Giorgio Cremaschi

L'azienda metalmeccanica Omac, di 213 dipendenti, ha deciso che è giunto il momento di fare il bis. Ha costituito dunque una società gemella, la Omac Bis di otto dipendenti. Poi ha cominciato a sospendere le proprie attività e a rinunciare alle commesse, che costituiscono gran parte del suo fatturato. Stranamente tutte le commesse che la Omac perde finiscono alla sua gemella. Questa dopo un po' comincia ad assumere e naturalmente, grazie all'848 bis, può farlo senza dover rispettare l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. In breve la Omac Bis raggiunge i 150 dipendenti, tutti senza la tutela contro i licenziamenti, mentre la società originaria si riduce, tra ristrutturazioni e licenziamenti a un'azienda di 40 dipendenti che si prepara a chiudere.
Il calzaturificio Excelsior ha deciso di far "emergere" dal lavoro nero quella parte rilevante della sua produzione che oggi avviene nel sommerso. Ha pensato che è il momento, anche perché ha ricevuto anch'esso delle commesse importanti e non vuole incorrere in rischi legali o di altro tipo. Per cui fonda la Excelsior Bis che diventa l'azienda di emersione delle sue attività. Questa azienda prima dichiara 10 dipendenti, che assume al 30 per cento in meno dei minimi tabellari previsti dai contratti, e poi man mano assorbe tutti gli altri lavoratori in nero della società, arrivando fino a 90 dipendenti. Tutti senza la tutela dell'articolo 18 e con salari largamente inferiori a quelli definiti dai contratti.

La grande multinazionale dell'informatica It ha deciso che bisogna razionalizzare tutta la sua struttura dei servizi. Decide quindi di appaltare tutte queste attività alla nuova It Bis. Utilizzando anche le nuove deleghe varate dal governo sugli appalti, che tolgono qualsiasi limite alla possibilità di spezzettare e decentrare le attività, la It Bis diventa a sua volta una società che decentra e appalta lavori di tutti i tipi. In breve la vecchia It resta una società che nei fatti impiega solo i manager principali, e il loro apparato burocratico e di servizio. Tutto il resto viene decentrato alle varie It bis, tris, quater. Insomma migliaia di dipendenti lavorano per una grande multinazionale ed essendo tutti nuovi assunti di società che inizialmente sono partite con un numero di dipendenti inferiori a 15 non usufruiscono della tutela contro i licenziamenti.

La catena di supermercati Pic sta aprendo in tutta Italia delle nuove sedi che inizialmente partono con sette dipendenti e poi crescono fino a 150, tutti naturalmente e ancora una volta senza la difesa contro i licenziamenti ingiusti.

Nomi ed esempi sono inventati, ma purtroppo la realtà potrà essere molto peggio se passa la 848 bis e tutte le altre misure truffaldine che il governo ha proposto con il suo sciagurato patto per il lavoro. In breve tutte le leggi e i contratti attuali potranno essere aggirati sulla base di quei progetti di legge e di quelle misure che il governo ha presentato alle parti sociali. A Cisl e Uil che vogliono sottoscrivere l'accordo possiamo solo dire fermatevi prima di dovervene vergognare per sempre.

Liberazione 25 giugno 2002
http://www.liberazione.it