PDA

Visualizza Versione Completa : Un bravo cristiano: Francesco Cossiga



Alexan
06-02-11, 13:37
Non li dimentichiamo certi tipi:

Dopo di che? «Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».
Nel senso che...
«Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».
Anche i docenti? «Soprattutto i docenti».
Presidente, il suo è un paradosso, no? «Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che in- dottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».
articolo (http://rassegna.governo.it/testo.asp?d=32976406)

Penso sia abbastanza espressivo del costante stato confusionale in cui riversano i nostri governanti.

Miles
06-02-11, 13:49
Cossiga più che alla Chiesa era legato alla Massoneria.

Credo condivida di più col tipo che hai come avatar che col Santo di cui porta il nome.

carlomartello
06-02-11, 23:23
Non li dimentichiamo certi tipi:

Dopo di che? «Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».
Nel senso che...
«Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».
Anche i docenti? «Soprattutto i docenti».
Presidente, il suo è un paradosso, no? «Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che in- dottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».
articolo (http://rassegna.governo.it/testo.asp?d=32976406)

Penso sia abbastanza espressivo del costante stato confusionale in cui riversano i nostri governanti.

Confondi cristiano con buonista.
Le parole di Cossiga rieccheggiano il decisionismo gollista nel maggio francese (il Sessantotto ha fatto danni gravissimi alla nostra società che paghiamo ancor oggi e che i cattolici sanno bene).
Quanto sono mancati all'Italia un De Gaulle e un Massu...
Loro sì, buoni cattolici.
Almeno abbiamo avuto in questi ultimi anni un vispo e ironico Cossiga.

carlomartello

Miles
06-02-11, 23:34
Confondi cristiano con buonista.
Le parole di Cossiga rieccheggiano il decisionismo gollista nel maggio francese (il Sessantotto ha fatto danni gravissimi alla nostra società che paghiamo ancor oggi e che i cattolici sanno bene).
Quanto sono mancati all'Italia un De Gaulle e un Massu...
Loro sì, buoni cattolici.
Almeno abbiamo avuto in questi ultimi anni un vispo e ironico Cossiga.

carlomartello

Capisco che tu abbia l'insana passione per i fomentatori dell'odio.
Ma le responsabilità di Cossiga nel prolungamento della strategia della tensione , così come nell'indirizzamento verso determinate piste e trame , durante gli anni '70 , è cosa esecrabile.
Non è essere buoni Cristiani o meno, è essere buoni governanti.

Alexan
06-02-11, 23:38
Cossiga più che alla Chiesa era legato alla Massoneria.

Credo condivida di più col tipo che hai come avatar che col Santo di cui porta il nome.Il tipo che ho come avatar era tutto per l'Italia meno che un politico... e stranamente la maggior parte delle cose di cui questa nazione deve vergognarsi vengono sempre dalla politica.

Garibaldi non mandava, andava. I politici poi col potere c'è lo hanno mandato a quel paese.

In un modo o nell'altro, Cossiga è rappresentativo di cosa voglia dire essere Italiani: con il (legittimo) disgusto della politica da un lato, e patetica codardia/giustificazione dall'altro.
Se un politico manda dei miei onesti concittadini (forze dell'ordine o altro) contro miei altri onesti concittadini (di qualsiasi colore politico essi siano)... io saprei dove metterlo, voi: vedete un pò




Capisco che tu abbia l'insana passione per i fomentatori dell'odio.
Ma le responsabilità di Cossiga nel prolungamento della strategia della tensione , così come nell'indirizzamento verso determinate piste e trame , durante gli anni '70 , è cosa esecrabile.
Non è essere buoni Cristiani o meno, è essere buoni governanti.
Se la nazione è una democrazia, si usa il metodo democratico: trasparenza come succede nel nord europa e in altre parti (guarda caso sempre democratiche) del globo. Cossiga non era un buon governante, era un semplice farabutto ben attorniato dai suoi compari di sedia che formano i governi italiani da più di mezzo secolo (destra, sinistra e centro che sia)

carlomartello
06-02-11, 23:43
Capisco che tu abbia l'insana passione per i fomentatori dell'odio.
Ma le responsabilità di Cossiga nel prolungamento della strategia della tensione , così come nell'indirizzamento verso determinate piste e trame , durante gli anni '70 , è cosa esecrabile.
Non è essere buoni Cristiani o meno, è essere buoni governanti.

Chi sarebbero i fomentatori d'odio? Le uscite di Cossiga erano battute goliardiche che nessuno ha preso sul serio. Sulle implicazioni nella strategia della tensione non ci pronunciamo, ma un De Gaulle sarebbe servito eccome al nostro Paese.

carlomartello

Miles
06-02-11, 23:46
Le uscite di Cossiga erano battute goliardiche che nessuno ha preso sul serio.

Stavolta eran battute, negli anni '70 la prassi di infiltrare cortei per alzare la temperatura dello scontro sociale (logica degli opposti estremismi) invece l'ha fatta per davvero


Sulle implicazioni nella strategia della tensione non ci pronunciamo, ma un De Gaulle sarebbe servito eccome al nostro Paese.

Non entro nel merito di De Gaulle, perchè sarebbe troppo lungo.
Ma Cossiga a De Gaulle, come spessore umano, non gli poteva nemmeno allacciare le scarpe.

carlomartello
06-02-11, 23:48
Il tipo che ho come avatar era tutto per l'Italia meno che un politico... e stranamente la maggior parte delle cose di cui questa nazione deve vergognarsi vengono sempre dalla politica.

Garibaldi non mandava, andava. I politici poi col potere c'è lo hanno mandato a quel paese.

In un modo o nell'altro, Cossiga è rappresentativo di cosa voglia dire essere Italiani: con il (legittimo) disgusto della politica da un lato, e patetica codardia/giustificazione dall'altro.
Se un politico manda dei miei onesti concittadini (forze dell'ordine o altro) contro miei altri onesti concittadini (di qualsiasi colore politico essi siano)... io saprei dove metterlo, voi: vedete un pò
Garibaldi era un avventuriero romantico - e un massone Ateo - che ha fatto danni enormi al Sud e all'Italia demolendo un progetto - l'unità politica dell'Italia - che sarebbe dovuto procedere a tappe, col consenso dei popoli e nel rispetto dei diritti e delle posizioni della Chiesa.

carlomartello

Giò
06-02-11, 23:50
Stavolta eran battute, negli anni '70 la prassi di infiltrare cortei per alzare la temperatura dello scontro sociale (logica degli opposti estremismi) invece l'ha fatta per davvero



Non entro nel merito di De Gaulle, perchè sarebbe troppo lungo.
Ma Cossiga a De Gaulle, come spessore umano, non gli poteva nemmeno allacciare le scarpe.

Non che De Gaulle rifiutandosi di firmare la grazia per Brasillach si sia rivelato uno mostro di umanità eh....

Miles
06-02-11, 23:50
Il tipo che ho come avatar era tutto per l'Italia meno che un politico... e stranamente la maggior parte delle cose di cui questa nazione deve vergognarsi vengono sempre dalla politica.

Garibaldi non mandava, andava. I politici poi col potere c'è lo hanno mandato a quel paese.

In un modo o nell'altro, Cossiga è rappresentativo di cosa voglia dire essere Italiani: con il (legittimo) disgusto della politica da un lato, e patetica codardia/giustificazione dall'altro.
Se un politico manda dei miei onesti concittadini (forze dell'ordine o altro) contro miei altri onesti concittadini (di qualsiasi colore politico essi siano)... io saprei dove metterlo, voi: vedete un pò




Se la nazione è una democrazia, si usa il metodo democratico: trasparenza come succede nel nord europa e in altre parti (guarda caso sempre democratiche) del globo. Cossiga non era un buon governante, era un semplice farabutto ben attorniato dai suoi compari di sedia che formano i governi italiani da più di mezzo secolo (destra, sinistra e centro che sia)

Considerazioni che trovo in buona parte anche condivisibili, ma con l'argomento Cristiani in politica (Cossiga era un criptomassone e nemmeno tanto cripto, legato ad equilibri ed istanze assai torbide, questo era il motivo della mia battuta) non centrano molto.

Il degrado della poltica nostrana è abbastanza evidente.

Ma personalmente non trovo che limitarsi a dire "in Italia tutto fa schifo all'estero invece..." sia una gran soluzione.
Non prenderla come un'offesa od una provocazione.
Ma anche l'esterofilia perenne, anche nei casi dove essa non avrebbe cagion d'essere è anch'esso un vizio proprio di certa mediocrità di molti italiani

Miles
06-02-11, 23:53
Non che De Gaulle rifiutandosi di firmare la grazia per Brasillach si sia rivelato uno mostro di umanità eh....

Doveva scegliere tra la sua e quella di Petain.
A livello letterario De Gaulle sarebbe da maledire vita natural durante per la sua scelta.

Ma come francese non poteva non scegliere Petain , che letteralmente ha salvato la Francia nel '17

Miles
06-02-11, 23:56
Garibaldi era un avventuriero romantico - e un massone Ateo -

Era anche un più che buono comandante militare (bloccare e contrattaccare gli Austriaci nel Trentino nel 1866 è stato un capolavoro di strategia militare) un trascinatore d'animi e soprattutto uno che il culo lo metteva sul campo , sempre, ovunque, comunque.
Per amor di precisione più che ateo, teista.

Non si possono liquidare personaggi di una determinata caratura solo con un'aprioristica esaltazione od un'annichilente demolizione,

carlomartello
07-02-11, 00:02
Era anche un più che buono comandante militare (bloccare e contrattaccare gli Austriaci nel Trentino nel 1866 è stato un capolavoro di strategia militare) un trascinatore d'animi e soprattutto uno che il culo lo metteva sul campo , sempre, ovunque, comunque.
Per amor di precisione più che ateo, teista.

Non si possono liquidare personaggi di una determinata caratura solo con un'aprioristica esaltazione od un'annichilente demolizione,

Per carità: si tratta di una figura controversa, con ombre ma anche luci, dall'appoggio ai veneti nel Rio Grande a quello ai boeri in Sud Africa.
Ma l'unità politica dell'Italia sarebbe avvenuta molto meglio se a Vienna avessero appoggiato maggiormente i tentativi di Pio IX di formare una lega italiana contro la peste giacobina, favorendo una confederazione consensuale di Stati cattolici che avrebbe rafforzato l'indipendenza del Paese.
Oggi non avremmo gli squilibri attuali da sanare.
Ma è andata diversamente, e ha vinto l'Inghilterra.

carlomartello

Miles
07-02-11, 00:04
Per carità: si tratta di una figura controversa, con ombre ma anche luci, dall'appoggio ai veneti nel Rio Grande a quello ai boeri in Sud Africa.
Ma l'unità politica dell'Italia sarebbe avvenuta molto meglio se a Vienna avessero appoggiato maggiormente i tentativi di Pio IX di formare una lega italiana contro la peste giacobina, favorendo una confederazione consensuale di Stati cattolici che avrebbe rafforzato l'indipendenza del Paese.
Oggi non avremmo gli squilibri attuali da sanare.
Ma è andata diversamente, e ha vinto l'Inghilterra.

carlomartello

Vienna non aveva interesse alcuno ad appoggiare un'unificazione Italiana, a tappe od altro.

E poi vabbeh, se Garibaldi avesse avuto tre palle, sarebbe stato un flipper.

Giò
07-02-11, 00:09
Vienna non aveva interesse alcuno ad appoggiare un'unificazione Italiana, a tappe od altro.

Metternich aveva fatto una proposta in tal senso a Lubiana nel 1821.

Miles
07-02-11, 00:14
Metternich aveva fatto una proposta in tal senso a Lubiana nel 1821.

Infatti nel 1848 quando il processo unificatorio non era ancora Piemontecentrico come poi avvenne, ma riguardava anche Due Sicilie e Stato Pontificio, s'è visto l'appoggio austrungarico, eh.

Un'Italia unita con tendenze sovraniste, non può convivere stabilmente con un'altra nazione che ha come mira un'influenza sui balcani.
E' proprio una questione di coesistenza tra sfere naturali di influenza geopolitica.

Ma siamo orrendamente OT.

Alexan
07-02-11, 00:32
Garibaldi era un avventuriero romantico - e un massone Ateo -L'essere ateo non la vedo come una "squalifica"...mentre "avventuriero romantico" lega bene con massone.
Dovrebbe essere chiarificatore :chefico:


che ha fatto danni enormi al Sud e all'Italia demolendo un progetto - l'unità politica dell'Italia - che sarebbe dovuto procedere a tappe, col consenso dei popoli e nel rispetto dei diritti e delle posizioni della Chiesa.
Parli di un passato con un futuro accertato (cioè qualcosa che non e stato e di come potrebbe essere).
Quello che ha reso il Sud Italia quello che è oggi, si chiama "classe politica": partendo dal re in poi. Il resto è una specie di wishful thinking proiettato al passato.


Considerazioni che trovo in buona parte anche condivisibili, ma con l'argomento Cristiani in politica (Cossiga era un criptomassone e nemmeno tanto cripto, legato ad equilibri ed istanze assai torbide, questo era il motivo della mia battuta) non centrano molto.Parlare dal gruppo che (almeno ideologicamente) dovrebbe fondarsi su concetti come "carità cristiana" e poi mandare agenti provocatori è, invece, molto rappresentativo. Se ti va, e se ti fa più comodo, puoi applicare questo ragionamento a coloro che vengono da "matrice comunista": stessa cosa, ma al lato opposto.


Ma personalmente non trovo che limitarsi a dire "in Italia tutto fa schifo all'estero invece..." sia una gran soluzione.
Non prenderla come un'offesa od una provocazione.
Ma anche l'esterofilia perenne, anche nei casi dove essa non avrebbe cagion d'essere è anch'esso un vizio proprio di certa mediocrità di molti italiani
Una nazione è quello che quello che chi vi sta dentro fà. Il fatto di non vedere cosa succede fuori e non mettere a paragone non ti fa lavorare meglio: solo più illuso e contento.

Senza dubbio la nazione merita meglio; il suo meglio lo puoi vedere dentro (la gente nascosta), ma anche fuori. Ci sono molti Italiani che scappano: non per codardia, ma perchè trovano veri e propri pezzi di Italia (beh, "quello che dovrebbe essere") solo fuori di qui.

Miles
07-02-11, 00:41
Parlare dal gruppo che (almeno ideologicamente) dovrebbe fondarsi su concetti come "carità cristiana" e poi mandare agenti provocatori è, invece, molto rappresentativo. Se ti va, e se ti fa più comodo, puoi applicare questo ragionamento a coloro che vengono da "matrice comunista": stessa cosa, ma al lato opposto.


La DC è stata un blocco di potere con diecimila anime interne.
Ha anche promulgato la legge sull'aborto e quella sul divorzio (non si parla tanto di referendum quanto di promulgazione delle successive norme legislative, che in Italia di referendum inapplicati come quello sulla resposanbilità civile dei magistrati o sul finanziamento pubblico ai partiti).
Perciò non si può prendere a Cossiga a modello di nulla, se non di una caricatura del principe di Machiavelli.


Il fatto di non vedere cosa succede fuori e non mettere a paragone non ti fa lavorare meglio: solo più illuso e contento.

Piangere in continuazione è solo una delle tante maniere per non risolvere davvero i problemi. Per questo preferisco le critiche costruttive (non è un attacco a te, sia chiaro) ma soprattutto prendere atto che non è che fuori dall'Italia sia tutto rose e fiori e qualcosa nel mio Paese di buono c'è, e non è poco.



Senza dubbio la nazione merita meglio; il suo meglio lo puoi vedere dentro (la gente nascosta), ma anche fuori. Ci sono molti Italiani che scappano: non per codardia, ma perchè trovano veri e propri pezzi di Italia (beh, "quello che dovrebbe essere") solo fuori di qui.

Purtroppo vero.

Giò
07-02-11, 01:06
Doveva scegliere tra la sua e quella di Petain.
A livello letterario De Gaulle sarebbe da maledire vita natural durante per la sua scelta.

Ma come francese non poteva non scegliere Petain , che letteralmente ha salvato la Francia nel '17

Volendo, avrebbe potuto benissimo graziare entrambi.

Giò
07-02-11, 01:09
Infatti nel 1848 quando il processo unificatorio non era ancora Piemontecentrico come poi avvenne, ma riguardava anche Due Sicilie e Stato Pontificio, s'è visto l'appoggio austrungarico, eh.

Un'Italia unita con tendenze sovraniste, non può convivere stabilmente con un'altra nazione che ha come mira un'influenza sui balcani.
E' proprio una questione di coesistenza tra sfere naturali di influenza geopolitica.

Ma siamo orrendamente OT.

E' chiaro che non si pensava ad uno stato unitario centralista, ma ad una federazione di principati all'interno della quale i singoli sovrani avrebbero conservato una loro autonomia. Bisognerebbe anche un po' smentire tutta la retorica falsa su Metternich anti-italiano, a cominciare dalla famosa frase sull'Italia quale espressione geografica (peccato però che Metternich volesse fare tutt'altro che sminuire l'Italia).
Comunque, hai ragione, siamo OT. e si potrebbe se mai dedicare un 3d a sé.

Giò
07-02-11, 01:10
L'essere ateo non la vedo come una "squalifica"...mentre "avventuriero romantico" lega bene con massone.
Dovrebbe essere chiarificatore :chefico:


Parli di un passato con un futuro accertato (cioè qualcosa che non e stato e di come potrebbe essere).
Quello che ha reso il Sud Italia quello che è oggi, si chiama "classe politica": partendo dal re in poi. Il resto è una specie di wishful thinking proiettato al passato.

Parlare dal gruppo che (almeno ideologicamente) dovrebbe fondarsi su concetti come "carità cristiana" e poi mandare agenti provocatori è, invece, molto rappresentativo. Se ti va, e se ti fa più comodo, puoi applicare questo ragionamento a coloro che vengono da "matrice comunista": stessa cosa, ma al lato opposto.


Una nazione è quello che quello che chi vi sta dentro fà. Il fatto di non vedere cosa succede fuori e non mettere a paragone non ti fa lavorare meglio: solo più illuso e contento.

Senza dubbio la nazione merita meglio; il suo meglio lo puoi vedere dentro (la gente nascosta), ma anche fuori. Ci sono molti Italiani che scappano: non per codardia, ma perchè trovano veri e propri pezzi di Italia (beh, "quello che dovrebbe essere") solo fuori di qui.

Ci gioco 100 euro che te sei il clone di qualcuno. :chefico:

Miles
07-02-11, 01:13
Volendo, avrebbe potuto benissimo graziare entrambi.

Non credo.
Ogni cambio di regime necessita di un sacrificio rituale , quello dei predecessori o dei loro cortigiani. Non tutti, solo una sforbiciata per far capire che è cambiato quello che comanda.
Ovviamente tecnocrati, i lacchè di serie B, o che a differenza di un Giorgio Bocca son riusciti a pentirsi in articulo premortis, appartengono alla categoria protetta.
Perciò o salvava uno o salvava l'altro.
Pur amando Brasillach, avrei fatto la stessa scelta, Petain era la reificazione della Francia Vittoriosa della I° G.M.

Giò
07-02-11, 01:25
Non credo.
Ogni cambio di regime necessita di un sacrificio rituale , quello dei predecessori o dei loro cortigiani. Non tutti, solo una sforbiciata per far capire che è cambiato quello che comanda.
Ovviamente tecnocrati, i lacchè di serie B, o che a differenza di un Giorgio Bocca son riusciti a pentirsi in articulo premortis, appartengono alla categoria protetta.
Perciò o salvava uno o salvava l'altro.
Pur amando Brasillach, avrei fatto la stessa scelta, Petain era la reificazione della Francia Vittoriosa della I° G.M.

Miles, capisco tutto il discorso, ma obiettivamente parlando che colpe aveva Brasillach nel periodo collaborazionista? La colpa di aver scritto qualche articolo? Posso capire la condanna di uno come Pierre Laval o di Marcel Deat (che se la scampò però), non di Brasillach.

Miles
07-02-11, 01:32
colpe aveva Brasillach nel periodo collaborazionista? .

Era dalla parte sbagliata e qualcuno aveva da espiare per tutti.

Ma com'è che siamo finiti a parlare di Brasillach?

Giò
07-02-11, 01:35
Era dalla parte sbagliata e qualcuno aveva da espiare per tutti.

Ma com'è che siamo finiti a parlare di Brasillach?

Eh Hammer ha fatto il confronto tra De Gaulle e Cossiga ed è venuta fuori la questione dello spessore umano del generale :giagia:

Alexan
07-02-11, 09:47
La DC è stata un blocco di potere con diecimila anime interne.
Ha anche promulgato la legge sull'aborto e quella sul divorzio (non si parla tanto di referendum quanto di promulgazione delle successive norme legislative, che in Italia di referendum inapplicati come quello sulla resposanbilità civile dei magistrati o sul finanziamento pubblico ai partiti).
Perciò non si può prendere a Cossiga a modello di nulla, se non di una caricatura del principe di Machiavelli.
Anche un esercito può avere mille, diecimila o più anime. Ma mai si giustificano le reponsabilità storiche di quel ristretto gruppo di individui al potere che lo comandano.




Piangere in continuazione è solo una delle tante maniere per non risolvere davvero i problemi. Per questo preferisco le critiche costruttive (non è un attacco a te, sia chiaro) ma soprattutto prendere atto che non è che fuori dall'Italia sia tutto rose e fiori e qualcosa nel mio Paese di buono c'è, e non è poco.
Abbiamo avuto il nostro Leonardo: allievo e attento studente dei nostri migliori insegnati.
Insomma sappiamo chi era Leonardo da Vinci; ma dove è andato a finire i suoi giorni. Perchè non era in Italia a creare quel bene che era lui su altri stutenti?


Il nostro meglio, il meglio di questa nazione che nonostantetuttoancoraproduce sta scappando; scappa all'estero. Non vedere dove loro scappano (e quindi anche "il perchè") non aiuterà questa nazione ad essere Nazione.
Non è un fatto di piangere, vedo che c'è molta gente che risponde a quelli che scappano "è vattene, noi stiamo meglio!" <- questo è piangere.

TEBELARUS
07-02-11, 14:12
Confondi cristiano con buonista.
Le parole di Cossiga rieccheggiano il decisionismo gollista nel maggio francese (il Sessantotto ha fatto danni gravissimi alla nostra società che paghiamo ancor oggi e che i cattolici sanno bene).
Quanto sono mancati all'Italia un De Gaulle e un Massu...
Loro sì, buoni cattolici.
Almeno abbiamo avuto in questi ultimi anni un vispo e ironico Cossiga.

carlomartello
:giagia:
le parole di Cossiga derivano dal fatto che in Italia la magistratura non fa il suo lavoro, lascia fuori i criminali e si dedica a perseguitare i nemici politici dei post/neo-pci.
i poveri poliziotti si ritrovano sempre in mezzo a questi criminali, a prendere bottigliate, sassate, insulti, botte e sanno benissimo che se usano le buone i magistrati non condanneranno nessuno dei criminali portati in caserma e se useranno il manganello per la loro legittima difesa saranno incriminati come cattivi poliziotti.
visto che la situazione è questa allora è giusto come dice Cossiga di manganellarli per bene. questo non significa creare una tensione, la tensione gia c'è nel momento in cui della feccia scende in piazza e si sente in diritto di aggredire i poliziotti. Anzi i poliziotti dovrebbe avere il diritto di sparare a tutti coloro che li aggrediscono, cosi finalmente potremo sperare di vedere un po' di disciplina e legalità.
essere cattolico significa praticare la virtù della giustizia: la giusta paga di chi aggredisce i poliziotti sono almeno delle sonore manganellate.
invece chi manifesta pacificamente non crea alcun problema.

blaupunkt
07-02-11, 15:36
Petain c'aveva ducento anni, al limite dovendo per forza scegliere (cosa che non è del tutto evidente) era meglio graziare Brasillach...

Alexan
07-02-11, 15:53
:giagia:
le parole di Cossiga derivano dal fatto che in Italia la magistratura non fa il suo lavoro, lascia fuori i criminali e si dedica a perseguitare i nemici politici dei post/neo-pci.
i poveri poliziotti si ritro[blabla cut]Ah, ed io che immaginavo che fosse perché negli ultimi 70 anni si fanno le leggi a xxxxx io cui l'obbiettivo non è stabilire uno status equo ma salvare questo o quel politico/entità politica.


essere cattolico significa praticare la virtù della giustizia: la giusta paga di chi aggredisce i poliziotti sono almeno delle sonore manganellate.
"Porgi l'altro manganello"
:gluglu:
:postridicolo:

invece chi manifesta pacificamente non crea alcun problema.

Almeno finché...
"infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto,"

Poi finalmente puoi goderti lo spettacolo di quei fessi di italiani manifestanti che se le danno con quei fessi di italiani delle forze dell'ordine. Comodo in poltrona, sperando che sia uno bello show alla tivvi. :giagia:

carlomartello
07-02-11, 16:27
"Porgi l'altro manganello"
:gluglu:
:postridicolo:

A parte tutto, bisognerebbe farla finita col decontestualizzare il Vangelo di Nostro Signore per tramutarlo nell'antivangelo dell'Anticristo di Solve'v.

Prima dell'ultimo Concilio la differenza tra i due messaggi in seno alla Chiesa era ben marcata.

A proposito...

Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare una pace, ma una spada (Matteo 10,34)


carlomartello

Alexan
07-02-11, 16:47
A me non risulta nessun messaggio cristiano, ne prima ne dopo, dell'impiego di agenti provocatori per creare scontri. Nella storia papale forse.

La cosa più vicina alla posizione di intelligence che mi risulta nella cristianità, è semmai Giuda.

Miles
07-02-11, 18:14
A parte tutto, bisognerebbe farla finita col decontestualizzare il Vangelo di Nostro Signore per tramutarlo nell'antivangelo dell'Anticristo di Solve'v.

Prima dell'ultimo Concilio la differenza tra i due messaggi in seno alla Chiesa era ben marcata.

A proposito...

Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare una pace, ma una spada (Matteo 10,34)


carlomartello

Gesù Cristo non ha infiltrato gli apostoli nei movimenti degli zeloti per aizzare il livello di tensione coi romani e fomentare la logica degli opposti estremismi.
Non confondiamo il sacro col profano di grazia.

Miles
07-02-11, 18:15
A me non risulta nessun messaggio cristiano, ne prima ne dopo, dell'impiego di agenti provocatori per creare scontri. Nella storia papale forse.

La cosa più vicina alla posizione di intelligence che mi risulta nella cristianità, è semmai Giuda.

Azz, giuro che ho visto questo messaggio solo dopo aver scritto il mio precedente.

TEBELARUS
07-02-11, 18:29
Gesù Cristo non ha infiltrato gli apostoli nei movimenti degli zeloti per aizzare il livello di tensione coi romani e fomentare la logica degli opposti estremismi.
Non confondiamo il sacro col profano di grazia.
però condividi che chi aggredisce i poliziotti è un criminale e va manganellato a dovere?

Miles
07-02-11, 18:35
però condividi che chi aggredisce i poliziotti è un criminale e va manganellato a dovere?

In linea astratta, assoluta o nel caso reale di questi giorni?

carlomartello
07-02-11, 18:49
Gesù Cristo non ha infiltrato gli apostoli nei movimenti degli zeloti per aizzare il livello di tensione coi romani e fomentare la logica degli opposti estremismi.
Non confondiamo il sacro col profano di grazia.

"A parte tutto". Era per rispondere a Alexan e a tutti quegli uomini di sinistra (ma non solo) che confondono il Vangelo con una vaga filantropia, e che sinceramente hanno rotto.

carlomartello

carlomartello
07-02-11, 18:51
In linea astratta, assoluta o nel caso reale di questi giorni?

:D

http://www.vivivibovalentia.it/upload/rte/madonna_manganello

http://it.wikipedia.org/wiki/Madonna_del_manganello


carlomartello

Miles
07-02-11, 19:26
:D

http://www.vivivibovalentia.it/upload/rte/madonna_manganello

http://it.wikipedia.org/wiki/Madonna_del_manganello


carlomartello

La statua è vera. Un mio amico di M.C. mi riferiva esservene un esemplare pure in una Chiesa di Roma.

La voce di wikipedia è una bufala, però.

L'iconografia mariana si riferisce alla Madonna come Avvocato dell'Uomo nella lotta contro il Demonio che scaccia via appunto con un nodoso bastone. V'è anche una leggenda medievale in tal senso (la trovi in questo libro ( La bibbia dei poveri. Storia popolare del mondo, Lapucci Carlo (http://www.unilibro.it/find_buy/Scheda/libreria/autore-lapucci_carlo/sku-476817/la_bibbia_dei_poveri_storia_popolare_del_mondo_.ht m) )

TEBELARUS
07-02-11, 19:39
In linea astratta, assoluta o nel caso reale di questi giorni?
ah beh, adesso sono curioso di sapere in ognuno dei 3 casi. :giagia:

:D

http://www.vivivibovalentia.it/upload/rte/madonna_manganello

http://it.wikipedia.org/wiki/Madonna_del_manganello


carlomartello
questa è la Chiesa che mi piace!! :D

Miles
07-02-11, 20:36
ah beh, adesso sono curioso di sapere in ognuno dei 3 casi. :giagia:


In linea astratta sto con Schmitt.
In linea assoluta sto con l'Aquinate
In questo specifico caso la penso come Pasolini.

Sono un po' stronzo e criptico.

Lo so.

Alexan
08-02-11, 15:45
"A parte tutto". Era per rispondere a Alexan e a tutti quegli uomini di sinistra (ma non solo) che confondono il Vangelo con una vaga filantropia, e che sinceramente hanno rotto.

carlomartello

Possiamo tagliar breve con un semplice "mettiamo che".

Proviamo a supporre che qualcuno chieda un parere su l'operato di Cossiga a Ratzinger. Ora, Cossiga è stato premier Italiano, persona importante della politica Italiana e che gode del rispetto (disinformato a mio parere.. ma è solo mio parere) di molti Italiani.

Ecco, ore che ci siamo figurati quello che Ratzinger direbbe.. ora proviamo immaginare pure quello che senza dire penserebbe dell'operato di Cossiga.


Hai la posizione della cristianità: le chiacchiere politichese che a molti come me (quindi non di sinistra) disgustano e il vero significato profondo che ispira... che ha contribuito a creare la Società di Occidente che tanto vorremmo ci fosse.

Scott Nails
08-02-11, 16:25
Mai piaciuto Cossiga. Ma non credo si possa giudicare la cristianità di un uomo in assoluto, cosa che spetta sicuramente alla sua coscienza o a Dio. Nè tanto meno mi sembra corretto farlo partendo da una singola dichiarazione.

Miles
09-02-11, 01:00
Possiamo tagliar breve con un semplice "mettiamo che".

Proviamo a supporre che qualcuno chieda un parere su l'operato di Cossiga a Ratzinger. Ora, Cossiga è stato premier Italiano, persona importante della politica Italiana e che gode del rispetto (disinformato a mio parere.. ma è solo mio parere) di molti Italiani.

Ecco, ore che ci siamo figurati quello che Ratzinger direbbe.. ora proviamo immaginare pure quello che senza dire penserebbe dell'operato di Cossiga.


Hai la posizione della cristianità: le chiacchiere politichese che a molti come me (quindi non di sinistra) disgustano e il vero significato profondo che ispira... che ha contribuito a creare la Società di Occidente che tanto vorremmo ci fosse.

Tu critichi duemila anni di Cristianesimo partendo dalle dichiarazioni che secondo te il Papa darebbe (nota il condizionale) riguardo Cossiga?
Non siamo nemmeno al processo alle intenzioni ma alla mera teorizzazione ipotetica.
Poi se all'estero ci danno dei cazzari , non è solo colpa di Berlusconi,eh.

Alexan
09-02-11, 10:29
Mai piaciuto Cossiga. Ma non credo si possa giudicare la cristianità di un uomo in assoluto, cosa che spetta sicuramente alla sua coscienza o a Dio. Nè tanto meno mi sembra corretto farlo partendo da una singola dichiarazione.

Su questo dobbiamo, più che altro, porre la responsabilità sulla società civile della nazione.. che non glie ne ha mai chiesto conto. Non mettendolo in condizione di redimersi in alcun modo.

Per quanto siamo stati incapaci di chiedere conto, questo non gli assegna meriti: sappiamo che Cossiga pensava fosse giusto delirare le cose che ha detto. Il tempo è passato (anche per nostra colpa) in silenzio.. ma l'omertà non giustifica crimini.


Tu critichi duemila anni di Cristianesimo partendo dalle dichiarazioni che secondo te il Papa darebbe (nota il condizionale) riguardo Cossiga?
Non siamo nemmeno al processo alle intenzioni ma alla mera teorizzazione ipotetica.
Poi se all'estero ci danno dei cazzari , non è solo colpa di Berlusconi,eh.Io critico quanti oggi si mettano la casacca di duemila anni di cristianesimo e poi in termini di "real politic" (che poi si traduce in "faccio quello che caxxo mi pare") infrangono dogmi teoloci, principi laici e, più meramente, la legge (tutt'assieme, eh?)
Poi è ovvio che tutto dipende da che idea uno si è fatto del papa: nella mia idea io penso sotto-sotto condanni Cossiga (seppure per "pace civile" ovviamente non esprimerebbe mai una posizione).


Poi tu tieniti la tua visione di questo papa ("prafo prafo, ogni tanto mazzaten ci voglien")

Miles
09-02-11, 13:14
Io critico quanti oggi si mettano la casacca di duemila anni di cristianesimo e poi in termini di "real politic" (che poi si traduce in "faccio quello che caxxo mi pare") infrangono dogmi teoloci, principi laici e, più meramente, la legge (tutt'assieme, eh?)
Poi è ovvio che tutto dipende da che idea uno si è fatto del papa: nella mia idea io penso sotto-sotto condanni Cossiga (seppure per "pace civile" ovviamente non esprimerebbe mai una posizione).

Onestamente se il Papa (che è e rimane un soggetto terzo ed universale) si mettesse a pontificare su ogni personaggio di ogni stato del mondo (tale è la sua giurisdizione) non finirebbe più. E non lo fa perchè non è il suo compito. Il suo compito non consiste nella critica del singolo, ma nel condannare le tesi eventualmente portate e soprattutto a ribadire, in ogni istante la dottrina Cristiana. Che tanto per precisione condanna nettissimanente la massoneria ed i massoni, ipso facto anche Cossiga e chi a suo tempo era tesserato P2.



Poi tu tieniti la tua visione di questo papa ("prafo prafo, ogni tanto mazzaten ci voglien")

Mi sa che se il Papa per assurdo si mettesse a criticare ogni persona meritevole di una tirata d'orecchie, tu saresti il primo ad invocare il c.d. principio di non ingerenza dei religiosi nella società civile.

Non si può chiedere che il Papa intervenga per i propri nemici e però contestualmente invocare la terzietà della Chiesa qualora la critica ricada anche sugli amici.

Popolare
09-02-11, 13:24
io di Cossiga non ricordo alcun messaggio cristiano, ha fatto il suo dovere e basta.

Miles
09-02-11, 13:36
io di Cossiga non ricordo alcun messaggio cristiano, ha fatto il suo dovere e basta.

Per amor di precisione direi che ha ricoperto una serie di incarichi.
Svolgere il proprio dovere è un po' diverso.