User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Repubblicani in UMBRIA

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Repubblicani in UMBRIA

    tratto da LA NAZIONE 2 gennaio 2003
    ------------------------------------------------------------

    -----------------------------------------------------------------------------
    Forza Italia incontra il Pri

    FOLIGNO — Iniziano le grandi manovre in vista della campagna elettorale per le elezioni comunali del 2004.
    Nei giorni scorsi si è tenuto un incontro tra i direttivi di Forza Italia e del Partito Repubblicano Italiano, dove sono state gettate le basi per una collaborazione tra i due partiti.
    I coordinatori Massimo Maggiolini ed Omar Proietti si sono dichiarati estremamenti soddisfatti del vertice e delle idee messe in campo.
    ------------------------------------------------------------------------------
    NUVOLAROSSA website

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Riceviamo dalla sezione P.R.I. "Massimo
    Arcamone" di FOLIGNO (Perugia)


    MAGGIORANZA DIVISA

    Ci fa piacere che il Consiglio Comunale abbia finalmente assunto una posizione chiara in relazione alla ss77 e ci fa ancora più piacere che il grosso della maggioranza che amministra questa città, abbia alla fine convenuto sulla utilità della stessa ai fini di ridurre l’isolamento viario del nostro territorio, di incrementarne le potenzialità economiche e turistiche, rendendo peraltro più consistente il rapporto tra la nostra regione e le Marche.

    Diamo atto volentieri all’assessore Stella di essersi mosso in questa ultima circostanza, con coerenza e sollecitudine.

    Lo ha fatto accelerando un po’ troppo i tempi non dando quindi eccessivo spazio all’ennesimo confronto partecipativo con questo o quel soggetto? Pazienza.

    A parte che di spazi e di momenti partecipativi sulla 77 ce ne sono stati anche troppi visto che non è certo il tempo che è mancato e visto anche che alcuni sono stati promossi tramite iniziative pubbliche, dalle forze politiche dell’attuale opposizione senza per inciso, che fossero presenti coloro che oggi si stracciano le vesti sull’importanza della “partecipazione”.

    Di percorsi cosiddetti partecipativi costellati di veti, sono già morte svariate opere pubbliche in questo Paese dove la politica ha perso e da tempo,la capacità di decidere e quindi non ci scandalizziamo di certo se per una volta, chi ha il dovere in virtù del mandato popolare di prendere delle decisioni,le porti poi avanti senza indugi.

    A noi interessa la sostanza e cioè che l’iter per la realizzazione della 77 viaggi il più speditamente possibile visto e considerato che di tempo se ne è perso sin troppo, diciamo pure svariati anni se non qualche decennio.

    Il punto politico quello vero che emerge dalla vicenda però, è che ancora una volta su un punto qualificante di primaria importanza dell’agenda di governo,la coalizione che amministra questa città si sia spaccata e non già per il voto contrario di un consigliere del PD peraltro motivato con argomentazioni francamente stucchevoli per non dire altro,ma per la contrarietà espressa da Rifondazione Comunista.

    Ora, intendiamoci bene.

    Non ci sorprende la posizione di questo partito da sempre contrario per ragioni ideologiche (checche ne dicano loro), ad ogni intervento volto a modernizzare le infrastrutture e quindi il volto di questo Paese,ma il perpetuarsi di una anomalia politica quale quella che vede i comunisti spesso in dissenso con il Sindaco e la giunta. Ci si potrebbe domandare naturalmente,perché mai Rifondazione visto e considerato che sulle questioni più importanti spesso dissente con gli alleati,non ne tragga le dovute conseguenze.

    Evidentemente, la coerenza politica per quelli di Rifondazione è un accessorio di secondaria importanza.

    Quello che ci chiediamo però è - alla luce di quello che è accaduto in Consiglio - , che cosa aspetti il Sindaco o chi per lui, ad aprire una seria verifica politica all’interno della maggioranza. E’ una domanda retorica la nostra? Può darsi anzi,conoscendo gli interlocutori ai quali ci rivolgiamo è quasi certo però, se sull’argomento più importante oggi sul tappeto la maggioranza si divide, con quale credibilità l’attuale amministrazione può continuare a governare?

    L’opposizione dal canto suo attraverso i propri gruppi consiliari, ha dato prova di responsabilità e compattezza esprimendo il proprio parere favorevole in conformità a quella che è stata una battaglia portata avanti per anni per la 77 a quattro corsie,battaglia portata avanti contro una certa sinistra e contro anche quella parte della sinistra oggi convertita sulla via di Damasco,che sulla 77 è per anni stata inerte quando non diffidente e ci riferiamo anche ad alcuni di coloro che l’altro giorno in consiglio comunale, hanno alzato la manina per dire di sì.

    Va da se infine, che una fondamentale coesione e coerenza programmatica è quanto si pretende da una coalizione che voglia presentarsi quale alternativa credibile a questa maggioranza ed è una condizione fondamentale affinché i repubblicani possano farne parte.

    Non c’è dubbio che per quanto ci riguarda, l’atteggiamento nei confronti di un punto essenziale e qualificante quale quello della realizzazione della 77, costituisce un discrimine non eludibile.

    Lo diciamo a scanso di equivoci, sia alla luce della posizione assunta dal rappresentante dei Verdi in consiglio comunale, sia alla luce di qualche tentativo di cui siamo venuti a conoscenza , volto a costruire un generico ed indistinto raggruppamento di tutti i soggetti e di tutte le forze politiche collocate oggi all’opposizione.

    OMAR PROIETTI Segretario PRI Foligno

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Le sedi del PRI in Umbria

    Bastia Umbra PG
    Foligno PG
    Terni TR


  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Riceviamo da Omar Proietti

    FOLIGNO - (Perugia) - I repubblicani, capiscono e comprendono la decisione assunta dai commercianti dell’associazione “Innamorati del centro”, di creare un servizio di vigilanza privata con lo scopo di favorire un contesto di sicurezza e di tranquillità nel centro storico per lo meno nelle ore più a rischio.

    E’ di certo una iniziativa “anomala”se vogliamo e che in un contesto normale non sarebbe stata necessaria, ma è una risposta eloquente nel segnalare lo stato di insicurezza e di disagio che oramai da anni, percepiscono coloro che vivono ed operano nel nostro centro storico.

    Ciò, è dovuto da un lato agli episodi di criminalità che micro o meno che sia, si verificano con una frequenza via via sempre più crescente, dall’altro, all’assoluta latitanza ed inettitudine dell’amministrazione comunale -che peraltro in materia sconta al suo interno differenze di fondo-, sul fronte della sicurezza e della tranquilla convivenza cittadina.

    Il tema però, va al di là degli aspetti prettamente legati alla sicurezza come ci sembra abbia colto uno dei commercianti interpellati il Sig.Massimiliano Tiburzi, che richiama il degrado nel quale vive da tempo il centro storico quale effettiva causa di tanta insicurezza additando a mò di esempio, la cattiva gestione nell’assegnazione delle unità abitative. Ma di esempi aggiungiamo noi, se ne potrebbero fare altri; dalla scarsa igiene alla carente illuminazione, alla presenza in particolar modo in alcune ore, di extracomunitari clandestini dediti a delinquere.

    Il tutto,nella più plateale assenza (tranne qualche sporadico caso) di interventi volti a riqualificare e valorizzare il centro storico rendendolo nuovamente fruibile ai cittadini di Foligno che ora al contrario, tendono a rimanerne alla larga ed è anche difficile dargli torto.

    Anzi,va pure aggiunto che quelle iniziative che sono state prese nel tentativo di renderlo nuovamente “vivo”, sono state portate avanti molto spesso dagli stessi commercianti, quelli ai quali il Sindaco Marini risponde ora con argomenti e toni che definire stucchevoli è dire poco.

    Ma Marini e la maggioranza d’altra parte, di argomenti concreti non ne hanno essendo stata assolutamente fallimentare -come anche questa vicenda dimostra-, tutta la politica inerente il centro storico seguita da questa amministrazione ammesso e non concesso che ne abbia mai davvero avuta una.

    Marini, si è distinto soltanto nel vendere fumo sul centro storico magnificando interventi che non ci sono mai stati e promettendo interventi rimasti sempre sulla carta. Che ne è dei risultati del famoso “forum sul centro storico”sig.Sindaco.? Noi lo dicemmo subito che si trattava di una vetrina propagandistica, in realtà fummo anche troppo ottimisti perché quel forum non le è servito nemmeno a quello. Ora il Sindaco, scopre l’utilità di un efficace servizio di video-sorveglianza dopo che per anni forze politiche di minoranza, commercianti e associazioni lo hanno inutilmente sollecitato. E come li convince i suoi colleghi di giunta quelli di Rifondazione e della sinistra estrema?

    Quanto al vice-Sindaco Mismetti, le sue ironie da quattro soldi sulla pelle dei commercianti che hanno il legittimo desiderio di veder tutelati i propri beni e cioè i frutti del proprio lavoro, si commentano da sole. Si può anche valutare criticamente questa iniziativa assunta dai commercianti,ma il senso di insicurezza che esprimono e al quale questa amministrazione comunale

    -della quale Mismetti è tanta parte- non ha mai saputo dare risposte non a chiacchiere ma nei fatti, merita maggior rispetto.

    Omar Proietti
    - Segretario P.R.I. Foligno

  5. #5
    Super Troll
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    918 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito

    Lo dico senza nessun intento provocatorio: non mi ero mai accorto che qui in Umbria esistessero i repubblicani.
    Ma si sono mai presentati in qualche elezione comunale (provinciale e regionale sicuramente no)?

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da c@scista Visualizza Messaggio
    ... non mi ero mai accorto che qui in Umbria esistessero i repubblicani ...
    Cogli una nostra posizione di debolezza ... purtroppo siamo pochi ... e' risaputo d'altronde che siamo "quattro gatti" ... ma quando ci si mette a smiagolare .... !!
    Pero' ci consola il fatto che il Pri (pochi ma buoni) c'e dal 1895 ... da 113 anni ... e nel frattempo, partiti storici grandi e grossi, ... sono spariti dalla circolazione.
    In politica ... contano molto di piu' le idee che non i grandi numeri ...

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Rifiuti: Un consiglio dei Ministri non risolve il problema

    Quando si parla degli Italiani si dice che siamo un popolo di Santi, Poeti e Navigatori ma quel che non si dice o meglio viene solo mormorato è che siamo anche un popolo di sozzoni, vorrei aggiungere, non certo per vocazione ma per necessità. E’ ciò che si potrebbe pensare della Campania e Napoli in particolare, un popolo, una lingua, una cultura che sta facendo dell’ immondizia una virtù, visto che a distanza di settimane preferisce vivere con i propri rifiuti sotto casa anziché portarli a discarica e trattarli adeguatamente.
    Si dice che la camorra vi giochi un affare di miliardi, ma si dice anche che il nord industrializzato abbia individuato nel sud la pattumiera d’Italia riversandovi quanto di scomodo non si voglia avere in casa.
    Mi chiedo se l’atteggiamento dei partenopei sia propenso più a risolvere questo problema che a farne un simbolo così come lo è divenuta la pizza.
    Ad un Consiglio dei Ministri “ propositivo “ svoltosi pittorescamente a Napoli con l’intento di risolvere il problema rifiuti,i Napoletani hanno risposto con barricate, riuscendo ad individuare in ogni sito proposto aspetti paesaggistici, ambientali, agricoli e quant’ altro la mente riusciva a partorire.
    Salvo verifica, il Cnr ci viene in soccorso con un nuovo sistema di raffinazione dei rifiuti solidi urbani trasformandoli in una risorsa rispettosa dell’ambiente così da soddisfare capre e cavoli come si è soliti dire, si potrebbe dire di aver trovato la panacea di tutti i mali del mondo.
    L’impianto chiamato in gergo tecnico Thor attraverso un mulino di nuova generazione riduce i rifiuti in microscopici pezzi della dimensione di micron producendo un prodotto purificato delle parti più dannose e fornendo materiale atto ad essere combusto con un potere energetico paragonabile ad un carbone di ottima qualità.
    E’ una valorizzazione dei rifiuti che ritorna in circolo con vantaggi economici per l’elevato utilizzo che se ne può fare dal combustibile per motori a funzionanti a biodisel alle caldaie a vapore ai sistemi centralizzati di riscaldamento.
    Non parliamo di futuro o futuribile parliamo di impianti già funzionanti, uno dei quali in Sicilia riesce a smaltire fino ad otto tonnellate ora senza la creazione di aree di stoccaggio.
    Conclusione: facciamo che vedi Napoli e puoi muori rimanga solamente un modo di dire.

    Gargagli Gianfranco - Partito Repubblicano Italiano - Terni

    tratto da http://www.nuvolarossa.org/modules/n...p?storyid=5039

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Proposta Scaiola: Cosa pensa il P.R.I. di Terni

    La crisi che l’aumento del prezzo al barile del petrolio sta inducendo nell’economia dei paesi da esso dipendenti, ha determinato la necessità di dover svincolare la produzione energetica italiana da questa fonte ormai troppo onerosa veicolandola verso fonti alternative come quella del nucleare.
    In Italia con il massimo della disinformazione, facendo leva sull’emotività della gente ci si è avviati verso un referendum che nel 1987 sancì la chiusura delle quattro centrali nucleari esistenti nel nostro paese quali quella di Trino Vercellese, Caorso, Garigliano, Latina definendo in questo modo esaurita l’esperienza del nucleare quale fonte per la produzione di energia elettrica e rendendo il nostro paese dipendente da altre nazioni e per nulla al riparo dai pericoli di eventuali incidenti nucleari così come avvenuto in Slovenia nell’impianto di Krsko o ancora nella lontana Cernobyl.
    Il danno provocato da quel referendum non fu solo l’imbrigliamento della nostra produzione energetica ma fu causa anche della perdita di quei brevetti che aziende siderurgiche italiane produttrici di caldareria pesante avevano lungamente maturato nella realizzazione dei reattori per centrali nucleari.

    Abbiamo accumulato un drammatico ritardo di 20 anni sul nucleare, afferma Nucara, Segretario Nazionale del P.R.I. e ad esso aggiungerei l’impoverimento non solo economico ma anche scientifico dell’Italia.

    I punti su cui dovremmo impegnarci oggi a sostegno della rivoluzione energetica lanciata da Scaiola dovrebbero essere essenzialmente rivolti alla realizzazione di una efficienza energetica che faccia uscire l’Italia dalla dipendenza europea senza con ciò perdere di vista ricerca e sviluppo così da avviarsi verso la realizzazione di reattori di terza generazione.
    Dobbiamo dare sicurezza ai cittadini non solo sulle centrali nucleari, ma anche su ciò che esse di cattivo producono e cioè i rifiuti radioattivi la cui provenienza oltre che dalle centrali può derivare anche da esperimenti di laboratorio. Chi vive d’informazione e non ha conoscenze tecniche chiede che la scelta del nucleare vada subordinata all’individuazione di un sito o più siti di stoccaggio dove riporre questi rifiuti siano essi di seconda o terza generazione. E’ questo forse il problema più annoso che certamente ha condizionato lo sviluppo del nucleare in Italia e sul quale la politica ha giocato un ruolo determinante bloccandolo con le sue pastoie.

    Ne è una testimonianza lo scontro che si è sviluppato sul sito di Scansano Ionico dove si fronteggiano pareri quali quello del presidente della SOGIN e quello del presidente dell’ENEA.

    Tra il parere favorevole espresso dal presidente della SOGIN sull’unicità del sito di Scansano e le perplessità espresse dal Prof. Rubbia, presidente dell’ENEA crediamo che in mancanza di alternative energetiche che possano ridurre se non eliminare la dipendenza dal petroli, vada proseguita la ricerca di un sito geologico capace di ricevere queste scorie per favorire il ripristino dell’esistente e favorire la creazione di nuove centrali.

    L’invito che vorremmo lanciare è rivolto a proseguire in questo senso senza però perdere di vista ricerca e sviluppo delle energie rinnovabili.

    Gargagli Gianfranco

    Partito Repubblicano Italiano
    di Terni

    tratto da http://www.nuvolarossa.org/modules/n...p?storyid=5055

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Riceviamo da Omar Proietti

    Partito Repubblicano Italiano
    Sez. Massimo Arcamone - Foligno

    Leggiamo dal bollettino comunale “città di Foligno”, che per l’assessore Stella, ”la nuova 77 quattro corsie, è la realizzazione di un sogno”.

    Non intendiamo certo polemizzare con l’assessore Stella al quale, diamo atto volentieri di essersi sempre speso coerentemente nelle sue vesti amministratore in favore di questa nuova arteria, però ci permettiamo di dire a Stella, che il sogno di cui parla forse era il suo,non certo quello di buona parte dei suoi colleghi di maggioranza il cui sogno al contrario, è stato sempre quello di ostacolare e boicottare l’avvio di questa indispensabile infrastruttura.

    Tutt’ora, assistiamo ai tentativi operati da esponenti di Rifondazione e purtroppo anche del neonato PD, volti a mettere i bastoni tra le ruote del progetto.

    Buon per Stella e per il Sindaco Marini, che in città l’opposizione politica vuoi per timidezza,vuoi per un malinteso senso del fair-play, vuoi come noi temiamo per la debolezza che la pervade, rinunci a precisare alla cittadinanza come in realtà sono andate le cose sulla 77 e cioè, che per anni sono state solo alcune forze della minoranza a battersi per la 77 a quattro corsie nell’indifferenza quando non nella disapprovazione occulta e palese, delle varie amministrazioni di sinistra che hanno governato questa città.

    Precisiamo queste cose solo per amor della verità,senza minimamente disconoscere il fatto che,sia pur con anni di ritardo, i nostri amministratori sia quelli regionali che quelli locali,sembrano finalmente essersi accorti della assoluta indispensabilità anche in ordine alle ricadute economiche, di questa infrastruttura viaria.

    Il progetto è ora in fase di decollo anche per ciò che concerne il tratto umbro e non saranno di certo le resistenze di certa vecchia sinistra e quelle di vecchie cariatidi del sottobosco politico locale come il Sig.Rambotti, a poterlo fermare.

    P.R.I. Foligno
    [mid]http://spazioinwind.libero.it/umbriafolk/Montagnola.mp3[/mid]

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sito Web della Sezione del P.R.I. di BASTIA UMBRA (Perugia)

    http://pribastia.blogspot.com/


 

 

Discussioni Simili

  1. Repubblicani in UMBRIA
    Di nuvolarossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 30-12-08, 13:06
  2. Umbria E Marche
    Di amandaC nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 16-03-08, 16:42
  3. Assalto all'Umbria
    Di UMBRO nel forum Umbria
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 02-03-08, 23:09
  4. Fiamma Umbria: riunione regionale a Giano dell'Umbria
    Di Fiamma Perugia nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 28-01-08, 12:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226