Benvenuto in Termometro Politico - Forum.
Visualizza Feed RSS

Lo stagno dei fuochi fatui

Barconi

Valuta Questa Inserzione
Di , 22-08-17 alle 21:31 (155 Visite)
Cesenatico: fine anni '50. Come ogni anno trascorrevamo tutto Agosto al mare, in Romagna. Una Cesenatico quieta, sonnacchiosa.
Nei grandi viali alberati interni baracchette di legno dove si vendevano zoccoli colorati che mi apparivano bellissimi, con i tacchi alti e lucidi in legno liscio e le fasce di un tripudio di arcobaleni vivacissimi. Per me ancora bambina invece gli zoccoli erano piccoli e bassi...non vedevo l'ora di crescere per scegliere a modo mio.

Le case che venivano date in affitto, all'interno di lunghi viali alberati, avevano tutte un grande giardino. Ogni proprietà era chiusa da alti cancelli. Ricordo i pini odorosi e i cespugli di belle di notte, che con il buio uscivo furtivamente a contemplare...e le bocche di leone bellissime e curiose che mi divertivo a manipolare .
Le notti erano davvero di velluto, i rumori di vita solo in lontananza. La vita si sgranava dolcemente e senza scosse.

Ma al 15 del mese c'era il grande appuntamento: la processione in mare in onore della Vergine Assunta, per celebrarla e impetrarne la protezione e i favori sulla comunità di pescatori. Le donne della mia famiglia, molto devote, non mancavano mai e portavano sempre anche me. I barconi dei pescatori, numerosi, decoratissimi e festonati, attendevano nel porto canale. La gente, numerosa, sciamava all'interno prendendo posto a caso, ma in ordine. Mia madre e le mie zie ad un certo punto sparivano tra la folla ed io mi trovavo sempre sola.

Le barche prendevano il largo e in breve erano già lontane. La costa era un punto remoto, quasi non si vedeva più. Un vento forte investiva il natante e il viso, il beccheggio diveniva potente, il mare intenso e cupo. Ricordo nitidamente che mi aggrappavo ad una sartia per non cadere, e l'odore di salmastro che stordiva e gli spruzzi d'acqua che m'investivano. Ero sola, la famiglia perduta di vista.

E la folla intonava canti di laude per la Madonna, continui e ripetuti, più la barca si agitava, più i canti aumentavano di intensità, Era una vera processione: davanti e dietro di me una lunga teoria di barche tutte in festa, tutte con le bandiere r gli stendardi schiaffeggiati dal vento.
All'improvviso sapevo di essere invincibile. Nulla di male avrebbe potuto colpirmi. ero, eravamo sotto l'augusta protezione della Vergine, signora delle acque e del vento. Niente di drammatico sarebbe stato consentito, d'improvviso il vasto mare era solo un tappeto liquido semovente dove si stendeva benigno il mantello ceruleo della grande Madre, signora dei viventi e di ogni cosa creata.

Non ho mai più avuto quella fede assoluta, se non in sporadici momenti della mia vita. Foglia invincibile nella tempesta.

Qualcosa di rarissimo e infinitamente sorprendente.
attila621 likes this.
Categorie
Non Categorizzato

Commenti

N. Post:

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225