di laureati in questa materia, c'è da dire che però è una laurea più duttile, boh poi se non ti piaceva hai fatto bene, al tuo posto magari avrei optato per un corso di economia indirizzo marketing

Strapaesano
28-08-10, 11:20
in realtà neanche giurisprudenza telo garantisce visto la marea di laureati in questa materia, c'è da dire che però è una laurea più duttile, boh poi se non ti piaceva hai fatto bene, al tuo posto magari avrei optato per un corso di economia indirizzo marketing

Me lo hanno detto in molti, il problema è che sono abbastanza negato per la matematica purtroppo...

Morfeo
28-08-10, 11:26
Me lo hanno detto in molti, il problema è che sono abbastanza negato per la matematica purtroppo...

ma la matematica che si fa a economia sopratutto se non prendi indirizzi finanziari o di economia pura è abbastanza elementare, c'è l'esame di matematica che alla fine è quello che si fa al liceo, poi dopo il massimo che si può incontrare è una derivata

Eric Draven
28-08-10, 18:47
Ho lasciato giurisprudenza per scienze della comunicazione, che ne pensate? In famiglia non hanno preso bene la mia scelta di cambiare facoltà, e tutti mi dicono che una volta conseguita la laurea in SdC sarò un disoccupato/stagista a vita...

PS: C'è fra di voi qualche laureato in scienze della comunicazione?

pessima scelta.

di laureati in giurisprudenza ce ne sono troppi,ma di laureati in SdC ce ne sono anche di più.

ti 6 mai chiesto,prima di fare il cambio,che tipo di lavoro potresti trovare con quella laurea?

Strapaesano
28-08-10, 20:42
pessima scelta.

di laureati in giurisprudenza ce ne sono troppi,ma di laureati in SdC ce ne sono anche di più.

ti 6 mai chiesto,prima di fare il cambio,che tipo di lavoro potresti trovare con quella laurea?

Il mio sogno è quello di diventare giornalista ( anche se so che sfondare in questo campo è quasi impossibile), ma mi piacerebbe anche operare nel settore del marketing aziendale e della pubblicità, perchè sono un tipo molto creativo (questo è anche uno dei tanti motivi per cui ho lasciato una facoltà arida e noiosa come giurisprudenza).

PS: comunque non ho ancora effettuato l'iscrizione a scienze della comunicazione, per cui sono ben accetti consigli circa altre facoltà...non so tipo lettere moderne?? Ma credo sia ancor meno spendibile di una laurea in SdC, a parte la possibilità dell'insegnamento...

gerty80
28-08-10, 21:54
Il mio sogno è quello di diventare giornalista ( anche se so che sfondare in questo campo è quasi impossibile), ma mi piacerebbe anche operare nel settore del marketing aziendale e della pubblicità, perchè sono un tipo molto creativo (questo è anche uno dei tanti motivi per cui ho lasciato una facoltà arida e noiosa come giurisprudenza).

PS: comunque non ho ancora effettuato l'iscrizione a scienze della comunicazione, per cui sono ben accetti consigli circa altre facoltà...non so tipo lettere moderne?? Ma credo sia ancor meno spendibile di una laurea in SdC, a parte la possibilità dell'insegnamento...

Per lettere? Ovvio, il lavoro lì scarseggia tanto. L'insegnamento è mezza utopia. Per diventare giornalista dovresti sputtanarti tantissimo, chiedere ovunque, anche nello schifosissimo giornale locale di 20 copie :sofico: e da lì farti conoscere sempre di più.

Comunque hai avuto un certo coraggio, non so se riuscissi ad avere il coraggio di cambiare facoltà dopo un paio d'anni che la frequento ed ho dato esami. Scelte che si fanno più o meno consapevolmente..

Eric Draven
29-08-10, 01:08
Il mio sogno è quello di diventare giornalista ( anche se so che sfondare in questo campo è quasi impossibile), ma mi piacerebbe anche operare nel settore del marketing aziendale e della pubblicità, perchè sono un tipo molto creativo (questo è anche uno dei tanti motivi per cui ho lasciato una facoltà arida e noiosa come giurisprudenza).

PS: comunque non ho ancora effettuato l'iscrizione a scienze della comunicazione, per cui sono ben accetti consigli circa altre facoltà...non so tipo lettere moderne?? Ma credo sia ancor meno spendibile di una laurea in SdC, a parte la possibilità dell'insegnamento...


lascia perdere le facoltà umanistiche in genere.

se proprio la matematica non è il tuo mestiere....puoi cmq tentare di studiare lingue.

imparare a parlare idiomi come il tedesco o il russo o il cinese può sempre essere utile.
magari guarda agli esami già sostenuti e vedi se puoi passare a qualche diploma universitario,tanto per non perderli del tutto.

insomma,quello che ti devi mettere in testa è che prima di scegliere una facoltà,devi avere chiaro quali reali prospettive ti apre quella laurea....:gluglu:

giuliano
29-08-10, 12:44
Stai lontano da cose come Lettere, Filosofia, Psicologia, Pedagogia e Scienze delle Comunicazioni ( il cui corso di laurea fu istituito non per reale necessità , quanto piuttosto per sistemare una pletora di docenti, altrimenti difficilmente collocabili). O scegli facoltà scientifico-economiche, oppure facoltà come quella di lingue, impegnandoti, però, ad imparare gli idiomi che scegli, come, ed anche meglio, della lingua italiana. Solo così potrai avere concrete chances nel mondo del lavoro odierno. L'alternativa a tutto ciò è la tradizionale "raccomandazione", o " segnalazione" che dir si voglia. In tal caso, stanne certo, pur possedendo la quinta elementare, riusciresti a trovare certamente lavoro. Ma tu, ritengo, come il sottoscritto e moltissimi altri, non sei un eletto degli Dei, per cui non ti resta che fare una scelta universitaria oculata e sgobbare. Comunque auguri

L'anticristo
29-08-10, 12:45
Ho lasciato giurisprudenza per scienze della comunicazione, che ne pensate? In famiglia non hanno preso bene la mia scelta di cambiare facoltà, e tutti mi dicono che una volta conseguita la laurea in SdC sarò un disoccupato/stagista a vita...

PS: C'è fra di voi qualche laureato in scienze della comunicazione?

mi sembrano entrambe discrete fucine di disoccupati.

ma perche' la lauree che danno lavoro piacciono a pochi ?

Strapaesano
29-08-10, 20:12
lascia perdere le facoltà umanistiche in genere.

se proprio la matematica non è il tuo mestiere....puoi cmq tentare di studiare lingue.

imparare a parlare idiomi come il tedesco o il russo o il cinese può sempre essere utile.
magari guarda agli esami già sostenuti e vedi se puoi passare a qualche diploma universitario,tanto per non perderli del tutto.

insomma,quello che ti devi mettere in testa è che prima di scegliere una facoltà,devi avere chiaro quali reali prospettive ti apre quella laurea....:gluglu:

Il problema è che con conosco altre lingue straniere all'infuori dell'inglese...

Strapaesano
29-08-10, 20:13
mi sembrano entrambe discrete fucine di disoccupati.

ma perche' la lauree che danno lavoro piacciono a pochi ?

E che ci posso fare se a questo mondo c'è solo bisogno di ingegneri ed economisti...

L'anticristo
29-08-10, 20:31
E che ci posso fare se a questo mondo c'è solo bisogno di ingegneri ed economisti...

diventa ingegnere o economista.

Strapaesano
29-08-10, 20:33
diventa ingegnere o economista.

Non ne ho proprio le capacità...
PS: Che faccio mi apro un salone da barbiere??

L'anticristo
29-08-10, 20:35
Non ne ho proprio le capacità...
PS: Che faccio mi apro un salone da barbiere??

mi pare un lavoro onorevole. ne avrei giusto bisogno...

Morfeo
30-08-10, 18:15
scienze infermieristiche, l'hai preso in cosiderazione?
gli infermieri sono iper-ricercati altro che economisti

Regina di Coppe
31-08-10, 10:11
Il problema è che con conosco altre lingue straniere all'infuori dell'inglese...

Comincia a studiare l'arabo... non si sa mai... :D

giuliano
31-08-10, 11:04
Ancor meglio il cinese, o l'Hindi, parlo seriamente.

Strapaesano
01-09-10, 12:05
Mi sta andando in pappa il cervello non so proprio cosa fare...:conf::piango:

Robert
01-09-10, 12:28
Mi sta andando in pappa il cervello non so proprio cosa fare...:conf::piango:

Allora la scelta più logica è fare un colloquio d'orientamento al lavoro , scoprire quali sono le tue predisposizioni e poi all'interno di queste scremare quelle a più alto tasso di richiesta del mercato cosi' da optare per la giusta facoltà se non addirittura per un semplice corso professionale.

Strapaesano
01-09-10, 12:59
Allora la scelta più logica è fare un colloquio d'orientamento al lavoro , scoprire quali sono le tue predisposizioni e poi all'interno di queste scremare quelle a più alto tasso di richiesta del mercato cosi' da optare per la giusta facoltà se non addirittura per un semplice corso professionale.

Intendi un colloquio in universita?
Comunque Robert, io sono una persona creativa, curiosa ed appassionata di tutto ciò che è costume, che è società, che è arte, che è storia, tuttavia sono una persona abbastanza incostante e poco propensa ai tecnicismi...

Robert
01-09-10, 18:33
Intendi un colloquio in universita?
Comunque Robert, io sono una persona creativa, curiosa ed appassionata di tutto ciò che è costume, che è società, che è arte, che è storia, tuttavia sono una persona abbastanza incostante e poco propensa ai tecnicismi...
Non so se fanno questi colloqui di orientamento in Uni o agli uffici di collocamento comunque dovresti andare di persona ed informarti , allo stato attuale mi sembri molto indeciso , un mio amico l'ha fatto al collocamento e li' usano (almeno cosi mi ha detto lui) anche dei semplici software a domanda-risposta oltre che il colloquio ovviamente , per cui alla fine ti trovi con una scaletta con le professioni che fanno per te.
E poi in base al risultato incroci quelle professioni con quelle richieste dal mercato e ti indirizzi alla facoltà corrispondente.
Una cosa è appassionari come ad un hobby , altra cosa è saperci fare ed avere la pazienza di studiare , ripetere etc

Strapaesano
01-09-10, 20:48
Le sto pensando tutte, da scienze della comunicazione, a lettere moderne, sino a filosofia, mia ultima trovata. Infatti, ho pensato che una bella laurea in filosofia con una specialistica in storia dell'arte potrebbe essermi abbastanza utile per intraprendere la professione di critico d'arte...( So che anche in questo campo è difficile sfondare, però se nessuno ci prova...)

Eric Draven
02-09-10, 00:45
il problema è che tutto quello che piace a te...piace a decine di migliaia di altre persone.

e che i posti reali sono talmente pochi....che non vale nemmeno la pena di tentare

dai retta,prenditi il diploma da infermiere

se poi ti avanza tempo e voglia prenderai anche la laurea in filosofia.

ma non buttare la tua vita diventando un concorrente cronico al posto pubblico.

oppure...puoi fare un'altra scelta. prenderti la laurea che vuoi e guardare all'estero se c'è richiesta.
non è detto che quello che vuoi fare non interessi altrove.

pensaci

Ludis
02-09-10, 14:27
Secondo me non hai le idee chiare,non sai bene cosa ti piacerebbe fare e sei anche incostante nello studio. (parere mio chiaramente)

Ergo trovati un impiego,non occorre per forza una laurea per trovare un lavoro che ci soddisfa.

Fenix85
03-09-10, 21:06
sto per finire la triennale in sdc a roma....sinceramente se è quello che ti piace davvero fallo e fregatene di cosa dicono gli espertoni vari (ci sono ingegneri disoccupati e una mia amica laureata in economia alla luiss che sta facendo uno stage con pochi soldi...) una mia amica con la laurea in sdc che lavora in inghilterra in un azienda nel settore marketing....a questo proposito più che la triennale o spec.è importante fare un master specifico e professionalizzante...purtroppo costano parecchio quelli che possono darti una mano nel placement... kmq in bocca al lupo :)

Strapaesano
04-09-10, 01:01
sto per finire la triennale in sdc a roma....sinceramente se è quello che ti piace davvero fallo e fregatene di cosa dicono gli espertoni vari (ci sono ingegneri disoccupati e una mia amica laureata in economia alla luiss che sta facendo uno stage con pochi soldi...) una mia amica con la laurea in sdc che lavora in inghilterra in un azienda nel settore marketing....a questo proposito più che la triennale o spec.è importante fare un master specifico e professionalizzante...purtroppo costano parecchio quelli che possono darti una mano nel placement... kmq in bocca al lupo :)

Si si, infatti anche ad una mia amica laureata in sdc hanno sconsigliato di continuare con la specialistica, infatti ora sta facendo un master...Cmq Grazie Fenix per avermi dato un po' di conforto, penso proprio che sceglierò sdc, crepi il lupo assieme a tutti i criticoni...:)

Robert
04-09-10, 01:17
Ricorda che l'amica di Fenix ha la figa , tu invece no.

Strapaesano
04-09-10, 01:18
Grazie a tutti coloro che sono intervenuti nella discussione, che per me può ritenersi conclusa...;)

Robert
04-09-10, 01:26
Un nuovo disoccupato...

come se non ce ne fossero abbastanza...

Morfeo
04-09-10, 02:02
sto per finire la triennale in sdc a roma....sinceramente se è quello che ti piace davvero fallo e fregatene di cosa dicono gli espertoni vari (ci sono ingegneri disoccupati e una mia amica laureata in economia alla luiss che sta facendo uno stage con pochi soldi...) una mia amica con la laurea in sdc che lavora in inghilterra in un azienda nel settore marketing....a questo proposito più che la triennale o spec.è importante fare un master specifico e professionalizzante...purtroppo costano parecchio quelli che possono darti una mano nel placement... kmq in bocca al lupo :)

se 85 è l'anno di nascita mi sa che sei un po' in ritardo

Fenix85
04-09-10, 14:22
se 85 è l'anno di nascita mi sa che sei un po' in ritardo
sono pochi quelli che si laureano nei tre anni regolari....almeno da me! Ma cmq in genere la triennale con 39 esami piu attività a scelta è stata organizzata malissimo( confermato anche da più di un professore) cmq poi dipende se si lavora contemporaneamente esperienze all'estero corsi vari e altre cose come nel mio caso....:ciaociao: cmq la mia amica non è manco figa a dire la verità!:postridicolo::sofico:

Regina di Coppe
11-09-10, 11:44
Ma cmq in genere la triennale con 39 esami piu attività a scelta

Scienze delle comunicazioni è corso di laurea con 39 (TRENTANOVE) esami da sostenere in tre anni...
Cioè 13 (tredici) esami l'anno...?!? :paura:

Morfeo
11-09-10, 14:05
Scienze delle comunicazioni è corso di laurea con 39 (TRENTANOVE) esami da sostenere in tre anni...
Cioè 13 (tredici) esami l'anno...?!? :paura:

diviso per sessione invernale, estive e autunnale, fa 4 esami a sessione, non mi sembra particolarmente scandaloso

Regina di Coppe
11-09-10, 17:26
diviso per sessione invernale, estive e autunnale, fa 4 esami a sessione, non mi sembra particolarmente scandaloso

Dipende quanti libri e pagine ci sono da studiare per ogni esame.

Robert
11-09-10, 18:22
Scienze delle comunicazioni è corso di laurea con 39 (TRENTANOVE) esami da sostenere in tre anni...
Cioè 13 (tredici) esami l'anno...?!? :paura:

La quantità non fa la qualità , questi nuovi esami che han messo è come se fossero dei temi in classe...:D
non sono mica come i nostri di una volta...

Juv
11-09-10, 18:31
Ho lasciato giurisprudenza per scienze della comunicazione, che ne pensate? In famiglia non hanno preso bene la mia scelta di cambiare facoltà, e tutti mi dicono che una volta conseguita la laurea in SdC sarò un disoccupato/stagista a vita...

PS: C'è fra di voi qualche laureato in scienze della comunicazione?

Un idraulico libero profesisonista, un carpentiere navale, un saldatore con un po' di brevetti sul curriculum, una guardia giurata e quant'altro, lavorano di meno e guadagnano di più di un laureato in Scienza della Disoccupazione/Merendina che ben che gli vada passerà i 10 anni dopo la laurea a fare contratti iterinali.

Altrimenti, se l'obbiettivo sono laurea, lavoro e qualche soldo, prova con facoltà serie.

Juv
11-09-10, 18:31
mi sembrano entrambe discrete fucine di disoccupati.

ma perche' la lauree che danno lavoro piacciono a pochi ?

danno lavoro anche perchè c'è poca gente che arriva in fondo.

Fenix85
11-09-10, 19:50
Scienze delle comunicazioni è corso di laurea con 39 (TRENTANOVE) esami da sostenere in tre anni...
Cioè 13 (tredici) esami l'anno...?!? :paura:

beh non è solo questa facoltà specifica...con la triennale dappertutto il numero è quello diciamo che in teoria sarebbero dovuti essere tredici all' anno ( e cmq nn tutte le sessioni hanno lo stesso numero di appelli) ma con un programma ridotto...prima alla quinquennale se ne facevano tipo 25 ma di quelli tosti....solo che non tutti i prof della triennale si sono adattati...alcuni han lasciato l'esame anche al triennio sulle mille pag altri con 400 pag e te la cavi...dipende sempre dalle variabili cmq sono troppi...secondo me sarebbe stato meglio rimanere alle vecchie lauree quinquennali almeno una volta finito si finiva tutto e amen:)

estate tax
15-09-10, 19:16
fai il corso oss, operatore socio sanitario... non hai manco bisogno di fare l'università.

Eric Draven
16-09-10, 18:36
Scienze delle comunicazioni è corso di laurea con 39 (TRENTANOVE) esami da sostenere in tre anni...
Cioè 13 (tredici) esami l'anno...?!? :paura:

guarda,io vedo gli esami del corso triennale di mia nipote.

4 di quelli,messi assieme valgono sì e no uno di quelli dei vecchi ordinamenti.

sia come volume di cose da sapere,sia come ferocia della commissione sia come tutto il resto.

ripeto,oltretutto,ai ragazzi (ma soprattutto alle ragazze,chè le facoltà ove la maggioranza degli studenti sono donne hanno tutte la sinistra caratteristica di essere dei disoccupatifici...) non vengono nemmeno spiegate esattamente quali possano essere le opportunità di lavoro dopo la laurea...:445:

-Duca-
16-09-10, 20:26
fai il corso oss, operatore socio sanitario... non hai manco bisogno di fare l'università.

non si capisce perchè dovrebbe servire l'università per cambiare il pannolone ai vecchi..

Feliks
17-09-10, 14:16
Credevo dal titolo che il thread fosse ironico.

Invece è drammaticamente serio.
Beh, buona fortuna.

Regina di Coppe
17-09-10, 17:52
ripeto,oltretutto,ai ragazzi (ma soprattutto alle ragazze,chè le facoltà ove la maggioranza degli studenti sono donne hanno tutte la sinistra caratteristica di essere dei disoccupatifici...) non vengono nemmeno spiegate esattamente quali possano essere le opportunità di lavoro dopo la laurea...:445:

Se ci fosse maggiore chiarezza su questo punto... quanti si iscriverebbero all'università, sapendo che c'è il rischio di spendere tempo e denaro inutilmente?

Strapaesano
17-09-10, 21:43
Per onor di cronaca, alla fine sono rimasto a giurisprudenza...

Regina di Coppe
22-09-10, 16:10
Per onor di cronaca, alla fine sono rimasto a giurisprudenza...

A parte il fatto che dal titolo sembrava che ti fossi già iscritto a scienze della comunicazione...

Ad ogni modo, se intendi proseguire gli studi, qualunque sia la facoltà, tieni a mente che la laurea è spendibile nel mercato del lavoro solo a queste condizioni:

1) ci si laurea in tempo
2) il voto finale è almeno 105/110
3) si conosce a fondo la materia
4) l'impiego cercato/trovato è attinente al corso di studi svolto

Ciò premesso, regolati di conseguenza.

Eric Draven
22-09-10, 16:25
non sono completamente d'accordo.....premetto che Caligari alla fine ha fatto la scelta migliore.

ma riguardo a quello che scrivi, Regina direi che il primo ed il terzo punto sono abbastanza ovvi,perdonami se te lo dico.

è chiaro che se per finire giurisprudenza ci si mette 10-12 anni,come han fatto certuni anche di mia conoscenza....vai poco lontano.

così come se dimostri di aver passato gli esami per una serie di combinazioni fortuite,ma non hai capito un'acca di quello che hai studiato.

queste secondo me sono premesse minime,anche considerando che i carichi di esame nei corsi odierni sono generalmente molto più lievi rispetto a 10 anni fa.

il discorso sul voto di laurea invece è un pò più da articolare.
un voto alto ti consente di accedere a proposte di lavoro più allettanti o a master più prestigiosi.
e sono opportunità da cogliere al volo,se 6 uno ambizioso...:)

ma se hai voglia di fare e ti 6 laureato anche con un voto meno roboante...trovi lo stesso.

se poi ci si laurea in materie scientifiche,con la penuria di laureati che c'è qui...anche con voto non proprio entusiasmanti di lavoro ne trovi,credimi.

nessuno dei laureati in ingegneria o chimica che io conosca è mai rimasto a spasso e ce ne sono di quelli usciti con voti anche inferiori al 90

Morfeo
25-09-10, 01:35
ma credo che un anno di ritado soprattutto alla triennale non è cosi grave, se magari è stato fatto per arrivare ad una votazione finale più alta, certo che se uno si laurea in ritardo a manco arriva la cento, allora...

Pieralvise
09-01-11, 13:43
Matto, sei pugliese se ricordo bene, no? Arruolati in Marina Militare.

Regina di Coppe
09-01-11, 14:14
nessuno dei laureati in ingegneria o chimica che io conosca è mai rimasto a spasso e ce ne sono di quelli usciti con voti anche inferiori al 90

Dipende... un ingegnere informatico o elettronico è più richiesto di un ingegnere edile... A meno che abbia abbastanza soldi da mettersi in proprio ed avviare un'attività...
Quanto al settore chimico, le persone che conosco si sono piazzati tutti abastanza bene, ma all'estero...

Eric Draven
10-01-11, 01:31
sì è vero,così come ultimamente vanno x la maggiore gli ingegneri gestionali e c'è una fortissima richiesta di bio-ingegneri.

E sì,c'è la questione che per certe specializzazioni ingegneristiche,ma non solo, in Italia c'è poca domanda,mentre all'estero ti fanno ponti d'oro.

Resta il fatto che cmq un ingegnere che non sia proprio un cane,un lavoro lo trova sempre

Fenix85
14-10-16, 15:17
bene