Il Friūl di vuź
Il Friūl 'e je une regjon d'Italie che si cjate in tune posizion geografiche strategjche e impuartante: a cunfine a Nord cu l'Austrie, a Soreli jevāt cu la Slovenie (ex Jugoslavie), a Sud cul mār Adriatic e a Soreli a mont cu la regjon taliane dal Venit. Ven a stāj che si cjate a sei di "divisori" jenfri lis trź grandis culturis europeanis: chź Slave, chź Todescje e chź Latine. Il Friūl al cjape dentri tal so teritori lis provincis di Udin, Gurizze e Pordenon. I abitanz di chest blic di tiare, ch'a słparin di pōc il milion, a' fevčlin une lenghe particolār: il Furlan-Ladģn. Chest mūt di fevelā, oltri che in Friūl, al ven doprāt ancje in ātris bandis: in cualchi valade de province tirolese di Bolzan e tal Cjanton dai Grisons, in Svuissare. I prins documenz ch'a sigłrin la prisince di cheste lenghe te storie, a' son tōr il 1.200. L'origjne dal non "Friūl" si ąle dal latin "Forum Julii".

Il Friuli d'oggi
Il Friuli č una regione d'Italia che si trova in una posizione geografica strategica e importante: confina a Nord con l'Austria, a Est con la Slovenia (ex Jugoslavia), a Sud con il mare Adriatico e a Ovest con la regione italiana del Veneto. Si trova a far da "divisorio" fra le tre grandi culture europee: quella Slava, quella la Tedesca e quella Latina. Il Friuli comprende nel suo territorio le province di Udine, Gorizia e Pordenone.Gli abitanti di questo piccolo lembo di terra, che superano di poco il milione, parlano una lingua particolare: il Friulano-Ladino. Questo modo di parlare, oltre che in Friuli, viene usato anche in altre localitą: in qualche vallata della provincia tirolese di Bolzano e nel Cantone dei Grigioni in Svizzera. I primi documenti che testimoniano la presenza di questa lingua nella storia, risalgono al 1.200. L'origine del nome "Friuli" deriva dal latino "Forum Julii".

Curiositāz storichis dal Friūl
Aquilee, une pizzule vile de basse furlane 'e je stade par ains la scune de storie di chiste tiare. Fondade dai romans tal 181 prime di Crist, 'e ą vūt il so moment plui sflandorōs sul imprin dal milenari, superant i 200.000 abitanz e deventant la seconde citāt dal imperi. Vuź, Aquilee 'e puarte ancjmņ i segnāi de storie, ma 'e je ridusude a un paisut ch'al conte si e no 3.500 animis. Dopo il 500 a' son rivāz i Longobarz ch'e ąn implantāt il prin "ducāt" dal Friūl e metūt a capitāl la citadine di Cividāt, che une volte si clamave "Forum Julii". Tōr il 1.000 'e ą tornāt a cjapā pīt Aquilee, deventant sede dal Patrarcjāt, cun grant podź civīl e gleseastic. Dopo il 1.400 'e ą metūt il nās Vignesie, saneose di paronā in tiare ferme, viodūt che lis robis no j ląvin tan ben pal mār. E cussģ, par plui di 300 ains, al ą vude une grande influence il domini vinizian su chiste tiare, tant di lassā un segnāl che ancje oreprisint al ą il so efiet. Podopo al č rivāt Napoleon ch'al ą cedūt il Friūl a l'Austrie. Tal 1866, metude adun l'Italie, grant part di chiste tiare 'e je passde sot il ream talian. La vuere dal '15 -'18 'e ą stabilīt i cunfins di vuź.

Curiositą storiche del Friuli
Aquileia, una piccola localitą della bassa friulana, č stata per anni la culla della storia di questa terra. Fondata dai romani nel 181 prima di Cristo, ha avuto il suo momento di splendore all'inizio del primo millennio, superando i 200.000 abitanti e diventando la seconda cittą dell'impero. Oggi Aquileia porta ancora i segni della storia, ma č ridotta a un paesino che conta si e no 3.500 abitanti. Dopo il 500 sono arrivati i Longobardi che hanno istituito il primo "ducato" del Friuli e messo a capitale la cittadina di Cividale, che una volta si chiamava "Forum Julii". Verso il 1.000 ha ripreso potere Aquileia, diventando sede del Patriarcato, con grande autoritą civile ed ecclesiastica. Dopo il 1.400 ha messo lo zampino Venezia, bramosa di padroneggiare in terra ferma, visto le cose non gli andavano bene per mare. E cosģ, per oltre 300 anni, ha avuto grande influenza il dominio veneto su questa terra, tanto di lasciare un segno che a tutt'oggi porta ancora i suoi effetti. Poi č arrivato Napoleone che ha ceduto il Friuli all'Austria. Nel 1866, fatta l'unione d'Italia, gran parte di questo territorio č passato sotto il regno italico. La guerra del '15 - '18 ha stabilito gli attuali confini.

Personaz dal Friūl
Ancje se pizzule, chiste tiare 'e ą dāt i nadāi a personagjos ch'e ąn lassāt un segnāl te storie, come il re longobart Grimoaldo; Paolo Diacono, leterāt e poete longobart; San Paulin, patriarcje di Aquilee e grant leterāt; Berengari, prin re d'Italie e imperadōr. E dopo Fior Furlano, considerāt il pari de scherme moderne; i fradis Afro, Mirko e Dino Basaldella, scultōrs, pitōrs, incisōrs di nomenance mondiāl; Lino Zanussi, grant industriāl pordenonźs; Arturo Malignani, autor dal brevet par creā il vučit tes lampadinis, che dopo al ą vendūt a Edison; Bonaldo Stringher, economist e guviarnadōr de Bancje d'Italie; Raimondo D'Aronco, architet imperiāl. E tanc' ātris. Ancje vuź, il Friūl, al pņ contā su une schģrie di personagjos ch'a tčgnin alt il so non: Carlo Sgorlon, scritōr, vincitōr dal premi "Campiello" e "Strega"; Enzo Bearzot e Dino Zof, campions dal mont di balon in Spagne, tal '82; Manuela Di Centa, campionesse mondial di sģi si font; Paul Girolami, president de "Glaxo", industrie farmaceutiche mondiāl; Giandomenico Picco, diplomatic, vice segretari gjenerāl des Nazions Unidis a New York.
Personaggi del Friuli
Anche se piccola, questa terra ha dati i natali a personaggi importanti, che hanno lasciato un segno nella storia, come il re longobardo Grimoaldo; Paolo Diacono, letterato e poeta longobardo; San Paolino, patriarca di Aquileia e grande letterato; Berengario, primo re d'Italia e imperatore. E poi Fior Furlano, considerato il padre della scherma moderna; i fratelli Afro, Mirko e Dino Basaldella, scultori, pittori, incisori di fama nazionale; Lino Zanussi, grande industriale pordenonese; Arturo Malignani, autore del brevetto per creare il vuoto nelle lampadine, che poi ha venduto a Edison; Bonaldo Stringher, economista e governatore della Banca d'Italia; Raimondo D'Aronco, architetto imperiale, e tanti altri. Anche oggi il Friuli puņ contare su una lista di personaggi che danno lustro al suo nome: Carlo Sgorlon, scrittore, vincitore del premio "Campiello" e "Strega"; Enzo Bearzot e Dino Zof , campioni del mondo di calcio in Spagna, nel 1982; Manuela Di Centa, campionessa mondiale di sci di fondo; Paul Girolami, presidente della "Glaxo", industria farmaceutica mondiale; Giandomenico Picco, diplomatico, vice segretario generale delle Nazioni Unite a New York.

Tradizions in Friūl
Il Friūl 'e je une tiare unevore siore di tradizions e di folclōr. A' son vivis ancjmņ vecjs usancis di 2 - 3.000 ains a chiste bande. Al baste ricuardā il "pignarūl", tradizion celtiche, une sorte di foghere che il dģ de Pifanie 'e ven piade in dute la basse furlane e te zone culinār. In Cjargne, la part montane dal Friūl, il mźs di avost si trąins jł pes montagnis "las cidulas", rodelis di len infogadis. Si rivģvin momenz storics cul ricuardā la "messe dal spadon" a Cividāt; la "messe dal tąlar" a Glemone; lis vecjs processions sul mār a Maran e a Barbane. In realtāt si po dī che in Friūl ogni paīs al ą une sō tradizion particolār, uniche, che ven mantignude gjelosamentri, ancje se il progres e la television a' puąrtin la int a distacāsi, plui che a tirāsi dongje a chistis vecjs usancis.
Tradizioni in Friuli
Il Friuli č una terra ricca di tradizioni e di folklore. Sono ancora vive vecchie usanze che risalgono a 2 - 3.000 anni. Basta ricordare il "Pignarūl", tradizione celtica, una sorta di falņ che il giorno dell'Epifania viene acceso in tutta la bassa friulana e nella zona collinare. In Carnia, la parte montana del Friuli, il mese di agosto si lanciano dalle montagne "las cidulas", rotelle di legno infuocate. Si rivivono momenti storici con il ricordare la "messa dello spadone" a Cividale; la "messa del tallero" a Gemona; le antiche processioni sul mare di Marano e di Barbana. In realtą si puņ dire che in Friuli ogni paese ha una sua tradizione particolare, che conserva gelosamente, anche se il progresso e la televisione portano la gente a distaccarsi, pił che ad avvicinarsi a queste vecchie usanze.