User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Congresso PRC

  1. #1
    Quin igitur expergiscimini?
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Publicam miserorum causam pro mea consuetudine suscepi"
    Messaggi
    2,082
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Congresso PRC

    A nutrire qualche dubbio sulla necessità di andare con i no-global ormai sono rimasti soltanto i trozkisti all' interno della struttura di Rifondazione Comunista che comincia il suo congresso a Rimini.
    La minoranza di Ferrando (13% nei congressi di sezione) è l'unica ad aver contestato, in nome peraltro della vecchia tesi del "primato del partito della classe operaia", le prove di fusione tra comunisti rifondazionisti e "movimento dei movimenti". Per tutte le altre sensibilità di Rifondazione (61%, Bertinotti praticamente già rieletto segretario), l' abbraccio con i no-global di Casarini, Caruso e Agnoletto è inevitabile.
    Quanto alle alleanze con l' Ulivo per le amministrative, ormai sembrano cosa fatta. Bertinotti spiega: "C'è la possibilità di convergenze delle opposizioni contro Berlusconi".
    Ma noi sappiamo che il comunismo italiano non sta tutto in Rifondazione. Per fortuna.
    Saluti comunisti e nazionalitari

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Marxista-Leninista
    Data Registrazione
    12 Mar 2002
    Località
    Feltre
    Messaggi
    271
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Congresso PRC

    Dimentichi la componente che fa capo a Grassi, Sorini e F.Grimaldi, area che si raccoglie intorno alla rivista "l'ernesto".
    Questa corrente ha presentato numerosi emendamenti alle tesi bertinottiane e soprattutto si caratterizza per la non accettazione del revisionismo liquidazionista del Fausto. La corrente di Grassi è la sola che ha il coraggio di difendere la concezione leninista del partito (almeno a parole), la teoria dell'imperialismo e soprattutto la gloriosa esperienza storica del socialismo realizzato.

    Ecco l'intero emendamento presentato da questi compagni in sostituzione delle tesi trozkiste del Fausto.

    TESI 51 (sostitutiva delle tesi 51 e 52) La definizione dell'identità comunista non può prescindere dalla riflessione sull'esperienza storica del movimento operaio nel corso degli ultimi centocinquant'anni. Le tesi congressuali di un partito non sono la sede più appropriata per un pur sommario bilancio di questa esperienza, tanto più che siamo ancora troppo prossimi alla fine dell'Urss e degli altri paesi dell'est europeo e che "non conosciamo ancora quale sarà l'effetto di lunga durata di quei regimi" (Hobs-bawm). Tuttavia, benché su tali questioni la storiografia sia ancora lontana da ri-sultati definitivi, è indispensabile individuare i principali criteri ai quali la nostra riflessione storica dovrebbe ispirarsi. Non si tratta di ripudiare quella che è comunque la nostra storia, gloriosa o tragica che la si consideri. Vanno evitate semplificazioni apologetiche o liquidatorie che, sempre improprie, sarebbero grottesche in relazione a una vicenda che segna tutta un'epoca della storia del mondo e nella quale ha vissuto - e in parte vive tuttora - l'anelito alla libertà di miliardi di esseri umani. Non ci appartiene la tesi di chi traccia quadri apocalittici nei quali il Novecento vede il trionfo di una furia distruttiva in cui il nazismo e il comunismo si confondono approdando a una comune barbarie. Occorre guardare in faccia, senza reticenze, anche i momenti più bui della nostra esperienza: l'assenza di democrazia diffusa, le esasperazioni dirigistiche, le deformazioni burocratiche denunciate già da Lenin, gli stessi crimini che hanno macchiato la storia del "socialismo reale". A chi ci incalza evocando le violenze commesse nel nome del comunismo, non rispondiamo ri-ducendone la portata né semplicemente additando le immani devastazioni e gli stermini prodotti dal capitalismo. Siamo consapevoli anche del peso del nostro passato e accettiamo di assumercene la responsabilità, cercando di imparare anche dai nostri errori. Nello stesso tempo, ribadiamo che l'azione del movimento operaio e le rivoluzioni vittoriose nel nome del comunismo hanno liberato dal servaggio enormi masse di popolo, hanno impresso una formidabile accelerazione ai processi di liberazione del terzo mondo dal colonialismo, hanno fornito un decisivo sostegno alle lotte operaie e antifasciste nell'occidente capitalistico costringendo le classi dominanti a compromessi significativi con il movimento operaio. Per sconfinate masse di proletari la nascita dell'Urss ha significato la fine dell'asservimento e, per la prima volta, l'accesso a condizioni di vita progredite e ad elevati livelli di istruzione e protezione sociale. È bene altresì rammentare che difficilmente la seconda guerra mondiale avrebbe visto la sconfitta dell'Asse senza il sacrificio di venti milioni tra civili e militari dell'Armata rossa. L'Ottobre bolscevico ha rappresentato una rottura epocale che ha mostrato al mondo la ma-turità della classe operaia quale soggetto in grado di affermare la propria autonomia storico-politica. Ma contrapporre la rivoluzione alla vicenda politica che ne è seguita - scorgere nelle società sorte dall'Ottobre soltanto un tradimento della rivoluzione - sarebbe un'operazione altrettanto astratta e ingenua quanto ri-tornare a Marx accantonando la ricerca teorica e il dibattito politico sviluppatisi sulla base delle sue indicazioni. Marx ha elaborato le categorie fondamentali dell'analisi critica del capitalismo e ha gettato le basi di una teoria rivoluzionaria che ha messo il proletariato in condizione di affermarsi quale autonomo soggetto politico. Ma proprio Marx ha sempre insistito sulla necessità di sottoporre la teoria a continui aggiornamenti. Con l'analisi leniniana del colonialismo e dell'imperialismo la teoria rivoluzionaria si è liberata da ogni angustia eurocentrica, collocandosi all'altezza della dimensione mondiale del dominio capitalistico. La riflessione di Gramsci, nella quale l'eredità teorica di Lenin è assunta e originalmente ripensata, rappresenta un ulteriore arricchimento, sia per quanto concerne la concezione del partito comunista come "intellettuale collettivo", protagonista del processo rivoluzionario e della costruzione dello Stato operaio, sia in relazione al tema della rivoluzione in Occidente, concepita - sullo sfondo di una idea della politica quale ambito non separato dal terreno sociale - come processo di radicamento della classe nella società e come progressivo consolidamento della sua capacità di di-re-zione egemonica. Non si tratta di allestire un corpo di dogmi, ma di valorizzare strumenti teorici per procedere oltre, concentrando l'attenzione su problematiche cruciali non ancora adeguatamente indagate dalla cultura marxista. Appaiono centrali al riguardo le questioni poste dai movimenti femministi e ambientalisti. Da un lato è necessario ripensare a fondo la struttura dei processi di riproduzione e i temi della soggettività, dell'esperienza affettiva e della mercificazione del-le relazioni umane. Dall'altro si impone la necessità di assumere il concetto di "sviluppo sostenibile", evitando di assolutizzare i valori dello sviluppo economico e della crescita produttiva. In una parola, non si può guardare all'esperienza del movimento comunista come a un cumulo di macerie. La storia dell'umanità si troverebbe oggi a uno stadio ben più arretrato se le rivoluzioni socialiste non avessero segnato vaste aree del mondo. Un grande contributo alla lotta per l'emancipazione del proletariato hanno fornito anche intere generazioni di comunisti del nostro paese. La fine, per molti versi sconcertante, del Partito comunista italiano ci impone di cercare le radici della mutazione che ne ha decretato nel corso degli ultimi decenni il declino e infine la dissoluzione. Le cause di questa mutazione - che rendono improponibile ogni continuismo - debbono essere valutate in tutta la loro portata, per trarne severe lezioni. Ma esse non cancellano i meriti storici del Pci, come non impediscono di riconoscere il contributo dato da migliaia di militanti comunisti e socialisti, anche fuori delle sue file (ad esempio nei movimenti del '68-69 e nella nuova sinistra), alla lotta antifascista, per la democrazia e contro lo sfruttamento capitalistico. Queste compagne e questi compagni hanno scritto alcune tra le pagine più intense della guerra di Spagna e della Resistenza e hanno dato corpo alla lotta di liberazione dal nazi-fascismo. Alla capacità di direzione politica di Togliatti e del gruppo dirigente del Pci negli anni della Resistenza e della prima fase repubblicana - come pure alle intuizioni di Eugenio Curiel in tema di "democrazia progressiva" e all'impegno di grandi dirigenti socialisti tra i quali Lelio Basso e Rodolfo Morandi - gli italiani debbono una carta costituzionale avanzata. In essa il quadro delle libertà democratiche diviene strumento di trasformazione della società esistente e presidio possibile delle conquiste sociali e politiche di massa; leva per l'eguaglianza effettiva tra tutti i cittadini e per la loro partecipazione al governo della società e dell'economia. Non si comprenderebbe l'ulteriore storia italiana ove si prescindesse da queste premesse, in virtù delle quali l'Italia è divenuta un laboratorio del conflitto di classe per molti versi unico in Europa.

    PESCE, GRASSI, PEGOLO, BRACCI TORSI, CAPPELLONI, SACCHI, CASATI BRUNO, CURZI, FAVARO, GHIGLIONE, GUAGLIARDI, MANGIANTI, SORINI, VALENTINI, ABBA', BANDINELLI, BELISARIO, BURGIO, CANCIANI, CANONICO, CAPACCI, CIMASCHI, COLOMBINI, CORRENTE, CRISTIANO, DE PAOLI, GAMBUTI, GIANNINI, GIAVAZZI, KIWAN, LEONI, LICHERI, LUCINI, MACRI', MARCHIONI, MASELLA, MORO, MULAS, NOVARI, OKROGLIC, ORTU, PACE, PATELLI, PETRUCCI, PINTUS, PUCCI ALDO, RICCIONI, SCONCIAFORNI, SIMINI, SOBRINO, STERI, TEDDE, TORRESAN, VALLEISE, VERZEGNASSI.

  3. #3
    Quin igitur expergiscimini?
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Publicam miserorum causam pro mea consuetudine suscepi"
    Messaggi
    2,082
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Al di là dell' Ernesto, in parole povere questo Congresso di PRC sancirà che l' accordo tra Ulivo e Rifondazione per le amministrative di primavera segna l' avvio di un cammino comune che servirà a ricostituire per il 2006 il cartello elettorale che portò Prodi alla vittoria nel 1996. Sai che goduria.
    Bertinotti non fa che sottolineare la "centralità del movimento" no-global. E se l'accordo, come pare, è già chiuso e la proprietà transitiva continua a valere, significa che il centrosinistra coprirà lo spazio politico compreso tra Ciriaco De Mita (per la fedeltà di Clemente Mastella nessuno è disposto a mettere la mano sul fuoco) e Luca Casarini. Un bellissimo arcobaleno.

  4. #4
    2 agosto 1554
    Data Registrazione
    10 May 2009
    Località
    Scannagallo
    Messaggi
    204
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Paradossi

    Si avvia dunque alla conclusione il Congresso Prc. Nel preambolo del nuovo statuto approvato ieri notte compare il nome di Marx, ma non sono citati nè Lenin, nè Gramsci- come invece chiedevano quelli della rivista "Ernesto". E' esplicito invece l' abbraccio al "movimento dei movimenti".
    Il parto non è stato indolore e vede profilarsi, in opposizione al 60% della maggioranza che fa capo a Bertinotti, un' alleanza quanto meno paradossale: quella tra la minoranza "trostkijsta" di Marco Ferrando e la corrente "sovietica" di Claudio Grassi, che insieme raggiungono il 40%. Cosicchè i nomi di Stalin e di Trostkij si ricongiungono negli eredi italiani. Bisogna vedere in che modo riusciranno a convivere non tanto tra loro, quanto piuttosto con la maggioranza movimentista. Agli esponenti dell' "Ernesto" che avevano attaccato i no-global Ramon Mantovani- vicino a Bertinotti e regista di quel capolavoro che fu la venuta di Ocalan a Roma- ha già risposto che "chi li attacca fa una critica assurda".
    L' altro paradosso è quello della solenne condanna dell' "autoritarismo" e della contemporanea riduzione drastica-voluta da Bertinotti- di tutti gli organismi dirigenti, che diventano più "agili e snelli", ossia più facilmente controllabili.
    Il Comitato Politico passa da 340 a 135, la Direzione da 60 a 39 e la Segreteria da 10 a 5 compagni.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 215
    Ultimo Messaggio: 28-11-08, 12:07
  2. Congresso vero, congresso subito
    Di Metapapero nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 27-11-08, 21:16
  3. Pegolo: sul congresso e sul dopo-congresso
    Di markos nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 10-07-08, 17:12
  4. Congresso Regionale Marche (congresso Provinciale)
    Di A.Gi.Re. nel forum Repubblicani
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-07-07, 17:40
  5. Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 29-10-04, 20:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226