Benvenuto in Termometro Politico - Forum.
Visualizza Feed RSS

EUROPA e il Suo Popolo

Il minimo comune denominatore

Valuta Questa Inserzione
Citazione Originariamente Scritto da lady1 Visualizza Messaggio
Non Ŕ facile esprimere quale sia il minimo comune denominatore dell'Europa. Usando una sola parola Ŕ la sua CiviltÓ. Ma so che Ŕ una parola che richiede di essere spiegata.
Riguardo invece all'idea dell'Europa unita invece posso dire di essere favorevole, ma non al modello attuale dell'UE. Penso sempre a qualcosa di simile al Sacro Tomano Impero, e cioŔ un sistema dove ogni nazione sia autonoma al proprio interno, e vi sia una qualche specie di governo comune che si occupa di poche materie tipo la difesa ed il commercio.
Se parlamo di legislazione invece non so proprio che dire.
Grazie per la partecipazione, lady1

Ŕ mia opinione che la parola "civiltÓ" non significhi "civilization" ma PIANIFICAZIONE TERRITORIALE e che sia giunto il momento che Europa - Gran Bretagna inclusa - affermi in toto cosa intende con questo metodo di gestione delle risorse disponibili PER IL BENE COMUNE.

Analizzo ora la questione dal mio punto di vista, da architetto responsabile della mobilitÓ sostenibile.

"ARCHITECTURA EST FIRMITATIS UTILITATIS VENUSTATIS PIA RATIO IN BONUM ET IUS SOLI SANGUINIS LEGISQUE"

Il Governo Romano si occupava di gestire la viabilitÓ di pianura e la legislazione relativa all'esercito, al commercio e al fisco, senza intervenire in modo attivo sulle tradizioni locali.
La Repubblica di Roma non era marinara, a differenza dell'Impero Britannico: a parte questa differenza, entrambe le realtÓ hanno commesso l'errore di non sviluppare una vera dialettica con le popolazioni alleate o vinte in itinere. Entrambe le realtÓ sono da storicizzare come incapaci di rispettare e di farsi rispettare usando l'unico metodo umano, che Ŕ dialettico e memorizzabile con la scrittura.

Il Minimo Comune Denominatore Europeo Ŕ comunicato bene nel Motto d'Europa:

IN VARIAETATE CONCORDIA

che afferma la VOLONTA' del POPOLO EUROPEO di SCRIVERE una LEGISLAZIONE UNIVERSALE che consenta un GOVERNO GLOBALE delle risorse disponibili per il rispetto e la trasmissione della vita nelle generazioni dei secoli.

Che ne pensi?
Categorie
Non Categorizzato

Commenti

  1. L'avatar di Abdullah
    Buongiorno, @Maria Vittoria.
    Premetto che non sono un esperto di politica nÚ dei princÝpi morali che la sottendono, mi ha perˇ incuriosito in questo contesto il motto d'Europa che hai riportato, sebbene non lo abbia letto per la prima volta:
    In Varietate Concordia.
    Potresti gentilmente chiarire se esiste fra questo motto, sia nella forma che nelle intenzioni, un parallelo con lo statunitense: E pluribus unum?
    Grazie di cuore.
    Abdullah
  2. L'avatar di Maria Vittoria
    Buongiorno, Abdullah
    entrambi i motti sono scritti in lingua latina: la lingua considerata legislativa da chi crede nella possibilitÓ di migliorare le condizioni di vita da parte del genere umano.
    Se mi chiedi il motivo dell'adozione della lingua latina come riferimento universale da parte delle potenze continentali che hanno sconfitto gli antichi imperi, Ŕ mia opinione sia stata causata dal fatto che la letteratura latina esemplifica l'uso del metodo dialettico e della ragionevolezza come irrinunciabili per l'evoluzione umana.

    E PLURIBUS UNUM
    da molti ecco un nuovo popolo per il continente americano

    IN VARIAETATE CONCORDIA
    possa il popolo europeo evolvere in dialogo evolutivo

    due destini da una sola radice culturale.
    Quando esisterÓ, l'Europa Politica potrÓ dialogare con l'America e sarÓ certamente interessante leggerne i documenti, non pensi?
  3. L'avatar di Abdullah
    Molte grazie. Maria Vittoria.
    Spunti interessanti sui quali riflettere.
  4. L'avatar di Maria Vittoria
    spero di leggere in questa sede le tue riflessioni in tema, buona giornata
  5. L'avatar di Abdullah
    Direi due destini irreversibili e, per pi˙ di una ragione, degni del nostro sostegno e del nostro impegno.
    Nel rispetto delle mille peculiaritß e tradizioni locali, matura la camsapevolezza dell'universalitß del genere umano. In altre parole, la civiltß Ú una, articolata in molteplici realtß .
    Il dialogo e la comprensione dovrebbero essere alla base di ogni incontro.
  6. L'avatar di Maria Vittoria
    Il Mare Mediterraneo Ŕ il GENIUS LOCI di questa dialettica evolutiva, non pensi?
  7. L'avatar di Abdullah
    Genius Loci, culla e humus.
  8. L'avatar di Maria Vittoria
    Grazie, Abdullah

    Genius Loci : dialettica fra le vie del commercio e territorio con economia di sussistenza, in quanto stagionale?

    culla : dal momento dell'avvenuto concepimento fino ai tre anni di etÓ oppure fino ai sei anni?

    humus : gli antenati fino a ventisei generazioni prima di quella dell'autore o fino a cinquantadue generazioni prima? Io scelsi di riferirmi all'edificazione della Biblioteca di Alessandria d'Egitto come humus del Popolo cui appartengo, mentre posso risalire solo all'Anno Domini 1305 per raccontare
    la storia romanzata delle trib¨ da cui discese mia madre, pace all'anima sua.

    Che ne pensi?
N. Post: