User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Disobbedisco!!

  1. #1
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Disobbedisco!!

    Nel 1965 scoppia un piccolo casino. Don Lorenzo Milani,in risposta ad una condanna dell’obiezione di coscienza,incorre in un procedimento giudiziario a suo danno per apologia di reato e balle varie.
    Non ho potuto fare a meno di riscontrare inquietanti analogie fra quei cappellani militari e la tronfia retorica italiota che gira per i forum di POL.
    Mi permetto di trascrivere stralci della vicenda copiati da: “Documenti del processo di Don Milani. L’ OBBEDIENZA NON E’ PIU’ UNA VIRTU’”. Libreria editrice fiorentina,consigliandone caldamente l’acquisto.
    Non si pretende certo di tacciare Don Milani di Padanismo ante litteram; dubito che,se fosse ancora in vita,si metterebbe con disinvoltura dalla parte dei padani.
    Sta di fatto,però,che questi scritti dovrebbero rappresentare l’esempio di come una persona onesta con se stessa e con gli altri si dovrebbe porre di fronte a certi temi.







    “I Cappellani militari in congedo della Regione Toscana… BLA BLA BLA BLA… considerano un insulto alla Patria e ai suoi caduti la cosiddetta “obiezione di coscienza”che,estranea al comandamento cristiano dell’amore,è espressione di viltà”.

    Da “LA NAZIONE” del 12 febbraio 1965.



    RISPOSTA DI DON LORENZO MILANI AI CAPPELLANI MILITARI TOSCANI CHE HANNO SOTTOSCRITTO IL COMUNICATO DELL’ 11-02-1965.

    […] Non discuterò qui l’idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste divisioni. Se voi però avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che nel vostro senso io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati ed oppressi da un lato,privilegiati ed oppressori dall’altro. Gli uni son la mia Patria,gli altri i miei stranieri. E se voi avete il diritto,senza essere chiamati dalla curia,di insegnare che italiani e stranieri possono lecitamente anzi eroicamente squartarsi a vicenda,allora io reclamo il diritto di dire che anche i poveri possono e debbono combattere i ricchi. E almeno nella scelta dei mezzi sono migliore di voi: Le armi che voi approvate sono orribili macchine per uccidere,mutilare,distruggere,far orfani e vedove. Le uniche armi che approvo io sono nobili e incruente: lo sciopero e il voto.

    […] Certo ammettere che la parola Patria è stata usata male molte volte. Spesso essa non è che una scusa per credersi dispensati dal pensare,dallo studiare la Storia,dallo scegliere,quando occorra,tra Patria e valori ben più alti di lei.

    […] Se vedremo che la storia del nostro esercito è tutta intessuta di offese alle Patrie degli altri dovrete chiarirci se in questi casi i soldati dovevano obbedire o obiettare quel che dettava la loro coscienza. E poi dovrete spiegarci chi difese più la Patria e l’onore della Patria: quelli che obiettarono o quelli che obbedendo resero odiosa la nostra Patria a tutto il mondo civile? Basta coi discorsi altisonanti e generici. Scendete nel pratico. Diteci esattamente cosa avete insegnato ai soldati. L’obbedienza a ogni costo? E se l’ordine era il bombardamento dei civili,un’azione di rappresaglia su un villaggio inerme,l’esecuzione sommaria dei partigiani,l’uso delle armi atomiche,batteriologiche,chimiche,la tortura,l’esecuzione d’ostaggi,i processi sommari per semplici sospetti,le decimazioni (scegliere a sorte qualche soldato della Patria e fucilarlo per incutere terrore negli altri soldati della Patria),una guerra di evidenti aggressioni,l’ordine di un ufficiale ribelle al popolo sovrano,le repressioni di manifestazioni popolari? Eppure queste cose sono il pane quotidiano di ogni guerra. Quando ve ne sono capitate davanti agli occhi o avete mentito o avete taciuto.

    […] E allora (esperienza della storia alla mano) urgeva più che educaste i nostri soldati all’obiezione che all’obbedienza. L’obiezione in questi 100 anni di storia l’han conosciuta poco. L’obbedienza,per disgrazia loro e del mondo,l’han conosciuta anche troppo.
    Scorriamo insieme la storia. Volta volta ci direte da che parte era la Patria,da che parte bisognava sparare,quando occorreva obbedire e quando occorreva obiettare.
    1860. Un esercito di Napoletani,imbottiti dell’idea di Patria,tentò di buttare a mare un pugno di briganti che assaliva la sua Patria. Fra quei briganti c’erano diversi ufficiali napoletani disertori della loro Patria. Per l’appunto furono i briganti a vincere. Ora ognuno di loro ha in qualche piazza d’Italia un monumento come eroe della Patria.
    […] La guerra seguente 1866 fu un’altra aggressione. Anzi c’era stato un’accordo con il popolo più attaccabrighe e guerrafondaio del mondo per aggredire l’Austria insieme. Furono aggressioni certo le guerre (1867-1870) contro i Romani i quali non amavano molto la loro secolare Patria,tant’è vero che non la difesero. Ma non amavano molto neanche la loro nuova Patria che li stava aggredendo,tant’è vero che non insorsero per facilitarle la vittoria. Il Gregorovius spiega nel suo diario: “L’insurrezione annunciata per oggi,è stata rinviata a causa della pioggia”.
    Nel 1898 il Re “buono” onorò della Gran Croce Militare il Generale Bava Beccaris per i suoi meriti in una guerra che è bene ricordare. L’avversario era una folla di mendicanti che aspettavano la minestra davanti a un convento di Milano. Il Generale li prese a colpi di cannone e di mortaio solo perché i ricchi (allora come oggi) esigevano il privilegio di non pagare le tasse. Volevano sostituire la tassa sulla polenta con qualcosa di peggio per i poveri e di meglio per loro. Ebbero quel che volevano. I morti furono 80,i feriti innumerevoli. Fra i soldati non ci fù ne un ferito ne un obiettore. Finito il servizio militare tornarono a casa a mangiare polenta. Poca perché era rincarata.
    Eppure gli ufficiali seguitarono a farli gridare “Savoia” anche quando li portarono a aggredire due volte (1896 e 1935) un popolo pacifico e lontano che certo non minacciava i confini della nostra Patria

    […] Poi siamo al ’14. L’italia aggradì l’austria con cui questa volta era alleata.
    Battisti era un patriota o un disertore? E’ un piccolo particolare che va chiarito se volete parlare di Patria. Avete detto ai vostri ragazzi che quella guerra si poteva evitare? Che Giolitti aveva la certezza di poter ottenere gratis quello che poi fu ottenuto con 600.000 morti? Che la stragrande maggioranza della Camera era con lui (450 su 508)? Era dunque la Patria che chiamava alle armi? E se anche chiamava, non chiamava forse a una “inutile strage”? (L’espressione non è d’un vile obiettore di coscienza ma d’un Papa).
    Era nel ’22 che bisognava difendere la Patria aggredita. Ma l’esercito non la difese. Stette a aspettare gli ordini che non vennero. Se i suoi preti l’avessero educato a guidarsi con la coscienza invece che con l’obbedienza “cieca,pronta,assoluta” quanti mali sarebbero stati evitati alla Patria e la mondo (50.000.000 di morti). Così la Patria andò in mano ad un pugno di criminali che violò ogni legge umana e divina e,riempiendosi la bocca della parola Patria,condusse la Patria allo sfacelo.

    […] Nel ’36 cinquantamila soldati italiani si trovarono imbarcati verso una nuova infame aggressione. Avevano avuto la cartolina di precetto per andar “volontari” a aggredire l’infelice popolo spagnolo. […] Se in quei tristi giorni non ci fossero stati degli italiani anche dall’altra parte,non potremmo alzar gli occhi davanti a uno spagnolo. Per l’appunto questi erano italiani ribelli e esuli della loro Patria. Gente che aveva obiettato.

    […] Poi dal ’39 in là fu una frana: i soldati italiani aggredirono una dopo l’altra altre sei Patrieche non avevano certo attentato alla loro (Albania,Francia,Grecia,Egitto,Jugoslavia,Russia). Era la guerra che aveva per l’italia due fronti. L’uno contro il sistema democratico. L’altro contro il sistema socialista. Erano e sono per ora i due sistemi politici più nobili che l’umanità si sia data. […] Non vi affannate a rispondere accusando l’uno o l’altro sistema dei loro vistosi difetti e errori. Sappiamo che son cose umane. Dite piuttosto cosa c’era al di qua dael fronte. Senza dubbio il peggior sistema politico che oppressori senza scrupoli abbiano mai potuto escogitare. Negazione d’ogni valore morale,di ogni libertà se non per i ricchi e per i malvagi. Negazione d’ogni giustizia e d’ogni religione. Propaganda dell’odio e sterminio d’innocenti. Fra gli altri lo sterminio degli ebrei (la Patria del Signore dispersa nel mondo e sofferente).
    Che c’entrava la Patria con tutto questo? E che significato possono più avere le Patrie in guerra da che l’ultima guerra è stata un confronto di ideologie e non di Patrie?






    Ovviamente arriva la denuncia ai danni di Don Lorenzo Milani da parte di un gruppo di ex combattenti.
    Vi riparmio le menate di tale denuncia.
    Per motivi di salute Don Milani non può presenziare al processo seguente tale denuncia.
    Non manca però di farsi sentire con la


    LETTERA AI GIUDICI.

    […] Alcuni mi accusano di aver mancato di rispetto ai caduti. Non è vero. Ho rispetto per quelle infelici vittime. Proprio per questo mi parrebbe di offenderle se lodassi chi le ha mandate a morire e poi si è messo in salvo. Per esempio quel Re che scappò a Brindisi con Badoglio e molti Generali e nella fretta si dimenticò perfino di lasciar gli ordini.[…] Bisognerà anche ricordare le guerre per allargare i confini oltre il territorio nazionale. Ci sono ancora dei fascisti che mi scrivono lettere patetiche per dirmi che prima di pronunciare in nome santo di Battisti devo sciacquarmi la bocca.
    E’ perché i nostri maestri ce l’avevano presentato come un eroe fascista. Si erano dimenticati di dirci che era un socialista. Che se fosse stato vivo il 4 Novembre quando gli italiani entrarono nel Sud Tirolo avrebbe obiettato. Non avrebbe mosso un passo di là da Salorno per lo stessissimo motivo per cui 4 anni prima aveva obiettato alla presenza degli austriaci di qua da Salorno e s’era buttato disertore come dico appunto nella mia lettera.
    “Riterremo stoltezza vantar diritti su Merano e Bolzano” (Scritti politici di Cesare Battisti, vol. II p. 96-97).
    “Certi italiani confondono troppo facilmente il Tirolo col Trentino e con poca logica vogliono i confini d’Italia estesi fino al Brennero” (ivi).
    Sotto il fascismo la mistificazione fu scientificamente organizzata. E non solo sui libri,ma perfino sul paesaggio. L’Alto Adige,dove nessun soldato italiano era morto,ebbe tre cimiteri di guerra finti (Colle Isarco,Passo Resia,S. Candido) con caduti veri disseppelliti a Caporetto.

    […] nella Prima guerra mondiale i morti furono 5% civili 95% militari (si poteva ancora sostenere che i civili erano morti incidentalmente).
    Nella seconda 48% civili 52% militari (non si poteva più sostenere che i civili fossero morti incidentalmente).
    In quella di Corea 48% civili 16% militari (si può ormai sostenre che i militari muoiono incidentalmente). [Nota mia: Non mi tornano i conti: 64% ?]
    Sappiamo tutti che i generali studiano la strategia d’oggi con l’unità di misura del megadeath (un milione di morti) cioè che le armi attuali mirano direttamente ai civili e che si salveranno forse solo i militari.
    Che io sappia nessun teologo ammette che un soldato possa mirare direttamente (si può dire ormai esclusivamente) ai civili. Dunque in casi del genere il cristiano deve obiettare anche a costo della vita. Io aggiungerei che mi pare coerente dire che a una guerra simile il crisitano non potrà partecipare nemmeno come cuciniere.
    Gandhi l’aveva già capito quando ancora non si parlava di armi atomiche.
    “Io non faccio alcuna distinzione tra coloro che portano le armi di distruzione e coloro che prestano servizio di Croce Rossa. Entrambi partecipano alla guerra e ne promuovono la causa. Entrambi sono colpevoli del crimine della guerra”. (Non-violence in peace and war. Ahmedabad 14 vol. 1).
    A questo punto mi domando se non sia accademia seguitare a discutere di guerra con termini che servivano già male per la seconda guerra mondiale.

    […] Spero di tutto cuore che mi assoloverete,non mi diverte l’idea di andare a fare l’eroe in prigione,ma non posso fare a meno di dichiararvi esplicitamente che seguiterò a insegnare ai miei ragazzi quel che ho insegnato fino a ora. Cioè che se un ufficiale darà loro ordini da paranoico hanno solo il dovere di legarlo ben stretto e portarlo in una casa di cura. Spero che in tutto il mondo i miei colleghi preti e maestri d’ogni religione e d’ogni scuola insegneranno come me.
    Poi forse qualche generale troverà ugualmente il meschino che obbedisce e così non riusciremo a salvare l’umanità. Non è un motivo per non fare fino in fondo il nostro dovere di maestri. Se non potremo salvare l’umanità ci salveremo almeno l’anima.


    SENTENZA.

    […] il Milani,pertanto,va assolto dal delitto ascrittogli trattandosi di persona non punibile perché ilo fatto non costituisce reato.





    Interessante notare il fatto che,di fronte ad un esposizione di fatti storici tanto semplice e allo stesso precisa e inoppugnabile,i giudici controbattano con le stesse motivazioni oggi tanto care agli eredi telematici dei sopracitati cappellani militari:

    […] si rilevano i gravi limiti di informazione e soprattutto di attitudine all’analisi storica dell’imputato. Forse il patrimonio culturale del Milani è quantitativamente non scarso,ma certo è assai ridotta la sua capacità d’introspezione degli avvenimenti storici […] ciò si afferma soprattutto in riferimento alle guerre risorgimentali e alla prima guerra mondiale,liquidate con poche proposizioni,nelle quali è difficile dire se sia maggiore l’improvvisazione retorica (LUI !!!! ),la confusione di idee o la passionalità del giudizio.




    Se vedòm!
    Se vedòm!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Disobbedisco!!

    Originally posted by Gatto rognoso
    ...Non si pretende certo di tacciare Don Milani di Padanismo ante litteram; dubito che,se fosse ancora in vita,si metterebbe con disinvoltura dalla parte dei padani.
    fai bene a dubitarlo ... oggi da buon prete di sinistra sarebbe col tricolore in una mano e un piccolo islamico all' altra ..

    allora infatti la sinistra la pensava diversamente e cianciava di federalismo e antistatalismo visto che a Roma lo stato lo comandavano sempre gli altri ..

    i e ' sinistri' non hanno mai paura di perdere la faccia ...non abbiano daltronde visto il premio nobel di ' johan padan alla decuverta de la merica ' negare l' esistenza della padania ? ..

    e oggi non parla piu' nemmeno il suo ' gramelot' per la paura che qualcuno lo possa prendere per padanista ...

    che buffoni ... nobel o santi che siano ...

  3. #3
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se lo son contesi in tanti ed in tanti lo hanno affibiato ai propri antagonisti; a seconda di come tirava il vento.. Sventolavano "Lettera a una professoressa" come se tenessero in mano il libretto rosso di Mao..



    [...] E' la lettera "a un giovane comunista" che egli chiama affettuosamente Pipetta. In quelle poche righe c'è tutto il paradigma delle scelte e delle fedeltà,dei rifiuti e della coerenza del prete più "scomodo" d'italia: Credito alle ragioni storiche e sociali del comunismo,ma nessuna convivenza con l'ideologia marxista; solidarietà contro l'ingiustizia. Milani è con Pipetta solo perchè i "ricchi" hanno vinto; se fossero stati i comunisti a vincere non sarebbe stato coi ricchi ma nemmeno con chi rifiuta il soprannaturale del cristianesimo,il dogma e i sacramenti.

    "E' un caso,sai,che tu mi trovi a lottare con te contro i signori. San Paolo non faceva così. E quel caso è stato quel 18 Aprile che ha sconfitto insieme ai tuoi torti anche le tue ragioni (...). Mi piego,Pipetta,a soffrire con te delle ingiustizie. Ma,credi,mi piego con ripugnanza.Lascia che te lo dica a te solo. Che me ne sarebbe importato a me della tua miseria? Se vincevi te,credimi Pipetta,io non sarei più stato dalla tua. Ti manca il pane? Che vuoi che me ne importasse a me,quando avevo la coscienza pulita di non averne più di te,che vuoi che me ne importasse a me che vorrei parlarti solo di quell'altro Pane che tu,dal giorno che tornasti da prigioniero e venisti colla tua mamma a prenderlo non m'hai più chiesto. Pipetta,tutto passa. Per chi muore piegato sull'uscio dei ricchi,di là c'è il Pane di Dio. E' solo questo che il mio Signore m'aveva detto di dirti. [...] E' la storia che mi s'è buttata contro,è il 18 Aprile che ha guastato tutto,è stato il vincere,la mia grande sconfitta. Ora che il ricco t'ha vinto col mio aiuto,mi tocca dirti che hai ragione,mi tocca scendere accanto a te e combattere il ricco. [...] Pipetta,fratello,quando per ogni tua miseria io patirò due miserie,quando per ogni tua sconfitta io patirò due sconfitte,Pipetta quel giorno,lascia che te lo dica subito,io non ti dirò più,come ora: "Hai ragione". Quel giorno finalmente potrò riaprire la bocca all'unico grido di vittoria degno di un sacerdote di Cristo: "Pipetta,hai torto. Beati i poveri perchè il Regno dei Cieli è loro". Ma il giorno che avremo sfondata insieme la cancellata di qualche parco,installata insieme la casa dei poveri nella reggia del ricco,ricordatene Pipetta,non ti fidar di me,quel giorno io ti tradirò. Quel giorno io non resterò con te. Io tornerò nella tua casuccia piovosa e puzzolente a pregare per te davanti al mio Signore crocifisso. Quando tu non avrai più fame e sete,ricordatene Pipetta,io ti tradirò". [...]


    Nazareno Fabbretti
    DON MAZZOLARI DON MILANI.
    I "disobbedienti".
    Bompiani. 1972.


    C'è altro o posso smettere di saccheggiare lo scaffale dei libri?
    Meno faccine sul web e più libri tra le mani,signori belli...
    Pure il fervente cattolico mi tocca fare..


    Se vedòm!
    Se vedòm!

  4. #4
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Gatto rognoso


    C'è altro o posso smettere di saccheggiare lo scaffale dei libri?
    Meno faccine sul web e più libri tra le mani,signori belli...
    Pure il fervente cattolico mi tocca fare.. :rolleyes!
    fai benissimo a saccheggiare librerie e a citare gli scritti dei morti ..
    ... perche' se fossero ancora vivi procederebbero a smentirsi laddove le loro parole potrebbero essere utili a noi ... Ti ho gia' citato il nobel-giullare ma potrei citarti anche montanelli che se fosse morto 10 anni fa potresti usare tutta la sua intera opera contro i vizi e lo statalismo italico ...
    .... purtroppo pero' e ' sopravvissuto a se stesso abbastanza per rinnegarsi completamente ...

    succede sempre cosi' a tutte le persone che vogliono rimanere in cima la dove sono arrivati ...dal momento che il successo si ha sempre DENTRO il sistema ... anche quando si critica ..

    .... altrimenti non ti fanno nemmeno partecipare

  5. #5
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    “fai benissimo a saccheggiare librerie e a citare gli scritti dei morti .. ... perche' se fossero ancora vivi procederebbero a smentirsi laddove le loro parole potrebbero essere utili a noi ... Ti ho gia' citato il nobel-giullare ma potrei citarti anche montanelli che se fosse morto 10 anni fa potresti usare tutta la sua intera opera contro i vizi e lo statalismo italico ... .... purtroppo pero' e ' sopravvissuto a se stesso abbastanza per
    rinnegarsi completamente ...”


    "Solo gli imbecilli non cambiano mai idea",disse il tale (Sir Winston ?).
    Lo facessero a ragion veduta,aggiungo io,sarebbe decisamente meglio.
    Il problema è che io ho aperto un thread in cui parlo esclusivamente di Don Milani.
    Non faccio riferimenti a Fo & company dei quali,detto per inciso,non me ne potrebbe fregare di meno neanche se,morti o vivi che siano,si mettessero in camicia verde già da domani mattina..
    Di rinnegati e rinnegandi padani ce n’è abbastanza in lega senza che maturi il bisogno di andarsene a cercarli altrove..
    Verrebbe comunque da augurarsi che tu viva a lungo; quantomeno nella speranza di vedere nel pratico,su te stesso,la realizzazione della tua bislacca teoria..
    E’ del tutto normale prendere degli “sfondoni”; li prende chiunque,io per primo. Quello che hai preso tu,tra l’altro,è abbastanza comune; non si capisce questo tuo accanimento a voler forzare i fatti (e i documenti) storici perché si conformino alla tua visione della realtà…O forse si capisce benissimo se si prende in considerazione il fatto che tu sei un “fratello (leghista) d’italia”…
    A me interessava far notare che,al di là delle rivendicazioni indipendentistiche,una interpretazione decente dello svolgimento dei fatti storici,dal risorgimento in poi,non è preclusa a nessuno,padano o italiano che sia,a patto che si levi le fette di salame dagli occhi. Cosa che ha fatto Don Milani con i suoi alunni e che si son è ben guardati di fare la magistratura e i cappellani militari.
    Mi interessava far notare che non serve necessariamente essere padani per gridare “il Re è nudo” e per buttare alla ortiche un concetto di patria nato morto ancor prima del 1860..
    Questo,indipendentemente da quale possa essere stato il grado di patriottismo nazionale del redattore delle sopracitate lettere.
    Il fatto che,dopo tutto questo, tu ti sia limitato a rispondere che Don Milani era di sinistra si commenta da sé.. Un modo di procedere mentalmente molto simile a quello dei frequentatori del forum anti secessione; penso che ti troveresti bene,da loro…




    “succede sempre cosi' a tutte le persone che vogliono rimanere in cima la dove sono arrivati ...dal momento che il successo si ha sempre DENTRO il sistema ... anche quando si critica ... altrimenti non ti fanno nemmeno partecipare”


    1943-47: Entra in seminario a Firenze. Ordinato sacerdote e destinato a San Donato di Calenzano fonda la prima scuola popolare per giovani operai e contadini. Il suo zelo squalifica il disimpegno e la rassegnata stanchezza degli altri sacerdoti; in curia,a Firenze,arrivano le prime lamentele della “gente bene”..
    Troppo coerente; troppo intransigente.. nel ’54 lo si “sotterra” a Barbiana convinti che lì non potrà più far danno. Vengono smentiti poco dopo: esce “Esperienze pastorali” e il Sant’Uffizio si incazza; e di brutto.
    Alla via così,per tutto il resto.
    7 anni di cancro lo portano a crepare,nel ’67 in casa della madre. Non smette mai,fino alla fine,di credere in ciò che ha costruito.
    Non smetteranno mai,fino alla fine,di fargliela pagare.
    Dopo morto,in appello verrà giudicato colpevole riguardo alla “Lettera ai cappellani”.


    E tu vorresti inserirlo nella tua teoria di “ ..rimanere in cima la dove sono arrivati ...dal momento che il successo si ha sempre DENTRO il sistema ... anche quando si critica..”?
    Bravo!
    Contento tu…



    Se vedòm!
    Se vedòm!

  6. #6
    Ospite

    Predefinito

    Tempo perso Gatt..
    questo forum si sta itaglianizando in curva iperbolica.....

    P.S. ci sei a como?

  7. #7
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Fra Dolcino
    Tempo perso Gatt..
    questo forum si sta itaglianizando in curva iperbolica.....

    P.S. ci sei a como?

    E già il fatto che sia iperbolica la dice lunga su dove sia andata a finire la coerenza che,per come me la immagino io,si dovrebbe rappresentare con una linea retta.
    Anche se non me la sento di colpevolizzare il forum in quanto tale.


    Riguardo a Como ho resistito il più possibile. 31 anni,per la precisione..
    Alla fine,circa tre settimane fa,il parassita teronico delle mie appendici più meridionali ha deciso di uscirsene a prendere una boccata d'aria.
    Non potendo prorogare oltre,coadiuvato dal parere di professionisti in materia,ho preso la decisione di secedere.
    Il fatto,avvenuto lunedì scorso,ha reso vano il detto "andarci su una gamba sola" dato che ottemperare al detto proverbio in maniera letterale mi è impossibile.
    Naturalmente ho anche preso in considerazione l'idea di farmi trasportare; magari dal fido Asburgico dietro ricatto sbrano-bandieratorio.. Purtroppo,anche in questo caso,il tipo che mi ha operato non è stato del tutto entusiasta della mia proposta.
    Per dirla tutta,si è incazzato perchè ho dimostrato di non apprezzare i suoi sforzi e ha detto che,se non tengo il piede a riposo,mi vende a tranci al mercato degli organi..
    Perciò,sotto antibiotici da una settimana,non mi resta che sperare in una bella esondazione con conseguente differimento dell'incontro a data da destinarsi..
    Cmq Martedì mi ricontrollano e glie la butto lì. Al limite,se si incazza di nuovo,le cornee lasciatele sul bancone che vi fregano.


    Se vedòm!
    Se vedòm!

  8. #8
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE]Originally posted by Gatto rognoso
    [B

    Il problema è che io ho aperto un thread in cui parlo esclusivamente di Don Milani.
    Non faccio riferimenti a Fo & company dei quali,detto per inciso,non me ne potrebbe fregare di meno neanche se,morti o vivi che siano,si mettessero in camicia verde già da domani mattina..
    Di rinnegati e rinnegandi padani ce n’è abbastanza in lega senza che maturi il bisogno di andarsene a cercarli altrove..
    Verrebbe comunque da augurarsi che tu viva a lungo; quantomeno nella speranza di vedere nel pratico,su te stesso,la realizzazione della tua bislacca teoria..
    E’ del tutto normale prendere degli “sfondoni”; li prende chiunque,io per primo. Quello che hai preso tu,tra l’altro,è abbastanza comune; non si capisce questo tuo accanimento a voler forzare i fatti (e i documenti) storici perché si conformino alla tua visione della realtà…O forse si capisce benissimo se si prende in considerazione il fatto che tu sei un “fratello (leghista) d’italia”…
    A me interessava far notare che,al di là delle rivendicazioni indipendentistiche,una interpretazione decente dello svolgimento dei fatti storici,dal risorgimento in poi,non è preclusa a nessuno,padano o italiano che sia,a patto che si levi le fette di salame dagli occhi. Cosa che ha fatto Don Milani con i suoi alunni e che si son è ben guardati di fare la magistratura e i cappellani militari.
    Mi interessava far notare che non serve necessariamente essere padani per gridare “il Re è nudo” e per buttare alla ortiche un concetto di patria nato morto ancor prima del 1860..[/B]

    IO invece ho espresso solo il ' ragionevole dubbio ' che , se fosse vissuto, anche Don Milani avrebbe avuto occasione di ' ritrattare' ... visti numerosi precedenti .. Ovviamente poteva anche essere di no e tu hai piena liberta' di crederci come io di dubitarlo .

    Questo,indipendentemente da quale possa essere stato il grado di patriottismo nazionale del redattore delle sopracitate lettere.
    Il fatto che,dopo tutto questo, tu ti sia limitato a rispondere che Don Milani era di sinistra si commenta da sé.. Un modo di procedere mentalmente molto simile a quello dei frequentatori del forum anti secessione; penso che ti troveresti bene,da loro…



    non so cosa era REALMENTE don milani , ma non temere lo conosco abbastanza per essermi entusiasmato di lui tanto tempo fa .. Quello che e' certo e' che fu soprattutto da morto un santino della sinistra e avrei voluto vederlo vivo a lungo per vedere come se la sarebbe cavata davanti alla ' teologia della liberazione' e il compromesso storico che ' faceva il tevere piu' stretto ' ..






    E tu vorresti inserirlo nella tua teoria di “ ..rimanere in cima la dove sono arrivati ...dal momento che il successo si ha sempre DENTRO il sistema ... anche quando si critica..”?
    Bravo!
    Contento tu…


    Io rimango del mio ' ragionevole dubbio' comunque la cartina tornasole l' avremo presto .. a questo ritmo di santificazione SE don milani era dei LORO lo faranno santo presto ..

    nel frattempo ripeto fai benissimo a citarlo ... ' scripta manent' ...

 

 

Discussioni Simili

  1. Disobbedisco
    Di Il viaggiatore notturno nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-05-10, 22:16
  2. BMPT presenta: "DISOBBEDISCO" con DDT in concerto!
    Di bzzt! nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 13-08-08, 16:12
  3. Ianva - Disobbedisco!
    Di bzzt! nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 17-05-07, 20:47
  4. Disobbedisco ai disobbedienti
    Di Catilina nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-09-02, 20:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226