Negoziante uccisa, fermato il killer

Vestone (Brescia), l'uomo è un quarantenne di origine siciliana, residente nella zona. Dubbi sul movente della rapina: non è stato rubato nulla, l'assassino ha infierito inoltre con ben 8 coltellate sulla vittima.


VESTONE (BRESCIA) - E' stato fermato nella notte il presunto assassino di Renata Zanetti, 42 anni, la donna uccisa ieri a coltellate nel suo negozio di abbigliamento a Vestone (Brescia).

E sul movente del delitto si annidano ora anche molti dubbi degli inquirenti. Non convince appieno l'ipotesi della rapina: dal negozio non è stato portato via nulla, per uno strano furto tentato di mattina (quando la cassa è generalmente ancora vuota) e che ha visto il killer infierire sulla vittima con ben otto coltellate.

L'uomo finito in manette è un quarantenne di origine siciliana e residente in Valle Sabbia (Brescia). Non sarebbe un conoscente della vittima. A lui i carabinieri sono arrivati grazie ad alcuni testimoni che lo hanno visto fuggire dal negozio e alle perquisizioni eseguite nel pomeriggio.

(10 OTTOBRE 2002, ORE 7:10)