PDA

Visualizza Versione Completa : ESSERE REPUBBLICANI IN REPUBBLICA di Oliviero Widmer Valbonesi



Maria Vittoria
20-03-19, 09:13
Olindo Ferri e Antonella Costa invitano alla presentazione del libro scritto da Oliviero Widmer Valbonesi

SABATO 6 APRILE 2019 ore 17,30

in MEDIATECA
Via Caselle 22 a San Lazzaro di Savena (BO)

un'ottima occasione per ragionare sulla partecipazione evolutiva e l'attuale crisi di valori umani.
Con la speranza di leggere commenti da parte di chi sarÓ presente, allego la locandina

Maria Vittoria
20-03-19, 14:19
Trascrivo da un post significativo di Oliviero Widmer Valbonesi, pubblicato on line nella pagina del Partito Repubblicano Italiano di Facebook, oggi mercoledý 20 marzo 2019:

CITTADINI ITALIANI ED EUROPEI

Occorre battersi per i valori della Repubblica sapendo che la Repubblica Ŕ un patto sociale con regole condivise, che unisce il Paese...noi siamo stati abituati alla dialettica, al bene comune e al pluralismo culturale, alla sintesi nell'interesse generale che Ŕ la politica.
----------------------------------------------------------------------------------------------------

Personalmente avrei usato la definizione di "elettori" o di "contribuenti" al posto del termine "cittadini" che considero obsoleto; e tu?

Maria Vittoria
28-03-19, 12:24
La presentazione del libro sarÓ preceduta da un incontro fra gli iscritti alle Sezioni del Partito Repubblicano Italiano di Bologna CittÓ Metropolitana.

Maria Vittoria
07-04-19, 09:25
Gli incontri di ieri sono stati molto animati. Ognuno, in modo ordinato ed appassionato, Ŕ stato partecipe attento e sincero; senza alcun calcolo elettorale o per accrescere il proprio potere all'interno del gruppo. Mi ha colpito la fiducia che accomuna Oliviero Widmer Valbonesi (autore del libro presentato) e Isabella Conti (sindaco di San Lazzaro di Savena) nella pubblica amministrazione democratica e repubblicana. Tanta fede mi sembra immotivata, alla luce del corporativismo che ha immiserito e annullato l'artigianato, il piccolo commercio e le imprese familiari della penisola dal 1946 ad oggi.

Ma torniamo al libro presentato. A pagina 9 leggo e trascrivo: "Repubblica significa un patto sociale e democratico, condiviso e garantito da regole comuni e da partiti che si battono per quei valori nella dialettica; nella tolleranza laica, ma col governo dell'interesse generale o bene comune. Per noi (del Partito Repubblicano Italiano) Ŕ una questione al dovere e alla responsabilitÓ, non puro esercizio per la conquista del potere. Considerare la Repubblica una mucca da mungere a fini assistenziali e elettoralistici non produce nÚ ricchezza, nÚ giustizia, nÚ libertÓ."
Occorre una cultura di governo che sappia programmare lo sviluppo e la politica degli investimenti secondo il criterio delle prioritÓ d'interesse generale: Oliviero l'Óncora a Ugo La Malfa, che io giudico - pur con indulgenza - troppo fiducioso nella lealtÓ delle grandi potenze non europee.