User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Oristano capitale

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Feb 2008
    Messaggi
    20,160
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Oristano capitale

    Abolite le Province, si rende necessario garantire autonomia ai vari territori e curare il male storico del cagliaricentrismo.
    Il 6 maggio, nelle schede dei referendum, i Sardi hanno barrato 10 volte SI. Hanno ritenuto prioritario ridurre il peso di una classe politica inadeguata alle esigenze, dissipatrice di risorse, nominata dai partiti, funzionale alla gerontocrazia, selezionata più per le buone capacità di arrampicata, che non per meriti e competenze.

    Doverose alcune critiche ai miei compatrioti indipendentisti. A distanza di tre settimane non mi spiego ancora la fredda accoglienza dei referendum da parte di diverse organizzazioni di indipendentisti. A parte Sardigna Natzione, che è apparsa quasi costretta ad indicare nove SI e un NO, non si può riferire che di rifiuti (AMpI), o di atteggianti snob. Ad esempio, il PSD’AZ era d’accordo sul quesito n. 6, quello pro Assemblea Costituente, ma ha scelto di non usare il megafono. Risulta evidente la preoccupazione di non avvantaggiare i Riformatori o di tenere buoni nuovi potenziali alleati. Non hanno tenuto presente, i sardisti, quanto piccina fosse una simile motivazione per i Sardi. Al contrario, gli indipendentisti avrebbero dovuto promuoverli loro per primi, entusiasticamente, i 10 referendum, se è vero che ambiscono destrutturare l’attuale assetto per ristrutturarlo in modo del tutto diverso. L’unico NO di Sardigna Natzione, dettato per cercare di mantenere alto il numero dei consiglieri regionali, può apparire a molti come una speranza di raggiungere una misera poltroncina regionale che nulla, proprio nulla, darebbe alla Sardegna.

    A questo punto mi auguro che tutti gli indipendentisti si sveglino per promuoverne altri dieci di referendum popolari, giacché la strada migliore da intraprendere sarà quella che verrà fuori da rinnovate consultazioni popolari, considerata la penosa condizione attuale dei vari partiti. Partiti che, perso ogni slancio ideale, sono dediti a minuti interessi di bottega e perseguono sirene italiche.
    Almeno l’idea, soffocata per sei secoli, di rieleggere Oristano, meglio Aristanis, come capitale dell’isola, gli indipendentisti potrebbero/dovrebbero adesso rispolverarla, che diamine! I tempi sono più che maturi per questo sano esercizio di sovranità popolare.

    Riassumiamo la situazione. I Sardi, in considerazione della poco trasparente gestione dei soldi pubblici, con denari che si disperdono in società in house o comunque controllate dalle Province, le quali per esistere come apparati succhiano oltre la metà di quanto ricevono, hanno abolito tutte e otto le Province e anche azzerato le indennità dei consiglieri regionali.
    I Sardi non possono più tollerare il parassitismo politico. Le espressioni sassaresi, galluresi, logudoresi: “magna chi setti cani”, “magna come lu colbu”, “cane mandigadore”, l’espressione del Mannu “caddu de istalla” in tempi di vacche magre come questi non sono più da prendere sottogamba. La politica deve assolutamente avvicinarsi alle persone e riprendere atteggiamenti sobri, ma non è affatto una cosa semplice, occorre molto impegno da parte di tutti.

    Come volevasi dimostrare, il 24 maggio scorso, l’attuale classe dirigente regionale ha sterilizzato fino a marzo 2013 l’abolizione referendaria delle otto Province, con la riserva mentale di un probabile prossimo pronunciamento di illegittimità e/o incostituzionalità da parte dei giudici. Sembra che la Costituzione, in un momento di quasi collasso economico come questo, la si voglia utilizzare contro il popolo. Cappellacci, da parte sua, nel firmare i decreti relativi ai referendum (25 maggio 2012), ricorda giustamente che la domanda di cambiamento “… abbraccia l’intero assetto della politica e della pubblica amministrazione”. Egli sostiene anche che va data “centralità ai Comuni”.

    Io qui propongo il primo dei quesiti referendari tra i prossimi dieci che mi aspetterei soprattutto dagli indipendentisti ai quali idealmente mi associo. Si tratta di una terapia d’urto contro il cagliaricentrismo, ossia lo spostamento del capoluogo da Cagliari a Oristano.
    Il quesito da proporre, molto semplice, di carattere consultivo, secondo me è:

    Saresti favorevole a spostare il capoluogo Sardo da Cagliari a Oristano?

    Mi rendo conto che si tratta di una battaglia non facile, ma penso che le necessità urgenti dettate dalla crisi economica in atto possano facilitarla.
    Ecco alcune considerazioni logistiche, geografiche e di buon senso a favore dello spostamento del capoluogo da Cagliari a Oristano/Aristanis, che stendo affinché chi vuole le critichi e le integri:

    1. I galluresi, molti logudoresi e nuoresi si trovano meno distanti dalla penisola, per via aerea, che da Cagliari in auto. Da Olbia, ad esempio, partono 40 voli settimanali per Roma, che dista circa un’ora di volo più i tempi di trasferimento e di attesa in aeroporto. Per recarsi a Cagliari in auto un olbiese impiega mediamente oltre 3 ore. Da Alghero a Cagliari 3 ore e 22 minuti. Un sassarese impiega per Cagliari 3 ore e 7 minuti, per Roma, con volo da Alghero impiega di meno.

    2. Nella Repubblica Italiana, non c’è altro capoluogo di regione periferico come Cagliari. Un motivo ci sarà e a me pare che sia questo: Cagliari è il miglior riferimento per la Sardegna-colonia dall’antichità. Cagliari è sempre stata funzionale ad interessi non coincidenti con quelli dell’intera isola.
    Il vero baricentro storico, morale e spirituale dell’isola è Oristano anche se molti sembrano averlo dimenticato. Occorre solo migliorare la viabilità, ad esempio dall’Ogliastra, ma anche dalla S.S. 131 verso Oristano.

    3. Qualunque partito, o sindacato, o associazione tra Sardi sceglie di incontrarsi a metà strada, a Tramatza, a Paulilatino, a Ghilarza, ad Abbasanta. Come mai il Parlamento dei Sardi si deve riunire in via Roma a Cagliari? Se gli antichi Stamenti si riunivano a Cagliari era perché dopo la disfatta di Sanluri (1409) eravamo sotto il controllo iberico.
    Quali sono i motivi per cui si ritiene normale, dal punto di vista democratico, che il capoluogo sardo sia posto al capo estremo dell’isola?

    4. Riporto un’osservazione di un amico sassarese, neppure troppo ironica: “Il cagliaricentrismo esiste ed è un problema. Si potrebbe mettere in vendita il palazzo del consiglio regionale a privati che in cambio realizzerebbero a Tramatza la nuova sede con tutti gli assessorati. Tutto in prefabbricato e cartongesso cosi si fa in fretta e i soldi che avanzano si usano per la crescita. A Cagliari lasciamo solo l’esecutivo: la Giunta e il presidente con i capi di gabinetto. Abbanoa ed Equitalia le trasferiamo ad ottobre a Perdasdefogu una volta liberate dalle servitù il resto piano piano ……”.

    5. Mi viene il forte sospetto che giochino in qualche misura i denari delle trasferte. Non è che esistono consiglieri galluresi, o sassaresi, o nuoresi, o logudoresi che stando a Cagliari in qualche seconda casa usufruiscono di trasferte perché risiedono fuori sede? Se cosi fosse azzeriamo le trasferte, se cosi non fosse, allora si consideri che oltre quaranta degli attuali 80 consiglieri regionali rappresentano quella Sardegna che non ha ragioni plausibili di volere che a Cagliari sia accentrato tutto il potere. Con qualche incertezza, potrebbero essere i seguenti: AGUS, AMADU, BARDANZELLU, BARRACCIU, BIANCAREDDU, BRUNO, CAMPUS, CAPELLI, CHERCHI, COCCO, CONTU Felice, CORDA, CUCCA, CUCCUREDDU, DEDONI , DIANA Mario, FOIS , GALLUS, GRECO, LAI, LOTTO, LUNESU, MANCA, MANINCHEDDA, MARIANI, MELONI Valerio, MILIA, MULA, MULAS, OBINU, PERU, PIRAS, PITTALIS, PLANETTA, RASSU, SABATINI, SALIS, SANNA Giacomo, SANNA Gian Valerio, SANNA Matteo, SECHI, SOLINAS Antonio, STOCHINO.

    6. Da cittadino estraneo al Palazzo, mi pare di aver capito che un referendum come quello suesposto si giocherebbe tutto nel cosiddetto Medio Campidano e in Ogliastra. Saranno i Sardi di queste due aree geografiche l’ago della bilancia, ossia decideranno loro se un referendum come quello che qui propongo potrà avere esito positivo o negativo. Sarebbero certamente d’accordo i cittadini che abitano l’oristanese, le Giare, la Marmilla, la media valle del Tirso, il Guilcier, il Barigadu, il Montiferru, la Planargia, il Logudoro, il Meilogu, le Baronie, il Monteacuto, il Goceano, la Gallura, la Bassa valle del Coghinas, il nuorese, il Mandrolisai, le Barbagie, il sassarese, l’algherese, la Romangia, la Flumenargia, ma potrebbero non bastare senza ogliastrini, guspinesi, arburesi.

    7. Mario Sensini riporta sul Corsera del 28 maggio, a pag. 10, che “in Italia spendiamo il 18,5% del Pil per mantenere le pubbliche amministrazioni: sei punti in più della Germania, lo Stato regionalista per eccellenza”.
    Noi Sardi se vogliamo davvero metterci in un ottica di indipendenza dobbiamo diventare più bravi dei tedeschi e spendere meglio i nostri soldi. Per riuscirci dobbiamo rifondare tutto. Per adesso la nostra classe politica regionale italiota e spendacciona sembra arroccarsi e far leva su una Costituzione largamente superata, alquanto illiberale, che può diventare strumento per continuare a mantenere la Sardegna e i Sardi nello status quo della rinuncia e della rassegnazione.

    La proposta: Dal referendum a Oristano capitale

    Dannato Barone Rosso.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    100% sardu
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sardìnnia
    Messaggi
    28,942
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Oristano capitale

    Solo se la varietà linguistica di Oristano city diventi la lingua ufficiale dei sardi!

 

 

Discussioni Simili

  1. Gm: il capitale fallisce? Viva il capitale!
    Di Comunardo nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-06-09, 19:51
  2. NAC a Oristano
    Di Forzanovista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-01-07, 12:27
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-10-05, 17:41
  4. Roma capitale...anzi no, Milano capitale...
    Di Autari nel forum Padania!
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 24-09-03, 01:24
  5. Uscio Capitale Del Divertimento Santa Capitale Della Morte Civile
    Di CONTROTUTTI nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-07-03, 09:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225