Benvenuto in Termometro Politico - Forum.
Visualizza Feed RSS

GILANICO

Il test per il quoziente intellettivo.

Valuta Questa Inserzione
Non esiste nulla di più razzista e suprematista di chi si fa il test per il quoziente intellettivo, di modo che poi lo si usa come pretesto per credersi superiori agli altri.
Una sorta di suprematismo intellettivo.

Non posso crederci che esistano persone cosi a sto cazzo di mondo.

Non vi è nulla di più razzista di questo.

Queste persone mi stanno ancor più sul cazzo di coloro che si dichiarano apertamente fascisti.

Voi cosa ne pensate?

[MENTION=1143]‎acquazzurra[/MENTION] , [MENTION=1143]‎Aladar[/MENTION] ,[MENTION=1143]‎albertom[/MENTION] ,[MENTION=1143]‎alexenhee[/MENTION] ,[MENTION=1143]‎‎AntaniPioco[/MENTION] , [MENTION=9494]Arctic[/MENTION] ,[MENTION=1143] Armonica[/MENTION] , [MENTION=1143] Avanguardia[/MENTION],
[MENTION=1143]‎Baboden[/MENTION] , ‎[MENTION=1143]Canaglia[/MENTION] , [MENTION=1143]‎capitan harlock[/MENTION] , [MENTION=1143] chicca.s[/MENTION] ,
[MENTION=56641]Coccone[/MENTION], ‎[MENTION=1143]Colpo Destro[/MENTION], [MENTION=1143] Conte Oliver[/MENTION], ‎[MENTION=1143]Curufinwe[/MENTION] ,
[MENTION=3834]Dario[/MENTION] , [MENTION=1143] DEESNIDER[/MENTION] , [MENTION=57171]Democrazia Liberalsocialista[/MENTION] , [MENTION=1143]‎dimecan[/MENTION], [MENTION=1143]emv[/MENTION], [MENTION=42217]Entropia[/MENTION] , ‎ [MENTION=48038]Fasulén[/MENTION] ,
[MENTION=47940]Fiumano[/MENTION] , ‎[MENTION=1143]fiume sand creek[/MENTION], [MENTION=1143] france[/MENTION], ‎[MENTION=1143]gameover71[/MENTION], ‎[MENTION=1143]gatsu[/MENTION] [MENTION=14384]Geralt di Rivia[/MENTION], [MENTION=48955]Giulio962[/MENTION] , [MENTION=10663]gladiator82ct[/MENTION] ,
[MENTION=1143]‎guybrush[/MENTION] , [MENTION=1143]‎Halberdier[/MENTION] , [MENTION=47553]Halfshadow[/MENTION], ‎ [MENTION=1537]Il viaggiatore notturno[/MENTION] , ‎[MENTION=1143]indra88[/MENTION], [MENTION=1143]‎Lecca d’Assalvini[/MENTION], [MENTION=5420]Leviathan[/MENTION],
[MENTION=379]svicolone[/MENTION], ‎ [MENTION=43911]Tiresia[/MENTION], ‎ [MENTION=4077]Triangolo nero[/MENTION]

‎ [MENTION=3834]Dario[/MENTION], ‎[MENTION=379]Doxa[/MENTION], [MENTION=379]‎Dr. Gori[/MENTION],‎[MENTION=379]elnick[/MENTION], ‎[MENTION=379]‎Eric Draven[/MENTION] , [MENTION=213]Gian_Maria[/MENTION] [MENTION=379]‎Wu Wei[/MENTION]

Rientra perfettamente all'interno di una logica societaria capitalistica, competitiva e selettiva, oltre che escludente. Azz, c'è davvero gente che si crede superiore agli altri e che giudica le persone in base al proprio quoziente intellettivo. Questa è la massima espressione del suprematismo razzista.

Mettiamo il caso che io avessi avuto la possibilità di parlare con Einstein e gli avessi riconosciuto il fatto che lui fosse più intelligente di me, fin qui tutto ok. Ma se lui avesse usato questo come pretesto per sentirsi superiore a me mi sarebbero girati i coglioni.

Un conto è essere più intelligenti di una persona, ma senza darlo a vedere o farlo pesare, un altro paio di maniche è servirsi di questi testi di merda per millantare una certa superiorità rispetto agli altri, facendolo appositamente pesare.

Per esempio: In Svezia, per fare alcuni lavori, per esempio il manager, oltre a portare il tuo curriculum, ti fanno pure il test del quoziente intellettivo. Un roba fuori dal mondo per quanto mi riguarda.

Aggiornato il 02-05-21 alle 12:26 da GILANICO

Categorie
Non Categorizzato

Commenti

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
  1. L'avatar di GILANICO
    [QUOTE=Entropia;bt9314]Mi fido maggiormente dei contadini che non avendo studiato non possono irretire oltremodo! :)[/QUOTE]

    Quanto avrei voluto fare il contadino. Poi, con il passare del tempo si sono arricchiti anche loro.
  2. L'avatar di GILANICO
    C'è chi si crede superiore per razza, c'è chi crede di appartenere ad un sesso superiore, c'è chi crede di avere un identità di genere superiore, c'è chi crede di avere un orientamento sessuale superiore, c'è chi crede di essere dotato di un intelligenza superiore agli altri, c'è chi crede di avere una fede superiore a quella degli altri, c'è chi usa la propria bellezza per sentirsi superiore agli altri e cosi via.

    In pratica questo è un mondo si suprematisti [MENTION=47553]Halfshadow[/MENTION]
  3. L'avatar di GILANICO
    Perchè gli esseri "superiori" come [MENTION=47553]Halfshadow[/MENTION] preferiscono la ""civilissima"" e ""democraticissima"" Russia all'Europa ""villana"" :snob:
  4. L'avatar di GILANICO
    Concordo che l'Italia non sia Europa, difatti dovrebbero cacciarci a pedate nel culo ma ci tengono dentro solo perchè la Pianura Padana serve alle industrie del nord.

    [URL="http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2155-oscuro-bel.html"]http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2155-oscuro-bel.html[/URL]
    [MENTION=47553]Halfshadow[/MENTION]
  5. L'avatar di GILANICO
    Pota per me è lo stesso.
  6. L'avatar di GILANICO
    [QUOTE=emv;bt9326]Sono d'accordo, anzi più che razzismo è qualcosa di molto peggio: il materialismo di cui il razzismo è un'espressione (l'altra è il comunismo per il quale la classe è come la razza, una categoria fondante della storia). Poi il QI non puà misurare l'elemento spirituale. L'intelligenza che è di per sè una mera espressione fisica del cervello è però, per chi è credente, connessa al suo Creatore. Per chi non è cristiano diciamo a "qualcosa di superiore".[/QUOTE]


    [QUOTE=emv;bt9326]Sono d'accordo, anzi più che razzismo è qualcosa di molto peggio: il materialismo di cui il razzismo è un'espressione (l'altra è il comunismo per il quale la classe è come la razza, una categoria fondante della storia). Poi il QI non puà misurare l'elemento spirituale. L'intelligenza che è di per sè una mera espressione fisica del cervello è però, per chi è credente, connessa al suo Creatore. Per chi non è cristiano diciamo a "qualcosa di superiore".[/QUOTE]


    In Svezia, per esempio [MENTION=1143]emv[/MENTION] prima di fare un colloquio di lavoro ti richiedono il test sul quoziente intellettivo. Nulla di più velatamente
    razzista, visto che alla base di ogni razzismo c'è il suprematismo: Con la scusa di cercare il meglio del meglio per i propri interessi, sono selettivi ed esclusivi.
    Per ogni ultra capitalismo che si rispetti vi è una base ben solida di razzismo. Oltre a questo, taluni test servono per stimolare il proprio super io, di modo che tu possa servirtene per sentirti in qualche modo superiore agli altri, alimentando la competitività all'interno di una società ultra capitalistica.

    Analogamente, gli ebrei si sentono spiritualmente superiori agli altri popoli non solo in quanto popolo eletto di Elohim ("Il tesoro più amato tra tutti i popoli" cit.) ma perchè pensano che la loro anima brilli più delle altre grazie alla Torah, che gli eleva ad uno stato superiore.
    Ma anche questa è una forma di suprematismo connaturato all'aspetto religioso, si che le tre principali religioni monolatriche sono espressione diretta di un suprematismo, sia materiale che spirituale.

    [IMG]https://i.postimg.cc/hGKWRRyG/ti-benedica.png[/IMG]

    Fonte:

    Bemidbar - Mamash

    Dove primeggiano, a differenza dei cattolici - cristiani e dei musulmani - islamici, gli ebrei israeliti.
    Aggiornato il 05-04-21 alle 08:26 da GILANICO
  7. L'avatar di GILANICO
    [QUOTE=Il viaggiatore notturno;bt9324]Come pretesto varrebbe se lo facessero tutti. Ma alla fine della storia è solo una curiosità, o al più un vezzo.[/QUOTE]

    Ma per fortuna che non tutti sono cosi.
  8. L'avatar di GILANICO
    ODDIO, non potevi che fare un elogio migliore dell'AT.

    E dire che io penso che tutto quello che di malvagio siamo oggi lo dobbiamo proprio alle cosiddette ""sacre"" scritture.:snob: [MENTION=1143]emv[/MENTION]

    O quantomeno sono il frutto dell'espressione della malvagità degli esseri umani.
  9. L'avatar di GILANICO
    [QUOTE=emv;bt9332]

    Quando si legge l’AT bisogna distinguere ciò che viene da Dio e ciò che viene dagli umani, facendosi aiutare da una buona traduzione e buone note cattoliche.[/QUOTE]

    Per essere obbiettivi, è il resoconto dispotico tra gli israeliti e il proprio signore della guerra in perenne lotta contro i suoi nemici. A prescindere se Hashem fosse un uomo divinizzato o un essere proveniente dallo spazio, assieme a tanti altri.
    Oltre a narrare di una vera e propria colonizzazione di questo pianeta da parte degli Elohim biblici, o Annunaki sumero accadici.

    D'altro canto [MENTION=1143]emv[/MENTION], posso carpire il fatto che un fedele come te ci possa vedere realmente il ""Dio"" trascendente e onnipotente, anche se non vi è alcuna traccia in taluni scritti, visto che furono gli esegeti nel mistificare appositamente quel che vi è scritto per ricavarne il proprio ""Dio"" personale, che sia quello cattolico - ebraico o islamico. Tenendo presente che il primato in termini di coloro che furono i primi, spetta proprio agli ebrei israeliti, altrimenti il Tanakh non ruoterebbe unicamente attorno a loro ed il proprio Elohim, essendo dei testi che non hanno nulla di universale, e sono gli stessi commentatori ebrei ad ammetterlo.

    In pratica, quei testi sono unicamente cosa loro e di nessun'altro. Basta dare un occhiata a quel che scrivono:

    [URL="http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2012-lanti-multiculturalismo-ebrei.html"]http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2012-lanti-multiculturalismo-ebrei.html[/URL]

    [URL="http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2009-lintero-racconto-biblico-israelocentrico-specialmente-lantico-testamento.html"]http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2009-lintero-racconto-biblico-israelocentrico-specialmente-lantico-testamento.html[/URL]

    [URL="http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2007-posterita-benedetti-popoli-terra.html"]http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2007-posterita-benedetti-popoli-terra.html[/URL]

    Il problema è che hanno ragione loro: fatto sta che la più antica forma di suprematismo spirituale/religioso è proprio quella espressa dagli ebrei israeliti nei loro testi cosiddetti sacri.
    Aggiornato il 12-04-21 alle 12:59 da GILANICO
  10. L'avatar di GILANICO
    [QUOTE=emv;bt9338]Ho dato uno sguardo veloce ai tuoi testi, attualmente non ho tempo di approfondire bene anche perchè le cose ebraiche meriterebbero volumi di approfondimenti ad ogni singola lettera... mi riservo di leggere con calma appena potrò e ti scrivereò a proposito.
    Un'idea di massima però ce l'ho sul tuo approccio e ti propongo di pensare agli Ebrei non solo in termini di supremazia ma di unicità.

    Ad es. hai mai pensato che solo la Bibbia cita l'esistenza di tutti gli altri popoli del mondo, indicandone con precisione tutte le discendenze dai tre figli di Noè, nel cap. 10 di Genesi. Non ho mai sentito che esista un testo indù, greco-romano, maya o germanico che faccia lo stesso. Ti sei mai chiesto come mai?[/QUOTE]

    Da questo punto di vista ti do ragione.

    Questa loro unicità, però, per quanto mi riguarda, se la sono costruita. Per questo fanno risalire la discendenza di tutti i popoli sempre a loro, quasi come se fossero il pilastro dell'umanità.

    A tal proposito [MENTION=1143]emv[/MENTION], ti rimando alla genealogia della stirpe noakhidica che si trova all'interno della Bereshit edito dalla Mamash. Un capolavoro per quanto mi riguarda.

    [URL="http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2091-genealogia-stirpe-noakhidica-tradizione-talmudica-midrashica.html"]http://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2091-genealogia-stirpe-noakhidica-tradizione-talmudica-midrashica.html[/URL]

    Leggi tutto con calma e senza fretta..:encouragement:
    Aggiornato il 20-04-21 alle 19:12 da GILANICO
  11. L'avatar di GILANICO
    Difatti i commentatori ebrei fanno discendere i romani proprio da Esaù [MENTION=1143]emv[/MENTION]:

    [URL="https://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2037-discendenti-esau-ovvero-antichi-romani-esuli-ivrim-israel.html"]https://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2037-discendenti-esau-ovvero-antichi-romani-esuli-ivrim-israel.html[/URL]

    Per quanto riguarda l'unicità degli ebrei e la loro genealogia dei popoli delle Terra, ti avrei dato ragione se solo taluni scritti avessero un origine antica pre pagana. Ma visto che non è cosi, e partendo dal presupposto che prima del monolatrismo/monoteismo israelocentrico vi furono religioni e culti molto più antichi, non posso che essere in disaccordo con quello che hai scritto in merito. Bisogna tener presente che l'intero racconto della Bereshit altro non è che la rivisitazione in salsa ebraica dei racconti sumero accadici: Il diluvio universale, il Gan 'Eden, la fabbricazione dell'uomo e altro ancora, erano già presenti in siffatte religioni.

    Fatto sta che a loro va il primato di aver fatto discendere tutte le popolazioni della Terra ad un antenato comune all'interno di una visione isrealocentrica o ebreocentrica.

    Per quanto riguarda le immagini che posto hai ragione, da una parte vi è un aspetto del tutto pratico, dall'altra vi è la necessità proprio di contemplare taluni scritti, stando sempre molto attento a non cadere nella tentazione di interpretarli a proprio piacimento, ma commentandoli secondo una metodologia che sia il più possibile realistica e razionale.
  12. L'avatar di GILANICO
    [QUOTE=emv;bt9346]So che non troverai soddisfacente questa risposta ma gli ebrei per la loro natura nomade sono arrivati alla scrittura più tardi di altri popoli (infatti come è noto la scrittura è una conquista dei popoli stanziali che l'hanno sviluppata per le necessità derivanti dall'agricoltura).[/QUOTE]

    [SIZE=3]Concordo, per questo esistono testi molto più antichi di quelli ebraici dalla quale gli ebrei presero spunto.
    [/SIZE]
    [QUOTE=emv;bt9346]
    Inoltre i figli di Dio, quelli che non si erano corrotti al peccato, è possibile che non usavano la scrittura perchè avevano un tale stato di grazia che non ne avevano bisogno. I progenitori, poi, avevano i doni preternaturali, la scienza infusa, i loro figli dovevano condividere questi doni seppur in forma diminuita.
    Le fonti del loro sapere, i Patriarchi, erano quasi tutti vivi ai tempi di Matusalemme. Al tempo di Noè erano vivi ancora gli ultimi due patriarchi, per cui per la maggior parte del tempo erano stati tutti presenti e come tu sai si sente l'urgenza di scrivere nel momento che si deve tramandare qualcosa perchè chi l'ha raccontata non c'è più. Per 7 od 8 Patriarchi su 9 non c'era mai stato bisogno di tramandare alcunchè dato che Adamo era vivo in mezzo a loro![B] Gli altri uomini che si erano corrotti rapidamente perserò la longevità («i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero. [3]Allora il Signore disse: «Il mio spirito non resterà sempre nell'uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni»).[/B][/QUOTE]

    [SIZE=3]In verità si identificano due cause principali per la drastica diminuzione della vita: la prima è di tipo climatico ambientale, la seconda per opera degli Elohim, tenendo presente che Hashèm era l'El degli israeliti. Quello che viene fatto intendere come un intervento divino, avrebbe potuto essere un intervento che riguardava il genoma di siffatta stirpe.[/SIZE]

    [IMG]https://i.postimg.cc/pVhTXnj5/peleg.png[/IMG]

    Fonte:

    Bereshit - Mamash.

    [SIZE=3]In caso tu volessi dargli un occhiata:
    [/SIZE]
    [URL="https://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2010-longevita-stirpe-pre-diluviana.html"]https://forum.termometropolitico.com/members/gilanico/2010-longevita-stirpe-pre-diluviana.html[/URL]

    [QUOTE=emv;bt9346]
    Quando sono venuti a contatto con i comuni discendenti di Noè hanno sentito i racconti distorti dei pagani che altro non erano che i loro stessi racconti in parte simili e in parte deformati. I racconti simili ovviamente non sono un problema, i racconti distorti sono confluiti nelle leggende ebraiche, nei midrash e soprattutto nelle Cabala.[/QUOTE]

    [SIZE=3]Qui mi trovi in disaccordo. E più plausibile che furono loro a venir in contatto con dei testi non ebraici di altri culti religiosi, con lo scopo di appropriarsene per rivisitarli all'interno di un contesto ebreocentrico. Vedi per esempio la Bereshit, che deriva sempre dai racconti sumero accadici degli Anunnaki.[/SIZE]

    [QUOTE=emv;bt9346]
    Però usi fonti ebraiche che sono state riscritte come conseguenza del Concilio di Yamnia tra la fine del I sec. e la metà del II sec. d.C in un processo che si è protratto nel tempo. Mentre la traduzione alessandrina di circa tre secoli prima di Cristo è la più fedele. [url]http://www.bicudi.net/materiali/manoscritti_bib_ebraica/testo_masoretico.htm[/url] Il testo masoretico sarà messo per iscritto addirittura solo nel XIX secolo se non erro. I Midrashin più antichi sono cmq di diversi secoli dopo Cristo. Perchè dargli tanto credito?[/QUOTE]

    [SIZE=3]Ma alla fin fine facciamo sempre riferimento ai testi masoretici che sono codici di copie di copie e di copie. Più antichi di quelli ci sono quelli di Qumran.
    Ma in linea di massima, i racconti delle origini contenute nella Bibbia ebraica in primis, sono copie rielaborate dei testi sumero-accadici e dei testi fenici.
    Non vi è nulla di unico in quello che vi hanno scritto, perchè era già presente in altri codici di altri culti religiosi [/SIZE] [MENTION=1143]emv[/MENTION]

    [SIZE=3]Questo, per esempio è il passo all'interno dei racconti sumero accadici che parla della creazione dell'Uomo:[/SIZE]

    [IMG]https://s33.postimg.cc/9qm1x741r/annunaki.png[/IMG]

    [SIZE=3]Rielaborato poi all'interno della Bereshit in salsa ebreocentrica.[/SIZE]
    Aggiornato il 29-04-21 alle 19:25 da GILANICO
  13. L'avatar di GILANICO
    Interessantissima è anche questa parte:

    Oltre che a vivere a lungo non invecchiavano mai e neppure si ammalavano:

    [IMG]https://i.postimg.cc/J72KrrLR/1.png[/IMG]
    [IMG]https://i.postimg.cc/0ygfSVj3/2.png[/IMG]
    [IMG]https://i.postimg.cc/0NndLxnR/3.png[/IMG]
    [IMG]https://i.postimg.cc/ZRqFmgs9/4.png[/IMG]

    Fonte:

    Bereshit - Mamash

    [SIZE=3]In pratica il dimorfismo fenotipico correlato a quello dell'età serve per stabilire i ruoli gerarchici all'interno del proprio nucleo famigliare, e non solo, mentre il decorso della malattia che precede la morte, è associato principalmente all'eredità materialistica, poichè la prole, la primogenitura, non potrà mai ricevere in tempo la benedizione del proprio padre (la spartizione dei beni), se esso muore all'improvviso, senza nemmeno rendersene conto e soffrire.[/SIZE]
    Aggiornato il 29-04-21 alle 19:23 da GILANICO
  14. L'avatar di GILANICO
    Insomma, la pensiamo diversamente, sotto certi aspetti.

    La fabbricazione dell'uomo era già presente in codici più antichi, come ti ho fatto presente, che nulla hanno a che vedere con quelle ebraici, se non il fatto che loro rielaborarono tali scritti in un ottica ebreocentrica. Ovviamente aggiungendosi cose nuove.

    In pratica loro hanno preso spunto da codesti codici per rielaborarli in chiave prettamente ebrea, arricchendoli di nuovi concetti, per tirarne fuori l'Elohim unico - trascendentale - universale ed eterno, quale mistificazione esegetica, ponendo le basi del monoteismo/monolatrismo israelocentrico.

    Persino associare l'Elohim a ""Dio"" è una esagerazione esegetica, cosi come al ""Dio"" unico, dal momento gli Elohim erano molti sulla Terra in quel tempo in perenne lotta tra di loro. Il plurale d'astrazione è il modo che hanno gli esegeti per giustificare il pluralismo all'interno di certi versetti, visto che devono propagandare l'idea di un unico Elohim, allora si servono di questo escamotage per risolvere taluno problema.

    In effetti pure loro lo ammettono:

    [IMG]https://i.postimg.cc/L4PqYFxQ/uno.png[/IMG]

    Anche se poi vi è pur sempre una spiegazione allegorica:

    [IMG]https://i.postimg.cc/63MNT3D4/la.png[/IMG]

    Fonte:

    Shemot - Mamash

    Ma in tal caso ti rimando alla moltitudine degli Elohim:

    [URL="https://forum.termometropolitico.it/members/gilanico/2067-moltitudine-elohim.html"]https://forum.termometropolitico.it/members/gilanico/2067-moltitudine-elohim.html[/URL]
    Aggiornato il 07-05-21 alle 13:38 da GILANICO
  15. L'avatar di GILANICO
    Tenendo presente che il termine barà non significa creare ex nilo, ma plasmare partendo da elementi che già esistevano.

    Anche su quel termine ci sarebbe da scrivere molto a riguardo.

    Sinceramente le trovo ancora delle spiegazioni fantasiose e non letterali.

    A sto punto io potrei benissimo dirti che dal momento che Elohim è al plurale, il termine barà, altro non è che un singolare d'astrazione, visto che il verbo successivo è al plurale.
    Vi si trova scritto:" Al principio "creò" Elohim cieli e Terra" - quando andrebbe letto cosi: "Al principio crearono Elohim cieli e Terra". Perchè, dal mio punto di vista non è il verbo Elohim ed essere un plurale d'astrazione, ma è proprio barà ad essere un singolare d'astrazione, quindi da intendersi al plurale.

    Io invece mi concentrerei anche sul Salmo 82:

    [IMG]https://i.postimg.cc/k46FqBV2/salm.png[/IMG]

    [IMG]https://i.postimg.cc/L5kP8fm8/sa.png[/IMG]

    Come può vedere chiaramente, il plurale d'astrazione non regge nemmeno in questo Salmo: E' evidente che in questa assemblea non ci fosse solo Hashem, ma Elohim altri, al pari suo, e che codesta assemblea era cappeggiata da El Elyon, ovvero il capo supremo, da non confondere assolutissimamente con YHWH.
    Qui l'interpretazione esegetica sfocia ancora nell'allegoria e nella metafora, affermando che in tal contesto ci fosse solo ""Dio"", e gli altri, che vengono menzionati sempre come Elohim, fossero giudici della Terra.
    Persino associare El Elyon con l'Altissimo ed in fine sempre a "Dio", è totalmente pretestuoso e forviante.
    Aggiornato il 16-05-21 alle 18:14 da GILANICO
  16. L'avatar di GILANICO
    Insomma, non penso che il vero ebreo si possa vedere da queste piccolezze, ma da un insieme di altre cose che non riguardano solo scrivere ""Dio"" senza la "i" in mezzo.

    Io non uso fonti di autori protestanti, men che meno americani, ma sempre di ebrei. Basta prendere il commento di Rashi al Salmo 82:

    "[SIZE=3][COLOR="#FF0000"]God stands in the congregation of God to see whether they [[COLOR="#000000"]the judges[/COLOR]] judge fairly, and you judges, how long will you judge unjustly[/COLOR][/SIZE]?"

    Come puoi leggere vi è sempre un interpretazione allegorica e fantasione, oltre che forviante, visto che in una [COLOR="#FF0000"]assemblea divina[/COLOR], va da sè che non era consentito ai giudici terrestri di parteciparvi, ma solo la congregazione di Elohim, che non era composta unicamente da Hashem.

    Questo sito, per esempio, penso sia molto più attendibile come fonte, rispetto a qualsiasi forum a tematica ebraica:

    [URL="https://www.sefaria.org/Psalms.82.1?lang=bi&with=Rashi&lang2=en"]https://www.sefaria.org/Psalms.82.1?lang=bi&with=Rashi&lang2=en[/URL]

    Per quanto riguarda il termine Barà, hai ragione nell'affermare che non significa propriamente creare ex nihilo, come, del resto, fanno notare gli stessi ebrei, anche se poi, nello stesso commentario della Mamash vi è scritto:

    [IMG]https://i.postimg.cc/6p5sJF2d/al.png[/IMG]

    Fonte:

    Bereshit Mamash

    A riprova del fatto che io non uso fonti altre, ma rimango fedele a quelle riportate degli stessi ebrei. [MENTION=1143]emv[/MENTION]

    Poi torno a ripetere che il primo passo della Bereshit, almeno per quanto mi riguarda, non è il verbo Elohim ad essere un plurale d'astrazione, ma ben si è Barà ad essere, semmai, un singolare d'astrazione, da intendersi al plurale.
    Aggiornato il 17-05-21 alle 13:25 da GILANICO
  17. L'avatar di GILANICO
    Il bello dell'ebraismo è che non esiste il pensiero unico, ma una vastità di pensieri che compongono appunto il mondo ebraico.
    E' giusto quel che dici riguardo al fatto di non sentire solo una campana, cosa che cerco sempre di fare, nel mio piccolo, pur sapendo che esistono una vastità di pensieri contrastanti all'interno dell'ebraismo.

    Per quanto riguarda quel che hai riportato su quel forum ebraico:"[SIZE=3][COLOR="#FF0000"] «i saggi spiegano che il Creatore ha creato il mondo ma aveva "buoni ingredienti"»[/COLOR][/SIZE]"

    Io ho trovato solamente questa parte in Bereshit Rabbah:

    [IMG]https://i.postimg.cc/rmwRYHPZ/be.png[/IMG]
    [IMG]https://i.postimg.cc/MGWnv4qZ/ber.png[/IMG]

    Fonte:

    [URL="https://www.sefaria.org/Bereishit_Rabbah.1.9?lang=bi&with=all&lang2=en"]https://www.sefaria.org/Bereishit_Rabbah.1.9?lang=bi&with=all&lang2=en[/URL]

    Che viene tradotto dal Rav Riccardo Pacifici cosi:

    [IMG]https://i.postimg.cc/Cx4jPbK1/disegni.png[/IMG]

    Fonte:

    [URL="http://www.archivio-torah.it/ebooks/MidrashimBereshitRP.pdf"]http://www.archivio-torah.it/ebooks/MidrashimBereshitRP.pdf[/URL]

    Ora non so se si tratta della stessa parte, ma se per caso sai il paragrafo giusto forse riesco a cercarlo con più facilità, visto che io do molta importanza alle fonti e se posso riportarle nel loro originale è meglio.


    Il link che hai inserito gli darò un occhiata con calma, ti ringrazio [MENTION=1143]emv[/MENTION]

    Per quanto riguarda il plurale d'astrazione penso sia una questione al quanto difficile e dubito che qualcuno riuscirà a venirne a capo. Forse i verbi prima al singolare e poi al plurale furono scritti appositamente per creare dubbi, sia nei fedeli e sia in coloro che non credono. Ma questo non lo sapremmo mai. Quel che è certo è il fatto che sia strano, cosi come è altrettanto strano che questa pluralità di individui sia presente in svariati passi della Bibbia.
    Affermare, a torto, che si tratti solo esclusivamente di un individuo, ovvero del ""Dio"" degli israeliti, mi sembra azzardato e forviante, come ti ho già ripetuto.

    Comunque no, io non sono "Legione", ho avuto sempre questo nick.
    Aggiornato il 18-05-21 alle 16:59 da GILANICO
  18. L'avatar di GILANICO
    Ho dato un occhiata alla discussione che mi hai linkato e senza entrar nel merito, devo ammettere che l'ebreo è ben informato e istruito, anche se la cosa non mi stupisce.
  19. L'avatar di GILANICO
    [QUOTE=emv;bt9363]Forse sarà perchè all'origine c'è una rivelazione fatta ad Adamo: la Trinità. Poi questa informazione passa attraverso gli altri 9 Patriarchi fino a Noè e fin lì resta intatta. Poi i popoli che nascono dai tre figli di Noè cominciano a ricordare meno bene. Più passa il tempo più i figli di Cam e Jafet dimenticano gli insegnamenti dei Patriarchi e li distorcono facendoli diventare i miti e le religioni del mondo che hanno sempre un sostrato comune che tutti gli studiosi hanno sempre evidenziato.
    Gli Ebrei tra i semiti conservano più di tutti la vera tradizione di Adamo ma anche questi si corrompono venendo a contatto con gli altri popoli e mescolandovisi. Sviluppano la Cabala per difendere le informazioni e renderle incomprensibili agli altri popoli ma un po' alla volta recepiscono le influenze pagane panteiste (infatti la Cabala ha lo schema delle emanazioni ma contradditoriamente all'origine afferma la creazione dal nulla) e cadano anch'essi nel peccato d'orgoglio di sentirsi i migliori.
    Queste presenze singolari e plurali che ritornano continuamente nelle parole sono l'effetto di questo.

    La dimostrazione sta nel fatto che l'idea della creazione dal nulla non può essere di origine umana, ma può solo essere rivelata. Infatti nulla si dà nell'intelletto che prima non sia passato dai sensi, tutti fanno esperienza che da cosa nasce cosa uguale, da un cane nasce un cane e da un albero sempre lo stesso albero. Niente nasce dal nulla nell'esperienza quotidiana quindi solo un Dio può averlo rivelato. Stessa cosa per la Trinità, tre persone in un'unico Dio. Noi sappiamo che ad ogni uomo corrisponde un'unica persona. Far diventare Dio gli Alieni è solo un modo che la mente umana trova per accettare di Dio sotto altre spoglie, poichè certe cose che non si riescono a comprendere (problema della libertà e del male), allora chiamando Dio "gli Alieni" si riescono ad accettare. E' sempre l'idea di sdoppiamento della gnosi: un dio buono all'origine (Alieni) e un dio cattivo demiurgo che rovina il mondo (alcuni uomini all'origine di popoli, religioni o istituzioni politiche). Quando non si accetta il mistero di più cose apparentemente in contraddizione in una sola causa origine di tutto allora si sdoppiano le cause punto di origine di queste cose.[/QUOTE]

    Rimangono, le sue, sempre spiegazione al quanto fantasiose e allegoriche. Pertanto, trovo che sia assurdo e infondato parlare di un unico Elohim, a meno che non si voglia a tutti i costi propagandare l'idea monoteistica/monolatrica del falso ""Dio"" ""unico"" e ""trascendente"" degli israeliti.

    [URL="https://www.youtube.com/watch?v=ZMIqqUpQQqo"]https://www.youtube.com/watch?v=ZMIqqUpQQqo[/URL]

    Rispetto ad altri popoli, i quali, erano sudditi di altri El (singolare d'astrazione), gli israeliti sono stati capaci di mantenere viva la loro memoria e storia, soprattutto attraverso l'uso dello verbo e dello scritto: Vuoi perchè gli altri popoli sono stati annientati e vinti, i loro santuari distrutti, i loro Elohim pure, cosi come le loro testimonianze orali e scritte sono andate perdute o forzatamente dimenticate. Questo ha reso loro gli unici in grado di mantenere in auge la propria storia interconnessa con il proprio Elohim Adonai.

    Se da un lato vi è una difficoltà o impossibilità di arrivare ad una verità riguardo la pluralità di questi individui, dall'altra parte bisogna essere pur sempre razionali nell'affermare che di questi esseri ve n'erano più di uno sulla Terra, come del resto ci conferma la stessa Bibbia, che è il racconto storico israelocentrico pervenuto sino ai giorni nostri.

    Per farti un semplice esempio:

    Se l'Elohim degli israeliti era il guerrafondaio Hashem, quello dei Moabiti era Chemosh, rivale e nemico di Yahweh. Quel che è certo è che i Moabiti non veneravano un ""idolo di pietra"", ma un altro Elohim, altrettanto guerrafondaio e dispotico al di fuori di Adonai. Come riporta la stele di Mesha.

    Queste sono prove incontrovertibili della presenza di Elohim altri al di fuori di quello degli israeliti, dove ogni fantasiosa allegoria non trova spazio alcuno.
    Aggiornato il 21-05-21 alle 22:05 da GILANICO
  20. L'avatar di GILANICO
    [QUOTE=emv;bt9369]E difficile farti comprendere certe cose perchè sei molto corazzato... L'unico contributo che mi pare possa darti è che secondo me prendi la Bibbia troppo sul serio mentre questa ha tanti codici espressivi e molto spesso ci sono
    espressioni del tutto colloquiali, ti faccio un esempio se io cattolico dico ad un indiano "Shiva non ti salverà" e poi l'ho mettono per scritto e trovano il testo tra migliaia di anni
    potrebbero pensare che io pur essendo cattolico credessi in Shiva e allora dei commentatori potrebbero dedurre che non ero cattolico ma un impostore, oppure che il cattolicesimo
    prevedeva anche una credenza nel dio Shiva. Oppure che appartenevo ad un setta sincretista ecc... invece c'è una spiegazione molto semplice:
    è una forma retorica dove dico "guarda che Shiva (in cui tu credi ma io no) non ti salverà". Come vedi è il non detto in questo caso che dice tutto. Ma in quanti testi è il non detto a dire tutto?
    Soprattutto nell'antichità dove non esisteva il codice giornalistico o scientifico.

    La Bibbia è piena di espressioni di questo genere. Tieni anche presente che erano testi che molto probabilmente venivano recitati, magari anche accompagnati con musiche. Che poi conta il tono della voce con cui si declama
    un testo. Per questo dico che bisogna usare molto buon senso. Per tanto può benissimo essere che quando gli Ebrei scrivevano di altri Elohim intendessero al plurale ma in senso ironico, dispregiativo.[/QUOTE]

    Potrei dirti la stessa cosa, d'altronde io non sono certo qui per far vacillare la fede nell'Elohim degli israeliti, che è ben corazzata. Che di certo non era un El universale.

    Il problema è che quello che traspare, non è il fatto che tu creda o non creda in Shiva, che può essere marginale e secondario, ma il fatto che tu abbia menzionato Shiva, a prescindere se tu ci creda o no o che ne parli in maniera spregiativa. Spero di essermi spiegato bene.

    Persino nel passo in questione, ovvero in Giudici 11:24 si parla dell'Elohim dei Moabiti in maniera dispregiativa. E' come se ci fosse scritto: " Le terre che vi ha dato il vostro [B][SIZE=3]"diuccio"[/SIZE][/B] ve le tenete, mentre le terre che ci ha dato il nostro [B][SIZE=3]"Dionee"[/SIZE][/B] ce le teniamo noi".

    Vien naturale pensare che quando gli israeliti parlassero del proprio Elohim tendessero a magnificarlo, mentre quando parlavano degli altri la tendenza era quella di denigrarli e schernirli. Ma questo non preclude assolutissimamente il fatto che si stessero riferendo ad altri Elohim al di fuori di Hashem, non certo a degli ""idoli di pietra"".

    La stele di Mesha parla chiaro, ed è l'unica prova tangibile in cui si parla di un altro Elohim, tra l'altro, direttamente da un resoconto storico da parte moabita. E' uno dei pochissimi reperti in cui si può sentire l'altra campana al di fuori di quella israelocentrica della Bibbia.

    Si potrebbe tranquillamente parlare di un racconto monolatrico incentrato sulla figura di YHWH, dove non preclude il fatto che possano esserci altri Elohim, ma che Adonai sia quello "vero", sempre all'interno di una visione israelocentrica che tende a magnificare ed esaltare il proprio Elohim di riferimento.
    Tu ci vedi il ""Dio"" unico perchè ci vuoi vedere il ""Dio"" unico, forse condizionato anche dalla tua fede. Ma questo, nei testi cosiddetti sacri non c'è, visto che è palese che vi siano una pluralità di Elohim menzionati. Penso che non sia corretto, men che meno fedele a ciò che in verità vi si trova scritto, cadere nella mistificazione allegoria, nell'affermare che si trattassero falsamente di giudici umani, di sola denigrazione, anche se, come ho già scritto pocanzi, esso non preclude il fatto che si trattasse sempre di altri Elohim, oppure di idoli di pietra o di un plurale d'astrazione, quando si parla di altri Elohim al di fuori di Hashem.
    Lo trovo sbagliato, di uno intenzionato a tutti i costi a voler portare fuori strada colui che rimane fedele a ciò che in realtà vi si trova scritto, solo perchè fatica ad accettare che non vi era solo YHWH nella schiera degli Elohim.

    Per farti un altro semplice esempio:

    Persino la figura del ""demone"" Satana è stata oggetto di mistificazione teologica, dal momento che se si legge il testo in ebraico, e se si fa finta che quel che vi sia scritto fosse vero, ci si rende conto che in realtà anche lui era un Elohim al pari di YHWH e Chemosh.

    Difatti si trova "EL HASATAN"

    [QUOTE=GILANICO;17263732]Ecco un esempio di mistificazione letterale (deliberatamente scorretta -allegorica e fantasiosa), mascherata da traduzione interlineare - letterale:

    Libro di Iyyobh 1 - 6/7 - Bibbia in ebraico:

    [IMG]https://s15.postimg.cc/go5ickvsb/el_satan.png[/IMG]

    Libro di Iyyobh 1 - 6/7 - Interlineare della San Paolo:

    [IMG]https://s15.postimg.cc/6s4fcgsfv/il_satan.png[/IMG]

    Al posto di "[B]i figli de il Dio[/B]" avrebbe dovuto esserci scritto [IMG]https://s15.postimg.cc/cgaq3pcbf/Catturakij.png[/IMG], al posto di "[B]a il satan[/B]" avrebbe dovuto esserci scritto [IMG]https://s15.postimg.cc/kyk688617/Catturaddffvv.png[/IMG], oppure: "[COLOR="#FF0000"][SIZE=2][SIZE=3]a il Dio satan[/SIZE][/SIZE][/COLOR]".

    Ma visto che per i mistificatori satana non può essere un El al pari di Hashem, hanno preferito eliminare l'El iniziale, dando, di conseguenza, un significato diverso da quello originario.[/QUOTE]
    Aggiornato il 30-05-21 alle 21:35 da GILANICO
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
N. Post: